Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 229

Posts Tagged ‘segreto bancario’

Fine del segreto bancario a Monaco per i cittadini dell’UE

Posted by fidest press agency su sabato, 25 giugno 2016

banche americaneUn accordo dell’UE con il Principato di Monaco, che renderà più difficili per i cittadini dell’UE evadere il fisco e occultare il denaro in conti bancari monegaschi, è stato approvato dal Parlamento giovedì. Secondo l’accordo, l’UE e Monaco procederanno allo scambio automatico di informazioni sui conti bancari dei rispettivi residenti, a partire dal 2018 e per le informazioni raccolte dal 1° gennaio 2017.L’UE e il Principato di Monaco hanno siglato l’accordo il 22 febbraio 2016 per contrastare le frodi e l’evasione fiscale. Le informazioni che dovranno essere scambiate non riguardano solamente i redditi quali interessi e dividendi, ma anche i saldi di conto e i proventi delle vendite di attività finanziarie.La firma ufficiale è prevista entro la pausa estiva, non appena il Consiglio avrà dato il suo via libera.L’accordo assicura che Monaco applicherà misure equivalenti a quelle che sono in vigore all’interno dell’UE da marzo 2014. L’accordo è inoltre in linea con gli standard globali sullo scambio automatico delle informazioni finanziarie a fini fiscali promossi dall’OCSE nel 2014.Le amministrazioni fiscali degli Stati membri e di Monaco saranno in grado di:
identificare correttamente e inequivocabilmente i contribuenti interessati;
applicare e far osservare la propria normativa fiscale in situazioni transfrontaliere;
valutare la probabilità di un’evasione fiscale;
evitare ulteriori indagini superflue.
La risoluzione è stata approvata con 549 voti a favore, 16 contrari e 23 astensioni.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fine del segreto bancario a San Marino per i cittadini UE

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 febbraio 2016

san marinoUn accordo comunitario con la Repubblica di San Marino che renderà più difficile per i cittadini UE aprire conti bancari in tale Paese per nascondere capitali al fisco, è stato approvato giovedì dal Parlamento. In base all’accordo, dal 2017 l’Unione europea e San Marino si scambieranno automaticamente le informazioni sui conti finanziari dei reciproci residenti.L’UE e San Marino avevano raggiunto un accordo nel mese di dicembre scorso per reprimere le frodi e l’evasione fiscale. Le informazioni saranno scambiate non solo sul reddito, come interessi e dividendi, ma anche sui saldi e sui proventi della cessione delle attività finanziarie.L’accordo garantisce che San Marino applicherà misure più restrittive, equivalenti a quelle in vigore dal marzo 2014 nell’Unione Europea. L’accordo è anche conforme allo standard globale 2014 sullo scambio automatico d’informazioni sui conti finanziari promosso dall’OCSE.Le amministrazioni fiscali degli Stati membri UE e di San Marino potranno:
identificare in modo chiaro ed inequivocabile i contribuenti interessati, amministrare e far applicare le loro legislazioni fiscali in situazioni transfrontaliere, valutare la probabilità di evasioni fiscali perpetrate e evitare ulteriori indagini non necessarie.
L’accordo, approvato con 607 voti a favore, 22 contrari e 18 astensioni, entrerà in vigore il primo gennaio 2017.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fine del segreto bancario dei cittadini UE in Svizzera

Posted by fidest press agency su martedì, 27 ottobre 2015

bernaNella votazione di martedì, il Parlamento ha espresso la sua posizione sull’accordo con la Svizzera che rende più difficile per i cittadini UE nascondere al fisco il proprio denaro presso conti bancari svizzeri. Secondo questo accordo, a partire dal 2018, l’Unione europea e la Svizzera si scambieranno automaticamente le informazioni sui conti bancari dei rispettivi residenti. “Non tollereremo che persone fisiche o giuridiche nascondano i propri beni per evitare di pagare le tasse. Ogni volta che qualcuno commette una frode fiscale, sottrae denaro che potrebbe essere speso per l’istruzione o la sanità. Porre fine al segreto bancario è un passo importante nella battaglia contro la frode fiscale e in favore della giustizia fiscale”, ha affermato il relatore Jeppe Kofod (S&D, DK).
La risoluzione è stata approvata con 593 voti a favore, 37 contrari e 58 astensioni.
Nel mese di maggio 2015, l’Unione europea e la Svizzera hanno raggiunto un accordo sulla repressione delle frodi fiscali e dell’evasione fiscale. Lo scambio di informazioni comprende non solo le entrate, come gli interessi e i dividendi, ma anche i saldi e i proventi derivanti dalla cessione di attività finanziarie.L’accordo garantisce che la Svizzera applicherà misure più rigorose, equivalenti a quelle in vigore all’interno dell’UE dal marzo del 2014. Inoltre, l’accordo rispetta lo standard internazionale sullo scambio automatico d’informazioni fiscali su base reciproca promosso dall’OCSE nel 2014.Queste norme mirano a limitare le possibilità per i contribuenti di evitare segnalazioni alle autorità fiscali spostando beni o investendo in prodotti che non ricadono nell’ambito di applicazione dell’accordo.
Le amministrazioni fiscali negli Stati membri e in Svizzera potranno:
identificare in modo corretto e inequivocabile i contribuenti coinvolti
amministrare e rinforzare le leggi fiscali nazionali concernenti situazioni transfrontaliere
valutare la probabilità che un evasione fiscale possa essere commessa
evitare ulteriori indagini non necessarie.
L’UE e la Svizzera devono ora concludere l’accordo per tempo, in modo da consentirne l’entrata in vigore il 1° gennaio 2017. Il Parlamento è solo consultato in questo processo, e l’accordo dovrà anche essere ratificato dal Parlamento svizzero.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »