Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 302

Posts Tagged ‘sardegna’

Mostra “L’altra moda. Vestire in Sardegna fra 1810 e 1930”

Posted by fidest press agency su sabato, 4 luglio 2020

Tresnuraghes 10 luglio, presso il Museo Casa Deriu prende il via la mostra “L’altra moda. Vestire in Sardegna fra 1810 e 1930”, un viaggio tra stili e tendenze, dall’Ottocento all’epoca della Belle Epoque. Saranno in esposizione oltre trenta abiti e capi originali, rappresentativi della storia della moda d’oltremare in Sardegna fra i primi anni del XIX secolo e i primi decenni del XX secolo. I preziosi capi sono stati forniti da alcune importanti famiglie nobili e borghesi, appartenenti alle élites rurali di Bosa, Cuglieri, Tresnuraghes ed altri centri dell’Isola. Patrocinata dalla Regione Sardegna, la mostra è curata da Pier Tonio Pinna, direttore del Museo, e Antonella Unali, responsabile dei servizi educativi della stessa Casa Deriu. La prestigiosa mostra si concluderà il 31 dicembre 2020 (Christian Flammia)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I siti minerari in Sardegna: A 40 anni dalla chiusura delle miniere

Posted by fidest press agency su domenica, 1 dicembre 2019

“Gadoni è un piccolo paese della Sardegna ma che ospita un grande sito minerario caratterizzato dalla presenza di rame che è stato sfruttato soprattutto nel ‘900, anni in cui il mio paese ha conosciuto benessere e ricchezza – ha dichiarato Francesco Peddio, sindaco di Gadoni, in provincia di Nuoro – e tutto questo è avvenuto fino agli anni ’80. La chiusura della miniera ha significato l’apertura di una crisi, questo perché tutti gli spazi lavorativi erano assorbiti dalla miniera e dall’indotto per cui non c’è stato in 40 anni alcun sviluppo alternativo. Con la chiusura della miniera avvenuta negli anni ’80 si è avuta una crisi irreversibile i cui effetti si hanno ancora oggi a distanza quasi di 40 anni. Oggi Gadoni conta 700 abitanti, basti pensare che invece alla fine degli anni ’70, inizi anni ’80, ne contava 1600. Abbiamo perso più del 50% della popolazione. Noi per combattere questo spopolamento che si protrae oramai da decenni abbiamo avviato una politica di riconversione del sito minerario a fini turistici e quindi trasformare il sito in un attrattore turistico per poter creare tutto quell’indotto che abbia ripercussioni positive anche nella ricettività, nella ristorazione ed in tutti quei settori turistici. Il sito minerario di Gadoni vanta ben 150 gallerie che si caratterizzano per la presenza di colorazioni eccezionali nelle pareti e che vengono rese brillanti dalla presenza di argento. Oggi si può visitare una bellissima laveria che ancora oggi è perfettamente conservata così come fu lasciata dai minatori in quell’ultimo giorno di lavoro, è come se il tempo si fosse fermato. Si ha la possibilità di entrare davvero in una foto sotterranea di un tempo appartenuto alla storia d’Italia”.
“In Sardegna abbiamo ben 600 siti minerari. Già censiti 400 geositi – ha affermato Alessandro Abis, Coordinatore delle Guide Ambientali Escursionistiche AIGAE della Sradegna – di cui ben 19 sono stati riconosciuti come monumenti geologici dalla Regione Sardegna. Dal punto di vista mineralogico abbiamo oltre 600 specie mineralogiche”. Si punta dunque ad una forte riconversione delle aree minerarie per sviluppare il Turismo Ambientale. “In Sardegna stiamo costituendo la Rete delle 8 Aree del Parco Geominerario. Molte di queste sono già strutturate, abbiamo ben 5 siti sotterranei di cui 3 sono già fruibili ed altri due li stiamo recuperando. Quindi c’è una rete che è pronta ad essere costituita e comunicata. Metteremo insieme tutti i siti -ha concluso Tarcisio Agus, Presidente del Parco Geominerario della Sardegna – e creeremo una rete al fine di promuoverli a livello internazionale. Anche per questo motivo è essenziale la Guida Ambientale Escursionistica. Che le nostre comunità si affidino alle Guide Ambientali Escursionistiche per fare emergere la ricchezza del nostro patrimonio”.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“In Sardegna bisogna recuperare la capacità di guardare al futuro”

Posted by fidest press agency su lunedì, 4 novembre 2019

Ne è testimonianza, il sistema di invasi presente sull’isola e che ora consente di affrontare meglio gli effetti dell’emergenza climatica. Ciò nonostante, in anni recenti, è stata fatta una scelta sbagliata, sottraendo la gestione dell’acqua irrigua a chi sa farlo, cioè i Consorzi di bonifica. Non ci stanchiamo di ripeterlo, perchè è un indirizzo, che sta penalizzando l’agricoltura sarda e che ha permesso alla regione di cogliere solo marginalmente le opportunità offerte dallo sblocco dei finanziamenti nazionali per circa un miliardo di euro. È stato fatto da certa politica un cattivo welfare che ha penalizzato moltissimi a favore di pochi. È ora tempo di cambiare!” A tornare sulla controversa questione è Francesco Vincenzi, Presidente dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI), intervenuto alla Conferenza Irrigua Regionale, promossa da ANBI Sardegna. I Consorzi di bonifica sono in prima fila nell’uso di strategie innovative per favorire il risparmio idrico e, più in generale, assumere un ruolo centrale nel rilancio dell’agricoltura sarda. Le nuove tecnologie, in particolare Internet ed i satelliti, hanno un ruolo centrale nella razionalizzazione del consumo idrico, rendendo facile agli enti consorziali di verificare, con certezza, quali terreni siano stati irrigati e contrastare i furti d’acqua. “L’utilizzo dei contatori idrici può consentire un risparmio d’acqua fino al 30% – sottolinea Gavino Zirattu, Presidente di ANBI Sardegna – ma per attuare queste soluzioni ci vuole una forte collaborazione tra tutti i soggetti istituzionali. Diversi amministratori regionali restano stupiti quando sanno quello, che facciamo per le campagne sarde; eppure, l’agricoltura dovrebbe avere un ruolo centrale nelle politiche per l’isola e gestire l’acqua per le campagne vuol dire sostenere la vita di un territorio.” “L’acqua è centrale nella definizione di tutte le politiche: economia, opere pubbliche, ambiente, cambiamenti climatici, gestione dei flussi migratori – afferma Massimo Gargano, DG di ANBI – Negli anni siamo stati in grado di elaborare pacchetti di progetti esecutivi per i diversi governi, che si sono succeduti. Il nostro sforzo è stato riconosciuto ed oggi abbiamo finanziate opere per 1 miliardo di euro. La grande sfida, che stiamo affrontando, è quella di ridurre il divario tra le varie aree del Paese in un momento storico, in cui l’acqua è elemento cruciale di ogni politica. Ora abbiamo due priorità: a livello europeo, ottenere il riconoscimento dell’irrigazione come indispensabile asset produttivo ed ambientale per le agricolture mediterranee; sul piano interno, maturare la capacità di certificare il valore ecosistemico dell’efficiente utilizzo delle risorse idriche tramite i Consorzi di bonifica.” In Sardegna sono attualmente finanziati 5 interventi per un importo complessivo di quasi 39 milioni di euro per l’ottimizzazione della rete irrigua e che garantiranno circa 200 nuovi posti di lavoro.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Transizione energetica in Sardegna

Posted by fidest press agency su domenica, 6 ottobre 2019

Dopo le dichiarazioni del Premier Giuseppe Conte in occasione della sua visita in Sardegna, aumentano le preoccupazioni delle organizzazioni sindacali sugli effetti di una transizione energetica non attentamente gestita.La Flaei Cisl, Federazione dei Lavoratori delle Aziende Elettriche, conferma che la decarbonizzazione dell’economia sia un obiettivo da perseguire, per preservare ambiente e territorio per le future generazioni. Ma questo processo non deve provocare ulteriori danni economici e sociali, soprattutto in realtà già duramente provate dalla crisi economica come appunto la Sardegna.“Noi valutiamo positivamente l’accelerazione della transizione dall’uso di carbone ad altre fonti energetiche per la produzione di elettricità dove ciò è possibile” dichiara il Segretario Generale della Flaei Cisl Salvatore Mancuso. “siamo infatti favorevoli e sosteniamo i progetti di trasformazione delle centrali a Carbone in impianti a gas metano, come si sta prospettando, anche in tempi rapidi, nelle centrali presenti nel continente italiano”.“Le dichiarazioni del Premier Conte ci preoccupano molto”, afferma Mario Marras, Segretario Generale della Flaei Cisl Sardegna. “mettere contemporaneamente in discussione l’arrivo del gas metano tramite dorsale e rigassificatori ed il rinvio motivato dell’uscita dal carbone nelle due centrali della Sardegna (Portoscuso e Fiumesanto) metterebbe immediatamente a rischio il tessuto produttivo industriale dell’intera regione, azzerando le possibilità di ripresa delle produzioni”. Eurallumina, Sider Alloys (ex Alcoa) come il tessuto industriale di Porto Torres sono strettamente connessi alla possibilità di avere energia elettrica e vapore a prezzi convenienti, con continuità e sicurezza di approvvigionamento. Se già da oggi non si prevede un percorso certo con tempi adeguati per la transizione energetica garantendo la sicurezza del sistema elettrico e le forniture al sistema industriale, si corre il serio rischio del tracollo immediato di buona parte del settore industriale Sardo.“La Flaei sollecita”, ribadiscono Salvatore Mancuso e Mario Marras “la convocazione presso il Ministero dello Sviluppo del nuovo incontro del tavolo Sardegna per proseguire il confronto sul processo di decarbonizzazione ed il conseguente aggiornamento del PNIEC (Piano Nazionale Integrato Energia e Clima) in base alle esigenze prioritarie di sviluppo della Regione Sardegna”.La Flaei Cisl, insieme a tutti gli altri soggetti sindacali, imprenditoriali e istituzionali, farà valere gli interessi della Sardegna e dei lavoratori del settore. La transizione energetica, che la Flaei vuole, non può essere causa di crisi, ma deve essere occasione di sviluppo e benessere.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: In Sardegna dotare le scuole dei Dsga mancanti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 ottobre 2018

Come se non bastassero i già tanti problemi e le responsabilità che ricadono sulla persona del dirigente scolastico, molti DS devono fare i conti anche con l’assenza di personale che coadiuva e integra il loro operato. In tantissime scuole l’anno scolastico è iniziato senza Dsga e alcuni istituti sono stati dati nuovamente a reggenza. Ad esempio, la situazione è critica nella provincia di Cagliari, dove diversi Dirigenti Scolastici si trovano in gravissime difficoltà a causa della mancata nomina del Direttore Amministrativo. Numerosi istituti si avviano purtroppo al collasso, mentre i Dirigenti versano già in uno stato di prostrazione, preoccupati per una gestione impossibile e avviliti dal disinteresse e dall’inerzia totale dell’USR e del Ministero che risultano informati della situazione. In una riunione di Ambito tenutasi due giorni fa, i Dirigenti delle scuole prive di Dsga, dopo avere evidenziato pure l’inattività dell’Amministrazione Regionale e del Ministero, hanno preso l’iniziativa di redigere una seconda nota da inviare al Direttore dell’USR e al Ministero per chiedere un incontro e una soluzione “Assenza di Direttori SGA su posti vacanti: richiesta soluzioni”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Coppa America, la Sardegna lancia la sfida

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 agosto 2018

Cagliari. La Sardegna lancia ufficialmente la sfida alla Coppa America. A comunicarlo Renato Azara, patron di Adelasia di Torres, noto imprenditore della Gallura, che in una intervista ha spiegato come e perché intende sfidare i detentori della Coppa America, la cui prossima edizione si terrà ad Aukland in Australia, nell’estate australe del 2021.
Il progetto di Renato Azara è ben delineato e strutturato, con l’obiettivo principale di portare la cultura e le bellezze della Sardegna sotto i riflettori del mondo: “Affronteremo la sfida con il Circolo Velico di Arzachena supportato dalla Fondazione Adelasia di Torres, con lo scopo di raccontare al mondo la Sardegna. L’imbarcazione verrà costruita in Sardegna con la collaborazione dei maggiori centri di ricerca e porteremo nell’isola le migliori competenze per costruire la sfida più importante della nostra vita” spiega entusiasta Renato Azara.Il team dell’Adelasia di Torres Sailing, nato dalla passione per le regate di Renato Azara, è promettente, e già nei primi 2 anni di vita ha trionfato nella classifica overall della Giraglia Rolex Cup 2017, conquistando sia la long distance race e sia la combinata lunga/costiere di St. Tropez, la Rolex Middle Sea Race 2016 (primi di classe e terzi overall) e in altre prestigiose manifestazioni.La passione dell’imprenditore sardo poi, cresciuta man mano, ha portato il team a sperimentare in poco tempo manifestazioni ed esperienze veliche sempre nuove e differenti tra loro, come la Sailing Arabia The Tour, svoltasi nel Golfo Persico e dell’Oman nel 2016, la Maxi Rolex Cup a Porto Cervo, le principali regate veliche d’altura del Mediterraneo del circuito Rolex, e la 151 Miglia Trofeo Celadrin (secondi classificati overall).”Nei prossimi anni intendo portare la Sardegna sulla vetta del mondo, attraverso la sfida alla Coppa America. Voglio che i sardi credino di più in se stessi, e che conquistino la giusta autostima in modo da affrontare con l’eccellenza le più grandi sfide al mondo. Vivere in Sardegna dovrà essere vista come una fortuna, e non come uno svantaggio” conclude l’imprenditore sardo.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Viaggi per la Sardegna: è online SardegnaTraghetti.eu

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 marzo 2018

Roma. È online SardegnaTraghetti.eu, il portale turistico specializzato in prenotazioni viaggi in traghetto da e verso la Sardegna.Punto forte del servizio è la possibilità di selezionare la migliore offerta disponibile al momento tra le migliori compagnie di navigazione, oltre la prenotazione dei traghetti dall’Italia verso l’isola, e viceversa, è possibile trovare informazioni e guide turistiche molto utili sulle principali località dell’isola, con dritte su dove mangiare, dormire e su cosa fare e vedere in Sardegna.Il servizio di prenotazione online traghetti è attivo sul sito 24 ore su 24, 7 giorni su 7, e permette di prenotare un traghetto per la Sardegna da Genova, Livorno, Piombino, Civitavecchia e Napoli, oltre che da Palermo e la Corsica con un clic.I porti per la Sardegna a cui è possibile attraccare sono invece Olbia, Porto Torres, Golfo Aranci, Santa Teresa di Gallura, Cagliari e Arbatax mentre le compagnie per cui è possibile prenotare il traghetto sono Moby, Tirrenia, SNCM, Sardinia Ferries, La Mèridionale, Grimaldi Lines, Grandi Navi Veloci.Per ogni porto interessato vi sono poi tutte le indicazioni utili su come arrivarci, i servizi disponibili e gli orari e oltre alle domande più frequenti dei clienti con relative risposte presenti sul portale, in orario di ufficio grazie alla presenza di 60 persone ad assistere i clienti viene assicurato un servizio di assistenza ai clienti di prim’ordine.La ricezione dei biglietti avviene direttamente via email, fax, corriere espresso o posta raccomandata, con la possibilità di modificare o annullare le prenotazioni attraverso l’area riservata.Il sistema di prenotazione è molto facile e veloce, con la possibilità di selezionare oltre la data e la tratta di interesse anche il numero di adulti, bambini, moto ed veicoli, scegliendo tra poltrone, ponte, cabina o altre servizi aggiuntivi come ad esempio l’ assicurazione viaggio.Una chicca da non sottovalutare quella della garanzia assicurativa, acquistabile online contestualmente al biglietto, perché consente in caso di imprevisti e di annullamento del viaggio, il rimborso del biglietto.Ma vi sono modi per risparmiare sulle prenotazioni dei traghetti per la Sardegna??”I prezzi migliori si possono avere prenotando con largo anticipo. Infatti il prezzo sale man mano che i posti diminuiscono. Nei giorni festivi e in estate poi la richiesta è maggiore e quindi anche i prezzi sono più alti. Per questo noi consigliamo di prenotare sempre con largo anticipo per avere il prezzo più basso possibile” ci dicono i responsabili del servizio.Altro modo per risparmiare sono poi i viaggi di gruppo, con sconti da 10 persone in poi, oppure essere residenti in Sardegna, selezionando l’apposita casella in fase di prenotazione.I pagamenti online e il trattamento dei dati personali rispettano tutti gli standard di sicurezza ed è possibile pagare non solo con carta di credito ma anche via Paypal, bonifico e cc postale.Insomma per chi fosse interessato a farsi un viaggio in Sardegna grazie a http://www.SardegnaTraghetti.eu, le migliori compagnie marittime, le tratte per la Sardegna e tutte le informazioni utili per la propria vacanza sono oggi tutte a portata di clic.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Italia in vendita: offresi

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 marzo 2018

“Il Governo Gentiloni sta tentando con un ultimo ignobile colpo di coda di regalare alla Francia parte delle nostre acque territoriali e con queste alcuni ricchissimi giacimenti di petrolio scoperti al largo della Sardegna. È la conseguenza di un folle trattato firmato da Gentiloni nel 2015 quando era ministro degli Esteri e che Fratelli d’Italia aveva contestato anche all’epoca. Un accordo senza senso che penalizza l’Italia e le cui motivazioni sono incomprensibili. Gentiloni non si azzardi a questa operazione e blocchi prima del 25 marzo, come previsto dal Trattato di Caen, la cessione delle nostre acque territoriali. Fratelli d’Italia non farà sconti su questa operazione dai contorni torbidi, chiediamo l’immediato intervento del Presidente della Repubblica Mattarella e annunciamo fin da ora azioni durissime in ogni sede. Non permetteremo che venga regalata l’Italia”. Lo scrive su Facebook il presidente di fratelli d’Italia Giorgia Meloni.(n.r. Non conosciamo nei dettagli quanto denuncia l’on.le Giorgia Meloni e lasciamo a quanto espone il beneficio del dubbio. In ogni caso è evidente che da tempo la sudditanza dell’Italia è notoria nei confronti dei nostri vicini, e non solo. Nel futuro governo, se riusciranno a farlo, ci auguriamo che il ministero degli esteri venga, per lo meno, affidato alla Meloni.)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

In Sicilia e Sardegna boom di nuovi sbarchi

Posted by fidest press agency su domenica, 8 ottobre 2017

immigratiLe rotte dell’immigrazione sono infinite. Minniti pensava che dialogando con i miliziani libici potesse raggiungere la tregua necessaria per far dimenticare in campagna elettorale i disastri del Partito Democratico sull’immigrazione (li ricordiamo: regolamento di Dublino, accordo Triton, procedure di identificazione lunghissime, tagli alla cooperazione internazionale) e invece nulla è cambiato. I barconi adesso salpano dalla Tunisia e dall’Algeria. Probabilmente il business degli scafisti si è semplicemente spostato di qualche km. La Sicilia è di nuovo al collasso.Dall’inizio dell’anno sono sbarcati illegalmente in Italia oltre 106.000 migranti. Alcuni di essi hanno diritto alla protezione internazionale, altri no. L’Europa non si fa carico di entrambi. Siamo lasciati soli. E la colpa è anche dei partiti italiani che sono stati complici in questi anni della definizione delle politiche europee. Si potevano opporre, non lo hanno fatto e adesso ci ritroviamo a gestire questo fenomeno con regole assurde e controproducenti.Le nuove rotte che partono da Tunisia e Algeria arrivano adesso persino in Sardegna. Secondo il quotidiano algerino El Watan, il viaggio costa a ciascun migrante 700 dollari circa. Segno che nulla è cambiato. Lo abbiamo detto più volte e il nostro programma Immigrazione parla chiaro: a cambiare rotta deve essere l’Europa. Queste politiche miopi e tampone non risolvono nulla: serve un nuovo approccio basato su vie legali di accesso e aiuti reali ai Paesi di transito e origine. Va rafforzata la cooperazione internazionale e la lotta agli schiavisti che sfruttano la disperazione delle persone per fare affari. Bisogna ascoltare e rispondere agli allarmi lanciati dai sindaci di Lampedusa e Pozzallo, ma serve un governo nuovo che non sia schiavo dei diktat di Bruxelles.Le prossime settimane saranno decisive. Il Parlamento europeo inizierà a discutere e a votare la riforma del regolamento di Dublino e il nuovo codice frontiere Schengen. Vigileremo e combatteremo se ci saranno nuove trappole per il nostro Paese. I partiti ci hanno trasformato nel campo profughi d’Europa. Faremo di tutto per rendere l’Italia forte e rispettata in Europa. (fonte: MoVimento 5 Stelle Europa)

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Musica: Sardegna e Calabria vincono ex aequo la finale junior del Cantagiro 2017

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 ottobre 2017

cantagiroFiuggi. La sarda Laura Aramu e la calabrese Anna Morelli vincono ex aequo la finale junior del Cantagiro 2017.Troppo complicato per la giuria tecnica scegliere solo una tra loro. Più facile, dopo giornate di prove e selezione, assegnare il titolo e l’ambitissimo premio a entrambe le ragazzine, che hanno fatto da tempo della musica una delle loro passioni principali, e che si sono distinte tra i tanti protagonisti della finale junior. Laura, undici anni appena compiuti, ha cantato Tu ci sei, Anna, invece, si è distinta per l’interpretazione di Adesso parlami.Nonostante la giovane età, entrambe sono da tempo alle prese con microfono e spartiti.Appassionata di Ariana Grande, Elodie e Beyonce, Laura – che viene da Assemini, in provincia di Cagliari, e ama ascoltare i grandi classici del rock – da anni si dedica allo studio del canto che l’ha già portata a calcare con successo diversi palcoscenici, tra cui quello di gara Sarule got’s talent, una competizione canora tra talenti sardi, e quello del concorso Punto In Alto da cui esce premiata nella sezione junior. Distintasi già nel corso de Il festival degli Autori, la kermesse non competitiva in programma a Sanremo, e nel talent de “La 5” Tra Sogno E Realtà, la Aramu ha ricevuto dal Cantagiro una delle più grandi soddisfazioni, dopo tantissime serate e lunghissime prove.Passaggio simile pure per Anna Morelli, di Cosenza. Anche la tredicenne calabrese, come la sua coetanea sarda, sul palcoscenico ha saputo dimostrare, oltre a indiscusse capacità canore, tanta grinta. E’ stato sicuramente questo che ha convinto definitivamente pubblico e giuria e le ha regalato il titolo.
All’emozione di Laura e Anna ha fatto eco quella di altre talentuose ragazzine: le pugliesi Azzurra Barberio, Ludovica del Gaudio e Alessia Bruno si sono, infatti aggiudicate il premio con menzione speciale. Premio Folk alla giovanissima Elena Chessa. La giovanissima cantante, originaria di Irgoli, in provincia di Nuoro, si è imposta all’attenzione di pubblico ed esperti con un testo scritto in sardo e firmato dal noto cantante e paroliere Benito Urgu, dal titolo Ponte Mannu.Ma non è tutto. “Questi talenti in erba – ha detto Enzo de Carlo, Patron della manifestazione – hanno dimostrato capacità e grinta che caratterizzano professionisti”. E’ per questo che alcuni di loro – Sergio Salvini, Gianmarco Gridelli ed Edoardo Guarini, rispettivamente di Cisterna di Latina, Rocca di Papa e Santa Marinella – saranno chiamati a prendere parte alla compilation Disney for peace, che uscirà a dicembre prossimo e che permetterà di raccogliere fondi a favore della ricerca contro la sclerosi multipla.Intanto, però, è sempre più vicina la serata finale del Cantagiro. Il prossimo appuntamento è in calendario per sabato 7 ottobre. Sarà nel corso di quest’ultima serata che si conoscerà il titolo del vincitore assoluto di questo noto concorso canoro che quest’anno compie cinquantacinque anni. (foto: cantagiro)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Opportunità e sviluppo energetico in Sardegna

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 agosto 2017

siniscola aula consiliare.pngSiniscola in provincia di Nuoro 8 settembre presso l’Aula Consigliare dalle ore 9,00 alle ore 14,00 si terrà l’incontro su: “OPPORTUNITA’ PER LO SVILUPPO ENERGETICO DEL SISTEMA TERRITORIALE E RICADUTE SUL SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE”
Sarà una giornata strategica per la Regione che prevede nel Piano Regionale un Bando del valore di 44 milioni di Euro per le azioni di efficientamento energetico nei Comuni della Regione. Il programma POR FESR SARDEGNA 2014-2020 è già stato presentato alle amministrazioni di Sassari, Oristano, Nuoro e Cagliari.
La scadenza di presentazione al bando è il prossimo 3 Novembre 2017, i Comuni saranno quelli titolati a presentare il bando. L’Associazione Smart Cities Italy si fa promotrice dell’evento in oggetto facendo rilevare la grande opportunità di lavoro e di risorse da impiegare in loco a fronte di azioni da apportare che ci vedranno protagonisti a supporto della Pubblica Amministrazione con ricercatori e relatori all’evento e buone pratiche da condividere. (foto: siniscola aula consiliare)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Danze e canti della Sardegna

Posted by fidest press agency su martedì, 28 febbraio 2017

giorgio-adamotenore-supramonteRoma Mercoledì 1 marzo alle 18.00 nell’Auditorium “Ennio Morricone” dell’Università di Roma “Tor Vergata” (Macroarea di Lettere e Filosofia, via Columbia 1) per la stagione dei concerti organizzata dall’Associazione Roma Sinfonietta sono di scena le danze, i tenores, le launeddas e i canti a chitarra della Sardegna, con alcuni dei solisti e dei gruppi più noti nel campo della musica tradizionale sarda. A sottolineare il legame molto forte tra queste musiche e il ballo interverranno due coppie di danzatori.Introducono Giorgio Adamo dell’Università di Roma “Tor Vergata” e Marco Lutzu dell’Università di Cagliari, che è stato il responsabile scientifico della grande Enciclopedia della Musica Sarda pubblicata dall’Unione Sarda.La musica tradizionale sarda, oltre ad essere molto varia e ricca e a presentare delle caratteristiche uniche al mondo, ha la particolarità di essere tuttora molto diffusa e presente nelle campagne e anche nelle città dell’isola. La giovane età di alcuni dei musicisti che partecipano al concerto è la testimonianza di come questa musica sia ancora una realtà viva e non un reperto del passato.Il canto a tenore, che ha avuto il riconoscimento di patrimonio culturale dell’umanità dall’Unesco, sarà eseguito dal gruppo Tenore Supramonte di Orgosolo. Questo tipo di canto è tipico della Barbagia, mentre sono diffuse nel sud e lungo la costa occidentale dell’isola le launeddas, unico esempio al mondo di clarinetto triplo, le cui tre canne vengono suonate da un unico esecutore con la tecnica delle respirzione continua. Si pratica in tutta la Sardegna il canto a chitarra, che è tuttora molto richiesto nei matrimoni, nelle feste di paese e in altre occasioni di festa. (foto: giorgio adamo, Tenore Supramonte)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La base aerea di Decimomannu candidata ufficiale per diventare aeroporto spaziale

Posted by fidest press agency su martedì, 6 dicembre 2016

decimomannu-1Se venisse confermato il progetto tra la Altec (partecipata Asi e Thales, che ha sede a Torino) e la Virgin Galactic, la compagnia aerospaziale per realizzare nel nostro paese il primo “spazioporto” per viaggi nello della “Space Ship Two” che una volta sganciata a 16mila metri da terra, accenderà i motori per oltrepassare la “linea di Karman”, il confine convenzionale con lo spazio a 100 chilometri di altezza sarebbe un’opportunità unica e irripetibile per la Sardegna e per l’Italia. Infatti la base militare di Decimomannu pare sia tra le più favorite, rispetto ad altre basi italiane, per la realizzazione del progetto in quanto racchiude in se moltissime delle caratteristiche richieste dal progetto, sia climatiche che di bassa densità abitativa, con il valore aggiunto della presenza di un aeroporto militare che garantisce, di per se, know-how e sicurezza. Un’opportunità di sviluppo, lavoro e visibilità mondiale che potrebbe dare nuovi slanci alla Sardegna e all’area interessata dal progetto caratterizzata, tra l’altro, da un altro tasso di disoccupazione. Inoltre la realizzazione di questo progetto allontanerebbe lo spauracchio della chiusura dell’aeroporto militare di Decimomannu paventata da pseudo antimilitaristi che vedrebbe necessariamente a rischio migliaia di posti di lavoro di civili e militari.
Ci auspichiamo tutti che questa volta la politica regionale e nazionale faccia i passi giusti nell’interesse dei Sardi, della Sardegna e dell’Italia senza farsi sfuggire un’opportunità che potrebbe riservare una miriade di sorprese future. (Antonsergio Belfiori Delegato Cocer Interforze)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Difesa Cocer: Manifestare è un diritto, delinquere è un’altra cosa

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2016

capo-frascaLe efferate violenze della manifestazione fuori dal Poligono militare di Capo Frasca in Sardegna di ieri 23 novembre non lasciano spazio a nessun ragionamento. Manifestare è una cosa, delinquere deliberatamente è un’altra. Gruppi di delinquenti organizzati provenienti anche da altre parti d’Italia dimostra che la protesta contro i militari in Sardegna viene usata e strumentalizzata dai professionisti del casino e della violenza. I sardi ancora una volta usati a loro insaputa in questo caso con la partecipazione di gruppi provenienti dalla penisola già noti alle forze dell’ordine su casi precedenti legati alle manifestazioni dei NO TAV e NO MUOS. Scandalosa inoltre la partecipazione del senatore Cotti del Movimento 5 stelle su cui nemmeno Grillo prende le distanze e pertanto non mi rimane che pensare che questa sia ormai la linea ufficiale del movimento sul tema dei militari in Sardegna. Agghiaccianti invece le dichiarazioni degli organizzatori e di altri che a vario titolo parlano di modello economico alternativo e di una Sardegna diversa senza però dare nessuna ricetta praticabile e sensata. Per non parlare poi delle ragioni, spesso colorite, della protesta raccontata da questi “esponenti” che organizzano. Finzione e realtà. Il consenso di massa incardinato su informazioni non veritiere o deliberatamente falsate che però vengono considerate vere nonostante la loro dimostrabile infondatezza. Siamo ormai nell’era della post verità.
Screditare con questa violenza il nobile lavoro dei militari al servizio del Paese non rappresenta solo un atto di viltà ma anche un imperdonabile errore nei confronti dei cittadini che invece chiedono sicurezza e servizio. (Antonsergio Belfiori Delegato Cocer Interforze) (foto fonte: La nuova edizione di Oristano)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Basi militari in Sardegna

Posted by fidest press agency su domenica, 31 gennaio 2016

Cagliari_panoramaLe basi militari e il lavoro in Sardegna non si toccano! Chi parla di riconversione senza parlare di progetti e finanziamenti sta parlando del nulla. Inoltre la riconversione dei grandi siti della difesa come Capo Frasca, Capo Teulada, Decimomannu e Salto di Quirra si può realizzare solo nello stesso ambito ovvero la Difesa perché tale è la vocazione da oltre 50 anni. Come? Cyber security, high tech, sviluppo software, esercitazioni simulate, radaristica e droni. Investimenti e lavoro. Già la Difesa e l’industria italiana stanno investendo tanto nel settore tecnologico e della ricerca coinvolgendo università e istituti di ricerca privati. In questo modo la Sardegna può ottenere un ampio ritorno economico dalla presenza militare e garantire alle migliaia di lavoratori militari e civili sardi serenità e lavoro. Basta mistificazione su questi temi e si dia inizio subito a nuovi e virtuosi percorsi industriali legati alla sicurezza prima che altre regioni depredino importanti pezzi dell’industria e dei progetti realizzabili in Sardegna. Questo è il futuro delle basi militari in Sardegna e non la chiusura senza condizioni. (Antonsergio Belfiori Delegato nazionale del Cocer interforze)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Seconde case: quotazioni in calo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 luglio 2014

case al mareL’ufficio studi del portale Immobiliare.it ha analizzato le quotazioni delle seconde case nelle località turistiche nel primo semestre del 2014, rilevando un calo dei prezzi in tutto il territorio nazionale pari al 2,5% in sei mesi, con picchi nelle zone meridionali: -7% in Calabria e la Campania, -5% in Sicilia e Sardegna (-5,0%), -4,0% in Puglia. Anche per le zone turistiche d’Italia si allungano i tempi di vendita degli immobili e aumentano i margini di trattativa (fino al 15%) per i compratori, che possono approfittare dell’ampia offerta presente sul mercato nazionale. Si rileva come il mercato delle seconde case sia sempre meno legato alla volontà di investimento o messa a reddito, ma sia guidato per larga parte dalla voglia di acquistare immobili di cui godere direttamente.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Poligoni di Quirra in Sardegna

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 maggio 2011

Il deputato radicale Maurizio Turco, cofondatore del Partito per La tutela dei diritti di militari e forze di polizia (Pdm) ha depositato tre distinte interrogazioni sulle ormai note vicende che riguardano le indagini della Procura di Lanusei sui poligoni di Quirra e Capo San Lorenzo e le recenti dichiarazioni del Ministro della difesa che il 10 maggio scorso ha affermato che “E’ interesse delle Forze Armate tutelare la salute dei propri militari e dei civili. Al momento, per quanto io sappia non e’ stato accertato alcun nesso di causalità tra uranio e decessi” e in merito alla dichiarata collaborazione e trasparenza dell’Aeronautica militare. Al Ministro della difesa è quindi stato chiesto se: “alla luce delle inquietanti notizie riportate dagli organi di informazione “sia intenzionato a disporre l’immediata evacuazione dei poligoni di Quirra e Capo San Lorenzo e conseguentemente interdirne l’accesso al personale militare e civile, a sospendere ogni attività militare e industriale, a provvedere alla bonifica dell’intero territorio, a risarcire i danni arrecati alle popolazioni civili e ai militari deceduti o ammalatisi che abbiano prestato servizio in quelle sedi, a risarcire economicamente i comuni su cui insistono i poligoni in premessa e le aziende agricole e pastorali che per effetto del provvedimento di sequestro disposto dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Lanusei abbiano dovuto interrompere le loro attività lavorative”; “quali siano stati gli eserciti che hanno svolto le loro attività nei poligoni interessati dalle indagini della Procura di Lanusei, in quali anni e quali siano state le attività svolte e quali gli ordigni utilizzati e/o fatti esplodere, se abbiano effettuato attività di bonifica e in caso contrario quali siano state le ragioni per le quali il comando militare da cui dipendono i poligoni in premessa abbia consentito che i residui bellici fossero smaltiti in loco tramite interramento e occultamento”; “quante siano state le Sentenze pronunciate dai Tribunali civili, amministrativi e penali che abbiano condannato il Ministero della Difesa a risarcire i danni lamentati da militari e civili in conseguenza della dichiarata esposizione ai rischi di contaminazione di sostanze nocive o che siano deceduti o che abbiano riportato patologie che ne abbiano determinato l’invalidità per la quale sia stato dichiarata la dipendenza dall’esposizione all’uranio impoverito o ai residui derivanti dall’uso di munizionamento contenente detto materiale, quante le sentenze siano state eseguite, quante quelle appellate, quante le cause concluse con una transazione stragiudiziale”. “Mi auguro – dichiara Comellini, Segretario del Pdm – che il Ministro La Russa risponda velocemente alle domande che gli sono state poste perché non solo è un suo preciso dovere istituzionale, ma anche in ragione dell’interesse pubblico che riveste l’intera questione per le possibili ricadute sull’economia locale e per le conseguenze che il protrarsi delle attività militari potrebbero avere sulla salute della popolazione civile e militare che in quelle zone vive e lavora.” (Partito per la tutela dei Diritti di Militari e Forze di polizia (Pdm).

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sardegna: caro traghetti

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 marzo 2011

“Ci vuole più considerazione per le associazioni dei consumatori”. E’ quanto dichiara Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (UNC), condividendo il disappunto manifestato dalla sede UNC della Sardegna per il mancato coinvolgimento al tavolo di confronto aperto dalla Regione con le compagnie marittime per discutere del “caro-traghetti”. “E’ inaccettabile -incalza Dona- che proprio le associazioni dei consumatori che li rappresentano e che per prime avevano denunciato gli ingiustificati rincari delle tariffe navali siano state messe all’angolo. In questo modo -prosegue il Segretario generale dell’UNC- la regione Sardegna ha dimostrato di sottovalutare l’importanza di una voce condivisa fra tutte le forze sociali per combattere insieme le azioni che danneggiano i consumatori”. “Da parte nostra proseguiremo nella battaglia e nel sostenere l’azione del nostro comitato territoriale. L’augurio -conclude Dona- è che le Istituzioni comprendano presto l’importanza di un’intesa comune sui temi cari ai consumatori”.

Posted in Spazio aperto/open space, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tariffe marittime alle stelle per la Sardegna

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 gennaio 2011

“Il grave aumento delle tariffe marittime da e per la Sardegna, per tutte le categorie di persone, residenti e non, è l’ennesima dimostrazione della mancanza di pianificazione e controllo dell’attuale Giunta regionale di centro-destra”. Questo il primo duro commento del responsabile regionale dell’Italia dei Diritti, Federico Gandolfi, alla notizia del rincaro delle tariffe sui trasporti marittimi verso l’isola sarda.  “È semplicemente incredibile che sia il comune cittadino a scoprire e doversi occupare per primo di tali aumenti, facendo un preventivo su internet – afferma l’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro, riferendosi ad alcuni dati riportati da un giornale locale on-line –.  Oltre la propaganda, sembra quindi non esistere alcuna collaborazione e consultazione con le compagnie di trasporto, il cui contributo è fondamentale per lo sviluppo dell’economia della Sardegna, e non solo del turismo”.  Gandolfi poi continua nel suo ragionamento proponendo alcune soluzioni all’aumento dei prezzi: “È necessario sviluppare al più presto un serio piano di continuità territoriale migliorando il modello aereo, garantire se non ampliare l’attuale offerta disponibile anche con interventi diretti nel salvataggio della Tirrenia, e lavorare subito in giunta e consiglio con nuovi strumenti amministrativi prima di fare la voce grossa coi giornali. Solo un piano approfondito e di lungo periodo – conclude – porterà a sensibili cali nel costo dei trasporti, sia per i residenti sia per i turisti, garantendo realmente il diritto alla mobilità sancito nella Costituzione”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La pastorizia ė come la Fiat per Torino

Posted by fidest press agency su martedì, 30 novembre 2010

“Per la Sardegna la pastorizia ė come la Fiat per Torino” lo ha detto a Torino il leader del Pastori Sardi Felice Floris che, su invito del regista Paolo De Falco ha partecipato alla proiezione del film Via Appia in concorso nella sezione italiana doc al Torino Film Festival.   “Il Movimento Pastori Sardi infatti oggi trova al suo fianco intellettuali attenti come Pascale e De Falco autori di questo film che colgono il valore epocale della nostra lotta, che è dalla parte dell’intero territorio rurale dell’Italia, tra l’altro affinché il prodotto “doc” non sia solo retorica, ipocrisia e “confezionamento” di materia prima importata dall’estero, dove molto spesso ci sono altre regole e minore rigidità a salvaguardia della salute dei consumatori.” “Molti altri sono i temi trattatati dal film – è stato detto a Torino – come la salvaguardia del territorio e del paesaggio, il peso del patrimonio artistico del nostro paese quando esso non riesce a trasformarsi in ricchezza, la funzione civile dello scrittore intesa, più che nella sua capacità di denuncia, nella sua capacità di interrogarsi con profondità; la resistenza della Comunità Provvisoria al progetto dello Stato di trasformare in discarica la piana del Formicoso, in Irpinia; il continuo dubbio se rimanere al sud (o più in generale in Italia) oppure partire; la ricerca spirituale che diventa abbandono ancestrale, selvaggio alla natura. Un film dunque mistico e politico sul tema dell’identità che propone il futuro come un nuovo inizio, “le macerie” come l’alba di una nuova era” è stato detto a Torino. “Tutti temi che coinvolgono anche la Sardegna prigioniera di una crisi drammatica in tutti i settori della sua economia, che in certi momenti può apparire senza via d’uscita. Una via d’uscita che tutti i sardi devono invece continuare a cercare con una dura lotta come quella dei pastori, degli studenti e dei lavoratori delle industrie che chiudono” ha ricordato Felice Floris, complimentandosi con gli autori del film realizzato con il contributo della Regione Puglia e del Comune di Roma.    Nella foto Felice Foris consegna il fazzoletto del MPA al regista de Pascale

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »