Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 126

Posts Tagged ‘school’

Up to 60 West Virginia Middle School Students to Advance to Final Round in Cyber Robotics Coding Competition

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 maggio 2018

Students from middle schools across West Virginia are gearing up for the final round of their Cyber Robotics Coding Competition (CRCC), a program that provides students and educators with the opportunity to build coding-robotics skills for real or virtual 3D robots. On May 17, those finalists will gather at the Fairmont State University (FSU) campus for a coding faceoff and an awards ceremony. NASA’s Independent Verification and Validation (IV&V) Educator Resource Center, FSU, A3L Federal Works and the Intelitek STEM and CTE Education Foundation (ISCEF) partnered to launch this spring version of CRCC in West Virginia.To date, more than 30,000 students all over the world have participated in CRCC events. The West Virginia event attracted 2,271 students as participants. After completing both the boot camp and the week of code phases – the 15 top schools were selected to compete in the finals.“The competition takes robotics and leverages it into the coding world – such an important aspect of STEM,” said Todd I. Ensign, Ed.D., the program manager for the NASA IV&V Educator Resource Center and a geoscience lecturer at FSU. Ensign was responsible for the outreach that resulted in the current spring event. “The schools and students who can best strategize, plan and complete the multi-level challenges will be the coding champions.”Up to four students from each school will compete in the Finals, coding through fifteen missions during the first 90-minute phase and a three-part mission in the subsequent 60-minute second phase. Awards will be presented for performance and student participation ratios.“Our aim, through these CRCC events is to get educators and students excited about STEM through coding robotics and computer science and lower the apprehension many have regarding coding, robotics and technology in general,” said Ido Yerushalmi, CEO of Intelitek. “These events not only recognize schools and teachers investing in STEM but help build collaboration between state education boards and companies specializing in, and supporting, STEM.”

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Executive MBA della School of Management del Politecnico di Milano

Posted by fidest press agency su martedì, 1 maggio 2018

Consentono a chi li frequenta di migliorare la propria carriera in termini di posizione e di stipendio, godono di una considerazione presso le aziende decisamente superiore alla media e possono vantare un’aula di tutto rispetto, con studenti-manager di ottimo livello.
A dirlo è il QS Global EMBA Rankings 2018, che per la prima volta ha identificato i 119 migliori master MBA per executive a livello globale, considerando l’offerta di 36 Paesi nel mondo e collocando i programmi EMBA della School of Management del Politecnico di Milano al 60° posto. Lo stesso punteggio, ottenuto analizzando diversi fattori di interesse, le ha permesso di raggiungere il 26° posto in Europa, su un campione di 49 business school.
Il QS Global EMBA Rankings 2018 valuta infatti vari aspetti dei programmi EMBA, guardandoli con gli occhi degli studenti. Non considera solo gli effetti sulla carriera, certamente fondamentali, e la buona fama di cui gode la scuola presso gli imprenditori, ma anche la composizione della classe, in termini di diversità e di esperienza professionale.
“Siamo molto soddisfatti di questo risultato – dichiara Federico Frattini, Direttore dei Programmi MBA ed Executive MBA della School of Management del Politecnico di Milano – che conferma la validità del processo di innovazione dei nostri prodotti, sempre più vicini non solo alle esigenze degli studenti executive, ma anche capaci di rispondere al meglio alle esigenze delle aziende, come dimostra l’alto punteggio che abbiamo ottenuto proprio per la buona reputazione aziendale. Un riconoscimento che ci sprona a continuare in questa direzione e a fare ancora meglio”.

Posted in scuola/school, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Global Brewer CEO Carlos Brito to Deliver 2018 Commencement Address at Stanford’s Business School

Posted by fidest press agency su sabato, 3 marzo 2018

The chief executive of one of the world’s leading consumer goods companies and Stanford MBA alum will address the graduating Class of 2018.Together with his team, Brito helped transform the industry by building the world’s largest brewing company. He earned his MBA in 1989 and is the chief executive of a global company with 200,000 colleagues in over 50 countries and more than 500 iconic brands sold in more than 100 countries.“Brito is a global business leader for the modern age,” said Jonathan Levin, Philip H. Knight Professor and Dean of Stanford Graduate School of Business. “He started in Brazil and built the world’s largest brewing company. Today, he leads an organization that operates in virtually every time zone, yet he remains down to earth and closely connected to his customers and colleagues.”
In 1989 Brito joined Brazilian beer and soft drinks company Brahma, which 10 years later merged with Companhia Antarctica Paulista to form Ambev. There he held various positions in finance, operations, and sales before being appointed CEO in January 2004. Ambev combined with Belgium’s Interbrew to form InBev eight months later, and Brito became Zone President North America. He was appointed CEO in December 2005.Brito led the successful merger with Anheuser-Busch in 2008. In October 2016, after the company acquired SAB, Brito remained CEO of what had become the world’s largest brewer.Born in Rio de Janeiro, Brazil, Brito earned his undergraduate degree in mechanical engineering from the Federal University of Rio de Janeiro, and received his MBA from Stanford University Graduate School of Business.He is a member of the advisory council at Stanford GSB and serves on the advisory board of the Tsinghua University School of Economics and Management.Brito has lived in Brazil, Germany, Canada, Belgium, and the United States.
Inaugurated in 2010, Stanford GSB’s alumni commencement speaker program brings business leaders back to inspire graduating students as they embark on their own careers.

Posted in Estero/world news, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

What Singapore Can Teach The Rest of the World About Education

Posted by fidest press agency su martedì, 10 ottobre 2017

singapore-marinaSingapore. CMRubinWorld’s new interview with global education thought leader and author, Pak Tee Ng, focuses on how Singapore consistently updates it’s education system to stay on top of trends in a rapidly changing world. It is no secret that Singapore has one of the strongest education systems in the world. However, this has not stopped Singapore from continuing to build on its position of strength, which includes learning from other education systems around the world. In a recent interview with CMRubinWorld, Pak Tee Ng says that Singapore’s education system is constantly focused on how best to prepare youth for the obstacles they will face in the future. “We change when we are strong rather than wait until we are desperate. Then we can change in a more mindful and reflective manner. Work has begun much earlier but we are putting in more efforts to emphasize values inculcation, lifelong learning, holistic education and 21st century skills. We hope to encourage joyful learning and help our students develop resilience and an entrepreneurial spirit.” Pak Tee Ng. explains that “efficient and effective learning” are the goals in Singapore schools but that educators today are “much more mindful and intentional about making the learning process a joyful one, so that students develop an intrinsic desire for lifelong learning. Then, they will be better prepared to deal with future complex challenges.” In terms of the role of teachers in Singapore’s model, Pak Tee Ng says change “requires teachers to examine their teaching methods to engage their students better.” And on the subject of curriculum, he notes educators are “making content more relevant to real life and giving students opportunities to apply knowledge and skills learned in school in authentic work settings.”
Pak Tee Ng is Associate Dean, Leadership Learning, Office of Graduate Studies and Professional Learning, and Head and Associate Professor, Policy and Leadership Studies Academic Group, at the National Institute of Education, Nanyang Technological University, Republic of Singapore.

Posted in Estero/world news, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Access to education failing many migrants

Posted by fidest press agency su domenica, 21 maggio 2017

migrantsThe Agency’s latest summary identifies pressing fundamental rights issues that need addressing in various EU Member States. Some of the main findings include:
Children in immigration detention have no access to any form of education in nine out of the 14 Member States covered by this report. This is mainly because Member States expect short detention periods, which may also be shorter than needed to perform the administrative and medical checks for schooling. In the other countries informal education is offered. Education, independent of the time spent in detention, is only on offer in three Member States.
Very few Member States specifically address the educational needs of those who have been unable to attend school regularly before arriving. As a result they may also lag behind students of a similar age. This is particularly a problem in many Member States when it comes to educating children who are above the compulsory school age without the necessary skills.
Traumatised children often have difficulties integrating due to behavioural issues or because they are withdrawn. In four Member States, there is some form of psychological support but it does not specifically target refugee children. Teachers receive support through training or guidance in dealing with traumatised children in only three Member States.
Early childhood education can help students learn better and prevent them from leaving school early. However, long waiting periods, language barriers, long distances, insufficient guidance to families, lack of information, low allowances for asylum applicants to cover expenses, and the treatment and integration of traumatised children are all factors limiting access to early childhood education. For example, over 40% of Dutch municipalities with reception centres have no childcare facilities at these centres.
In four Member States, asylum seekers and refugees have no access to formal schooling in some parts or regions of the country. Although almost all Member States have special support classes to help children follow or join regular schools, in five they spend up to two years in separate preparatory classes outside schools until they can attend public schools.
Once enrolled in school, migrant children generally benefit from the same services as national children. In some Member States they are also eligible for additional support such as language courses or allowances for buying school supplies.
Problems in recognising non-EU diplomas hinder access to third-level education and employment in many Member States.
Most Member States increased their budgets and staffing for education following the 2015/2016 migration crisis. For example, in Austria staffing for basic care has quadrupled since the large-scale increase in migration.
The European Commission asked the Agency to collect data about the fundamental rights situation of people arriving in Member States particularly affected by large migration movements. The reports cover 14 Member States: Austria, Bulgaria, Denmark, Finland, France, Germany, Greece, Hungary, Italy, the Netherlands, Poland, Slovakia, Spain and Sweden.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Startup School di Mind the Bridge

Posted by fidest press agency su sabato, 31 dicembre 2016

università paviaPavia Sono oltre 300 e provengono da oltre 20 paesi su 4 continenti. Sono gli Alumni passati negli ultimi 4 anni dalla Startup School di Mind the Bridge, l’organizzazione internazionale nata per sviluppare, promuovere e supportare gli ecosistemi imprenditoriali di tutto il mondo. Con base in Silicon Valley (San Francisco) e in Italia, la MtB School nasce ufficialmente nel 2007 come progetto sperimentale a supporto dei primi “Italy Tour” e i primi “Bootcamp”, per poi assumere qualche anno dopo i connotati di un progetto formativo strutturato su moduli intensivi da 3 settimane rivolti agli aspiranti startupper. “Siamo partiti nel 2007 come semplice ponte tra l’Italia e gli Stati Uniti – ha commentato Marco Marinucci, fondatore e CEO di Mind the Bridge – ma poi, anche grazie a progetti europei come Welcome e SEC2SV, abbiamo aggiunto sempre più rampe di accesso al nostro ponte virtuale con la Silicon Valley. Oggi qui siamo un punto di riferimento per la formazione imprenditoriale, avendo ospitato e supportato centinaia di founder che vogliono fare un reality-check valido e circostanziato della loro value proposition in un periodo di tempo ragionevolmente breve. Perché il tempo vale più del denaro”.Grazie anche al supporto di partner d’eccellenza come il Polo Tecnologico di Pavia, Wind Business Factor e Fondazione Denoth in Italia, il programma Welcome a livello europeo e Brilliant Labs in Medio Oriente, la Scuola ha via via assunto un carattere di hub internazionale, accogliendo progetti e startup da tutto il mondo. E se nel 2012 i paesi rappresentati risultavano solo 3 – Italia, Brasile e Bulgaria – si è rapidamente passati a 11 nel 2014 fino ad arrivare agli oltre 20 del 2016, in rappresentanza di 4 continenti (Europa, Asia, America e Africa).Anche la partecipazione femminile è cresciuta, passando dal 6% del 2012 a oltre il 25% del 2016, con casi di eccellenza come quello di Timbuktu di Elena Favilli e Francesca Cavallo o quello recente di InteriorBe di Federica Sala, arrivata alla School attraverso il concorso “Ti Porta Lontano” di Nastro Azzurro. “Il successo di Mind the Bridge oggi si può valutare anche in base ai casi di successo di alcune startup che hanno partecipato alla nostra Scuola – ha aggiunto Alberto Onetti, Chairman dell’organizzazione – Alcune hanno trovato funding e si sono fatte strada in Silicon Valley, come Timbuktu. Molte altre sono tornate nei loro paesi di origine con una value proposition e un business model rinnovato e lì hanno trovato l’ambiente ideale per la loro crescita. Il ponte di Mind the Bridge è assolutamente a doppia corsia: molti sfruttano l’esperienza e l’accelerazione della Silicon Valley per rafforzarsi e crescere a casa propria”.L’italiana Timbuktu, dopo essere stata selezionata da 500 Startups, ha infatti raccolto $3M con il progetto “Rebel Girls”, rivelandosi la campagna Kickstarter di maggior successo in ambito editoriale al mondo, mentre Tikkiti, piattaforma per la vendita di biglietti di spettacoli originaria del Kuwait, ha raggiunto in pochi mesi dalla partecipazione alla School oltre 300 mila dollari di fatturato. Come loro, tante altre eccellenze. Come Primo, basata nel Regno Unito, che sviluppa programmazione per bambini nella sua forma più semplice e ha raccolto $1.6M. Oppure come l’italiana Meritocracy, che ha completato la fase di seed funding (€0.6M) e sta ora raccogliendo un series A da €2M in Europa. Ancora, l’Irlandese Artomatix, che è stata ammessa a settembre alla Battlefield di TechCrunch Disrupt oppure l’italiana Urbi che è stata acquisita da LastMinute.com. O anche l’argentina Ulang, che ha lanciato il suo prodotto in fase beta con la Singularity University durante la School, mentre l’italiana InteriorBe ha appena annunciato un seed round da €250k guidato dall’italiana M+C Works a pochi mesi dal ritorno dalla Bay Area. Infine, sempre dal Kuwait, Bleems, che ha incrementato le sue vendite da $25k a $3M a seguito del periodo di formazione. “Un modello, quello della Startup School, che oggi usiamo non solo per startup consolidate ma anche, opportunamente adattato, per giovani studenti universitari e delle scuole superiori che vogliano avere una prima esperienza strutturata e un’esposizione mirata al mondo dell’innovazione e al contesto della Silicon Valley – ha concluso Marco Marinucci – Un esempio è la delegazione Coreana di una quindicina di studenti che la Scuola ha ospitato nel mese di luglio 2016. Il risultato è stato molto buono e stiamo valutando di ripetere questa esperienza con diverse regioni ed enti locali in Italia ed Europa”.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Toulouse Business School lancia un blog di ricerca dedicato a decisori e analisti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 maggio 2016

bullesTolosa, Maggio 2016. Perché le aziende cinesi stanno comprando i mercati europei? Come sono coinvolti i traders nella formazione di bolle speculative? Quanto può essere efficace la cattura del carbonio contro il riscaldamento globale? Qual è l’impatto reale dei Big Data sul management? Questi e molti altri i temi di ricerca dei 91 docenti del Centro di Ricerca della Toulouse Business School. Oltre alla sua principale missione di produrre nuove conoscenze che vengono utilizzate nei corsi dispensati nei suoi vari programmi, la Toulouse Business School si è fissata l’obiettivo di diffondere i risultati della ricerca del suo corpo docente ad un pubblico più vasto ed il blog TBSearch è nato proprio per servire questa ambizione.Attualmente 91 professori lavorano su ricerche nell’ambito del management. Essi comunicano i risultati del loro lavoro attraverso le più prestigiose riviste scientifiche e conferenze accademiche.
“L’obiettivo fondamentale della nostra attività di ricerca è quello di identificare le leve che i manager e i dirigenti possono utilizzare per creare valore per tutti gli stakeholder di un’azienda. Esse hanno inoltre lo scopo di contribuire all’efficacia delle politiche pubbliche, in quanto si basano sul contesto economico”, spiega Denis Lacoste, direttore della ricerca presso la Toulouse Business School.L’ambizione del blog, attraverso le sue versioni in lingua francese, inglese e spagnola, è quello di espandere la portata della ricerca ad un pubblico più vasto interessato a economia e management: dirigenti, manager, analisti e giornalisti economici.In quanto canale di informazione online ad accesso libero, Tbsearch fornisce analisi sulle ultime notizie d’attualità da parte di esperti, oltre che le loro ricerche. Gli articoli sono scritti in un formato breve e accessibile e presentati su un’interfaccia grafica semplice ed efficace.
Fondata nel 1903 dalla Camera di Commercio e dell’Industria di Tolosa, la Toulouse Business School ha tre campus (Tolosa, Barcellona e Casablanca) e due siti a Parigi e Londra. La TBS offre un ampio portafoglio di lauree triennali e formazioni post-laurea, nonché un DBA per i dirigenti e programmi su misura a seconda delle esigenze dei singoli partecipanti. La scuola forma i manager e i business leaders di domani. I programmi della TBS sono focalizzati principalmente su finanza, strategia, marketing, contabilità, consulenzane risorse umane, ma anche sulla cultura, le scienze umane e l’imprenditorialità. Immersa nella regione francese Midi-Pyrénées, la TBS sta creando programmi specifici per l’industria aerospaziale, alimentare e sanitaria. La Toulouse Business School è una delle poche business school che detiene il triplo accreditamento EQUIS, AMBA e AACSB. Aperta al mondo, la TBS ha firmato oltre 160 accordi di scambio con università in tutti i continenti, la scuola conta ad oggi 80 nazionalità nei suoi diversi campus. (foto: bulles)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Parte la Lake Como School

Posted by fidest press agency su domenica, 8 maggio 2016

villa del grumelloComo. Parte lunedì 9 maggio la “Lake Como School of advanced studies” iniziativa promossa dalla Fondazione Alessandro Volta di Como che dal 2013 realizza attività di formazione post universitaria rivolte a giovani ricercatori nel campo delle teorie dei sistemi complessi.Ogni anno la Lake Como School promuove alcuni programmi scientifici chiamati “Scuole”, attività didattiche e di studio punto di incontro per studiosi e scienziati.Giunto alla quarta edizione, questo progetto è cresciuto negli anni: nel 2013 sono state attivate 6 scuole; 7 scuole nel 2014; nel 2015 il numero è salito a 13, fino ad arrivare alle 16 previste per il 2016. Le prime tre edizioni delle scuole hanno contato un totale di 1.208 partecipanti da ben 50 paesi di provenienza.“La Lake Como School cresce ancora nel 2016 con ben 16 proposte formative di assoluta eccellenza a livello internazionale offerte ai giovani di tutto il mondo – commenta Mauro Frangi, Presidente della Fondazione Alessandro Volta – Giovani che ancora una volta sceglieranno Como e lo straordinario contesto del Chilometro della Conoscenza per qualificare ulteriormente la propria formazione in una pluralità di discipline, rafforzando ulteriormente la vocazione internazionale di Como come città della cultura, della conoscenza e dell’alta formazione. Un progetto che possiamo realizzare e sviluppare grazie alla Fondazione Cariplo e al suo sostegno e alla consolidata partnership con quattro Università lombarde (Statale di Milano, Bicocca, Insubria e villa del grumello1Pavia)”.“L’esigenza di scuole come la Lake Como School si è imposta nel mondo come conseguenza della competizione internazionale che richiede sempre più una formazione di eccellenza nelle diverse discipline – commenta Giulio Casati, Segretario scientifico della Fondazione Alessandro Volta -. Queste scuole permettono di mettere in contatto, per periodi limitati, in un ambiente sereno e raccolto, giovani ricercatori provenienti dalle diverse università con i migliori esperti, in campo mondiale, nei rispettivi campi di ricerca”.Per il 2016 le nuove attività didattiche e di studio della Lake Como School propongono un ampio programma di workshop, conferenze e convegni internazionali che si svilupperà da maggio a ottobre a Villa del Grumello a Como e a Campione d’Italia. Durante le Scuole verranno trattati e studiati numerosi argomenti, dalle Sustainable Water-Energy-Centric Communities alla la teoria dei giochi, dallo sviluppo dello studio sul cancro alle reti complesse, dalla creatività ed evoluzione allo sviluppo e alle attività dei circuiti celebrali, fino al trapianto di organi.
Novità di quest’anno sono le conferenze aperte al pubblico a ingresso libero. “Da quest’anno abbiamo voluto aprire ai comaschi e alla città questa straordinaria esperienza di eccellenza – conclude Mauro Frangi Presidente della Fondazione Alessandro Volta – Quattro degli esperti di fama mondiale affiancheranno alla docenza nelle rispettive scuole altrettante conferenze ad ingresso libero rivolte ai nostri concittadini. Perchè vogliamo che le attività di profilo internazionale della Fondazione siano sempre più conosciute e apprezzate dalla città e contribuiscano a migliorarne la vita culturale”
La prima scuola “Sustainable Water-Energy-Centric Communities” si terrà dal 9 al 13 maggio a Villa del Grumello a Como.
I partecipanti approfondiranno nuovi paradigmi che rappresentano un considerevole cambiamento nel modo in cui nuove città saranno pianificate e costruite, e le esistenti ammodernate, per raggiungere uno sviluppo sostenibile. Una città sostenibile sarà autosufficiente con risorse energetiche rinnovabili, con acqua risparmiata e riutilizzata, creando il minor impatto ecologico, recuperando risorse dalle acque reflue e dai solidi organici, producendo la minor quantità di inquinamento possibile. (foto: villa del grumello)

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A Mediterranean School as a symbol of sustainability and progress

Posted by fidest press agency su sabato, 22 agosto 2015

gerardo biancofioreAn Italian project for a better use of natural resources. The Small and Medium Enterprises International Group of Ance, the Italian builders’ association, and Ance Foggia just launched a new school model: the Mediterranean School. It would be an inclusive structure, hosting children from kindergarten up to 13 years old. Moreover, the Mediterranean School will be tailored according to the specific characteristics of the Mediterranean weather, also keeping into consideration the needs of a number of municipalities. Among them, the necessity of having more new schools, provided with technological tools, labs and curricula able to effectively train future professionals. The building of schools will be conducted by using local sustainable materials. Moreover, bioclimatic planning will be used in order to take the best from the heat characterizing the Mediterranean area. An artistic study on lights will be also included to put in evidence shapes and colours. Photovoltaic, thermodynamic and trigeneration energy will be used as engines of the building, reducing the consumption of electricity. The structure will be monitored h24 by automation systems to guarantee an effective functioning. Also with regard to waste, the school reveals its sustainable nature in having adopted recycling of conventional materials (plastic, glass, paper) and humid retrieve together with biogas.
Another innovative feature of the school is the set up of specific labs to make students closer to agriculture and food, with a particular focus on the top products of Made in Italy. Didactic paths will be digitalized, abandoning conventional tools, such as paper, in favour of tablets and storage cloud. Gerardo Biancofiore – President of the Small and Medium Enterprises International Group of Ance and Ance Foggia – portrayed the Mediterranean School as a sustainable school “an harmonious venue, characterized by the right compromise between lights, shades and colours” with a fine Italian style. Finally, the Mediterranean School will be the symbol of “smart cities”, praising technology and sustainability and progress at the same time.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Education World Forum di Londra

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 gennaio 2015

londraA circa 63 milioni di adolescenti tra i 12 a 15 anni viene negato il diritto all’istruzione, secondo il nuovo rapporto congiunto dell’Istituto per le Statistiche dell’UNESCO e dell’UNICEF “Fixing the Broken Promise of Education for All: Findings from the Global Initiative on Out-of-School Children”, lanciato oggi in occasione dell’Education World Forum di Londra.
A livello globale, 1 adolescente su 5 non va a scuola, rispetto ad 1 bambino su 11 in età di scuola primaria. Quindi gli adolescenti hanno il doppio delle probabilità di essere fuori dalla scuola rispetto ai loro colleghi più giovani. Il rapporto, finanziato dalla Global Partnership for Education, mostra anche che per i bambini che crescono aumenta il rischio di non iniziare la scuola o di abbandonarla.
121 milioni di bambini e adolescenti non hanno mai iniziato la scuola o l’hanno abbandonata, nonostante la promessa della comunità internazionale di raggiungere “l’istruzione per tutti” entro il 2015. I dati mostrano che dal 20017 non sono stati registrati progressi nella riduzione di questo numero. I bambini che vivono in situazioni di conflitti, quelli che lavorano e che devono affrontare discriminazioni su base etnica, per questioni di genere o per disabilità sono i più colpiti.
“Il lavoro, così come le strategie consolidate basate su più insegnanti, più aule e più libri di testo non sono sufficienti per raggiungere i bambini più svantaggiati”, ha detto il Direttore generale dell’UNESCO Irina Bokova. “Abbiamo bisogno di interventi mirati per raggiungere le famiglie sfollate a causa dei conflitti, le ragazze costrette a rimanere a casa, i bambini con disabilità e i milioni costretti a lavorare. Ma queste politiche hanno un costo. Questo si propone di fare un appello per mobilitare le risorse necessarie per garantire l’istruzione di base per ogni bambino, una volta per tutte”.
Mentre cresce la pressione per includere l’istruzione secondaria universale nell’agenda per lo sviluppo globale post-2015, il rapporto indica la via da seguire per rompere le barriere che tengono i bambini fuori dalla scuola. Se le attuali tendenze continuano, è probabile che 25 milioni di bambini – 15 milioni di bambine e 10 milioni di ragazzi – non metteranno mai piede in una classe.
“Per realizzare la promessa dell’istruzione universale per ogni bambino, abbiamo bisogno di un impegno globale per investire in tre aree: aumentare il numero di bambini nella scuola primaria; aiutare più bambini – soprattutto le femmine – a proseguire la scuola frequentando la scuola secondaria; migliorare la qualità dell’apprendimento che ricevono”, ha detto il Direttore generale dell’UNICEF Anthony Lake. “Non ci dovrebbe essere alcun dibattito tra queste priorità: dobbiamo farle tutte e tre, perché il successo di ciascun bambino – e l’impatto del nostro investimento nella formazione – dipende da tutte e tre queste priorità”.
I più alti tassi di abbandono scolastico si registrano in Eritrea e Liberia, dove rispettivamente il 66% e il 59% dei bambini non frequentano la scuola primaria. In Pakistan, il 58% delle adolescenti di età compresa tra i 12 e i 15 anni non vanno a scuola, rispetto al 49% dei ragazzi.
Secondo il rapporto, la povertà è il più grande ostacolo alla formazione. In Nigeria, i due terzi dei bambini delle famiglie più povere non vanno a scuola e quasi il 90% di loro probabilmente non sarà mai iscritto. Al contrario, solo il 5% dei bambini più ricchi non va a scuola e si ritiene che la maggior parte di loro cominci prossimamente.
L’UNESCO e l’UNICEF ritengono che le nuove politiche devono concentrarsi in particolare sui bambini più emarginati, nell’ambito di più grandi sforzi per migliorare l’accesso e la qualità dell’istruzione. Per fare questo, i governi hanno bisogno di informazioni affidabili su chi sono questi bambini, dove vivono, se hanno mai frequentato la scuola e se sono in grado di farlo in futuro. Ma molti di questi bambini rimangono invisibili all’interno dei metodi di raccolta di dati. I bambini con disabilità sono tra i meno visibili – semplicemente non esistono dati affidabili – e vengono trascurati nelle risposte nazionali sui bambini che non vanno a scuola.
Il rapporto richiama a investire nel miglioramento dei dati e dimostra che raggiungere i più emarginati può inizialmente costare di più, ma produce anche i migliori benefici. Migliori statistiche e strumenti innovativi possono aiutare i governi e i donatori a destinare gli investimenti per l’istruzione in modo più efficace ed efficiente.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

School: save the children

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 settembre 2013

<
Più di un terzo dei genitori italiani evidenzia la carenza dei fondi della scuola italiana, mentre 9 su 10 lamentano l’inadeguatezza delle strutture ospitanti. In aumento i contributi richiesti alle famiglie, che finanziano l’acquisto dei materiali per la didattica (78%), ma concorrono anche a sostenere l’insegnamento delle materie curricolari (31%) ed extra (44%) All’avvio dell’anno scolastico, l’Organizzazione lancia un ritratto della scuola italiana: per circa il 40% dei genitori il livello della scuola italiana rimane elevato, ma 1 ragazzo su 4 lo ritiene appena accettabile. Il precariato degli insegnanti è un ostacolo per il percorso scolastico dei ragazzi per il 87% dei genitori, mentre per 84% la motivazione dei docenti influisce sul livello di insegnamento.
Quale fotografia della scuola emerge dalle considerazioni di genitori e ragazzi italiani? La visione dei genitori scattando l’istantanea sulla scuola, è un peggioramento più o meno grave (87%, 1 genitore su 4 ritiene il peggioramento molto grave, con picchi del 37% in Sardegna e 33% in Lazio), che viene imputato a carenza di fondi (35%, con picchi del 41% in Piemonte e Lombardia), depauperamento di strutture e dei servizi (27%, che tocca il 33% in Veneto e Puglia).Questi alcuni dei dati inediti della ricerca “Il ruolo e le condizioni del sistema educativo italiano” realizzata da Ipsos per Save the Children all’avvio dell’anno scolastico, che traccia un ritratto in chiaroscuro della scuola italiana.Nonostante tutto però, il 40% dei rispondenti trova di qualità elevata la scuola italiana (51% in Sicilia e 45% in Piemonte) e l’insegnamento impartito (l’8% dei genitori è completamente d’accordo con questa affermazione, il 32% abbastanza d’accordo), mentre lo stato di inadeguatezza (se non di fatiscenza vera e propria) delle strutture ospitanti è rilevato da 9 su 10 intervistati (90%), dato che arriva alla quasi totalità del campione in Sicilia (96%) e Lazio (94%)“I dati di questa indagine ci dimostrano che il nostro Paese si caratterizza sempre di più per le forti disuguaglianze educative. Nel percorso scolastico dei bambini hanno sempre più peso i divari di tipo economico, sociale e culturale delle famiglie e dei territori di provenienza”, dichiara Raffaela Milano Direttore Programmi italia – EU di Save the Children. “L’anno scolastico si apre in uno scenario allarmante: meno tempo scuola, scarse opportunità di formazione dei docenti, edifici insicuri, classi affollate, taglio delle attività extrascolastiche, discriminazione nei servizi di refezione, offerta insufficiente di servizi per la prima infanzia: tutto questo colpisce i minori, in particolare quelli dei contesti più svantaggiati, e compromette le loro opportunità di crescita.”La famiglia gioca un ruolo chiave nel sostegno economico delle attività scolastiche, provvedendo molto spesso (78% di adulti) all’acquisto o al finanziamento dell’acquisto di materiali destinati alla didattica, come carta, e fotocopie (valori che salgono all’86% in Puglia e Piemonte e all’81% in Toscana e Emilia, ma anche di altre necessità di carattere più generale (tipicamente, la carta igienica – 51% tra i genitori, che arriva al 61% in Puglia e 60% in Piemonte).I genitori concorrono anche a sostenere l’insegnamento di alcune materie, più spesso in aggiunta al corso di studi (44%, 52% in Piemonte e 48% in Lazio), ma anche materie previste dal curriculum studiorum (31%, che diventa 40% in Campania e 39% in Lazio).Anche i ragazzi confermano questi dati: il 70% di loro dice che la famiglia contribuisce all’acquisto di materiale didattico, il 26% parla del materiale igienico-sanitario, 24% dei costi sostenuti per le materie extra curricolari e il 17% per quelle curricolari.Secondo la stragrande maggioranza dei genitori italiani, questi costi sono nettamente aumentati nell’ultimo periodo: ben l’81% dice di aver dovuto contribuire in misura maggiore all’acquisto del materiale didattico nell’ultimo periodo (carta, fotocopie etc.), dato che arriva al 92% in Lombardia e 86% in Liguria. Per il 78%, gli aumenti hanno riguardato il contributo per l’insegnamento di materie curricolari (il dato arriva a ben il 93% in Campania), mentre il 76% dice di aver subito l’impennata dei costi del servizio mensa (con picchi dell’84% in Lombardia e 82% in Veneto) e i contributi per il materiale non didattico (che arriva all’84% in Sardegna e all’83% in Lombardia).I genitori italiani, inoltre, riconoscono che le precarie condizioni in cui gli insegnanti si trovano a lavorare agisce da barriera in due sensi, da un lato perché di fatto essa ostacola un percorso scolastico organico e fluido per i ragazzi (87%, che arriva al 91 e 90% rispettivamente in Sicilia ed Emilia Romagna), dall’altro perché la motivazione dei docenti influisce sul livello di insegnamento (84%, che tocca il 90 e 88% rispettivamente in Sicilia e Toscana) e sul riconoscimento della figura del docente come adulto di riferimento (79%, con picchi dell’86 e 84% in Puglia e Campania).Anche i ragazzi hanno una chiara percezione delle difficoltà finanziarie del sistema scolastico italiano (33%), e della scarsa qualità delle strutture scolastiche (21%). 1 ragazzo su 4 ritiene che la condizione della scuola sia appena accettabile, il 12% di essi la ritiene bassa, mentre 1 ragazzo su 10 la reputa molto buona.Gli studenti intervistati concordano con gli adulti che la misura più urgente per migliorare ulteriormente la loro scuola prevede la garanzia di un corpo insegnanti stabile, al fine di garantire un corretto percorso di studi (51%), ma vada altresì garantita la formazione dei docenti (25%), gli interventi sulla struttura che ospita la scuola (16%), come la lotta alla precarietà come leva motivazionale (9%).“Il governo ha assunto alcuni impegni importanti sul fronte scolastico, come lo stanziamento dei fondi per l’edilizia scolastica o il rilancio dei programmi di contrasto alla dispersione nelle regioni del Sud. È indispensabile rafforzare questo impegno, invertire decisamente la rotta rispetto alla stagione dei tagli degli investimenti per l’istruzione (nel periodo 2008-2011 la scuola ha subito tagli per 8,4 miliardi di euro e l’Italia spende per la scuola il 4,7% del PIL rispetto al 6,3% della media OCSE). Non possiamo lasciare solo sulle spalle degli studenti, delle famiglie e dei docenti questo enorme problema. E’ indispensabile rimettere concretamente la scuola al centro dell’attenzione delle istituzioni e della opinione pubblica”, conclude Raffaela Milano.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Summer school per adolescenti

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 luglio 2013

125 ragazzi e ragazze provenienti da diverse regioni italiane, carichi dell’entusiasmo di chi ha scelto di arrivarci ed esserci oggi a Crotone, con alle spalle già brevi ma significative esperienze all’interno dei progetti di Save the Children e, in animo, di dare il proprio contributo di idee, proposte e pensieri su cosa fare per promuovere i diritti di bambini e adolescenti in Italia. Eccolo il primo gruppo di giovanissimi che da oggi fino a sabato 6 luglio sono a Crotone, alla Summer School di Save the Children affinché la voce degli under 18 sia presente all’interno di Save the Children e si esprima sui temi che vedono impegnata l’organizzazione in Italia, dalla povertà minorile, alla protezione dei minori a rischio di sfruttamento (come i minori stranieri non accompagnati), dall’educazione e la scuola all’uso delle nuove tecnologie, o alla tutela dei minori nelle emergenze (vedere anche scheda in calce).Sono ragazzi come Alessandro di Napoli, 12 anni che partecipa ad un progetto di Save the Children per il contrasto alla dispersione scolastica; Beatrice di Milano, 12 anni peer educator di Save the Children per la promozione dell’uso positivo e responsabile delle nuove tecnologie; Clara di Palermo, 17 anni che ha condotto con un gruppo di coetanei una ricerca tra pari per approfondire il fenomeno del lavoro minorile nel nostro paese.“La partecipazione dei bambini e dei ragazzi alle decisioni che li riguardano non è un privilegio concesso dagli adulti o un merito da conquistare ma è una pratica fondamentale che va riconosciuta ad ogni bambino e adolescente, per essere cittadini a pieno titolo della propria comunità”, spiega Raffaela Milano, Direttore Programmi Italia-Europa Save the Children Italia.Nel corso della Summer School di Save the Children, i ragazzi, divisi in gruppi, si cimenteranno nella costruzione di vere e proprie “mappe” della città di Crotone, ascoltando testimoni, realizzando interviste e visite nei luoghi più significativi. Una vera inchiesta civica che consentirà di approfondire tematiche relative alla scuola, l’ambiente, la legalità e la cittadinanza, la povertà. Il lavoro dei ragazzi andrà a formare una “story map” della città di Crotone con immagini, testi, interviste audio, presentando così una inedita lettura della città dal punto di vista dei più giovani.“I protagonisti della Summer School sono 125 ragazzi e ragazze dai 12 ai 18 anni già coinvolti nei nostri progetti in Italia, che hanno deciso di mettersi in gioco e di misurarsi con questa stimolante esperienza ”, spiega Francesca Bilotta, Responsabile Unità Educazione di Save the Children.
A partire dall’esperienza della Summer School, daranno poi vita ai primi 10 gruppi locali, nelle città da cui provengono – Milano, Venezia, Torino, Genova, Roma, Napoli, Ancona, Bari, Crotone e Palermo – e in cui Save the Children è già presente con attività progettuali .”“La metodologia che i ragazzi utilizzeranno per coinvolgere altri adolescenti sarà quella peer to peer, cioè da “pari a pari”, spiega ancora Francesca Bilotta. “Ecco perché i 125 ragazzi in questi giorni a Crotone sperimenteranno tutte le fasi del processo di partecipazione in linea con gli standard di Save the Children: dall’informazione, alla definizione di una propria opinione, all’espressione del proprio punto di vista e alla considerazione da parte degli adulti dell’opinione espressa”.Tra gli ulteriori strumenti che saranno messi in campo per raccogliere le opinioni dei ragazzi ci sarà anche una community online .“Siamo certi che le idee e la voce dei ragazzi e delle ragazze, soprattutto di quelli in situazioni di maggiore difficoltà, daranno un contributo importante al lavoro di Save the Children in Italia e, in ultima battuta, al miglioramento delle condizioni dell’infanzia e dell’adolescenza nel nostro paese”, conclude Raffaela Milano, Direttore Programmi Italia-Europa Save the Children.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The Italian School in London

Posted by fidest press agency su domenica, 12 settembre 2010

It’s located in a pretty street near Notting Hill,  will provide a bi-lingual and bi-cultural education. The teachers, Merlica Effrey and Franca Boschi, are both English and Italian mother-tongue speakers. The project, born during 2006, was initially a feasibility  study to introduce to the  Italian authority. Some months later the promoters decided to realize the school. They assigned to each member of the Board different tasks  for different purposes: business plan, education plan, finance plan. On the 25 of January 2007 the society “The Italian School in London” was founded and registered and consecutively it was declared as Charity from the Charity Commission of London.
The Board of Governors that conduct the Charity is formed by a group of Italian people residents in London, experts in different fields: finance, law, education. At the beginning  the classroom are intended for  infant school but the project provide  to become soon a primary school, secondary school and so on. The founders’ aim is to offer a high quality education. Laura Marani, the School Headmistress, taught at PembridgeHall School for Girls for 23 years during which time the school was consistently in the top three London primary school. “The intent”, she declared, “ is to create a school where the Italian Ministerial program and the best aspects of the English system work together harmoniously”. The approach adopted is based on the Reggio Emilia Programme, one of the most recent developments in the world of education. The Reggio Emilia approach is an educational philosophy focused on preschool and primary education started by Loris Malaguzzi. The program is based on the principles of respect, responsibility, and community through exploration and discovery in a supportive and enriching environment based on the interests of the children through a self-guided curriculum. The ambassador expressed his gladness for the inauguration of The Italian School of London, and his pride for the project that come out just after the celebration of 150° Unity of Italy. Moreover he underlined the importance of this initiatives that represent the trait d’union among Italian community and the citizens of the country where we live.  The Italian Minister for Foreign Affairs sent his message from Italy specifying the importance of the enterprises that promote the human capital and active new energies. (from Italo Baglini L’Italo Europeo) (the Italian school)

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

V Summer School di Ideura a Laurino (Sa)

Posted by fidest press agency su giovedì, 29 luglio 2010

Laurino (Sa) dal 29 al 31 luglio si alterneranno dibattiti e tavole rotonde con concerti, momenti ludici e assaggi della cucina tipica del luogo, quest’anno è “Da Nord a Sud per unire l’Italia”: in ogni dibattito, infatti, si confronteranno rappresentanti politici della Lombardia e della Campania, mettendo a confronto le rispettive ricette per governare l’Italia.  Enrico Letta, Filippo Penati e Gianni Pittella saranno gli ospiti principali della quinta Summer School di Ideura.  Ci sarà il convegno dibattito: “Da Napoli a Milano, per il governo delll’Italia” in cui si confronteranno il capogruppo del Pd in regione Lombardia Filippo Penati, il senatore bresciano Guido Galperti, l’onorevole Guglielmo Vaccaro, i consiglieri regionali campani Antonio Valiante e Donato Pica, il consigliere Udc in regione Lombardia Enrico Marcora e il segretario del Pd di Milano Roberto Cornelli.
La giornata del venerdì sarà dedicata a due temi altrettanti importanti: alle 10.30 si discuterà di federalismo fiscale con l’ex ministro Gino Nicolais, il senatore del Pd Francesco Sanna, i consiglieri regionali lombardi Fabio Pizzul e Luca Gaffuri e l’assessore della provincia di Salerno Marcello Feola. Nel pomeriggio alle 17.30 è previsto invece un dibattito sul tema “Fuga dei cervelli e rientro dei talenti” con l’eurodeputato Andrea Cozzolino e gli onorevoli Guglielmo Vaccaro e Pina Picierno.
Il sabato infine si terrà una tavola rotonda tra giovani amministratori locali e, a seguire, il vice segretario del Pd Enrico Letta sarà intervistato dal giornalista del Mattino Antonio Manzo. L’evento è organizzato dall’associazione culturare Centro studi Ideura, che dal 2001 è attiva in Lombardia e in Campania per promuovere la partecipazione alla politica attiva.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Record d’iscrizioni all’MBA della Chicago Booth

Posted by fidest press agency su mercoledì, 7 ottobre 2009

“Summer melt”, letteralmente “il disgelo estivo” è il termine con cui le scuole americane indicano il ritiro dei candidati ammessi prima che l’anno accademico inizi. Un fenomeno che quest’anno ha avuto la più bassa incidenza nella storia della Chicago Booth School of Business: sono 592 gli studenti che hanno deciso intraprendere il percorso formativo dell’MBA. Una cifra che rappresenta un record per la business school americana, una delle più anziane e prestigiose al mondo. Le ragioni dell’abbandono precoce sono molteplici, questioni personali o professionali, ma rappresentano un sacrificio considerevole per i candidati, visto che ritirandosi rinunciano alla retta già versata. “La dispersione estiva registrata quest’anno è stata davvero risibile rispetto al passato” ha dichiarato Stacey Kole, Vice-Preside dell’MBA full-time “A causa dell’alta affluenza registrata quest’anno, siamo stati addirittura costretti a rifiutare molti candidati validi in lista d’attesa” ha aggiunto Kole.   Nel Corso MBA che si terminerà nel 2011 il  35% degli iscritti sono donne, l’età media è di 28 anni e il 18% degli allievi ha già conseguito almeno un’altro diploma di laurea.  Il 16% sono sposati e il 36% provengono da paesi al di fuori degli USA. La nazione più rappresentata é l’India (34 allievi), seguono Cina (16), Canada (15) e Brasile (14). Quest’anno il numero degli studenti dell’Europa Occidentale è passato dai 24 dello scorso anno a 40. Le iscrizioni dall’Asia sono invece scese a 78 rispetto alle 94 di un anno fa (tutte le cifre non comprendono gli studenti EMBA che seguono corsi a Londra e a Singapore). Una buona parte degli studenti ha ottenuto 714 punti alla prova di ammissione GMAT, (Graduate Management Admission Test) ed un voto medio di laurea di 3,53.

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »