Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Posts Tagged ‘sentenza’

Dirigenti scuola: – Udir chiede al Consiglio di Stato la sospensione della sentenza di annullamento del concorso

Posted by fidest press agency su sabato, 6 luglio 2019

L’avvocato Sergio Galleano, per conto dei ricorrenti iscritti al sindacato, ha notificato il ricorso e ha chiesto oggi un decreto monocratico per sospendere gli effetti della provincia del Tar Lazio. Lunedì dopo le audizioni delle parti sarà presa la decisione dal Presidente. Marcello Pacifico (Udir): È a rischio il nuovo anno scolastico per un fumus che deve essere verificato in appello nel merito. Speriamo che non venga sconvolto l’anno scolastico per demeriti non ascrivibili ai tanti candidati che hanno superato la prova pre-selettiva. Abbiamo fatto di tutto per dare certezze alle famiglie e ai candidati. Ora aspettiamo serenamente la decisione della magistratura. Per questo confermiamo la Scuola Estiva per fornire ai nuovi dirigenti le chiavi di intervento per affrontare dal 1° settembre, nel migliore dei modi, il primo mese da dirigente scolastico.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il caso “lega” fa riflettere

Posted by fidest press agency su sabato, 1 settembre 2018

“Un partito non può essere cancellato per sentenza giudiziaria né, per analogia, può nascerne uno nuovo per decisione di una Procura. Mi auguro che il tribunale di Genova non faccia pagare a una comunità umana e politica le colpe di singole persone, piaccia o meno la Lega rappresenta un pezzo della storia italiana. Sarebbe un precedente pericoloso. E in ogni caso ritengo la querelle sul partito unico del centrodestra una boutade di fine estate. Abbiamo già conosciuto l’esperienza del partito unico, l’unione tra Fi e An imposta da Berlusconi e mal sopportata dalla destra: ha avuto un successo istantaneo ma breve, si è estinta nell’arco di tre anni. I partiti moderni nascono per convenienza e calcolo mediatico, sono animati da spinte egemoniche invece che da processi culturali e per questo somigliano più a fastidiose annessioni che a svolte rivoluzionarie sostenute dal basso. Meglio che i partiti del centrodestra rimangano distinti con la loro identità, magari federandosi per coordinare meglio le loro attività e guadagnare più credibilità e consenso. La destra per esempio non è replicabile, il percorso, le prospettive, i riferimenti culturali, il progetto sociale non sono assorbibili da alcun altro dei partiti della coalizione e le ondate di successo dell’uno o dell’altro non possono mai far incarnare un’identità diversa a un soggetto politico che non viene da destra e della destra non ha i fondamentali”. E’ quanto dichiara Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi, ospite a TgCom24.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Sentenza Corte Europea, freno alla ricerca e all’innovazione in ambito agroalimentare”

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 luglio 2018

“C’è del rammarico – sottolinea Marcello Veronesi, presidente Assalzoo (Associazione nazionale tra i produttori di alimenti zootecnici) – di fronte alla decisione della Corte di Giustizia Europea che, di fatto, pone un freno normativo al rilancio competitivo della filiera agroalimentare europea e italiana”.“La spinta all’innovazione – prosegue Veronesi – è sempre finalizzata al miglioramento del prodotto finale da fornire al consumatore. Il processo che porta a tale prodotto è il risultato della costante ricerca scientifica, normativa e aziendale. Bloccare tale meccanismo virtuoso, vincolando le novità tecnico-scientifiche a norme pensate nei decenni scorsi per regolamentare gli organismi geneticamente modificati, rappresenta un elemento preoccupante rispetto al futuro”.“L’agricoltura europea e italiana – aggiunge il presidente Assalzoo – ha bisogno della ricerca per migliorare la qualità e la quantità delle produzioni. Una grande alleanza per l’innovazione che sappia unire la parte pubblica e l’imprenditoria privata è la via maestra per immaginare un’attività agricola sostenibile a livello ambientale e sicura a livello alimentare. Rimane quindi forte l’esigenza, soprattutto per la situazione dell’agroalimentare italiano, che non ci siano pregiudizi e forme di regressione anti-scientifica. È un’esigenza di tutti gli attori della filiera, di cui le autorità pubbliche dovrebbero farsi carico. Un’agricoltura moderna, efficiente, innovativa, scientificamente all’avanguardia è infatti la condizione indispensabile per garantire la specificità delle produzioni italiane e la loro capacità di penetrazione sui mercati internazionali”.“La decisione della Corte di Giustizia europea – conclude il presidente Assalzoo – dovrebbe ora fare riflettere sulla necessità di rivedere la normativa europea in tema di biotecnologie che oggi è – erroneamente – basata sulla tecnica, mentre sarebbe opportuno che l’attenzione fosse rivolta alla valutazione del prodotto che si ottiene. Un passaggio necessario se non vogliamo che l’Europa resti un fanalino di coda nell’innovazione e nello sviluppo, rinunciando in questo modo ad incrementare le proprie produzioni e a tenere nel mirino l’obiettivo prioritario della sostenibilità, sicurezza e qualità delle produzioni agroalimentari”

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Legittima difesa e sentenza Cassazione

Posted by fidest press agency su domenica, 22 luglio 2018

“La sentenza della Cassazione che stabilisce che non possa invocarsi la legittima difesa da parte di chi, prima di reagire, abbia “accettato la sfida” ovvero si sia messo “volontariamente in pericolo” o abbia “concorso a creare egli stesso la situazione di pericolo“ (fattispecie di omicidio con 31 coltellate in risposta a minacce alla sua famiglia durante una lite col cognato) è assolutamente corretta e serve anche a distinguere invece la difesa, sempre legittima, nei casi di intrusione nell’abitazione da parte di delinquenti con lo scopo di attentare alla incolumità o ai beni di chi nulla ha fatto per creare alcuna situazione di pericolo. La legge presentata al Senato da Fratelli d’Italia con me primo firmatario, vuole proprio distinguere i casi in cui tocca alla discrezionalità del giudice valutare la proporzione tra offesa e reazione e i casi che invece avvengono in casa o similari, dove, chi è costretto a reagire all’offesa violenta di un intruso rapinatore non deve mai essere sottoposto a processo poiché ogni sua azione difensiva deve sempre considerarsi legittima”. Lo dichiara Ignazio La Russa, vicepresidente del Senato e senatore di Fratelli d’Italia.

Posted in Diritti/Human rights, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un comune siciliano trascrive la sentenza straniera di adozione di due minori da parte di due padri

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 marzo 2018

L’ufficiale dello Stato civile di un comune della Sicilia ha accolto l’istanza di trascrizione di due sentenze straniere di adozione emesse dal Tribunale dello Stato di New York a favore di due padri, di fatto trascrivendo ed annotando i certificati di nascita dei minori nei registri dello stato civile del comune siciliano con l’indicazione di entrambi i genitori.La coppia, un italiano naturalizzato statunitense e un americano, si erano sposati all’estero nel 2008. Nello stesso anno il tribunale di New York accoglieva la loro istanza di adozione di una bambina di pochi mesi, e due anni dopo l’istanza di adozione di un maschietto. Veniva annotata in entrambi i casi, nel certificato di nascita, la genitura dei due padri.Dopo l’entrata in vigore della legge sulle Unioni Civili, la coppia nel 2017 trascriveva in Italia il proprio matrimonio, dove produce gli effetti dell’unione civile in base alla L. n. 76/2016.La coppia si è quindi rivolta ad Avvocatura per i diritti LGBTI-Rete Lenford, che con l’Avv.ta Loredana Mazza e l’Avv.ta Susanna Lollini, ha chiesto la trascrizione delle sentenze di adozione dei minori e la conseguente trascrizione ed annotazione nei registri dello stato civile del comune dei certificati di nascita con l’indicazione dei due padri.
Spiega l’avv. Loredana Mazza “la complessa vicenda è stata affrontata cercando di esaminare quali fossero le alternative più rapide ed efficaci. Ci siamo interpellate se intraprendere la via amministrativa o giurisdizionale (ed in tal caso se investire sulla questione il Tribunale per i Minorenni o la Corte di Appello). Con l’Avvocata Lollini abbiamo intravisto uno spiraglio nel dettato della norma dell’art 41 comma 1 della legge 218 /1995 e così abbiamo scelto la via amministrativa. Chiarendo e illustrando con fermezza la nostra tesi all’USC, abbiamo conseguito il risultato utile”.Esprime la sua soddisfazione Marilena Grassadonia – Presidente Famiglie Arcobaleno: “la trascrizione delle due sentenze darà ai bambini serenità e diritti anche qui in Italia, a dimostrazione del fatto che la responsabilità genitoriale e la tutela delle famiglie arcobaleno deve essere garantita al di là di ogni confine”.Uno dei due papà esprime cosi la sua gioia: “Venerdi ho ritirato i passaporti italiani dei bambini al Consolato Italiano. Non vi nascondo che l’evento mi ha provocato commozione — sapevo già dal momento della trascrizione che i bambini fossero cittadini italiani, ma avere il documento in mano e’ stata una prova tangibile di una cosa che fino all’anno scorso credevo fosse impossibile. Vorrei ringraziare entrambe ancora una volta per il lavoro che hanno fatto in maniera così celere e professionale. Mi fa particolarmente piacere che siano state due donne ad aiutarci in tutta la vicenda”.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Diplomati magistrale, oltre 40mila docenti coinvolti nella sentenza di esclusione dalle GaE

Posted by fidest press agency su martedì, 2 gennaio 2018

ministero-pubblica-istruzioneSecondo dati forniti dal Miur, il numero complessivo di ricorrenti è di circa 43.600, tutti inseriti nelle graduatorie ad esaurimento della scuola primaria e dell’infanzia con riserva. Di questi, sappiamo sono 5.300 i docenti che negli ultimi due anni hanno ottenuto il ruolo, sempre con riserva. Su questi ultimi è probabile che la sentenza esplicherà immediatamente i suoi effetti. Gli unici a salvarsi, ad oggi, sono circa 2.000 docenti destinatari di sentenze ormai passate in giudicato.
Ora, se è vero che le sentenze si accettano, il sindacato Anief non può rimanere inerme dinanzi all’abuso del diritto. Ecco perché, parallelamente all’applicazione dell’esito derivante dal Consiglio di Stato, il giovane sindacato ha deciso di portarla, con i suoi legali, dinanzi ai tribunali, dalla Cassazione alla Corte europea. Inoltre, sempre l’Anief, assieme ad altri sindacati, ha deciso di scioperare, la prossima settimana, per dare maggior forza ai soggetti sociali perché siano ascoltati dal Governo, oltre che per sensibilizzare l’opinione pubblica e per dare voce a lavoratori che stanno per ritornare “precari fantasma” relegati nel dimenticatoio delle graduatorie per le sole supplenze.
Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Se bisognava trovare una soluzione prima, a maggior ragione bisogna trovarla adesso, superando le divisioni politiche e senza aspettare la primavera, abbandonandosi a quelle che sembrano le solite promesse elettorali. In modo da dare una risposta certa anche ai laureati in Scienze della Formazione Primaria, pure loro costretti a fare nuovi concorsi per ottenere il ruolo su posti per i quali da anni lavorano come supplenti. Sono questi i motivi per cui l’Anief ha deciso di scioperare il primo giorno di scuola dal rientro delle vacanze natalizie: per dimostrare a tutti che, senza i precari, le scuole resteranno chiuse e perché ai diplomati magistrale e a tutti i docenti abilitati, che non hanno accesso ora alle graduatorie, occorre ridare un minimo di dignità e riconoscere rispetto per la loro professionalità e l’amore per il lavoro che hanno dimostrato e dimostrano da anni. Ecco perché Anief ha avviato le procedure di preadesione al ricorso gratuito dei docenti diplomati magistrale alla CEDU e quelle per inviare una petizione alla Commissione del Parlamento Ue. Il sindacato, infine, sta predisponendo un reclamo collettivo al Consiglio d’Europa.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tribunale dell’Aja: condanna Mladic

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 novembre 2017

tribunale aja“Non c’è pace senza giustizia e oggi la sentenza dell’Aja rappresenta un atto di giustizia”. Lo dichiara Aldo Di Biagio, senatore di Centristi per l’Europa a margine della sentenza pronunciata oggi dal Tribunale penale internazionale dell’Aja, che condanna all’ergastolo il generale serbo-bosniaco Ratko Mladic confermando dieci degli undici capi di imputazione, tra i quali il genocidio compiuto a Srebrenica nel 1995.
” La sentenza mette il punto su una pagina buia e dolorosa della storia recente, che trova nel genocidio di Srebrenica uno dei suoi eventi drammaticamente più simbolici. La condanna all’ergastolo del generale Mladic, incluso il riconoscimento del genocidio compiuto a Srebrenica che chiarisce chi fu l’aggressore e chi la vittima, rappresentava infatti un dovere per la comunità internazionale e in particolare per la comunità Europea, che oggi è più che mai è chiamata mantenere vivo il ricordo, premessa indispensabile per ragionare sul futuro dell’area balcanica. Il nostro impegno non si ferma qui – prosegue Di Biagio – ma deve proseguire per favorire quel processo di stabilizzazione dell’area che prevede un percorso ancora lungo”.
Di Biagio conclude: “Anche l’Italia deve fare la sua parte in questo processo, iniziando dalla ratifica della Risoluzione del Parlamento europeo del 15 gennaio 2009 su Srebrenica che, nel proclamare l’11 luglio come giorno di commemorazione del genocidio di Srebrenica, sia l’occasione per favorire una memoria condivisa che lungi dal voler reiterare rancori, rappresenti lo strumento per alimentare e custodire il germe di una pace durevole la cui cura è affidata alle nuove generazioni.”

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Migranti: decisione CGE cambierà poco per l’Italia

Posted by fidest press agency su domenica, 10 settembre 2017

corte di giustizia europea«Il Governo di centrosinistra moderi la soddisfazione per la decisione della Corte di Giustizia Europea, che in realtà cambia di poco la situazione dell’accoglienza in cui versa l’Italia. Infatti, a causa della negoziazione scellerata operata dal governo di centro sinistra nel 2015, l’Italia può ricollocare in Europa solo siriani ed eritrei che, ad oggi, rappresentano una percentuale pari al 5,9% dei 86.242 richiedenti asilo dall’inizio del 2017, ossia solo 5.107 migranti (1.603 siriani e 3.504 eritrei) che rientrano nelle previsioni degli accordi capestro negoziati dal governo di centro sinistra guidato ai tempi da Renzi». A dichiararlo il deputato di FI Gregorio Fontana, membro della Commissione d’inchiesta sul fenomeno dei migranti, a commento della decisione assunta oggi dalla Corte di Giustizia Europea. «La decisione della Corte di Giustizia Europea va nella giusta direzione, ma l’Italia ha bisogno di un Governo forte ed autorevole che sappia rinegoziare gli accordi capestro del 2015 consentendo il trasferimento e la distribuzione in Europa anche del 94% dei migranti economici di cui l’Italia è diventata il luogo di sbarco preferito a causa delle decisioni prese con grande superficialità dal governo di centrosinistra».

Posted in Diritti/Human rights, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sentenza Operazione Condor. Diritto, Verità storica, Memoria, Giustizia

Posted by fidest press agency su martedì, 14 febbraio 2017

corte europea giustiziaRoma Mercoledì 15 Febbraio 2017, ore 17:00 Dipartimento di Giurisprudenza, Sala del Consiglio, I piano Via Ostiense 161 si terrà un incontro di studi dedicato al Plan Condor. L’incontro sarà introdotto dal Rettore, Mario Panizza, dal Direttore di Giurisprudenza, Giovanni Serges, dal Direttore di OAK Foundation, Adrian Arena, e dal Presidente di CILD, Patrizio Gonnella. Interverranno i protagonisti del Processo Condor (avvocato di parte civile, PM, Avvocato dello Stato), nonché rappresentanti dell’Ambasciata della Bolivia e del Cile. Coordinerà l’incontro il giornalista Alessandro Leogrande. Le conclusioni sono affidate al Prof. Marco Ruotolo.

Posted in Diritti/Human rights, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Corte costituzionale e legge elettorale

Posted by fidest press agency su domenica, 15 gennaio 2017

corte costituzionale“Dopo la sentenza della Corte costituzionale sulla legge elettorale si riparte dal Parlamento, si riparte dalle Commissioni Affari costituzionali di Camera e Senato, si riparte dalle motivazioni della decisione della Consulta. Ci sarà un lavoro libero e serio per costruire un nuovo sistema di voto, con il massimo consenso possibile di tutti i gruppi parlamentari, noi auspichiamo a forte base proporzionale”.Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, in un’intervista a Rai Parlamento.“Dalle elezioni politiche del 2013 ad oggi sono cambiati tre governi – Letta, Renzi, Gentiloni –, e c’era il Porcellum, una legge elettorale con un forte premio di maggioranza. Abbiamo cambiato quasi un governo all’anno.Dopo il referendum non può non esserci una legge elettorale a forte base proporzionale, che congiunga il consenso del popolo sovrano ai rappresentati. Altrimenti si verifica ciò che abbiamo visto con la consultazione costituzionale del 4 dicembre: Renzi ha fatto approvare a colpi di maggioranza l’Italicum e la riforma della Costituzione e poi il popolo sovrano gli ha detto ‘no’. I suoi rappresentanti, che poi erano quelli di Bersani, che poi erano quelli figli, 130 alla Camera, del premio di maggioranza incostituzionale del Porcellum, non rappresentavano il volere del popolo sovrano. La linea di Forza Italia è quella di aspettare con rispetto la sentenza della Corte costituzionale e poi sulla base degli orientamenti di partito, che sono quelli che ha espresso più volte il presidente Berlusconi, discutere con tutti in sede parlamentare, solo in sede parlamentare”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sentenza Formigoni: Sei anni di condanna e 6,6 milioni confiscati

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 dicembre 2016

Formigoni_R_3.jpgMilano. Per i giudici della decima sezione penale del Tribunale di Milano, Roberto Formigoni è colpevole. Colpevole del reato di corruzione nel processo con al centro la fondazione pavese Maugeri che si occupa in particolare di riabilitazione in campo sanitario.Formigoni sarebbe stato il “promotore e organizzatore” dell’associazione a delinquere (ma da questa accusa è stato assolto “per non aver commesso il fatto”) e avrebbe garantito stabilmente tra il 1997 e il 2011 favori alla Maugeri (per questo dalle casse della fondazione sarebbero usciti circa 61 milioni di euro) e tra il 2002 e il 2011 al San Raffaele. Ma quanti erano a conoscenza ed hanno taciuto? Possibile che nessuno abbia mai notato strani movimenti o comportamenti in questi 19 anni? In politica si respira una strana aria di omertà, dove tutti sono presenti ma nessuno sa niente.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Assoluzione Herri De Luca

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 ottobre 2015

“Esprimiamo grande soddisfazione per la sentenza che ha assolto Erri De Luca dal reato di istigazione a delinquere. Un’accusa ingiusta e assurda che aveva l’unico scopo di “punire” la presa di posizione del noto scrittore contro la Tav. Usare la parola “sabotaggio”, per la quale Erri De Luca è stato processato, non significa istigare alla violenza anche perché il sabotaggio è compatibile con la disobbedienza civile e non violenta. Una sentenza che rende giustizia e tutela l’art. 21 della nostra Costituzione”. Lo dichiara Giovanni Barbera, membro del comitato politico romano del Prc.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Funzionari dell’Agenzia delle Entrate “illegittimi”

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 Mag 2015

lecceLa Commissione Tributaria Provinciale di Lecce ha pubblicato le prime due sentenze la numero 1789-02-15 e la 1790-02 -15 ha totalmente annullato due avvisi di accertamento per gli Anni 2010 e 2011 notificati. In sostanza, i giudici tributari della Sezione seconda, tra i primi in Italia dopo Milano, hanno annullato gli accertamenti perché firmati da un funzionario non dirigente per concorso, come ultimamente stabilito dalla Corte Costituzionale con sentenza n. 37 del 25/02/2015.Le sentenze in questione, rileva Michel Emi Maritato, presidente dell’AN-TE ASSOCIAZIONE NAZIONALE TECNICI ECONOMETRICI hanno una straordinaria importanza perché ribadiscono il principio che soltanto un dirigente per concorso può firmare gli avvisi di accertamento oppure conferire le deleghe per le firme, richiamando molti principi giuridici espressi dalla Corte di Cassazione e dal Consiglio di Stato.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Novartis: sentenza Tar

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 dicembre 2014

novartis-sede-logo-140207115847_bigNovartis ha ricevuto avviso di deposito della sentenza del TAR (Tribunale Amministrativo Regionale) del Lazio in merito alla decisione dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato concernente la presunta intesa orizzontale tra Novartis e Roche in Italia per la commercializzazione di Lucentis® (ranibizumab) di Novartis e Avastin® (bevacizumab) di Roche. Novartis non ha ancora ricevuto la sentenza definitiva con le motivazioni e pertanto non può commentare in merito al razionale o al contenuto della sentenza del TAR. Novartis respinge fermamente le accuse di comportamento anti concorrenziale e ogni accusa di condotta anti-competitiva è priva di fondamento. Adotteremo i necessari provvedimenti al fine di appellare la decisione dinanzi al Consiglio di Stato.
Novartis opera secondo i più elevati standard e ha sempre agito nel rispetto della normativa italiana e del contesto regolatorio italiano ed europeo. Novartis ritiene che la decisione dell’Antitrust sia in contrasto con la normativa europea, fondamentale al fine di assicurare la sicurezza dei pazienti. Tutti i pazienti hanno diritto di accedere a farmaci che sono prescritti e utilizzati conformemente alle indicazioni approvate. Novartis fornisce soluzioni terapeutiche in grado di far fronte alle esigenze, in continua evoluzione, dei pazienti e della società. Con sede a Basilea, in Svizzera, Novartis offre un portafoglio diversificato per meglio rispondere a queste esigenze: farmaci ad alto contenuto di innovazione, prodotti per la cura dell’occhio, farmaci generici a costi competitivi, vaccini preventivi, prodotti per automedicazione e specialità veterinarie. Novartis è la sola azienda al mondo a detenere una leadership in tutte queste aree. Nel 2013, le attività del Gruppo hanno registrato un fatturato di 57,9 miliardi di dollari, mentre circa 9,9 miliardi di dollari (9,6 miliardi di dollari escluse le svalutazioni e gli ammortamenti) sono stati investiti in Ricerca & Sviluppo. Le società del Gruppo Novartis contano circa 133.000 collaboratori e operano in oltre 150 Paesi del mondo.

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fecondazione eterologa

Posted by fidest press agency su martedì, 10 giugno 2014

fecondazioneLa neonata Associazione Italiana per la Donazione Altruistica e Gratuita dei Gameti (AIDAGG) è già operativa e pronta ad affrontare il nuovo assetto determinato dalla Corte Costituzionale con la sentenza del 9 aprile che ha abolito il divieto di eterologa. Mentre si aspetta l’imminente deposito delle motivazioni addotte dalla Consulta, già gli operatori e le coppie si preparano mettere in pratica le cure che, finora, potevano essere somministrate solo all’estero.Non mancano tuttavia le polemiche da parte di chi vorrebbe strumentalmente ritardare l’applicazione della decisione della Corte Costituzionale ricorrendo agli espedienti più fantasiosi. Da settimane, sulle pagine di “Avvenire”, viene condotta una campagna sistematica citando i pareri di “esperti” della materia, giungendo persino ad agitare il fantasma dell’incesto. E di recente, nel convegno tenutosi a Montecitorio lo scorso 5 giugno, la responsabile del Registro della PMA istituito presso l’Istituto Superiore di Sanità, Dottoressa Giulia Scaravelli, ha ritenuto auspicabile che “il quadro normativo esistente, sia nella legge 40/2004 che nei decreti di recepimento delle direttive europee (decreto legislativo 191/2007 e 16/2010), venga completato al più presto con il recepimento dell’allegato III che riguarda proprio la direttiva europea 17/2006, anche per la donazione di cellule riproduttive da un soggetto diverso dal partner”. Di parere opposto l’AIDAGG. L’Avv. Sebastiano Papandrea, del direttivo dell’Associazione, già codifensore delle coppie innanzi alla Corte Costituzionale, rimarca come il recepimento dell’allegato III non sia assolutamente necessario. Il recepimento della Direttiva 17/2006 è già avvenuto con il D.lgs 16/2010 che all’art. 4 (rubricato “criteri di selezione dei donatori”) espressamente prevede che “Il responsabile dell’organizzazione per l’approvvigionamento o dell’istituto dei tessuti garantisce che la selezione dei donatori sia effettuata in conformità ai criteri di selezione di cui … all’allegato III per i donatori di cellule riproduttive”.
Il citato allegato III del D.lgs 16/91 riguarda la conservazione di gameti del partner mentre il successivo allegato IV al punto 1.2. (rubricato “Valutazione del donatore”) contiene un inciso (questa sezione non si applica alle donazioni di cellule riproduttive da parte del partner e ai donatori autologhi), da cui discende con evidenza che la disciplina dell’allegato IV riguardi tutti gli altri casi, fra i quali la donazione di cellule riproduttive da parte di soggetti diversi dal partner. Oltretutto, prosegue l’Avv. Papandrea, vale il principio (già enunciato dalla Corte Costituzionale 18 aprile 1991, n. 168) per il quale le direttive sufficientemente dettagliate sono immediatamente applicabili anche senza preventivo recepimento. Va ricordato che la Corte di Giustizia è indirizzata sempre più verso la applicabilità davanti ai giudici nazionali non solo delle direttive self-executing, ma pure di quelle inattuate entro il termine od attuate in modo errato (cfr. Sentenze 13 novembre 1990 in causa c-106/89 e 19 novembre 1991 in cause riunite c 6/90 e c-9/90). Per il legale, quindi, non c’è necessità di ulteriore intervento del governo o del legislatore, sicché i centri, dal giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della Sentenza, potranno applicare le cure con donazione di gameti applicando la normativa vigente, compreso l’allegato III.Come evidenzia la Presidente dell’AIDAGG, Prof. Laura Volpini: “Ritardare ulteriormente l’applicazione delle cure con donazione di gameti, vuol dire aumentare ulteriormente la sofferenza delle coppie e spingerle verso paesi esteri dove spesso sostengono costi esagerati senza avere le garanzie offerte dalla sanità italiana e dove la donazione non è gratuita ma spesso oggetto di sfruttamento economico”.Dello stesso avviso il Prof. Mario Gambera, Presidente dell’Associazione HERA di Catania; “Qualsiasi ritardo nell’applicazione della Sentenza della Corte Costituzionale è un prezzo inaccettabile che viene fatto pagare ai pazienti. Tantissime coppia, anzi, andrebbero risarcite per i costi economici ed umani sostenuti per i viaggi della speranza ai quali sono state costrette da una legge oscurantista ed incostituzionale”.

 

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vaccino mpr e autismo: falso scientifico in una recente sentenza

Posted by fidest press agency su martedì, 10 aprile 2012

Il Board Scientifico del Calendario Vaccinale per la Vita, (che riunisce figure di elevato prestigio dell’Igiene e della Sanità Pubblica, della Medicina Generale, della Pediatria territoriale-ospedaliera ed universitaria facenti capo a Società Scientifiche ed Associazioni Mediche – Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI); Federazione Italiana Medici di Medicina Generale (FIMMG); Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP); Società Italiana di Pediatria (SIP) esprime forte sconcerto per la recente sentenza del Tribunale di Rimini (n°2010\148, Ruolo n°2010474; Cron. N° 2012\886) che torna ad associare la vaccinazione anti Morbillo-Parotite-Rosolia (MPR), alla Sindrome di Kanner, meglio nota come Autismo, evidentemente basandosi su quanto pubblicato, ormai 14 anni fa, dalla rivista Lancet, e successivamente ritirato per l’evidente infondatezza di quanto inizialmente proposto da un gruppo di ricercatori britannici.
La nota rivista medica Lancet ha infatti ufficialmente ritirato lo studio sui possibili collegamenti tra autismo e vaccino trivalente MPR. L’articolo, pubblicato nel 1998 e scritto dal medico britannico Andrew Wakefield, è stato causa di una lunga disputa scientifica durata quasi 12 anni. Wakefield sosteneva che il vaccino fosse causa di infezioni intestinali, a loro volta legate alla sindrome di Kanner. Le sue affermazioni furono screditate dal mondo scientifico, e sono state alla base di uno dei più rilevanti contenziosi nella storia della medicina: purtroppo le false tesi proposte portarono ad una forte diminuzione del numero di vaccinazioni negli Stati Uniti, in Gran Bretagna e in altre parti dell’Europa, con la conseguenza, in molti casi nefasta, di un repentino aumento dei casi di morbillo e delle sue complicanze,
inclusi numerosi casi di encefalite e di morte. “Diversi punti del lavoro del 1998 di Wakefield sono scorretti“, disse in un comunicato stampa la stessa rivista scientifica, ritrattando la pubblicazione del 1998. Una commissione disciplinare del Comitato medico generale britannico (General Medical Council), dopo un accurato studio, ha decretato come Wakefield
presentò la sua ricerca in modo “irresponsabile e disonesto” ed ha “ignorato insensibilmente” la sofferenza dei bambini oggetto dello studio. Nel rapporto del comitato scientifico si legge, inoltre, che Wakefield ha anche “rovinato la reputazione” della professione medica. Lo stesso Wakefield è stato espulso dal Royal College of Physicians e non può più praticare la medicina. Verdetti quindi netti e gravi che lasciano pochi dubbi.
I risultati di due studi scientifici recentemente pubblicati su una delle riviste mediche più accreditate a livello mondiale, il British Medical Journal (uno il 5 gennaio 2011 BMJ 2011; 342: c5347; l’altro pubblicato l’11 gennaio 2011 – BMJ 2011; 342: c5258) hanno decretato l’infondatezza di questa associazione e, tra l’altro, che i pazienti sono stati reclutati attraverso attivisti anti-vaccinali, e che lo studio è stato commissionato e finanziato con un preciso scopo connotato da pregiudizi ideologici e interessi economici.
Troppo spesso e senza riscontri scientificamente sostenibili, la sola correlazione temporale tra la somministrazione di un vaccino ed un evento avverso o una patologia dovuta a cause ignote viene considerata di per sé stessa sufficiente a decretare che la colpa sia della vaccinazione.
Il Board raccomanda che prima di compiere azioni che direttamente o indirettamente esitano in senso negativo su tutta la comunità rimettendo a rischio di malattia bambini e adulti per riflessi negativi sulla adesione ai programmi nazionali di prevenzione, chi è chiamato a giudicare – Commissioni ex Legge 210/92 comprese – assuma il massimo rigore scientifico e soprattutto la sostenibilità delle affermazioni, delle sentenze e dei giudizi basata su acquisizioni universalmente riconosciute.
Risulta anche anomalo il fatto che la citata sentenza possa ignorare le ragioni e le azioni della comunità scientifica nazionale ed internazionale che, tra l’altro, ha il diritto/dovere di tutelare tutti gli operatori al solo fine di far esercitare la professione con le dovute garanzie medico-legali. Purtroppo sentenze come quella appena emanata rischiano di avere il solo risultato di far perdere fiducia in uno strumento preventivo fondamentale per la salute dei bambini e di tutta la popolazione, con conseguente ri-emergenza di malattie gravi e talora anche mortali, come il morbillo, inducendo peraltro nei genitori di bambini affetti da una seria patologia come l’autismo la falsa convinzione di aver trovato la ragione di
tante sofferenze patite. E certamente questi genitori non meritano un’ulteriore falsità sulla condizione dei propri figli.
Infine, onde evitare che tale sentenza faccia giurisprudenza negativamente incidendo sulle dinamiche professionali degli operatori, il Board auspica che il Ministero della Salute, quale parte resistente nella causa conclusasi con la contestata sentenza di primo grado, voglia proporre Appello presso la Corte di Bologna. A tal proposito i componenti del Board si rendono disponibili a coadiuvare l’Avvocatura dello Stato fornendo pareri e letteratura scientifica che valga a ribadire la lex artis e segnatamente l’inidoneità della specifica vaccinazione a configurare antecedente dotato di valore causale nel determinismo dell’autismo. (Stefano Sermonti)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sentenza consulta su referendum elettorale

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 gennaio 2012

Manovra di accerchiamento della classe lavorat...

Image by emilius da atlantide via Flickr

La sentenza della Corte Costituzionale che ha bocciato le due richieste di referendum abrogativi relativi alla legge elettorale vigente, per Camera e Senato, può essere condivisa o meno, ma va rispettata. – ha dichiarato il Consigliere Regionale del Partito Pensionati, Carlo Fatuzzo – Certo, il cosiddetto porcellum produce un Parlamento di “nominati” e questo è, indubbiamente, un oltraggio alla democrazia, ma correggere quello che non va nell’attuale legge elettorale non è certamente difficile. È importante la volontà politica di ridare voce e forza al voto della gente.Il Partito Pensionati – ha proseguito Fatuzzo – ritiene che una significativa correzione dell’attuale legge elettorale possa essere fatta rapidamente, introducendo la preferenza unica ed altre modifiche di carattere tecnico, questo potrebbe rispondere al desiderio di oltre un milione di cittadini che hanno sottoscritto i referendum ad avere una legge elettorale che consente agli elettori di scegliere veramente i loro rappresentanti, e subito dopo si vada al voto.Il Partito Pensionati – ha concluso Fatuzzo – non ritiene neppure lontanamente che la Consulta possa avere avuto o accettato pressioni di sorta ma che abbia agito secondo coscienza, nel rispetto dell’alto mandato a cui è che deve preoccupare, a giudizio del Partito Pensionati, è un’azione “inciucista” dei grandi partiti.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Manovra: quote latte

Posted by fidest press agency su martedì, 5 luglio 2011

“Ancora una volta la Lega salva poche centinaia di disonesti a scapito di tutti coloro, e sono la maggioranza, che si adeguano alle regole. Decidere di lasciare in manovra la misura che salva le quote latte dalla riscossione coattiva da parte di Equitalia dimostra sempre più che siamo il Paese del paradosso: chi non paga una multa di divieto di sosta infatti rischia di vedere la propria casa ipotecata proprio da Equitalia, mentre chi truffa per milioni di euro la fa franca. Decisione presa, per di più, nonostante proprio in questi giorni la sentenza d’appello ha riconosciuto il gravissimo reato di associazione a delinquere anche per Giovanni Robusti, leader dei Cobas, ex parlamentare della Lega Nord ed ex consigliere d’amministrazione di Credieuronord. Continuo e continuerò a chiedere quale siano e siano stati i legami tra questi truffatori, la Lega Nord e la banca stessa”. Così Ernesto Carbone Coordinatore forum agricoltura del PD, sul sito di TrecentoSessanta, l’Associazione di Enrico Letta.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dopo la sentenza in materia di Ogm

Posted by fidest press agency su sabato, 25 giugno 2011

“Le sentenze non si commentano mai, ma la politica deve fare la sua parte. Le Regioni da tempo hanno espresso il loro orientamento a tutela dell’agricoltura biologica e convenzionale, e quindi libera da Ogm”. Con queste parole Susanna Cenni, deputata toscana del Pd in Commissione Agricoltura spiega la scelta di depositare un’interrogazione urgente al ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali sulla questione Ogm, a seguito delle recenti minacce di semina selvaggia di colture geneticamente modificate e della sentenza del Tar del Lazio che annulla il divieto di messa in coltura di varietà di mais transgenico, previsto dal decreto dell’ex ministro Zaia”.
“Le Regioni – continua Cenni – hanno da tempo fatto le loro scelte in modo molto chiaro, legiferando, come la Corte Costituzionale ha stabilito nel 2006, e chiedendo al Governo di attivarsi per la clausola di salvaguardia. Altrettanto netta e maggioritaria è la volontà della maggioranza dei consumatori e del mondo agricolo italiano: no a coltivazioni geneticamente modificate. Adesso, dopo la sentenza del Tar Lazio, occorre che il quadro normativo si chiarisca sul serio, è necessario che alla richiesta delle Regioni venga fornita adeguata e trasparente risposta, anche per evitare che atti estremi, provocatori ed illegittimi, come la semina clandestina di Ogm si possano ripetere”.
“Molte sono state nei mesi scorsi le interrogazioni sul tema che sono state ignorate dal Ministro Galan e che ad oggi non hanno ricevuto risposta. Adesso – conclude la deputata toscana – vogliamo sapere come il nuovo ministro intenda passare dalle dichiarazioni più volte rilasciate a favore di un’agricoltura libera da Ogm, ai fatti. Per questo chiediamo che venga a riferire in Commissione Agricoltura circa eventuali rischi concreti che l’agricoltura italiana potrebbe incontrare dopo la sentenza, e a informare sulle sue reali e fattive intenzioni, per questo ho depositato una nuova interrogazione all’attenzione del Ministro Romano”.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cassazione: riconoscimento diritti per i figli naturali

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 giugno 2011

“Le reazioni che dal mondo cattolico ufficiale sono scaturite dalla sentenza della Suprema Corte di Cassazione nr. 12278/2011 che aveva equiparato in tema in risarcimento danni da sinistro stradale la coppia legittima a quella di fatto, meritano una garbata ma ferma replica”, afferma l’avv. Gian Ettore Gassani, Presidente Nazionale Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani. “Nessuno, nemmeno i più estremisti – continua – ha mai osato mettere in dubbio l’importanza centrale del matrimonio nel nostro contesto sociale o cercato di creare un doppione di esso. Non si deve giocare su questo equivoco né sulla pelle di tanti italiani e soprattutto di tanti bambini che vivono, per scelta o per necessità, in famiglie naturali. Il riconoscimento di diritti quali quello al risarcimento per la morte di un convivente o padre ‘naturale’ (quest’ultimo spesso pilastro economico dell’intera comunità familiare), risponde a logiche di solidarietà sociale e di pietas cristiana. Occorre anche ribadire che la maggioranza dei conviventi more uxorio non può sposarsi perché in attesa del divorzio e la convivenza di per sé non significa specificamente fuga dalle proprie responsabilità. Il matrimonio resta senz’altro l’istituto più importante della nostra società. Tuttavia il mondo cattolico e quello laico, indipendentemente dagli opportuni orientamenti della Suprema Corte di Cassazione in materia di riconoscimento dei diritti civili, debbono trovare un momento di condivisione affinché nella nostra società non possano più sussistere steccati ideologici talmente forti da giustificare e legittimare il mancato riconoscimento di diritti essenziali delle persone. Nel caso specifico la Suprema Corte di Cassazione ha riconosciuto il diritto dei figli naturali ad essere risarciti per la morte del loro padre al pari di quelli legittimi. Trattasi di un provvedimento assolutamente condivisibile che non può essere messo in discussione da qualsivoglia argomentazione, come si è letto sull’Avvenire di stamani. La Suprema Corte di Cassazione né il mondo forense del settore familiare intendono spalancare le porte a forme di bigamia né ad ingenerare confusioni sul significato del matrimonio rispetto a quello della convivenza”. (comunicato Ami su Cassazione)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »