Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 302

Posts Tagged ‘sacrificio’

In ricordo del maresciallo Aversa

Posted by fidest press agency su martedì, 3 gennaio 2012

“La malavita quando colpisce lo fa convinta del fatto che uccidere un uomo colpendo i suoi affetti più cari e lasciando nella disperazione intere famiglie, significa averla vinta, significa mostrare i muscoli per dichiarare la propria forza. Ma il ricordo dell’esempio che alcuni uomini lasciano in chi li ha conosciuti e chi di loro ha sentito parlare non muore con un colpo di pistola. E così dopo vent’anni il ricordo del Maresciallo Salvatore Aversa e della sua adorata moglie Lucia Precenzano, sono vivi nella mente dei Poliziotti calabresi come esempio di forza e di rettitudine sul lavoro e in famiglia.” – Lo dichiara Giuseppe Brugnano, Segretario Regionale del Coisp – il Sindacato Indipendente di Polizia – “Il 4 gennaio del 1992, mani assassine, – continua Brugnano – colpivano Salvatore Aversa, reo, agli occhi di quell’antistato che si annida negli angoli della società civile, di essere un investigatore integerrimo, Servitore dello Stato in maniera incondizionata fino all’estremo sacrificio. Ma perché la punizione sembrasse ancor più grande gli assassini non si accontentarono di colpire lo Stato attraverso la morte di uno dei suoi rappresentanti più autorevoli ma inflissero un dolore più grande, lasciando tre figli senza un padre e senza una madre. I risultati raggiunti dalla Polizia di Stato in questi vent’anni sono stati, come ha detto recentemente il Capo della Polizia encomiabili, e questo ha reso omaggio alla memoria di chi come Salvatore Aversa ha combattuto la malavita fino all’estremo sacrificio. Ma ancora troppe zone grigie esistono in Calabria, ancora troppo sole e troppo esposte sono le Forze dell’Ordine chiamate, in alcune regioni più che in altre, a confrontarsi con una delinquenza attrezzata che ha affinato, da quel 4 gennaio di vent’anni fa, i suoi modi di colpire. Ecco perché, se da una parte è dovuto un pensiero di rispetto e riconoscenza nei confronti di chi, come Salvatore Aversa troppo presto è stato sottratto all’amore dei suoi figli, dall’altra il miglior modo per non rendere vano il sacrificio di chi per lo Stato ha dato la propria vita, è rafforzare tutti i mezzi a disposizione delle Forze di Polizia, lottando al loro fianco perché i Servitori dello Stato li si possa onorare in vita e non doverne parlare sempre tragicamente al passato. Il Coisp, vent’anni dopo, – conclude il Segretario calabrese del Sindacato Indipendente di Polizia – ricorderà i coniugi Aversa, come ogni anno, in una manifestazione che si svolgerà nel Comune di Lamezia Terme il prossimo 23 gennaio ed alla quale parteciperanno diversi rappresentanti nazionali, tra questi il Segretario Generale del Coisp Franco Maccari”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Valeria Bartolini espone ad Art Collective

Posted by fidest press agency su martedì, 19 luglio 2011

Roma dal 20 al 30 luglio 2011 galleria espositiva Ex Roma Club Monti via Baccina, aperta dal lunedì al sabato dalle 15 alle 21 Vernissage mercoledì 20 arpile (h19). Fino a tarda serata aperitivo Zinzer Food e dj set con dj Sninf.
La giovane storia di una piccola grande galleria. Una storia fatta di lavoro e sacrificio, ma anche di appagamento e grandi risultati raggiunti assieme a chi, presso l’Ex Roma Club Monti, ha deciso di presentare le proprie opere al pubblico. Per suggellare un progetto iniziato tre anni fa e conferire il giusto tributo agli artisti che hanno esposto presso lo spazio di via Baccina 66, la galleria espositiva è lieta di annunciare l’evento “Art Collective”, una grande mostra collettiva con 30 artisti selezionati tra centinaia e oltre 58 opere d’arte, emblema delle 31 mostre allestite dallo staff della galleria dal dicembre del 2008 sino a oggi. Gli artisti e le loro opere:
Werther Germondari (Ars Monticiana – fotografia), Welt (Into the eternal sign / tattoo – fotografia), Gabriele Lacchè (Tracce sinottiche – pittura), Alejandro Marmo (Abrazos Sanadores – scultura), Jason Johnson (La Malattia Rossa – pittura), Claudio Bordin (Quota 34 – fotografia), Federico Ciacci / Ariel M. Ortega (La Joie de Vivre – pittura / oreficeria), Michelangelo Janigro (Armonie Silenziose – pittura), Raffaele Bafefit (Tutto il nero che vedo – pittura), Massimo Di Barolomei (Nature Silenti – scultura), Marilena Tugnoli (Il filo…dei pensieri – pittura), Simone Cecchetti (Visions – fotografia), Simone Gatti (I nostri amici di gomma – collezionismo) Arabella Vallone (Tracce tricolore e altro – pittura), Valeria Bartolini (Sopra le linee – pittura), Franny Thiery (A propos dè… – pittura), Saverio Finocchi (Enigmi – pittura) Monica Di Folco (Gesti Virtuosi e oltre – pittura) Massimiliano Di Perna (Baci da Monti… – pittore), Omino71 / Jessica Stewart (20Keith/tribute to Keith Haring – street art), MrKlevra (Sk8 like canvas vol.II – street art), Ornella Mazzola (Roma che cambia – fotografia), Antonio Pierri (L’ironia degli oggetti sfortunati – pittura), Luca Maleonte / Alicè / Kiv (Suburban – street art)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Differenza tra Crocefisso e crocefisso

Posted by fidest press agency su sabato, 18 dicembre 2010

Lettera al direttore. Benedetto XVI ha ringraziato il governo italiano “per quanto ha fatto contro il “tentativo di eliminare il crocifisso dai luoghi pubblici”. Giusto che il Papa prenda posizione a favore del crocifisso nei luoghi pubblici. Che altro dovrebbe fare? Eppure qualcos’altro da fare ci sarebbe. Ad esempio si dovrebbe far notare ai fedeli la differenza tra il termine con la lettera maiuscola (Crocifisso) e quello con la lettera minuscola (crocifisso). E’ importante. Il primo si porta nel cuore, il secondo sul cuore, vale a dire sul petto. Il primo si trova in Chiesa, e quando i fedeli lo vedono lì, pensano al sacrificio del Cristo e lo ringraziano e lo pregano. Il secondo si appende alle pareti delle aule, dove si studia, ma dove alle volte si bestemmia, dove spesso (non alle volte) si maltratta il più debole; e si appende alle pareti dei tribunali, dove spesso entrano peccatori mai pentiti. La presenza del primo nelle Chiese non dà fastidio a nessuno (almeno nel nostro Paese), la presenza del secondo nei luoghi pubblici può dare fastidio a qualcuno. L’assenza del primo nelle Chiese, significherebbe l’assenza del cristianesimo. L’assenza del secondo sul petto o nei luoghi pubblici non significherebbe nella maniera più assoluta l’assenza del cristianesimo. E’ importante. (Francesca Ribeiro)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

Festa del sacrificio di Abramo id al-kabir

Posted by fidest press agency su lunedì, 15 novembre 2010

Roma 16 Novembre 2010, ore 8.30-11.30 P.za Vittorio e Villa De Santis Le celebrazioni della id al-kabir o della Grande Festa, sono senz’altro una delle ricorrenze più conosciute per la concomitanza col più grande raduno musulmano mondiale del pellegrinaggio a Mecca, dove è situata la moschea sacra, ricostruita, secondo la credenza, da Abramo.  L’importanza dell’evento sta proprio nella ‘dimenticata’ comunanza tra le religioni monoteiste. Tale festa difatti pone al centro anche della religione islamica il Profeta Abramo, che acconsentì alla domanda rivoltagli direttamente da Dio a sacrificare il primogenito Ismaele, ma fu fermato dall’angelo Gabriele, che gli diede in sostituzione della vita del figlio una pecora da immolare.  Il sacrificio del montone, atto di culto centrale in questo giorno festivo, assume il significato religioso della sottomissione alla volontà e alla fedeltà divina. Dinanzi all’impossibilità dell’organizzazione pubblica del culto del sacrificio in Italia per l’assenza ad oggi della stipula di un’intesa, questa giornata festiva sarà celebrata con un raccoglimento in preghiera.
L’associazione Dhuumcatu, insieme a diverse associazioni della comunità del Bangladesh e non solo, e alla Moschea Masjeed-e-Rome, invita i cittadini, le associazioni, le forze sociali e politiche, le istituzioni locali, i mezzi di comunicazione a partecipare a questo evento, voluto per rafforzare il dialogo interreligioso e la convivenza sociale, e per favorire la fratellanza nella diversità culturale.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Berlusconi: una gioventù che non muore

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 novembre 2010

Lettera al direttore Io lo capisco. Capisco Silvio Berlusconi, anche se, confesso, non mi è mai stato simpatico. Chi di noi da giovane non ha messo consapevolmente da parte la ragione per fare qualcosa a vantaggio di una bella ragazza? Chi di noi da giovane non ha fatto persino qualche sacrificio per avere questo piacere? Berlusconi è come se fosse sempre giovane. Quando decise di telefonare alla questura di Milano, sapeva perfettamente che si stava comportando in maniera irragionevole, ma il piacere di fare qualcosa per una bella fanciulla in quel momento era più forte della ragione. Aiutare una persona giovane e bella, solo perché è giovane e bella, dà piacere, ed è un piacere che rientra nella sfera sessuale; se non altro fa pregustare, almeno con l’immaginazione, piaceri più concreti. Non è facile da giovani rinunciare ai piaceri sessuali. E Berlusconi è come se fosse sempre un giovanotto. Io quindi non me la prendo con lui se il nostro Paese da molto tempo è come una nave senza timoniere, me la prendo con coloro che continuano a non capire che un giovanotto non può fare il presidente del Consiglio. Non so, può darsi anche che all’estero ci prenderebbero ancor più in giro, però penso che come Presidente della Repubblica, certamente farebbe meno danni. (Renato Pierri)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Afghanistan: Roma accoglie le salme

Posted by fidest press agency su lunedì, 11 ottobre 2010

“La città di Roma rende omaggio ai quattro militari caduti in Afghanistan. Il pensiero, in questo momento straziante, va alle famiglie di questi valorosi alpini, che hanno reso onore all’Italia con il sacrificio supremo della vita per il perseguimento della pace. Roma Capitale esprime la massima vicinanza a tutti i soldati del contingente italiano nella Valle del Gulistan, impegnati in un teatro di guerra duro e cruciale per le sorti afghane”.   Lo ha detto il vice sindaco Mauro Cutrufo, che questa mattina ha accolto, a nome del Sindaco e della città di Roma, le salme dei quattro alpini caduti in Afghanistan.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

8 settembre: sacrificio carristi Ariete

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 settembre 2010

«In occasione della celebrazione a Porta San Paolo alla quale parteciperà il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il Comune di Roma, che dal 2008 ha cercato di valorizzare la presenza dei militari quali protagonisti di quei tragici fatti del 1943, dopo aver ricordato l’impegno dei Granatieri di Sardegna e dei Lancieri di Montebello, intende commemorare il sacrificio dei carristi del 4° Reggimento della Divisione Ariete per la difesa di Roma».  Lo rende noto Antonino Torre, consigliere delegato ai rapporti con le Forze Armate e le Associazioni Combattentistiche e d’Arma. «In particolare – prosegue Torre – verranno celebrati il caporal maggiore Bruno Baldinotti e il carrista Carlo Lazzerini, entrambi del Distretto Militare di Roma, e il sottotenente, Renzo Fioritto, Medaglia d’Oro al Valor Militare. Il 10 settembre 1943, visti vani i tentavi di fermare le truppe germaniche che avanzavano dal mare su Roma, il 4° Reggimento ebbe l’ordine di intervenire con alcuni carri M 15 per cercare di bloccare i tedeschi che, progredendo in forze sulla via Ostiense, erano giunti ormai nella zona di Porta San Paolo. I carri italiani – spiega ancora Torre – al comando del sottotenente Fioritto, sprovvisti di una adeguata corazzatura e di un idoneo armamento, furono neutralizzati e in parte distrutti dalle preponderanti e bene armate forze germaniche nella zona della Passeggiata Archeologica. Il Sottotenente Fioritto, ferito gravemente, morirà subito dopo il ricovero all’Ospedale “Fatebenefratelli”, mentre i resti di Baldinotti e Lazzerini verranno ritrovati all’interno del loro carro completamente bruciato». «Per completare la rievocazione – conclude Torre – accanto a Porta San Paolo verrà schierato un carro M 15/42, con equipaggio in uniforme dell’epoca, fornito dal Museo della Motorizzazione militare».

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sciagura mineraria “Bois du Cazier”

Posted by fidest press agency su domenica, 8 agosto 2010

Marcinelle 8 agosto 1956 dove morirono 262 minatori, 136 dei quali italiani. Marcinelle, una cittadina mineraria della Vallonia (Belgio).Diventa la Giornata dedicata al “Sacrificio del Lavoro Italiano nel Mondo”  In molte parti d’Italia e all’estero in questa data si intraprendono iniziative atte a celebrare il ricordo del sacrificio del lavoro italiano all’estero e per valorizzare il contributo sociale da essi apportato con il loro quotidiano impegno. A Marcinelle diversi momenti a partire dalle 8,10 – l’ora dell’inizio della sciagura – con 262 rintocchi battuti per i minatori morti e altri 10 per i caduti in tutte le miniere del mondo. Alle 9 una celebrazione eucaristica seguita da una celebrazione ecumenica per realizzare nella preghiera quello che i minatori spesso dicevano si realizzava nel fondo della miniera: “laggiù siamo tutti uguali e fratelli…” Dalle 9,45 diverse cerimonie di omaggio. Ricordare quell’otto agosto 1956, dal 2001 diventata ogni anno, la “Giornata dei lavoratori italiani nel mondo”,  significa “ricordare milioni di italiani che in centocinquant’anni dall’Unità d’Italia, con il loro silenzioso lavoro hanno contribuito al benessere dell’Italia, dell’Europa e dell’umanità”, dice mons. Giancarlo Perego, direttore generale della Fondazione Migrantes. Oggi nel mondo sono circa 4 milioni di italiani residenti all’estero (fonte AIRE) e oltre 60 milioni di oriundi. Anche la Chiesa ha fatto e continua a fare la propria parte. Nel mondo operano 431 centri (parrocchie, missioni o altro) che forniscono una cura pastorale anche in lingua italiana con circa 500 sacerdoti, come ricorda il Rapporto Italiani nel Mondo pubblicato a cura della Fondazione Migrantes.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mirko Tremaglia su Marcinelle

Posted by fidest press agency su domenica, 8 agosto 2010

Anche quest’anno, a Marcinelle, verrà ricordata la tragedia che l’8 agosto 1956 spense la vita di 262 minatori, 136 dei quali erano Italiani.  Rivendico di aver voluto a tutti i costi, quando ero Ministro per gli Italiani nel Mondo, che questa data assurgesse, una volta per sempre, ad emblema del sacrifico dei lavoratori italiani all’estero. E così, con direttiva del 1° dicembre 2001 a firma del Presidente del Consiglio e del Ministro per gli Italiani nel Mondo, è stata istituita la “Giornata Nazionale del Sacrificio del Lavoro Italiano nel Mondo” da svolgersi annualmente il giorno 8 agosto, ricorrenza della sciagura mineraria di Marcinelle in Belgio. Nella stessa direttiva è specificato inoltre che le Amministrazioni pubbliche, sia in Italia che all’estero, assumano e sostengano iniziative volte a celebrare il ricordo del sacrificio dei lavoratori italiani nel mondo, al fine di favorire l’informazione e la valorizzazione del contributo sociale, culturale ed economico recato con il proprio impegno dai lavoratori italiani operanti all’estero. Non dimentichiamo il sacrificio di questi lavoratori, trasmettiamo alle nuove generazioni il valore che la nostra emigrazione ha conquistato in un secolo di Storia. Un valore che oggi equivale in molti casi a prestigio, successo ed affermazione; questo è quanto i nostri connazionali possono vantare in ogni Paese di residenza, ma, per tanti anni, decine di anni, è costato sacrifici, frustrazioni, discriminazioni ed umiliazioni. Dopo anni di lotte sono riuscito ad ottenere il diritto di voto per gli Italiani residenti all’estero, che oggi, grazie alla legge “Tremaglia” n. 459 del 27 dicembre 2001, sono rappresentati nel Parlamento italiano da 12 Deputati e 6 Senatori. Dobbiamo essere uniti e batterci per mantenere il diritto di voto all’estero, introducendo il voto segreto presso le Ambasciate, i Consolati o altre Sedi, ma conservando – come fanno altri Paesi – l’indispensabile voto per posta. (Mirko Tremaglia)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il “Partito popolo del Sud” a marce forzate

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 agosto 2010

Milano diventa la prima sede del Partito del Popolo del Sud. La città non è stata presa a caso. Milano è stata, sin dagli anni sessanta, la meta di molti meridionali in cerca di lavoro. Il loro impegno e il loro sacrificio è stato determinante per l’economia del Nord. I loro figli sono nati in Lombardia, in Piemonte e in Veneto e sono diventati il simbolo dell’unità d’Italia. E’ già pronto anche l’organigramma della dirigenza del Partito: Ne è presidente Massimo Tartaglia, Segretario nazionale è Girolamo Foti e con vari altri incarichi Bruno Mabilia e Francesco Marrocco già dirigenti di Alleanza per il Sud e Antonino Calì del Movimento per il sud. Ma non finisce qui. Altri hanno risposto all’appello come Gianluca Brilli che nel territorio di Aprilia è in prima linea contro la privatizzazione dell’Acqua. Per quanto riguarda le iniziative produttive e sviluppo di progetti sul territorio “creando economia locale” è stato coinvolto il dr. Rinaldi consulente di aziende e Giuseppe Bruno ristoratore ed imprenditore siciliano. A Roma Marco Federici si occuperà dei comunicati stampa del partito e il giovane giornalista Stefano Terraciano si interesserà, invece, dei gruppi giovanili e del Bollettino del Sud per ora gestito dell’agenzia giornalistica Fidest. Mario Papania seguirà il suo impegno in Sicilia nell’applicazione, la promozione, la diffusione della carta costituzionale dello Statuto siciliano. Sono stati chiamati come consulenti Roberto Peretti, noto nella provincia di Palermo, in particolare a Bagheria, per il suo impegno a difesa della legalità, il  direttore dell’agenzia stampa Fidest Riccardo Alfonso e Padre Giacomo Ribaudo, consulente religioso. Per dare, poi, un segno di concretezza sono stati già aperti diversi circoli in varie aree del paese. Sottolinea, in proposito, Girolamo Foti: “stiamo ogni giorno lavorando per creare un soggetto reale, vero e visibile a tutti. “Il partito – soggiunge Foti – avrà una struttura organizzativa flessibile e duttile ovvero siamo un partito nazionale che vuole essere punto d’incontro di tutti i movimenti, associazioni, che provengono dalla società civile da e per il territorio e daremo loro valido supporto con i nostri mezzi e svilupperemo contatti in tutte le realtà locali. Il nostro programma è semplice. Proviene dalle realtà locali. Studieremo l’attuazione d’iniziative produttive che partono dal territorio, dal proprio quartiere, dal commercio locale, dallo sfruttamento della propria terra, e risorse naturali che madre natura ci ha dato come il sole, l’acqua, il vento, il mare, le montagne, tutto ciò deve essere sfruttato nel rispetto della natura, e questo non solo porta benessere all’umanità, ma anche occupazione e risparmio. Promuoveremo la raccolta differenziata, porta a porta, inviteremo i cittadini ad usare l’auto per lo stretto necessario, promuoveremo la diffusione dei dialetti, dei propri usi, costumi, rilanceremo l’artigianato, la vendita dei prodotti del sud, la cultura, la storia del sud. Tutto ciò avverrà attraverso il filtro delle commissioni previste all’interno del parlamento virtuale del Sud”. “Si tratta di uno strumento – precisa Foti – che coinvolgerà i cittadini e insieme, passo dopo passo, elaboreremo programmi a misura d’uomo, coinvolgendo la gente, e proseguendo la fattiva realizzazione dei progetti attraverso gli strumenti della costituzione italiana; insomma siamo pronti a dar vita ad una vera e propria rivoluzione culturale che parte dal basso. Sarà una iniziativa diversa da quella di Berlusconi che parte dall’alto e che punta al liberismo e consumismo o, peggio, servendosi di coloro che, attraverso il dio denaro, vogliono propugnare progetti di sviluppo per il sud. Noi non vendiamo fumo e non ci preoccupiamo di vedere quanti siamo, possiamo essere due, tre, cento, mille, un milione, l’importante è crederci e di lavorare con serenità. Dobbiamo diventare una comunità. Sarà una rivoluzione che parte dal basso, impegnativa ma non impossibile”.

Posted in Confronti/Your and my opinions, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

G20: nessun sacrificio per le banche

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 giugno 2010

Il G20 ha perso un’occasione d’oro per affrontare la povertà globale, limitandosi a constatare che non c’è accordo su come far pagare il costo della crisi economica alle banche. “Dopo che il G8 ha lasciato cadere nel vuoto il suo impegno di aiutare i paesi più poveri, il G20 ha perso l’occasione di ridurre la povertà attraverso l’adozione di una tassa sulle banche”, commenta Farida Bena, portavoce di Oxfam e Ucodep. “Per usare un linguaggio calcistico, i difensori del Canada hanno impedito agli USA e e all’Unione Europea di fare goal nella partita più importante per l’Africa. Il G20 avrebbe dovuto applicare una tassa al settore finanziario per dare veramente una mano ai 64 milioni di persone impoverite dalla crisi economica”. Di fronte a Francia e Germania, che sostengono una tassa sulle transazioni finanziarie, e a Inghilterra e Stati Uniti, che già hanno adottato un’imposta sulle loro banche, per bloccare la misura il Canada ha dovuto convincere alcune economie emergenti. “E’ comprensibile che le economie emergenti non vedano di buon occhio una tassa che è stata pensata per tutelare Wall Street e gli altri mercati più ricchi ”, osserva Bena. “Ma sono pronta a scommettere che questi paesi sarebbero disposti ad adottarla per evitare che i paesi poveri, a causa della crisi, debbano tagliare la sanità, l’istruzione e altri servizi essenziali”.  Una minuscola tassa sulle transazioni finanziarie, applicata nei mercati dei paesi più ricchi, potrebbe generare centinaia di miliardi all’anno per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (OSM) e per aiutare i paesi poveri ad affrontare i cambiamenti climatici. “L’Italia dovrebbe sostenere una tassa del genere, che non causerebbe alcuna fuga di capitali né ricadrebbe sul consumatore medio” continua Bena. “Ci auguriamo che il Presidente Berlusconi appoggi le proposte del Consiglio e del Parlamento Europeo in merito”. Le popolazioni più povere, travolte dalla crisi economica causata da un settore finanziario impazzito, possono solo sperare in risultati più positivi al prossimo negoziato nella Corea del Sud, affermano Oxfam e Ucodep, che valutano in modo incoraggiante la decisione del G20 di assumere un ruolo più decisivo nel promuovere lo sviluppo del Sud del mondo, in vista della Presidenza G8 e G20 della Francia nel 2011.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tagli all’agricoltura

Posted by fidest press agency su sabato, 15 maggio 2010

Il Ministro dell’Agricoltura Giancarlo Galan nell’incontro con le Commissioni di Camera e Senato ha sostenuto che il settore dell’agricoltura non sarà indenne dai tagli previsti dalla doppia manovra economica che il Governo sta preparando (5 miliardi di aiuti alla Grecia e 25 miliardi di correttivo). Ci chiediamo cosa sia ancora possibile “tagliare” al comparto.  Al contrario degli altri Paesi, come Francia e Germania, che hanno riconosciuto l’importanza del settore primario dell’agricoltura e hanno aumentato le risorse a disposizione in tempo di crisi, l’Italia si dispone a chiedere un altro sacrificio agli agricoltori. Questa volta potrebbe essere fatale.  Il Partito Democratico è disponibile a ragionare con la maggioranza di Governo, ma pur apprezzando la franchezza del Ministro Galan, non possiamo che contestare questa impostazione.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

In questa democrazia la maggioranza non basta

Posted by fidest press agency su sabato, 10 aprile 2010

Volendo tirare delle conclusioni circa gli ultimi e ultimissimi eventi, possiamo dedurre che in democrazia, in questa democrazia, avere una maggioranza schiacciante nei due rami del parlamento non basta per governare. Gli eletti, non dal popolo ma dalle segreterie dei partiti, per potere governare hanno bisogno di essere protetti da immunità; protetti da chi ? Da se stessi !  Nessuno li ha infatti obbligati a operare in maniera così scorretta da cadere nelle maglie della giustizia e, quindi, chiamati a rendere conto alla “legge uguale per tutti”. Ecco, quindi, la ragione delle varie immunità che la casta legifera a proprio favore, ultimo parto in anestesia presidenziale, l’impedimento… purchè legittimo…. Chi deve giudicare la legittimità dell’impedimento. Semplice… lo stesso impedito…!Per potere imporre il rigore legale e morale al popolo, piuttosto attonito,  la super-casta ha bisogno di essere esonerata dal rispettare il rigore legale e morale che vuole imporre agli altri.  Paradossale, anzi no… italianissimo ! Ma nel popolo si verifica uno spontaneo ritorno alla moralità, ma non per libera scelta o per imposizione, e neanche per convincimento, ma solo per l’austerità che incombe e che si è impadronita delle classi più disagiate (transitate dalla povertà alla miseria), ma anche di quelle mediane ( in marcia solenne verso la povertà). Si erge, imponente, il muro che separa i privilegiati, (pochi ma….buoni), al riparo da tutto, dalla miseria, dal bisogno, dall’austerità, dai problemi quotidiani e, ora, financo dalle leggi “uguali per tutti”, dalla gran massa degli italiani assoggettati a tutto e a tutti, costretti a sperare, a immaginare, a credere, e tornare a vivere dentro i valori imposti dall’austerità incombente, senza convinzione, con sacrificio, con riluttanza, perché tutti vorrebbero (o vorremmo) fare il gran salto e superare quel muro dietro il quale si vive di privilegi immeritati ed abusi. Un muro in cemento robustissimo alla base, ma malleabile da un certo livello alla cima, per favorire i più intraprendenti a tentare la scalata; si tratta di quel ceto oltre il medio che vive di politica ma non nella politica, trae benefici dalla politica ma deve rendere conto, devo ubbidire, deve eseguire, non comanda, neanche a se stesso, ma ha imparato a credere….ubbidire e…. sbafare. L’intero paese assiste a queste scalate, sogna oltre il muro ma deve fare i conti con la realtà che impone una classe politica inadeguata, inventiva, fantasiosa, superficiale, interessata, coinvolta nelle più audaci ruberie, protetta anche, se non principalmente, da se stessa.  (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovi centri commerciali nella Capitale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 marzo 2010

“Difendo con tenacia i piccoli imprenditori romani, la professionalità e il coraggio che mostrano nel difendersi dalla morsa della concorrenza dei grandi centri commerciali”. Con queste parole il vicesegretario per il Lazio dell’Italia dei Valori Oscar Tortosa commenta la notizia del via libera dato dal Comune di Roma alla costruzione di un nuovo shopping center di 15.000 metri quadri ad Acilia. A sostegno all’atteso piano di recupero urbano delle periferie promosso dal sindaco, è prevista nel giro di 5-8 anni, la realizzazione di altre 10 mega-strutture di vendita in diverse zone di Roma. “Non posso non pensare alla famiglie dei fornai, dei calzolai, dei fruttivendoli e di tutti i piccoli negozianti che per anni con sacrificio hanno condotto le loro attività favorendo la crescita qualitativa e professionale del commercio. Faccio un appello ad Alemanno – conclude l’esponente del partito presieduto da Antonio Di Pietro – affinché rivolga una maggiore sensibilità verso questi lavoratori e non dimentichi il vitale sostegno che hanno fornito per lo sviluppo della nostra città”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il sacrificio di Beppe Alfano

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 gennaio 2010

‘U Cumitatu Missinisi du Frunti Nazziunali Sicilianu – “Sicilia Indipinnenti” ricorda ai Missinisi, ai Siciliani e a tutti i sinceri democratici il sacrificio di Giuseppe Alfano,  che venne barbaramente ucciso dalla mafia a  Barcellona Pozzo di Gotto la notte dell’8 gennaio 1993.  Alfano un’insegnante con la passione del giornalismo, vicino alle posizioni della destra, è , anche per Noi che daI suoi  ideali politici eravamo e restiamo antiteticamente lontani, un esempio di Coerenza etica e virtuosità giornalistica. Egli inoltre dimostra con l’esempio della sua vita come la gran parte  dei Siciliani siano ben altra cosa rispetto alla mafia.  ‘U Cumitatu Missinisi du FNS dunque non ha dimenticato il sacrificio di Alfano e intende inverarlo nell’unico modo possibile: costruendo una Sicilia nel futuro, libera dall’ipoteca mafiosa.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rivoluzione romena del 1989

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 dicembre 2009

Il regime di Nicolae Ceauþescu crollò il 25 dicembre 1989 dopo i violenti avvenimenti di Timiþoara e Bucarest. Oggi a vent anni da quei tragici eventi che cambiarono per sempre la storia della Romania la mostra fotografica  Il prezzo della Libertà   Tracce, eroi e frutti della rivoluzione romena del 1989 , presenta un racconto fotografico a colori insieme a video-testimonianze.  Il Prezzo della Libertà  pone all’attenzione del visitatore gli avvenimenti storici attraverso cui si è dispiegata la Rivoluzione romena del 1989: la sollevazione di popolo, il sacrificio dei martiri, la partecipazione di sacerdoti, intellettuali, operai, contadini alla causa della libertà. La mostra ripercorre un  prima,  durante  e  dopo  la Rivoluzione, facendo conoscere un popolo con una storia importante fatta di coraggio e voglia di libertà, del quale, invece, si parla spesso collegandolo semplicemente a questioni di ordine pubblico. La mostra inaugurata il 10 dicembre 2009 ma visibile fino al 10 gennaio 2010, presso l Accademia di Romania in Roma – Viale delle Belle Arti, 110 è promossa dall associazione culturale Makenoise  sulle immagini del fotografo Manolo Cinti e realizzata grazie al contributo del Comune di Roma e del Consiglio Regionale del Lazio. La mostra gode, inoltre, del patrocinio del Parlamento Europeo.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tra amare e essere amati

Posted by fidest press agency su domenica, 18 ottobre 2009

Editoriale fidest. Un dittatore “vuole” essere amato dal popolo. Un grande uomo preferisce amare e rendere universale il suo sentimento. Ama non per sesso, per lucrare sulle debolezze umane, per ottenere manifestazioni di gratitudine, ma semplicemente per amare senza riserve, senza ritegno, con tutte le sue forze. Se io dovessi scegliere l’essere umano perché possa diventare la mia guida e quella dei miei simili  lo vorrei non per amare ma per essere amato. E’ un dono divino poiché implica sacrificio, dedizione, forte sentimento altruistico e voglia di riconoscersi sempre e comunque con il prossimo ovunque si trovi. Ma è anche l’uomo che, certamente, più degli altri è inviso perché la sua grandezza è tale da fare ombra ai tanti che svernano la loro esistenza attraverso debolezze e meschinerie di ogni genere. E se ripercorriamo il nostro passato ma senza allontanarci più di tanto, ci accorgiamo che pochi hanno saputo, assumere il carisma dell’amore, per diventare una nostra guida suprema. E quei pochi li abbiamo mandati alla gogna perché ci turba l’idea, in una società sempre più votata a sentimenti di odio o di amore servile, che possano esserci figure che ci ricordano le nostre debolezze e ci richiamano ad un valore supremo che non vogliamo evidenziare perché ci fa più comodo appagare le nostre perversioni. E’ il dramma tutto umano di chi conosce la strada maestra ma preferisce percorrere quella più accidentata e insidiosa ma che ci offre l’idea del possesso, del dominio, della sopraffazione: vita mea mors tua. E’ il modo più crudele e spietato del sentirsi vivi sulle sofferenze altrui, sulla violenza. Se le generazioni future non riusciranno a sconfiggere questo veleno che ci corrode dall’interno e suscita in noi barbarie e genocidi, e lotte tribali, e rigurgiti xenofobi, non avremo mai la possibilità di amare ma solo la sadica ambizione di voler essere amati per quello che siamo nella logica del dominus. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Editoriali/Editorials | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un cuore e basta

Posted by fidest press agency su domenica, 4 ottobre 2009

Lettera al direttore. Gentilissimo direttore, Renato Schifani, a Herat in Afghanistan, ha detto ai nostri militari: “L’Italia non smetterà mai di essere orgogliosa di voi, grazie del vostro esempio e sacrificio… Vi parlo con il cuore per ringraziarvi per essere qui a combattere un nemico invisibile che non è solo in Afghanistan ma mette a repentaglio anche la sicurezza del nostro Paese… l’Italia ha pianto i suoi morti”.  Ed io scopro, pur essendo nato in Italia, di non far parte dell’Italia orgogliosa, giacché non mi sento per niente orgoglioso dei nostri soldati, i quali in qualche modo stanno dando una aiuto alle truppe americane che bombardano sui villaggi con aeroplani senza pilota, ed uccidono inevitabilmente innocenti, tra i quali donne e bambini. Il nemico invisibile che metterebbe a repentaglio il nostro Paese, sino ad oggi non ha fatto alcuna vittima nel nostro Paese, e se è vero che ci minaccia, anziché renderci complici di uccisioni d’innocenti, teniamo l’esercito nel nostro territorio e difendiamoci qui. Ma siamo certi che la “minaccia” continuerebbe se ognuno se ne stesse tranquillo a casa propria? Anch’io, a dire il vero, ho pianto i nostri morti, ma contemporaneamente piangevo per i bambini morti afghani. Anch’io ho parlato con il cuore. E non so davvero questo cuore a che nazionalità appartenga. E’ un cuore e basta. (Attilio Doni Genova) (n.r. gentile lettore, per quanto lei sa, anche se non l’ha detto, i militari italiani sono in Afghanistan per un voto unanime del Parlamento italiano e che a “monte” vi è un impegno di carattere internazionale che ci lega a simili operazioni. Sono discutibili? Se si non ci dobbiamo pensare solo noi, dobbiamo, invece, fare in modo che sia l’opinione pubblica, nella sua coralità, ad esprimere il suo dissenso e a farlo sentire forte e chiaro al “Palazzo”. Per quanto è a nostra conoscenza, e considerando le oggettive condizioni in cui operano i nostri soldati, possiamo dire che essi stanno facendo di tutto per alleviare i disagi della popolazione afghana da un conflitto che fa delle vittime solo un motivo di propaganda politica e si compiace del tanto peggio tanto meglio).

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rimpaasto Regione Lazio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 settembre 2009

«Un  rimpasto giocato sugli appetiti famelici di nuovi e vecchi alleati  che, arrivando a pochi mesi dalle elezioni regionali, non lascerà ai nuovi assessori neanche il tempo di orientarsi nel “Palazzo Fantozzi”. Alla faccia della competenza e dell’efficienza!». E’ quanto dichiara Luigi Celori, consigliere del Pdl alla Regione Lazio, con  riferimento all’ultimo rimpasto di Giunta e al programma di fine legislatura. «Che farà il nuovo assessore ai Lavori Pubblici Maruccio – prosegue –  quando scoprirà che è stato già tutto speso fino al 2012 e che, quindi, il presunto sacrificio di Astorre in realtà è per l’ex assessore un’ulteriore gratifica? Che dire del “povero” assessore Parroncini che in tre mesi dovrebbe risolvere il problema dei rifiuti lasciato marcire per 5 anni, senza contare che dovrà mettere la faccia su nuovi aeroporti che tutti sanno non si realizzeranno mai. Vorrei sapere cosa ne pensano i consumatori del nuovo passaggio di deleghe alla Coppotelli, ex assessore alle Politiche Sociali. E le new entry ricordano tanto i “miracolati” di quel listino che si vorrebbe mantenere». «C’è più che mai bisogno di una regione diversa,  – conclude – a cominciare dalla metodologia di elezione di tutti i componenti del Consiglio. Chiediamo a Marrazzo il rispetto degli impegni presi prima della pausa estiva: risposte immediate al mondo del precariato e che si proceda subito con la legge elettorale».

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Provincia di Torino espone le bandiere a mezz’asta

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 settembre 2009

Bandiere a mezz’asta oggi pomeriggio sulle facciate di tutte le sedi della Provincia di Torino: lo ha deciso il Presidente, Antonio Saitta, per sottolineare il cordoglio e la condivisione (da parte dell’Ente e di tutti i cittadini della provincia) del dolore delle famiglie dei militari italiani rimasti vittime dell’attentato di stamani a Kabul.  “Esprimiamo sconcerto e siamo vicini alle famiglie dei militari uccisi. – sottolinea Saitta – In momenti come questo le divisioni politiche devono essere messe da parte e occorre che l’opinione pubblica si stringa intorno ai soldati e ufficiali che partecipano alle missioni italiane all’estero”. “Ancora una volta, – prosegue Saitta – le forze armate pagano un altissimo tributo di sangue per la causa della pace e della lotta al terrorismo. Le nostre bandiere a mezz’asta vogliono lanciare un messaggio semplice ma chiaro: non dimenticheremo il sacrificio di questi nostri compatrioti e continueremo a lavorare, a tutti i livelli, per la comprensione tra i popoli e per il rispetto dei diritti umani”.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »