Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Posts Tagged ‘sacerdotale’

Paolo Romeo: Giubileo sacerdotale

Posted by fidest press agency su sabato, 19 marzo 2011

Il Santo padre scrive all’Arcivescovo Metropolita di Palermo: “Già l’anno appena trascorso abbiamo avuto modo di conversare amabilmente, ora ci rivolgiamo di nuovo a te con questa Nostra Lettera, Venerabile Fratello Nostro, per rallegrarci di una tua singolare ricorrenza, poiché nella vigilia della Solennità di San Giuseppe ti accingi a celebrare con gioia il cinquantesimo anniversario dell’ordinazione sacerdotale. Per questo siamo certi che la tua comunità ecclesiale, celebre ed insigne per comprovata antichità, vorrà associarsi a questa commemorazione, celebrando festosamente questa importante memoria, per i tanti anni da te vissuti e impegnati nel vivere il ministero apostolico. E infatti, ben formato nelle discipline umane e sacre, fosti insignito dell’Ordine del Presbiterato nella comunità di Acireale ed incominciasti ad esercitare il ministero sacerdotale che è continuato per cinquanta anni ed è stato rivolto a molti settori. Difatti, particolarmente versato nelle questioni giuridiche, ben presto hai iniziato a prestare la tua opera nelle relazioni diplomatiche della Sede Apostolica. Molte sono le Nazioni del mondo in cui si trovano qua e là testimonianze della tua attività nell’interesse della Chiesa, cui hai sempre prestato fedele servizio con il tuo impegno e i tuoi ruoli. Ancor più e con maggiore dignità e più elevato animo hai svolto questo compito dal 1984, quando il Nostro Predecessore, il Venerabile Servo di Dio Giovanni Paolo II, ti consacrò Vescovo e ti inviò come Nunzio Apostolico. In seguito, per Nostra provvida decisione ti abbiamo scelto come Arcivescovo Metropolita di Palermo, affinché i fedeli a te affidati potessero arricchirsi di benefici spirituali. Dappertutto, dunque, si trovano segni del tuo zelo e della tua sollecitudine di Pastore. Infatti, a buon diritto e con valide motivazioni, secondo le esortazioni del Concilio Ecumenico Vaticano II, ai singoli fedeli ed alle realtà associative sono stati trasmessi giusti ammaestramenti ed incitamenti al cammino di santità, come anche è stato conservato e curato il patrimonio della Curia. Alla luce di tutto ciò, recentemente ti abbiamo volentieri annoverato nel Collegio dei Padri Cardinali. Pertanto, con grande predilezione vogliamo rallegrarci con te per questa prossima lieta ricorrenza. Per tale motivo desideriamo quasi unirci al coro dei tuoi fedeli nella lode per il ministero presbiterale prestato. E inoltre supplichiamo il Benignissimo divino Pastore perché voglia con te essere munifico rimuneratore dei tuoi meriti e assicurarti per il futuro la sua efficace protezione. Infine, anzitutto a te, Venerabile Fratello Nostro, elargiamo di cuore la Nostra Benedizione Apostolica, che intendiamo, inoltre, con gioia estendere al Vescovo Ausiliare e a tutta quanta la tua comunità.  Dal Palazzo Apostolico, giorno 8 del mese di Febbraio dell’anno 2011, sesto del Nostro Pontificato”. (Benedetto Papa XVI)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Padre Pio: anniversario ordinazione sacerdotale

Posted by fidest press agency su martedì, 10 agosto 2010

Con una solenne celebrazione eucaristica l’arcivescovo  di Benevento, Mons. Andrea Mugione, ha voluto ricordare il primo centenario dell’ordinazione sacerdotale di Padre Pio da Pietrelcina, avvenuta a Benevento il 10 agosto 2010.
Una celebrazione particolare nell’anno in cui si celebrano altri due centenari del santo di Pietrelcina: la celebrazione della prima Messa il 14 agosto e dell’apparizione delle prime stimmate nel settembre di cento anni fa.  Quelle stimmate, da tutti definite “invisibili”, ma non per questo non dolorose. A Pietrelcina il frate cappuccino ha vissuto circa trent’anni della sua vita con lunghi periodi di permanenza quando alcune sofferenze fisiche lo allontanavano dai conventi cappuccini – durante il periodo di studio e anche dopo la sua ordinazione sacerdotale – che lo ospitavano per respirare l’aria salubre del paese natale. Prima di essere inviato a San Giovanni Rotondo dove ha vissuto fino alla morte. Per ricordare i tre eventi del 1910 l’editrice “Tau” ha mandato in libreria, un volume dal titolo “Quei tre giorni di Padre Pio. A Pietrelcina un secolo fa” scritto dal giornalista Raffaele Iaria e nel quale l’autore  non vuole raccontare tutto il percorso di padre Pio prima di diventare sacerdote oppure raccontare la sua vita da presbitero a Pietrelcina e successivamente a San Giovanni Rotondo, ma un brevissimo periodo della sua vita: dal 10 agosto al settembre di 100 anni fa e cioè dal giorno della sua ordinazione sacerdotale a Benevento fino alle prime stimmate a Piana Romana di Pietrelcina, passando per il 14 agosto, giorno della celebrazione della sua prima messa in questo borgo del Sannio. Queste pagine – scrive nella prefazione Paolo Bustaffa, direttore dell’agenzia di stampa cattolica “SIR” – portano il lettore in punta di piedi accanto a un frate umile e riservato che vive il momento pubblico del suo ‘sì per sempre’ a Dio con una vibrazione interiore che sorprende lui stesso prima che gli altri. È una fiammata che il tempo non consumerà, anzi al contrario, riaccenderà ogni istante come il roveto ardente sul monte Sinai”. Padre Pio, in quei tre giorni di cento anni fa raccontati in questo libro – aggiunge Bustaffa –  veniva fortemente scosso da una Voce che non lo abbandonerà mai più, una voce che sarà con lui con il linguaggio del silenzio, del nascondimento e della preghiera”. Il “sì per sempre a Dio” diventato pubblico e definitivo in quel lontano 10 agosto 1910, “portava ad alta quota la strada della santità di padre Pio, strada verso Dio, strada che attraversava un piccolo paese ma andava oltre: puntava verso le altezze di Dio”.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Il celibato sacerdotale: teologia e vita”

Posted by fidest press agency su martedì, 2 marzo 2010

Roma dal 4 al 5 marzo prossimi (piazza Sant’Apollinare, 49).è il tema del XIV Convegno organizzato dalla Facoltà di Teologia della Pontificia Università della Santa Croce. L’iniziativa, che gode del patrocinio della Congregazione per il Clero, rientra nell’ambito dell’anno sacerdotale indetto da Papa Benedetto XVI e si pone lo scopo di “riflettere sulle novità della ricerca sulla dottrina sul celibato”, studiando la materia in “maniera interdisciplinare”, anche a fronte degli sviluppi registrati negli ultimi decenni. A presentare le varie prospettive ci saranno, il primo giorno (4 marzo), il prof. Stefan Heid (Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana): La ricerca storica sul celibato e sulla continenza clericale a partire dal Concilio Vaticano II; Mons. Angelo Amato (Prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi): Per una teologia del celibato di Gesù Cristo, Pontefice della Nuova Alleanza; il prof. Laurent Touze (Pontificia Università della Santa Croce): Il celibato è vincolato al sacramento dell’Ordine? Per una teologia spirituale del celibato; Mons. Damiano Marzotto (Pontificia Università Gregoriana): Celibato sacerdotale e fraternità: dal Nuovo Testamento alla vita. Ad introdurre i lavori del secondo giorno (5 marzo), il Card. Claudio Hummes, O.F.M., Prefetto della Congregazione per il Clero. Seguiranno gli interventi del prof. Aquilino Polaino (Università San Pablo-CEU di Madrid) su La realizzazione della persona nel celibato sacerdotale; del prof. Pablo Gefaell (Pontificia Università della Santa Croce) su Il celibato sacerdotale nelle Chiese orientali: storia, presente, avvenire; del prof. Antonio Malo (Santa Croce) su Antropologia dell’affettività e celibato sacerdotale. Il Convegno si concluderà con la tavola rotonda Come formare al celibato sacerdotale oggi? Esperienze a Roma e nel mondo, a cui prenderanno parte alcuni formatori e rettori di seminari. Nel corso delle due giornate, inoltre, è previsto uno spazio per le comunicazioni dei partecipanti.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gesù estraneo al mondo sacerdotale

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 febbraio 2010

Lettera al direttore. Il Gesù dei vangeli non solo era estraneo al mondo sacerdotale, ma non  nutriva alcuna simpatia per gli addetti alle cose sacre. Si potrebbe affermare che fosse un anticlericale. Rivolto ai discepoli: «Ma voi non vi fate chiamare “Rabbì”, poiché uno solo è fra voi il Maestro; tutti gli altri siete fratelli. Nessuno chiamerete sulla terra vostro padre, poiché uno solo è vostro Padre, quello celeste. Non vi farete chiamare precettori, poiché uno solo è il vostro precettore, il Cristo» (Mt 23, 8 – 10). I membri del gruppo dei dodici costituito da Gesù, non erano dignitari ecclesiastici, ma semplici galilei inviati a predicare il vangelo a tutte le genti. Neppure il Tempio sembra gli piacesse. “Mentre egli lasciava il tempio, uno dei suoi discepoli gli disse: «Maestro, guarda che pietre e che costruzioni!». Gesù gli rispose: «Vedi queste grosse costruzioni? Non resterà qui pietra su pietra, che non sia diroccata» (Mc 13, 1-2). C’è da augurarsi che Gesù non torni sulla terra, ché all’uscita dalla Basilica di San Pietro, uno dei discepoli potrebbe dirgli: «Maestro, guarda che statue, che colonne, che cupola». E il Maestro: «Vedi questa meraviglia? Non resterà…». Dio ce ne scampi! (Francesca Ribeiro)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“La comunicazione nella missione sacerdotale”

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 novembre 2009

Roma 18 novembre 2009, ore 9.15 Aula Álvaro del Portillo Università della Santa Croce – La giornata si dividerà in due parti. Al mattino verrà affrontata la funzione comunicativa del sacerdote in relazione alla sua consacrazione sacramentale. Sarà preso anche in esame l’esempio dei Padri della Chiesa nel loro ruolo di comunicatori e si concluderà con una riflessione pratica sull’omelia domenicale quale momento privilegiato della trasmissione della Parola. Durante la sessione pomeridiana si analizzeranno le conseguenze della testimonianza e della presenza del sacerdote nei diversi ambiti comunicativi: come dovrebbe mostrarsi nei mezzi di comunicazione, quale comportamento dovrebbe avere nelle circostanze in cui si rivela fonte informativa privilegiata. Per finire, si vaglierà l’impatto della serie televisiva della RAI “Don Matteo”, come esempio di fiction che riesce a comunicare la bellezza della vocazione sacerdotale. Vi parteciperanno, S.E.R. Mons. Mauro Piacenza, Segretario della Congregazione per il Clero; Mons. Paul Tighe, Segretario del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali; il Rev. Giovanni D’Ercole, F.D.P., della Segreteria di Stato della Santa Sede; il Rev. Prof. Mario Maritano, dell’Università Salesiana; la dott.ssa Alessandra Caneva, co-autrice della serie Don Matteo; e i professori della Santa Croce Rev. Philip Goyret, Rev. John Wauck e Rev. Sergio Tapia.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »