Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 312

Posts Tagged ‘sicura’

“Abbiamo sempre sognato un’Italia verde, un’Italia sicura, un’Italia semplice”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 maggio 2020

“Lo so che non è facile crederci in questo momento, nel quale stiamo ancora affrontando l’emergenza sanitaria, ma dobbiamo avere tutti una visione a lungo termine e programmare la ricostruzione secondo nuovi canoni, perché tutte le risorse che stiamo mettendo in campo siano utili a ridisegnare il nostro Paese. Dobbiamo fare in modo che l’Italia diventi un Paese ad economia circolare e senza CO2, sostenibile, che investa sulla rigenerazione urbana e curi il suo territorio, dove la tutela della salute e quella dell’ambiente vadano di pari passo, dove la digitalizzazione della pubblica amministrazione e il lavoro agile vengano vissuti anche come un’opportunità per garantire una migliore qualità della vita a ciascuno di noi. Le norme a cui stiamo lavorando vanno lette in un quadro d’insieme, come quelle che rivoluzioneranno alcuni settori e che favoriranno l’efficientamento energetico, l’adeguamento sismico, l’installazione di pannelli fotovoltaici. Per la prima volta avremo un super bonus, pari al 110% dell’importo speso. Le famiglie potranno avere una detrazione, da compensare in soli 5 anni, oppure cederla all’impresa e ottenere uno sconto dell’intero importo fatturato. Strumenti che, sono certa, aiuteranno non solo il settore dell’edilizia, ma l’economia di tutto il Paese. Lo scrive, su Facebook, il Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze, Laura Castelli.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’aria condizionata è sicura, se si mantengono gli impianti in sicurezza

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 maggio 2020

A ribadirlo è Paolo Guaraldo, esperto polesano del settore della termoidraulica da 20 anni, a fronte delle ultime dichiarazioni uscite sulla stampa del virologo Burioni, che inviterebbe tutti a tenere l’aria condizionata spenta in quanto correnti d’aria favorirebbero lo spostamento delle goccioline contaminate da Covid 19. Ma non solo: insieme a lui lo spiega bene anche Assoclima nazionale, associazione delle aziende specializzate nel trattamento dell’aria. “Gli impianti di climatizzazione non solo rimescolano l’aria, ma la filtrano rendendola più pulita e sicura – spiegano i professionisti del settore -. In questo modo si riduce la concentrazione dei batteri e dei virus nell’aria e non il contrario”.
Se si tiene l’aria condizionata spenta, saranno gli anziani a rischiare di più: l’afa e il caldo, ogni anno, portano con sé centinaia di morti. E’ doveroso quindi affrontare l’estate che sta arrivando con le dovute conoscenze e non per “sentito dire”. Guaraldo, che ormai da anni segue questo settore con la sua azienda Acquaprogetti, dove realizza anche corsi di formazione per la manutenzione corretta degli impianti, vuole spiegare quindi ogni dettaglio: “Purtroppo manca una corretta cultura della manutenzione, che cambia per tipologia di impianto. Ci sono i condizionatori che pescano aria dall’esterno e la portano verso l’interno e quelli che prendono l’aria dalla parte alta della stanza per poi rimescolarla con quella in basso. Entrambi usano filtri per pulire e trattare l’aria che viene rimescolata, che diventa quindi più sana. Ovviamente i filtri vanno puliti ogni anno e in alcuni casi sostituiti, non solo per combattere il Covid, ma anche tante altre malattie respiratorie. Bisogna poi sanificare la batteria, ovvero lo scambiatore interno, con un apposito spry a base alcolica. Infine, per i climatizzatori canalizzati, ovvero che raffreddano l’aria di più stanze dove sono presenti più persone (ospedali, centri di residenza per anziani, uffici di grandi aziende) bisogna pulire i canali e dotarli di dispositivi che filtrino l’aria con degli ionizzatori ad azione antibatterica e virucida. Con l’aria condizionata quindi ciò che si respira diventa molto più sicuro”.
Non solo. Sempre per quanto riguarda gli impianti che servono più stanze di uno stesso stabile e che quindi ospita persone diverse e non solo un nucleo famigliare, sono in vendita ormai da anni sistemi di sanificazione attiva, che grazie a lampade Uv riproducono la fotocatalisi dell’aria: i batteri e le muffe vengono ridotti del 99%. “Questa tecnologia è certificata dal ministero della salute – conclude Guaraldo -. Questa emergenza sanitaria spero sia occasione per sensibilizzare di più sulle potenzialità di questi dispositivi che incidono sulla pulizia dell’aria che respiriamo quotidianamente e non per creare falsa informazione sui climatizzatori”.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La curcuma? È una sostanza sicura?

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 luglio 2019

Mentre prosegue l’attività di verifica del Ministero della salute a seguito della segnalazione, da parte dell’Istituto Superiore di Sanità, dei casi di epatite colestatica acuta, non infettiva e non contagiosa, riconducibili al consumo di curcuma, crescono i timori degli italiani legati al consumo della sostanza.Secondo il Prof. Ludovico Abenavoli, Professore Associato di Gastroenterologia dell’Università Magna Grecia di Catanzaro si tratta di un allarme che non trova fondamento scientifico.
La sicurezza di curcuma e curcumina è riconosciuta anche dalle Linee Guida sull’epatite da farmaci, pubblicate nel mese di giugno 2019 dall’Associazione Europea per lo Studio del Fegato (EASL), che non inseriscono la curcuma ed i suoi derivati, come integratori determinanti effetti avversi epatici. Nel paragrafo dedicato all’uso di fitoterapici ed al rischio di sviluppare epatotossicità, in particolare, emerge la difficoltà di diagnosi nel determinare una relazione tra l’assunzione di integratori ed il realizzarsi dell’evento avverso che necessiterebbe di esami approfonditi come la biopsia epatica nella diagnosi di epatite da sostanze esogene, nella valutazione del danno del parenchima epatico, ma soprattutto per la diagnosi differenziale con altre possibili malattie epatiche ed in particolare quelle a genesi autoimmune.
La curcuma è una pianta perenne erbacea rizomatosa (Curcuma longa) della famiglia dello zenzero. La curcumina (1,7-bis (4-idrossi-3-metossifenil) -1,6-eptadiene-3,5-dione), chiamato anche diferuloilmetano, è il principale polifenolo naturale presente nel rizoma di Curcuma longa. La curcuma che rappresenta il componente principale del curry, miscela di spezie utilizzata in cucina per aromatizzare ed insaporire i cibi, e soprattutto un rimedio tradizionale il cui utilizzo in campo medico è documentato in scritti risalenti ad oltre 2000 anni fa. La curcumina in Giappone è servita nel tè, in Tailandia è usata nei cosmetici, in Cina viene usata come colorante alimentare ed anche nell’Unione Europea, dove è stata ammessa con la sigla E100, dopo una specifica valutazione di sicurezza. Negli Stati Uniti viene utilizzata nella senape, nel formaggio, nel burro e nelle patatine fritte, come conservante e come agente colorante. La curcumina è disponibile in diverse forme tra cui capsule, compresse, unguenti, bevande energetiche, saponi e cosmetici.
Tradizionalmente la curcumina è usata nei Paesi asiatici come medicinale per le sue proprietà antiossidanti, antinfiammatorie, antimicrobiche e antitumorali. La Curcuma è utilizzata per la prevenzione di numerose malattie ed in particolare malattie neurovegetative, steatosi epatica, patologie gastroenterologiche (malattie infiammatorie croniche intestinali, sindrome del colon irritabile, infezione da Helicobacter pylori), malattie cutanee (vitiligine, psoriasi, dermatite da radiazioni), disordini oftalmologici (congiuntivite, cataratta, xeroftalmia, condizioni degenerative), malattie neurologiche (morbo di Alzheimer, ansia, depressione), infezioni ricorrenti del tratto respiratorio e prevenzione cardiovascolare (effetto ipolipemizzante).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la vaccinazione rappresenta uno degli interventi di sanità pubblica maggiormente efficaci e sicuri

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 giugno 2016

IMG_0286I vaccini non solo proteggono l’individuo, ma attraverso la cosiddetta immunità di gregge (herd immunity) anche i non vaccinati beneficiano degli effetti positivi della vaccinazione, sempre che la copertura sia superiore a una certa soglia al di sotto della quale l’agente patogeno continuerebbe a circolare.
Eppure, i vaccini sono vittima del loro stesso successo: in questi ultimi anni stiamo assistendo a una vera e propria crociata anti-vaccinale portata avanti attraverso vari canali, ma principalmente attraverso il web, da personaggi diversi, tra i quali purtroppo anche “celebrities” con grande influenza sulle masse. Tra le tesi portate avanti, sulla base di esperienze personali e dati non scientificamente validi, la correlazione tra vaccini e autismo o altre patologie e l’esistenza di complotti orchestrati dai “poteri forti” in nome di presunti interessi economici. In Italia, queste tesi purtroppo in alcuni casi sono state anche avallate dalle autorità giudiziarie.
L’evidenza non può però essere negata: l’esitazione vaccinale può causare gravi problemi, non solo a livello di salute dell’individuo, ma anche per tutta la comunità.
• Uno studio di coorte retrospettivo su dati di sorveglianza nazionale raccolti dal 1985 al 1992 ha evidenziato che il numero di casi di morbillo era 35 volte (95% CI: 34–37) superiore nei bambini i cui genitori avevano chiesto una esenzione non-medica rispetto ai bambini vaccinati.
• Uno studio retrospettivo basato su dati raccolti in Colorado, USA (1987-1998) ha evidenziato che gli esentati vaccinali corrono un rischio 22.2 volte (95% CI: 15.9–31.1) più alto di contrarre il morbillo e di 5.9 volte (95% CI: 4.2–8.2) più alto di contrarre la pertosse.
• Uno studio caso-controllo nei bambini (1996-2007) ha evidenziato che gli esentati vaccinali avevano un rischio 22.8 volte (95% CI: 6.7–7.5) più alto di contrarre la pertosse; l’11% (95% CI: 5.8%–16%) dei casi di pertosse furono attribuiti al rifiuto di vaccinarsi. Gli esentati dalla vaccinazione con vaccino coniugato anti-Varicella ed anti-pneumococco avevano un rischio rispettivamente di 8.6 volte (95% CI: 2.2–33.3) e 6.5 volte (95% CI: 1.7–24.5) superiore di contrarre una polmonite lombare/pneumococcica.
• In Colorado, la frequenza di esenzione dalle leggi sulla vaccinazione in una contea aveva un’associa-zione significativa con il livello d’incidenza dei casi di morbillo (RR 1.6, 95% CI: 1.0–2.4) e pertosse (RR 1.9, 95% CI: 1.7–2.1) nei bambini. Le scuole che segnalavano outbreak di morbillo e pertosse avevano numeri più alti di esentati vaccinali. Gli esentati vaccinali hanno trasmesso l’infezione anche ai bambini vaccinati: l’11% dei bambini vaccinati ha contratto l’infezione da quelli esentati.
• Secondo il modello di Salmon et al, se il numero di esentati nella popolazione raddoppiasse e si presumesse un grado di mixing tra gli individui esenti e quelli vaccinati del 20%, 40%, e 60%, l’incidenza delle infezioni da morbillo negli individui vaccinati aumenterebbe rispettivamente del 5.5%, 18.6%, e 30.8%.
Questi dati danno un’idea di quanto sia importante che non s’instauri un trend negativo anti-vaccinale; le Istituzioni, da parte loro, devono portare avanti il loro impegno con interventi mirati, tra le altre cose, ad aumentare la conoscenza e la consapevolezza sulle vaccinazioni e migliorare la convenienza e l’accesso alla vaccinazione, mirando direttamente alle popolazioni non-vaccinate o sottovaccinate. (Walter Ricciardi Presidente Istituto Superiore di Sanità)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I deputati europei approvano un piano per un’assistenza sanitaria più sicura

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 maggio 2015

Nurses treat a patient at the intensive care unit at the hospital St. Josefskrankenhaus in Freiburg, Germany, 21 March 2014. Photo: PATRICK SEEGER/dpa

Nurses treat a patient at the intensive care unit at the hospital St. Josefskrankenhaus in Freiburg, Germany, 21 March 2014. Photo: PATRICK SEEGER/dpa

I deputati rilevano che l’attuale crisi economica sta incidendo sui bilanci sanitari nazionali – © BELGAIMAGE/DPA/P.SEEGER
In una risoluzione approvata martedì i deputati suggeriscono come migliorare l’assistenza sanitaria e in particolare come far fronte alla crescente resistenza agli antibiotici dell’uomo e degli animali, attraverso un utilizzo più responsabile dei trattamenti a disposizione e promuovendo l’innovazione.Secondo le stime, tra l’8 e il 12% dei pazienti ricoverati negli ospedali comunitari è vittima di eventi avversi, come le infezioni sanitarie correlate, che causano 37.000 decessi all’anno e rappresentano un pesante onere che grava sulle risorse sanitarie limitate.“Non si possono imporre misure di austerità che incidono sulla sicurezza dei pazienti, sul personale o sugli specialisti negli ospedali. 25.000 cittadini muoiono ogni anno in Europa a causa della crescente resistenza agli antibiotici esistenti, quindi dobbiamo stimolare la ricerca su nuove tipologie di sostanze. Nel settore veterinario, le vendite online di antimicrobici e il loro uso profilattico dovrebbe essere impedito,” ha dichiarato il relatore, l’italiano Piernicola Pedicini (EFDD), la cui relazione è stata approvata con 637 voti a favore, 32 contrari e 10 astensioni.I deputati evidenziano che l’attuale crisi economica ha creato una forte pressione sui bilanci sanitari nazionali e ha, quindi, avuto un impatto sulla sicurezza dei pazienti. S’invitano, pertanto, gli Stati membri a garantire che la sicurezza dei pazienti non sia messa a rischio dalle misure di austerità e che il sistema sanitario resti adeguatamente finanziato.Le misure proposte per garantire che gli antibiotici siano usati in maniera più responsabile includono:
il rigoroso divieto dell’uso senza ricetta,
la richiesta di una diagnosi microbiologica prima di prescrivere gli antibiotici,
l’attuazione di pratiche di marketing volte a prevenire i conflitti di interesse tra i produttori e colui che prescrive gli antibiotici, e
il miglioramento delle informazioni sul controllo del consumo di antimicrobici e sulla resistenza antimicrobica e il controllo delle infezioni.
I deputati europei sollecitano le industrie farmaceutiche a investire nello sviluppo di nuovi agenti antimicrobici e chiedono alla Commissione di considerare la possibilità di presentare una proposta legislativa per stimolare la ricerca in questo campo.
Nel documento si raccomanda l’uso responsabile degli antimicrobici nella medicina veterinaria, compresi i mangimi medicati, consentendone il loro uso solo per il trattamento a seguito della diagnosi veterinaria. Due proposte legislative in materia sono attualmente in discussione al Parlamento.L’uso di antibiotici per gli animali dovrebbe, quindi, essere gradualmente ristretto ai soli scopi terapeutici, eliminando progressivamente il loro uso profilattico. L’impiego di metafilassi, come le medicazioni di massa di animali volta a curare gli esemplari malati degli allevamenti prevenendo le infezioni nei capi sani, dovrebbe essere limitato al massimo.Tra l’8 e il 12% dei pazienti ricoverati negli ospedali dell’Unione europea è vittima di eventi avversi connessi alle cure ricevute e circa la metà dei casi potrebbe essere evitata. Gli eventi avversi più frequenti sono le infezioni associate all’assistenza sanitaria, quelli connessi ai farmaci e le complicanze che sopravvengono durante o dopo un intervento chirurgico. (foto: assistenza sanitaria)

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bambini e adolescenti: Internet più sicura

Posted by fidest press agency su sabato, 5 maggio 2012

La Commissione ha recentemente elaborato un piano destinato a garantire ai bambini le competenze e gli strumenti necessari per beneficiare pienamente e in modo sicuro del mondo digitale. Internet non è stato concepito per i bambini, ma oggi il 75% di essi ne fa uso, di cui un terzo attraverso la telefonia mobile. La nuova strategia consiste nello sviluppo di un mercato dei contenuti in linea interattivi, creativi ed educativi, in collaborazione fra la Commissione europea e gli Stati membri, gli operatori di telefonia mobile, i fabbricanti di telefoni cellulari e i prestatori di servizi di socializzazione in rete. L’esistenza di approcci nazionali diversi fa sì che i bambini di varie parti dell’UE godano di livelli diversi di emancipazione e protezione in linea. Ciò crea anche delle difficoltà per le imprese che desiderano commercializzare in tutta l’UE servizi e prodotti adatti all’infanzia. Per superare questi ostacoli, la Commissione ha delineato una serie di misure che saranno attuate con modalità diverse, fra cui l’autoregolamentazione settoriale, e che dovrebbero portare a soluzioni flessibili e rapide in questo campo. La cooperazione in forum quali la coalizione per fare di internet un posto migliore e più sicuro per i bambini e i ragazzi (fonte aiccre)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Genitori no problem!

Posted by fidest press agency su sabato, 26 marzo 2011

In una collana chiara, pratica, autorevole le risposte alle domande più comuni dei genitori Dal momento in cui viene al mondo e fino a quando non ha completato la sua crescita, ognibambino occupa un posto speciale nella vita e nel cuore dei genitori che si impegnano a garantire al loro piccolo un ambiente sano, sicuro e felice. Circondati dal sostegno di parenti e amici, che non si risparmiano dall’offrire consigli (spesso contraddittori), la mamma e il papà incontrano gioie e soddisfazioni, ma devono fare i conti con problemi, piccoli e grandi, per i quali le teorie di turno o i rimedi “fatti in casa” non sempre funzionano.Dormire come un bambino. Come aiutare lo sviluppo naturale del sonno dei vostri figli di Alessandra Devoto Il sonno rappresenta una delle funzioni vitali nella vita dell’uomo, e acquista maggiore importanza per bambini e ragazzi. Ma perché alcuni bambini si svegliano nel cuore della notte e altri dormono come dei ghiri? Un amore di fratello. Come sopravvivere a gelosia e rivalità di Dolores RolloIl legame tra fratelli rappresenta qualcosa di unico, che concilia in sé caratteristiche diametralmente opposte: rivalità e complicità, odio e amore profondo, complementarietà e reciprocità. Per i genitori affrontare i rapporti quotidiani tra i figli, in cui affetto e rivalità siintrecciano, è un compito molto difficile.Media e dintorni. Utilizzo intelligente in tempi multimediali di Michele Aglieri e Alessandra Carenzio Questo volume si propone di fornire ai genitori degli strumenti di lettura del territorio dei media, attraverso una riflessione più ragionata capace di mediare le reazioni umorali e poco utili sul lungo periodo; costruire un vocabolario in grado di operare un avvicinamento tra il mondo dei nativi digitali – i nostri ragazzi – e il mondo degli immigrati digitali – tutti coloro i quali hanno dovuto abituarsi alla presenza delle tecnologie.Cosa mangio oggi? Impariamo a mangiare tutto e in modo sano di Mario Becciu e Anna Rita Colasanti Cibarsi è un’esperienza dei sensi accompagnata da emozioni e stati d’animo attraverso le quali si impara non soltanto a rapportarsi al cibo, ma alla realtà che ci circonda. Il pasto costituisce un importante momento educativo nel quale si possono veicolare tanti messaggi che vanno a condizionare, positivamente o meno, l’approccio che i figli avranno con il cibo, con il proprio corpo e, più in generale, con se stessi. Collana genitori no problem! Edizioni San Paolo 96 pagine € 8,00

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Acquisto giocattoli e guida sicura

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 novembre 2010

Sono stati sequestrati nei giorni scorsi dalla guardia di finanza oltre 2 milioni di giocattoli contraffatti. I prodotti più a rischio sono quelli maggiormente diffusi come bambole, peluche, bolle di sapone, palloni. Quando i giocattoli sono contraffatti di norma non rispettano le regole di sicurezza e sono pericolosi per i bambini. Minor prezzo, false riproduzioni e uso distorto del marchio sono alcune caratteristiche del giocattolo contraffatto. In attesa che entri in vigore la nuova direttiva europea un utile vademecum per acquisti sicuri in vista dello shopping natalizio. La prima cosa da fare è scegliere giocattoli sui quali sia stato apposto il marchio CE, in quanto sottoposti ai necessari controlli di sicurezza previsti dalla Comunità Europea. Il marchio CE è stato introdotto dalla direttiva 88/378/CEE, recepita in Italia con il decreto legislativo 1991/313, la quale ha stabilito i requisiti di sicurezza per i giocattoli, destinati ai ragazzi di età inferiore ai 14 anni, e le misure di sicurezza per la loro fabbricazione e vendita. La marcatura CE deve essere visibile, leggibile e soprattutto indelebile. La contraffazione del marchio CE è uno dei reati più comuni nel mercato clandestino dei giocattoli. Altri marchi come ‘Giocattoli sicuri’ dell’Istituto italiano di sicurezza dei giocattoli e ‘IMQ’ dell’Istituto per il marchio di qualità (per i prodotti elettrici) danno più garanzie, perché indicano che i giocattoli sono stati sottoposti a test di sicurezza; il nome, il marchio e l’indirizzo del fabbricante sono importantissimi nel caso di malfunzionamento dell’oggetto o in caso di danno fisico ai bambino. Dopo l’acquisto conservare i dati del fabbricante e verificare periodicamente lo stato d’usura dei giocattoli.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Progetti per una provincia più sicura

Posted by fidest press agency su lunedì, 25 ottobre 2010

Torino. Quasi due milioni di euro per realizzare progetti di sicurezza integrata. Grazie a un trasferimento regionale, nel 2009 la Provincia ha emesso un bando con cui sono stati finanziati 27 progetti, predisposti da soggetti pubblici (Comuni, Comunità Montane, Consorzi socio-assistenziali) o del privato sociale (cooperative sociali, consorzi di cooperative sociali, organizzazioni di volontariato). I progetti si sono conclusi a settembre 2010 (due soli termineranno nel mese di dicembre) e tutti i soggetti che vi hanno partecipato hanno messo a confronto le loro esperienze in occasione del convegno “100 città per la sicurezza – 27 progetti per una provincia più sicura. Costruire e raccontare la sicurezza integrata nei nostri territori”, promosso dalla Provincia di Torino con il Forum per la sicurezza urbana e in collaborazione con il Progetto TheGate Porta Palazzo.
D’altra parte la percezione della sicurezza non è legata solo al reale andamento della criminalità su un territorio, ma anche ad altri aspetti della vita che interessano la situazione economica, sociale, la salute. Anche per queste ragioni i 27 progetti riguardano la cosiddetta “sicurezza integrata”, cioè tutti quei programmi, progetti, azioni realizzati dai soggetti pubblici, del privato sociale e dell’associazionismo orientati alla prevenzione e riduzione dei fenomeni di illegalità e inciviltà diffusa, integrati e coordinati con le azioni in materia di contrasto alla criminalità. Si è trattato infatti di progetti che hanno realizzato azioni di prevenzione situazionale volte a garantire l’ordine e l’integrazione, azioni orientate alla prevenzione sociale, all’educazione alla legalità con interventi quindi rivolti alla popolazione giovanile scolastica, attività di sportello destinate al sostegno alle vittime di reato (anziani, donne e minori) o alla mediazione dei conflitti.

.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Roma capitale del borseggio”

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 settembre 2010

“Una vergogna che nella classifica, di Tripadvisor, delle città “capitali del borseggio”, figuri Roma.” Commenta Gianluca Melillo, Vicario e Consigliere Direttivo del Forum Nazionale dei Giovani. “Particolarmente grave il fatto, continua Melillo, che, nonostante un anno addietro la stessa notizia scatenò grandi polemiche fra gli amministratori capitolini, quest’anno nulla sia cambiato.” “Il rammarico, e la gravità, stanno per l’appunto, nel fatto che, seguita Melillo, la nostra Capitale, nonostante sia una delle più belle città al Mondo, venga considerata dal turismo una meta non sicura.” “Personalmente non credo sia poi così vero, conclude Melillo, ma è indubbio che la Giunta di Roma debba fare molto di più; tanto per rendere la città sempre più sicura quanto per “vendere” l’immagine di una città tranquilla e dove i turisti, particolarmente quelli stranieri, possano trascorrere serenamente le proprie vacanze.”

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola sicura con le norme UNI

Posted by fidest press agency su domenica, 12 settembre 2010

Settembre per gli studenti italiani sancisce la fine delle vacanze ed il rientro nelle scuole. Le aule a norma, luminose, comode, con arredi ergonomici e sicuri, contribuiscono ad affrontare nel migliore dei modi il ritorno alla vita scolastica. Per questo motivo le norme tecniche UNI specificano i requisiti che lavagne, banchi e sedie devono possedere. Le condizioni ambientali delle aule e dei locali scolastici sono infatti estremamente importanti come gli arredi.
Le caratteristiche di banchi e sedie sono descritte dalle norme della serie UNI EN 1729 che stabiliscono ad esempio che:- gli spigoli devono essere arrotondati con un raggio minimo di 2mm. Le superfici devono essere lisce, le estremità rivestite per evitare di generare schegge taglienti; – ogni sedia o banco “a norma” deve superare una serie di prove di laboratorio tra le quali quelle di stabilità, di resistenza, di durata e d’urto.- in relazione all’altezza dello studente (da 80 cm per i bambini fino ai due metri per i ragazzi), le norme assegnano agli arredi scolastici delle vere e proprie “taglie”. In questo modo le norme intendono favorire l’adozione di una corretta postura contribuendo allo sviluppo psicofisico di bambini e ragazzi che ormai trascorrono gran parte della loro giornata a scuola.  Per una corretta postura, la norma prescrive che lo schienale debba avere un’inclinazione compresa tra i 95° e i 110°, questo indipendentemente dalla statura dello studente. Le norme fissano le dimensioni delle sedie e dei banchi scolastici anche in relazione alla crescente diffusione dell’utilizzo di PC nella didattica. Gli arredi scolastici a norma sono progettati in modo che gli studenti possano appoggiare le braccia mantenendo le spalle rilassate sia che si trovino dinanzi ad un monitor sia che siano alle prese con i più tradizionali quaderni a righe o quadretti. (Ilaria Melillo)

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sicurezza stradale e servizi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 settembre 2010

A un anno dal suo start up, la Scuola superiore DEKRA per la sicurezza stradale, amplia il portafoglio dei servizi nel settore automotive della multinazionale tedesca. La nuova partnership con Speed Control, nota azienda che da oltre 15 anni si occupa di corsi di guida sicura, rafforza e rende maggiormente fruibile al pubblico le offerte attive dall’estate scorsa firmate SSDSS: piloti istruttori professionisti, col supporto di mezzi tecnici di alto livello, trasmettono l’arte della guida sui più famosi circuiti italiani ed europei. Speed Control è  infatti tra le prime scuole di guida sicura/pilotaggio in Italia, l’unica che opera a tutto campo offrendo corsi per auto, moto e mezzi pesanti.
DEKRA coniuga così l’esperienza di oltre 80 anni nell’ambito automobilistico e la competenza tecnica maturata nello studio delle problematiche sulla sicurezza stradale con l’approccio educativo dell’azienda tutta made in Italy di Andrea Pullè, più volte campione italiano con vetture turismo, che ha creato un gruppo di piloti istruttori professionisti quali: Alex Caffi, Fabio Babini, Matteo Malucelli, Niki Cadei e Tobia Cavallini per citare alcuni nomi fra i più prestigiosi.
DEKRA investe costantemente in ricerca e sviluppo per accrescere le proprie competenze e migliorare così la sicurezza del traffico e dei veicoli, ridurre i rischi di incidenti e l’impatto ambientale. In quest’ottica è stato istituito un vero e proprio Competence Center in ambito automotive che, grazie al contributo di tre centri di eccellenza, l’Accident Research Center a Stoccarda, il Crash Test Center di Neumunster e il Technology Center di Klettwitz è in grado di analizzare nel dettaglio qualsiasi problematica e trovarne le soluzioni più adatte.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Per una vacanza sicura

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 luglio 2010

“Ogni anno, al rientro dalle vacanze estive, le nostre scrivanie sono piene di reclami e richieste di aiuto da parte di malcapitati turisti vittime di vacanze rovinate. Per evitare il rischio e sapersi difendere, la nostra Unione ha stilato un elenco di utili consigli integralmente disponibile sul sito http://www.consumatori.it”. E’ quanto si legge in una nota dell’Unione Nazionale Consumatori.  “Il primo suggerimento che possiamo dare a chi sceglie un pacchetto turistico -prosegue l’Unione- è quello di verificare presso l’Assessorato al turismo della Regione che l’agenzia o il tour operator prescelti risultino iscritti negli elenchi regionali che abilitano alla vendita di servizi turistici”. “Buona norma -prosegue l’Associazione- è poi quella di richiedere sempre copia del contratto che si sottoscrive, accertando che faccia chiaro riferimento alle offerte contenute nel catalogo informativo e, se si sottoscrive una polizza di assicurazione, ricordiamo di leggere attentamente le condizioni contrattuali, facendo particolare attenzione  alla previsione di franchigie o a spese non rimborsabili”. “E se in sede di prenotazione ci viene richiesto un acconto superiore al 25% del prezzo? Per tutelarsi maggiormente -spiega l’Unione- è meglio rifiutare: se si intende recedere dall’acquisto prima della vacanza per ragioni personali (c.d. recesso ingiustificato), il tour operator potrà infatti trattenere soltanto l’acconto versato e, quindi, al massimo il 25%”.  “Ricordiamo che in caso di necessità -conclude l’Unione- si potrà richiedere la consulenza dei nostri esperti, accedendo all’apposito sportello “Vacanza rovinata” presente sul sito http://www.consumatori.it .”

Posted in Diritti/Human rights, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: telecamere integrate per una città più sicura

Posted by fidest press agency su martedì, 23 marzo 2010

“L’accensione dei monitor della Sala Sistema consentirà alla città di Roma di compiere un passo notevole per colmare quel  gap tecnologico che la metteva in coda alle principali Capitali europee sul piano della sorveglianza integrata. A Londra, infatti, si contano circa 100 mila telecamere in rete e a Parigi 64 mila”. Lo dichiara in una nota Fabrizio Santori, presidente della Commissione Sicurezza del Comune di Roma, che ha partecipato all’inaugurazione del Centro Monitoraggio Video Sala Sistema Roma esprimendo soddisfazione per l’importante obiettivo raggiunto nell’ambito del Patto per Roma sicura del 2008. “Una svolta voluta dal sindaco Alemanno verso il progresso e la tutela dei cittadini, frutto di uno sforzo tecnologico e finanziario rilevante. Questo è solo il primo passo di un grande progetto che permetterà di realizzare una rete di collegamento tra le forze dell’Ordine, la Polizia Municipale, le aziende partecipate, gli enti e i dipartimenti del Comune di Roma non solo per condividere il patrimonio informativo, ma per favorire il coordinamento degli interventi e delle risorse prevenendo degrado e insicurezza, ottimizzando le risorse ed effettuando interventi mirati nei singoli quartieri.    Sono 5400 le telecamere attualmente censite e funzionanti, che, posizionate in rete, permetteranno di avere un controllo istantaneo e permanente di 300 diversi siti. La Sala Sistema centralizzerà altri molteplici sistemi di sicurezza, tra cui  le segnalazioni dei cittadini provenienti dall’istituendo numero verde “Sos Degrado e Sicurezza”, creando dettagliate mappature del rischio, individuando e analizzando i fenomeni connessi alle diverse forme di degrado, abusivismo e disordine urbano”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I servizi turistici a Roma

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 luglio 2009

“Roma è una città straordinariamente bella ma i servizi turistici non ne sono all’altezza. Per questo abbiamo toccato con mano le criticità che incidono negativamente sul turismo della capitale e ci stiamo adoperando per i nostri turisti affinché possano accedere a servizi più efficienti e sicuri” lo dichiara Fabrizio Santori, Presidente della Commissione Sicurezza e membro della Commissione Turismo del Comune di Roma al termine del tour perlustrativo di questa mattina voluto dal Presidente della Commissione Turismo del Comune di Roma, Alessandro Vannini, insieme ai rappresentanti delle guide ufficiali di Roma nelle zone a più alta frequentazione turistica, quali  San Pietro, Santa Maria Maggiore e Colosseo. “Rispetto delle aree di sosta per il carico e scarico dei bus turistici, troppo poche e spesso occupate da automobili e motorini parcheggiati; rispetto del codice della strada; creazione di guide con informazioni sui luoghi da visitare, orari e numeri utili; tariffazioni di taxi, ingressi ai musei e ristoranti; servizi igienico-sanitari per le strade adeguati all’accoglienza; lotta serrata alle false guide che attanagliano i turisti soprattutto vicino alla basilica di San Pietro – prosegue Santori – sono alcuni dei punti fondamentali che il Comune, attraverso le Commissioni Sicurezza e Turismo, intende mettere in atto per aiutare il turista a muoversi nella nostra città, in modo da combattere abusivismo commerciale, tariffe gonfiate, truffe ai danni di stranieri e false guide”. “Siamo compiaciuti e soddisfatti del quadro che è emerso dalla visita istituzionale-turistica perché è evidente che l’amministrazione capitolina sta scendendo in campo in prima persona per rendere il turismo della nostra città più sicuro e fruibile, contribuendo allo sviluppo economico della capitale. Prossimi obiettivi da raggiungere – conclude Santori – saranno l’istituzione di un tavolo tecnico che si occupi di tutti i problemi legati al turismo della città e in particolare della serenità di chi sceglie Roma come meta culturale rendendola sempre più accogliente e sicura”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »