Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Posts Tagged ‘rurali’

Un forum alle Nazioni Unite discute il ruolo delle donne rurali

Posted by fidest press agency su mercoledì, 7 marzo 2012

Ascoltare e sostenere le donne rurali è fondamentale per mettere fine alla povertà e alla fame e per conseguire la pace e lo sviluppo sostenibile.. Questo il messaggio di Michelle Bachelet, direttrice esecutiva di UN Women, che il 27 febbraio ha aperto l’annuale Commissione ONU sulla condizione femminile. Il tema principale della Commissione, i cui lavori proseguiranno fino a venerdì, è «la valorizzazione delle donne rurali e il loro ruolo nell’eliminazione della povertà e della fame, nello sviluppo e nelle attuali sfide». Per sostenere il tema, la Baha’i International Community ha pubblicato una dichiarazione e ospitato il 1° marzo un Forum interattivo, cosponsorizzato dalla World Farmers Organization (WFO), che ha dato alle donne rurali uno spazio per parlare dello loro esperienze. La traduzione italiana della la dichiarazione della Baha’i International Community è trascritt in calce. Il testo inglese si trova qui: http://news.bahai.org/sites/news.bahai.org/files/documentlibrary/896_CSW_English.pdf
La storia di una di esse, Cesarie Kantarama del Rwanda, è tipica delle sfide che molte di loro devono affrontare. Quando la signora ha incominciato aveva un piccolo campo e non aveva né capitali né aiuti. «Ma quando mi sono iscritta all’associazione delle donne contadine, ho incominciato a seguire corsi di formazione e ad acquisire conoscenze che hanno rafforzato la mia fiducia», la signora Kantarama ha detto alle persone convenute. «…Le cose incominciano realmente quando si è membri di un’organizzazione che ti dà la fiducia per cercare altre opportunità e sentirti produttiva».L’importanza della formazione è stata confermata da Alice Kachere dell’Associazione nazionale dei contadini proprietari di piccole terre del Malawi. «Puoi dare alle donne ottimi semi, ma se loro non sanno usarli, non se ne fanno nulla», ha detto.Robert Carlson, presidente del WFO, ha rafforzato il punto di Michelle Bachelet sull’importanza di un attento ascolto.«Non possiamo imporre le nostre convinzioni sui bisogni delle donne rurali», ha detto. «Ci deve essere un coinvolgimento locale che dica come venire incontro ai loro bisogni. È necessario che loro stesse stabiliscano che cosa vogliono ottenere».
Nella sua dichiarazione alla Commissione, la Baha’i International Community ha esaminato il collegamento fra la valorizzazione delle donne e la costruzione di un nuovo ordine sociale più giusto.
Fra le attività ospitate dalla BIC per la Commissione di quest’anno c’è stata una discussione sul tema «Donne rurali e investitori: elaborare azioni congiunte». L’evento ha esaminato la stereotipizzazione delle donne religiose. C’è stata anche una tavola rotonda intitolata «Le donne anziane: diritti, voci, azioni». Per leggere l’articolo in inglese online, vedere le foto e accedere ai, si vada a:
http://news.bahai.org/story/896

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’approccio territoriale nelle politiche rurali

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 ottobre 2010

Roma, 4 e 5 novembre Centro Congressi Frentani, via dei Frentani 4. Creare l’opportunità per il confronto internazionale e lo scambio di esperienze. Questo è l’obiettivo che si prefigge l’INEA attraverso la conferenza internazionale dedicata alla rilevanza assunta dal territorio nelle politiche rurali.  Il territorio inteso come luogo per far emergere con più specificità bisogni e aspirazioni e per ridefinire i rapporti fra urbano e rurale. Ma non solo, perché focalizzare le risorse pubbliche sul territori significa soprattutto migliorare l’efficacia delle politiche agricole. Questo insegnamento sembra emergere da molte esperienze in atto in diverse aree rurali, non solo in Europa. Riemerge fra gli obiettivi da mettere in evidenza il problema, ormai irrinunciabile della governance, soprattutto guardando ai nuovi modelli e processi istituzionali, di decentramento amministrativo e al ruolo ricoperto dalle Regioni e dagli attori locali per quanto concerne l’esperienza italiana. Ma anche per quanto riguarda l’esperienza europea e dell’America Latina, soprattutto quest’ultima al centro di imponenti trasformazioni.
La conferenza si svolgerà in due giornate, per sessioni plenarie e sarà preceduta, all’inizio, da una presentazione e introduzione del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. La conferenza è proposta dall’Osservatorio Politiche Strutturali dell’INEA in collaborazione con RIMISP – Centro latino americano para el desarollo Rural. Diversi e importanti attori istituzionali hanno già assicurato la loro presenza, tra questi le amministrazioni nazionali e regionali, gli addetti agricoli delle ambasciate, importanti organizzazioni internazionali quali FAO, UNPD e IFAD, nonché qualificati rappresentanti della commissione agricoltura della Camera.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: ristrutturazione casali rurali

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 agosto 2010

Roma. La Giunta Comunale, su proposta dell’assessore all’Ambiente Fabio De Lillo, ha approvato lo stanziamento di 251mila euro per interventi di ristrutturazione di casali rurali annessi alle aziende agricole.  Si partirà con la ristrutturazione del caseificio nella tenuta di Castel di Guido, punto vendita di prodotti biologici del Comune di Roma, riaperto lo scorso 12 luglio, dopo più di un anno.  «In questo modo – spiega l’assessore Fabio De Lillo – prodotti di altissima qualità (formaggi, miele, olio) arrivano direttamente ai cittadini. Il nostro obiettivo è quello di rilanciare un luogo di grande valore naturalistico, un polmone verde di oltre 2.000 ettari. La riapertura dell’azienda agricola e la ristrutturazione del caseificio sono le prime tappe di questo processo. Infatti stiamo sviluppando numerosi progetti: coinvolgere le scuole tramite fattorie educative, installare pannelli fotovoltaici all’interno dell’azienda, aumentare il numero di prodotti venduti partendo dall’olio prodotto dall’Agenzia Comunale per le Tossicodipendenze».  L’altro intervento di riqualificazione interesserà la tenuta del Cavaliere dove verrà ristrutturato il punto vendita per prodotti biologici e sarà realizzata una sala per le attività didattiche che riguarderanno i bambini.  «Si tratta – conclude De Lillo – di iniziative che vanno nell’ottica della riqualificazione ambientale. Un segnale di attenzione verso i casali rurali legati alle aziende agricole che per anni sono stati dimenticati, mentre lo stanziamento di questi fondi rappresenta un’importante inversione di tendenza. I lavori a Castel di Guido e nella tenuta del Cavaliere inizieranno in autunno, ma in cantiere ci sono progetti che riguardano altri casali perché intendiamo puntare forte sul rilancio e la valorizzazione dei prodotti agricoli dell’agro romano. Per questo stiamo lavorando anche sull’ipotesi di aprire un’enoteca Comunale»

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Port-au-Prince: Emergenza Acqua

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 gennaio 2010

Gli operatori di Oxfam sono impegnati nella distribuzione di acqua pulita a migliaia di persone a Port-au–Prince. In programma, oggi, due interventi: a partire dalle 12.00 locali, l’acqua è distribuita vicino a Petionville, in un’area adiacente a un centro medico provvisorio allestito all’aria aperta. Oxfam installerà serbatoi d’acqua di plastica flessibile, che possono contenere fino a 10mila litri d’acqua. Appositi camion riempiranno i serbatoi per fornire acqua pulita alla popolazione. Le piattaforme per i camion sono state costruite ieri e i rubinetti sono già installati. Nel pomeriggio, la distribuzione d’acqua avverrà in una delle periferie colpite più duramente dal sisma, Carrefour. Rimane viva la preoccupazione per chi vive nelle aree non ancora raggiunte dai soccorritori, in particolare quelle rurali.  Nel frattempo, in Repubblica dominicana continua la mobilitazione per far arrivare gli aiuti ad Haiti. “Le strade sono congestionate. L’afflusso di camion e scorte via terra è crescente, vista la capacità limitata dell’aeroporto di Port-au-Prince”, spiega da Santo Domingo Luca Lo Conte, responsabile Emergenza Haiti di Ucodep, parte della rete di Oxfam . “Il giorno successivo al terremoto era già possibile attraversare la frontiera, ma sussistono grandi difficoltà logistiche”. Una volta che gli aiuti giungono ad Haiti, è molto difficile distribuirli e immagazzinarli. Non c’è sicurezza, le strade sono interrotte, manca il carburante e le comunicazioni sono molto complicate. “Chi trasporta aiuti ad Haiti spesso deve portare con sé carburante, cibo e denaro a sufficienza per tornare in Repubblica dominicana”, continua Lo Conte. Ucodep segnala il caos crescente alla frontiera tra i due paesi e in particolare nella località di Jimaní, impreparata a gestire l’emergenza. Una chiesa di questa città ha messo a disposizione una sala per alloggiare gli haitiani colpiti dal sisma in modo più lieve e già dimessi dagli ospedali.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »