Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 35 n°185

Posts Tagged ‘russia’

Inside the school for Russia’s state TV journalists

Posted by fidest press agency su sabato, 13 Maggio 2023

In a damp classroom in Moscow, media students learn to fight the information war. It’s an icy Monday morning in Moscow. Inside the city’s State Culture Institute, Yuri Kot is determined to light a fire. “What does it mean to be Russian?” he booms, leaning forward and fixing the students with a hard stare. Kot—a blond, bear-like 47-year-old whose patriotic rants have made him a popular guest on Russian TV shows—is the institute’s dean of journalism. About 30 undergraduates are crammed into the classroom, whose walls are spotted with damp. They come from across the length and breadth of Russia: Vladivostok, Siberia, the Arctic. The institute isn’t Moscow’s most prestigious journalism school, but it is one of the more affordable. For some young people a career in Russia’s sprawling state-media apparatus seems like the best way of escaping a dead-end life in the provinces. Well-funded news outlets across the country present the Kremlin’s line in different guises, to give the appearance of choice, and they need a lot of staff. One media company alone claims to employ more than 22,000 people. The institute acts as a feeder for this empire, training future journalists in editing, camerawork and investigative techniques. Kot’s course on “Problems of the Information War in International Communications” is compulsory. Ostensibly it provides instruction on how to report on international affairs; in practice Kot immerses his students in the ideology they will have to adopt if they end up working for one of the main news channels. But when 1843 magazine joined the class, students seemed more interested in their phones than the information war they were being primed to fight. (abstract by The Extraordinary Story The Economist)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Russia’s generals will keep getting away with war crimes

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 Maggio 2023

On my first foreign reporting trips, 25 years ago, I travelled with no more professional equipment than a pen and a notepad. Spending time “up country” in one corner of West Africa, close to rebel lines in one civil war, I lacked a mobile phone, or any electronic means of recording what I saw and heard. Hearing from victims and perpetrators of the fighting, scrawling on those notepads, I recorded cases of war crimes, including some carried out by children. A quarter of a century later, journalists in war zones, such as Ukraine, still play an important role. But the gathering of evidence of crimes is, in some ways, democratised. Almost everyone has a smartphone—and the habit of recording events around them. Ukraine’s government is making efforts to record those committed by the Russian invaders. (This is made easier when Russian soldiers themselves, perhaps for the sake of spreading terror or to brag to others back home, film and share their own abuses.) As we note in a new article, prosecutors in Ukraine have opened more than 80,000 counts of war crimes in the country. The great difficulty is building cases against the most senior Russian figures, rather than focusing on soldiers on the ground.Meanwhile, I have some news for anyone keen to follow defence and international security stories. We are launching a newsletter, The War Room, for subscribers where we will bring together our best coverage of military news from Ukraine, Taiwan and beyond. If you subscribe, you can sign up here.Beyond Ukraine, concerns about the health of the banking system roll on. Very soon First Republic Bank, in America, will either be swallowed by a larger rival or rivals (just as Credit Suisse was taken over by UBS, in Switzerland) or will have to be seized. Investors abandoned First Republic after it published an awful set of results on April 24th, exposing it as a dead-bank walking. How many other zombies are out there? In addition to banking, another sector looks troubled in America: its film industry. Read our article about the writers in Hollywood who are poised to go on strike. It turns out that making movies and television isn’t all it’s cracked up to be. And there is more bad news for Hollywood. This week’s interactive Graphic Detail finds that Western cinema is losing the battle for Chinese audiences.Let me highlight a recent By Invitation, one of our guest essays, by the historian and philosopher Yuval Noah Harari. He argues that artificial intelligence poses a serious threat to the “operating system of our civilisation”, because its growing power over language means it has ever greater say over the “stuff almost all human culture is made of”.Finally, looking ahead, Britain faces a changing of the guard. The more significant change is political: within the next 18 months (most likely) there will be a general election, after which the opposition leader of the Labour party, Sir Keir Starmer, is odds-on favourite to emerge as prime minister. My colleagues recently interviewed him at length and, generally, liked what they found. The less significant change is much sooner. It is one that will involve plenty of pomp and ceremony next weekend: the coronation of King Charles III. As regular readers of this newsletter know, my enthusiasm for monarchy is limited (I won’t be swearing allegiance), but like most Britons I’ll welcome a day’s extra holiday and the fact that others in the world want to pay attention to this island. My colleagues will be covering the event in the coming days and we wrote plenty about the royals last year (such as on how the royal finances work) when the queen died. I expect to enjoy the ceremonies as a break from more serious fare. As expected, Joe Biden said that he is running for a second term as president on Tuesday. (We commented on it). David Court, based in Frankfurt, Germany, predicts that Mr Biden’s advanced age means the Republicans will pay extra attention to the merits, or otherwise, of the vice president, Kamala Harris. David, that sounds to me like a plausible outcome, but it might just fire up African-Americans to turn out for the Democrats. James Muchiri, in Nairobi, Kenya, admits he had low expectations for Mr Biden when he first became president, but now admires much of his record, not least in “rallying the Western bloc to support Ukraine both financially and militarily”. James, I entirely agree. By Adam Roberts Digital editor The Economist

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Why Russia’s economy cannot withstand a more intense war

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 aprile 2023

Here’s what should be a safe prediction about relations between the West and Russia: they won’t be improving any time soon. The war in Ukraine has become one of miserable attrition. Reports of Russian conscripts in Bakhmut sent to be machine-gunned by the Ukrainian forces are horrifying—the sort of killing you’d associate with the first world war in Europe, not this century. Yes, a counter-offensive by Ukraine is coming, but don’t bet on the frontlines shifting dramatically. Meanwhile Vladimir Putin, the one man who could choose to call off his criminal war of aggression, is unmoved and unmoving. He’s presumably set to remain in office for a long time yet. Until Mr Putin goes—and possibly beyond—the ties between the West and Russia will only worsen. Russia’s cruel repression of opposition figures, and now its assault on foreign journalists as well as local ones, all bode ill for that country. What leverage does the West have to put pressure on Mr Putin? Beyond supporting Ukraine more robustly, the main option is to tighten and prolong sanctions on Russia, in the hope that a weakened economy will be less able to support its armed forces. We have just published our latest, detailed, assessment of the impact of the sanctions— and the threat to Russia’s ability to fight. No spoilers here, but while sanctions do play a big role, don’t expect short-term change. For more on Russia, I urge you to listen to all the episodes (the final one just dropped) of our podcast series, Next Year in Moscow. In it, my colleague Arkady Ostrovsky—our Russia editor—traces the prospects of those who dare to defy Mr Putin. It’s a captivating show.Some big news stories are not at all surprising. Take Joe Biden officially declaring that he wants a second term as president. He may do so this week. If so, don’t expect anyone to choke on their cornflakes in shock. He’s already, sort of, said he will run. (We’ve previously argued that, despite a successful presidency so far, it would be better if he didn’t.) Now, however, Mr Biden should set out a positive case for his second term. For many voters, it may be enough that he reckons he’s the best candidate to stop a second Donald Trump presidency. But we’d hope for something more inspiring than that.Another story to etch into the predictable-but-it-matters-category: Israel marks its 75th birthday this week, just as the country is going through a serious political crisis. Have a read of our latest By Invitation, a guest essay by Yair Lapid, the leader of Israel’s opposition party. Later in the week we’ll have plenty of commentary of our own— and our subscribers can join a webinar on Thursday, where my colleagues will discuss what the recent turmoil means for the country’s future. There’s a great deal to celebrate in Israel, not least the strength of its economy (especially in tech) and the fact that it’s a democracy in a region that is short on them. On the other hand, there’s also a great deal to worry about, as populism grows along with threats to democratic institutions, notably the courts. Meanwhile, the ongoing misery of Palestinians in occupied territory is as far from ending as ever.Let me also flag our new Bartleby column. It’s routinely a great read but the latest one, just published, is especially strong. It considers the lessons from the resignation a few days ago of Britain’s deputy prime minister, Dominic Raab, who was accused by many colleagues of being a bully. Bartleby asks what, exactly, is the role of fear in the workplace–and how do you know if you are a bad boss?Finally, back on the war in Ukraine, we’ve just published a story on the state of Ukraine’s airforce—which could play a big role in the coming counter-offensive. I strongly recommend it, not least for my colleague’s description of taking a spin in a fighter jet over the Baltic Sea. I don’t deny that I’m just a bit envious of that reporting trip. .Adam Roberts Digital editor The Economist

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Russia: rilasciare immediatamente Vladimir Kara-Murza e Alexei Navalny

Posted by fidest press agency su martedì, 25 aprile 2023

In seguito alla recente condanna a 25 anni di carcere del giornalista russo-britannico Vladimir Kara-Murza per aver criticato il regime di Vladimir Putin, i deputati condannano fermamente questa sentenza per motivi politici e chiedono che sia immediatamente e incondizionatamente rilasciato. Inoltre, avanzano la stessa richiesta per l’attivista dell’opposizione russa e vincitore del Premio Sacharov 2021 Alexei Navalny, tuttora detenuto in una colonia penale, e per tutti gli altri prigionieri politici in Russia.La risoluzione non legislativa è stata approvata con 508 voti favorevoli, 14 contrari e 31 astensioni.Considerando che la salute di Kara-Murza e Navalny si sta rapidamente deteriorando a causa dei maltrattamenti e della mancanza di cure mediche adeguate, i deputati denunciano l’escalation delle violazioni dei diritti umani da parte del regime russo e condannano la repressione in atto nei confronti dei critici del governo, dei difensori dei diritti umani e dei giornalisti indipendenti nel Paese. Per questo, invitano il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite a condurre un’indagine immediata sugli atti di detenzione inumana, di tortura e di omicidio di oppositori politici in Russia.I deputati chiedono ai Paesi UE nel Consiglio di adottare sanzioni severe, nell’ambito del regime globale di sanzioni dell’UE su diritti umani, nei confronti di giudici, pubblici ministeri e altri individui russi responsabili di procedimenti arbitrari, detenzioni e torture nei processi per motivi politici. Infine, esortano gli Stati membri a fornire visti umanitari e sostegno di altro tipo ai dissidenti russi a rischio di persecuzione politica.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Russia e l’Africa intensificano i rapporti

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 aprile 2023

di Mario Lettieri e Paolo Raimondi. Si intensificano le relazioni della Russia con l’Africa, perciò riteniamo che nei rapporti con i Paesi africani l’Italia e l’Unione europea dovrebbero mantenere un approccio sobrio e realistico, senza cedere alla tentazione di credere troppo alle narrazioni dell’Occidente sugli andamenti geopolitici planetari. Prima di tutto occorre comprendere le loro priorità che sono l’anticolonialismo, l’indipendenza e lo sviluppo del continente in un mondo multipolare. Basti riflettere sui risultati del meeting “Russia Africa Parliamentary Conference” sul tema di un mondo multipolare, tenutosi a Mosca il 19-20 marzo, cui hanno partecipato parlamentari di 40 Stati africani. Si tratta di uno degli incontri preparatori per il secondo “Summit Russia-Africa” dei capi di Stato e di governo già fissato il 28-29 giugno a San Pietroburgo. Si noti che le delegazioni africane presenti a Mosca erano più numerose delle 36 che nel 2019 avevano partecipato al primo Summit di Sochi, tenutosi molto prima della guerra in Ucraina. Prevedibile l’affondo politico fatto dal presidente della Duma, Vyacheslav Volodin, che ha denunciato “Washington e Bruxelles di voler controllare, a loro beneficio, le risorse naturali della Russia e dell’Africa, con tutti gli strumenti possibili, anche con la forza.”. Sebbene in quei giorni fosse impegnato negli incontri con il presidente cinese Xi Jinping in vista a Mosca, Vladimir Putin ha voluto parlare alla conferenza. Il presidente russo ha affermato che i rapporti con i Paesi africani sono una priorità della politica estera di Mosca. Ha ricordato l’appoggio dell’Unione Sovietica nella lotta per l’indipendenza contro il colonialismo e per la cooperazione economica nel continente. Sebbene oggi i Paesi africani rappresentino soltanto il 3% del pil mondiale, Putin ha detto che, con un miliardo e mezzo di abitanti e un terzo di tutte le riserve minerarie del globo, essi naturalmente saranno leader del nuovo ordine multipolare globale. Ha evidenziato che lo scorso anno il commercio è cresciuto fino a 18 miliardi di dollari e che Mosca ha cancellato vecchi debiti dei Paesi africani per oltre 20 miliardi. Ha anche offerto la possibilità di una collaborazione tra l’Unione economica eurasiatica e l’Area continentale africana di libero scambio creata nel 2021. Il presidente russo si è impegnato a mantenere le forniture di cibo, di fertilizzanti e di energia verso l’Africa e a prolungare di 60 giorni l’”accordo sul grano” fatto a Istanbul per far transitare i prodotti agricoli ucraini attraverso il Mar Nero. Dopo tale periodo la Russia sarebbe pronta a mandare, a titolo gratuito, la stessa quantità di grano inviato in Africa nei mesi passati. Ha poi lanciato una provocazione: ”Del volume totale di grano esportato dall’Ucraina, circa il 45% è andato ai Paesi europei ben nutriti e solo il 3% all’Africa.”. Propaganda russa? Speriamo si possa dimostrare, poiché le reazioni, le convinzioni e le realtà africane non sono quelle dell’Occidente. Dopo aver detto che oggi circa 27.000 studenti africani frequentano le università russe, ha aggiunto che il personale militare di oltre 20 Paesi africani si perfeziona nelle università del ministero della Difesa russoI rapporti si sono fatti molto intensi, un po’ in tutti i campi, anche in quello delle nuove tecnologie. Infatti, il 13-14 aprile prossimo si terrà a Mosca il forum Russia – Africa sulle tecnologie digitali in cui i rappresentanti dei governi e delle imprese private discuteranno su come realizzare la digitalizzazione nei settori della pubblica amministrazione, dell’economia, dell’educazione e della sanità. Naturalmente un ruolo importante, di battistrada della cooperazione continentale africana, lo svolge il Sudafrica, come membro del gruppo BRICS. In un recente incontro tra rappresentati governativi russi e sudafricani si è convenuto di promuovere la creazione di una “BRICS geological platform”. Poiché questi Paesi hanno le più grandi riserve minerarie del mondo, il progetto intende mappare i territori per individuare, valutare ed esplorare nuovi depositi di minerali, in particolare delle cosiddette “terre rare”, al fine di promuovere una più stretta cooperazione tecnologica per il loro sfruttamento. Trattasi di passi significativi nei rapporti con l’Africa che, per onestà bisogna riconoscere, la Russia ha iniziato decenni fa, anche a seguito delle errate politiche neocoloniali dell’Occidente. di Mario Lettieri già sottosegretario all’Economia e Paolo Raimondi economista

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Russia’s population nightmare is going to get even worse

Posted by fidest press agency su martedì, 7 marzo 2023

Some news stories are so sudden or obvious that you can’t miss them. Others, such as the one we just published on the catastrophic state of demography in Russia, take some careful unravelling—but could prove to be just as dramatic. When my colleague first spelled out how dire are the trends for Russia’s population, and offered some details, I found the story to be astounding. The life expectancy for young men is now as low as for men in Haiti—and lower than in Bangladesh. The overall population is tumbling. By the estimates of our data colleagues, the covid-19 pandemic has taken a deadlier toll in Russia than in almost any other country. Add the effects of war—both the tens of thousands of men killed in Ukraine and the hundreds of thousands who have fled into exile—and the population looks terribly skewed. Women now outnumber men in Russia by the millions, for example. For the long-term health of Russia, this matters. Other countries such as Japan have seen a slump in their population size or fertility rates, and managed the decline. But the sudden loss of young people, especially highly educated ones, is acutely painful for economies to deal with. To me, this again highlights how little Vladimir Putin cares for the fate of his own people. Whatever motivates him—some deluded sense of his place in Russian history, perhaps—it is not the well-being of ordinary Russians. I just hope that, one day, Russians will find a way to be rid of him. For another perspective on Russia, let me recommend our latest By Invitation guest essay. This is by John Foreman, who recently returned from Moscow where he had served as Britain’s defence attaché. He pulls no punches in assessing the failings of Valery Gerasimov, the Russian chief of the general staff. Even when the Russian army seems to make some progress in the war—it may yet seize the town of Bakhmut in the coming days—those gains come at enormous costs in terms of lost men and equipment.Look out, too, for our assessment of the Communist Party’s new strategy for China’s economy. The re-opening after covid, plus the question of how much China can disentangle itself from relying on exports to the West, seem to point to changes ahead. Recovery is coming, but how much sustained growth can be expected from China?Our most recent cover package was entirely different. By some estimates, around half of the planet’s population is set to count as obese or overweight by the middle of this century. But, it seems, there is now real cause for hope that many more people will get help in fighting the flab. We set out how a new range of drugs, initially intended to fight diabetes, have proved successful at helping users lose weight. This, combined with better eating and exercise habits, could prove to be a huge boon for human health in the coming decades. Let me also flag one of our recent The Economist reads articles: this takes readers on a tour of banned books—seven books that you are forbidden to read, either by states or by armies, prisons or schools—around the world. It has proved very popular indeed.I’m also pleased to see the relaunch in the past few days of our A-Z of economic terms. This is the place to go when you need clarity in defining backwardation, contango, cryptocurrencies or hundreds of other terms. I’d like to hear if you think we’ve missed something out that should be added. And, looking ahead, let me know if you’d welcome a different sort of A-Z beyond economics. Adam Roberts Digital editor The Economist

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Ucraina: istituire un tribunale per perseguire i crimini di guerra della Russia

Posted by fidest press agency su domenica, 22 gennaio 2023

Strasburgo. Nel testo, i deputati affermano che le atrocità commesse dalle forze armate russe a Bucha, Irpin e in molte altre città ucraine rivelano la brutalità della guerra e sottolineano l’importanza di un’azione internazionale coordinata per stabilire la responsabilità secondo il diritto internazionale umanitario.Inoltre, si esorta l’UE a sollecitare l’istituzione di un tribunale internazionale speciale, in stretta cooperazione con l’Ucraina e con la comunità internazionale, che si occupi di perseguire la leadership politica e militare della Russia e i suoi alleati. L’istituzione di tale tribunale colmerebbe la grave lacuna esistente nell’attuale assetto istituzionale della giustizia penale internazionale oltre ad integrare gli sforzi investigativi della Corte penale internazionale, che attualmente non può indagare sul crimine di aggressione contro l’Ucraina.Il testo, non legislativo, è stato adottato con 472 voti favorevoli, 19 contrari e 33 astensioni.La leadership politica e militare in Russia e Bielorussia devono rispondere delle loro azioni. Sebbene l’esatta composizione e le modalità di funzionamento del tribunale speciale debbano ancora essere determinate, il tribunale dovrebbe avere la competenza per indagare non solo su Vladimir Putin e sulla leadership politica e militare della Russia, ma anche su Aljaksandr Lukašenka e i suoi alleati in Bielorussia.I lavori preparatori dell’UE sul tribunale speciale dovrebbero iniziare senza indugio e concentrarsi sulla definizione delle sue modalità in cooperazione con l’Ucraina, oltre a sostenere le autorità ucraine e internazionali nel reperimento delle prove da utilizzare nel futuro tribunale speciale. Il Parlamento è fermamente convinto che l’istituzione di tale tribunale speciale invierebbe sia alla società russa che alla comunità internazionale un segnale molto chiaro del fatto che Putin e la leadership politica e militare russa possono essere condannati per il crimine di aggressione commesso in Ucraina, e che non è più possibile per la Russia, sotto la guida di Putin, tornare alla situazione preesistente nei suoi rapporti con l’Occidente.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Popolazioni indigene della Russia

Posted by fidest press agency su giovedì, 29 settembre 2022

Un nuovo rapporto del Comitato internazionale dei popoli indigeni della Russia (ICIPR) evidenzia l’impatto che l’attacco russo all’Ucraina sta avendo sulle popolazioni indigene della regione. Sebbene la guerra in sé non abbia una dimensione indigena diretta, ha serie implicazioni per i popoli indigeni dell’Ucraina e della Russia, nonché per il movimento indigeno internazionale. I popoli indigeni dell’Ucraina, che tradizionalmente vivono principalmente nella penisola di Crimea, sono già stati sottoposti all’aggressione della Russia a partire dal 2014. Nel rapporto pubblicato di recente in inglese “L’aggressione russa contro l’Ucraina e le popolazioni indigene della Russia”, l’ICIPR descrive già gli effetti visibili della guerra sulle popolazioni indigene della Russia e non solo. Il documento affronta le conseguenze politiche ed economiche a breve e medio termine per le comunità indigene e formula raccomandazioni per migliorare la situazione dei popoli indigeni in Russia, nonché per proteggere coloro che continuano il loro importante lavoro sui diritti umani nonostante la crescente repressione. “Il Cremlino sta usando la guerra per restringere ulteriormente lo spazio già molto limitato della società civile in Russia. Questo non vale solo per le proteste contro la guerra”, riferisce Tabea Willi, responsabile della campagna Focus Arctic della sezione svizzera dell’Associazione per i popoli minacciati (APM). “Il movimento indigeno in Russia, un tempo attivo, si è ridotto oggi a una manciata di persone. Devono stare estremamente attenti a ciò che dicono e fanno. Perché chi mette apertamente in discussione le decisioni prese dalle autorità rischia di essere perseguito”. Nel frattempo, è estremamente pericoloso per le voci indigene indipendenti dalla Russia parlare alle Nazioni Unite. Ad esempio, i funzionari del governo russo hanno cercato di intimidire gli attivisti indigeni indipendenti durante la riunione del Meccanismo di esperti delle Nazioni Unite sui diritti dei popoli indigeni (EMRIP) nel luglio 2022. Il regime invia anche persone indigene fedeli al Cremlino presso gli organismi internazionali. Nel frattempo, un numero sproporzionato di popolazioni indigene e minoranze etniche sta combattendo e morendo nella guerra delle forze armate russe contro l’Ucraina. Nell’Artico, in Siberia e nell’Estremo Oriente russo, il servizio militare è spesso la via d’uscita dalla miseria. Durante il reclutamento, i giovani sono stati spesso ingannati sui rischi. I rimpatriati e le vittime della guerra non hanno praticamente accesso al sistema sanitario già carente delle loro comunità indigene.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Are sanctions on Russia working?

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 agosto 2022

Six months ago Russia invaded Ukraine. On the battlefield a war of attrition is under way along a thousand-kilometre front line of death and destruction. Our cover this week is about the other struggle raging over Ukraine—an economic conflict of a ferocity and scope not seen since the 1940s, as Western countries try to cripple Russia’s $1.8trn economy with a novel arsenal of sanctions. The effectiveness of this embargo is critical to the outcome of the Ukraine war. But it also reveals a great deal about liberal democracies’ capa­city to project power globally into the late 2020s and beyond, including against China. Worryingly, so far the sanctions war is not going as well as expected. Zanny Minton Beddoes Editor-in-chief The Economist

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Putin deve essere preso sul serio, non alla leggera

Posted by fidest press agency su martedì, 12 luglio 2022

Perché tutto quello che ha annunciato negli anni, poi lo ha fatto». Il politologo bulgaro Ivan Krastev, tra i più autorevoli nel Vecchio Continente, ha analizzato la situazione di conflitto in Europa nel corso del dibattito “La guerra della Russia in Ucraina e il futuro delle relazioni transatlantiche”, promosso dal Guarini Institute for Public Affairs della John Cabot University e dalla Temple University Rome Campus, e tenutosi nella sede della JCU. Erano presenti, oltre a Ivan Krastev, Emilia Zankina, dean e docente di scienze politiche della Temple University Rome Campus, il professor Federigo Argentieri, direttore del Guarini Institute for Public Affairs della JCU, e Costanza Hermanin, dell’Istituto Universitario Europeo, che ha moderato i lavori.«La scelta di disintegrare l’Urss fu presa a Mosca, da Eltsin, per contrastare Gorbaciov. Per l’Europa la fine del comunismo e dell’Unione Sovietica rappresentavano la stessa cosa, ma per la Russia e per i russi no: a loro andava bene solo la fine del comunismo. Nell’Urss, la Russia esercitava il suo potere, ma lo faceva in maniera invisibile. Putin ha distrutto il senso identitario che esisteva: gli ucraini di lingua russa, ad esempio, non facevano distinzioni tra il loro essere russi o ucraini», ha spiegato Ivan Krastev.«Ora, la guerra – ha proseguito – non è un tentativo di rimettere in piedi l’Unione Sovietica. Se si vuole sapere cosa farà Putin, si deve leggere il suo saggio di 7mila parole, perché fino a oggi tutto quello che ha detto, poi lo ha fatto».«Non è il messaggio migliore da dare all’Ucraina, quello di dover accettare il suo vicino aggressore», ha aggiunto Emilia Zankina, commentando le dichiarazioni di Henry Kissinger. In merito ai rapporti transatlantici, Krastev ha aggiunto: «Sarebbe stato diverso se questa guerra fosse capitata sotto la presidenza Usa di Trump, perché l’Unione Europea non avrebbe avuto fiducia in lui. Ora, però, si avvicinano le elezioni di midterm, che potrebbero rivelarsi problematiche per Biden, anche a causa dei risvolti dovuti al conflitto in Ucraina».

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

La Russia si avvia a diventare l’Urss2

Posted by fidest press agency su domenica, 3 luglio 2022

Già oggi non se la passano bene, visto che la Russia ha un Pil inferiore a quello dell’Italia, ma il futuro dei cittadini russi non è proprio roseo, anzi. Quest’anno la ricchezza del Paese doveva aumentare dell’2,8%, invece arretrerà al meno 8,5%. Un balzo nel buio. E’ noto che l’economia russa dipende in buona parte dalla vendita di materie prime, in particolare all’Europa. Una consistente diminuzione delle esportazioni e una limitazione dei prezzi delle materie prime farebbe crollare la spesa pubblica russa. Ci riferiamo alle pensioni, stipendi, sanità, assistenza e sussidi. La governatrice della Banca nazionale russa, Elvira Nabiullina, ha dichiarato che “le condizioni esterne sono cambiate per un lungo tempo, se non per sempre”. E’ già iniziato il lungo inverno russo che presto sarà sovietico. Primo Mastrantoni, http://www.aduc.it

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Pussy Riot: Russia contro

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 luglio 2022

Punk is not dead. Questa frase rimbalza da anni di bocca in orecchio con fare carbonaro. In tanti si divertono a constatare che lo spirito ribelle che nella seconda metà degli anni Settanta prese il sopravvento e conquistò le prime pagine dei giornali è ancora vivo e sentito. Il punk è tra noi. Ma non è solo un fenomeno musicale o di costume. Oggi che la posta è ben più alta, questa è una delle forme ufficiali del dissenso. Specie in Russia. Quando le Pussy Riot decisero di inscenare la loro preghiera irriverente “Madre di Dio, Vergine, caccia via Putin! […] Madre di Dio, Vergine, diventa femminista. Diventa femminista, diventa femminista”, occuparono la cattedrale di Cristo Salvatore, il tempio dell’ortodossia moscovita, a pochi metri dal Cremlino. Suonarono e filmarono per un minuto e una manciata di secondi quella performance che le avrebbe rese celebri, condannate per “teppismo e istigazione all’odio religioso” e carcerate nei tristemente famosi campi di rieducazione. I gulag. “Teppismo e istigazione all’odio religioso”. Ci sarebbe da sorridere per l’anacronismo di questa accusa, se non sapessimo con cosa abbiamo a che fare. Qualunque capo di accusa è il pretesto per sbarazzarsi di oppositori, attivisti, semplici pensatori che non si assoggettino al pensiero unico che è imperativo da quelle parti.Desideri una vita normale? Magari una vita agra, difficile, come vivono milioni di persone in Russia oggi, ma pur sempre lontano dalla galera? Baratti il tuo silenzio con la libertà. È quel che la cosiddetta “maggioranza silenziosa”, ha imparato a praticare. D’altronde che in Russia sia “proibito parlare”, l’aveva scritto (è addirittura il titolo di un suo libro) Anna Politkovskaija, la grande giornalista assassinata nel 2006. Il 7 ottobre, giorno del compleanno di Putin. Mai regalo di compleanno fu più macabro di questo. Anna pubblicava i suoi articoli per la Novaija Gazeta, il quotidiano indipendente diretto da Dmitrij Andreevič Muratov, Premio Nobel per la pace nel 2021. Il giornale oggi è stato costretto alla chiusura, a causa di leggi liberticide emanate proprio allo scopo di mettere a tacere le voci scomode al regime. Ci racconta di Anna e Dmitrij, Galia Ackerman, che di Anna fu traduttrice e amica intima, fu proprio Anna che le presentò Muratov ai tempi della seconda guerra cecena. Tutto si tiene, come una sottile catena che cerca di resistere ai soprusi di un regime autocratico che con gli anni i politologi hanno preso a chiamare democratura, una dittatura travestita da democrazia. Nadežda Tolokonnikova, artista e attivista, membro delle Pussy Riot, scrisse delle lettere al filosofo Slavoij Žižek in cui raccontava le condizioni terribili cui vengono sottoposte le detenute, costrette a lavorare tra le 16 e le 17 ore, con una pausa notturna di 3-4 ore, e un giorno libero ogni 8 settimane. Inoltre testimonia che in caso di lamentela o protesta sono frequenti le punizioni corporali. La pena è estesa, collettiva, in modo che il detenuto che ha protestato venga odiato dai suoi compagni. Inoltre, se vogliono, le autorità possono colpire volutamente parti sensibili dei prigionieri, come per esempio i reni. Oppure, a piacimento, tenere un prigioniero esposto alle intemperie senza vestiti sufficienti a proteggerlo, in modo che il corpo si debiliti e si ammali. La detenzione assume caratteri inumani e di mera prevaricazione come testimoniato anche da Amnesty International. Dopo essere stato avvelenato su un aereo, come fu per Anna Politkovskaija mentre si recava a Bezlan, Alexei Navalnij, attivista, ex oppositore di Putin, è sopravvissuto. Dopo essere stato curato in Germania, nonostante fosse certo di essere arrestato, ha sfidato le autorità russe ed è tornato a Mosca. Dove in seguito a un processo farsa è stato condannato a nove anni, dopo i due già trascorsi in detenzione preventiva.Ol’ga Alexandrovna Sedakova, la maggiore poetessa russa vivente. Considerata l’erede della grande Anna Achmatova, è stata arrestata giovanissima, internata in un ospedale psichiatrico, torturata con farmaci ed elettroshock, nel tentativo, vano, di impedirle di pensare e scrivere in maniera indipendente. Ma le sue poesie hanno circolato sotto forma di samizdat, le autoproduzioni clandestine che ai tempi dell’URSS consentivano la diffusione della letteratura contro. Oggi Ol’ga Sedakova ancora opera e pubblica, tra mille difficoltà.E infine Victoria Lomasko, artista e fumettista russa in esilio. Che ha dovuto imparare a far stare tutte le sue cose in due valigie e dopo diverse minacce e ostacoli burocratici ha dovuto lasciare la sua Russia per vivere in Europa. Lontano dalla sua famiglia, dai suoi amici.Sono testimonianze, quelle che proponiamo. Ritratti di personalità diverse e indipendenti, tutte non schierate con il regime, senza ambiguità alcuna, e che per questo pagano lo scotto della loro scelta. È solo un piccolo contributo, per ringraziare queste persone, che rispettiamo e apprezziamo proprio perché sappiamo che il cammino per difendere una pluralità di sguardi, di posizioni, non è comodo né scontato, ma rimane pur sempre necessario. Indispensabile. Dall’editoriale di Igort Illustrazione di copertina di Alice Iuri, pp. 120, 6 euro

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Prezzi Russia e Occidente. Informazioni false e vere

Posted by fidest press agency su mercoledì, 29 giugno 2022

Il presidente russo Vladimir Putin, citato dalla agenzia Tass, sostiene che ‘Occidente sta creando artificialmente un’atmosfera di “isteria” in merito alle esportazioni di grano dall’Ucraina, che la Russia non sta impedendo. Quanto all’aumento dell’inflazione nei Paesi occidentali, ha affermato, essa e’ il risultato di “politiche macroeconomiche spericolate” da parte dei loro governi. Affermazioni, sull’inflazione, che potrebbero essere valutate per ridimensionare la gravità di quanto accade con l’invasione dell’Ucraina, ma che sarebbe bene passino il vaglio dei numeri. A maggio, l’inflazione in Russia era al 17,1%, in calo rispetto al 17,8% del mese precedente (dati Rosstat – 1). Nei Paesi Ue era 8,1%, cifra record mai raggiunta in zona euro. Quindi le “politiche macroeconomiche spericolate” dei governi occidentali hanno prodotto un’inflazione di meno della metà di quella in Russia, in un contesto di grave pericolo per gli approvvigionamenti energetici e sull’orlo di un conflitto mondiale. I prezzi sono la parte più evidente e delicata dell’economia, la cartina al tornasole su cui si verificano le politiche che reggono il consenso verso lo Stato. I numeri parlano da sé. E soprattutto spiegano meglio le affermazioni di chi ci governa. In Russia e in Occidente.Vincenzo Donvito Maxia : http://www.aduc.it

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Russia in default

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 giugno 2022

Non accadeva dal 1917, quando Vladimir Lenin si rifiutò di pagare i debiti sottoscritti dallo zar Nicola II. Oggi, la Federazione russa è in default perché non ha pagato gli interessi sui titoli di Stato emessi in dollari. Quando uno stato va in default significa che non riesce a pagare i debiti, di conseguenza gli investitori si dileguano. Il caso della Russia è, però, del tutto particolare perché il mancato pagamento è dovuto alle sanzioni che impediscono alle banche sanzionate di effettuare le operazioni necessarie per i pagamenti. Dal tempo dell’invasione, comunque, gli investitori si erano defilati confermando l’isolamento russo dai mercati. L’isolamento è la conseguenza delle sanzioni occidentali in risposta all’invasione dell’Ucraina. Il Fondo monetario internazionale, a gennaio aveva previsto un aumento del Pil russo del più 2,8%, ora, dopo l’invasione, la previsione è del meno 8,5%. Eppure, qualcuno racconta che le sanzioni hanno avuto pochi effetti sull’economia russa. Primo Mastrantoni, Aduc http://www.aduc.it

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Se tutti gli Stati vicini alla Russia vogliono aderire all’Ue e perfino alla Nato, avranno motivi convincenti per farlo

Posted by fidest press agency su sabato, 25 giugno 2022

Noi conosciamo i francesi meglio di polacchi e finnici, loro conoscono i russi meglio del prof. Orsini. E questo dovrebbe bastare. Per quanto riguarda l’emergenza energetica siamo d’accordo al tetto per il prezzo del gas, ma manca una risposta di sistema che per noi è l’autosufficienza. Draghi ha il potere di sospendere il Pitesai, firmato nel febbraio di quest’anno per riavviare subito le attività estrattive ed esplorative sospese. Ci consentirebbero di avere 300 miliardi di gas domestico, una quantità tale da renderci per oltre 10 anni autonomi dal gas russo, non dovremmo chiedere a Putin neppure una bomboletta di gas da campeggio. Sì al fotovoltaico ma non sulle aree agricole, perché prima dell’emergenza energetica c’è l’emergenza alimentare e dobbiamo coltivare ogni fazzoletto di terra. Ci sono migliaia di superfici coltivabili alternative e il nostro paesaggio è tutelato dalla costituzione. Infine, una domanda sul ddl concorrenza, che mette a bando non solo le nostre coste per gli stabilmenti balneari, le nostre piazze per il commercio ambulante, ma anche i bacini idroelettrici, in una fase drammatica di siccità che richiede urgenti interventi di riconduzione forzata per produrre energia sempre con la stessa acqua. Che cosa mettono sul tavolo della concorrenza le altre nazioni europee? Coloro che non hanno arenili commerciabili, non hanno il clima per i mercati rionali, non hanno le montagne e quindi le centrali idroelettriche… Cosa mettono a disposizione delle imprese italiane e della nostra comunità? Perché l’ideologia liberista prevede la reciprocità, se non c’è reciprocità c’è circonvenzione d’incapace”. E’ quanto ha dichiarato il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia in replica alle comunicazioni del presidente del Consiglio Mario Draghi intervenuto in aula Montecitorio in vista della riunione del Consiglio europeo del 23 e del 24 giugno 2022.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

UE/Brexit. Perché non siamo Russia

Posted by fidest press agency su sabato, 18 giugno 2022

Anche se il presidente russo Vladimir Putin dice che ha invaso l’Ucraina per un “problema di cuore”, riprendersi territori che fanno parte della Russia di Pietro il Grande per salvare i russofoni presunti perseguitati, le zone che vorrebbe annettersi sono ricche di notevoli riserve di litio e minerarie. E, invece di cominciare una “guerra commerciale” con lo Stato sovrano dell’Ucraina, è passato alla invasione in armi, come se gli ultimi cento anni di storia del continente europeo non avessero significato o insegnato nulla per la soluzione dei conflitti. Non solo, ma per Putin, la “gloria” di questa guerra serve a riaffermare e rafforzare il suo potere interno, in una Russia a suo avviso sempre più incline ai modelli occidentali di vita ed economia. Cosa di meglio del nemico esterno che vorrebbe distruggere la propria identità? In questi giorni sta avvenendo altrettanto nel Regno Unito, senza al momento bombardamenti e distruzioni. Il premier Boris Johnson, molto screditato e dato in declino per i suoi comportamenti durante i lockdown del covid e per un’economia che stenta a portare a termine la Brexit, ha deciso di far leva sull’orgoglio e il primato economico britannico per validare la propria leadership: agnello sacrificale l’Irlanda del Nord che, come da accordi voluti anche da Johnson, di fatto continua ad appartenere al mercato Ue per evitare il ritorno della frontiera fisica con la Repubblica d’Irlanda. Il progetto di legge di Johnson prevede vantaggi per le aziende Uk che esportano in Irlanda del Nord (quindi mercato Ue), ma non altrettanto per aziende Ue verso Irlanda del Nord, escludendo controlli da parte della Corte di Giustizia Ue. Se l’Ue dovesse ragionare e agire come la Russia di Putin dovrebbe schierare le proprie truppe a difesa del mercato Ue in Irlanda del Nord. Nel caso specifico ci sarebbero tutti gli elementi tipici per “passare alle armi” sul modello Putin: violazione degli accordi, interessi economici imposti e non concordati, etc. Ovviamente l’Ue non lo fa, non solo perché le sue “truppe” “lasciano un po’ a desiderare…”, ma perché l’Ue ha fatto tesoro delle lezioni di storia e umanità: mai più risolvere i conflitti con guerre in armi. Questo è uno dei diversi motivi per cui, per esempio, l’Ucraina (e non solo) vorrebbe far parte dell’Ue e non della Federazione russa, o perché i russi preferiscono McDonalds e non i burger locali. Vincenzo Donvito Maxia http://www.aduc.it

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’anomalia di un Paese che esporta molto e importa poco. Il caso Russia

Posted by fidest press agency su domenica, 29 Maggio 2022

Come è possibile che il surplus commerciale di una nazione sia indice di debolezza, anziché di forza? E’ la domanda che ci viene rivolta perché la chiarezza, con i media, fa sempre difetto. Vediamo il caso della Russia che dichiara un surplus commerciale, cioè la differenza tra il valore delle esportazioni e quello delle importazioni, positivo.In una normale economia questo è che un segnale positivo, ma non lo è per la Russia odierna. Perché mai? Vediamo. E’ vero che la Russia incassa circa un miliardo di dollari al giorno dalla esportazione di gas e petrolio, ma non può utilizzarli per acquisti all’estero in virtù delle sanzioni; così si crea l’avanzo commerciale russo, ma è un segnale negativo. La Russia ha una forte dipendenza dalle tecnologie esterne che però non può acquistare. Un esempio serve a chiarire: la Russia ha circa 1300 aerei commerciali, dei quali 400 circa di produzione nazionale e 900 esteri. Se non è possibile acquistare i pezzi di ricambio degli aerei esteri, questi non potranno più volare. Si può estendere l’esempio ad altri settori per comprendere come, nel tempo, l’economia russa si affosserà. Perché facciamo queste annotazioni? Perché i media non fanno informazione, ma si limitano alle notizie, che sono sparate nei titoli, generando confusione tra gli utenti. E’ successo anche in altri settori e per argomenti diversi.Il consiglio è quello di non prendere per oro colato ciò che ci viene raccontato: della serie “l’ha detto la tv, o, l’ho letto sul giornale o sui social”. Calma e gesso, si diceva una volta e attivare i neuroni. http://www.aduc.it

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

47 again? Russia out, Kosovo in

Posted by fidest press agency su sabato, 21 Maggio 2022

Russia, a nuclear superpower with a population of 146 million and a landmass stretching across nine time zones, joined the Council of Europe in 1996. As a Council of Europe member, Russia waged wars in Chechnya (1999-2000), invaded Georgia (2008), annexed Crimea (2014), triggered war in Eastern Ukraine (from 2014), bombed civilians in Syria (from 2015) and then launched an assault against the whole of Ukraine in February 2022. Kosovo, one of Europe’s smallest democracies with a population of less than 2 million, with a territory that is 0.05 percent that of Russia, declared its independence in February 2008. This was recognised by a large majority of members of the Council of Europe (34 of 46). In October 2008, the General Assembly of the United Nations turned to the International Court of Justice (ICJ) in The Hague with a simple question: “Is the unilateral declaration of independence by the Provisional Institutions of Self-Government of Kosovo in accordance with international law?” In July 2010, the ICJ concluded that “the declaration of independence of Kosovo adopted on 17 February 2008 did not violate international law”. Unlike Russia, Kosovo has seen peaceful transfers of political power following free and fair elections. Unlike Russia, independent Kosovo never had political prisoners. Unlike Russia, it has not waged any wars. And yet, for many years, Kosovo governments have been actively discouraged from applying for Council of Europe membership by other members. The result: Kosovo remains outside. It is today the only European democracy which is not yet a member of the Council of Europe. Russia’s recent invasion of Ukraine, combined with threats by its leaders against other Council of Europe member states, was finally too much.On 15 March this year, the Parliamentary Assembly of the Council of Europe adopted an Opinion. It considered that the Russian Federation can no longer be a member State of the Organisation. The decision was unanimous. That same day, the Russian government announced its withdrawal. After more than a quarter of a century of being a member, Russia was out. Shortly thereafter, Kosovo’s government announced its intention of applying to take Russia’s place as 47th member. On 12 May, last week, Kosovo’s foreign minister submitted Kosovo’s application in Strasbourg.Italy currently chairs the Committee of Ministers. Luigi di Maio, the Italian foreign minister, has often spoken out in favour of Kosovo’s integration into European institutions.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

PE: applicare alla Bielorussia tutte le sanzioni UE contro la Russia

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 Maggio 2022

Bruxelles. In una risoluzione adottata giovedì, il Parlamento europeo si oppone con forza al ruolo svolto dal regime bielorusso nell’assistenza alla guerra illegale della Russia contro l’Ucraina, compresi il cosiddetto referendum per ripristinare lo status nucleare del paese e l’uso del territorio bielorusso da parte dell’esercito russo per muovere truppe e armi, utilizzare lo spazio aereo, rifornirsi di carburante e immagazzinare munizioni militari. Secondo i deputati, il regime bielorusso è corresponsabile dell’attacco e deve subirne le conseguenze ai sensi del diritto internazionale. Inoltre, i deputati sottolineano il ruolo crescente della Russia in Bielorussia e la sua influenza finanziaria, e sollevano seri dubbi sulla capacità della Bielorussia di prendere decisioni autonome.Il testo è stato approvato per alzata di mano.Il Parlamento accoglie con favore la proposta della Commissione europea per un sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia e la Bielorussia e invita i Paesi UE a garantirne la completa e rapida attuazione. I deputati chiedono che tutte le sanzioni UE emesse contro la Russia siano rigorosamente applicate anche alla Bielorussia.Nel testo, si sottolinea anche la necessità di un’indagine completa sui crimini commessi dal regime di Aliaksandr Lukashenka contro il popolo bielorusso. I Paesi UE sono invitati ad applicare attivamente il principio della giurisdizione universale e a predisporre processi contro i funzionari bielorussi responsabili o complici di violenze e repressioni, compreso lo stesso Lukashenka.I deputati condannano fermamente il recente arresto e la detenzione di leader e rappresentanti sindacali da parte delle autorità bielorusse, qualificandoli come un attacco ai diritti umani e ai diritti fondamentali sanciti dalle convenzioni internazionali. Di conseguenza, le persone arrestate devono essere rilasciate immediatamente ed è necessario garantire loro l’accesso a una giustizia indipendente.Il Parlamento denuncia anche le recenti modifiche apportate al codice penale bielorusso che introducono la pena di morte per tentati atti di terrorismo. Questa mossa può essere facilmente utilizzata dal regime contro i suoi oppositori politici, poiché molti prigionieri politici in Bielorussia sono stati accusati, o sono già stati condannati, a lunghe pene detentive in base alle disposizioni sul terrorismo. Infine, i deputati chiedono alla Bielorussia di abolire immediatamente la pena di morte in modo permanente e sottolineano la necessità di rafforzare la cooperazione dell’UE con le forze democratiche bielorusse, anche attraverso vertici regolari e un robusto aiuto finanziario.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Energia/Russia. Perché fidarsi solo dell’Europa, ed è tutto dire…

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 Maggio 2022

Dopo tante dichiarazioni di “isolamento” e “boicottaggio” del gas e del petrolio russo qualcuno in Commissione europea deciderà qualcosa? Impossibile rispondere, soprattutto perché la Commissione non rappresenta e agisce in nome di noi europei, ma in nome e per conto di Stati nazionali che rispondono a chi li ha eletti per una politica nazionale. Pur con le dovute differenze con altri Paesi, il caso Ungheria sul petrolio è sintomatico: contraria a vari provvedimenti contro la Russia, ha lasciato uno spiraglio di sua disponibilità in cambio di 700-750 milioni di euro, oltre a una proroga più lunga per l’entrata in vigore del divieto di importazione di greggio. Questa è lo scenario politico ed economico con cui ha a che fare la Commissione per indicarci e darci le alternative all’energia russa. Ma non ci sono molte alternative. Vedremo come procederanno a Bruxelles. La Commissione – intanto e da tempo – per l’immediatezza ha detto ad ogni Paese di fare molto da sé. L’Ungheria dice che lo fa se gli danno tot milioni…. e se andiamo a guardare al di qua delle Alpi? Alla faccia del “Green Deal” europeo, c’è la ripartenza di centrali in disuso per niente ecologiche o i discorsi su estrazioni marine rinnegate già alcuni fa sempre per motivi ecologici, tutto con tempi jurassici rispetto a togliere proventi economici il più presto possibile ad una Russia che continua i massacri – oggi – in Ucraina… domani, se non la fermiamo, in … Il nostro Paese in teoria non dovrebbe essere messo male con le cosiddette energie alternative, quelle per le quali da anni paghiamo balzelli in bolletta… ma con quali risultati e prospettive? L’amministratore delegato di Enel, Francesco Starace, dice (2) “Per una minore dipendenza dal gas, si può e si deve accelerare sulle rinnovabili perché è conveniente e genera occupazione: ma c’è un ‘ingorgo’ per una straordinaria quantità di progetti in attesa di autorizzazione. …. quantità che supera la possibilità di lavoro delle Amministrazioni Pubbliche: un nostro studio evidenzia che servirebbero 2mila persone qualificate per processare i documenti e scegliere i progetti da autorizzare”. A parlare è Enel, gestore energetico nazionale per eccellenza, la cui politica ci ha portato in questo “cul de sac” di oggi. Credibilità limitata. Enel che rimbalza sulla Pubblica Amministrazione lo stallo sulle rinnovabili. Ma, supponendo che questa volta abbia studiato azzeccandoci… quando, dove e come si rendono operative queste 2mila persone qualificate? Immaginiamo già le baruffe politiche e le avance di ogni partito – di governo e opposizione – per i propri fedeli da sistemare… tempi a go-go, ché sono più importanti i sistemandi che non i risultati. Ovviamente non siamo in grado di predire cosa e come accadrà, ma abbiamo abbastanza conoscenza per individuare questi scenari (europeo e nazionale) e ribadire che possiamo fidarci solo dell’Europa, foss’anche solo perché l’Europa è poco responsabile, rispetto agli Stati nazionali, delle politiche che ci hanno portato a dipendere dall’energia russa. Intanto, i consumatori, per non trovarsi spiazzati nei periodi peggiori che stanno arrivando, è bene che comincino, per quanto possibile, a pensare e organizzare metodi “fai da te” per la propria energia. François-Marie Arouet http://www.aduc.it

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »