Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘sentimento’

L’uomo è condannato a un movimento continuo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 agosto 2018

Ma giunto al più alto livello la sua intenzione di volervi restare stabilmente si inserisce un qualcosa che lo turba e lo spinge a compiere passi retrogradi. L’esempio dell’Eden in cui vissero Eva e Adamo lo ha dimostrato. Essi, per un eccesso di sicurezza, finirono con il perdere tutto, tranne l’amore.
E’ questo il filo d’Arianna, figlia del mitico re di Creta Minosse e di Pasifae che salva Teseo che si era avventurato nel labirinto per uccidere il Minotauro. E’ un filo d’amore. E’ quello che permette all’eroe di ritrovare la via del ritorno.
Sono storie simboliche, forse semplicemente spettacolari, ma tanto confacenti alla natura stessa dell’essere umano che si ritrova sempre con lo stesso ricorrente tema: quello del sentimento più puro che sprona all’azione, alla ricerca, alla bellezza e ci aiuta a capire la vita e ancor più la morte.
E’ tutto questo solo sentimento? Forse. Il sentimento, tuttavia, non inganna mai. Non coglie e non afferma che un rapporto, e questo non è un’apparenza ingannatrice. Esso non delude, per quanto primitivo può apparire.
E’ invincibile, universale e ci conduce sulle esistenze e le realtà e le annuncia con evidenza manifesta. Allora può servire di base a un giudizio assoluto e necessario. E’ la coscienza dell’esistente e delle esistenze.
L’attenzione che diamo a una cosa è sempre proporzionata all’interesse che essa c’ispira o alla forza di volontà che vi mettiamo. Quando questi due principi dell’attenzione si concentrano su un determinato oggetto, allora soltanto essa raggiunge il suo più alto grado di forza. In una passione, nulla ci sfugge di ciò che con essa ha rapporto, vicino o lontano che sia. I senza anima o gli uomini deboli di carattere, che, di fatto, non s’interessano di nulla, non sono suscettibili d’attenzione, o almeno di una valida attenzione. Per loro è necessario ritornare a vivere per assaporare ciò che hanno perso nelle vite precedenti. Sono i Teseo senza la loro Arianna. (Riccardo Alfonso) (I precedenti sono reperibili sulla pagina “confronti” undicesima parte)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Labirinti del cuore. Giorgione e le stagioni del sentimento tra Venezia e Roma

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 giugno 2017

giorgioneRoma Giovedì 22 giugno ore 11.00 Palazzo Venezia – Ingresso Piazza Venezia Labirinti del cuore. Giorgione e le stagioni del sentimento tra Venezia e Roma è una mostra costruita intorno ad un capolavoro di Giorgione, I due amici, un doppio ritratto ormai da tempo considerato da gran parte della critica come uno dei capisaldi del maestro di Castelfranco, ma ancora poco noto rispetto alla sua straordinaria rilevanza, come punto di svolta epocale nella ritrattistica italiana del primo Cinquecento. Rispetto ai precedenti, non solo veneti, si contraddistingue infatti per un’inedita sintesi di elementi che ne fanno l’archetipo di una nuova idea del ritratto, che intende sottolineare lo stato d’animo e l’espressione dei sentimenti d’amore. L’opera appare strettamente legata ad un particolare clima culturale, quello della gioventù patrizia lagunare nel momento “edonistico” di massima espansione politica, alla vigilia del radicale ridimensionamento a cui sarà costretta la Serenissima.
Il doppio ritratto di Giorgione è conservato nelle collezioni di Palazzo Venezia, ma è attestato a Roma fin dall’inizio del Seicento, a testimonianza dei fili storici che legano la figura di Giorgione a Roma, nel quadro di una rete, ben più ampia, dei rapporti intercorsi tra Venezia e la Città eterna, che ebbero il loro palcoscenico privilegiato proprio nel Palazzo di Venezia, come si dovrebbe più propriamente definire quella che era la prima dimora romana di un accertato collezionista, e con ogni probabilità anche committente, del pittore di Castelfranco: ossia il cardinale Domenico Grimani, con papa Paolo II Barbo uno dei personaggi chiave dei rapporti politici, diplomatici e culturali tra i due stati tra la fine del Quattrocento e i primi due decenni del Cinquecento.
Ed è proprio nell’Appartamento Barbo che si sviluppa la prima sezione della mostra, dedicata a quelle vicende storiche e alla straordinaria novità de I due amici di Giorgione nelle vicende artistiche del primo ‘500.La mostra prosegue a Castel Sant’Angelo, negli Appartamenti papali, dove è allestita la seconda sezione, con altre opere provenienti da importanti musei del mondo, di grandi maestri del Cinquecento tra cui Tiziano, Tintoretto, Romanino, Moretto, Ludovico Carracci, Bronzino, Barocci e Bernardino Licinio. Opere che conducono il visitatore in quei labirinti esistenziali che ogni uomo porta in sé e che si riflette anche nell’esperienza amorosa, tra innamoramento e approdo matrimoniale, tra abbandono e nostalgia. La mostra è curata da Enrico Maria Dal Pozzolo , fra i massimi specialisti di pittura veneta fra l’età rinascimentale e barocca, con la collaborazione di un prestigioso comitato scientifico composto da Lina Bolzoni, Miguel Falomir, Silvia Gazzola, Augusto Gentili e Ottavia Niccoli. Il percorso espositivo comprende complessivamente 45 dipinti, 27 sculture, 36 libri a stampa e manoscritti, oltre a numerosi altri oggetti, stampe e disegni. L’allestimento in entrambe le sedi è progettato dallo studio De Lucchi. Il catalogo è edito da arte’m . La mostra è promossa e organizzata dal Polo Museale del Lazio diretto da Edith Gabrielli, con la collaborazione di Civita Mostre.
Labirinti del cuore è visitabile con un biglietto unico comprensivo dei due siti museali e delle due sezioni della mostra. Una audioguida compresa nel biglietto di ingresso è disponibile per tutti i visitatori a Palazzo Venezia, mentre a Castel Sant’Angelo i contenuti della mostra sono fruibili attraverso la nuova app scaricabile gratuitamente.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Ragione e sentimento”

Posted by fidest press agency su domenica, 17 luglio 2011

Fossanova 17 luglio alle ore 19.30. E’ il titolo che il Quintetto Bottesini ha scelto per il suo concerto in programma all’Abbazia di uno degli appuntamenti di maggiore interesse e curiosità del Festival Pontino per la riscoperta della compositrice e pianista francese Louise Farrenc (1804-1875), della quale si ascolterà lo sconosciuto Quintetto op. 31 n. 2 scritto nel 1840, seguito dall’altrettanto raro Quintetto in do minore, composto dal britannico Ralph Vaughan Williams nel 1903.
Tra le poche donne compositrici nella storia della musica Louise Farrenc, nata Jeanne Louise Dumont, è una di quelle che raggiunsero la fama maggiore anche se poi la sua produzione è caduta nell’oblio. Parigina, nata e cresciuta in una famiglia di pittori e scultori, fu una grande pianista allieva di Muzio Clementi, Ignaz Moscheles, Johann Nepomuk Hummel e fu l’unica donna in tutto il XIX secolo ad ottenere nel 1842 la cattedra di pianoforte al Conservatorio di Parigi. Allo stesso organico è destinato anche il Quintetto in do minore di Ralph Vaughan Williams, compositore che ha giocato un ruolo fondamentale nel panorama musicale inglese del primo Novecento. La sua formazione al Royal College of Music, dove studia con due compositori di fede brahmisana come Charles Villiers Stanford e Hubert Parry, l’amicizia con Gustav Holst, gli studi in Germania con Max Bruch e a Parigi con Ravel, l’ammirazione per Stravinskij e per Hindemith, definiscono una complessa trama di influenze che Vaughan Williams sintetizza in un linguaggio molto personale nel quale confluiscono anche elementi della musica antica.
Il Quintetto Bottesini è nato dal desiderio dei suoi componenti – Alessandro Cervo violino, Federico Stassi viola, Anna Armatys violoncello, Roberto Della Vecchia contrabbasso e Linda Di Carlo pianoforte – incontratisi per la prima volta nel 2006, di valorizzare e approfondire lo studio del repertorio cameristico per archi e pianoforte dai capolavori classici e romantici fino alla musica moderna e contemporanea.
Il Quintetto si è esibito in diverse rassegne e festival in Italia e ha effettuato anche importanti tournées internazionali, dalla Polonia all’Ecuador, dal Venezuela al Giappone, ricevendo notevoli apprezzamenti da parte del pubblico e della stampa specializzata. Nel dicembre 2007 il gruppo è stato invitato a tenere un concerto in onore del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano in occasione di una sua visita di lavoro a Washington. In autunno sarà nuovamente ospite dei “Concerti del Quirinale” di Radio Tre.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

MT Roadshow: Argentina protagonista a Napoli

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 maggio 2011

Napoli, 19 maggio, incontro tra operatori argentini e agenti di viaggio napoletani in programma all’Hotel Royal Continental di Napoli con inizio alle ore 18.00. Il Roadshow BMT, organizzato dalla Progecta, rinnova il gemellaggio Napoli – Argentina. Due popoli uniti da un legame indissolubile, che neanche le acque dell’oceano sono riuscite mai a subissare. Lo stesso tifo per il campione Diego Armando Maradona, il medesimo amore per il ritmo del tango, ma soprattutto un sentimento senza fine trasmesso di generazione in generazione, scritto nei geni di chi ha lasciato la patria campana negli anni tra la fine dell’800 e il secondo dopoguerra del secolo scorso, e che ancora oggi spinge molti di loro a programmare almeno una vacanza durante l’anno nella terra sudamericana per riabbracciare amici e parenti. E proprio di viaggi e nuove mete si parlerà domani Il Roadshow, in collaborazione con INPROTUR (Istituto Nazionale di Promozione Turistica dell’Argentina), sarà interamente dedicato alla scoperta delle bellezze del Paese Sudamericano: enormi distese di mare e terra che lasciano nei turisti un’emozione senza pari. Durante l’incontro gli agenti di viaggio di Napoli e provincia, potranno confrontarsi direttamente con i tour operator, compagnie aeree e di navigazione argentine per aggiornarsi sugli itinerari da proporre ai loro clienti. A rispondere alle loro domande ci saranno i responsabili di: Cruceros Australis, Amichi Viajes, Eurotur, Gador Viajes, Helling’s Travel, Petrabax Argentina, Quarum Travel, Quimbaya Tours, Rotativo Express, Alto Calafate, Esquina Carlos Gardel, Sabor a Tango, Aerolineas Argentinas. Il Roadshow sarà anche l’occasione per presentare il nuovo marchio “l’Argentina Palpita con te”. Napoli è la seconda tappa del tour. Dopo il successo di ieri che ha visto coinvolte le adv di Palermo, la terza ed ultima tappa vedrà protagonisti gli agenti pugliesi che si ritroveranno venerdì 20 maggio al Palace Hotel di Bari. http://www.progecta.org

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Il cuore del tempo. Impegno, cura e sentimento”

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 maggio 2011

Bari 18 maggio alle ore 11.30 presso la Sala della Presidenza della Regione Puglia in via Lungomare Nazario Sauro, 33. conferenza stampa. Interverranno: l’assessore regionale al Mediterraneo, Silvia Godelli, l’assessore alla cultura della città di Trani Andrea Lovato e Rosanna Gaeta, Ass. Culturale “La Maria del porto”. La manifestazione è promossa dall’Associazione Culturale “La Maria del porto” e dalla Regione Puglia, col contributo del Comune di Trani e della Provincia Barletta-Andria-Trani. Alla manifestazione è stata data quest’anno la particolare adesione del Presidente della Repubblica. I “Dialoghi di Trani” sono stati anche premiati dal Ministero per i beni e le attività culturali come“la migliore manifestazione di promozione del libro e della lettura di rilevanza nazionale realizzata nel 2009”. L’anteprima dei “Dialoghi” sarà affidata ad una riflessione intitolata “Terronismo”, voci dal Sud per l’unità d’Italia, contro le ipocrisie e i luoghi comuni, in programma mercoledì 8 giugno ore 19.00 presso la Biblioteca Civica “G. Bovio” di Trani. Interverranno: Marco Demarco , direttore del Corriere del Mezzogiorno e Mario Spagnoletti, docente di storia contemporanea della Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Bari. Coordina il dialogo l’assessore alla cultura del comune di Trani, prof. Andrea Lovato.

Posted in Confronti/Your opinions, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cesaria Evora, la “diva” dai piedi scalzi

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 maggio 2011

Venezia Teatro La Fenice martedì 26 luglio (inizio ore 21.00), nell’ambito della quarta edizione di Venezia Jazz Festival, organizzata da Veneto Jazz. Cesaria Evora è tornata alla ribalta con un nuovo album, “Nha Sentimento” (I miei sentimenti): 14 brani esclusivi, tra coladeras e mornas, per fare sognare e ballare ai ritmi della musica capoverdiana. Le coladeras sono perlopiù frutto dei suoi acclamati autori Manuel de Novas e Teofilo Chantre, oltre a tre mornas: “Vento de Sueste”, firmata da Manuel de Novas, “Sentimento” di Tututa e “Mam’Bia E So Mi” composta da Vitorino Chantre e testi di Teofilo Chantre. Inciso durante la primavera 2009 tra Mindelo, sull’isola di São Vicente, e Parigi, quest’album vede la collaborazione di Jose da Silva per l’etichetta Lusafrica e arrangiamenti di Nando Andrade, pianista e direttore di Cesaria. Si tratta di un album caratterizzato da ritmi più dinamici rispetto ai precedenti, concentrato sulla rievocazione del tipico sound percussionistico di Mindelo degli anni ‘50 e ‘60, molto prima che la musica capoverdiana valicasse i confini e iniziasse a subire influenze esterne. Per le mornas, Jose da Silva ha sottolineato l’influenza araba già rivendicata da autori come Manuel de Novas o Vasco Martins, affidando a Farthy Salama la cura degli arrangiamenti degli archi e la registrazione in Egitto con l’Orchestra Sinfonica del Cairo di cui è direttore.
Nata il 27 agosto 1941, Cesaria Evora, “Cize” per i suoi amici, grazie alla sua grande voce e al suo aspetto stupefacente si mise presto in luce, ma le sue speranze di diventare una cantante professionista si realizzarono solo nel 1988, quando Josê Da Silva, giovane francese originario di Capo Verde, le propose di recarsi a Parigi per incidere un album. Cesaria accettò: aveva già 47 anni, non era mai stata a Parigi e non aveva nulla da perdere. Incide un album e dopo due anni di successi arriva anche la consacrazione di un mostro sacro della musica brasiliana: Caetano Veloso sale sul palco con lei per accompagnarla durante un’esibizione a San Paolo. Veloso dichiara che Cesaria figura tra le cantanti che lo ispirano. Cesaria Evora trionfa anche in Spagna, Belgio, Svizzera, Africa e nei Caraibi. Attraverso la Lusafrica firma un contratto con la BMG e viene pubblicata l’antologia “Sodade, les plus belles Mornas de Cesaria Evora”. A questo si affianca l’album “Cesaria”, disco d’oro in Francia e successo internazionale, soprattutto negli USA, dove ottiene una nomination per il Grammy Award. Intanto il suo grande amore per il contatto diretto con il pubblico non si esaurisce. (cesaria)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Eduardo, umanissime commedie a Chiasso

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 aprile 2011

Chiasso, 16 aprile 2011, ore 20.30 Cinema Teatro  Rocco Papaleo e Giovanni Esposito sono i protagonisti di una serata interamente dedicata al grande Eduardo De Filippo. Quattro gli atti unici in scena, scelti e diretti dal regista Giancarlo Sepe, ed accomunati dalla presenza di personaggi che paiono usciti dai vicoli napoletani, per amare, litigare, spiarsi, rappacificarsi. Due sposi novelli, poverissimi, che fanno i conti con la propria miseria ma anche con l’essenza vera del sentimento che li unisce; un padre che cerca disperatamente marito per le due figlie ancora zitelle; un marito che spara alla moglie con una pistola caricata a salve. Ed infine, un’esilarante orchestra di personaggi malmessi e mal assortiti, pronta – prontissima! – ad incidere una memorabile interpretazione di Adduormete cu’mme. Scritti fra il 1928 e il 1938, i quattro atti unici Filosoficamente, Il Dono di Natale, La voce del padrone e Pericolosamente ci regalano un gustoso spaccato su un’umanità variegata, che fa sorridere e che commuove. Quattro atti unici di Eduardo De Filippo regia di Giancarlo Sepe con Rocco Papaleo, Giovanni Esposito, Pino Tufillaro, Elisabetta D’Acunzo, Angela De Matteo, Antonio Merfella, Giampiero Schiano, Antonio Spadaro, Simone Spirito musiche di Harmonia Team ideazione scenica e costumi Almodovar produzione Compagnia Gli Ipocriti (esposito, papaleo)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Piccoli crimini coniugali

Posted by fidest press agency su giovedì, 13 gennaio 2011

Roma Dal 18 al 30 gennaio 2011 Da Mart. a Sab. ore 21.00 – Dom. ore 19.00 Via della Penitenza, 3 (Trastevere) Teatro Stanze Segrete.  I quadri esposti in sala sono del M° Salvatore Maresca Serra Un uomo e una donna: una storia d’amore come tante. Si discute sull’amore, sulle contraddittorie verità di questo sentimento che, ai limiti, può diventare odio. Nello spazio-salotto del Teatro Stanze Segrete, Gilles e Lisa accolgono gli “ospiti” per condurli nel loro mondo, nella loro privata intimità grazie alla “reale finzione” del teatro. Una drammaturgia affascinante, discussa e discutibile che analizza con estrema precisione i caratteri dell’amore e della coppia… “Mi ami e quindi mi uccidi, no?” – “Ti amo e questo mi uccide”. http://www.stanzesegrete.it (carmine, alessia)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Les jeunes filles en fleur ad Arcore

Posted by fidest press agency su venerdì, 12 novembre 2010

Lettera al direttore. Alle volte l’amore materno arriva al punto da indurre una mamma a negare la colpa di un figlio anche davanti all’evidenza. Può darsi che ciò dipenda anche dal fatto che accusando il figlio in qualche modo la mamma ha la sensazione di incolpare se stessa, giacché spesso il cattivo comportamento dei figli è da attribuire anche all’educazione ricevuta in famiglia. Ora, non si può certo affermare che il ministro Sandro Bondi sia stato l’educatore di Silvio Berlusconi, ma è un fatto incontrovertibile, incontestabile, che nutra nei riguardi di Silvio un sentimento che rassomiglia all’amore materno. Ieri, nella trasmissione Ballarò (Rai 3), profondissimo era il suo sdegno, accompagnato da evidente dolore, quando il vicedirettore de La Repubblica ha affermato che una sera sì e una sera no il Cavaliere riceveva jeunes filles en fleur ad Arcore. Forse Giannini esagerava un po’ riguardo alle frequenze delle serate allegre, ma il ministro si affannava disperatamente ( proprio disperatamente) a ripetere: “Non è vero, non è vero, io ad Arcore ci ho lavorato e non ho visto ragazze. Non è vero, non è vero!”. Lontano dalla sua mente il pensiero che come il figli evitano di commettere marachelle in presenza della mamma, così il Cavaliere avrà evitato di ricevere signorine in sua presenza. In ogni  modo, a me, anche se non mi è mai stato tanto simpatico, ha fatto una grande tenerezza. (Elisa Merlo)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Editoriale. Quando la politica parla d’amore

Posted by fidest press agency su domenica, 31 ottobre 2010

E’ senza dubbio bello introdurre un tema così suggestivo dell’amore in un prosaico e arido campo com’è quello della politica. Ci ha pensato, manco a dirlo, il nostro presidente del Consiglio. Ma a ben leggere le notizie che ci pervengono a getto continuo dalle agenzie d’informazione e più in generale dai media e dalle stesse lettere che alcuni lettori mi inviano, mi sorge un dubbio. L’amore che intende il nostro “capo” è forse più che altro un’attrazione sessuale per dare sfogo al suo erotismo e che di solito traduciamo impropriamente con l’espressione “fare l’amore”. E a questo punto la delusione è forte. Perché si ama per interesse e non per sentimento. Perché si cerca un amore mercenario e si trasforma la donna in un oggetto di piacere. Tutto questo segna uno spartitraffico tra due figure maschili. La prima è di una persona posata, lavoro e famiglia, senza grilli per la testa e, l’altra, che “corre la cavallina” sprizzando desiderio e provocazione. Se entrambe queste figure le collochiamo in quella fascia di età degli ultra sessantenni diremmo che i primi meritano rispetto e considerazione ma gli altri, per noi che non siamo bacchettoni, li possiamo considerare fuori tempo massimo. In che senso? E’ che queste cose le possiamo accettare, anche se non le condividiamo, dai giovani. Oggi, però, che i costumi sono cambiati e la speranza di vita si è allungata dovremmo considerare che esiste una estensione dell’erotismo anche tra gli anziani. E se Berlusconi ci dice che, valutando il suo status fisico, ha “intenzione” di campare sino a 140 anni (ma senza porre limiti alla divina provvidenza) vuol dire che si sente a 74 anni come un trentenne. E un trentenne, signori, ha tutti i titoli per scaricare la sua libidine verso il gentil sesso e a ricercarlo tra le giovanissime. Noi dovremmo, invece di scandalizzarci, congratularci d’avere, come italiani, un campione di tanta prestanza fisica, un uomo che ha trovato il suo elisir di lunga vita e dovremmo essere onorati che ci consente di esserne partecipi attraverso le rivelazioni dei media. E per chi fa politica tanto di amaro in bocca: dovrà sorbirsi un Berlusconi, non solo come latin lover, ma anche come presidente del Consiglio e probabilmente della repubblica per almeno un altro ventennio: Censuit et in eam ivi sententiam. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Editoriali/Editorials | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Quando si dice l’amore

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 agosto 2010

Formia (Latina)  24 agosto alle 21 alla Corte Comunale va in scena `Quando si dice l´amore…!´, atto unico scritto, diretto e interpretato da Paolo Gatti. La commedia affronta l´argomento più complesso e colorito che esista: l´amore. Sono protagonisti della pièce sette personaggi che di questo sentimento ne sono, ciascuno a suo modo, vittime. Vivono infatti l´amore in maniera nevrotica, particolare. Una commedia brillante, una vera e propria pochade moderna che si svolge all´interno di un bar. La scena si apre su un uomo vestito da donna che attende la sua amante perversa e fissata con la fantasia sessuale di vestire il proprio uomo da femmina. Nell´attesa il povero amante incontra un pittore pazzo, un disgraziato ridotto a cercare l´amore su internet, una donna che sembra una prostituta…. Alla fine tutti i personaggi riveleranno che non sono ciò che sembrano. Interpreti della commedia: Paolo Gatti (Osvaldo), Fabrizio Caiazzo (Paolo), Gian Luca Bianchini (Giorgio, pittore), Alessandra Cosimato (Maria), Ivan Bertolami (Piero), Martina Zuccarello (Stefania), Fernando Gatta (Michele, barman). “Il tema dell´amore è sicuramente tra i più trattati e discussi da sempre; a me – sostiene l´autore Paolo Gatti – interessava coglierne gli aspetti paradossali e nevrotici dei quali oggi sono vittime parecchi persone. Specchio di una `confusione´ che rende sempre meno sottile il confine fra la pazzia e la cosiddetta normalità”. La commedia sarà replicata sabato 28 agosto alle 21.30 al Museo del Brigantaggio di Itri (Latina).

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pupazzi con rabbia e sentimento

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 aprile 2010

Pontedera (Pi) 16 aprile 2010 ore 11.00 Museo Piaggio “Giovanni Alberto Agnelli” Viale Rinaldo Piaggio, 7  La vita e l’arte di Dario Fo e Franca Rame  che si terrà alla presenza di Dario Fo e Franca Rame. Saranno presenti: Avv. Simone Millozzi, Sindaco del Comune di Pontedera  Prof. Tommaso Fanfani, Presidente della Fondazione Piaggio Un rappresentante della Regione Toscana Andrea Pieroni, Presidente della Provincia Stefano Tognarelli, Assessore alla Cultura del Comune di Pontedera Marco Abbondanza, Presidente del Festival Sete Sóis Sete Luas. Lo spettacolo di Dario Fo “Dipingere è come recitare”, ideato per la speciale occasione della mostra, avrà luogo presso il Teatro Era di Pontedera venerdì 16 aprile alle ore 21.15

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Tg1 “assolve” Mills

Posted by fidest press agency su martedì, 2 marzo 2010

A seguito delle polemiche sorte dopo le edizioni del Tg1 del 26 febbraio scorso, durante le quali è stato detto più volte che per David Mills, imputato nel processo Berlusconi-Mondadori, la Corte di cassazione ha sentenziato l’assoluzione, invece che la prescrizione di un reato compiuto e sanzionato, Antonello De Pierro è intervenuto a commentare l’episodio. “Abbiamo assistito per l’ennesima volta – afferma il presidente dell’Italia dei Diritti – a una mistificazione della notizia da parte del Tg1 diretto da Augusto Minzolini. Il sentimento che meglio esprime il mio stato d’animo attuale di fronte a una nuova mortificazione della libertà di stampa è quello del disgusto, perché non si può essere altro che disgustati davanti al sistematico impegno disinformativo da parte del telegiornale ammiraglio delle rete pubblica. È arrivato il momento di dire basta – insiste stizzito De Pierro -. Minzolini deve fare le valige e andare a casa, e mi auguro che anche l’Ordine dei giornalisti prenda dei provvedimenti in merito”. Il presidente del movimento nazionale a tutela della legalità e della giustizia difende a spada tratta il bisogno che tutti i cittadini hanno di una corretta ed equilibrata informazione, specie se proveniente da un servizio pubblico: “Il diritto ad essere informati – dice – è fondamentale per i cittadini e un giornalista asservito e genuflesso al potere politico non deve assolutamente posare le sue terga sugli scranni più alti dell’informazione pubblica. Nel caso in cui, invece, non si fosse trattato di mistificazione, ma di ignoranza giuridica, poiché cosa ben diversa è una assoluzione da una prescrizione, allora verrebbe meno il presupposto di competenza professionale, e quindi anche in questo caso l’invito a preparare le valige è l’unico praticabile”. Infine, De Pierro fa sapere che, se questo atteggiamento deprecabile del primo telegiornale nazionale e il palese assoggettamento agli ordini padronali da parte di Minzolini dovessero continuare, l’Italia dei Diritti indirà una manifestazione di protesta chiamata “No Tg1 day”.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tra amare e essere amati

Posted by fidest press agency su domenica, 18 ottobre 2009

Editoriale fidest. Un dittatore “vuole” essere amato dal popolo. Un grande uomo preferisce amare e rendere universale il suo sentimento. Ama non per sesso, per lucrare sulle debolezze umane, per ottenere manifestazioni di gratitudine, ma semplicemente per amare senza riserve, senza ritegno, con tutte le sue forze. Se io dovessi scegliere l’essere umano perché possa diventare la mia guida e quella dei miei simili  lo vorrei non per amare ma per essere amato. E’ un dono divino poiché implica sacrificio, dedizione, forte sentimento altruistico e voglia di riconoscersi sempre e comunque con il prossimo ovunque si trovi. Ma è anche l’uomo che, certamente, più degli altri è inviso perché la sua grandezza è tale da fare ombra ai tanti che svernano la loro esistenza attraverso debolezze e meschinerie di ogni genere. E se ripercorriamo il nostro passato ma senza allontanarci più di tanto, ci accorgiamo che pochi hanno saputo, assumere il carisma dell’amore, per diventare una nostra guida suprema. E quei pochi li abbiamo mandati alla gogna perché ci turba l’idea, in una società sempre più votata a sentimenti di odio o di amore servile, che possano esserci figure che ci ricordano le nostre debolezze e ci richiamano ad un valore supremo che non vogliamo evidenziare perché ci fa più comodo appagare le nostre perversioni. E’ il dramma tutto umano di chi conosce la strada maestra ma preferisce percorrere quella più accidentata e insidiosa ma che ci offre l’idea del possesso, del dominio, della sopraffazione: vita mea mors tua. E’ il modo più crudele e spietato del sentirsi vivi sulle sofferenze altrui, sulla violenza. Se le generazioni future non riusciranno a sconfiggere questo veleno che ci corrode dall’interno e suscita in noi barbarie e genocidi, e lotte tribali, e rigurgiti xenofobi, non avremo mai la possibilità di amare ma solo la sadica ambizione di voler essere amati per quello che siamo nella logica del dominus. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Editoriali/Editorials | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La povertà e la carità cambiano il senso delle loro parole

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 settembre 2009

Al povero si offre l’obolo e il buon cristiano, musulmano, buddista o quanto altro, si mette l’anima in pace: ha dato una sua sia pur minima parte del suo ad un volto che resta anonimo e sfocato che gli ha teso una mano, ha chiesto un aiuto. Ora chi chiediamo se tutto ciò che resta un rituale oramai secolare se non millenario, ha un senso o lo abbia avuto mai. Probabilmente no. Noi abbiamo operato una scelta impropria nel guidare la mano verso l’altra mano come per scaricare in qualche modo un senso di colpa che nell’intimo riconosciamo ma che in realtà neghiamo con tutte le nostre forze. Vi è in tutto ciò un rapporto incompreso, una anomalia del sistema. Sappiamo bene che non dovrebbero esservi poveri così come non dovrebbero esservi persone ricche o benestanti. E’ questa e non altra la vera anomalia della nostra società. Abbiamo cercato con tutte le nostre forze e per millenni di stabilire un primato umano che sappia distinguersi per censo e per possesso di beni oltre ogni misura facendone pagare un prezzo iniquo a coloro che sono stati respinti ai margini della società. A costoro possono spettare solo le briciole, ovvero la carità, ovvero quella liberalità che il signore si concede rispetto agli inferiori. Tutto ciò rappresenta la più brutale ed iniqua forma di violenza nei confronti del nostro prossimo e rappresenta la negazione dei valori di fede di cui tutti noi siamo i depositari. E’ tempo che si cambi registro e che la società muti il suo atteggiamento nei confronti di coloro che vivono ai suoi margini senza un tetto dove ripararsi, un lavoro per vivere con minore affanno e si esprima con una solidarietà che non sia la solita ed odiosa carità, un riconoscimento del valore della persona per ciò che è e non per quello che rappresenta. E questo cambiamento noi lo attendiamo soprattutto dalla civiltà e dalla cultura religiosa, perché è un segno tangibile di quel legame che più degli altri sa andare dritto al cuore e sa parlargli con la forza della ragione e del sentimento.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gianni Ottaviani Archeopatie II

Posted by fidest press agency su martedì, 8 settembre 2009

Roma 10 settembre 2009 ore 12.00, Complesso del Vittoriano Sala Zanardelli Ingresso Piazza Ara Coeli mostra personale di Gianni Ottaviani Archeopatie II Intervengono: Ermanno Arslan, Archeologo, Accademico dei Lincei, già Direttore del Museo Archeologico di Milano ex Sovrintendente ai Beni Artistici del Comune di Milano Valerio Rivosecchi, Docente all’Accademia di Belle Arti  di Napoli Sarà presente l’Artista La mostra “Archeopatie II”, ospitata al Complesso del Vittoriano dall’11 al 23 settembre 2009, celebra il 50° anno di attività dell’artista Gianni Ottaviani, di origini picene ma milanese di adozione. Archeopatie: una parola composta da due termini che provengono dal greco; “archeo” che vuol dire antico, ”patie” che deriva da “pathos”, che vuol dire forte sentimento; quindi il concetto è “sentimento forte dell’antico” ma, ovviamente, di un artista moderno. Nelle 66 opere esposte confluisce la seconda fase della ricerca artistica di Ottaviani, iniziata negli anni Ottanta, che fonda le sue radici – come scrive l’artista stesso – nello “scavare nella memoria, documentare, ricostruire e riappropriarsi”. La Mostra, che si avvale del Patrocinio della Regione Lazio e della Provincia di Roma, è organizzata e realizzata da Comunicare Organizzando di Alessandro Nicosia.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il partito di Grillo e la benedizione di Di Pietro

Posted by fidest press agency su martedì, 4 agosto 2009

dipietro e grilloScrive Di Pietro:”Nell’indifferenza nazionale della casta e dei suoi media, sabato nessuno si e’ accorto di un fatto molto rilevante: Beppe dal suo blog annuncia la nascita di un movimento per il prossimo autunno, che si presenterà alle elezioni regionali del 2010. Finalmente, caro Beppe, ti sei convinto di quanto ti segnalai qualche anno fa: “per cambiare il Paese bisogna metterci la faccia”, lo dico con sincerità e senza compiacimento: finalmente sei sceso nell’arena anche tu, deluso da questa classe politica al tramonto, predatrice ed incapace contro cui Italia dei Valori si scontra un giorno si e l’altro pure. Ho accolto la notizia con grande entusiasmo e nessuna preoccupazione, un sentimento, il mio, molto lontano dalle parole con cui i notabili del Pd ti hanno liquidato appena qualche settimana fa definendoti “membro di un movimento ostile”. Ora quel “movimento ostile” dietro cui si muovono qualche milione di cittadini, che in realtà, a mio avviso, costituisce una manifestazione esemplare di democrazia diretta, nata e cresciuta all’ombra della Rete, può trovare un’identità alle urne delle prossime elezioni. Mi auguro di avere nel nuovo Movimento di Liberazione Nazionale, così come lo hai definito, un valido interlocutore per l’Italia dei Valori affinché, insieme, si possa innescare il cambiamento che gli italiani aspettano da molti governi, una “rivoluzione democratica” per rinnovare il Paese mobilitando le coscienze del primo partito nazionale: quello degli sfiduciati, degli astenuti, delle schede bianche. Un benvenuto, dunque, e porte aperte al movimento con cui Italia dei Valori ha sempre condiviso larga parte delle sue battaglie, idee e programmi e con cui mi auguro si possa riuscire nell’avvincente impresa in cui ci siamo cimentati da qualche anno ormai: far soffiare un vento nuovo nella politica e nella democrazia italiana in odor di vecchio, e a dir il vero, anche di marcio.” (di pietro e grillo)

Posted in Confronti/Your opinions, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giuseppe Cucè “La mela e il serpente”

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 giugno 2009

cuceL’album d’esordio del cantautore Catanese anticipato in radio da “Farfalle”, esce il 26 giugno “La mela e il serpente” (per TRP Music) il nuovo disco di inediti dei Giuseppe Cucè.  Si tratta di un’ambiziosa ed originale proposta musicale nella quale viene affrontato il tema dell’imperfezione dell’uomo che, smarrito nella società di oggi e senza più riferimenti, ricerca affannosamente il proprio cammino. Un vero e proprio viaggio che permetterà di ritrovarsi (con il proprio io e con gli altri) giungendo alla fine del viaggio consapevoli di aver “vissuto” appieno dalla partenza alla meta. Così, Giuseppe Cucè si trova in bilico tra “la mela e il serpente”; tra il bene ed il male; tra il sentimento e la ragione; tra la rinuncia e la tentazione e si mette “a nudo” raccontandosi in “toto”. Un viaggio anche artistico che partendo dall’oriente, attraverso sonorità mediterranee, condurrà il cantautore nella sua città natale, Catania, terra di mille contraddizioni rappresentate essenzialmente dal dualismo acqua/fuoco con il quale ogni catanese deve imparare a convivere. La passione per la musica cresce negli anni e proprio nel periodo di “maturità artistica” Giuseppe Cucè decide di condividere con il pubblico i suoi pensieri, le sue incertezze, la sua passione per la vita: nasce nel giugno 2008 in uno studio di registrazione etneo insieme alla collaborazione della straordinaria cantautrice Gabriella Grasso e Riccardo Samperi, il suo primo lavoro discografico. L’album “La mela e il serpente”, è anche un bell’esempio di “caparbietà e perseveranza” che dimostra concretamente come si possa riuscire a realizzare il “sogno di una vita“ per la sola voglia di condividere con il pubblico della buona canzone d’autore. http://www.giuseppecuce.it (foto cucè)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le Ultime Lune

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 giugno 2009

Mestre (Ve) 6 giugno, ore 21 e domenica 7 giugno, ore 17 Teatro della Murata (Via Giordano Bruno n. 19) “Le Ultime Lune”, di Furio Bordon due tempi di Furio Bordon.  Interpreti: il padre Mimmo MAGNATO, la madre Luisa NETTO, la figlia Loredana MANFRE’. Regia di Mimmo MAGNATO. Scene di Chiara Pin. Luci di Stefano Zanette. Musiche di Guglielmo Galli. L’universo dell’Anziano… Se ne parla, se ne scrive, se ne discute. Le più contrastanti valutazioni godono di logicissimi argomenti pro e contro. Ma il tutto naufraga appena cade la “maschera” con la quale si vuol presumere che il “Vecchio sia come ci appare…” Privilegiando il “sentimento del contrario” – “essenza dell’umorismo”, a giudizio di Pirandello – si può rendere più ‘appetibile’ e quindi più ‘proponibile’ una pur severa indagine sul mondo della terza età? Codesti quesiti hanno motivato la regia a prediligere e poi realizzare “Le Ultime Lune” con le varie problematiche connesse, palesemente esposte dall’Autore o sottilmente sottintese.
Mimmo Magnato da cinquant’anni presente sulle scene, è fra gli interpreti più attenti del pensiero pirandelliano. Attore e regista di indiscusso valore, riesce sempre a riscuotere, ad ogni sua rappresentazione e messinscena, l’applauso entusiasta del pubblico ed il consenso unanime della critica. Torna questa volta, con l’opera in due atti del contemporaneo Furio Bordon. L’analisi sensibile e acuta, giocata sul filo dell’ironia, si avvale di una recitazione asciutta, ben sostenuta da Loredana Manfrè e Luisa Netto rispettivamente nelle parti della Figlia e della Madre, attrici di lunga esperienza, dai percorsi variegati, che da anni affiancano Magnato sul palco.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sintesi – Saudade

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 maggio 2009

saudateRoma Istituto Portoghese di Sant’Antonio  via Dei Portoghesi, 6 fino al 14/6/2009 9 artisti turchi e 7 artisti italiani Un evento a cura di Angelo Andriuolo, Giorgio Bertozzi, Ferdan Yusufi  Sedici Artisti, nove turchi e sette italiani, danno vita nella prestigiosa cornice della Galleria d¹Arte dell’Istituto Portoghese Santo Antonio di Roma alla quinta Mostra collettiva, la prima in Italia, in cui si uniscono le anime artistiche dei due grandi paesi del mediterraneo nel tentativo, riuscito , di interpretare con l’Arte quello che la parola di chi non nasce portoghese non puo’ descrivere, un sentimento che alberga in tutti i cuori lusitani ed e’ conosciuto col nome di ”saudade”. Aspettative, ansie, emozioni si sublimano in colore tela e materia, sintesi e racconto di spazi e di vite vissute.  Gli artisti:  Zeynep Akgün, Alba Amoruso, Oktay Anilanmert, M.Zahit Büyükis¸liyen, Dino Cucinelli, Gürbüz Doğan Ekşioğlu, Massimo Franchi, Pasquale -Nero- Galante, Devabil Kara, Fevzi Karakoç, Emin Koç, Laura Migotto, Claudio Orlandi, Paolo Profaizer, Murat Tolga, Sayat Uşaklıgil  Esperienze che si sono già incontrate nelle quattro precedenti Esposizioni del Gruppo Sintesi, la prima volta presso la Galleria d¹Arte del Caddebostan Kültür Merkezi, CKM – Kadıköy – Istanbul , e poi sempre in Turchia, nei saloni espositivi dell’Università Atatürk di Erzurum e ancora presso la Galleria Altamira e il Museo dell’Arte di Mersin. Sono già programmate, per 2009 e per il 2010, ulteriori attività espositive del gruppo ancora ad Istanbul ,con esposizioni in luoghi pubblici e gallerie, ad Ankara, Adana, Bursa, Eskişehir, Bratislava, Lisbona, Salerno, Roma, Rimini. (saudade)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »