Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Posts Tagged ‘semaforo’

Dal primo gennaio multe più care

Posted by fidest press agency su domenica, 2 gennaio 2011

“Dalla mezzanotte del 1° Gennaio scattano i nuovi aumenti delle contravvenzioni per il codice della strada il rincaro è il più basso di sempre a causa della bassa inflazione avutasi nel biennio precedente con cui si calcolano  gli aumenti da applicare alle multe come prevede l’art. 195 del codice stradale” ha dichiarato Stefano Giannini Segretario Vicario di Roma del Sulpm. “Ad esempio per un divieto di sosta si passerà da 38€ a 39€ con un aumento di un Euro” prosegue Giannini “per chi invece circola con il telefonino durante la guida si passerà da 74€ a 76€ mentre per il semaforo rosso si passerà da 155€ a 159€”.  “Sono escluse dagli aumenti” precisa Giannini “tutte quelle sanzioni che sono state modificate con i decreti estivi come la sosta dei ciclomotori sui marciapiedi e che restano immutate”. “Sono dei piccoli aumenti che vanno comunque ad incidere sul bilancio del Comune di Roma” conclude Giannini  “che ingloba quasi 2.000.000 di contravvenzioni ogni anno  chiediamo al Sindaco Alemanno che tutti questi soldi vengano destinati ad istituire nelle scuole elementari e medie corsi per l’educazione stradale in modo da favorire lo sviluppo di una nuova classe di guidatori più diligenti e accorti. L’obiettivo non è far “altra” cassa, naturalmente, ma cercare di prevenire quei comportamenti che sono la causa di incidenti sempre più spesso mortali. Roma è una città dove muoiono più di 180 persone l’anno, ed è come se sparisse un intero condominio.”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il “metodo a semaforo”: deputati divisi

Posted by fidest press agency su martedì, 15 giugno 2010

Strasburgo Parlamento europeo 16/6/2010 (attività legislativa dal 14/6 al 18/6)  Avendolo già respinto in precedenza in commissione parlamentare, i deputati si sono divisi circa il possibile utilizzo del cosiddetto “metodo a semaforo” che permettere al consumatore di costatare rapidamente i valori nutrizionali più rilevanti. Considerato da alcuni come un sistema troppo approssimativo, da altri invece è valutato come uno strumento molto effica- ce per promuovere una sana alimentazione. Il metodo indicherebbe con simboli colorati di verde, ambra e rosso la quantità relativa di energia, di grassi, di zucchero, etc. contenuta nel prodotto alimentare.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Codice della strada

Posted by fidest press agency su giovedì, 13 agosto 2009

I primi giorni di applicazione delle nuove norme sul codice della strada, oltre che incuriosire per alcuni episodi prima imprevedibili ma che ora dovrebbero diventare nostra quotidianità, fanno riflettere su alcune utilita’ e, soprattutto, sulla diffusa cultura e pratica dell’illegalita’ che impera e che il nostro sistema alimenta. Hanno fatto notizia le prime multe a ciclisti che, violando il codice e dotati anche di patente di guida, si sono visti decurtare i punti di questa patente. Persone che sono passate col semaforo rosso, o che avevano il mezzo privo di fanalino o che andavano sui marciapiedi. Persone che hanno protestato non tanto perche’ si sono visti levare i punti, ma perche’ rivendicavano il proprio diritto a violare il codice della strada: tra questi due casi esemplari: – un imprenditore che, sulle cronache di tutti i media, ha anche annunciato un ricorso contro la multa inflittagli per il passaggio col rosso… chissa’ se trovera’ un giudice che gli possa dar ragione….- il Sindaco di Venezia che ha rivendicato il proprio diritto a trotterellare a pedali sui marciapiedi di Milano. Si potrebbe dire: “chi semina vento raccoglie tempesta”. I seminatori di vento sono di due tipi: 1-  gli amministratori nazionali che credono di risolvere il disordine solo aumentando le pene e lacerando la Costituzione: tutti i cittadini sono uguali davanti alla legge, ma se sei un ciclista ed hai la patente per guidare un’automobile, sei piu’ diverso di chi non ha questa patente; cioe’ si viene multati non per l’illecito commesso ma anche rispetto a chi e cosa si e’ e si possiede… tanto varrebbe istituire anche le multe proporzionali rispetto al redditto…
2 – gli amministratori locali che, in assenza di politiche nazionali che incentivino l’uso del mezzo non inquinante (che non c’entrano nulla con la rottamazione), accettano supinamente le logiche nazionali e, pur nella scarsa disponibilita’ dei mezzi a loro disposizione, non sembrano interessati a creare condizioni infrastrutturali che incentivino una mobilita’ legale (piste ciclabili, parcheggi per bici, etc).La tempesta che si raccoglie e’ quella, per l’appunto: 1 – del Sindaco di Venezia: predica altrettanto per i motoscafi contromano nei canali della sua citta’? 2 – di tutti i ciclisti che rivendicano il diritto ad infrangere il codice sempre e ovunque. E’ innegabile che tutto questo e’ molto italiano: per come ci vedono all’estero e per come siamo tutti consapevoli di esserlo. Ma bisogna vivere…… dicono i piu’ e lo dicono anche le istituzioni con queste stupide e incostituzionali norme! (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »