Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘sagome’

Le sagome dei poliziotti al matrimonio di Brunetta

Posted by fidest press agency su lunedì, 11 luglio 2011

Maccari: “Le nostre sagome con i poliziotti pugnalati alle spalle sono finite nel suo album fotografico di nozze, si ricorderà di noi per sempre…” “Renato e Titti hanno detto sì. E noi testimoni non invitati rimarremo per sempre con le nostre stilizzate sagome nel cuore e nella mente dei novelli sposi, augurandoci che nei sogni di Renato emergano più spesso quei poliziotti pugnalati dalla sua, speriamo breve, molto bassa azione politica”. – Lo sostiene un ironico Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp – il Sindacato Indipendente di Polizia – dopo la goliardica iniziativa assunta dagli arditi Poliziotti del Coisp Campano concretizzatesi con un corteo di motorini e vespette che trasportavano le sagome dei poliziotti pugnalati dal suo Governo che hanno sfilato davanti la neo coppia ed agli invitati stupefatti e atterriti. – “I preparativi del matrimonio di sua altezza il Ministro – dice Maccari – purtroppo non lo hanno distratto dal suo sport preferito: la persecuzione ad oltranza dei “panzuti” poliziotti contro i quali si scaglia riproponendo per l’ennesima volta la ghigliottina dei primi dieci giorni di malattia per le Forze di Polizia. Sembra assurdo – conclude il leader del Coisp – ma questa iniziativa nasce incubata nei preparativi matrimoniali, e successiva alle mazzate che i nostri colleghi hanno subito in Val di Susa e che ne hanno portato 200 in ospedale. Gradiremmo che dopo il viaggio di nozze il Ministro, accompagnato dalla first lady Titti, faccia quantomeno un visitina ai nostri colleghi negli ospedali piemontesi, sicuri che avranno superato i dieci giorni di degenza. Magari per spiegargli i motivi della sua elevatissima azione politica”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Finanziaria: Maroni “braccato” dalle sagome

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 luglio 2010

“Il ministro Maroni penserà che siamo il suo incubo, e vorrà ancora di più scacciarci, cancellarci, eliminarci. Ma non può, né può ignorarci, perché ovunque vada troverà tanti di noi, tanti delle Forze di Polizia, tanti cittadini, che gli ricorderanno quello che lui e questo governo stanno facendo ai servitori dello Stato. Ed è inutile che tenti di darsi alla macchia, o che continui a farci ostacolare, sorvegliare e braccare. Siamo poliziotti, conosciamo le regole, ma abbiamo un cervello, un orgoglio, una dignità e delle famiglie, e non arretreremo, perché abbiamo il dovere oltre che il diritto di dire quando le cose vanno a rotoli. Noi sappiamo bene cosa rappresenta un vero pericoloso incubo per la sicurezza dei cittadini, questa assurda manovra che metterà in ginocchio gli appartenenti al comparto”.  Franco Maccari, Segretario generale del Coisp, Sindacato indipendente di Polizia, commenta così una giornata particolarmente ricca di impegni per il Sindacato, impegnato nella campagna di protesta “Ci hanno pugnalato alle spalle”. Fin dal primo luglio manifestazioni di ogni genere si stanno susseguendo nelle varie città italiane, suscitando la partecipazione di media e cittadinanza, e scatenando reazioni spesso “inconsulte” di quell’espressione istituzionale che si rifiuta di confrontarsi proficuamente con gli appartenenti alle Forze dell’ordine. Così i membri del Coisp si sono visti opporre prescrizioni e divieti sempre più bislacchi nel corso delle settimane, nel tentativo – del tutto vano – di impedire loro di esprimere la propria protesta.  “E’ veramente difficile descrivere quello che si prova a venire trattati così – conclude Maccari -, mentre si sta solamente tentando di chiedere ciò che ci spetta a chi dovrebbe tutelarci, proteggerci e valorizzarci. Chi ci governa vuole impedire la manifestazione del dissenso, senza rendersi conto che così le cose peggioreranno di minuto in minuto. Senza rendersi conto che chi è esasperato non si ferma”.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Centinaia di sagome sono sfilate per Roma

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 luglio 2010

Centinaia di sagome di poliziotti pugnalati alle spalle in marcia sotto le bandiere verdi del COISP. E’ partito da piazza San Marco a Roma, di fronte all’Altare della Patria, il rumoroso corteo del Sindacato Indipendente di Polizia. Poliziotti di cartone, con un coltello piantato nella schiena. E poliziotti veri, “accoltellati” a tradimento da un Governo che in campagna elettorale aveva fatto della Sicurezza la propria parola d’ordine, salvo poi disattendere tutti gli impegni presi con gli Operatori del Comparto e con i cittadini. A suonare la marcia il frastuono di centinaia di vuvuzelas, arrivate dagli stadi del Sudafrica per sturare le orecchie a un Governo che fa finta di non sentire, e che anziché rafforzare le Forze di Polizia, tutelandone la dignità del lavoro e dotandole di uomini e mezzi adeguati, sembra indirizzare tutto il proprio impegno per garantire l’impunità – o meglio la totale immunità – alle varie cricche di criminali, malfattori e corrotti. Il corteo del COISP ha attraversato le vie del centro, per poi sfociare in un sit-in di protesta davanti al Colosseo. “Abbiamo portato nella Capitale – ha detto Franco Maccari, Segretario Generale del COISP – l’urlo unanime di tutti gli Operatori della Sicurezza, che non ne possono più di farsi umiliare da chi dovrebbe invece garantire loro le condizioni per lavorare al meglio, per garantire ai cittadini sicurezza e legalità”. “Il Coisp è esasperato – continua Maccari – perché la legge Finanziaria rischia di mettere in ginocchio l’intero Comparto Sicurezza, a causa di decisioni totalmente irrazionali, mascherate dai provvedimenti ragionieristici di Tremonti. La manifestazione di oggi – dice ancora il Segretario Generale del Coisp – rappresenta la ‘prova generale’ dell’assedio che abbiamo deciso di portare al Governo, finché non sarà dato il giusto riconoscimento agli uomini in divisa che ogni giorno difendono la sicurezza dei cittadini senza mezzi e senza risorse, contando soltanto sul proprio senso del dovere e sul proprio spirito di sacrificio. Abbiamo rispettato, come sempre, le regole di una protesta civile e le prescrizioni – anche quelle più bizzarre, che ci sono state fatte, ma non rinunceremo alla difesa dei nostri diritti, convinti come siamo che difendere il diritto anche di un solo Poliziotto significa difendere i diritti dell’intera società. Ecco perché – conclude Maccari – siamo pronti anche ad entrare con le sagome dei poliziotti pugnalati alle spalle nelle case dei membri del Governo Berlusconi!”.  Alla manifestazione hanno partecipato, tra gli altri, l’ex Prefetto di Roma, dott. Achille Serra, l’on. Emanuele Fiano, Presidente del forum Sicurezza del Pd, l’on.le Olga di Serio D’antona, l’on.le Massimo Donadi, l’on. Angela Napoli, oltre ad una delegazione del Partito per gli Operatori della Sicurezza e della Difesa, con anche il suo Presidente avv.to Giorgio Carta.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Poliziotti pugnalati sotto le abitazioni dei ministri

Posted by fidest press agency su martedì, 13 luglio 2010

Roma 14 luglio 2010. Dopo la simbolica e pacifica marcia su Roma, le sagome dei poliziotti pugnalati alle spalle, simbolo della campagna di sensibilizzazione e di denuncia che il Coisp, il Sindacato Indipendente di Polizia, da giorni sta riconducendo contro il Governo per la scellerata manovra finanziaria in discussione in questi giorni, invaderanno l’Italia e arriveranno “molto vicine” ai rappresentati dell’Esecutivo Berlusconi. A Varese, ad Arcore, a Roma, a Milano, a Siracusa, a Pisa, a Pavia, a Bergamo, a Lecco, a Padova, a Venezia, a Brescia, a Lecce, a Treviso, ecc., e dovunque gli uomini di Governo risiedano, nelle adiacenze delle loro abitazioni, le sagome saranno lì a ricordare che questa finanziaria, così come è concepita, non solo non può essere approvata ma non deve neanche essere discussa.  “Il Governo con questa manovra, che oseremmo dire azzardata e pericolosa – dice con rabbia Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp – pugnala alle spalle le Forze di Polizia e l’intera società che non sarà mai più garantita!” “Il Coisp è esasperato – continua Maccari – e questa esasperazione è l’esasperazione dell’intero Comparto Sicurezza che verrà messo in ginocchio, umiliato da decisioni irrazionali di cui non solo non si capisce la logica finanziaria, mascherata da numeri che non possono dare la dimensione del funzionamento di un intero Comparto,  la domanda di sicurezza non è paragonabile alla domanda di beni di consumo. Ecco perché sfugge il messaggio sociale che si vuol mandare alla comunità. Un Comparto Sicurezza pugnalato alle spalle è un comparto sicurezza ferito e un Comparto Sicurezza ferito non può essere punto di riferimento per una società, di cui tutti facciamo parte”. “Questa esasperazione – dice ancora il Segretario Generale del Coisp – finora è stata governata grazie al buon senso degli Appartenenti delle Forze di Polizia, ma inevitabilmente ci sarà un punto di non ritorno.  Arriverà il momento in cui imploderà. Già imploderà, è questo il termine esatto, perché se cede il Comparto Sicurezza il sistema Stato è destinato a implodere, ripiegarsi su sè stesso. E questo momento è veramente vicino. Noi rispetteremo sempre le regole e anche questa volta saremo ossequiosi delle prescrizioni che per domani ci sono state fatte, ma non rinunceremo alla difesa dei nostri diritti, convinti come siamo che difendere il diritto anche di un solo Poliziotto significa difendere i diritti dell’intera società. Ecco perché – conclude il leader del Sindacato Indipendente di Polizia – laddove la finanziaria dovesse essere discussa nei termini scellerati in cui il Governo l’ha proposta, il Coisp potrebbe anche entrare, con le sagome dei poliziotti pugnalati alle spalle, nelle case degli esponenti dell’Esecutivo Berlusconi per mettere sotto gli occhi di tutti il pericolo a cui l’intero Paese va incontro!”

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mei Zeqian: Riding

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 maggio 2010

Cagliari fino al 30/5/2010Via Barcellona, 75 Spazio d’arte contemporanea (In)visibile  di Thomas e Bernhard Lehner a cura di Bianca Laura Petretto  Si tratta di un appuntamento artistico, proposto all’interno di una collaborazione nazionale voluta da due strutture espositive all’avanguardia che promuovono e investono in giovani talenti con pro-duzioni d’arte contemporanea.  Nella mostra i volti, le sagome, le atmosfere, i luoghi e le cose introducono aspetti del mondo liquido che guarda silenziosamente la realtà solida, caotica e rumorosa. Le memorie, l’umanità, le solitudini si trasfor-mano e non hanno speranza, destinate a una distruzione sterile. I gesti divengono simboli di una morte che segna un nuovo ciclo, una nuova vita. Il silenzio, le macerie, le antiche sonorità forse possono permettere, in uno stato differente e trasformato, di guardare con occhi nuovi la realtà. Le immagini sono fatte per narrare e per stimolare il pensiero, per denunciare l’assurda incapacità di ascolto del mondo rumoroso; storie note, antiche e nuove, storie senza futuro, ma con la determinazione del cambiamento. Mei Ziqian prende in pre-stito l’idea di Fitzgerald: -bisognerebbe poter comprendere che le cose sono senza speranza e tuttavia essere decisi a cambiarle-, stando nella modernità. (mei)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gianluigi Pescio: Vedute di luce

Posted by fidest press agency su domenica, 28 marzo 2010

Venezia fino 11/4/2010 Campo di Ghetto Nuovo 2918 Francoise Calcagno Art Studio. A cura di Françoise Calcagno e Sara Todeschini  Gianluigi Pescio: acclamato chirurgo e raffinato artista, due volti dello stesso uomo che non cadono mai in contraddizione tra loro, piuttosto si amalgamano e si scontrano, giocano tra buio e luce dell’animo umano. Medico, Primario Chirurgo dal 1994, dirige la Divisione di Chirurgia Generale e Toracopolmonare di Imperia fino al 2007; e’ docente dell’Università di Genova dal 1987 ad oggi. Inizia a dipingere nel 1968 e ad esporre nel 1973, da allora ha partecipato a numerose esposizioni e concorsi. In questa mostra carica di luci, colori ed emozioni, l’artista ci trascina sulle sponde di Venezia tra nebbioline mattutine e albe lunari che baciano sagome conosciute. Le pennellate decise e sinuose si riflettono tra acqua e cielo, spettacoli naturali che profumano di casa. Gianluigi ci racconta di luoghi inafferrabili, paesaggi fatti di ricordi. Il colore e’ luce, il suo chiarore scolpisce le figure che dalla tela si avvicinano allo spettatore, ed egli non puo’ fare a meno di perdersi in un mare di sogni. Le luci della città si rispecchiano nel mare, sono spiriti che vagano sinuosamente tra le acque lasciando limpide tracce del loro passaggio. È una pittura dell’impressione, ma non dell’attimo. L’artista ci culla tra ombre cittadine, creando un’aurea lirica attorno ad ogni opera. È con quest’esposizione che Venezia accoglie Gianluigi Pescio, dopo piu’ di quarant’anni di limpide emozioni su tela, e lui con le sue opere riempie gli spazi di poesia. (Sara Todeschini) (pescio)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »