Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 203

Posts Tagged ‘scuola’

Scuola. Decreto Sostegni-bis: tante richieste per salvare il prossimo anno scolastico

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 giugno 2021

È davvero ampio il ventaglio di richieste di modifica del decreto Sostegni-bis: si va dalla soppressione della norma, presente nel testo approvato dal Cdm, che comporta l’anticipo dell’anno scolastico e contestuale recupero degli apprendimenti, alla richiesta di introduzione di una deroga ai vincoli per l’assegnazione provvisoria motivata del personale; dalla soppressione della sospensione della call veloce per docenti e DSGA precari, introdotta nel 2020 e stoppata inspiegabilmente dopo un solo anno, alla proroga dell’organico dei 75 mila docenti-Ata Covid, con deroga dei criteri di formazione classi, altrimenti destinate ad un numero di alunni per aula incompatibile con la pandemia e le regole sulla sicurezza minima.Il sindacato chiede, inoltre, la proroga dei contratti già stipulati con gli assistenti tecnici, l’assunzione a titolo definitivo dei dirigenti scolastici già vincitori di concorso o risultati idonei. Come pure l’estensione del servizio riconosciuto a quello svolto nell’intero sistema nazionale di istruzione e la riapertura delle Gae per tutti gli abilitati all’insegnamento. E anche la formazione di una graduatoria finalizzata all’immissione in ruolo dei docenti precari storici di religione cattolica.Tra le richieste formulate dall’Anief figura anche una nuova decorrenza normativa sulla mobilità del personale, la soppressione del divieto di mobilità per l’assegnazione su sedi non richiesta, l’immissione in ruolo da prima fascia Gps senza limitazioni legate al numero di supplenze svolte e da seconda fascia Gps con corsi PAS-TFA da conseguire a regime, oltre che l’introduzione di una fase transitoria nel doppio canale di reclutamento, l’assunzione a tempo determinato dai docenti con 36 mesi, l’assunzione dei precari su tutti i posti vacanti, l’esonero per lo svolgimento dell’anno di prova per chi l’ha già superato anche se con riserva, la ripetibilità della partecipazione alle prove concorsuali su tutte le classi di concorso anche per chi non ha superato l’ultima, l’introduzione di una graduatoria per soli titoli del personale educativo.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola: Assunzioni docenti e Ata precari

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 giugno 2021

Il Governo doveva dare risposte ai lavoratori precari della scuola. Invece, finora sono state molto deboli. Marcello Pacifico, leader dell’Anief, ha parlato del caso paradossale dei “facenti funzione Dsga, che si assumono in ruolo soltanto se hanno una laurea, quando in realtà esercitano da anni il loro servizio nelle nostre scuole senza la laurea. Il problema ancora una volta è capire per quale ragione con una laurea o senza una laurea si può svolgere un certo tipo di lavoro e solo per una tipologia di un contratto e non per l’altra”.Secondo Pacifico “c’è poi un problema di organici e di profili professionali: ci sono 20.000 posti mai attivati nei profili di coordinamento – ricorda il sindacalista – e ci sono anche dei problemi su posti che sono stati dati al personale delle cooperative e non sono stati dati ai supplenti a tempo determinato. Lo stesso vale per il personale educativo, ma anche personale docente. Per esempio – ha continuato il presidente Anief – ci sono gli insegnanti di religione cattolica che non hanno avuto un concorso straordinario e non hanno un canale riservato come le graduatorie per le supplenze di prima fascia per poter essere assunti. E quindi anche loro da anni subiscono questa precarietà, da 16 anni che non c’è alcun concorso espletato per loro”.

Il Governo doveva dare risposte ai lavoratori precari della scuola. Invece, finora sono state molto deboli. Marcello Pacifico, leader dell’Anief, ha parlato del caso paradossale dei “facenti funzione Dsga, che si assumono in ruolo soltanto se hanno una laurea, quando in realtà esercitano da anni il loro servizio nelle nostre scuole senza la laurea. Il problema ancora una volta è capire per quale ragione con una laurea o senza una laurea si può svolgere un certo tipo di lavoro e solo per una tipologia di un contratto e non per l’altra”.Secondo Pacifico “c’è poi un problema di organici e di profili professionali: ci sono 20.000 posti mai attivati nei profili di coordinamento – ricorda il sindacalista – e ci sono anche dei problemi su posti che sono stati dati al personale delle cooperative e non sono stati dati ai supplenti a tempo determinato. Lo stesso vale per il personale educativo, ma anche personale docente. Per esempio – ha continuato il presidente Anief – ci sono gli insegnanti di religione cattolica che non hanno avuto un concorso straordinario e non hanno un canale riservato come le graduatorie per le supplenze di prima fascia per poter essere assunti. E quindi anche loro da anni subiscono questa precarietà, da 16 anni che non c’è alcun concorso espletato per loro”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: La richiesta unitaria dei sindacati: agire su precariato, mobilità, organici, spazi e numero alunni

Posted by fidest press agency su domenica, 13 giugno 2021

Non sono solo gli insegnanti a dovere essere stabilizzati. Il sindacato ha a cuore le sorti di tutte le figure professionali. “Bisogna pensare anche a reclutare il personale Ata ed educativo, come pure gli insegnanti di religione cattolica, attraverso un canale riservato”. C’è da superare il vulnus della mobilità negata a tantissimi lavoratori della scuola: un limite che diventa inaccettabile in tempo di pandemia da Covid, come quello che stiamo vivendo da un anno e mezzo: “Il problema delle assegnazioni provvisorie rimane in vista – ha ricordato il presidente dell’Anief – perché il vincolo è passato” con la versione approvata del decreto legge Sostegni-bis “da cinque a tre anni. Secondo noi questo ha dell’incredibile, perché tutto questo accade dopo due anni di Covid e isolamento, con i posti vacanti nella scuola pure incrementati”.Secondo il sindacalista autonomo vanno affrontate e risolte anche altre problematiche, che a settembre altrimenti si riproporranno con tutte le loro conseguenze negative sul piano della didattica e dell’offerta formativa. “Rimane purtroppo aperta la questione degli organici – ha detto ancora Pacifico – perché è inutile negarlo: le scuole non sono sicure, anche a settembre non lo saranno. Servono certamente più spazi e meno alunni in questi spazi: è un doppio passaggio che servirà anche per migliorare gli apprendimenti degli alunni”. Il leader del giovane sindacato rappresentativo ha quindi rivolto lo sguardo ai prossimi giorni, quando le proposte emendative, anche quelle dell’Anief, verranno esaminate dalla V commissione della Camera: “Noi sindacati abbiamo presentato delle proposte condivise, anche nella stessa piazza: ora sta alla politica rispondere in modo unitario, per il bene del Paese”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola. Campidoglio, al via la consegna di borracce riutilizzabili ad alunni scuole infanzia

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 giugno 2021

È partita la consegna di borracce riutilizzabili per i circa 1500 studenti delle 15 scuole dell’infanzia capitoline dove si realizza, quest’anno in via sperimentale, l’iniziativa promossa dall’Amministrazione capitolina per sensibilizzare verso l’eliminazione della plastica e il rispetto dell’ambiente.Ogni borraccia in consegna, da 400 ml con moschettone, riporta il logo di Roma Capitale e la scritta “ROMA … una scuola senza plastica!”.L’iniziativa è promossa nell’ambito degli indirizzi individuati nella Delibera di Assemblea Capitolina n. 24 del 2019, a seguito dell’adesione di Roma Capitale nel 2018 alla campagna nazionale “Plastic Free Challenge”, e secondo le modalità definite nella Delibera di Assemblea Capitolina n. 70 del 2019.Il progetto è nato in via sperimentale, coinvolgendo una scuola dell’infanzia per municipio, ma arriverà a coinvolgere tutti gli alunni che frequentano le mense di Roma Capitale. Attraverso il nuovo bando per l’affidamento del servizio di ristorazione realizzato dall’Amministrazione, infatti, è previsto che le imprese aggiudicatarie consegnino a ogni singolo iscritto al servizio, dalle scuole dell’infanzia fino alle secondarie di primo grado, una borraccia da mezzo litro in acciaio inox. “L’impegno per la tutela dell’ambiente passa anche dall’attenzione alle abitudini quotidiane dei più piccoli. Ciascuna borraccia consegnata nelle mani dei bambini delle scuole dell’infanzia può rappresentare un seme per la crescita della sensibilità e dell’impegno concreto verso l’eliminazione della plastica e il rispetto verso il mondo che ci circonda. Ogni nostra azione può fare la differenza”, dichiara la sindaca di Roma Virginia Raggi.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Trasferimenti docenti, solo la metà cambia sede

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 giugno 2021

Il ministero dell’Istruzione ha comunicato i numeri ufficiali dei movimenti del personale docente in vista del prossimo anno scolastico: ammontano a 40.786 i trasferimenti dell’anno venturo, di cui 10.465 tra province diverse, mentre i passaggi di ruolo o di cattedra sono stati in tutto 6.444. I movimenti dei docenti tra province diverse sono 10.465, e 4.040 docenti sono passati da posto di sostegno a posto comune. Le disponibilità residue ammontano complessivamente a 112.691 posti, di cui 30.751 di sostegno: 85.000 in tutto l’anno passato. Il ministero dell’Istruzione ha anche fatto sapere che tutti coloro che hanno presentato domanda di trasferimento di sede per l’anno scolastico 2021/22 hanno ricevuto comunicazione ufficiale dell’esito dello stesso tramite posta elettronica e il portale telematico Istanze Online: in questo caso ogni insegnante interessato dovrà verificare nell’apposita sezione dedicata alla Mobilità per l’Organico di diritto del personale docente, quindi cliccando su “Visualizza il risultato”. Anche le scuole hanno la possibilità di controllare gli esiti attraverso il sistema telematico SIDI.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Governance e dirigenza scolastica

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 giugno 2021

Continuano gli incontri tra sindacati della Scuola e Ministero dell’istruzione previsti dal “Patto per la Scuola al centro del Paese”. Oggi è stata la volta dei temi che riguardano la governance e i dirigenti scolastici. La delegazione ANIEF, composta dal segretario generale Marco Giordano e dal DS Vito Lo Scrudato, ha posto l’accento sulle questioni che, insieme al nodo sui precari su cui si discute in questi giorni, ancora attendono una soluzione in vista del nuovo anno scolastico.Per prima cosa, si devono mettere le scuole in sicurezza in modo da non vanificare gli sforzi fatti con il piano vaccinale. Su tutto, quindi, servono spazi aggiuntivi, da recuperare attraverso il ripristino dei plessi e delle sedi scolastiche tagliate negli ultimi dieci anni dal dimensionamento, che ha sacrificato sicurezza, qualità dell’insegnamento e gestione ottimale delle scuole in nome delle esigenze di risparmio. Per ottenere questo, la norma transitoria prevista dal comma 978 della Legge di Bilancio 2021 deve diventare permanente e va corretta per consentire l’assegnazione in via definitiva di dirigenti e DSGA. Ma anche la consistenza degli organici va adeguata, ad iniziare dalla conferma anche per il prossimo anno scolastico dell’organico aggiuntivo Covid. ANIEF ha sottolineato anche la necessità di trasformare tutti i posti in organico di fatto in organico di diritto, compresi quelli in deroga su sostegno per dare un segnale concreto di attenzione al tema dell’inclusione, messa duramente alla prova da un anno e mezzo di pandemia e didattica a distanza.Si è, quindi, analizzata la situazione dei dirigenti scolastici e delle numerose problematiche di questa categoria, ad iniziare dalla responsabilità penale sugli eventi legati alla pandemia da Covid-19; responsabilità che permane in capo agli ex prèsidi anche se hanno scrupolosamente applicato le misure previste dal Piano Scuola 2020/2021 e dal protocollo d’intesa stipulato tra ministero e sindacati lo scorso agosto. È necessaria, quindi, una norma che protegga da possibili denunce i dirigenti scolastici che hanno operato correttamente durante l’emergenza sanitaria.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: sentenze sulla tutela dei precari

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 giugno 2021

Arrivano da Catania ben cinque sentenze di pieno accoglimento per l’Anief nella tutela dei diritti dei lavoratori precari della scuola da anni sfruttati dal Ministero dell’Istruzione: riconosciuto il diritto all’estensione dei contratti dal 30 giugno al 31 agosto di ogni anno e alle progressioni stipendiali in favore di alcuni docenti cui l’Amministrazione dovrà corrispondere le mensilità mancanti per l’estensione dei contratti oltre agli scatti di anzianità. Ancora possibile aderire ai ricorsi Anief.Stavolta è il Tribunale del Lavoro di Catania che bacchetta il Ministero dell’Istruzione e lo condanna a risarcire i lavoratori precari per l’illegittima apposizione del termine al 30 giugno di ogni anno in luogo del 31 agosto per coprire posti risultati, invece, vacanti e disponibili. I legali Anief Fabio Ganci, Walter Miceli e Marco Di Pietro travolgono ancora una volta il Ministero dell’Istruzione in tribunale e ottengono delle sentenze esemplari che rilevano l’illegittimità dell’attribuzione dei contratti su posto vacante con scadenza al 30 giugno e riconosce il diritto di cinque docenti, alcuni con più di 10 anni di precariato alle spalle, a percepire le medesime progressioni stipendiali riconosciute solo al personale di ruolo.“Sono anni che denunciamo il bluff del Ministero dell’Istruzione che attribuisce sistematicamente e illegittimamente contratti al 30 giugno di ogni anno anche se il posto è vacante e la normativa impone, in questi casi, di apporre al contratto il termine del 31 agosto. Queste storture devono essere sanate direttamente in contrattazione e l’Anief si farà portavoce dei diritti di tutti i precari per rivendicare la medesima progressione di carriera riconosciuta al personale di ruolo e per far luce sui “falsi” posti in organico di fatto che dovrebbero, invece, risultare da anni in organico di diritto ed essere utilizzati per le immissioni in ruolo e per stabilizzare, finalmente, i precari della scuola”.L’Anief ricorda che è ancora possibile ricorrere per vedersi riconosciuti i propri diritti e per ottenere il risarcimento del danno subìto per l’illegittima reiterazione di contratti a termine, l’estensione dei contratti su posto vacante e uno stipendio commisurato agli anni di servizio effettivamente svolti, anche se con contratti a tempo determinato.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola:sindacati uniti in piazza per cambiare reclutamento e vincere il precariato

Posted by fidest press agency su martedì, 8 giugno 2021

Domani la scuola scende in piazza con manifestazioni unitarie a Roma e in tutta Italia: lo farà per chiedere di cambiare il decreto Sostegni-bis contro il quale si schierano compattamente i sindacati chiedendo di approvare degli emendamenti risolutivi per superare il problema della supplentite introducendo una volta per tutte il doppio canale di reclutamento. A dichiararlo è Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief: in un’intervista ad Orizzonte Scuola, il sindacalista ha detto che “con il Patto per la Scuola si era deciso di far partire dei tavoli su alcuni temi. Qualche giorno dopo è stato pubblicato un decreto legge” il Sostegni-bis, “che non ha tenuto conto del contenuto principale del patto: iniziare dei tavoli di confronto sui temi”. Il primo atto è stato “un momento politico per andare a chiarire se quel Patto era ancora in vigore e quindi se si aprivano dei tavoli ed emendare il decreto”. Da parte del ministro Patrizio Bianchi c’è disponibilità: a questo punto l’obiettivo è centrare quel “progetto fondamentale a cui ci richiama il presidente Mattarella: quello di andare a costruire anche grazie ai fondi del Pnrr la società del domani, che passa appunto dalla scuola. In piazza o annunceremo che c’è un’apertura da parte del Governo su alcune proposte o continueremo ad oltranza con le forme di protesta”.

Posted in scuola/school, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Formazione per docenti con alunni disabili in classe

Posted by fidest press agency su martedì, 8 giugno 2021

Si è svolta al ministero dell’Istruzione un’informativa relativa al decreto ministeriale di prossima emanazione riguardante la formazione del personale docente ai fini dell’inclusione degli alunni con disabilità. Anief era presente con la sua delegazione composta da Giovanni Portuesi, membro della segreteria generale nazionale e presidente Sicilia. Il DM, cui farà seguito circolare esplicativa, prevede un percorso obbligatorio di formazione destinato “al personale docente impegnato nelle classi con alunni con disabilità non in possesso del titolo di specializzazione sul sostegno”. In particolare l’obbligo di formazione interesserà tutti i docenti che hanno nelle proprie classi alunni disabili: si tratta di una platea di circa 700.000 insegnanti, che non sono specializzati sul sostegno compresi coloro i quali sono destinatari di supplenze annuali su posti di sostegno senza il prescritto titolo di specializzazione. L’unità formativa sarà costituita da 25 ore (17 in presenza e/o a distanza e 8 per sperimentazioni, approfondimento, progettazione), mentre i moduli formativi e le risorse faranno capo alle scuole polo per la formazione. 10 i milioni di euro stanziati in esecuzione di quanto previsto dalla legge di bilancio 2021. Non è consentito l’esonero dal servizio.Anief è in forte disaccordo sulla proposta dell’amministrazione: “Quanto previsto dal DM è inaccettabile – ha dichiarato Giovanni Portuesi – se da un lato infatti accogliamo con favore la destinazione di risorse per la formazione che siano finalizzate ad incrementare il livello di inclusione nelle nostre scuole, dall’altro non possiamo che stigmatizzare il comportamento del legislatore e dell’amministrazione che, in spregio alle norme generali, di legge e di contratto, introducono surrettiziamente l’obbligo di formazione e il suo svolgimento fuori dall’orario di servizio”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Docenti, 110mila cattedre libere ma non più di 40mila assunzioni possibili

Posted by fidest press agency su martedì, 8 giugno 2021

A leggere le cifre sui posti vacanti degli insegnanti e gli aspiranti docenti a coprirli cresce la preoccupazione in vista del nuovo anno scolastico. Il quadro più cupo è quello della scuola secondaria di primo e secondo grado: a fronte di oltre 60mila posti senza titolarità, a cui si andranno ad aggiungere i prossimi pensionamenti, dalle GaE potranno essere assunti al massimo 800 docenti oggi non di ruolo. A questi se ne aggiungono non oltre 3mila delle graduatorie di merito derivanti dai vecchi concorsi. Nel computo vanno messi pure i probabili 22mila vincitori del concorso della secondaria, con quasi 10mila posti che alla fine andranno persi a causa del mancato scorrimento delle graduatorie per le immissioni in ruolo degli idonei. Infine, ci sono circa 10mila abilitati e specializzati su sostegno presenti nella prima fascia delle Gps. Considerando che diversi candidati al ruolo sono presenti su più graduatorie, si arriverà a difficilmente a superare le 25mila assunzioni a tempo indeterminato. Quindi, meno della metà dei posti da coprire. Per evitare il patatrac scolastico vanno accolte le richieste del giovane sindacato al decreto legge n.73 che a giorni verrà esaminato dalla quinta commissione della Camera dei Deputati: si val recupero dei precedenti idonei al superamento delle prove con la sufficienza, dalla riapertura dei bandi alla partecipazione a tutte le sessioni, prescindendo dall’esito delle precedenti, sino all’uniformità delle prove e delle loro valutazioni per tutte le classi di concorso. Occorre quindi rendere stabile il doppio canale di reclutamento, utilizzare le assunzioni di tutti coloro che anno partecipato al concorso straordinario della secondaria, comprendendo pure abilitati e specializzati della prima fascia Gps senza però i tre anni minimi indicati nel testo di partenza del decreto. Fondamentale è anche dare la possibilità agli Uffici scolastici di utilizzare per le assunzioni a tempo indeterminato la seconda fascia Gps e permettere di conseguire l’abilitazione e la specializzazione su sostegno col prossimo ciclo del TFA, recuperando pure tutti gli idonei dei cicli precedenti. Va quindi immesso in ruolo quel personale precario che ha prestato almeno due annualità di servizio, come già avviene nel privato, considerato utile il servizio svolto in tutti i tipi di istituzioni statali, paritarie e nella formazione professionale.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: percorso Ranocchi sulla Luna

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 giugno 2021

È stato presentato nei giorni scorsi nell’aula Mezzetti del liceo scientifico “Giacomo Ulivi” di Parma il lavoro conclusivo del percorso Ranocchi sulla Luna: si tratta di 8 clip video in cui un gruppo di studenti ha proposto e rielaborato altrettanti testi della raccolta poetica di Primo Levi Ad ora incerta (Aracne, La mosca, Meleagrina, Un topo, Il dromedario, Il corvo, Pio, Schiera bruna) in cui la sua curiosità naturalistica si unisce alla inventività tematica e alla memoria autobiografica: in questi testi, come scrive Levi stesso, «singoli stimoli hanno assunto naturaliter una certa forma, che la mia metà razionale continua a considerare innaturale».Il Museo di Storia Naturale dell’Università di Parma, diretto da Cristina Menta, ha partecipato al progetto e ha fornito il luogo adatto per questo connubio tra scienza e letteratura.L’ideazione drammaturgica e scenica è stata curata da Adriano Engelbrecht e Sandra Soncini (associazione teatrale L.O.F.T); le riprese, il montaggio video e sonoro sono stati realizzati da Milo Adami, Sandro Nardi e Amedeo Cavalca (associazione 24FPS Obiettivo cinema).L’intero progetto presentato dal Liceo Ulivi è stato finanziato dal bando SIAE PerChiCrea 2018.Il video sarà visionabile nei prossimi giorni sul sito del Museo di Storia Naturale dell’Università di Parma e sul sito del liceo scientifico Giacomo Ulivi.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: La sfida della “telemedicina di comunità”

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 giugno 2021

Sei scuole superiori romane, 120 studenti nel ruolo di “i-tutor”, 12 volontari della conoscenza senior, 15 associazioni del territorio e 500 over 65 raggiunti. Sono i numeri dell’edizione pilota di “Insieme si riparte”, il progetto nato dalla collaborazione tra l’Istituto nazionale malattie infettive Lazzaro Spallanzani, Regione Lazio e Fondazione Mondo Digitale per contrastare in emergenza sanitaria l’isolamento delle persone anziane e guidarle all’uso dei servizi online per la salute. L’evento finale si è concluso con la partecipazione dei protagonisti del progetto e l’intervento del presidente della Società italiana di geriatria ospedale e territorio (Sigot) Alberto Pilotto.Oltre al servizio di assistenza a distanza, il progetto ha previsto anche la realizzazione di una guida alla salute digitale nel Lazio e di video tutorial fruibili da cellulare, disponibili sul sito http://www.insiemesiriparte.org

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola Assunzione 80mila precari a luglio con il doppio canale

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 giugno 2021

Ministero dell’Istruzione e sindacati continuano a lavorare per cambiare le regole per diventare insegnante. Dopo l’insediamento delle parti al tavolo di confronto, secondo Orizzonte Scuola “i prossimi incontri entreranno nel merito della questione: dopo gli esiti della mobilità, i sindacati da un lato chiedono di poter capire i numeri residui per provincia, in modo dettagliato per capire la mappa dei posti disponibili nel territorio nazionale e quindi dove si deve assumere. Dall’altro lato si dovrà scendere nel dettaglio e capire come agire concretamente: quali modalità di assunzione, il modello delle abilitazioni, come risolvere il problema degli specializzati sul sostegno superando le tre annualità. Il capo di gabinetto ha puntato sui temi del Patto che il Ministro vorrebbe seguire. Sulle abilitazioni, in particolare, si vuole predisporre un modello ben preciso per permettere nuovamente la possibilità di abilitazione all’insegnamento”. Sempre la rivista specializzata stima che “con le previsioni del decreto Sostegni-bis si potranno assumere, in totale, anche meno di 40 mila insegnanti. A fronte di circa 80 mila necessari”. Stando così le cose, “il modello di riferimento su cui lavorare è quello del doppio canale di reclutamento, sistema di assunzioni previsto dalla legge 417 del 1989 e nato da un decreto voluto dall’allora Ministro dell’Istruzione Sergio Mattarella” oggi Capo dello Stato.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola: Docenti, lunedì 7 la verità sui trasferimenti bloccati

Posted by fidest press agency su domenica, 6 giugno 2021

È giunta quasi al termine l’attesa per conoscere l’esito della domanda volontaria o obbligatoria di trasferimento di sede. Tra pochi giorni verranno pubblicati i trasferimenti. Nel frattempo, scrive Orizzonte Scuola, “gli Uffici Scolastici stanno pubblicando i posti disponibili per le operazioni. In maniera preventiva quindi il docente potrà conoscere se il posto desiderato è ancora disponibile, o quali potrebbero essere le opzioni”.Il giovane sindacato Anief intende venire incontro alle legittime richieste di spostamento che molto docenti hanno presentato e si sono visti negare, pur in presenza di posti liberi per accogliere la loro istanza. Anief, quindi, con le sue proposte di modifica del decreto legge 73 intende cancellare i vincoli di permanenza sulle sedi attraverso la contrattazione collettiva, almeno lasciando spazio all’assegnazione provvisoria annuale per esigenze di famiglia; ma anche di adottare lo stop triennale in caso di soddisfazione ‘puntuale’, nella scuola indicata dal richiedente.Come pure si intende accordare l’assegnazione provvisoria a “tutto il personale scolastico che abbia presentato relativa domanda”, in modo da “consentire la contemplazione del diritto al lavoro e del diritto alla famiglia, ad invarianza finanziaria, nel rispetto delle norme contrattuali”, in “deroga ai vincoli introdotti dalla legge 159/19 sulle domande di assegnazione provvisoria per i neo-assunti degli ultimi due anni”. Una disposizione che risponde anche “al divieto di spostamento tra le regioni durante la pandemia”.L’organizzazione sindacale chiede, infine, di attivare una serie di corsi di abilitazione all’insegnamento “destinati al personale docente già di ruolo” da svolgere “in modalità telematica come da Decreto del Ministero dell’Università del 18 novembre 2020, n. 858” e ridefinendo “i numeri degli iscritti e le quote di iscrizione”: in tal modo si potrebbe agevolare la mobilità professionale del personale di ruolo, garantendo quel diritto al ricongiungimento della famiglia, in presenza di posti vacanti, oggi invece negato da norme ingiuste e assolutamente da superare.

Posted in scuola/school, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: rimuovere gli ostacoli nella ricerca del lavoro

Posted by fidest press agency su domenica, 6 giugno 2021

Udir ha suggerito degli emendamenti inviando proposte alla V Commissione Bilancio della Camera del deputati all’AC 3132 “Conversione in legge del decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73, recante misure urgenti connesse all’emergenza da Covid-19, per le imprese, il lavoro, i giovani, la salute e i servizi territoriali”. Tante le proposte: misure urgenti in materia di responsabilità sulla sicurezza dei dirigenti delle Istituzioni scolastiche; dimensionamento scolastico: conferma a regime della norma in Legge di Bilancio sulle iscrizioni con 300/500 alunni; misure urgenti in materia di mobilità dei dirigenti scolastici; perequazione interna ed esterna dello stipendio tabellare; reclutamento degli idonei del concorso a dirigente scolastico di Trento e Bolzano. Per visionare tutte le proposte emendative suggerite dal giovane sindacato Udir, cliccare qui. Come indicato, tra le tematiche le “Misure urgenti in materia di mobilità dei dirigenti scolastici”, il sindacato che tutela i dirigenti scolastici, con emendamenti all’articolo 58, vuole favorire la mobilità dei dirigenti scolastici alla luce delle nuove norme sul dimensionamento scolastico introdotte dalla legge 178/2020 e a ristoro delle norme sul divieto di spostamento tra le regioni prorogate per contenere l’emergenza epidemiologica che hanno reso illogici i divieti esistenti previsti dagli artt. 19 e 25 del d.lgs. 165/2001 e dalle norme contrattuali su conferme, mutamenti, mobilità interregionale con decorrenza 01/09/2020, alla luce anche dei 900 posti che sono vacanti. Inoltre Udir si pone l’obiettivo di sboccare la grave situazione di disagio a cui sono soggetti numerosi dirigenti scolastici collocati fuori regione e di evitare l’ulteriore stallo della mobilità interregionale a cui sarebbero soggetti molti dei presidi vincitori del concorso 2017 e collocati fuori regione, nonché i dirigenti scolastici in ruolo da anni e assegnati fuori della propria regione, a seguito dei divieti di spostamento dettati dalla pandemia.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Nuovi concorsi per diventare docente

Posted by fidest press agency su domenica, 6 giugno 2021

Le prove concorsuali per accedere all’insegnamento necessitano di modifiche importanti. Le richieste del sindacato Anief toccano più punti: c’è la valorizzazione dei candidati idonei dei precedenti concorsi; si chiede quindi di portare il punteggio minimo per il superamento di tutti i concorsi per diventare docente di ruolo da 70/100esimi a 60/100esimi, ovvero alla soglia della sufficienza prevista per legge; di riaprire i termini per la presentazione delle istanze o la modifica dei requisiti di partecipazione ai concorsi che hanno subìto delle modifiche procedurali. Ma anche di permettere ai candidati insegnanti che partecipano ad una qualsiasi procedura e non superano le relative prove, di presentare comunque domanda di partecipazione alla procedura concorsuale successiva per la medesima classe di concorso o tipologia di insegnamento, salvaguardando quindi la parità di accesso ai concorsi pubblici. L’organizzazione sindacale autonoma chiede infine ai deputati della V commissione della Camere di attuare tutti i concorsi per l’accesso all’insegnamento così già come previsto per quelli cosiddetti Stem, quindi senza differenziazioni di prove e di valutazione delle stesse in base al tipo di disciplina da andare ad insegnare.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: “Necessario fare chiarezza sulle responsabilità dirigenziali in termini di sicurezza”

Posted by fidest press agency su sabato, 5 giugno 2021

Udir, sindacato dei dirigenti scolastici, ha suggerito degli emendamenti inviando un elenco di proposte alla V Commissione Bilancio della Camera del deputati all’AC 3132 “Conversione in legge del decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73, recante misure urgenti connesse all’emergenza da Covid-19, per le imprese, il lavoro, i giovani, la salute e i servizi territoriali”. Tante le proposte: misure urgenti in materia di responsabilità sulla sicurezza dei dirigenti delle Istituzioni scolastiche; dimensionamento scolastico: conferma a regime della norma in Legge di Bilancio sulle iscrizioni con 300/500 alunni; misure urgenti in materia di mobilità dei dirigenti scolastici; perequazione interna ed esterna dello stipendio tabellare; reclutamento degli idonei del concorso a dirigente scolastico di Trento e Bolzano. Per visionare tutte le proposte emendative suggerite dal giovane sindacato Udir, cliccare qui.Come indicato, tra le tematiche c’è spazio anche per la sicurezza, argomento caro al sindacato, discusso e promosso in tutte le sedi opportune. Infatti, al fine di tutelare l’operato tanto delicato del capo d’istituto, per quanto riguarda le “misure urgenti in materia di responsabilità sulla sicurezza dei dirigenti delle Istituzioni scolastiche”, all’articolo 50 il sindacato Udir intende porre chiarezza sulle responsabilità dirigenziali in termini di sicurezza delle istituzioni scolastiche, in un momento in cui anche nelle cosiddette zone rosse si prescrive la riapertura dell’attività didattica in presenza per tutte le istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado. Per quanto riguarda invece l’articolo 58, l’emendamento del giovane sindacato si pone l’obiettivo di ascrivere la responsabilità penale e civile del datore di lavoro nell’infortunio da contagio Covid-19 di un dipendente e, nel caso delle istituzioni scolastiche, degli alunni, solo in caso di violazione degli obblighi di legge. Il dirigente scolastico, ai sensi della normativa vigente, è datore di lavoro, tuttavia lo stesso non ha poteri di spesa ed esercita le sue funzioni adempiendo ai doveri che gli vengono imposti dal Ministero dell’Istruzione nella fase di avvio e svolgimento del nuovo anno scolastico in situazione di emergenza sanitaria ancora in atto.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Insegnanti di religione cattolica

Posted by fidest press agency su sabato, 5 giugno 2021

Sono ben 57 gli emendamenti presentati da Anief alla V Commissione Bilancio della Camera per cambiare il decreto Sostegni-bis: tra essi, il sindacato ha suggerito anche specifiche proposte emendative riguardanti gli insegnanti di religione cattolica. Se infatti un insegnante su tre nelle scuole italiane di ogni ordine e grado lavora con un contratto a tempo determinato, la percentuale nazionale per il comparto dei docenti di religione cattolica presenta una statistica di un docente non stabilizzato su due. Tre emendamenti al decreto Sostegni Bis sono dunque stati predisposti per proporre l’uscita dal precariato di questi colleghi prima del bando del nuovo concorso dedicato.Innanzitutto, con l’emendamento n. 47, si propone l’assunzione a tempo indeterminato per tutti i colleghi che hanno superato 48 mesi di servizio ed hanno la cattedra completa (o almeno 12 ore nella Primaria); essi sono già assimilati ai colleghi stabilizzati per regime stipendiale con N05; la loro assunzione in ruolo non comporterebbe dunque alcun aggravio per le casse dello Stato.In secondo luogo, con l’emendamento n. 39, Anief chiede una graduatoria per soli titoli ai fini dell’assunzione di 7 mila insegnanti con più di 2 mesi di servizio; da ricordare anche la nostra pregressa richiesta al Ministero dell’Istruzione per l’assunzione di tutti i colleghi ancora presenti nelle liste del concorso espletato nel 2004, così come disposto dall’art. 1 bis, comma 3, del DL 29 ottobre 2019, n. 126, convertito, con modificazioni, nella L 20 dicembre 2019, n.159.Con l’emendamento n. 38 chiediamo procedura di selezione per titoli e servizi per i colleghi con 24 mesi di servizio per il 100% dei posti vacanti e disponibili, sentita la Conferenza Episcopale Italiana. Infine, l’emendamento 56 all’articolo 58, comma 2, lettera f) chiede che le procedure di mobilità relative ai docenti di RC siano analizzate secondo il loro particolare inquadramento, in seguito a specifiche motivazioni dell’Ordinario, riconosciute dall’USR competente.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Il decreto Sostegni-bis non cancella la supplentite

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 giugno 2021

Dare la possibilità al personale di abilitarsi all’insegnamento o di specializzarsi sul sostegno permetterebbe loro comunque di avere “accesso per merito nella pa”, riprendendo, si legge nell’emendamento Anief, “le normative precedenti atte ad aggiornare il doppio canale di reclutamento, risponde al reclamo collettivo accolto dal Comitato europeo dei diritti sociali n. 146/2017 e alla procedura d’infrazione 4231/2014 ancora attiva, e risolve la carenza di disponibilità per le immissioni in ruolo registrate negli ultimi anni, favorendo la continuità didattica, a invarianza finanziaria”. Oltre che collocare in ruolo tutti coloro che sono in prima fascia, senza vincoli temporali sul servizio svolto, è fondamentale aprire pure alla seconda fascia a tutti coloro che raggiungono una soglia minima di supplenze. L’esigenza è stata manifestata anche a livello politico. “La Lega, spalleggiata da una parte del Pd e dalle altre forze del centrodestra, chiede sia la possibilità di “pescare” i docenti dalle Gps di seconda fascia, e dall’altro lato, di togliere a questo punto il requisito dei 36 mesi di servizio”, scrive Orizzonte Scuola. Una “scelta che vedrebbe d’accordo anche i sindacati, insoddisfatti del testo licenziato dal Governo, piuttosto distante dalle previsioni del Patto per l’Istruzione firmato pochi giorni fa”. Secondo l’organizzazione sindacale rappresentativa Anief, procedere in questo verso avvicinerebbe molto di più dunque l’Italia all’Unione europea e risponderebbe in modo convincente pure al Comitato europeo dei diritti sociali n. 146/2017 e alla procedura d’infrazione 4231/2014 che rischia sempre più di porre l’Italia in una condizione di difetto e soggetta a multe considerevoli per l’abuso reiterato delle supplenze senza alcuna possibilità di stabilizzazione dello stesso personale impiegato in questo modo illegittimo.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: La Costituzione italiana continua a non avere seguito

Posted by fidest press agency su giovedì, 3 giugno 2021

Almeno nella scuola. Dove il diritto al lavoro non viene contemplato, respingendo la direttiva Ue 70/1999, con centinaia di migliaia di docenti titolati, selezionati, formati, abilitati e specializzati ma poi lasciati incredibilmente per decenni a fare i precari a 1.300 euro al mese, spesso a centinaia o migliaia di chilometri da casa. Il Covid19, nella sua straordinarietà e con tutto il seguito di problemi che ha portato per la difficile convivenza in classe e i rischi di contagio tra alunni e personale, era una motivazione più che valida per la loro stabilizzazione, ovviamente assieme all’incremento degli organici e degli spazi dovuto alle esigenze derivanti dal contesto straordinario. Invece, le aule sono rimaste le stesse, gli alunni non sono diminuiti. Invece niente. Anche gli stipendi sono rimasti immutati, come se la Corte Costituzione, nell’estate del 2015 non avesse mai dichiarato illegittimo il blocco stipendiale, e come se il Covid non avesse posto ancora in modo più netto l’esigenza di introdurre una diaria da rischio biologico. Nemmeno il processo di reclutamento è stato modificato. Con l’aggravante che i già inefficaci concorsi hanno potuto procedere a ritmi ancora più lenti. Così il precariato ha assunto proporzioni gigantesche. Come se non bastasse, nello stesso periodo si sono inasprite le regole sulla mobilità del personale: invece di favorire l’avvicinamento dei lavoratori, riducendo quindi gli spostamenti dei cittadini, come indicato più volte dal Comitato tecnico scientifico per i comportamenti in tempo di Covid, si è preferito portare a ben cinque anni il tempo minimo di permanenza dei neo-assunti sulla sede di destinazione scolastica. E nello stesso tempo si è deciso di negare pure l’assegnazione provvisoria annuale: una condizione che, in presenza di motivazioni personali e posti vacanti cui potere essere destinati, permetterebbe perlomeno di dare una risposta parziale ad un problema oggettivo.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »