Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Posts Tagged ‘servizio’

Roma apre al servizio sharing di monopattini elettrici

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 maggio 2020

Roma apre il mercato agli operatori di sharing di monopattini elettrici. A pochi giorni dalla pubblicazione del bando sono pervenute le prime manifestazioni d’interesse per l’avvio del servizio di sharing a flusso libero.Tutti gli operatori interessati dovranno rispettare standard minimi, come il limite di mezzi e le aree di attività, e regole sulla circolazione e la sosta simili a quelle già previste per le biciclette. Il progetto prevede una fase sperimentale di due anni. Gli operatori del servizio saranno tenuti inoltre a comunicare i dati in tempo reale a Roma Capitale. Il servizio sarà erogato nel rispetto degli standard minimi previsti dalle linee guida per lo sharing di monopattini elettrici, approvate dalla Giunta capitolina la scorsa settimana. “Abbiamo aperto il mercato agli operatori interessati a investire nel settore e allo stesso tempo incentiviamo forme di mobilità integrata e sostenibile. Tutti gli operatori dovranno rispettare requisiti minimi, come il limite di mezzi, le regole sulla circolazione e la comunicazione dei dati di servizio in tempo reale per un monitoraggio costante dei mezzi”, dichiara la sindaca di Roma, Virginia Raggi.Per ciascun operatore la flotta dovrà essere composta da un minimo di 750 a un massimo di 1.000 mezzi. Su tutto il territorio capitolino sarà consentito un numero massimo di 16.000 monopattini. Ciascun mezzo dovrà essere localizzato in tempo reale e gli operatori dovranno garantire anche la copertura assicurativa per l’uso dei dispositivi.“Con questa manifestazione d’interesse abbiamo promosso un nuovo modello di sharing. Di fatto Roma si candida a capofila nell’offerta di questo servizio. Abbiamo avviato anche il primo piano straordinario per realizzare nuove piste ciclabili transitorie, dove potranno circolare anche i monopattini. I primi cantieri sono già partiti giovedì in zona Eur”, spiega l’assessore alla Città in Movimento, Pietro Calabrese.“Roma si conferma città in prima linea e aperta agli operatori di sharing, anche per i monopattini. Un servizio in più per supportare il trasporto pubblico tradizionale e ridurre il traffico privato”, aggiunge il presidente della commissione Mobilità, Enrico Stefàno.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Potenziare il servizio di trasporto ricorrendo ai bus turistici

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 maggio 2020

L’applicazione delle norme sul distanziamento fisico nei mezzi pubblici ridurrà del 50%-75% i posti a disposizione degli utenti. Già in situazioni normali la capacità di soddisfare la domanda è più che problematica e con le nuove disposizioni diverrà impossibile garantire il servizio di trasporto, in particolare dei treni.Per questo motivo, abbiamo chiesto al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte e alla ministra dei Trasporti, Paola De Micheli, di integrare il servizio di trasporto con bus turistici Ecco il testo della lettera.Signor Presidente, signora Ministra, la necessità di contenere il diffondersi del virus pandemico impone che i passeggeri dei mezzi siano posti a distanza tale da evitare il contagio.L’inevitabile misura di sicurezza limita fortemente il servizio di trasporto, aggravando ulteriormente i disagi degli utenti.Si ritiene necessario, pertanto, incrementare la disponibilità dei mezzi attualmente in servizio, ricorrendo alle imprese che, fino a pochi mesi fa, hanno offerto un servizio di bus turistici. E’ appena il caso di rilevare che il comparto privato è fermo per l’emergenza sanitaria e che i lavoratori sono in cassa integrazione. Il ricorso alle imprese del settore avrebbe un duplice beneficio: aumentare, in sicurezza, la disponibilità di posti a disposizione degli utenti e recuperare al lavoro ordinario gli addetti del settore. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lombardia: “In fase 2 il servizio di trasporto pubblico deve riprendere al 100 per cento

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 aprile 2020

Qualunque ipotesi ventilata dalla Lombardia di servizi ferroviari al 60 per cento è del tutto incompatibile con le misure di distanziamento sociale che garantiscono la sicurezza dei passeggeri. Non dimentichiamo che già prima dell’emergenza coronavirus il trasporto ferroviario regionale era ampiamente insufficiente e inefficiente. Mantenere un numero di corse ridotto è sinonimo di affollamento”, così Nicola Di Marco, consigliere regionale del M5S Lombardia.
“Attendiamo un piano complessivo da Trenord con l’obiettivo di tutelare passeggeri e personale viaggiante e capace di garantire totale sicurezza dei lavoratori e trasporti efficienti. L’invito alla giunta regionale è quello di non diffondere ipotesi quotidiane, ma di fare un lavoro serio nell’interesse dei lombardi, e non dei dividenti delle aziende di trasporto”.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

TFA Sostegno: V ciclo on line per tutti, senza selezione in ingresso e gratuito per chi ha 2 anni di servizio

Posted by fidest press agency su domenica, 19 aprile 2020

Il ministero dell’istruzione e quello dell’università e ricerca hanno annunciato che il quarto ciclo TFA sostegno, attualmente in corso, terminerà con corsi e tirocinio diretto in modalità a distanza. Una decisione inevitabile vista l’emergenza sanitaria in atto. Serve, però, un provvedimento analogo anche per il quinto ciclo, che altrimenti rischia di non partire se non si potranno svolgere le selezioni, programmate per il 18 e 19 maggio. ANIEF: Si garantisca a tutti gli aventi titolo l’accesso ai corsi, da svolgersi on line anche per il V ciclo, garantendo l’accesso gratuito a tutti coloro hanno prestato servizio su sostegno senza specializzazione per almeno due anni. È l’unico modo per garantire l’avvio dei corsi, altrimenti a rischio, e per assicurare alla Scuola un numero finalmente adeguato di docenti specializzati. Marcello Pacifico (Anief): Se i ministri Azzolina e Manfredi avalleranno la nostra idea, entro un anno avremo finalmente a disposizione un numero di docenti di sostegno specializzati adeguato a garantire a tutti gli studenti disabili la presenza di un insegnante in grado di coordinare efficacemente i processi inclusivi. Il IV ciclo TFA Sostegno si concluderà on line. Lo hanno confermato in una nota congiunta del 15 aprile il ministero dell’istruzione e quello dell’università e della ricerca. Una decisione di buon senso, vista l’attuale necessità di sospendere tutte le attività didattiche e formative in presenza, sulla quale come ANIEF esprimiamo il nostro assenso. Ma non basta: serve, e a strettissimo giro, un analogo provvedimento anche per il prossimo ciclo, il quinto, che altrimenti rischia di non poter nemmeno partire. Ricordiamo, infatti, che le prove di accesso – inizialmente fissate per il 2 e 3 aprile – sono state rinviate al 18 e 19 maggio. Ma la scadenza, ormai prossima, potrebbe non essere rispettata vista l’attuale incertezza su cosa (e se) sarà possibile riaprire nelle prossime settimane. Certo è che, oggi, sembra del tutto improbabile che da qui a un mese sarà possibile organizzare prove di selezione che prevedano la partecipazione in contemporanea di migliaia di aspiranti. D’altra parte, un ulteriore rinvio rischierebbe seriamente di impedire che i corsi possano concludersi in tempo utile per le nomine dell’anno scolastico successivo.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Coronavirus: attivo servizio per le videochiamate a casa

Posted by fidest press agency su martedì, 7 aprile 2020

E’ entrato in funzione il servizio che permette di mantenere i contatti con familiari dei pazienti ricoverati in tutti i reparti di degenza covid-19 dell’ASST Papa Giovanni XXIII, comprese le terapie intensive ed il Pronto Soccorso. L’attività è garantita al momento dal lunedì al venerdì dalle 11 alle ore 15.30. Notevole la dotazione di strumentazione tecnologica a disposizione per effettuare le videochiamate a casa: già presenti nei reparti 45 dispositivi tra mini tablet e smartphone. Altri 30 andranno ad aggiungersi in settimana. E’ previsto l’arrivo di molti altri dispositivi a breve e l’elenco si aggiorna di giorno in giorno grazie alla generosità di molti soggetti. Tutti i dispositivi vengono controllati, messi in funzione e dotati di SIM e di software dal team di Antonio Fumagalli, direttore dell’ICT Information and Communications Technology, che proprio in questi giorni è impegnato tra l’altro nella messa a punto della rete informatica del presidio ospedaliero in via di ultimazione alla Fiera di Bergamo.Grazie al personale della Direzione Professioni Sanitarie e Sociali, è stato organizzato e testato nei giorni scorsi il percorso di supporto, al fine di verificarne la fattibilità e le procedure di sicurezza.Sono già 30 i pazienti ricoverati in reparti Covid-19, inclusa una terapia intensiva, ad aver usufruito del servizio.“Il servizio è stato molto gradito da parte di parenti e degenti – ha riferito Andreina Scotti, coordinatrice infermieristica di terapia intensiva -. Particolarmente emozionante il suo utilizzo da parte di due pazienti ricoverati in terapia intensiva, uno dei quali ha potuto parlare in videochiamata sia con il figlio che con la moglie”.La collaborazione tra il personale sanitario e il personale tecnico-informatico ha consentito di ottenere rapidamente i contatti telefonici delle persone di riferimento dei pazienti attingendo a quanto documentato nella cartella clinica elettronica.
Il Coordinatore Tecnico di Neurofisiopatologia Paolo Conte e tutta l’équipe di tecnici di neurofisiopatologia si occuperanno di garantire il servizio al letto del paziente applicando le necessarie misure di sicurezza per limitare il rischio di contaminazione del dispositivo e trasmissione del virus.Il servizio è stato apprezzato anche dal personale sanitario che lavora a contatto con i pazienti: favorire le relazioni affettive e i rapporti con i familiari permette di accompagnare in maniera positiva il percorso terapeutico e l’aggiornamento dei familiari stessi sulla sua evoluzione. Il servizio è attivabile dal coordinatore infermieristico o dal direttore delle strutture di degenza secondo le modalità operative indicate dalla Direzione Aziendale. E le richieste arrivate sono già molte.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Coronavirus, attivo servizio per le videochiamate a casa

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 aprile 2020

Bergamo. E’ entrato in funzione il servizio che permette di mantenere i contatti con familiari dei pazienti ricoverati in tutti i reparti di degenza covid-19 dell’ASST Papa Giovanni XXIII, comprese le terapie intensive ed il Pronto Soccorso. L’attività è garantita al momento dal lunedì al venerdì dalle 11 alle ore 15.30.Notevole la dotazione di strumentazione tecnologica a disposizione per effettuare le videochiamate a casa: già presenti nei reparti 45 dispositivi tra mini tablet e smartphone. Altri 30 andranno ad aggiungersi in settimana. E’ previsto l’arrivo di molti altri dispositivi a breve e l’elenco si aggiorna di giorno in giorno grazie alla generosità di molti soggetti. Tutti i dispositivi vengono controllati, messi in funzione e dotati di SIM e di software dal team di Antonio Fumagalli, direttore dell’ICT Information and Communications Technology, che proprio in questi giorni è impegnato tra l’altro nella messa a punto della rete informatica del presidio ospedaliero in via di ultimazione alla Fiera di Bergamo.Grazie al personale della Direzione Professioni Sanitarie e Sociali, è stato organizzato e testato nei giorni scorsi il percorso di supporto, al fine di verificarne la fattibilità e le procedure di sicurezza.Sono già 30 i pazienti ricoverati in reparti Covid-19, inclusa una terapia intensiva, ad aver usufruito del servizio.“Il servizio è stato molto gradito da parte di parenti e degenti – ha riferito Andreina Scotti, coordinatrice infermieristica di terapia intensiva -. Particolarmente emozionante il suo utilizzo da parte di due pazienti ricoverati in terapia intensiva, uno dei quali ha potuto parlare in videochiamata sia con il figlio che con la moglie”.La collaborazione tra il personale sanitario e il personale tecnico-informatico ha consentito di ottenere rapidamente i contatti telefonici delle persone di riferimento dei pazienti attingendo a quanto documentato nella cartella clinica elettronica.Il Coordinatore Tecnico di Neurofisiopatologia Paolo Conte e tutta l’équipe di tecnici di neurofisiopatologia si occuperanno di garantire il servizio al letto del paziente applicando le necessarie misure di sicurezza per limitare il rischio di contaminazione del dispositivo e trasmissione del virus.Il servizio è stato apprezzato anche dal personale sanitario che lavora a contatto con i pazienti: favorire le relazioni affettive e i rapporti con i familiari permette di accompagnare in maniera positiva il percorso terapeutico e l’aggiornamento dei familiari stessi
sulla sua evoluzione. Il servizio è attivabile dal coordinatore infermieristico o dal direttore delle strutture di degenza
secondo le modalità operative indicate dalla Direzione Aziendale. E le richieste arrivate sono già molte. “La gestione clinica delle persone assistite affette da COVID-19, come abbiamo imparato a conoscere, comporta per tutti i pazienti l’isolamento e l’impossibilità di avere contatti diretti con famigliari e persone di riferimento – si legge nella nota informativa interna del direttore sanitario Fabio Pezzoli -. Allo stesso tempo coloro che al domicilio attendono notizie sulle condizioni cliniche di quanti hanno lasciato alle cure dei professionisti sanitari, vivono con preoccupazione lunghi giorni di attesa. Ringrazio chi ci ha donato i dispositivi e tutti gli operatori del Papa Giovanni che si stanno adoperando per garantire anche questo servizio”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Docenti in servizio su sedi distanti, è l’ora della mobilità straordinaria: lo chiede l’Anief

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 marzo 2020

Con un emendamento al DL “Cura Italia” n. 18 del 17 marzo 2020, il giovane sindacato ha chiesto alla V commissione del Senato di prorogare “per l’a. s. 2020/2021 i termini per la mobilità straordinaria del personale docente di ruolo, in deroga al vincolo triennale di permanenza nella provincia”, così da permettere loro la collocazione “su tutti i posti vacanti e disponibili, anche in organico di fatto”. Ciò comporterebbe “il rientro dei docenti ‘ingabbiati’, per via dei contorti e poco trasparenti meccanismi di reclutamento operati”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Informazione adeguata e corretta al servizio dei cittadini

Posted by fidest press agency su domenica, 8 marzo 2020

“L’informazione di quotidiani e periodici costituisce uno strumento fondamentale per la conoscenza delle regole sul contenimento e il contrasto alla diffusione del Coronavirus. L’emergenza sta determinando una situazione di grave crisi per le imprese editrici e per l’intera filiera della stampa che richiede interventi urgenti”: ha dichiarato il Presidente della Federazione italiana editori giornali (Fieg), Andrea Riffeser Monti.“Alle evidenti difficoltà nelle aree maggiormente colpite si aggiunge il marcato calo degli investimenti pubblicitari per la cancellazione degli eventi (fiere, incontri, mostre, ecc.) catalizzatori di significativi volumi di pubblicità. Il tutto in un quadro di persistente e strutturale crisi delle vendite di copie e di pubblicità.” “Rivolgiamo al Governo, al Parlamento e alle Istituzioni tutte un appello per sostenere l’informazione di qualità, le edicole e la distribuzione con uno stanziamento straordinario di risorse. Sono necessarie misure:
sulla pubblicità, con il credito di imposta sul totale degli investimenti effettuati sui giornali;
sui costi delle materie prime, con un credito d’imposta sugli acquisti della carta;
sulla rete di distribuzione con un sostegno, anche finanziario, alle edicole e ai distributori per garantire l’accesso dei cittadini all’informazione e favorire la consegna dei giornali a domicilio.
Chiediamo ai Comuni, nell’ambito dell’accordo FIEG – ANCI, un impegno straordinario per sostenere le edicole, azzerando tutte le imposte locali e i canoni, almeno per tutto il 2020, ed attivando rapidamente le altre iniziative per la valorizzazione dei punti vendita dei giornali.
Abbiamo poi chiesto, nell’ambito dell’accordo di collaborazione con l’Associazione Bancaria Italiana (ABI), un confronto per individuare strumenti che facilitino l’accesso al credito e l’acquisizione di garanzie da parte di edicolanti e distributori. Infine – ha concluso Riffeser – rivolgiamo un invito per sostenere un piano straordinario di consegna dei giornali a domicilio per consentire a tutti i cittadini la possibilità di continuare a leggere e ad informarsi anche in questa situazione di difficoltà.”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Regione Umbria, la privatizzazione del servizio di trasporto pubblico è un fallimento

Posted by fidest press agency su sabato, 25 gennaio 2020

È lo stesso assessorato ai trasporti della Regione Umbria, in un formale incontro con le organizzazioni sindacali presenti nella società Busitalia – Sita Nord srl, a confermare un notevole taglio al trasporto pubblico locale, privando ancora di più i cittadini di un servizio pubblico essenziale e prospettando sempre più palesemente una minaccia ai livelli occupazionali.Dopo l’aggressione ai salari, ai carichi di lavoro, questa è l’ennesima dimostrazione del fallimento della scelta politica perseguita dall’ente Regione che ha portato alla totale privatizzazione del trasporto pubblico locale. Si è voluto consegnare nelle mani dei privati enormi risorse economiche pubbliche attraverso le quali si producono ampi profitti e ben pochi servizi; profitti che dovrebbero essere reinvestiti nei servizi per i cittadini e non per finanziare padroni e padroncini, appalti e subappalti che storicamente continuano a depredare risorse pubbliche.Ancora oggi assistiamo al solito teatrino del cane che si morde la coda: il nuovo assessore che dà la colpa alla precedente amministrazione e, stavolta addirittura il segretario generale regionale della Cgil, che palesemente entra a difesa delle vecchie forze che hanno governato la Regione fino a poco tempo fa.Fuori da questo penoso e innocuo scontro politico, sul piatto rimangono però i tre milioni in più richiesti da Busitalia per il servizio, la cancellazione di tre milioni e mezzo di km di corse, l’abbandono della ex FCU e l’innalzamento ulteriore del profitto, a discapito della mobilità pubblica che risulta essere sempre più necessaria e strategica, come dimostrato dalla impietosa classifica di Legambiente che vede i due capoluoghi regionali sempre più avvolti da un’aria irrespirabile.L’Unione Sindacale di Base ribadisce la convinzione che l’unica via per garantire i lavoratori, gli utenti e la la qualità del servizio siano gli affidamenti in house, costituendo un azienda unica regionale a totale controllo pubblico ma, indipendentemente dalla nostra assoluta contrarietà alle gare, riteniamo necessario che sia definita una legge regionale sul trasporto pubblico locale o, in alternativa, una delibera di giunta regionale che introduca una norma che preveda l’obbligo per gli enti affidatari, prima della eventuale emissione dei bandi di gara, di sottoscrivere un accordo con le organizzazioni sindacali presenti nelle varie aziende a salvaguardia dei diritti dei lavoratori (economici, normativi e sindacali) in caso di cambio del soggetto gestore e che lo stesso sia inserito, obbligatoriamente, all’interno sia dei bandi che dei capitolati, sancendo che il non rispetto di questo obbligo (applicazione dei vecchi accordi vigenti) sia causa di decadenza dall’affidamento.Il ricorso a strategie imprenditoriali diverse, che vedono lievitare i costi delle tariffe a danno dei cittadini e la messa in campo di proposte di appalti e subappalti, capaci di far lavorare personale senza contratti né tutele, sono deleterie e saranno motivo della nostra massima mobilitazione.I lavoratori autoferrotranvieri non permetteranno che sulla loro pelle e su quella dei cittadini si continui a lucrare. È indispensabile che la tutela del bene comune, dei servizi pubblici essenziali diventi una vertenza ampia di patrimonio dei cittadini e dei lavoratori tutti. By USB Lavoro Privato, settore TPL

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Servizio di ristorazione educativa e scolastica a Roma

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 gennaio 2020

Roma. “Il servizio di ristorazione educativa e scolastica risulta regolare su tutto il territorio. Ringrazio gli uffici capitolini, gli operatori e tutte le persone che si sono impegnate in questo storico cambio appalto. Abbiamo messo fine al meccanismo delle proroghe sine die, ristabilendo un virtuoso meccanismo di mercato a tutela del servizio, dei lavoratori, dei bambini e di tutti i cittadini”. Così l’assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale di Roma Capitale Veronica Mammì.“Si tratta infatti – prosegue – di una delle più complesse gare per la ristorazione scolastica in ambito comunitario, che riguarda un bacino di circa 150 mila utenti tra bambini dei nidi e alunni delle scuole. Ricordo che l’intera procedura è stata sottoposta alla vigilanza dell’Anac proprio al fine di garantire massima trasparenza”.
“Ritengo – aggiunge – quanto mai grave utilizzare isolati casi di disservizio di ieri per disseminare dichiarazioni ingiustificatamente allarmistiche sull’intero cambio appalto. Voglio rassicurare le famiglie sull’attivazione di verifiche specifiche, nell’ambito del monitoraggio già programmato su tutta la città”.“La nuova aggiudicazione del servizio di ristorazione educativa e scolastica è un traguardo fondamentale, trasparente e positivo conquistato da questa Amministrazione a tutela di tutti i cittadini e dello stesso funzionamento della nostra comunità”, conclude.

Posted in Roma/about Rome, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’intelligenza Artificiale al servizio dell’accessibilità

Posted by fidest press agency su domenica, 1 dicembre 2019

Il mondo della sanità è interessato da una trasformazione senza precedenti, che prospetta nuovi scenari socioeconomici. Si tratta di fenomeni accelerati dai progressi tecnologici che i leader del settore possono guidare per rendere il sistema sanitario sempre più efficiente e sostenibile, in particolare grazie all’uso sapiente dei dati e all’utilizzo degli algoritmi di Intelligenza Artificiale.In questo scenario Janssen Italia, la società farmaceutica del Gruppo Johnson & Johnson, da sempre attenta a cogliere le opportunità offerte dalle tecnologie digitali per metterle a disposizione degli operatori sanitari e dei pazienti, ha dato vita a una piattaforma chiamata Janssen Genia®, in grado di interagire con i farmacisti ospedalieri per fornire loro una serie di informazioni a valore aggiunto relative al proprio portafoglio di prodotti.
Attraverso comandi vocali, Janssen Genia® può fornire informazioni dettagliate relative alla tracciabilità delle consegne dei farmaci agli ospedali, gestire la richiesta di verifica di variazione di temperatura dei farmaci stessi e far conoscere in tempi rapidissimi al farmacista ospedaliero lo stato di una richiesta di rimborso.Basata su un software di Intelligenza Artificiale sviluppato dalla startup innovativa LIFEdata e accessibile attraverso dispositivi attivabili tramite comando vocale (al momento fruibile tramite Alexa di Amazon, sia via APP, sia via device Alexia stesso), Janssen Genia® è utile ai farmacisti ospedalieri che devono accedere a una notevole quantità di informazioni con la necessità di lavorare con le mani “libere”, dovendo maneggiare prodotti particolarmente delicati.Al momento Janssen Italia ha dato vita a un progetto pilota che ha già coinvolto 32 aziende ospedaliere su tutto il territorio italiano.
Janssen è impegnata nell’affrontare alcune tra le più importanti esigenze mediche insoddisfatte, in diverse aree terapeutiche fra cui oncoematologia, immunologia, neuroscienze, malattie infettive e vaccini, malattie cardiovascolari e metaboliche e ipertensione arteriosa polmonare (PAH). Mossi dal nostro impegno nei confronti dei pazienti, sviluppiamo prodotti, servizi e soluzioni innovative per la salute delle persone di tutto il mondo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Per un nuovo Servizio sanitario nazionale

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 novembre 2019

“La cura per rendere più efficiente il Servizio sanitario nazionale deve prevedere prima di tutto una terapia fatta sì di meccanismi per ottimizzare la spesa, ma ottenendo prestazioni migliori e più efficaci, con un occhio di riguardo alle persone fragili in ambito territoriale. E la ricetta è chiudere e attuare il nuovo Patto della salute, valorizzare davvero le professionalità che rendono la Sanità italiana una delle migliori del mondo grazie alla concertazione dei percorsi coi professionisti e, nel nuovo modello di Ssn, attivare vere équipe multiprofessionali sociosanitarie dove tutti devono lavorare insieme, ognuno secondo le proprie caratteristiche, ma tutti sullo stesso piano”.
Barbara Mangiacavalli, presidente della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI), la più numerosa di Italia con oltre 45mila iscritti che rappresentano nel servizio pubblico oltre il 40% del personale dipendente e nel ruolo sanitario sfiorano il 60%, traccia così il percorso di sinergia che deve essere alla base del futuro di un’assistenza davvero a misura di cittadino, intervenendo a Firenze al convegno organizzato dalla Federazione nazionale degli ordini dei medici e degli odontoiatri su “La professione medica e la sinergia con le altre professioni sanitarie”, che si svolge nella giornata di apertura del Forum Risk Management di Firenze.
Il cittadino non è più ormai solo il centro dell’attenzione e dell’assistenza, ma una parte attiva del processo di cura che deve portarlo alla salute e al benessere. “I cittadini hanno bisogno di medici e infermieri, che lavorino in un sistema che non può essere quello attuale. – ha spiegato Mangiacavalli -. Abbiamo la necessità che il sistema si ammoderni, cogliendo quelle che sono le evoluzioni delle professioni e in particolare quelle infermieristiche”.
Mangiacavalli ha ricordato anche, come testimonianza del cammino comune già intrapreso da medici e infermieri, il futuro del territorio, dove le fragilità, le cronicità e la non autosufficienza aumentano e rappresentano la prima sfida per l’assistenza. “La chiave qui – ha detto – è l’infermiere di famiglia e di comunità a fianco del medico di famiglia, nel rispetto delle specifiche autonomie, competenze e peculiarità, entrambi insieme e coordinati, per i diritti e la salute dei pazienti”.
Una figura che anche il presidente FnomCeO Filippo Anelli, organizzatore del convegno, ha definito da tempo un esempio del vero lavoro di squadra sottolineando che le micro-équipe che si creerebbero infermiere di famiglia-medico di famiglia danno “l’idea di un vero lavoro di squadra, dove i professionisti operano in sinergia, esprimendo ciascuno le proprie competenze, nel rispetto del proprio ruolo”.
“La riflessione sulla propria professione – ha concluso Mangiacavalli – la stiamo facendo tutti. Tutti ci stanno osservando: cittadini e istituzioni si aspettano da parte delle professioni un’innovazione delle politiche attraverso un percorso condiviso, per aumentare la capacità di risposta del sistema ai bisogni delle comunità. Le parole d’ordine da oggi in poi sono multi-professionalità e multidisciplinarietà “.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Unione Fiduciaria innova e migliora il servizio di “Alert informativo”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 settembre 2019

Unione Fiduciaria ha potenziato il proprio servizio di “Alert” rivolto a banche ed altri intermediari finanziari, ampliando il perimetro normativo analizzato e migliorando l’accuratezza delle informazioni fornite. Il nuovo format è pronto ad ospitare approfondimenti degli specialisti di settore e degli stessi destinatari.Il servizio, veicolato presenta una rinnovata veste grafica e raccoglie quotidianamente, in un’unica newsletter, la rassegna delle novità normative presenti sui siti ufficiali delle Autorità, nazionali ed europee, nonché le relative schede di commento.Accedere ai contenuti informativi è ora più semplice e rapido. Cliccando sul titolo della notizia si attiva il collegamento ipertestuale al documento ufficiale pubblicato dall’Autorità che lo ha emanato. Cliccando sulla voce “scheda di commento” si accede, tramite credenziali, al documento di approfondimento, rivisto nei contenuti ed aperto ad una preliminare macro-analisi di impatto.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sanità: Servizio al collasso

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 agosto 2019

“Siamo allarmati e preoccupati per la condizione in cui versa il nostro Servizio Sanitario nazionale: sottofinanziato, svuotato di personale e non più in grado di garantire un’assistenza di qualità ai cittadini. Per questo riteniamo necessario e non più rinviabile un incontro con il governo, in vista della prossima legge di Bilancio che potrebbe avviare un’inversione di tendenza auspicabile”. Queste le parole di Cgil Cisl e Uil, insieme alle categorie dei servizi pubblici, in una lettera al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al Ministro della Salute Giulia Grillo.Tanti gli aspetti da rivedere, secondo i sindacati. Per cominciare, “in questi anni la sanità ha subito processi di contenimento della spesa. Occorre non solo rifinanziare il Fondo Sanitario Nazionale, che deve assolutamente essere dimensionato ai reali fabbisogni di salute della cittadinanza, ma anche superare il blocco di spesa per le assunzioni del personale, che rappresenta una vera emergenza per il Paese” – spiegano i sindacati -. Le recenti riformulazioni (incremento del 5% calcolato sulle maggiori risorse del FSN 2018) non rispondo alla reale esigenza in corso. Tutte queste carenze, strutturali e ormai croniche, hanno determinato negli anni una crescita del ricorso al sistema privato, lo stesso che non rinnova da oltre 12 anni il contratto nazionale di lavoro, creando disparità e discriminazioni intollerabili verso coloro che si prendono cura dei cittadini”.”Il diritto alla Salute non può essere negato né parziale, la Sanità è un grande settore che garantisce diritti e cura e produce ricchezza e occupazione. Chiediamo a Conte e Grillo questo confronto durante il quale non faremo mancare un contributo di proposte operative da parte nostra, nel primario interesse di garantire la promozione della Salute come bene pubblico”, concludono Cgil, Cisl e Uil.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

4° Rapporto GIMBE sulla sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale

Posted by fidest press agency su venerdì, 31 maggio 2019

Roma, 11 giugno 2019 – Ore 10.30 – 13.30 Sala Capitolare, Chiostro del Convento di Santa Maria sopra Minervapresso il Senato della Repubblica – Piazza della Minerva 38.Il Rapporto presenta un’analisi dettagliata della spesa sanitaria pubblica e privata, oltre che della spesa sociale e fiscale, e punta il dito sui fattori che minano la sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale: dal progressivo definanziamento che sta trascinando il nostro Paese in fondo alle classifiche internazionali alle criticità per l’attuazione dei nuovi livelli essenziali di assistenza, dai miliardi di sprechi e inefficienze ai rischi di privatizzazione conseguenti all’espansione della sanità integrativa, dalla complicata governance Governo-Regioni-Aziende sanitarie che genera iniquità e diseguaglianze alle aspettative irrealistiche dei cittadini italiani.Dopo aver rivalutato la “prognosi” del SSN al 2025, il Rapporto suggerisce riforme di rottura e azioni di governance a tutti i livelli per attuare il “Piano di salvataggio del SSN”, elaborato dalla Fondazione GIMBE al fine di preservare alle future generazioni la più grande conquista sociale dei cittadini italiani: un servizio sanitario pubblico, equo e universalistico.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Alfredo De Girolamo Giorgio Nissim Una vita al servizio del bene

Posted by fidest press agency su martedì, 21 maggio 2019

Milano Mercoledì 22 maggio 2019, ore 18 via Pier Lombardo 14 Teatro Franco Parenti sala tre Alfredo De Girolamo e Giorgio Nissim: Una vita al servizio del bene. Giuntina, 2016 ne discutono PIERO NISSIM, VERA PAGGI e LEONARDO COEN. Questo libro vuole essere un piccolo omaggio all’opera di Giorgio Nissim, un ebreo impavido e generoso che negli anni della Seconda guerra mondiale e delle leggi antisemite ha salvato dalla deportazione e da morte centinaia di ebrei. Al tempo stesso, è un omaggio alla memoria delle numerose persone senza le quali Nissim non avrebbe mai potuto portare a termine la sua missione. Queste persone sono un segnale di speranza, la testimonianza che anche quando l’umanità sprofonda nell’abisso più nero vi è ancora qualcuno capace di tenere viva la luce della solidarietà e dei buoni sentimenti. Non tutte saranno ricordate, non tutte riceveranno il titolo di “Giusto tra le Nazioni”, ma a ognuna di queste persone, che abbia compiuto un gesto piccolo o grande in soccorso dei perseguitati, deve andare la nostra riconoscenza.
Piero Nissim, figlio di Giorgio, è cantante, compositore, poeta, uomo di teatro, interprete di musica Yiddish, operatore della Memoria. Vera Paggi è giornalista e conduttrice RAI, autrice di molti servizi sulla Memoria.Leonardo Coen è scrittore e giornalista di Repubblica, (ne è tra i fondatori) e del Fatto Quotidiano.
Alfredo De Girolamo è manager e pubblicista. Ha pubblicato, tra gli altri, Gino Bartali e i Giusti toscani, ETS 2014.Nel corso dell’incontro:Proiezione di Giorgio Nissim, un eroe semplice, prod. RAI, a cura di Vera Paggi. 20’Breve concerto di Piero Nissim (canti Yiddish e di Memoria) Biglietto TFP cortesia € 3,50

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Radiofrequenza: la tecnologia al servizio della bellezza

Posted by fidest press agency su lunedì, 20 maggio 2019

Nicolò ScuderiFuturo e innovazione tecnologica sono concetti quasi inscindibili tra di loro, per questo motivo pensare alla medicina estetica del futuro significa anche considerare le tecnologie in grado accompagnare medici e pazienti verso il domani. Per essere davvero ‘innovativa’ una tecnologia deve cambiare radicalmente la pratica quotidiana di una disciplina, deve ridurre al minimo l’invasività mantenendo ad alti livelli i risultati, senza per questo alterare le naturali armonie della figura. Sembrano standard irraggiungibili, eppure oggi esistono macchinari in grado di soddisfarli: si tratta di dispositivi per l’applicazione delle radiofrequenze endodermiche. “A mio avviso si tratta della più interessante novità della medicina estetica degli ultimi 10 anni – sottolinea Nicolò Scuderi, professore di chirurgia plastica e presidente della Conferenza italiana per la riparazione dei tessuti, in occasione del 40° congresso della Società italiana di medicina estetica (SIME) in corso a Roma – in quanto consente di intervenire su zone difficilmente trattabili con altre metodiche e fornisce dei risultati molto evidenti, tanto da rivaleggiare in qualche caso anche con quelli chirurgici. È inoltre sinergica con altre metodiche medico estetiche, (con i filler ad esempio) ed è estremamente duttile: variando i parametri di calore e di energia prodotti dal macchinario, si possono avere effetti diversi, che vanno da un effetto tensivo ad un effetto fibrolitico, fino ad attuare un’azione lipolitica mirata”.
La procedura consiste nell’inserimento sottocutaneo di un’agocannula e di una sonda che trasmette il calore generato dalla radiofrequenza ai tessuti. Lo specialista può selezionare la temperatura adatta all’ottenimento del risultato desiderato: con una temperatura di circa 50° C, il passaggio dell’agocannula produce la retrazione delle strutture collageniche del derma (con conseguente ‘effetto lifting’) e attiva i fibroblasti fondamentali per riparare il derma stimolando la produzione di collagene; A circa 60° C ha un effetto fibrolitico, ovvero riesce a eliminare aderenze tissutali derivanti da traumi o interventi chirurgici. Alzando ulteriormente la temperatura e arrivando intorno ai 70° C, ha un’azione lipolitica e permette di eseguire una liposcultura anche in zone ‘difficili’ come quella sotto-mentaliera, delle braccia e dell’interno cosce.
Ottimi sono poi i risultati, presentati nel corso del Congresso, dell’applicazione di questa tecnologia a livello del volto, dove è stata impiegata per contrastare il naturale cedimento dei tessuti dovuto all’età. L’estrema precisione e l’attento controllo delle aree da trattare garantiscono infatti un recupero significativo di tonicità che riesce a mantenersi nel tempo in modo soddisfacente per il paziente. “Sono risultati comprovati dalla pratica clinica – rileva Scuderi – il gruppo di pazienti da noi seguito e stato analizzato anche da un medico estetico esterno alla nostra indagine. I controlli sono stati effettuati a distanza di 3 e 6 mesi dal trattamento, e in tutti i pazienti hanno confermato la sua bontà. Erano infatti ben visibili effetti quali riduzione delle rughe, sollevamento degli zigomi e delle guance, qualità della pelle migliorata. Ma forse la conferma più importante è arrivata dall’autovalutazione dei pazienti, che in tutti i casi hanno affermato di avere una percezione di sé migliore di prima”. (by Nicolò Scuderi)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Scuola: Precari con oltre 36 mesi di servizio, basta prese in giro

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 aprile 2019

Ogni giorno un contentino, quasi un’elemosina per cercare di placare gli animi di chi continua a essere sfruttato dallo Stato, ma porta avanti le nostre scuole. Dopo la super valutazione del servizio fra i titoli, forse niente pre-selettiva e aumento della quota finale riservata di accesso alle graduatorie di merito. Per Pacifico (Anief) la soluzione è semplice: o si stabilizzano o si abilitano e si inseriscono nelle GaE all’atto dell’aggiornamento, senza tante più chiacchere, sempre che il loro servizio sia ritenuto indispensabile come lo è nei fatti. Ancora novità per i precari storici e nuove polemiche dopo le delusioni: il Miur sarebbe intenzionato a esonerarli dalla prova pre-selettiva dei futuri concorsi, aumentando, peraltro, l’attuale quota del 10%. Marcello Pacifico (Anief): sulla reiterazione gratuita delle supplenze annuali, in presenza di posti vacanti, il Miur pensa di ‘salvarsi in calcio d’angolo’ facilitando l’accesso ai concorsi che però non ha alcuna conseguenza sulle effettive immissioni in ruolo né sulle attuali supplenze. Queste disposizioni non basteranno ad evitare le procedure d’infrazione della norma comunitaria e di contenzioso nei tribunali del lavoro per le misure risarcitorie da applicare a decine di migliaia di precari vessati e mai assunti a tempo indeterminato. Descrivendo gli esiti dell’incontro svolto al ministero dell’Istruzione tra il ministro Marco Bussetti, il sottosegretario Salvatore Giuliano e i parlamentari di Lega e M5S delle Commissioni VII di Camera e Senato, l’amministrazione ha spiegato che sulle procedure selettive per assegnare “70.000 cattedre nei vari ordini di scuola che si sommano a quelli già avviati in questi mesi” è “previsto un nuovo incontro per mettere a punto ulteriori misure sul reclutamento, in particolare l’eliminazione della prova preselettiva e l’aumento della quota di riserva per i docenti di III fascia che avranno maturato più di 36 mesi di servizio alla data del prossimo concorso per la scuola secondaria”. La rivista specializzata Orizzonte Scuola ricorda quali sono le misure finora previste per partecipare al concorso: no 24 CFU nelle discipline antro-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche; riserva 10% posti (ed è su questo che si vuole intervenire); supervalutazione del servizio, ai titoli verrà attribuito un punteggio pari al 40% di quello complessivo (comprensivo dunque degli esiti delle prove). Tra i titoli, inoltre, il 50% del punteggio va attribuito al servizio prestato presso le scuole del sistema nazionale di istruzione. Sia la riserva dei posti che l’esenzione dai 24 CFU sono previsti “in prima applicazione”, ossia per il primo dei concorsi indetti sulla base del Decreto Legislativo n. 59/2017 come modificato dalla Legge di Bilancio 2019. Infine, si ricorda che tutti gli altri partecipanti al concorso (abilitati, laureati con 24 CFU, ITP, specializzati su sostegno) dovranno svolgere la prova preselettiva, computer based, qualora a livello regionale e per ciascuna procedura il numero dei candidati sia superiore a tre volte il numero dei posti messi a concorso.
“L’esclusione dei docenti della secondaria dai test preselettivi e il possibile incremento della percentuale di posti riservati – dice Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – rappresenta un timido segnale di avvicinamento del reclutamento italiano al diritto comunitario. Per una completa applicazione della clausola 5 della Direttiva 70/99 UE, infatti sono di ben altro spessore le disposizioni normative che attendiamo. Non pensiamo che la Commissione Europea, chiamata se vi sono i presupposti per comminare all’Italia una sanzione, possa giudicare esauriente le piccole aperture del Miur sull’accesso ai concorsi”. “Anche perché – continua il sindacalista autonomo –, mentre il numero di supplenti annuali ha superato quota 120 mila, questi docenti dovranno comunque subire l’ennesima valutazione su abilità e competenze, mentre da Bruxelles l’indicazione è quella dell’immissione in ruolo automatica. La quale può tranquillamente attuarsi con l’inserimento dei docenti abilitati nelle GaE, dove chi ha maggiore servizio, quindi tutti quelli con oltre 36 mesi, verrà collocato nelle posizioni più favorevoli per essere assunto. Ecco perché Anief conferma l’adesione allo sciopero generale del 17 maggio prossimo e la presenza in piazza, durante il quale si contesterà anche il processo in atto di approvazione della regionalizzazione, del comparto scolastico, e la mancanza di risorse utili al rinnovo del contratto di categoria, scaduto già da quasi quattro mesi”, conclude Pacifico. Il giovane sindacato rammenta come la Corte di Giustizia Europea, attraverso la decima Sezione Corte, pochi mesi fa ha emesso la sentenza C-331/17 Sciotto, che richiamando “la clausola 5 dell’accordo quadro sul lavoro a tempo determinato, concluso il 18 marzo 1999, che figura in allegato alla direttiva 1999/70/CE del Consiglio, del 28 giugno 1999, relativa all’accordo quadro CES, UNICE e CEEP sul lavoro a tempo determinato”, ha ribadito che gli stati membri non possano osteggiare tale indicazione e nemmeno discriminare determinate categorie di dipendenti. Anief conferma le preadesioni all’impugnazione gratuita del personale di ruolo interessato ad ottenere dalle due alle dodici mensilità di risarcimento in caso di pronuncia conforme della Corte di giustizia e di superamento delle sentenze della Corte suprema italiana: per aderire basta andare sul Portale Anief. Parallelamente, il giovane sindacato continua la sua battaglia giudiziaria per l’immissione in ruolo e il risarcimento danni per chi ha svolto almeno 36 mesi di supplenze su posto vacante e disponibile, per chi è ancora precario: anche in questo caso, gli interessati possono consultare la sezione apposita del portale Anief. “Il ministro Bussetti deve fare una cosa semplice per risolvere il problema dei precari storici: bandire nuovi corsi aperti abilitanti e riaprire le graduatorie ad esaurimento annualmente a tutto il personale abilitato”, conclude Pacifico. Poi se riuscisse veramente a convincere il Mef ad adeguare l’organico di fatto a quello di diritto, incluso su posti di sostegno, potrebbe, persino, attuare una piano straordinario di stabilizzazione di tutti i precari.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I professionisti della salute fanno rete per difendere il Servizio sanitario nazionale

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 gennaio 2019

Medici, odontoiatri, infermieri, farmacisti, medici veterinari, ostetriche, tecnici di radiologia, professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione, della prevenzione e psicologi hanno stretto un’alleanza per lavorare in modo condiviso.In totale, un milione e mezzo di professionisti della sanità che, tramite i loro Ordini professionali, offriranno, tutti insieme, alle istituzioni e alla Politica le loro competenze sulle tematiche che coinvolgono la salute dei cittadini. A 40 anni dalla nascita del Servizio sanitario nazionale l’obiettivo è quello che chi fa la sanità possa essere propositivo per realizzare la massima armonizzazione delle situazioni esistenti, che significa garantire a tutti i cittadini italiani un equo e uniforme accesso alle migliori cure possibili. È quanto è stato deciso ieri a Roma, presso la sede della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, in una riunione congiunta dei presidenti e rappresentanti delle rispettive Federazioni. Due gli obiettivi: aprire una riflessione sui temi caldi della sanità, dalla spesa al regionalismo differenziato e costruire insieme un rapporto continuativo di confronto costruttivo e di proposte condivise. “Quando si parla di salute, noi siamo i professionisti dell’assistenza – è stato detto -. Siamo i portatori di un bagaglio enorme di competenze, che possono essere spese anche sul versante organizzativo e di una rinnovata governance che garantisca la sostenibilità del SSN”. “Oggi tutto avviene senza interpellare chi, ogni giorno, produce la salute e vive la sanità – si è osservato ancora -. Questo non è giusto nei confronti dei professionisti, e lo è ancor meno nei confronti dei cittadini. Ora vogliamo fare rete, per mettere le nostre competenze a disposizione di tutti e per trovare, insieme, soluzioni alle diseguaglianze che affliggono il nostro Servizio Sanitario Nazionale non solo tra una Regione e l’altra ma anche tra aree differenti all’interno delle Regioni stesse”. Uno dei momenti culminanti del percorso avviato oggi sarà il 23 febbraio prossimo a Roma, quando tutte le professioni sanitarie, riunite in un Consiglio nazionale congiunto, produrranno una Mozione a sostegno del Servizio Sanitario Nazionale da consegnare a Governo, Regioni e Parlamento per fare sentire la loro voce nella gestione della Sanità.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

XVII Rassegna “Cinema di servizio pubblico”

Posted by fidest press agency su martedì, 23 ottobre 2018

Roma Venerdì 26 ottobre 2018 – ore 19:00 Sala Anna Magnani Palazzo Farnese, Ambasciata di Francia in ltalia Piazza Farnese, 67 proiezione dell’anteprima del film TV di France 2
PHILHARMONIA (episodio 1e 2) di Marine Gacem e Laura Piani Regista: Louis Choquette (versione originale con sottotitoli in inglese). Hélène Barizet è una musicista prodigiosa che è diventato un direttore d’orchestra. Nominata capo della Philharmonia contro il consiglio di dirigenti e musicisti, è la prima donna a dirigere un’orchestra permanente.
La sua audacia e condotta alimentano il risentimento tanto quanto costringono all’ammirazione. Il Maestro ha una stagione per fare il suo posto e salvare l’orchestra. Può contare su Selena Rivière, una giovane violinista virtuosa che l’aiuta. Hélène ha chiamato il suo primo violino, determinato a trasmettere la sua passione e il suo genio musicale. Ma come trasmettere quando tutto ciò che vogliamo è rompere col passato?
PHILHARMONIA è un tuffo leggero intorno alla musica classica che ci immerge nel cuore delle passioni artistiche e amorose, dei sogni e degli ego sublimati dalla musica. Ma anche una serie in cui la follia e la morte vagano, dando alla storia la dimensione del thriller psicologico. Con Marie-Sophie Ferdane (Helena Barizet), Lina El Arabi (Selena River), François Vincentelli (Yvan Borowski), Laurent Bateau (Leopold Saint-Just), Jacques Weber (Giovanni Barizet), Tomer Sisley (Rafael Crozes), Charlie Bruneau (Agatha Robinson), Guillaume Dolmans (Peter Faulkner), Tom Novembre (Vladimir Gregoriu) Véronique Jannot (Martine Badiou) Audran Cattin (Matteo Borowski)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »