Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘settore manifatturiero’

Il settore manifatturiero ottimista sulla trasformazione digitale

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 Mag 2018

Il settore manifatturiero italiano ha registrato un buon inizio del 2018, rilevando la crescita maggiore della produzione da inizio 2011 e uno degli aumenti maggiori dei nuovi ordini degli ultimi 18 anni, secondo gli ultimi dati riportati da Markit Economics.Riflettendo questa recente ripresa, la ricerca commissionata da Interoute, l’operatore proprietario di una piattaforma di servizi cloud globale, evidenzia infatti che il 68 per cento delle aziende del settore industria e ingegneria nutre fiducia verso questo driver di cambiamento. Questo dato è più elevato rispetto a quelli riscontrati in ogni altro settore, e superiore alla media europea, che è, invece, pari al 61 per cento.L’obiettivo principale delle aziende del settore manifatturiero, se si parla di digital transformation, è migliorare l’esperienza del cliente. Circa la metà (49 per cento) di queste realtà, infatti, segnala come priorità la customer experience, nel quadro dei programmi inerenti questa trasformazione. Il manifatturiero e il settore ingegneristico hanno dato maggiore peso a questo aspetto rispetto alle aziende di altri settori, come ad esempio quello legale (32 per cento), oppure turismo e trasporti (38 per cento). Queste aziende hanno sempre più necessità di una dorsale digitale che offra loro una connettività e una rete adatte al supporto di una collaborazione più intensa nel contesto della supply chain, e che consenta di fornire una esperienza di acquisto più piacevole ai propri clienti.
I risultati di questa ricerca sono estratti dal report The challenges facing European IT decision-makers engaged in digital business transformation, che analizza i fattori alla base dei processi decisionali in ambito IT, e i metodi utilizzati dai professionisti IT senior per prepararsi ai cambiamenti.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Produzione industriale nel Veneto

Posted by fidest press agency su sabato, 9 Mag 2009

Nel primo trimestre 2009, sulla base dell’indagine Veneto Congiuntura, la produzione industriale ha registrato una nuova flessione del -16,5 per cento rispetto al primo trimestre 2008, confermando il difficile momento della congiuntura economica del settore manifatturiero veneto. Nel confronto con il trimestre precedente il livello produttivo ha evidenziato una diminuzione del 12,2 per cento. L’analisi congiunturale del primo trimestre 2009 sull’industria manifatturiera di Unioncamere del Veneto con la collaborazione della Confartigianato del Veneto, è stata effettuata su un campione di 1.908 imprese con almeno 2 addetti. Veneto. Andamento della produzione industriale (var.% su trimestre anno precedente). I trim. 2006 – I trim. 2009  La flessione in Veneto risulta tuttavia meno marcata rispetto a quella registrata nel resto del Paese e in Europa. Nel primo bimestre 2009 l’indice della produzione industriale in Italia ha accusato un -19,2 per cento mentre nell’Eurozona la contrazione è stata pari a -17,3 per cento.  La contrazione della produzione è confermata anche dall’indicatore del grado di utilizzo degli impianti, sceso dal 71,9 al 63,6 per cento, il valore più basso registrato negli ultimi 30 anni. Sotto il profilo dimensionale, nel periodo gennaio – marzo 2009 il calo della produzione industriale ha interessato principalmente le grandi imprese (250 addetti e più), dove le perdite sono state inferiori al -20 per cento (-20,9%). Le medie imprese (50-249 addetti) hanno segnato un -16,2 per cento, seguono le piccole imprese (10-49 addetti) con un -15,8 per cento e le microimprese con un -15 per cento. Analizzando l’andamento della produzione nelle imprese che a fine marzo 2009 segnalavano lavoratori in Cassa Integrazione (CIG) emerge che i livelli produttivi si sono ridotti di circa il 30 per cento.  Sotto il profilo settoriale, l’indice della produzione industriale ha segnato, nel confronto con lo stesso trimestre del 2008, variazioni negative per quasi tutti i settori d’attività, ad eccezione dell’alimentare, che ha registrato un incremento del +7,1 per cento. Le diminuzioni tendenziali più marcate hanno riguardato il comparto dei metalli e prodotti in metallo (-25,8%), delle macchine utensili (-23,6%), delle macchine elettriche ed elettroniche (-21,1%), del legno e del mobile (-20,7%) e delle altre imprese manifatturiere (dove prevale il settore orafo) (-20,6%). In linea con la media regionale le performance del tessile-abbigliamento-calzature (-16,5%) e della gomma e plastica (-16,2%). Dinamiche meno accentuate per l’industria del marmo, vetro, ceramica e altri minerali non metalliferi (-6,7%) e per l’industria della carta, stampa ed editoria (-3,5%).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ceccuzzi (Pd): “Una politica industriale più robusta”

Posted by fidest press agency su martedì, 31 marzo 2009

“Occorre una politica industriale più robusta per far fronte alla crisi e tamponare le falle che ogni giorno si aprono nel settore manifatturiero”. Lo ha affermato il deputato del Partito democratico, Franco Ceccuzzi intervenendo oggi, lunedì 30 marzo nell’Aula di Montecitorio in occasione della discussione sul decreto sulle misure urgenti a sostegno dei settori industriali in crisi.“Il decreto – ha continuato Ceccuzzi – presenta anche alcune norme condivisibili, ma tardive rispetto all’esigenza di fare presto, con carenze sul rilancio strutturale del made in Italy e sul sostegno ai lavoratori e alle famiglie in gravi difficoltà. Grazie all’iniziativa del Pd, al contributo decisivo di Walter Veltroni e alla sensibilità del ministro Claudio Scajola sono stati inseriti nel provvedimento gli incentivi per l’industria della camperistica, che vede l’80 per cento della produzione concentrata tra le province di Siena e Firenze. Rimane purtroppo esclusa, salvo le norme che interessano i pneumatici, sottoposte ad autorizzazioni comunitarie, tutta la filiera della componentistica che interessa molte aziende delle province di Livorno, Pisa e Massa”.“L’atteggiamento costruttivo del Pd – ha aggiunto Ceccuzzi – ha, comunque, posto le condizioni anche per ottenere l’intervento sul consolidamento del debito delle imprese nei confronti del sistema bancario italiano, ristrutturando il debito da breve a medio e lungo termine. Il decreto è anche migliorato con le misure di sostegno ai distretti della concia, del tessile e del calzaturiero, grazie ai 10 milioni di euro del Fondo di garanzia delle piccole e medie imprese. Continuiamo a chiedere spiegazioni al governo e alla maggioranza su perché sono state escluse migliaia di imprese del tessile, della pelletteria, del cuoio e delle calzature dagli incentivi fiscali, come la deducibilità degli interessi passivi dall’Ires o dall’esclusione temporanea dagli accertamenti condotti a mezzo di studi di settore. Ripresenteremo questi emendamenti in Aula”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »