Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 349

Posts Tagged ‘russa’

Economia russa in ginocchio. La balla delle sanzioni che non funzionano

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 settembre 2022

Dall’inizio della guerra all’Ucraina, la Russia ha perso più di mille società globali che rappresentano circa il 40% del suo Prodotto interno lordo, cioè della ricchezza che è in grado di produrre in un anno. Queste imprese costituiscono il 12% della forza lavoro russa (5 milioni di persone). L’Associazione russa per le comunicazioni elettroniche, in una relazione alla Camera bassa del Parlamento russo, ha rilevato che, fino a maggio scorso, da 50mila a 70mila lavoratori tecnologici erano fuggiti dal Paese. Un massiccio esodo di cervelli, difficilmente rimpiazzabili. Dovrebbero bastare questi dati per confutare le tesi di noti cultori di geopolitica, di politici in cerca di voti e di giornalisti che hanno qualche difficoltà di comprensione dell’economia che sostengono l’inefficacia delle sanzioni alla Russia e ne chiedono la revisione. Circola perfino la notizia che la Russia è in una fase di prosperità. Ricordiamo, allora, ciò che ha detto la governatrice della Banca centrale russa, Elvira Nabiullina: “L’attività economica è in declino. La cessazione delle relazioni economiche a lungo termine avrà un impatto negativo”.Le sanzioni occidentali hanno inserito nella lista nera la maggior parte delle grandi banche russe e tagliato i legami della Russia con le reti logistiche internazionali. E’ bloccato il sistema per le transazioni internazionali bancarie Swift e congelati all’estero 300 miliardi di dollari della Banca centrale russa. L’apparato industriale è in forte sofferenza per il blocco delle importazioni, in particolare di tecnologia occidentale, indispensabile per il settore manifatturiero: dall’inizio dell’invasione le importazioni in Russia sono crollate del 50%.Le notizie, false, che provengono dal Cremlino sono dovute ad una accurata selezione degli indicatori economici favorevoli, omettendo quelli sfavorevoli. I dati favorevoli sono diffusi con grande risalto e trovano ampia eco sui media occidentali, inducendo la sensazione che è in atto una guerra di logoramento economico che sta mettendo a dura prova l’Occidente. Il governo russo ha progressivamente trattenuto un numero crescente di statistiche chiave che, prima della guerra, venivano aggiornate su base mensile, compresi tutti i dati del commercio estero. I fatti sono che la Russia sta perdendo i mercati principali come esportatrice di materie prime, tra i quali il gas, i cui afflussi all’Europa rappresentavano l’83% delle destinazioni mondiali. Per quanto veritieri, dati pubblicati dalla compagnia energetica statale russa Gazprom mostrano che la produzione è già diminuita di oltre il 35%. Non c’è dubbio che la Russia sta perdendo il suo status di superpotenza energetica, con un deterioramento irrevocabile del suo posizionamento economico-strategico come fornitore affidabile di materie prime. Inoltre, la Russia è sostanzialmente tagliata fuori dai mercati finanziari internazionali, il che limita la sua capacità di attingere ai bacini di capitali necessari per rivitalizzare la sua economia paralizzata (“Foreign Policy”).Per l’Occidente non è proprio il tempo di mollare. (Articolo pubblicato sul quotidiano LaRagione del 1 settembre 2022) Primo Mastrantoni, Aduc http://www.aduc.it

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Voli per Mosca. Si prenotano solo in ambasciata russa? Non proprio…

Posted by fidest press agency su domenica, 12 giugno 2022

E’ oggetto di grandi discussioni politiche il fatto che il trasporto aereo del sen. Matteo Salvini per Mosca sia stato prenotato presso l’ambasciata russa a Roma, che ha addotto a proposito motivazioni logistiche legate alle difficoltà di rapporti economici rubli/euro tra Italia e Russia. Un nostro conoscente, ha voluto vederci chiaro ed ha provato a prenotare, con carta di credito e pagamento in euro, un volo Roma/Mosca via Istambul con Turkish Airlines… prenotazione fattibile ed ha così commentato: “Il livello di sofisticazione delle menzogne russo-salviniane è decisamente scarso”.E’ evidente che i collegamenti aerei tra Italia e Russia non sono condizionati dalla situazione post-invasione putiniana dell’Ucraina e conseguenziali sanzioni Ue e non solo. Quindi – sen. Salvini o meno – ottenuto il visto, sembra che chiunque possa recarsi a Mosca. Anche senza – come ha fatto Eni – dover aprire conti bancari “di giro” per eludere i divieti Ue di pagare in rubli per le forniture energetiche russe. Anche il turismo è salvo? Certo, per chi può e chi vuole… De gustibus… Vincenzo Donvito Maxia http://www.aduc.it

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aggressione russa in Ucraina: solidarietà verso i rifugiati

Posted by fidest press agency su sabato, 12 marzo 2022

Bruxelles. In un dibattito in plenaria martedì con Brigitte Klinkert, Ministra francese delegata all’inclusione economica e in rappresentanza del Consiglio, e con la Commissaria per gli affari interni Ylva Johansson, i deputati hanno sottolineato la drammatica situazione umanitaria dei rifugiati causata dall’attacco russo all’Ucraina. Hanno elogiato i Paesi in prima linea per il loro straordinario impegno profuso finora, ma hanno affermato che è necessaria una solidarietà a lungo termine in tutta l’UE. I deputati hanno anche condannato all’unanimità l’aggressione della Russia contro l’Ucraina.La Commissaria Ylva Johansson ha sottolineato la straordinaria pressione che grava sui Paesi UE che condividono i confini con l’Ucraina: Polonia, Ungheria, Slovacchia e Romania, così come la Repubblica di Moldavia. L’UE ha risposto con l’attivazione all’unanimità da parte del Consiglio del meccanismo di protezione temporanea, nel fornire solidarietà in tutta l’UE e nel sostenere l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) e la Croce Rossa, che operano sul campo, e con l’attivazione di 500 milioni di euro in aiuti umanitari.I deputati hanno accolto con favore la risposta rapida dell’UE per la protezione di coloro che fuggono dall’Ucraina, e hanno chiesto un aiuto finanziario sufficiente a mantenere il sostegno a medio e lungo termine. Alcuni deputati hanno auspicato di vedere progressi concreti sulla riforma delle norme UE in materia di migrazione e asilo, mentre altri hanno sottolineato che tutti i rifugiati, indipendentemente dalla loro etnia, hanno bisogno della stessa protezione.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Invasione russa e aumento prezzi. Occhio ai profittatori

Posted by fidest press agency su martedì, 1 marzo 2022

L’invasione russa dell’Ucraina ha ripercussioni su tutti i prezzi, all’ingrosso e al dettaglio. Non c’è altro da aggiungere a quanto in corso per i prezzi energetici, coi provvedimenti del governo appena approvati e coi molteplici dubbi sollevati da più parti e la Germania che ha bloccato il gasdotto russo Nord Stream2. Non c’è altro da aggiungere anche al blocco dei camionisti che protestano per l‘aumento dei carburanti… se non capiscono da soli che bloccare la mobilità su gomma serve solo ad esasperare la situazione dei consumatori ché è già esplosivo in sé (anche peggio di uno sciopero) il fatto che non trasportano le merci. Con la “novità” della guerra è altamente probabile che diversi prezzi, pur non direttamente coinvolti dall’invasione, schizzeranno in alto: alla richiesta del consumatore, il dettagliante è probabile che ci risponderà “è la guerra”… anche se sono le arance che vengono dalla Sicilia o il grano che arriva dal Canada. In situazioni del genere i furbi e le canaglie non demordono, ma si perfezionano. Per difendersi e individuare i profittatori: – non accettare passivamente l’aumento di un prodotto o servizio, non rassegnarsi alle spiegazioni del dettagliante e verificare presso altri negozi, segnalando ovunque, anche sui media e i social, ciò che sta accadendo, sì da punire il profittare con la principale arma del consumatore: il non-acquisto! – verificare, soprattutto nella grande distribuzione, se si verificano pratiche commerciali scorrette (per esempio: prezzi garantiti bloccati per tot tempo che invece cambiano). Pratiche commerciali scorrette anche per eventuali cartelli di prezzi: aumenti nello stesso momento degli stessi prodotti pur in catene diverse. E di conseguenza segnalare all’Antitrust e denunciare pubblicamente. Insomma, l’invasione russa è in corso, ma non è detto che dobbiamo pagarla anche oltre il dovuto.François-Marie Arouet http://www.aduc.it

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’invasione russa avrà un impatto maggiore sull’Europa

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 febbraio 2022

By Rohan Reddy, Research Analyst di Global X. i prezzi del petrolio e del gas naturale sono aumentati di oltre il 20% da inizio anno, poiché le crescenti tensioni sull’Ucraina minacciavano di interrompere la fornitura di petrolio. Sebbene gli aumenti del prezzo del petrolio si facciano sentire in tutto il mondo, l’Europa sarebbe molto più colpita degli Stati Uniti data la forte dipendenza europea dal gas naturale russo. In Europa, i prezzi del gas naturale sono aumentati di oltre il 10%, dopo che la Germania ha interrotto il gasdotto Nord Stream 2 in risposta al dispiegamento di truppe russe in Ucraina. I prezzi nell’Europa nordoccidentale sono ora quasi cinque volte più alti di un anno fa. Una potenziale invasione potrebbe interrompere le spedizioni russe di gas naturale e petrolio verso l’Europa, dove l’Europa fa affidamento sulla Russia per circa il 35% del suo gas naturale. I prezzi del greggio Brent potrebbero raggiungere oltre $ 100 al barile a causa dei problemi di fornitura. Attualmente, le sanzioni imposte da Stati Uniti, UE, Gran Bretagna e altre nazioni occidentali si sono concentrate sulle banche e sulle élite russe. L’amministrazione Biden non dovrebbe prendere di mira direttamente i settori petroliferi e dei combustibili russi a causa delle preoccupazioni sull’inflazione e sui danni ai mercati petroliferi globali. Occorre trovare una fonte alternativa: una parte considerevole delle esportazioni di gas naturale della Russia viene trasportata in Europa attraverso gasdotti che passano attraverso l’Ucraina. A dicembre, la Germania ha importato il 32% del proprio gas dalla Russia, anche se il capo di una società di servizi pubblici in Germania ha affermato che questa cifra può raggiungere la metà della fornitura di gas in alcuni mesi. Quindi la Germania è fortemente dipendente dal gas russo. È probabile che i prezzi del gas tedesco aumenteranno ulteriormente, soprattutto se le relazioni tra Russia e Occidente si deteriorano e vengono imposte ulteriori sanzioni. Ma l’entità dell’aumento dei prezzi del gas dipende anche da altre decisioni che la Germania deve prendere. Vale a dire la decisione sull’energia nucleare, di cui era prevista l’eliminazione graduale, e sui combustibili fossili. Il Ritorno sul mercato del petrolio iraniano potrebbe avvenire con una wild card: i colloqui tra Stati Uniti e Iran per rilanciare l’accordo nucleare del 2015 stanno raggiungendo la loro fase finale. Se entrambe le parti raggiungessero un accordo per revocare le sanzioni, l’Iran potrebbe esportare rapidamente milioni di barili di greggio e alleviare i prezzi del petrolio.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La guerra della disinformazione russa

Posted by fidest press agency su giovedì, 3 febbraio 2022

La guerra si fa anche con la disinformazione e la Russia è particolarmente attrezzata. Nel confronto tra Ucraina e Russia, alcune agenzie russe sono particolarmente attive: RT – Russia Today- è una emittente parte di un network di canali la cui gestione fa riferimento direttamente al Cremlino. Sputnik (ex Voice of Russia e RIA Novosti) è un’agenzia di stampa, un sito di notizie e un’emittente radiofonica russa governativa. Cosa propagandano queste fonti? Che gli Stati Uniti stanno preparando un attacco con armi chimiche in Ucraina per attribuirne la responsabilità alla Russia e che la Nato si prepara ad attaccare la Russia durante le Olimpiadi invernali.Ciliegina sulla torta, il presidente illegittimo della Bielorussia, Alexander Lukashenka, ha dichiarato che il suo paese entrerà in guerra se la Russia verrà attaccata. Da chi non è dato di sapere, ma ricordiamo che il presidente russo Vladimir Putin è uno dei pochi alleati di Lukashenka che lo ha aiutato a reprimere le proteste a seguito delle elezioni presidenziali fraudolente nel 2020.I fatti sono completamente diversi: è stata la Russia che nel 2014 ha invaso e si è annessa la Crimea, territorio ucraino, ed è la Russia che ha ammassato oltre 100 mila militari alla frontiera con l’Ucraina. Questi due fatti dovrebbero aprire gli occhi a chi crede, ancora, alla propaganda russa. I fatti dimostrano il contrario ma, tant’è, i creduloni delle bufale sono sempre in circolazione.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La grande pianista russa Lilya Zilberstein alla IUC

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 gennaio 2017

zilberstein_lilyaRoma martedì 17 gennaio alle 20.30 Aula Magna della Sapienza la stagione della IUC riprende con un concerto di Lilya Zilberstein, tra le maggiori esponenti della grande scuola pianistica russa. Il percorso che ha portato la Zilberstein a divenire una delle pianiste più famose e apprezzate in campo internazionale inizia quando, a soli cinque anni, è ammessa al celebre Istituto di Musica Gnessin di Mosca. Nel 1985, a vent’anni, vince alcuni concorsi russi per giovani musicisti, ma il passo definitivo verso il successo e la fama internazionali arriva con la vittoria al Concorso “Ferruccio Busoni” di Bolzano nel 1987. La sua vittoria fece sensazione, per la sua giovane età (all’epoca non si era ancora diplomata al conservatorio) e soprattutto perché la giuria di quel concorso, famosa per la sua severità, non attribuiva spesso il primo premio, tanto che ci vollero 5 anni prima che il premio fosse nuovamente assegnato.Da allora la pianista – nata a Mosca ma residente ad Amburgo – non ha smesso di riscuotere grandi successi in Europa, America del Nord e del Sud e Asia. E’ stata invitata dai Filarmonici di Berlino e Claudio Abbado per la prima volta nel 1991 e insieme hanno suonato ripetutamente e hanno registrato i Concerti n.2 e 3 di Rachmaninov per Deutsche Grammophon. Ha suonato con molte altre orchestre prestigiose, quali Chicago Symphony Orchestra, Orchestra Sinfonica Tchaikovsky di Mosca, London Symphony, Royal Philharmonic Orchestra di Londra, Orchestra Filarmonica della Scala di Milano, ecc. Negli ultimi anni ha stretto un eccellente rapporto artistico con Martha Argerich, con cui suona spesso in duo e con cui ha inciso la Sonata per due pianoforti di Brahms per EMI. La Argerich ha detto di lei: “Lilya è una pianista completa, naturalissima, grandissima. Per fortuna non era concorrente quando ho partecipato al Concorso Busoni, sarebbe stato un osso troppo duro”. Lilya Zilberstein dedicherà la prima parte del suo concerto a Franz Schubert, con i Momenti musicali op. 94, tra le sue più amate pagine pianistiche, e con quattro Lieder nella celebre trascrizione di Franz Liszt. Nella seconda parte presenterà due preziose rarità: le giovanili Variazioni sull’arietta “Venni Amore” di Vincenzo Righini di Ludwig van Beethoven e Quelques dances op. 26 di Ernest Chausson, compositore francese di fine Ottocento, vicino a Massenet e Fauré, che ha sempre avuto una ristretta cerchia di grandi ammiratori – tra cui Debussy – ma che non ha mai raggiunto la popolarità che meriterebbe. (foto: Zilberstein_Lilya)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Corsi di Lingua e Cultura Russa

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 ottobre 2015

università cagliariCagliari dal 13 ottobre 2015 e sino al 26 gennaio 2016, orario 18.30-21.30 in via Temo 11 A (fronte piazza Unione Sarda) Corsi di Lingua e Cultura Russa. I corsi, della durata di 40 ore ciascuno, si terranno a Cagliari. l corso base di lingua e cultura russa per principianti assoluti, livello A1.1, si terrà ogni martedì a partire dal 13 ottobre 2015 e sino al 26 gennaio 2016, orario 18.30-21.30.Il corso di lingua e cultura russa, elementare 1, livello A1.2, invece, sempre di 40 ore complessive, si terrà ogni giovedì a partire dall’8 ottobre 2015 e sino al 28 gennaio 2016, orario 18.30-21.30.I corsi, tenuti dalla docente Giulia Mocci, avranno, come è nella politica statutaria dell’associazione, una corsia preferenziale per gli studenti universitari. Quest’ultimi, infatti, godranno di uno sconto del 30% sul prezzo del corso se prodotta la documentazione che attesta la regolare iscrizione presso l’Ateneo cagliaritano. L’attestato di frequenza verrà rilasciato a chi garantirà il 70% delle presenze.
Le lezioni, della durata di 3 h ciascuna, per i principainti, saranno dedicate all’apprendimento delle strutture essenziali della lingua ma anche alla cultura e alla tradizione, parte imprescindibile per la comprensione della lingua.Testi di riferimento:
• Moлодец! Parliamo Russo 1 Livello A1, John Langran, Natalja Vesnieva, Dario Magnati HOEPLI editore;
La prima fase introduttiva del corso sarà dedicata alla lingua russa (come nasce, come si sviluppa e la sua struttura) e al suo alfabeto: impariamo a leggere a scrivere! Successivamente verranno utilizzate situazioni di vita comune per imparare a presentarsi, a presentare la propria famiglia, parlare di se stessi, chiedere e dare informazioni ecc. Le strutture grammaticali verranno affrontate attraverso una metodologia induttiva, partendo cioè dall’uso concreto della lingua per concludere con la regola.
La docente: Giulia Mocci, laureata in lingua e letteratura russa a Cagliari, con una tesi sul “primo congresso degli scrittori sovietici e l’affermazione del realismo socialista”, Giulia Mocci è da sempre appassionata dei luoghi e della storia culturale della Russia e dei paesi dell’ex Unione Sovietica. Era il 1998 quando per la prima volta va a San Pietroburgo per studiare. Nell’estate del 2001 trascorre un mese a Mosca per fare delle ricerche utili alla sua tesi. Laureata nel 2003, riparte a San Pietroburgo, dove inizia a lavorare nel settore del turismo. E’ l’amore per questa città che l’avvicina ancora di più a questo paese e alle sue tradizioni. Rientrata in Sardegna, comincia a insegnare inglese, per poi ripartire in Lituania, ai confini con la Bielorussia, dove ha insegnato nella scuola statale e tenuto corsi di italiano per gli adulti. Attualmente insegna inglese a Cagliari.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Alla scoperta della cucina russa

Posted by fidest press agency su domenica, 27 settembre 2015

fornasarofiliputtiUdine lunedì, 28 settembre, alle 18, nella sede di Fff in via Calzolai 5 (angolo via Savorgnana). Gli speciali appuntamenti in Fff, un mix tra conversazioni, lezione e degustazione, permettono agli interessati di conoscere nuovi Paesi attraverso l’approccio culinario. Tutto è sempre accompagnato da una sessione dedicata al vino, concentrata in particolare sulla ricerca delle migliori proposte di abbinamento del piatto straniero con l’eccellenza vitivinicola friulana.
Gli eventi sono proposti dalla Camera di Commercio grazie al coinvolgimento diretto su tanti mercati, nei quali l’ente supporta le aziende friulane nei loro processi di internazionalizzazione e sviluppo dell’export: oltre alla Russia, l’Africa Subshariana, il Centro Est Europa, il Nord Africa e il Nord America, e l’Asia. (foto: filiputti, fornasaro)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Corso di Lingua e Cultura Russa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 gennaio 2015

Cagliari_panoramaGiovedì 19 febbraio parte a Cagliari il corso di lingua e cultura russa per principianti assoluti, organizzato dall’associazione studentesca Caravella Youth in Action, per imparare le basi di scrittura, lettura, comprensione e comunicazione, ma soprattutto cultura russa. Il corso, della durata di 36 ore, si terrà tutti i giovedì, dalle 17.00 alle 20.00, presso la sede dell’associazione Caravella in via San Gregorio Magno n. 7.Il corso, tenuto dalla docente Giulia Mocci, avrà, come è nella politica statutaria dell’associazione, una corsia preferenziale per gli studenti universitari. Quest’ultimi, infatti, godranno di uno sconto del 30% sul prezzo del corso se prodotta la documentazione che attesta la regolare iscrizione presso l’Ateneo cagliaritano.L’attestato di frequenza verrà rilasciato a chi garantirà il 70% delle presenze. E’ possibile iscriversi tramite l’indirizzo email iscrizioni.caravella@gmail.com e concordare con gli organizzatori le modalità di pagamento.
Giulia Mocci, laureata in lingua e letteratura russa a Cagliari, con una tesi sul “primo congresso degli scrittori sovietici e l’affermazione del realismo socialista”, Giulia Mocci è da sempre appassionata dei luoghi e della storia culturale della Russia e dei paesi dell’ex Unione Sovietica. Era il 1998 quando per la prima volta va a San Pietroburgo per studiare. Nell’estate del 2001 trascorre un mese a Mosca per fare delle ricerche utili alla sua tesi. Laureata nel 2003, riparte a San Pietroburgo, dove inizia a lavorare nel settore del turismo. E’ l’amore per questa città che l’avvicina ancora di più a questo paese e alle sue tradizioni. Rientrata in Sardegna, comincia a insegnare inglese, per poi ripartire in Lituania, ai confini con la Bielorussia, dove ha insegnato nella scuola statale e tenuto corsi di italiano per gli adulti. Attualmente insegna inglese a Cagliari.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »