Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘scoperte’

Dai nuovi materiali alle scoperte sul cancro: a cosa serve studiare la complessità

Posted by fidest press agency su martedì, 25 dicembre 2018

Il Centro per la Complessità e i Biosistemi (CC&B) dell’Università di Milano ha ottenuto due importanti finanziamenti nell’ambito della scienza dei materiali e della biomedicina: uno dal Consiglio Europeo per la Ricerca (ERC) per il progetto METADESIGN coordinato da Stefano Zapperi, professore di fisica teoria e direttore del Centro; l’altro dall’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (AIRC) per condurre uno studio – diretto da Caterina La Porta, professoressa di patologia generale e membro del CC&B, e Micheal Pusch, ricercatore all’Istituto di Biofisica del CNR – il ruolo di due proteine da poco identificate nell’invasività tumorale. I metamateriali sono materiali artificiali la cui struttura è stata ingegnerizzata in modo da avere proprietà fisiche e meccaniche eccezionali. La loro progettazione è una sfida scientifica e tecnologica di grande portata e con un enorme potenziale per quanto riguarda le applicazioni nel campo dell’ingegneria. Nel suo precedente progetto – SIZEFFECTS, anch’esso finanziato dall’ERC – Zapperi aveva studiato l’effetto del disordine sulle caratteristiche meccaniche di diversi materiali usando algoritmi numerici in grado di calcolare il movimento di grandi quantità di piccole particelle. Il progetto METADESIGN, che ha ottenuto un finanziamento ERC Proof of Concept, raccoglierà l’eredità di SIZEFFECTS sfruttando gli stessi algoritmi per progettare metamateriali meccanici che siano realizzabili con una stampante 3D.Al giorno d’oggi, la progettazione di metamateriali tende a focalizzarsi su meccanismi già conosciuti e ben compresi, essendo principalmente basata sulle esperienze precedenti e sull’intuito. Grazie agli algoritmi sviluppati nel progetto METADESIGN, Zapperi ambisce a produrre attuatori – cioè quei componenti di una macchina che muovono e controllano meccanismi e sistemi – generici fatti di metamateriali e dotati di un’ampia gamma di possibili movimenti e alti livelli di rendimento.«I metamateriali hanno innumerevoli possibilità in termini di flessibilità e applicazioni, dalla robotica alla moda, fino agli strumenti biomedici», afferma Zapperi. «Il nostro approccio computazionale ci consente di progettarli esplorando configurazioni che non sarebbero ottenibili con i metodi convenzionali».Gli ioni possono muoversi attraverso la membrana cellulare grazie a una serie di canali proteici e la regolazione di questo flusso ionico in entrata e in uscita è fondamentale per molti processi cellulari. Fra i quali ci sono anche l’invasività delle cellule dei melanomi e l’adesione dei linfociti che circolano nel sangue a cellule specializzate – un processo chiamato homing, che contribuisce allo sviluppo di una risposta immunitaria specifica.L’obiettivo del progetto AIRC di Pusch e La Porta è lo studio di due canali molecolari recentemente scoperti per capire che ruolo giocano nell’invasività tumorale. Come prima cosa, i ricercatori caratterizzeranno il profilo molecolare di questi canali e, tramite una serie di esperimenti, ne verificheranno l’importanza nei processi di diffusione delle metastasi e nell’homing dei linfociti. Successivamente, svilupperanno molecole sintetiche disegnate apposta per interagire con queste proteine cercando quindi di ostacolare la capacità delle cellule tumorali di diffondersi e invadere altri tessuti.«Più informazioni abbiamo sulle basi molecolari dell’invasività tumorale, più potremo cercare di contrastarla», commenta La Porta. «L’identificazione di specifici strumenti chimici in grado di colpire in maniera mirata queste proteine potrebbe aprire la strada a nuove strategie chemioterapeutiche per combattere il melanoma e per aumentare l’efficacia dell’immunoterapia».

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Enrico Fermi: uno dei più grandi fisici di tutti i tempi

Posted by fidest press agency su sabato, 5 maggio 2018

Roma dal 7 al 25 maggio 2018, celebra ottanta anni dal Nobel di Enrico Fermi, tra approfondimenti scientifici, incontri e letture, per raccontare la storia e le scoperte di uno dei più grandi fisici di tutti i tempi.Il luogo principale, dove si aprirà alla cittadinanza tutta la celebrazione di Fermi, sarà il Dipartimento di Fisica (già Istituto Fisico) dell’Università La Sapienza, dove Fermi si trasferì col suo gruppo dopo Via Panisperna, e dove oggi si svolgono ricerche tra le più avanzate al mondo. Ma tutto comincerà dal Liceo Ginnasio Statale Pilo Albertelli (già Liceo Umberto I), dove Fermi ottenne la maturità 100 anni fa.
I Mille Nomi di Fermi si svolge nell’ambito di EUREKA! Roma 2018, la manifestazione di divulgazione scientifica promossa da Roma Capitale con l’adesione delle istituzioni e delle competenze più alte, a livello cittadino, nazionale ed internazionale.
Dalla produzione scientifica del grande scienziato italiano I Mille Nomi di Fermi, con una serie di eventi a ingresso gratuito, porta all’attenzione di addetti ai lavori, ma anche pubblico generalisti, giovani e appassionati, quelle scoperte o teorie che hanno ancora oggi un grande impatto sullo sviluppo delle nostre conoscenze o sulle applicazioni tecnologiche più moderne e futuribili. Il progetto è un percorso pedagogico che valorizza l’inquadramento storico delle ricerche di Fermi nel contesto scientifico della prima metà del ‘900 ed enfatizza le caratteristiche della tecnologia e delle metodologie utilizzate nella ricerca scientifica del XX e del XXI secolo. Saranno inoltre analizzate e rese comprensibili le “profetiche intuizioni” di Fermi che hanno consentito i più importanti traguardi alla ricerca scientifica di oggi: il progresso dei calcolatori elettronici (i nostri computers!), gli acceleratori di particelle, i loro sviluppi attuali quali il Large Hadron Collider (LHC) del CERN, dove è stata scoperta la particella di Higgs, fino alla recente rivelazione delle onde gravitazionali che sta rivoluzionando le nostre conoscenze sull’Universo in cui viviamo.Enrico Fermi, uno degli scienziati più geniali di tutti i tempi, è anche il fisico a cui è intitolato il più grande numero di teorie o quantità fisiche rilevanti al mondo, tra le quali: il Fermio, l’elemento numero 100 della tavola degli elementi; il Fermi, l’unità di misura delle lunghezze (1 Fermi = 1 decimillesimo di miliardesimo di centimetro); la superficie di Fermi, i Fermioni, la statistica di Fermi (che determina le proprietà dei conduttori, ed è legata a fenomeni straordinari dalla superconduttività all’esistenza di stelle di neutroni); il modello atomico di Thomas-Fermi; la teoria di Fermi dei decadimenti deboli, che spiega sia i fenomeni di radioattività beta naturali, che le reazioni che producono l’energia delle stelle; le coordinate di Fermi per lo studio della relatività generale di Einstein; la regola d’oro di Fermi, legata al calcolo della vita media delle particelle instabili.Gli eventi consisteranno nella presentazione di alcune di queste scoperte e di alcune delle teorie elaborate da Fermi. Si cercherà di fornirne una “spiegazione” utilizzando ogni metodo divulgativo (la lezione, l’esperimento, la visita, intese come “dimostrazioni dal vivo” preparate da un team di docenti della Sapienza esperti in divulgazione scientifica) per consentire poi una discussione sulle conseguenze attuali nella fisica e nella tecnologia. Nel mese di maggio, ogni martedì e venerdì, si susseguiranno i contributi di scienziati ed esperti come Giovanni Battimelli, Luciano Maiani, Guido Martinelli, Giovanni Organtini, Federico Ricci-Tersenghi.
Una particolare novità sarà rappresentata da un originale percorso in cuffia che sarà ripetuto tutti i giorni prima degli eventi: un viaggio nel Dipartimento di Fisica, un evento speciale del format consolidato del “Teatro Mobile”. Gli strumenti originali usati da Fermi per gli esperimenti, saranno fruibili in un itinerario che condurrà all’aula dove si svolgerà l’evento, insieme a laboratori, studi ed aule legati a Fermi e agli sviluppi della sua ricerca. Un numero selezionato di visitatori muniti di audiocuffia, potrà percorrere e vedere spazi e attività del Dipartimento ascoltando, registrati e dal vivo, contributi audiofonici speciali in una visita emozionante ed intensa di “originale scoperta” dell’anima del luogo per eccellenza della ricerca fisica voluto da Enrico Fermi.L’iniziativa è parte del programma di Eureka! Roma 2018 promosso da Roma Capitale Assessorato alla Crescita Culturale e in collaborazione con Siae. La manifestazione, rivolta a tutti gli interessati, è ad ingresso libero previa prenotazione on line in http://www.teatromobile.eu

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuove importanti scoperte riguardo il potenziale ruolo del compartimento respiratorio nella trasmissione interumana del virus Ebola

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 gennaio 2017

Ospedale Spallanzani, RomaPer la prima volta, un gruppo di scienziati internazionali ha identificato alcuni markers della replicazione del virus Ebola (EBOV) nel polmone di un paziente in fase di guarigione dall’infezione. Lo studio è stato condotto dall’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani” (INMI) a Roma (Italia), in collaborazione con i colleghi dell’University College a Londra (UK), del Friedrich-Loeffler-Institut Riems (Germania) e dell’Université Laval, Quebec (Canada). La devastante epidemia di Ebola, che ha colpito l’Africa Occidentale dal 2013 al 2016, ha causato 28,610 casi, tra cui 11,308 morti. La rapida diffusione del virus ha rappresentato una sfida per la sanità pubblica, mai incontrata nelle precedenti epidemie del virus. Le principali preoccupazioni sono state il rischio della trasmissione interumana e definire le reali vie di trasmissione del virus Ebola. Gli studi sui pazienti affetti da malattia da virus Ebola evacuati in Europa e negli USA hanno suggerito l’idea che Ebola possa provocare danni ai polmoni, anche se ancora mancano prove reali della capacità del virus di replicare in questo organo. Lo studio effettuato da Biava et al. e pubblicato il 5 Gennaio 2017 sulla rivista scientifica PLOS Pathogens indaga riguardo la presenza del materiale genetico del virus Ebola nei polmoni e nel sangue, durante il trattamento e la guarigione di un operatore sanitario, evacuato dall’Africa Occidentale e trattato a Roma, in Italia. Il paziente ha mostrato una persistenza dei markers di replicazione virale all’interno del tratto respiratorio. I ricercatori hanno monitorato i livelli degli RNA viralidi Ebola (RNA a polarità positiva e RNA a polarità negativa), già precedentemente associati con la replicazione virale, e li hanno comparati con i livelli presenti nel sangue. Hanno scoperto che l’RNA virale e i markers di replicazione virale permangono nel polmone fino a 5 giorni dopo la loro eliminazione dal sangue. Questi risultati suggeriscono la possibilità che Ebola replichi nell’apparato respiratorio. E’ possibile che i polmoni forniscano semplicemente un ambiente protetto all’interno del quale l’RNA virale può resistere più a lungo rispetto a quanto osservato nel sangue, anche se gli scienziati scartano fortemente questa ipotesi in quanto hanno evidenziato la presenza dell’RNA virale totale e di entrambi i markers di replicazione, sostenendo l’ipotesi di una replicazione virale attiva. (Giuseppe Ippolito MD Scientific Director National Institute for Infectious Diseases Lazzaro Spallanzani)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ebola: nuove scoperte sulla trasmissione del virus

Posted by fidest press agency su sabato, 7 gennaio 2017

virus-ebolaPer la prima volta, un gruppo di scienziati internazionali ha identificato alcuni markers della replicazione del virus Ebola (EBOV) nel polmone di un paziente in fase di guarigione dall’infezione. Lo studio è stato condotto dall’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani” (INMI) a Roma (Italia), in collaborazione con i colleghi dell’University College a Londra (UK), del Friedrich-Loeffler-Institut Riems (Germania) e dell’Université Laval, Quebec (Canada).
La devastante epidemia di Ebola, che ha colpito l’Africa Occidentale dal 2013 al 2016, ha causato 28,610 casi, tra cui 11,308 morti. La rapida diffusione del virus ha rappresentato una sfida per la sanità pubblica, mai incontrata nelle precedenti epidemie del virus. Le principali preoccupazioni sono state il rischio della trasmissione interumana e definire le reali vie di trasmissione del virus Ebola. Gli studi sui pazienti affetti da malattia da virus Ebola evacuati in Europa e negli USA hanno suggerito l’idea che Ebola possa provocare danni ai polmoni, anche se ancora mancano prove reali della capacità del virus di replicare in questo organo.
Lo studio effettuato da Biava et al. e pubblicato il 5 Gennaio 2017 sulla rivista scientifica PLOS Pathogens indaga riguardo la presenza del materiale genetico del virus Ebola nei polmoni e nel sangue, durante il trattamento e la guarigione di un operatore sanitario, evacuato dall’Africa Occidentale e trattato a Roma, in Italia. Il paziente ha mostrato una persistenza dei markers di replicazione virale all’interno del tratto respiratorio. I ricercatori hanno monitorato i livelli degli RNA viralidi Ebola (RNA a polarità positiva e RNA a polarità negativa), già precedentemente associati con la replicazione virale, e li hanno comparati con i livelli presenti nel sangue. Hanno scoperto che l’RNA virale e i markers di replicazione virale permangono nel polmone fino a 5 giorni dopo la loro eliminazione dal sangue. Questi risultati suggeriscono la possibilità che Ebola replichi nell’apparato respiratorio. E’ possibile che i polmoni forniscano semplicemente un ambiente protetto all’interno del quale l’RNA virale può resistere più a lungo rispetto a quanto osservato nel sangue, anche se gli scienziati scartano fortemente questa ipotesi in quanto hanno evidenziato la presenza dell’RNA virale totale e di entrambi i markers di replicazione, sostenendo l’ipotesi di una replicazione virale attiva.
L’autore Giuseppe Ippolito, dell’INMI ha detto: “Questi risultati suggeriscono un ruolo importante del tratto respiratorio nella patogenesi della malattia da virus Ebola e potrebbero avere nuove implicazioni nelle procedure di prevenzione e nelle misure di controllo, specialmente per gli operatori sanitari e le famiglie, i quali sono i primi a fornire cure dirette e indirette ai pazienti affetti dal virus. Inoltre, aumentano anche le preoccupazioni riguardo al rischio della trasmissione interumana e al bisogno di ridisegnare le misure di prevenzione.”Il coautore, professore Alimuddin Zumla dell’University College di Londra ha dichiarato che “queste scoperte sono significative e potrebbero spiegare la rapida diffusione del virus durante l’epidemia, come anche quei cluster che sono stati notificati e per i quali non è stata identificata nessuna catena di trasmissione”. Ha inoltre aggiunto che “ulteriori studi saranno necessari per comprendere al meglio il ruolo di EBOV nella patologia del polmone, e il ruolo specifico della trasmissione tramite aerosol. Le mancate opportunità di ricerca durante l’epidemia del virus evidenziano il bisogno critico di finanziatori e di governi che siano in grado di costruire e implementare le capacità degli operatori sanitari e dei ricercatori al fine di condurre ricerca di base, ricerca sulla patogenesi e trial clinici durante le epidemie.” Secondo l’opinione del professor Gary Kobinger, co-autore dell’Université Laval in Quebec, Canada: “Questi risultati hanno necessariamente bisogno di ulteriori ricerche sulla patogenesi dell’infezione da EBOV nell’uomo, mirate a identificare e sviluppare le appropriate misure di intervento per migliorare gli esiti dei trattamenti.”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le ultime scoperte in cardiologia entrano nella pratica clinica

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 novembre 2016

cardiologiaTaormina dal 24 al 26 novembre 2016. Il congresso internazionale di cardiologia dal titolo “From Scientific Evidence to Clinical Practice” si apre con la lettura di Marianne J. Legato, cardiologa della Columbia University di New York e massima esperta mondiale della medicina di genere, cui seguirà una lettura di Fausto J. Pinto, cardiologo di Lisbona e presidente della Società Europea di Cardiologia dal 2014 al 2016. Il congresso proseguirà venerdì e sabato con sessioni dedicate a scompenso cardiaco, ischemia cardiaca, malattie delle valvole, aritmie, imaging cardiaca, cardio-oncologia, morte improvvisa cardiaca. Da segnalare nella giornata di sabato un intervento di Francesco Romeo, presidente della Società Italiana di Cardiologia.
Negli ultimi anni abbiamo assistito a un progresso esplosivo nelle conoscenze in cardiologia. Il risultato è un miglioramento senza precedenti nella salute della popolazione ma anche la necessità di un continuo aggiornamento da parte dei cardiologi e dei medici in generale.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le ultime scoperte in cardiologia entrano nella pratica clinica

Posted by fidest press agency su martedì, 15 novembre 2016

taorminaTaormina Dal 24 al 26 novembre alle 17 del 24 il congresso si apre con la lettura di Marianne J. Legato, cardiologa della Columbia University di New York e massima esperta mondiale della medicina di genere, cui seguirà una lettura di Fausto J. Pinto, cardiologo di Lisbona e presidente della Società Europea di Cardiologia dal 2014 al 2016. Il congresso proseguirà venerdì e sabato con sessioni dedicate a scompenso cardiaco, ischemia cardiaca, malattie delle valvole, aritmie, imaging cardiaca, cardio-oncologia, morte improvvisa cardiaca. Da segnalare nella giornata di sabato un intervento di Francesco Romeo, presidente della Società Italiana di Cardiologia. u Il risultato è un miglioramento senza precedenti nella salute della popolazione ma anche la necessità di un continuo aggiornamento da parte dei cardiologi e dei medici in generale. Con questi presupposti si svolge il congresso internazionale di cardiologia dal titolo “From Scientific Evidence to Clinical Practice” in programma a Taormina dal 24 al 26 novembre 2016, organizzato dalla Scuola di Specializzazione in Cardiologia dell’Università di Messina e promosso dalla Fondazione Internazionale Menarini.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Po: ancora scoperte

Posted by fidest press agency su martedì, 25 ottobre 2016

fiume-poDal Po possibili altri rinvenimenti storici Nasce il Centro di Ricerca e Documentazione sul Delta. Chiereghin – ricercatore : “ Dal Po potrebbero arrivare ben presto altre scoperte storiche importanti . Dopo il rinvenimento delle fortificazioni militari della Grande Guerra, ma anche di quelle austriache e napoleoniche e addirittura dopo aver rintracciato una linea del telegrafo ottico “Chappe” installata per volere di Napoleone da Ancona a Venezia lungo il litorale adriatico, sto continuando le ricerche e forse arriveranno altri risultati importanti e scoperte sensazionali. Per la prima volta immagini dei ritrovamenti e documenti inediti saranno in Mostra in Italia , il 10 Dicembre presso il Museo di Taglio di Po ”. Finotti : “ Questa è l’Italia raccontata dalle guide AIGAE a ben 3 milioni e 400.000 turisti l’anno. L’Italia da Nord al Sud e viceversa , di catene montuose, laghi , coste , borghi , foreste , boschi e campagne. Noi narriamo l’Italia”. “Il Delta del Po, terra giovane, si sta rivelando ricco di storia. Nell’immaginario collettivo si sente dire spesso che il Delta è una terra giovane senza un passato. Io sto cercando di dimostrare il contrario. Non mi fermo. Dopo aver scoperto sul Delta del Po , le Fortificazioni militari della Grande Guerra ma anche quelle Austriache e Napoleoniche dopo aver rintracciato una linea del telegrafo ottico “Chappe” che per volere di Napoleone era stata installata da Ancona a Venezia lungo il litorale adriatico, vado avanti e con ogni probabilità la mia ricerca porterà ad altri risultati importanti e scoperte sensazionali ”. Lo ha dichiarato Luciano Chiereghin , ricercatore che da più di 15 anni sta conducendo intense attività di ricerche storiche sul Delta del Po.
Fino ad oggi i risultati sono stati straordinari con il ritrovamento delle Fortificazioni Militari risalenti alla Grande Guerra ma anche quelle austriache, napoleoniche e addirittura “sono riuscito a rintracciare – ha proseguito Luciano Chiereghin – una linea del telegrafo ottico “Chappe” che Napoleone fece installare da Ancona a Venezia lungo il litorale Adriatico” . E la novità c’è . Chiereghin – ricercatore : “Ho scoperto anche i fortini militari delle guerre tra la repubblica di Venezia e lo Stato Pontificio. Immagini e documenti in mostra il 10 Dicembre per la prima volta”. Mi sono concentrato sulle tante guerre avvenute tra il 1600 ed il 1700 tra la repubblica di Venezia e lo Stato Pontificio, allora confinanti – ha proseguito Luciano Chiereghin – che si contendevano i nuovi territori che il Po formava davanti alla sua foce. Ecco che con le nuove tecnologie, come immagini satellitari e la georeferenziazione e quant’altro, un po’ alla volta ho ritrovato le tracce di alcune delle fortificazioni militari usate in queste guerre. Il più interessante ritrovamento è stata la scoperta sul terreno dei due forti del 1632, “Bocchetta”, papalino, e “Donzella”, veneziano, che coincidono esattamente con la pianta di questi e, dopo aver ritrovato in loco reperti di fittili compatibili con quella data, è stato possibile stabilire con assoluta certezza da parte di alcuni esperti che le tracce da me ritrovate erano proprio esatte. Ora sto scrivendo un libro su tutto quanto ho sinteticamente descritto. La mia ricerca continua, le sorprese non mancheranno”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scavi di Pompei: Nuove scoperte nell’area funeraria

Posted by fidest press agency su venerdì, 24 giugno 2016

pompei dove il tempo si è fermato1Pompei 24 giugno ore 11,30 (Via Villa dei Misteri, 2) ore 11 presso gli uffici della Soprintendenza.Ad un anno di distanza dalla scoperta nella necropoli di Porta Ercolano di una tomba di età sannitica, i cantieri di scavo nell’area rivelano nuovi eccezionali ritrovamenti. Una ulteriore tomba a cassa in lastre di calcare del IV sec. a.C. con corredo funerario completo, che si aggiunge alle rare testimonianze funerarie di età preromana.Ma anche, in ambienti di botteghe poco distanti dall’area funeraria, monete d’oro e oggetti preziosi ritrovati tra gli scheletri dei fuggiaschi saccheggiati da scavatori clandestini dopo l’eruzione del 79 d.C. , un forno per la fabbricazione di oggetti in bronzo e ancora una cava utilizzata per l’estrazione di materiale per costruzioni.Sono le scoperte sorprendenti dell’ultimo cantiere di scavo della Soprintendenza Pompei con l’E’cole française de Rome et le Centre Jéan Bérard che stanno conducendo un progetto di ricerca nella zona della necropoli di Porta Ercolano con l’obbiettivo di studiare le trasformazioni di un’ area un tempo commerciale fuori le mura di Pompei.Saranno presenti il Direttore Generale Massimo Osanna e gli archeologi impegnati sul campo.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Oggi è grande la ‘sete’ di notizie sulla salute

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 giugno 2015

tumore metastatico2L’89% dei cittadini sente l’esigenza di un’informazione medico-scientifica corretta. Ma per il 40% i media (giornali, Tv, Internet) non sanno rispondere a questa richiesta quando affrontano l’argomento “tumore”. Prevenzione primaria, diagnosi precoce e stato della ricerca sono i temi su cui gli italiani vorrebbero più notizie in campo oncologico. E il termine “tumore” per il 63% fa meno paura rispetto a “cancro”. Questi risultati emersi da un’indagine FAVO (Federazione delle Associazioni di Volontariato in Oncologia) su più di 800 cittadini sottolineano l’esigenza di stabilire un nuovo rapporto fra clinici e media. “È compito di una moderna società scientifica anche diventare garante della buona informazione – spiega il prof. Carmine Pinto, presidente nazionale AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica) -. Per questo promuoviamo il primo corso per giornalisti medico-scientifici e oncologi. I due mondi devono imparare a conoscere le reciproche esigenze per rispondere alla richiesta di buona informazione da parte dei cittadini. Il giornalista si aspetta dalla medicina risposte chiare e certezze, mentre la medicina spesso produce dubbi e domande alle quali tenta di rispondere. È possibile trovare una mediazione tra il rigore del linguaggio scientifico e il carattere necessariamente divulgativo di quello giornalistico. Vogliamo offrire ai clinici gli strumenti per comunicare con i media. Un medico non deve temere di essere considerato poco professionale se parla ai cittadini con un linguaggio semplice e chiaro, semplificando le informazioni perché siano comprese meglio dal pubblico. In medicina la parola ‘cancro’ non ha più il significato di spettro e il suo volto è cambiato. Oggi si può guarire, le terapie sono rispettose della qualità di vita. Ed è responsabilità dei media, non solo dei clinici, far conoscere ai cittadini ciò che la scienza ha ormai conquistato: da molti tumori oggi si guarisce”. Il corso si svolge oggi e domani all’Università di Parma con il patrocinio dell’Ateneo emiliano e dell’UNAMSI (Unione Nazionale Medico Scientifica di Informazione). “Ogni giornata prevede due sessioni – sottolinea la dott.ssa Stefania Gori, segretario nazionale AIOM -. Nella prima il ruolo di docenti sarà svolto dai clinici. Fra i temi principali che verranno approfonditi: come divulgare in modo corretto i successi (anche parziali) della lotta contro il cancro; scegliere le notizie e regolarne il flusso; leggere un lavoro clinico; seguire un congresso internazionale e capire le novità; le nuove frontiere della lotta al cancro e la ricerca traslazionale. Il modo di comunicare i temi medico-scientifici negli ultimi decenni è cambiato radicalmente. Questi argomenti, fino a una ventina di anni fa, erano per definizione di nicchia e confinati nelle riviste specialistiche. Oggi invece è grande la ‘sete’ di notizie sulla salute”.
Secondo una recente rilevazione, il 32% degli articoli pubblicati nei principali quotidiani toccano, in qualche modo, temi medico-scientifici. Una percentuale impensabile fino a un ventennio fa. E, come evidenziato da un’indagine Censis, la salute si colloca al primo posto tra gli argomenti più interessanti scelti dai lettori dei settimanali (con il 26,8% delle preferenze rispetto al 20% di 5 anni prima), seguita da “tematiche femminili” (22%) e dalla cucina/gastronomia (21%). “Il cancro rientra fra i temi di salute più importanti ma dovrebbe essere affrontato al meglio – conclude il prof. Pinto -. È indispensabile che le notizie non vengano distorte suscitando speranze infondate o allarmismi pericolosi. Talvolta scienziati serissimi, per l’ansia di comunicare i risultati positivi di una nuova ricerca che forse darà frutti solo nell’arco di alcuni anni, enfatizzano le loro scoperte. E spesso i giornalisti, presi dalla frenesia della notizia, dimenticano che ad esempio la parola ‘imminente’ in medicina può significare anche cinque o dieci anni. Il giornalista scientifico non può sconfinare in una comunicazione superficiale e ad effetto, perché si occupa della vita delle persone. Informazione e medicina sono due facce della stessa medaglia, con un obiettivo comune: l’interesse dei cittadini e dei pazienti”. Nella seconda sessione del Corso le parti si invertiranno e i giornalisti insegneranno ai camici bianchi, ad esempio, il modo in cui comunicare la notizia medico-scientifica al pubblico, le tipicità dei diversi mezzi d’informazione (tv, radio, internet, agenzie di stampa, quotidiani e settimanali), come funziona il quotidiano e come utilizzare al meglio i new media.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Infertilità femminile

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 marzo 2011

Sono sempre più le donne con endometriosi che si rivolgono alla procreazione assistita. Il desiderio di un figlio non si ferma davanti ad una malattia in crescente diffusione e per la quale non ci sono terapie di guarigione. La scienza però ha fatto passi importanti, dando buone possibilità di una gravidanza anche a chi è affetto da questa patologia. «Grazie alle più recenti scoperte, siamo in grado di avere percentuali di successo che superano il 30 per cento. Una media che deve però tenere sempre in considerazione l’età della donna», spiega Michael Jemec, medico specialista in Medicina della Riproduzione del centro per la fecondazione assistita ProCrea di Lugano (Svizzera). Del resto, il binomio problemi di infertilità ed endometriosi – di cui si celebra in questi giorni la settimana europea di consapevolezza dell’endometriosi, la Awareness Week voluta dalla European Endometriosis Alliance – è presente in quasi il 50 per cento delle donne in età riproduttiva. Non sempre la paziente soffre di sintomatologia dolorosa. E in molti casi non è possibile arrivare ad una gravidanza in modo naturale. «Davanti al desiderio di diventare mamme, negli ultimi tre anni sono aumentate del 20 per cento le donne con questo tipo di patologia che si sono rivolte a ProCrea; non sempre però, l’endometriosi era l’unico ostacolo alla gravidanza», continua Jemec. Inoltre, «statisticamente abbiamo rilevato che circa il 10 per cento dei problemi di infertilità nella donna, dipendono dalla presenza di endometriosi». Nello specifico, l’endometriosi è una malattia caratterizzata dalla presenza di tessuto endometriale, e cioè della mucosa che normalmente riveste la cavità uterina, in sedi diverse. «Può intaccare l’ovaio, la vescica o l’intestino, provocando forti dolori alla donna», continua Jemec. Si tratta di una patologia in diffusione: l’Onu stima che almeno il 10 per cento di tutte le donne in età riproduttiva ne soffra. «L’endometriosi porta ad irritazioni e infiammazioni dei tessuti, una situazione che non è favorevole ad una gravidanza», ricorda il medico. «I numerosi studi internazionali che sono stati fatti hanno portato ad individuare particolari metodologie di trattamento. L’intervento chirurgico di rimozione dell’endometrio non ha portato ad innalzare le possibilità di gravidanza in un trattamento di fecondazione assistita; maggiori successi si sono ottenuti andando ad analizzare le infiammazioni che l’endometriosi provoca: abbassando i livelli di autodifesa dell’organismo, le possibilità di una maternità aumentavano».Per quanto l’endometriosi resti ancora una malattia non curabile, «è importante individuarla in tempo per poter contenere i suoi effetti», raccomanda Jemec. «Una sana prevenzione permette non solamente alla donna di soffrire un po’ meno, ma anche di preservare il proprio apparato riproduttivo. Nelle sue fasi più acute, infatti, l’endometriosi può portare anche alla sterilità».ProCrea – Con una lunga esperienza nel campo della medicina della riproduzione, ProCrea è il maggiore centro di fertilità della Svizzera ed è un polo di riferimento internazionale. ProCrea è composto da un’équipe professionale di medici, biologi e genetisti specialisti in fisiopatologia della riproduzione. Unico centro svizzero ad avere al suo interno un laboratorio accreditato di genetica molecolare (www.procrealab.ch), ProCrea esegue analisi genetiche per lo studio dell’infertilità con tecniche d’avanguardia. La sede principale è a Lugano in via Clemente Maraini, 8. http://www.procrea.ch.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Siamo davvero liberi?

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 dicembre 2010

Milano 3 dicembre alle ore 18 presso la Casa della cultura in via Borgogna 3 a (Codice edizioni) di Mario De Caro Andrea Lavazza e Giuseppe Sartori. Alla presentazione vi sarà Andrea Lavazza, uno degli autori, studioso di scienze cognitive, Alessandro Zaccuri, scrittore e saggista, e Roberta De Monticelli, docente di Filosofia della persona presso l’Università San Raffaele.
Nel libro, i 3 Autori cercano d’indagare il mistero del libero arbitrio a partire dalle neuroscienze. Infatti, se la libertà delle nostre scelte e delle nostre azioni ci sembra il più naturale e incontrovertibile dei dati, recenti scoperte neurobiologiche suggeriscono che noi diventiamo consapevoli dei nostri movimenti solo dopo che il comando cerebrale è partito e che, molto spesso, tale consapevolezza è propria di osservatore esterno prima che di noi stessi. Queste le basi per rimettere in discussione il concetto di responsabilità morale e di libertà e per capire se ci si trovi di fronte a delle illusioni.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giornata mondiale contro l’Aids

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 novembre 2010

Il prossimo 1 dicembre si celebra la giornata mondiale contro l’Aids promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Per l’occasione, l’ambulatorio per la prevenzione dell’HIV dell’Asl 11 sarà a disposizione dei cittadini in orario continuato dalle 12 alle 18 per fornire informazioni sull’infezione e sulle modalità di prevenzione. Nello stesso orario, si potranno inoltre richiedere informazioni telefoniche al n. 0571704817.  Ventotto anni dopo la sua comparsa, oggi l’Aids sembra fare meno paura grazie alle importantissime scoperte scientifiche e alla disponibilità di farmaci sempre più efficaci. Tuttavia, occorre non sottovalutare il rischio, in quanto a fronte di una netta riduzione della mortalità, ormai da anni il numero di nuovi contagi resta stabile, e anzi vi sono preoccupanti segnali di recrudescenza: in Italia si stimano attualmente in oltre 180mila le persone sieropositive, delle quali oltre 22mila con Aids conclamata. Ormai da diversi anni, la modalità di contagio in assoluto più frequente è quella sessuale (in oltre l’80% dei casi), e l’infezione interessa sia uomini che donne, sia giovani che di mezza età o anziani. Inoltre, il dato forse più preoccupante che emerge nei più recenti dati statistici è quello della diagnosi tardiva: oltre il 50% dei sieropositivi infatti ignora di esserlo, e lo scopre solo in fase avanzata, cosa che può comportare gravi danni sia per se stessi (infatti le cure sono tanto più efficaci quanto più precocemente iniziate) che per gli altri (molte persone vengono infatti contagiate dal proprio partner abituale). Eppure, gli strumenti di prevenzione sono disponibili da anni e sono di semplice attuazione, e consistono nell’utilizzo del preservativo durante i rapporti sessuali, e nel test Hiv per la diagnosi precoce.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Piemonte share festival 2010

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 agosto 2010

Torino dal 2 al 7 novembre 2010 Museo Regionale di Scienze Naturali. Piemonte Share Festival propone ad ogni edizione un tema particolare per ampliare la mente, affinare le capacità analitiche e ispirare la creatività.    Errori, mutazioni, fallimenti, disfunzionalità, discrepanze, incidenti, varianti impreviste, scoperte occasionali, estetiche dell’errore, scarto dalla massa, fallimenti progettuali, progetti irrealizzati, disastri, sbagli, imperfezioni, disturbi, appropriazioni, effetti collaterali lapsus, e flop.   Questi i protagonisti della sesta edizione di Piemonte Share Festival, che si dedicherà alla portata artistica e culturale dell’errore e della scoperta inaspettata. L’errore e i momenti di rottura che l’errore come scoperta imprevista hanno portato nella storia dell’umanità hanno una potenza creativa unica perché  rappresentano sempre l’emergere di un problema. Indicano una questione che necessita attenzione e questa attenzione suscita controversie, le controversie generano soluzioni e innovazione. Un punto di vista particolarmente interessante in questo periodo di emergenze globali.  In campo artistico e culturale, nella nostra epoca digitale, l’errore mantiene lo stesso ruolo di attivatore di mutamento e di valore?   Come nelle scorse edizioni una parte importante della nuova edizione del Piemonte Share Festival sarà costituita dalla grande mostra interattiva delle opere finaliste per lo Share Prize 2010. Oltre 270 progetti da 20 paesi hanno partecipato alla selezione per il premio, che fin dalla sua nascita si propone di scoprire, promuovere e supportare le arti digitali. La competizione internazionale è aperta agli artisti che usano le tecnologie digitali come linguaggio di espressione artistica, in ogni modo e forma.   E così  una giuria internazionale composta da Jurij Krpan (Lubiana), Andy Cameron (Londra), Fulvio Gianaria (Torino), e Bruce Sterling (Austin/Torino) dopo un complesso e approfondito esame di tutti i lavori ha finalmente annunciato i nomi dei sei straordinari artisti che porteranno i loro lavori a Torino e concorreranno per la vittoria dell’ambito premio. Il vincitore sarà annunciato durante la cerimonia di premiazione a Torino, il prossimo 7 novembre, nella sede del Museo Regionale di Scienze Naturali che ospiterà tutto il festival.
Il web cinema mostra la sua forza unica con un remake digitale crowd-sourced del classico di Dziga Vertov L’uomo con la macchina da presa. Ogni fotogramma di questo caposaldo della cinematografia muta viene rigirato e montato da volontari su Internet, in particolare da torinesi, il cui Museo del Cinema rappresenta un centro internazionale per gli studi in cinematografia.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Caravaggio e caravaggeschi a Firenze

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 maggio 2010

Firenze. Fino al 17/10/2010 Sedi espositive:  Galleria Palatina di Palazzo Pitti e Galleria degli Uffizi a cura di Stefano Casciu, Antonio Natali, Gianni Papi  Caravaggio e la modernità. I dipinti della Fondazione Longhi  Villa Bardini  a cura di Mina Gregori  In occasione del quarto centenario della morte del Caravaggio sarà in mostra a Firenze, dal 22 Maggio al 17 Ottobre 2010, in un percorso che si snoderà da Palazzo Pitti, agli Uffizi a Villa Bardini, una parata, completa ed unica, di capolavori del Caravaggio e dei caravaggeschi che rinnovarono all’inizio del Seicento la pittura e l’iconografia sacra e profana.  Dopo decenni di nuove ricerche scientifiche, scoperte, attribuzioni e acquisizioni storiche, il Polo Museale Fiorentino propone, a cura di Gianni Papi, un nuovo viaggio nel mondo del Caravaggio e del caravaggismo internazionale, presentando una rassegna di opere (oltre 100), una sorta di excursus alla scoperta delle novità artistiche dei primi decenni del Seicento, legate al naturalismo e alla rappresentazione della realtà quotidiana, resa attraverso i mezzi pittorici della luce e dell’ombra. Nel celebrare Caravaggio si e’ voluto rendere omaggio anche a colui che prima di ogni altro lo ha riscoperto e ne ha reso nota la grandezza: Roberto Longhi. A Villa Bardini sarà allestita, infatti, una mostra curata da Mina Gregori, Caravaggio e la modernità. I dipinti della Fondazione Longhi, nella quale saranno esposti i quadri che il grande storico dell’arte acquisi’ nel corso della sua vita, dal Ragazzo morso dal ramarro di Caravaggio ai dipinti dei suoi primi seguaci.  La mostra rientra negli eventi patrocinati dal Comitato Nazionale IV Centenario della Morte di Caravaggio (Immagine: Caravaggio Michelangelo Merisi), Testa di Medusa, Firenze, Galleria degli Uffizi

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La neurobioetica e la coscienza

Posted by fidest press agency su sabato, 20 febbraio 2010

Roma 23 febbraio 2010, a, alle 17.10, presso l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum (via degli Aldobrandeschi 190), nell’ambito del Master in Scienza e Fede, si terrà una conferenza con ingresso libero sul tema “La neurobioetica e la coscienza: un approccio interdisciplinare”. Parlerà Adriana Gini, Coordinatrice del Gruppo di Neurobioetica dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum. Il Gruppo di studio e di ricerca di Neurobioetica si è costituito a Roma, presso l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, il 20 marzo 2009. Formato da esperti e professionisti appartenenti ai vari ambiti del sapere, scientifico e umanistico, adotta un approccio interdisciplinare alle questioni sollevate dall’applicazione all’uomo delle scoperte delle Neuroscienze, così come fa propri i dati derivanti dalle recenti scoperte per tentare, laddove possibile, una necessaria e non più rimandabile integrazione. Questa metodologia multi e interdisciplinare, favorita da incontri frequenti nella sede dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, da un confronto e da un dialogo aperto e costruttivo, è stata adottata in molti campi di indagine tra i quali, più recentemente, quello che si interessa di studiare la coscienza. Che cos’è la coscienza? Intesa come soggettività, identità, “self” per la filosofia e le scienze umane, è divenuta sempre più interdisciplinare con l’introduzione delle biotecnologie di brain imaging. La recente applicazione della Risonanza Magnetica Nucleare funzionale a pazienti con grave compromissione della stato di coscienza (“stato vegetativo”, stato di coscienza minima, ecc.), richiede un lavoro di equipe. Composte da medici, psicologi, fisici, ingegneri, statistici, ecc, queste equipe stanno tentando di svelare il mistero della coscienza, attraverso l’identificazione dei suoi correlati neurali.  Durante l’incontro saranno spiegate alcune ipotesi plausibili sulla coscienza, la sua comparsa nell’evoluzione, la sua struttura e il suo significato nella vita umana. Inoltre, recenti studi di imaging cerebrale, eseguiti su pazienti nella condizione nota come “stato vegetativo” e di “coscienza minima”, ci illustreranno il percorso seguito da alcuni importanti gruppi di ricerca (Liegi, Belgio e Cambridge, Regno Unito) per “evidenziare” la coscienza, altrimenti “invisibile”, attraverso l’attività cerebrale di residue capacità cognitive/immaginative dopo stimolazione, in alcuni di questi pazienti. (regina apost.)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

2° Congresso Nazionale di nanomedicina

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 settembre 2009

L’Università di Pavia ospita dal 21 al 22 settembre 2009, nell’Aula Magna e nei Saloni del Rettorato, il 2° Congresso Nazionale di Nanomedicina – NNC2009. Questa edizione del Congresso è rivolta alle applicazioni delle nanotecnologie alla biomedicina, con particolare attenzione ai nuovi approcci e alle tecnologie che supportano le attuali e le future necessità  cliniche: dalla diagnosi precoce alla terapia e al monitoraggio post-clinico. Il Congresso vedrà la partecipazione e il confronto fra esperti di diverse estrazioni e istituzioni, con un approccio multidisciplinare, offrendo l’opportunità di esplorare le nuove frontiere della ricerca e le scoperte in campi strategici, quali: i micro- a nano-dispositivi per biomedicina; i meccanismi degenerativi e di aggregazione proteica patologica; i nanomateriali per la diagnostica e la somministrazione di farmaci; le tecniche di immagine su scala molecolare; le spettroscopie avanzate su singola molecola e ad altissima risoluzione spaziale; i nanomateriali per applicazioni in vivo e la biomedicina rigenerativa; la biocompatibilità e la tossicità; i problemi etici posti dalla nanomedicina.Programma, relatori e ulteriori informazioni sul sito web del convegno http://fisicavolta.unipv.it/nnc2009/

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il ruolo dei fattori genetici nell’ADHD

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 settembre 2009

Istanbul, Al ventiduesimo congresso ECNP, la dott.ssa Barbara Franke, del centro medico dell’università Radboud di Nimega, nei Paesi Bassi, ha presentato oggi le ultime scoperte relative all’identificazione dei geni di rischio dell’ADHD. “I risultati concordano nell’indicare una forte componente genetica nell’eziologia di tale disturbo”, sostiene la dott.ssa Franke. L’ereditarietà risulta più elevata se l’ADHD non si limita all’infanzia ma persiste anche in età adulta: mentre per i fratelli di un bambino affetto da ADHD il rischio di manifestare la malattia è 3-4 volte superiore rispetto al gruppo di controllo, tale fattore di rischio aumenta di ben 17 volte nel caso di un paziente adulto. Ci si attendono importanti scoperte dall’International Multicenter persistent ADHD CollaboraTion (IMpACT), che sta conducendo uno studio sul più grande campione clinico di ADHD a livello mondiale.  Sebbene l’ADHD sia generalmente considerato un disturbo tipico dei bambini, oltre la metà dei pazienti continua a manifestare i sintomi di questa malattia in età adulta. L’incidenza dell’ADHD negli adulti è dell’1-4%. I pazienti adulti hanno difficoltà in ambito sociale e professionale; ad esempio nel costruire rapporti sociali stabili, completare corsi di studio e mantenere il proprio posto di lavoro. L’ampliamento delle conoscenze nel settore della genetica, del brain imaging e della ricerca comportamentale facilita la comprensione delle cause dell’ADHD, apre la strada allo sviluppo di terapie più efficaci per i pazienti di tutte le età e alla prevenzione della persistenza del disturbo in età adulta.  Recentemente, è stato possibile isolare i suddetti geni nell’intero genoma. Tale tipo di approccio ha permesso di individuare un primo gene responsabile dell’ADHD nei bambini, il CDH13, che codifica per una molecola[L1] di adesione cellulare con una funzione nelle iniziali fasi di sviluppo del cervello. Un’analisi preliminare di IMpACT suggerisce che questo gene abbia effetti anche sull’ADHD degli adulti. L’identificazione dei fattori genetici di rischio per l’ADHD contribuirà allo sviluppo di nuove terapie e a prevenire l’insorgere della patologia.  Fonte: conferenza stampa svoltasi al ventiduesimo congresso ECNP del 15 settembre 2009, a Istanbul, Turchia Il European College of Neuropsychopharmacology (ECNP), fondato nel 1987, è un centro scientifico che promuove la ricerca traslazionale fra le neuroscienze e la pratica clinica (http://www.ecnp.eu)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scavi di Pompei

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 luglio 2009

porticoNuove e significative scoperte si sono compiute, a 100 anni dall’inizio degli scavi, nella famosa Villa dei Misteri a Pompei. La Soprintendenza Archeologica di Napoli e Pompei prosegue quindi l’attività di conoscenza e di conservazione del noto monumento, celebre per la grande pittura delle nozze di Bacco e Arianna. Si sono messe recentemente in luce, tra l’altro, la cella vinaria con un primo filare di dolia, ambienti rustici i cui manti di tegole sono ancora integri, ambienti di pertinenza del primo piano della Villa e coltivazioni sul fianco della via Superior che costeggiava il lato est, nonché una porzione del grande portico meridionale che era ancora sepolta. Queste novità restituiscono una più completa conoscenza della Villa, la cui prima costruzione risale al II secolo a. C., anche se rifacimenti e modificazioni si sono susseguiti fino al momento dell’eruzione del Vesuvio. La Soprintendenza, inoltre, ha praticato lavori per garantire un più ampio spazio paesaggistico intorno alla Villa dei Misteri ricavando così un più agevole ingresso per i visitatori che vi giungono dalla città antica. Questi lavori si sono svolti con notevoli difficoltà, a causa della presenza di costruzioni abusive, come un ristorante, e dell’opposizione dei proprietari circostanti. Gli ostacoli che si frappongono ad un più decoroso inquadramento paesaggistico della celebre Villa non sono stati superati neanche dall’impegno del Commissario delegato all’emergenza di Pompei. (portico)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Palazzo dei principi di Masserano. Il tesoro ritrovato

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 giugno 2009

Torino 19 giugno 2009, alle ore 18,15 presso la Sala Principe Eugenio della Sede di “Immagine per il Piemonte” in via Legnano 2/b,  Incontro con la storica dell’arte Claudia Ghiraldello (Biella) Introduce: Vittorio G. Cardinali, storico e saggista. Relatrice: Claudia Ghiraldello, scrittrice e storica dell’arte (Biella) Proiezione di immagini inedite del Palazzo, a cura di Roberto Favero. Si tratta di una carrellata di immagini che facciano parlare il palazzo nei suoi arredi, nei suoi dipinti su muro e nelle opere che in esso sono state portate dalla chiesa di San Teonesto per essere meglio conservate. Si tratta di lavori importanti, spesso arricchiti da preziose dorature, che raccontano di un’epoca, quella secentesca, tormentata eppure capace di saggi notevolissimi di genio e di arte. Tra le varie opere verrranno illustrate vere e proprie scoperte attribuite per la prima volta a pittori di fama. A seguire una visita alle soffitte e al torrione, che custodisce parimenti preziose testimonianze storico-artistiche. Da ultimo, una presentazione dettagliata della scoperta nell’ala del palazzo attualmente adibita a caserma dei Carabinieri di ben quattro saloni completamente affrescati nella parte alta delle pareti, creduti irrimediabilmente perduti nel corso dei rifacimenti del palazzo medesimo. Le immagini proposte parleranno ovviamente anche della casata che in detta dimora ebbe a vivere e a segnare tanto crudelmente il proprio popolo da indurlo addirittura ad una sommossa nel 1624; in quella triste occasione l’edificio venne danneggiato e il figlio del terribile Filiberto Ferrero Fieschi fu addirittura ucciso con un colpo di archibugio, pagando così anche le tante colpe del padre il quale si era macchiato di omicidi, violenze e rapine di ogni genere.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The Primate Mind

Posted by fidest press agency su martedì, 9 giugno 2009

A Erice, presso il centro scientifico “Ettore Majorana”, si è svolto il convegno internazionale The Primate Mind: built to connect with other minds, organizzato dal Prof. Pier Francesco Ferrari, del Dipartimento di Biologia Evolutiva e Funzionale dell’Università di Parma, e dal Prof. Frans de Waal, noto primatologo della Emory University e membro dell’Accademia delle Scienze degli Stati Uniti.  Si tratta di un congresso internazionale con al centro della discussione la mente dell’uomo e degli altri primati neuroscienziati, psicologi ed etologi hanno dibattuto sulle ultime scoperte nel campo delle neuroscienze e delle scienze del comportamento.  Il Prof. Ferrari, neuroscienziato ed etologo di Parma, ha illustrato le ultime scoperte compiute in collaborazione con il National Institutes of Health di Bethesda e con la University of Maryland, presso cui ha ricevuto recentemente la nomina di professore aggiunto. Lo studio di cui si è occupato riguarda lo sviluppo del sistema dei neuroni specchio nei primati non umani; attraverso l’indagine non invasiva dell’elettroencefalografia è stato scoperto che le scimmiette alla nascita possiedono un sistema di neuroni specchio, e che probabilmente questo sistema è responsabile delle risposte comunicative tra il piccolo e la propria madre. Il cervello nasce quindi con una propensione a mettersi in comunicazione con gli altri ed è già pronto a cogliere i primi gesti della propria madre.  Altri studiosi, come il Prof. Iacoboni dell’Università californiana di UCLA, ha presentato le ultimissime scoperte sui neuroni specchio nell’uomo. Questo infatti risulta essere il primo studio che è stato in grado di registrare i neuroni specchio in alcune aree motorie di alcuni pazienti umani; finalmente quindi si metterebbe fine ad una recente polemica in cui alcuni scienziati mettevano in dubbio l’esistenza dei neuroni specchio, utilizzando delle tecniche che non consentivano la loro registrazione diretta. Altri studi hanno messo in evidenza come i meccanismi di azione e percezione (imitazione) sono alla base probabilmente di importanti fenomeni di conformità sociale, come nel caso degli scimpanzé studiati da De Waal. Secondo de Waal ed altri studiosi è possibile che l’imitazione sia stata uno dei processi più importanti per creare differenze culturali non solo tra gli uomini, ma anche tra gli scimpanzé. Il noto primatologo olandese, trapiantato negli Stati Uniti e autore di numerosi saggi divulgativi (Naturalmente buoni e Far la pace tra le scimmie), ha evidenziato come i nostri cugini scimmieschi abbiano i rudimenti dell’empatia. Anche gli scimpanzé infatti hanno risposte emozionali allo stress dei propri compagni, e li consolano e protestano se vengono imbrogliati. E’ emerso un quadro abbastanza sorprendente, per chi è abituato a immaginarsi l’uomo come l’apice del processo evolutivo. L’esempio che gli altri primati ci riescono a dare sembra ribadire che esiste anche una natura empatica dentro di noi e che la nostra specie ha evoluto dei meccanismi neurobiologici non solo per distruggere il proprio simile. Una doppia natura umana, brutale da una parte, ma anche altruistica e compassionevole. Nella meravigliosa cornice di Erice, erano presenti anche scienziati, come Simon Baron-Cohen, Tania Singer e Marco Iacoboni, che hanno parlato dei meccanismi dell’empatia nell’uomo e delle difficoltà che alcuni bambini autistici manifestano nella loro incapacità di entrare in comunicazione con gli altri. Iacoboni e Baron-Cohen hanno messo a confronto alcune tesi. Da una parte i neuroni specchio (che spiegano solo in parte alcuni deficit sociali dell’autismo) e dall’altra un’ipotesi molto intrigante dello scienziato di Cambridge per spiegare come mai questo deficit colpisce maggiormente i maschi. Come non pensare al possibile ruolo degli ormoni maschili nell’organizzazione del cervello nel corso dello sviluppo? Anche molti studenti di Parma hanno partecipato al convegno e presentato i frutti delle loro ricerche condotte presso i laboratori dei Dipartimento di Biologie Evolutiva e Funzionale e di Neuroscienze dell’Ateneo che si trova così, ancora una volta, all’avanguardia della ricerca mondiale.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »