Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘salario’

Definitivamente chiuso il Tmb Salario. Revocata l’AIA

Posted by fidest press agency su domenica, 15 settembre 2019

Roma. È stata revocata l’Autorizzazione integrata ambientale (AIA) per il l’impianto Tmb (trattamento meccanico biologico) di proprietà di Ama in via Salaria, distrutto da un incendio lo scorso 11 dicembre. “Il Tmb Salario non riaprirà mai più: questa è una bella notizia e una grande vittoria per la città e i residenti. A tre mesi dalla mia lettera con la richiesta di revoca alla Regione Lazio, finalmente l’atto che rende definitivamente inutilizzabile quell’impianto per i rifiuti è una realtà” dichiara la sindaca di Roma Virginia Raggi. Spetterà ad Ama effettuare le operazioni di bonifica e ripristino, previa attuazione delle relative procedure di “fine vita”, come previsto dall’Aia stessa.

Posted in Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sciopero scuola: 23 febbraio 2018

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 febbraio 2018

Roma Venerdì 23 febbraio alle ore 9,00 saremo davanti al MIUR insieme al sindacalismo alternativo e conflittuale per dire basta a tutto questo, per aprire una nuova stagione di lotte per un salario dignitoso, per la dignità professionale da riconquistare e per ridare centralità ai diritti dei lavoratori nella scuola-azienda dei presidi-sceriffo. Il 23 febbraio si avvicina. Sarà uno sciopero significativo, una opportunità che i docenti e il personale ATA non possono che cogliere per continuare a porre con forza i temi del lavoro pubblico, dei carichi di lavoro, della precarizzazione. Il ridicolo aumento salariale contrattato per la scuola da Cgil Cisl e Uil, al quale si aggiunge la firma del contratto delle funzioni centrali da parte della Cisal e dello Snals, è solo una inutile marchetta preelettorale. I lavoratori hanno assistito con questo rinnovo contrattuale alla debolezza di una rappresentanza sindacale vecchia e ormai logora di complicità con i vari governi, prona alla svendita dei diritti di tutti, completamente inerme e incapace di organizzare la benché minima forma di resistenza e freno all’attacco che i docenti e il personale ATA subiscono quotidianamente: dalle vicende di cronaca, che dimostrano quanto la scuola-azienda sia fallimentare nello smantellamento delle relazioni con l’utenza, all’insipienza di un ministro dell’istruzione che finge di non vedere il pubblico dissenso.USB Scuola ha proclamato lo sciopero del 23 febbraio, lo ha mantenuto contro la firma di un contratto indecente perché occorre ritrovare dignità e coscienza di classe per rispondere duramente:
– al disprezzo manifestato da chi emana decreti d’urgenza per missioni militari in Niger, ma si dichiara impossibilitato a decretare d’urgenza per tutti i maestri e le maestre;
– al disprezzo di un ridicolo aumento salariale che lascia centinaia delle nostre ore di lavoro di docenti e ATA sommerse e non riconosciute né economicamente né di fronte alla pubblica opinione;
– al disprezzo verso la futura classe docente che dopo il superamento di un pubblico concorso si ritroverà nuovamente precarizzata dal percorso Fit, una sorta di nuovo Jobs act applicato al pubblico impiego;
– al disprezzo verso tutti i docenti immobilizzati ed esiliati a causa della buonascuola e dei vergognosi contratti sulla mobilità firmati dai sindacati complici.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Protesta precari

Posted by fidest press agency su venerdì, 24 febbraio 2012

Roma. L’Unione Sindacale di Base sarà in presidio per tre giorni fila davanti al ministero del Lavoro – il 28 e 29 febbraio e il 1 marzo – contro il precariato, per mettere in evidenza la drammatica situazione di molti giovani, ex interinali, cassaintegrati, disoccupati, precari formati e specializzati, a cui la riforma del mercato del lavoro, presentata dal governo Monti come la panacea che dovrebbe assicurare il ritorno alla crescita economica e all’aumento dell’occupazione, non assicurerà alcuna prospettiva. La fase due del governo Monti, di cui gli attuali incontri con le parti sociali dovevano costituire la spina dorsale, si sta rivelando in realtà un’operazione il cui unico risultato sarà togliere quel minimo di protezione sociale a chi oggi ce l’ha per darne ancora di meno a chi oggi non gode di alcun ammortizzatore sociale, né riguarderà minimamente chi il lavoro lo ha già perso. Sembra un film già visto, quando la flessibilità in entrata, che ha dato luogo a 47 forme di contatto atipico, veniva spacciata come il miglior rimedio contro la disoccupazione. La realtà è sotto gli occhi di tutti: migliaia di precari che non hanno il tempo di annoiarsi, impegnatissimi a cercarsi ogni giorno un mezzo per sbarcare il lunario, un’intera generazione condannata all’instabilità, all’insicurezza alla povertà. Insieme a tutti i precari, USB rivendica risposte concrete per un lavoro vero e un salario dignitoso, non il Welfare dei miserabili che ci prospetta il Ministro Fornero.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Contro l’attacco ai diritti e al salario

Posted by fidest press agency su sabato, 29 Mag 2010

Manifestazione nazionale del 5 giugno a Roma e di quella regionale che si svolgerà in pari data a Milano, indette da USB insieme alla Confederazione Cobas contro l’attacco ai diritti ed il salario dei lavoratori,  alle quali hanno già dato la loro adesione innumerevoli forze politiche, sindacali e sociali. Dopo i lavoratori della Presidenza del Consiglio, che a Roma hanno portato la loro protesta contro la manovra fino a Palazzo Chigi, la manifestazione spontanea e fortemente partecipata dai lavoratori del Comune di Milano rappresenta un anticipo di ciò che sarà il raduno romano.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lazio: Reddito minimo garantito

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 settembre 2009

«Come  pensa il centro sinistra di poter soddisfare le richieste dei tanti disoccupati ed inoccupati della nostra regione, quando in due settimane c’è stata una pioggia di domande  per accedere al reddito minimo garantito? La legge istitutiva dice a chiare lettere che le richieste saranno soddisfatte fino ad esaurimento fondi. E’ evidente  che si tratta di una manovra puramente elettorale, di una farsa con cui si sta speculando sui bisogni della gente creando false aspettative con fantomatici piani triennali privi di copertura finanziaria».  E’ quanto dichiara Luigi Celori, consigliere del Pdl alla Regione Lazio «In realtà, – conclude  Celori –  il centro sinistra sta investendo pezzi di carta tentando di impegnare fondi che vanno al di là di questa legislatura lasciandone l’eredità a chi governerà dopo».

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »