Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘sanzioni amministrative’

Proposta per annullamento tributi prescritti

Posted by fidest press agency su sabato, 16 Mag 2009

Presentata dal gruppo parlamentare di Italia dei Valori primo firmatario il senatore Pino Caforio la proposta di legge per la cancellazione d’ufficio ed in autotutela di tributi e sanzioni amministrative prescritte. Un grande passo secondo il componente del dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori Giovanni D’Agata per l’annullamento di 3.000.000 cartelle esattoriali.  Il 28 aprile scorso segnalammo l’opportunità di una proposta di legge in materia di cartelle di pagamento notificate da parte degli agenti per la riscossione per tributi o sanzioni amministrative prescritti chiedendo la creazione di una normativa per l’annullamento d’ufficio. Come avevamo comunicato, il fenomeno riguardante un numero esorbitante di cartelle esattoriali che secondo statistiche si aggirerebbe intorno ai 3 milioni, si riferiva alla circostanza che le società incaricate in ottemperanza ai loro uffici, provvedono comunque a procedere con la notifica degli atti di riscossione per tributi o sanzioni amministrative prescritti, comportando aggravi di spese per i cittadini costretti a ricorsi giurisdizionali e sovraccaricando gli stessi uffici giudiziari quando potrebbero evitarlo attraverso l’annullamento d’ufficio,.Nella nostra proposta avevamo considerato la possibilità di dotare la P.A. di software avanzati che garantirebbero la notifica dei soli atti non scaduti.   Ebbene, dopo pochi giorni il gruppo in Senato di Italia dei Valori primo firmatario il senatore Pino Caforio, ha immediatamente raccolto la proposta e ha presentato il disegno di legge n. 1551 intitolato “Disposizioni per l’annullamento obbligatorio in autotutela delle cartelle esattoriali prescritte”. Per queste ragioni, il componente del dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori, Giovanni D’AGATA, esprime soddisfazione e apprezzamento per il risultato ottenuto dall’Italia dei Valori, confidando nel raggiungimento di un’ampia maggioranza parlamentare affinché la proposta diventi legge data la bontà dell’iniziativa in favore dei cittadini per una riduzione dei costi e del carico di lavoro delle società incaricate per la riscossione attraverso la cancellazione di un numero esorbitante di carte esattoriali che secondo i ben informati si aggirerebbe intorno ai 3 milioni.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ricorsi su sanzioni amministrative con apparecchi Tutor

Posted by fidest press agency su domenica, 10 Mag 2009

Il componente del Dipartimento Tematico “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori Giovanni D’Agata, segnala un’importante decisione del GdP di Teano che di fatto potrebbe aprire importanti scenari in tema di ricorsi avverso sanzioni amministrative elevate con apparecchi Tutor.  In particolare il giudice di pace potrà ordinare la restituzione immediata della patente ritirata quando la sanzione accessoria sia stata applicata a seguito di rilevazione dell’infrazione con apparecchio Tutor carente della necessaria taratura. Il Giudice di Pace di Teano con sentenza datata 03.03.2009 n. 355, ha accolto l’istanza cautelare di  un automobilista al quale erano stati decurtati i punti dalla patente a seguito di contestazione elevata per il tramite di  TUTOR da parte della Polizia Stradale, ordinando la sospensione dell’esecutività del provvedimento e per l’effetto la non decurtazione dei punti dalla patente al ricorrente. Il Gdp constatando la sussistenza del requisito del fumus boni iuris derivante dalla mancata taratura dell’apparecchio TUTOR utilizzato per la rilevazione, ha accolto l’istanza. In particolare la sentenza cita che “ in assenza di idonea procedura di taratura il funzionamento di qualsiasi apparecchiatura elettronica risulta assolutamente inattendibile e non idonea a provare la fondatezza dell’accertamento amministrativo. La taratura che deve essere periodica e preventiva non deve essere confusa con l’omologazione né questa può essere sostituitiva o comprensiva della prima. Né può considerarsi soddisfatta l’esigenza di taratura dal controllo preventivo effettuato dagli agenti accertatori in quanto non può esistere né può ritenersi obiettivamente garantista alcun sistema di autocontrollo in grado di sostituire la taratura rispetto a campioni nazionali “. Ancora una volta il componente del Dipartimento Tematico “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori, Giovanni D’Agata,  interviene chiedendo alle P.A. di riconoscere il diritto del cittadino – utente della strada – alla certezza della violazione contestata e all’osservanza della corretta procedura nell’emissione del verbale annullando in via di autotutela i provvedimenti illegittimamente adottati sino ad oggi e di provvedere ad effettuare le rilevazioni secondo i dettami della legge onde evitare superflui sovraccarichi burocratici e giudiziari che danneggiano il cittadino e la pubblica amministrazione. Sembra pertanto opportuno riportare di seguito la sentenza del GdP di Teano con la certezza che possa estendere la sua forza persuasiva a tutto il territorio nazionale.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »