Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Posts Tagged ‘sfumature’

Teatro: Principesse e Sfumature

Posted by fidest press agency su martedì, 22 novembre 2016

principesse-e-sfumatureRoma Dall’8 all’11 dicembre 2016 Dal giovedì al sabato ore 21.00, domenica ore 17.30 Teatro Trastevere Via Jacopa de’ Settesoli, 3 Principesse e Sfumature Di e con Chiara Becchimanzi “Simpatica, tagliente, acuta”, “Puro divertimento teatrale”, “Imperdibile” Vincitore Comedy Roma Fringe Festival 2016. Un pezzo esilarante e intelligente, per ridere (e forse piangere) in maniera mai banale sulla sessualità raccontata da una donna alle stesse donne e agli uomini, posti davanti a una “tragica verità” su cui riflettere…di cuore, come di cuore e sincero è questo spettacolo che in scena al Roma Fringe Festival ha conquistato stampa e critici, insieme a pubblico di ogni età, gusti sessuali, orientamento. Una donna sull’orlo della crisi dei 30 anni, una indefinita psicoterapeuta dalla voce suadente, e molte domande: perché le donne di oggi devono essere per forza “tutto”? Cosa vuol dire sottomissione femminile in un contesto in cui una patacca editoriale come “50 sfumature di grigio” vende lo stesso numero di copie di “Don Chisciotte”? Cosa vogliamo, a letto, da un uomo? Perché non sempre riusciamo a chiederlo? Quali sono i nostri modelli estetici, e soprattutto emotivi? Perché spesso siamo portate ad accontentarci, a sacrificarci? La prima volta. Le relazioni. Sentirsi belle. Sesso. Sesso da soli, sesso insieme, sesso raccontato, sesso immaginato. Gli uomini. Le principesse e le spade. Principesse e Sfumature si interroga sulla femminilità, sulle relazioni, sulle idiosincrasie della sensualità/sessualità. Un ragionamento sincero e sentito, in grande rapporto col pubblico, senza mai prendersi troppo sul serio. “Nascere nell’85 vuol dire avere circa 30 in questa nostra malandata epoca” racconta l’autrice e attrice Chiara Becchimanzi. “E avere 30 anni adesso vuol dire far parte della generazione dell’incertezza. Lavorativa. Logistica. Sentimentale. Scrivo “Principesse e sfumature” perché sono veramente in terapia. Perché veramente ho incontrato uomini di tutti i tipi. E soprattutto, perché le colte, brillanti, infaticabili trentenni multitasking della nostra epoca odiano le principesse…ma vorrebbero esserlo. Anche se non lo ammetterebbero mai. E questo attrito tra ciò che siamo consapevolmente diventate e ciò che il bombardamento culturale subito nell’infanzia ci induce a voler essere genera situazioni esilaranti, incomprensioni irresistibili, disavventure immediatamente riconoscibili.” Perché di riflettere c’è bisogno, ma se si riflette ridendo si riflette meglio. (foto: principesse e sfumature)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Les voiles de Saint Tropez

Posted by fidest press agency su sabato, 25 settembre 2010

Ramatuelle (France) dal 25 settembre al 3 ottobre La Réserve Ramatuelle – Hotel, Spa and Villas Chemin de la Quessine, ‘Les Voiles de Saint-Tropez’, uno degli avvenimenti più importanti della zona.  Il leitmotiv di questa manifestazione è rimasto lo stesso di un tempo: etica nella competizione, sana sportività e convivialità. A far da scenografia allo spettacolo, oltre alla maestosità e all’eleganza delle vele, ci saranno tutte le più belle sfumature paesaggistiche della Costa Azzurra. Un evento occasione, dunque, per rigenerarsi nel dolce clima di inizio autunno. La location per eccellenza non può che essere ‘La Réserve Ramatuelle’ dove, in completa sintonia con la natura, l’ospite potrà ritrovare armonia e equilibrio interiore. http://www.lareserve.ch

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tutti i gatti parlano di giovedì

Posted by fidest press agency su sabato, 11 settembre 2010

Libro vincitore del concorso letterario favolando  “Hai abbastanza coraggio per affrontare questo viaggio? Perché coraggio? Ma perché in questo libricino potrai scoprire quanto buffa e interessante è ogni cosa che ti circonda, quanti mondi magici e sconosciuti si nascondono in cose apparentemente quotidiane e insignificanti alle quali non fai neppure caso. Scoprirai in quale spettacolo da lasciare senza parole e perfino senza fiato o in quale avventura emozionante e travolgente può trasformarsi ogni tua azione più o meno solita e abitudinaria. Imparerai a riconoscere le mille sfumature che formano e trasformano i colori in cui sei immerso e quanto incredibili sono tutte le forme di vita attorno a te.   Ma soprattutto ti accorgerai di essere dotato di uno straordinario potere, tanto straordinario da far impallidire qualsiasi supereroe: la tua fantasia.    Allora, sei pronto? “ Ogni libro è un viaggio, un’occasione in più per crescere: un’occasione da non perdere. Tutti i gatti parlano di giovedì, Collana Stelle filanti di AlbusEdizioni Pagg. 84;  € 8,50; Codice ISBN: 978-88-96099-34-6 (tutti i gatti)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il culto della personalità

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 luglio 2009

In questi giorni, sia pure sotto l’ombrellone o al fresco della mattinate in alta montagna, dove milioni di italiani e di stranieri hanno scelto il loro periodo di vacanze e altri si propongono di farlo, probabilmente, più numerosi alternandosi ai primi, si sta materializzando un evento politico in casa Pd (partito democratico) che pur non suscitando grandi entusiasmi, e oseremmo dire nemmeno tra gli addetti ai lavori, è destinato a coinvolgerci come elettori, per lo meno. Mi riferisco alla campagna per la segreteria del partito tra Franceschini e Bersani. L’uno incarna l’anima della vecchia Dc e, l’altro, quello del Pci. Due campioni che tra i tanti luoghi comuni potremmo scegliere per definirli, quelli della destra e della sinistra del centro sinistra. In effetti sono ricchi di sfumature non certo risalenti al loro supposto o reale richiamo ideologico quanto a un genere di definizione più casareccia: il vecchio e il nuovo modo di fare politica, la generazione dei nuovi e dei vecchi, il pragmatismo dell’uno e il fare burocratico dell’altro, ecc. Sono tutte cose che più di suscitare interesse motivano la noia. Se questa riflessione ha ragione d’essere dobbiamo convenire che questo partito e questi uomini ci dicono davvero poco a fronte di una contesa che ha toni ben più alti e diversi. Si tratta di capire se esiste una alternativa al centro destra oppure no. E Bersani e Franceschini, con la scia dei loro luogotenenti non ci incoraggiano, di certo, a ben sperare. Se la politica è, nella logica dei tempi, il collante che permette a una società di vivere la sua esperienza contemperando le diverse anime e interessi e classi sociali per un bene che possa attraversarli tutti si fonda nella necessità di far loro intendere che esiste un valore che prevale su tutti: la solidarietà e la difesa dei più deboli. E francamente, di là delle dichiarazioni di circostanza, oggi su tutto l’arco dei partiti, grandi e piccoli che siano, si è ben lontani dall’incarnare questa identità paritaria tra le diverse realtà in cui ci riconosciamo. Questo segno del tempo ci offre, probabilmente, la prima riflessione sul non voto degli italiani e più in generale degli europei e di altri ancora. Avendo già toccato e raschiato il fondo come potremmo oggi azzardare una nota ottimistica sul nostro futuro? Ma la speranza, si dice, è l’ultima a morire. Forse per questo il 60% degli italiani continua votare, forse per questo… video meliora proboque deteriora sequor (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’invisibile malinconia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 Mag 2009

malinconia1malinconia2malinconia-3Milano 12 maggio 2009 Via Biancospini, 2  apre presso lo spazio Entroterra collettiva “L’Invisibile malinconia . “Il pomeriggio è troppo lungo e azzurro” con Antonio Biancalani, Ernesto Achilli, Josh George, Salvador Montò, Marco Manzella, Lani Irwin, Salvatore Santoddì, Paulette Taecke, Cristina Iotti, Mathieu Weemaels  Le opere esposte variano molto per i soggetti ripresentati – scene agresti e metropolitane, figure umane, fabbriche o paesaggi simbolici- ma l’ambiente della mostra ci trasporta seguendo le sfumature più spente o più accese sempre in questa interpretazione del colore.  Lani Irwin, nata nel 1947 negli Stati Uniti, ha frequentato l’università sia negli U.S.A. (Washington DC) che in Europa (Grenoble e Monaco di B.). Mathieu Weemaels è nato a Bruxelles nel 1967 dove ha studiato. Dopo aver cominciando con il fumetto è passato ben presto al disegno studiando a La Cambre a Bruxelles. Josh George, nato nel 1973 a Kansas City, dopo aver frequentato il Kansas City Art Institute e gli studi accademici presso l’università del Missouri si è trasferito a Brooklyn. Utilizza una sua particolarissima tecnica mista usando carta, stoffe incollate, olio ed acrilici.   Salvador Montó nasce a Valencia nel 1963. Realizza le sue prime esposizioni in sale municipali ed imprese come Caixa Tarragona, ma è nel 1992 quando la sua carriera ha una svolta con la Medaglia d’ Argento al Premio Nazionale di pittura di Salamanca, e da quel momento decide di dedicarsi professionalmente alla pittura. Lo stesso anno espone per la prima volta in una personale alla galleria Alfama di Madrid dove i Duchi di Alba acquistano una delle sue opere.  Paulette Taecke, nata nel 1952 in Belgio, ha iniziato la sua carriera artistica seguendo lezioni di pittura,storia dell’arte e frequentando il mondo artistico belga; nel 1994 si è diplomata all’Accademia di Belle arti e da allora ha iniziato il suo percorso espositivo ricevendo numerosi premi e riconoscimenti.  Salvatore Santoddì nasce a Caltagirone nel 1978, città dove vive e opera. Allievo di Salvo Russo, si diploma in pittura nell’anno accademico 2003/2004 presso l’Accademia di Belle Arti di Catania. Ha partecipato a diversi eventi e a diverse collettive. La sua pittura riecheggia le antiche architetture religiose e private in rifacimento della sua terra natia, qui emergono figure umane sollevate, in contemplazione e assorte e cariche di religiosità spirituale, oppure elementi fitomorfi rigogliosi ed estremamente rari e delicati.  Antonio Biancalani, nato a Montelupo Fiorentino nel 1948; si forma come autodidatta, copiando i “maestri” e la natura, come si faceva in passato. I suoi modelli sono Caravaggio, Velasquez, Klimt e Goya, che amalgama senza citazionismi. Nel 1989, vince il premio Arte Mondadori con il dipinto Interno. Ernesto Achilli, Dopo gli studi giovanili presso il Liceo artistico a Milano, ha continuato lavorando soprattutto come incisore e frequentando la Scuola degli Artefici presso l’Accademia di Brera. Da anni lavora nella tranquillità delle campagna lombarda alla ricerca di materiali ed oggetti dimenticati da ritrarre sulle sue tele. Marco Manzella, nato a Livorno nel 1962, vive e lavora ora tra Brescia e Viareggio. Diplomatosi in restauro, ha lavorato molti anni in questo settore specializzandosi in antiche tecniche pittoriche. Dal 1993 si dedica solo alla pittura. Ha iniziato la sua attività espositiva nel 1985. Cristina Iotti nasce vicino a Modena nel 1965. Si è diplomata allo IED di Milano ed in seguito si è dedicata al design della ceramica. Espone in Italia ed all’estero e l’anno scorso è stata vincitrice del premio Arte per la grafica e del premio speciale Faber-Castell. (immagine malinconia)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tree bar con Rafael Moraes

Posted by fidest press agency su sabato, 4 aprile 2009

rafael

Roma Via Flaminia, 226. Per la prima volta il Tree Bar da il benvenuto a Rafael Moraes – eclettico musicista brasiliano – e al suo sofisticato dj set, in una serata tutta dedicata ai sapori brasiliani. L’esperimento Nomumbah è stato ideato dai tre musicisti Ale Reis, André Torquato e Rafael Moraes, pubblicati da Yoruba Records. Unito dallo stesso stile musicale, il trio cerca musica carica di riferimenti, collegando l’elettronica con la musica strumentale brasiliana e il soul internazionale. Crea un ponte tra elementi di jazz, ritmi spezzati, sfumature afro latine, deep house e soprattutto musica brasiliana con tutti i suoi sotto-generi.  Noti per i loro remix di Lo Borges “Tudo que você Podia Ser” e “Like A Rainbow”, con la splendida voce di Nadirah Shakoor, questo insolito trio proveniente da Sao Paulo, ha ricevuto elogi da parte di gente del calibro di Jazzanova e da tutti gli appassionati e addetti ai lavori. Nomumbah ha raggiunto quello che in pochi sono riusciti a fare cioè mantenere l’essenza della bellezza culturale brasiliana fondendola con la musica elettronica. Rafael De Oliveira Moraes è stato contornato fin dalla culla dalla musica, libri, poster, l’enorme collezione di dischi di famiglia e anche musicisti in carne ed ossa come Elis Regina, Tom Zè, Renato Teixeira, Arrigo Barnabe per citarne alcuni. Capisce ben presto che la musica è la sua strada e frequenta la “Tom Jobim Music University”, iniziando a preparare delle performance musicali con tecniche diverse, collaborando con i suoi piatti e le percussioni con molti artisti brasiliani. Inizia la sua carriera come producer collaborando con marchi come Vogue, Samsung, Talent, Sao Paulo Fashion Week. Si è esibito in molti prestigiosi club in Brasile, Londra, Parigi. (foto rafael)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »