Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

Posts Tagged ‘scientifico’

Un “salotto scientifico” dal titolo “Vaccini anti-SARS Cov2

Posted by fidest press agency su martedì, 11 Maggio 2021

Tema caldo, arma vincente”. Martedì 18 maggio dalle ore 21 alle 22.30, l’Associazione Amiche e Amici dell’Accademia di Medicina di Torino e Ideificio Torinese (associazione “no profit” di studenti e laureati) organizzano un incontro on line, anzi un “salotto scientifico” dal titolo “Vaccini anti-SARS Cov2. Tema caldo, arma vincente”. Il tema Vaccini è inflazionato dai media, ha quasi soppiantato, nell’immaginario collettivo, sia l’aspetto pandemico che il pericolo rappresentato dal virus, dalla sua letalità, dall’alto rischio che potrebbero comportare le varianti virali emergenti. Nelle conversazioni captate per strada ha sostituito il tempo, la salute, le tasse. Obiettivo di questo webinar è, tramite un linguaggio scientificamente ineccepibile ma privo di tecnicismi, restituire il giusto peso ad ogni protagonista della grande sventura ed avventura pandemica: il virus, la malattia, i vaccini, il programma vaccinale e il ruolo di una corretta comunicazione.Dopo i saluti da parte del Presidente dell’Accademia di Medicina, prof. Giancarlo Isaia, i moderatori del convegno, prof. Alessandro Bargoni dell’Accademia di Medicina, e Donato D’Ambrosio di Ideificio Torinese, porranno a Silvia Corcione, infettivologa Città della Salute e della Scienza di Torino, Paola Crosasso, Direttrice Struttura Complessa Farmacie Ospedaliere ASL Citta’ di Torino, Guido Giustetto, Presidente OMCeO Torino (Ordine dei Medici, Chirurghi e degli Odontoiatri) e Gabriella Tanturri, medica vaccinatrice e presidente A.A.A. Accademia di Medicina, numerose domande.Tra queste: come si generano le varianti del virus? Come si è arrivati così in fretta a trovare vaccini efficaci? Come si raccolgono i dati sulle sospette reazioni avverse? Quali difficoltà ha comportato l’organizzazione in tempi brevi di una campagna vaccinale rivolta a un target di popolazione che comprende la maggioranza degli abitanti di una grande città? Come affrontare il problema dei “No Vax” all’interno del personale medico?In ottemperanza alle disposizioni del DPCM relative alle misure di contenimento della pandemia, si potrà seguire l’incontro collegandosi alla piattaforma gratuita TWITCH, con assistenza tecnica di Ideificio Torinese, al seguente link: https://www.twitch.tv/ideificiotorinese. Non è necessario registrarsi ma per avere la possibilità di interagire in chat e di porre domande è necessario accedere con un profilo.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il cortocircuito scientifico-mediatico e il linguaggio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 giugno 2020

Virologi, medici, immunologi, intensivisti che guerreggiano mediaticamente come un politico qualunque a suon di insulti personali. E’ uno spettacolo che molti giudicano indecoroso, e con qualche ragione. Forse la più importante di queste ragioni è l’immagine distorta che può emergere della scienza e della comunità scientifica nel suo complesso.Contrariamente alla politica, la scienza avanza – e talvolta arretra o fa un passo di lato – in modo sistematico, rigoroso, e certamente non in TV o nei sondaggi d’opinione. Quella scientifica è una comunità globale, sempre più connessa, estremamente pluralistica e fatta di centinaia di migliaia di scienziati, ricercatori, professori, studenti che collaborano e competono. Perché un’ipotesi divenga evidenza scientifica e produca consenso scientifico, è necessario che passi sotto la lente d’ingrandimento di una vastissima platea di scienziati, che hanno tutto l’interesse a trovare l’errore e a dimostrare il contrario. Non è un metodo infallibile, come tutte le cose umane, ma è tra le cose più straordinarie che l’uomo abbia costruito. Soprattutto, ad oggi non c’è di meglio, anche se tutto è migliorabile.Chi ha fatto parte di quella comunità o ha avuto modo di conoscerla nei suoi studi, sa bene che le polemiche mediatiche da prima pagina hanno poco a che fare con la scienza, anche se talvolta – quando fatte in modo serio e approfondito – possono rendere il pubblico partecipe ad un dibattito accademico realmente esistente.Noi spettatori, quindi, dobbiamo sapere che un’intervista ad uno scienziato non è di per sé scienza, a meno che lo scienziato non si limiti a esporre in modo corretto cose che sono già oggetto di consenso scientifico. Il resto è opinione, ipotesi, sensazione, work-in-progress, ego. Tutto autorevolissimo, ma non ancora sottoposto al rigoroso vaglio della comunità scientifica.Al contempo, gli scienziati in TV dovrebbero chiarire all’ascoltatore ciò che è ormai dimostrato, ciò che invece si intende ancora dimostrare, o ciò che è ancora un’intuizione in fase embrionale. E dovrebbero farlo con un linguaggio comprensibile, certo, ma altrettanto preciso e rigoroso. Forse sopravvalutano gli ascoltatori, prendendo per scontato che abbiano le conoscenze per distinguere, o forse li sottovalutano utilizzando un linguaggio volutamente popolano (e quindi impreciso e inadeguato scientificamente) per apparire popolari. Forse entrambe le cose.In parte è la natura fulminea e sconosciuta di questa epidemia, che richiede risposte fulminee, e quindi spesso non verificate con la rigorosità che è dovuta alla materia. Molti medici e scienziati sono passati improvvisamente dal reparto o dal laboratorio alla prima serata, e l’imperizia mediatica è in buona parte comprensibile.Ma alcuni scienziati, nel meritevole intento di fare divulgazione scientifica, sono effettivamente stati inghiottiti dal vortice dell’informazione mediatica, informazione che spesso cavalca l’estrema superficie dell’onda dell’attualità, valorizzando ossessivamente – e talvolta inventandosi di sana pianta – polemiche da social. Ecco che uno studio, magari anche serio e meritevole, viene divulgato grossolanamente con dichiarazioni e titoli giornalistici roboanti, cui seguono inevitabilmente repliche altrettanto roboanti. Lo studio ancora non lo ha letto nessuno. Si litiga sul nulla, a stretto giro di posta e sull’onda emotiva, su polemiche inventate, su concetti che vengono travisati. Il linguaggio scientifico è preciso, meticoloso, perché deve descrivere in modo inequivoco questioni estremamente complesse, in tutte le sue possibili sfumature. Lo stesso vale per il diritto e la legge e qualsiasi altra disciplina, e forse dovrebbe valere anche per la politica, che le leggi le scrive. Una parola fuori posto o utilizzata in modo impreciso può screditare uno studio o può rendere incomprensibile una legge, con tutte le conseguenze del caso. Il linguaggio è gemello inseparabile del pensiero logico, e non utilizzarlo in modo corretto non è questione solo di stile, ma di sostanza. Lo avevano capito già i greci: logos significa pensiero razionale, logica, ma anche linguaggio, parola.Chi utilizza il linguaggio in modo improprio, non fa altro che descrivere impropriamente la realtà, e quindi la travisa. Chi lo fa perché ha carenze linguistiche, avrà anche maggiori difficoltà a comprendere e correggere quegli errori, proprio perché non riuscirà facilmente a percepirli. Contrariamente al linguaggio scientifico, il linguaggio mediatico dell’attualità tende invece a semplificare, generalizzare, appiattire. E’ difficile conciliarlo con la divulgazione di concetti complessi, anche se vi sono divulgatori scientifici straordinari che ci riescono egregiamente. Di conseguenza, sui media si creano equivoci, storture e violente polemiche sul nulla. In tanti ormai pensano che la complessità dei temi e del linguaggio sia uno strumento per umiliare, un inutile riflesso aristocratico ed elitario, piuttosto che un (il?) mezzo indispensabile per studiare la realtà e trasmettere le conoscenze.
Dopo aver travolto la politica, poi la giustizia e persino singoli procedimenti giudiziari, il vortice mediatico sembra quindi lambire anche la scienza. Un rischio ancor più concreto in un Paese come l’Italia, dove in troppi non hanno avuto l’opportunità di conoscere il mondo della ricerca a causa di un sistema educativo che poco lo valorizza, cui consegue il nostro basso tasso di istruzione e persino di alfabetizzazione funzionale. Questo spiega anche il pervasivo anti-intellettualismo e la percezione diffusa di poter sapere senza studiare.Il mio modesto consiglio agli scienziati entrati per la prima volta nel circuito scientifico-mediatico è di essere rigorosi anche quando fanno divulgazione. Sia chiarendo ciò che è noto da ciò che è ancora opinione, sia utilizzando un linguaggio accessibile ma preciso. Ne andrà un po’ della loro popolarità televisiva, si prenderanno qualche insulto da chi percepisce la realtà in bianco e nero, ma pare un sacrificio necessario.Il rischio infatti è che l’opinione pubblica si convinca che anche nella scienza “uno vale uno”. Vediamo gli effetti devastanti di tale convinzione in politica. Evitiamo lo stesso destino alla scienza, vi prego. Abbiamo già dato. (Pietro Moretti, vicepresidente Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Primo congresso scientifico completamente virtuale con “AIOP On Air”

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 aprile 2020

L’evento si terrà dal 30 aprile al 2 maggio con un layout virtuale immersivo e realistico che valorizza i momenti di scambio di conoscenze ma anche di networking e di visibilità per gli sponsor. AIM Group International, società specializzata in congressi, meeting e comunicazione, indica la strada da percorrere per realizzare eventi già durante la crisi sanitaria da Covid-19 con il Meeting Mediterraneo AIOP, il primo congresso di una società scientifica italiana completamente digitale.La dodicesima edizione del congresso annuale organizzato dall’Accademia Italiana di Odontoiatria Protesica (AIOP), inizialmente prevista al Palacongressi di Riccione, è stato riprogrammato e verrà realizzato in versione completamente digitale dal 30 aprile al 2 maggio 2020, grazie alla collaborazione e partnership con AIM Group International, e con il supporto tecnico di Tecnoconference – TC Group.Di fronte alla necessità di distanziamento sociale e all’impossibilità di realizzare in questa fase eventi residenziali, si è optato per realizzare un congresso completamente virtuale. I contenuti scientifici del congresso erano già definiti, gli sponsor confermati, un buon numero di partecipanti già iscritti e la Società Scientifica AIOP era pronta all’innovazione e alla sperimentazione: è maturata così la decisione di intraprendere questa strada trasformando un evento che doveva realizzarsi dal vivo in un’esperienza digitale.I delegati potranno infatti seguire da remoto le sessioni formative, collegandosi semplicemente online alla piattaforma “AIOP On Air” dal proprio pc, tablet o smartphone. Sarà possibile interagire con i relatori e confrontarsi con gli altri partecipanti tramite chat e sistemi di sondaggi, che aiuteranno a mantenere vivo l’interesse e la partecipazione del pubblico on-line, o si potrà consultare in un altro momento tutti gli eventi disponibili on-demand.La “location virtuale” che ospiterà l’evento avrà un layout realistico e immersivo, riproducendo una sorta di studio televisivo virtuale, con diversi layout grafici a seconda delle varie tipologie di sessione, e i relatori, ben visibili, terranno le loro presentazioni arricchite di slide e filmati e rispondendo in diretta alle domande. Tra i format proposti, anche un talk show in cui si confronteranno sostenitori e detrattori di un argomento specifico di particolare interesse per gli odontoiatri, con il pubblico collegato in diretta online quale giudice d’eccezione.La grande zona espositiva che avrebbe dovuto essere realizzata nel centro congressi dal vivo sarà riproposta grazie a un’esperienza digitale completa. Un’articolata area dedicata agli sponsor offrirà la possibilità di seguire percorsi tematici (live e on demand), consultare documenti e presentazioni aziendali, ma anche svolgere incontri one-to-one con gli espositori o anche one-to-many. L’esperienza offerta ai partecipanti nell’area sponsor sarà particolarmente ricca e diversificata con ben tredici modalità diverse di interazione suddivise nelle tre macro-categorie Branding, Contenuti Video e Meet the sponsor. Tutti i contenuti dell’evento live saranno poi disponibili on demand per un anno e ricercabili con un motore di ricerca interno per Speaker, Keywords, Tag o Topic, creando percorsi tematici personalizzati.«Sono convinto che questo evento, nato indubbiamente dall’emergenza Covid-19, trasformerà un limite in opportunità spalancando nuovi orizzonti anche per il periodo in cui l’emergenza sarà terminata», spiega Carlo Poggio, presidente di AIOP.«Siamo molto felici che AIOP abbia deciso di intraprendere insieme un percorso innovativo, riprogrammando in poche settimane l’intero evento – spiega Rosangela Quieti, managing director Congress Department AIM Group International –. In questo momento come professionisti degli eventi sappiamo che dobbiamo mettere a frutto la nostra conoscenza approfondita delle esigenze delle società scientifiche e delle aziende e delle dinamiche di apprendimento per realizzare eventi efficaci in modalità virtuale. Le avanzate tecnologie a disposizione ci consentono di creare percorsi formativi ed esperienziali di semplice fruizione, ma anche accattivanti e interattivi che tengano alta l’attenzione e facilitino lo scambio di conoscenze tipico degli eventi residenziali».«Siamo convinti che il distanziamento sociale imposto dalla crisi sanitaria non faccia venire meno l’esigenza di incontrarsi tra persone, aziende ed associazioni, e anzi anche oggi crediamo fortemente nel potere degli eventi, dove le persone interagiscono, collaborano, imparano, costruiscono relazioni – afferma Patrizia Semprebene Buongiorno, vice-presidente di AIM Group International –. In questa fase l’organizzazione di un evento può accadere solo a distanza ma la migrazione digitale degli eventi è solo un tassello di una trasformazione più ampia che, cominciata ora per una causa specifica, è destinata a consolidarsi. Con grande rapidità, in AIM Group abbiamo creato team inter-funzionali mettendo a disposizione il nostro know-how per supportare al meglio i nostri clienti generando idee per creare nuove esperienze e lavorare sui contenuti in modo più interattivo».

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Inaugurato nuovo laboratorio scientifico

Posted by fidest press agency su martedì, 21 gennaio 2020

Roma. L’Istituto Amaldi è una scuola virtuosa che ha saputo affrontare con positività i cambiamenti sociali, tanto da essere definita come “il baluardo culturale della periferia romana“.Con questo laboratorio destinato ad aula di scienze, l’istituto aumenta ulteriormente la sua offerta didattica che si articola in scientifico-linguistico-classico, migliorando le attività laboratoriali offerte ai propri studenti.D’altra parte i numeri parlano chiaro. L’istituto ogni anno intercetta una pressante domanda di cultura che il territorio esprime, motivo per cui la priorità è da sempre quella di favorire una qualità didattica che funga anche da promozione socio-culturale.
Proprio per questo l’Amaldi ha sempre cercato di porsi come punto di riferimento nel territorio offrendo agli studenti realtà di alto spessore educativo e formativo. “Dopo il realizzo alla succursale dell’Amaldi – precisa Claudio Zianna di Labozeta Spa – abbiamo inaugurato un altro spazio scientifico in uno degli istituti più frequentati della capitale. Si tratta – conclude Zianna – di un valore aggiunto importantissimo, a garanzia di condizioni ideali nei processi laboratoriali di qualità che, siamo sicuri, potranno in futuro creare nuovi saperi e nuove opportunità”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Le nuove professioni in ambito scientifico tecnologico”

Posted by fidest press agency su martedì, 19 Maggio 2015

Duomo_e_Battistero_di_ParmaParma Mercoledì 20 maggio, con inizio alle ore 10.30, si svolgerà al Centro Congressi Sant’Elisabetta (Campus Universitario di via Langhirano) l’incontro Le nuove professioni in ambito scientifico tecnologico, finalizzato all’assunzione di laureandi e laureati di tutti i dipartimenti tecnico-scientifico. Sono previsti interventi di Maria Cristina Ossiprandi, Pro Rettrice per l’Area Didattica e Servizi agli Studenti, della dott.ssa Lucia Chierchia Open Innovation Manager di Electrolux, del dott. Filippo Di Gregorio HR Director di Dallara Automobili Spa, di Giovanni Cavallini Purchasing Manager di Ocme Spa, e della dott.ssa Concetta Meola Hr consultant specialist di Divisione Aereospace Quanta. All’incontro parteciperanno anche le classi V dell’Istituto Tecnico Industriale ITIS Berenini di Fidenza, accompagnate dalla Preside prof.ssa Rita Montesissa.L’incontro è organizzato dalla UOS Orientamento, Placement e Tirocini, Rapporti con le Imprese Placement.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Farmaci generici: un sistema virtuoso da attivare a vantaggio del paese

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 Maggio 2015

farmaciE’ stato presentato a Roma lo studio “Il sistema dei farmaci generici in Italia – Scenari per una crescita sostenibile” realizzato da Nomisma per AssoGenerici. E’ il primo studio scientifico di questa portata realizzato in Italia e, assieme ad un’analisi approfondita dello status quo, mette in luce un aspetto troppo spesso trascurato: “L’approccio che abbiamo utilizzato tiene insieme la questione del rilancio della crescita industriale del Paese con le ineludibili necessità di razionalizzazione della spesa” spiega Federico Fontolan di Nomisma “ricercando, all’interno delle complesse dinamiche che interessano il sistema del mercato, delle regole e dei comportamenti in ambito farmaceutico, i possibili sviluppi potenziali che consentano alla specifica categoria dei farmaci generici di esercitare il migliore impatto possibile sul sistema-paese”. A questo scopo, tra l’altro, è stata condotta un’indagine su un campione rappresentativo di cittadini-pazienti, medici e farmacisti, dalla quale è evidente che ormai diffidenze e preconcetti, anche e soprattutto tra gli utenti, sono ormai alle spalle e restano semmai da superare abitudini consolidate, soprattutto nella prescrizione, che non hanno più ragione di essere.Dallo studio, dunque, si conferma come il farmaco generico abbia rappresentato un elemento fondamentale per il contenimento della spesa farmaceutica, malgrado finora rappresenti soltanto il 30% circa delle vendite complessive di farmaci a brevetto scaduto. Eppure, rimuovendo gli ostacoli che ancora impediscono il suo sviluppo, il farmaco generico potrebbe rappresentare una risorsa fondamentale anche per il singolo cittadino. Infatti, se tutti i farmaci che gli italiani acquistano direttamente (OTC, SOP e farmaci di fascia C soggetti a prescrizione, inclusa la fascia A dove il cittadino paga il differenziale di prezzo con il farmaco di marca) fossero generici, il risparmio che i cittadini otterrebbero arriverebbero di 1,4 miliardi di euro ogni anno. Questo risparmio privato andrebbe ad alimentare, secondo una propensione media al consumo calcolata dalla Banca d’Italia, un incremento dei consumi in altri settori dell’economia che, nell’ipotesi massima, sarebbe di circa 700 milioni di euro: una spinta per l’economia nazionale ben superiore a quella di misure “di stimolo” oggi in discussione, ottenibile senza ridurre l’accesso a un bene indispensabile come il farmaco ma semplicemente reindirizzandolo. Ma una politica che rimuovesse gli ostacoli che ancora frenano il settore del farmaco equivalente potrebbe determinare un aumento del turnover industriale nazionale fino a 540 milioni di euro circa, con un aumento dell’occupazione fino a quasi 20000 addetti aggiuntivi tra settore produttivo e indotto. E questo soltanto sulla base delle scadenze brevettuali che si attendono da oggi al 2020, che interessano farmaci che oggi generano un fatturato di 2,1 miliardi di euro.“Mi sembra evidente dalle conclusioni dello studio che se il farmaco generico ha rappresentato per la sanità italiana un’ancora di salvezza, lo ha fatto pur non esprimendo appieno tutto il suo potenziale. Di questo dovrebbe tenere conto il decisore politico alla ricerca di ulteriori risparmi, anziché ipotizzare soluzioni draconiane di breve incidenza sui bilanci ma molto rischiose per il comparto farmaceutico” dice il presidente di AssoGenerici Enrique Häusermann. “Ma al di là dell’aspetto direttamente sanitario, rimuovere gli ostacoli che ancora oggi incontrano le industrie europee del generico, per esempio permettendo la produzione per l’esportazione anche nel periodo di vigenza del brevetto verso Paesi dove il brevetto è già scaduto, potrebbe favorire lo sviluppo dell’apparato produttivo nazionale, l’aumento dell’occupazione, come dimostrato dallo studio di Nomisma, e anche migliorare la performance dell’economia nazionale. Non si tratta di andare a discapito degli altri attori dell’industria farmaceutica, anzi, ma di dare una nuova chance di sviluppo industriale a tutto il settore manifatturiero farmaceutico del nostro Paese”. “Siamo soddisfatti dei risultati dello studio ” conclude Häusermann “anche perché confermano che quanto abbiamo sostenuto in questi anni – la necessità di rivedere i meccanismi di pay-back , di eliminare il patent linkage come impone l’Europa e di promuovere il ricorso a farmaci equivalenti e biosimilari – non è soltanto funzionale ai legittimi interessi di un settore produttivo, ma rappresenta un elemento chiave per conciliare la tutela della salute e le compatibilità di bilancio, il rilancio dell’economia e il welfare, la concorrenza e la salvaguardia dei diritti del cittadino”

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Know-how scientifico in campo agroalimentare

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 marzo 2015

Campus biomedical TrigoriaIl progetto è arrivato primo tra quelli vincitori del bando sui temi di Expo 2015 indetto da Lazio Innova, società regionale per lo sviluppo a sostegno delle imprese. Con il Campus Bio-Medico partecipano anche gli atenei di Roma Tre, Sapienza, Tor Vergata e Università Cattolica del Sacro Cuore. Un’iniziativa importante per il rilancio di un settore che nel 2014, come riferito nei mesi scorsi da Legacoop Agroalimentare Lazio, ha vissuto un vero e proprio anno nero, con la peggior crisi produttiva degli ultimi vent’anni, aggravata dall’aumento di quasi cinque punti percentuali dei costi di gestione delle aziende.“Con il progetto TIPITEC – spiega la Professoressa Laura De Gara, Delegata dell’Università Campus Bio-Medico di Roma per l’elaborazione delle iniziative parte del progetto – potremo trasferire le competenze accademiche e i risultati delle nostre ricerche in campo nutraceutico e alimentare dai laboratori alle catene di produzione aziendali. In questo modo, la scienza fornirà gratuitamente alle realtà imprenditoriali del territorio informazioni sugli strumenti più aggiornati e avanzati per risolvere i problemi legati a processi produttivi e sicurezza alimentare”.Saranno 100 i prodotti tipici del Lazio a poter essere valorizzati: dal guanciale di Amatrice alla porchetta di Ariccia, dal conciato di San Vittore al kiwi di Latina, dalla tellina del litorale romano alle olive di Gaeta, con un lungo elenco di vini, acque e altre ‘prelibatezze’ ben conosciute anche al di fuori dei confini regionali.‘Luogo’ d’incontro tra mondo accademico e produttivo sarà un portale web dedicato, all’interno del quale verranno inseriti i brevetti, le ricerche e i dispositivi tecnologici messi a disposizione delle aziende. Queste ultime potranno ricercare le informazioni e le soluzioni più congeniali alle proprie esigenze a partire da sette macro-ambiti alimentari: carne, formaggi e caseari, vini, ortaggi, prodotti da forno-dolciari, olio e il settore ‘altro’, che raggruppa le acque minerali e altri prodotti non appartenenti alle precedenti categorie. In alternativa, sarà possibile effettuare la ricerca anche in base al tipo di problema di filiera o al grado di complessità di approccio metodologico richiesto.Come sottolinea l’Ing. Marco Santonico, docente di Ingegneria delle Tecnologie alimentari al Campus Bio-Medico e coordinatore del progetto, “verrà messo in campo il meglio delle competenze scientifiche applicate all’alimentazione: dal sistema ‘FLUTE’, che monitora la qualità e il livello di stagionatura dei salumi, a sistemi multisensoriali in grado di smascherare eventuali contraffazioni in oli, vini o altri alimenti. Ci saranno anche tecnologie innovative per il controllo contaminazione microbica di alimenti, della durabilità dei cosiddetti ‘prodotti di quarta gamma’, come le insalate confezionate, senza dimenticare l’analisi chimica delle proprietà antiossidanti e nutrizionali di alimenti effettuabile su sistemi biologici complessi: un metodo di verifica degli effetti di alcune sostanze sulla salute dell’uomo più fedele rispetto ai tradizionali test biochimici”.
TIPITEC offrirà anche un’altra opportunità per favorire il passaggio di competenze dagli atenei alle aziende: sei incontri di studio, incentrati su tematiche strategiche di ambito agroalimentare, in programma presso la sede dell’Università Campus Bio-Medico di Roma (via Alvaro del Portillo, 21) tra maggio e ottobre, nel corso del semestre di Expo 2015. L’occasione per promuovere un inedito ‘modello’ d’incontro tra università e impresa sul terreno delle tecnologie per la filiera alimentare. Un sodalizio che promette di aiutare le aziende del Lazio, alla vigilia dell’Expo, a fare un salto di qualità nella valorizzazione e protezione dei propri prodotti più rinomati attraverso strumenti e criteri scientificamente validati.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Perchè gli ogm

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 marzo 2012

Roma 20 marzo prossimo presso la biblioteca del Senato (vedi invito allegato), alle ore 11, verrà presentato il libro “Perché gli OGM”, curato dal giornalista Elio Cadelo, che raccoglie 12 saggi di scienziati, economisti, genetisti, medici, esperti di diritto, teologi ecc. che spiegano, ciascuno per la propria competenza, la necessità di rinnovamento dell’agricoltura per far fronte alle esigenze di una crescente umanità, alle richieste in termini di quantità e qualità non solo di prodotti alimentari, ma anche per la produzione di farmaci e quale fonte di energia alternativa. Si tratta di un saggio che non entra nel dibattito pro o contro gli OGM, né discute delle scelte politiche dei diversi Paesi, ma affronta a livello scientifico la realtà della ricerca e dell’applicazione delle piante geneticamente modificate in agricoltura e per altri scopi industriali.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Classico Vizzini: nuovo indirizzo scientifico

Posted by fidest press agency su sabato, 11 febbraio 2012

Vizzini.(catania) Si è chiusa con un “lieto fine” la vicenda della possibile chiusura del liceo classico B. Secusio di Vizzini. L’istituto, a rischio chiusura per il numero troppo esiguo di iscrizioni annuali, è stato “salvato” dall’approvazione del nuovo indirizzo scientifico che si aggiungerà a quello classico già esistente, deliberato ieri pomeriggio dalla giunta Provinciale. Un’importante conquista per le famiglie vizzinesi, della quale è orgoglioso anche il responsabile del Circolo Avanguardia-Giovane Italia di Vizzini Gaetano Agosta: «Si tratta di un’importante riconoscimento, ottenuto anche grazie all’interessamento del Presidente Giuseppe Castiglione e degli Assessori Francesco Nicodemo e Salvo Licciardello, titolare della delega alle Politiche Scolastiche. Grazie a questa misura la città di Vizzini potrà mantenere una fondamentale risorsa culturale, sociale ed anche economica, permettendo ai giovani vizzinesi di continuare ad andare a scuola nel proprio paese, ed evitando alle loro famiglie ingiusti aggravi di spese causati da eventuali spostamenti in altre sedi scolastiche. Con questo provvedimento è stato fatto un altro importante passo nella direzione del diritto allo studio dal quale, sono certo, si avranno altre rilevanti ricadute positive sul tessuto cittadino».

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Esperimento scientifico in Piazza S. Marco

Posted by fidest press agency su martedì, 21 giugno 2011

Venezia campo San Geremia 21 giugno, alle ore 11.30 presso la sede Rai di Palazzo Labia il direttore di RAI 3 Giovanni De Luca, l’assessore comunale alla Pianificazione Strategica Pier Francesco Ghetti, il gruppo “Vortici e Frequenze”, gli scienziati Fabrizio Tamburini del Dipartimento di Astronomia dell’Università di Padova e Bo Thidè dello Swedish Institute of Space Physics e Visiting Professor CARIPARO della Scuola Galileiana di Studi Superiori, avranno il piacere di illustrare ai Media l’evento internazionale “Onde sulle Onde – Il Momento Angolare Orbitale della Luce – il Momento di una storia del mondo”, che si terrà in Piazza San Marco, alle ore 21 venerdì 24 giugno 2011

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

CoBrA e l’Italia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 novembre 2010

Roma fino al 13/2/2010 viale delle Belle Arti 131, Galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea Da un progetto scientifico di Denis Laoureux a cura di Denis Laoureux e Matilde Amaturo  L’iniziativa coincide con il semestre di presidenza belga dell’Unione europea e trae spunto anche dalla vicinanza fra la Galleria nazionale d’arte moderna e le Accademie di Belgio, Olanda e Danimarca, i tre paesi dai quali provenivano gli artisti e i poeti che, nel 1948, avevano scelto come nome del loro gruppo l’acronimo formato dalle iniziali delle città di Copenaghen, Bruxelles e Amsterdam.  La mostra – su progetto scientifico di Denis Laoureux, professore all’Universite’ Libre di Bruxelles, e con la curatela di Matilde Amaturo, direttrice del Museo Hendrik C. Andersen – mette in evidenza anche il collegamento fra la presenza di Jorn a Albisola, l’influsso delle sue sculture in ceramica in Belgio e il rilancio di CoBrA tentato da Christian Dotremont a Bruxelles dopo il 1954.
Il catalogo in edizione bilingue inglese, edito da Electa e sotto la direzione scientifica di Denis Laoureux, ripercorre la storia del gruppo grazie ai contributi di Matilde Amaturo, Luciano Caprile, Michel Draguet, Ben Durant, Ursula Lehmann-Brockhaus, Carla Michelli e Simona Poggi.  Immagine: Pierre Alechinsky, Vous viendrez apre’s la pluie, 1962 http://www.pierreci.it

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il lavoro scientifico della settimana

Posted by fidest press agency su domenica, 3 ottobre 2010

Ancona. Per far conoscere ad un pubblico vasto e non specializzato le grandi capacità scientifiche dei ricercatori dell’Ateneo, nella Home Page dell’Università Politecnica delle Marche è presentato il “Lavoro scientifico della settimana” (www.univpm.it).  Vengono segnalati cioè alcuni dei più significativi lavori pubblicati dalle più prestigiose riviste scientifiche internazionali frutto degli studi e delle ricerche in corso nei laboratori dell’Ateneo.  Per ampliare il campo di interesse ad ogni cittadino, è presentato anche un riassunto in lingua italiana.  Il lavoro segnalato questa settimana è: Unsteady Aerodynamics of a Savonius wind rotor: a new computational approach for the simulation of energy performance V.D’Alessandro, S. Montelpare, R. Ricci, A. Secchiaroli  Aerodinamica non stazionaria di un rotore Savonius: un nuovo approccio computazionale per la simulazione delle prestazioni energetiche di V. D’Alessandro, S. Montelpare, R. Ricci, A. Secchiaroli
Lo studio riguarda il modulo eolico integrato all’interno di un innovativo palo di illuminazione alimentato da fonti rinnovabili, basato su un rotore ad asse verticale di tipo Savonius opportunamente modificato ed ottimizzato. Nell’ambito delle attività di ricerca sono state condotte numerose indagini sperimentali presso la Galleria del Vento Ambientale dell’Università Politecnica delle Marche al fine di valutare le prestazioni del rotore. Parallelamente è stato sviluppato un metodo computazionale per la valutazione del campo di moto attorno al rotore stesso. Tale ricerca si è inserita all’interno del bando ministeriale INDUSTRIA 2015 all’interno del quale l’Università Politecnica delle Marche ha collaborato con importanti aziende del tessuto industriale italiano. http://www.univpm.it

Posted in Recensioni/Reviews, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Com’è cambiata la bellezza?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 settembre 2010

Salsomaggiore 9 settembre palazzo dei Congressi della città termale. Lo studio, promosso dalla Società Italiana di Ortodonzia (SIDO), è stato fatto da ricercatori di tre università italiane che nei giorni scorsi hanno sottoposto le 60 finaliste di Miss Italia a misurazioni del volto a livello tridimensionale con una metodica innovativa frutto  di un PRIN (progetto di ricerca di rilevante interesse nazionale), metodica per la prima volta utilizzata su un gruppo di soggetti così rappresentativo della bellezza delle italiane. Le candidate che si contenderanno il titolo sono passate infatti all’esame di molte giurie, ben diverse tra loro, dalle prime selezioni locali alle Prefinali nazionali: un casting molto particolare per uno studio di interesse scientifico.  I ricercatori hanno individuato – per mezzo della fotogrammetria digitale 3D e la ricostruzione virtuale dell’intero volto – le caratteristiche antropometriche facciali della bellezza contemporanea.
I ricercatori che sono stati impegnati a Salsomaggiore sono il prof. Raoul D’Alessio, Specialista in Ortognatodonzia, docente di  Estetica  facciale all’Università del Sacro Cuore di Roma; il prof. Roberto Deli, Ordinario, Primario di odontoiatria estetica e riabilitativa, Direttore del Dipartimento di  Odontostomatologia del Policlinico Gemelli; il prof. Alberto Laino, Prof. Associato di Ortognatodonzia dell’Università di  Napoli Federico II;  l’in. Luigi Maria Galantucci, Ordinario del Politecnico di Bari, responsabile del Laboratorio di Prototipazione Rapida e Riverse. Quest’ultimo ha messo a punto una metodica semplificata,  simile a quelle che il cinema ha utilizzato per film come ‘Avatar’.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Convegno scientifico Fism

Posted by fidest press agency su martedì, 25 Maggio 2010

Roma, 26 maggio  ore 9.30 Istituto Superiore di Sanità – Aula Pocchiari Viale Regina Elena, 299“I risultati della ricerca verso un mondo libero dalla SM:  FISM e AISM insieme nel movimento internazional. Interverranno: Mario Alberto Battaglia – Presidente FISM, Roberta Amadeo – Presidente AISM, Antonella Moretti – Direttore operativo AISM I ricercatori membri del Comitato Scientifico FISM: •  Francesco Cucca – Dipartimento di Scienze Biomediche – Università degli Studi di Sassari •  Gianluigi Mancardi – Dipartimento di Neuroscienze, Oftalmologia e Genetica Università degli Studi di Genova •  Gianvito Martino  – Unità di Neuroimmunologia –DIBIT – Istituto Scientifico San Raffaele – Milano •  Marco Salvetti – Centro Neurologico e Terapie Sperimentali (CENTERS) – Università La Sapienza di Roma •  Antonio Uccelli – Dipartimento di Neurologia, Oftalmologia e Genetica Università degli Studi di Genova E’ prevista la presenza dalle 10 alle 10.30 del Ministro alla Salute Ferruccio Fazio. Sarà consegnato il Premio Rita Levi Montalcini a un giovane ricercatore che si è distinto nella ricerca scientifica sulla SM. La Lettura Magistrale del convegno sarà affidata al professor Lars Fugger dell’Università di Oxford, Inghilterra, e vincitore di prestigiosi premi internazionali, che dedicherà il suo intervento alla “riscoperta” di farmaci già in commercio come nuove terapie per il trattamento della sclerosi multipla.  Il Convegno sarà anche l’occasione per presentare il Bilancio Sociale AISM.
Il 26 maggio cade la Seconda Giornata Mondiale della Sclerosi Multipla, il World MS Day, promossa dalla Federazione Internazionale della Sclerosi Multipla insieme alle associazioni SM dei 48 Paesi aderenti, e celebrata in tutto il mondo.  L’obiettivo della Giornata è sensibilizzare l’opinione pubblica sulla sclerosi multipla, garantire una migliore qualità di vita alle persone colpite da SM soprattutto ai giovani neo-diagnosticati e a continuare a sostenere la ricerca scientifica l’unica arma per sconfiggere la malattia.  L’Associazione Italiana Sclerosi Multipla celebra la Giornata Mondiale con un Convegno Scientifico per il punto sulla ricerca scientifica in Italia e nel contesto internazionale. Alle Autorità presenti verranno presentate le attività di  AISM e della FISM sul ruolo scientifico e l’impatto sociale della malattia in Italia e nel mondo. Si rendiconteranno inoltre i risultati ottenuti dalle ricerche finanziate dalla Fondazione Italiana Sclerosi Multipla e concluse nel corso del 2009. Saranno coinvolti i ricercatori impegnati in Italia sui maggiori campi della ricerca scientifica: dalle cellule staminali, alla genetica ed all’eziopatogenesi

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rosario a Simplicio: Gli intoccabili del PD

Posted by fidest press agency su sabato, 11 luglio 2009

Per rifarmi al titolo di un famoso film, a creare disorientamento nel PD, sia interno che esterno, sono, e sono sempre stati, “Gli intoccabili” che tali si reputano e da tali si comportano, creando il disamora mento e la disaffezione dalla politica. Saccenti, tuttologi, ma INdecisionisti, temporeggiatori in attesa che le soluzioni si propongano e si impongano da sole, essendo incapaci di una sia pur minima previsione, si illudono di essere il sale della terra. Paurosi di operare scelte di fondo perché irreversibili, essendo ansiosi dei successo immediato anche se alla lunga controproducente.Eppure di uomini validi in giro per l’Italia ce ne sono sia in campo economico che scientifico, tecnici del turismo ed esperi dell’istruzione , ma gli intoccabili li temono, perché si ritroverebbero impietosamente nell’ombra, dalla quale non saprebbero come fare per riemergere. La ricerca degli uomini nuovi e credibili non deve, però, trasformarsi in una fotocopia del mercato delle vacche istaurato dalla politica delle apparenze del cavaliere; in quest’ultimo caso la scelta cade sui mediocri, meglio se meno che mediocri, per evitare ombre al “magnifico”, che sa bene di essere oscurato anche da una foglia di fico. Non resta che guardare nella realtà politica che ci circonda; lo ha fatto anche il cavaliere, ma a modo suo, letteralmente comprando i vendibili per fare numero. Se tra i tanti possibili ho accennato all’on. Bruno Tabacci è solo perché l’ho ascoltato attentamente in un, sia pure occasionale, intervento elettorale a Caltanissetta. Parla con la sicurezza di chi sa ciò che dice, ma senza l’arroganza di chi si eleva in cattedra convinto si spargere la buona novella; tocca i tasti necessari ma senza divagazioni da esibizionisti della parola; si fa capire perché vuole essere capito, dote quest’ultima riservata solo a chi non teme smentite. Purtroppo  si tratta solo di un esempio, “gli intoccabili” ergerebbero un muro anzicchè spalancare le porte: l’orticello correrebbe seri rischi ! Quel Bruno Tabacci che ho conosciuto e che mi ha onorato di un incontro personale, non accetterebbe mai di essere comprato o assorbito dal cavaliere, fagocitato giusto per ottenerne un complice silenzio; ma non accetterebbe nemmeno la presuntuosa arroganza che distingue gli intoccabili che pretendono proseguire nel loro itinerario di dominio del niente. Mi è venuto in mente quel nome perchè lo rapporto proprio a Pierluigi Bersani, ma non come doppione, ma perché complementare per la ricerca di quelle capacità in grado di rappresentare i carenti 360°. Un ricordo personale chiarisce la mia esigenza etica di servizio. La sola occasione in cui mi prestai alla politica fu da giovanissimo entusiasta delle regole di politica sociale proposte da Almirante; così mi presentai al consiglio comunale di San Cataldo  (CL); venni eletto con un suffragio superiore ai miei meriti, tant’è che il gruppo passò da un solo rappresentante a tre, diventati determinanti per qualsiasi forma di amministrazione si volesse fare.Erano pronte da anni 186 case popolari nel quartiere di Santa Germana, che non venivano assegnate perché non si trovava l’accordo sulla spartizione. Organizzai l’occupazione che smosse le acque. Intervennero  reparti dei carabinieri di Catania e Palermo, ma si fidarono del mio impegno a mantenere quella occupazione  dentro i limiti della pacifica protesta. Intervenne  il prefetto, il presidente della provincia e si interessò anche la presidenza della regione; fu imposta l’assegnazione e ottenni anche la revisione della graduatoria, la cui realizzazione venne affidata al controllo della Procura della Repubblica di Caltanissetta; credo che per la prima volta in Europa  le case popolari vennero assegnate ad aventi diritto. Ma l’ostacolo più pesante arrivò dalla segreteria del partito, dove ormai circolava l’ordine di servizio: “Bisogna fermare Roxas…dove vuole arrivare..?” Così mi dimisi (sbattendo la porta !) e mantenni le dimissioni anche quando venne personalmente Almirante (in quei giorni fu mio ospite in una mia antica proprietà di campagna) per ristrutturare la segreteria locale e farmi revocare le dimissioni; ma capì il mio disgusto.  Completai il mandato nel PSDI, da indipendente. Da allora non mi piace più giocare al massacro. Ho la netta impressione che una persona (non certamente personaggio) come Bruno Tabacci potrebbe dare molto, a condizione che non si levino ostracismi personali….. ma questo appartiene al mondo delle pie illusioni. (Rosario Amico Roxas)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »