Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘setaccio’

Caso Ruby e il capo della polizia

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 gennaio 2011

Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia dichiara: “Apprendiamo dalla stampa che alla ‘…riunione degli avvocati deputati del Pdl di martedì..’ scorso, qualcuno si sarebbe chiesto ‘dov’era il capo del Dipartimento quando la vita del Premier è stata passata al setaccio?’, inalberandosi poi con ‘….complimenti alla nostra politica di confermare i vertici della Polizia nominati dal centrosinistra…’Apprendiamo inoltre che dal Dipartimento si sarebbero poi sentiti in dovere di fornire spiegazioni e di precisare che Manganelli non era al corrente dell’inchiesta in corso”.  “Ovviamente dobbiamo pensare che sia uno scherzo, che queste affermazioni siano il copione di un film dell’assurdo e non siano state pronunciate sul serio. Che alcuni deputati si sarebbero aspettati che il Capo della Polizia avvertisse Berlusconi di un’indagine in corso a suo carico non è certamente possibile, perché anche un bambino sa che rivelare l’esistenza di un’inchiesta oltretutto a chi ne è oggetto è reato, figuriamoci dei deputati e pure avvocati! Che poi dall’Ufficio del Capo della Polizia abbiano sentito il bisogno di giustificarsi è ancor meno possibile, perché chi guida il Dipartimento sa perfettamente che la Polizia giudiziaria è al servizio dell’Autorità giudiziaria e non certamente del politico di turno”.
“Inutile dire – continua Maccari – che se tutto questo corrispondesse al vero troverebbe da parte nostra un’implacabile condanna, e non certamente alcun tentativo di giustificazione o di difesa come nell’articolo in questione sembra volersi far credere. Il fatto che i Sindacati non siano intervenuti sul caso Ruby, infatti, non è dovuto certamente all’intento di non peggiorare la situazione di Manganelli che sarebbe già oggetto dell’ira di Berlusconi, ma al semplice fatto che lo squallore al quale il Presidente del Consiglio ci ha ancora una volta costretti ad assistere si commenta da sé”. “A pensarci bene, comunque – aggiunge il Segretario del Coisp -, non è forse troppo irreale che alcuni parlamentari abbiano potuto fare quelle affermazioni. Ciò considerato che fin troppe volte abbiamo dovuto prendere atto della concezione dittatoriale del sistema paese che guida questo Governo e questa maggioranza, giorno per giorno subiamo il trattamento disastroso riservato a noi Appartenenti al Comparto sicurezza, e possiamo anche godere di splendide ed edificanti ‘chicche’ come l’ironia del ministro Larussa che ha pubblicamente ironizzato sulle gravi carenze che ci assillano dal momento che le signorine-ine ospiti a casa di Berlusconi le divise le avevano eccome! Bene signor ministro – e di fronte ad un’affermazione di così basso profilo la ‘m’ minuscola è d’obbligo -, prendiamo allora atto che in effetti le tante carenze da noi denunciate sono una bufala: in fondo le risorse per la Polizia ci sono e ora sappiamo anche dove stanno… ad Arcore!”. “Oggi – conclude amaro Maccari -, di fronte all’ennesima offesa della dignità di un Paese civile, possiamo solo commentare che se l’Italia è ridotta ad uno Stato in cui un gruppo di deputati si comporta come una setta delirante che considera il Capo della Polizia un servo, al punto da aspettarsi che calpesti la legge per sottostare al volere del Presidente del Consiglio, allora è consigliabile espatriare subito e scappare nella Tunisia di queste ultime ore, che è certamente più democratica”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La disinformazione viaggia sui social network

Posted by fidest press agency su sabato, 10 aprile 2010

I “social network” come Facebook e Twitter sono senza dubbio strumenti fenomenali di aggregazione a distanza. Ma in quanto a informazione sui temi della salute risultano assai meno affidabili. Anzi, sarebbero veicoli di vera e propria disinformazione. L’accusa arriva da uno studio della Columbia University, pubblicato sull’American Journal of Infection Control: i ricercatori hanno passato al setaccio i messaggi contenenti la parola antibiotici e “affissi” su Twitter tra il marzo e il luglio del 2009; sono stati reperiti 52.153 testi, tra i quali è stata individuata una massiccia presenza di errori. In 345 “tweets”, per esempio, la parola “antibiotici” era associata a “influenza”, in altri 302 compariva invece la parola “raffreddore”. A preoccupare è soprattutto l’effetto “passaparola”: i due gruppi di messaggi appena citati erano stati letti e ripresi da più di un milione di “followers”. Nonostante i risultati, gli autori della ricerca sconsigliano ritorsioni nei confronti dei social network: «Al contrario» è il parere di Daniel Scanfeld, coordinatore del gruppo di studio «gli operatori sanitari dovrebbero familiarizzare con questi strumenti perché sono un formidabile mezzo di informazione sanitaria. Inoltre si potrebbero usare i social network per raccogliere valori diagnostici e dati epidemiologici, oppure identificare abusi o equivoci sui farmaci». (fonte doctor news)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuova giunta provincia Torino

Posted by fidest press agency su domenica, 28 giugno 2009

Deleghe ridotte nel numero nel rispetto di quanto previsto dalla legge, ma soprattutto assessori più vicini alle esigenze degli utenti, in particolare nel mondo della scuola per confrontarsi direttamente con studenti e professori, e nel mondo del trasporto pubblico per istituire un dialogo diretto con i pendolari e i cittadini che si spostano con mezzi pubblici. Saitta cerca ad esempio un assessore pronto a sopralluoghi giornalieri all’interno di tutto il patrimonio dell’Ente, soprattutto nelle scuole superiori, le cui esigenze dovranno essere passate al setaccio per cinque anni con continuità. Così come è alla ricerca di un assessore disponibile a viaggiare con i pendolari su tutti i mezzi pubblici del territorio provinciale, per visionare direttamente le problematiche e studiare politiche di mobilità sostenibile adatte alle esigenze. Queste alcune delle novità introdotte dal presidente della Provincia Antonio Saitta che sta in queste ore presentando alle delegazione dei partiti della sua coalizione la rimodulazione delle deleghe: confermato l’accorpamento di lavoro e formazione professionale, l’accorpamento di cultura e turismo, di bilancio e personale, di un unico assessorato all’ambiente. Saitta terrà per sé la delega all’organizzazione interna della Provincia, alle grandi infrastrutture (Tav, corso Marche, tangenziale est) e alla protezione civile: “vorrei che l’attenzione dedicata finora ai piccoli Comuni e ai sindaci, nei  prossimi cinque anni si trasformasse anche in ascolto diretto dei cittadini che usufruiscono dei nostri servizi, dalla viabilità all’edilizia scolastica, dall’ambiente ai trasporti, dai centri per l’impiego alla formazione professionale”

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »