Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Posts Tagged ‘silloge’

“Più probabile che non”: la nuova silloge poetica di Chiara Evangelista

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 febbraio 2019

Bologna 16 febbraio 2019 ore 17,00 DANDY caffè letterario via Della Grada 4/E Presentazione di “Più probabile che non”, la nuova silloge poetica di Chiara Evangelista,edita da i Quaderni del Bardo Edizioni di Stefano Donno, con prefazione di Tomaso Kemeny e postfazione di Donato Di Poce presso il DANDY caffè letterario via Della Grada 4/E, 40122 Bologna il 16 febbraio 2019 ore 17,00. Dialogano con l’autrice: Cinzia Demi, Giuseppe Nibali Guzzetta, Interviene Riccardo Canaletti. Letture a cura di Pietro Romano.
“Una scrittura che si rifiuta alla noia. Il lettore si abbandoni alla continuità alternata alla discontinuità delle sillabe convocate sulle pagine. Penso che in questo libro si assista alla messa in parodia del rapporto tra il linguaggio e la verità. Ne risulta che il lettore viene travolto dalla frenesia festosa insita, ma celata, nel linguaggio comune”. (Dall’introduzione di Tomaso Kemeny)“Chiara va oltre l’ascolto e il dialogo con i segni e le parole, la sua texture poetica riesce a banchettare con le parole, riesce a vocalizzare sensi e sentimenti, a decostruire l’impossibile per dare un nuovo senso alle cose, alla parola e alla poesia…” (Dalla postfazione di Donato Di Poce)“Sono orgoglioso di aver pubblicato Chiara Evangelista e di averne seguito l’evoluzione stilistica a partire da In Medias Res sino a quest’ultima pubblicazione. Il suo poetare è sì leggero e all’apparenza legato alla cosalità dell’esistere, ma fondamentalmente il suo poiein si incentra su un condurre una strenua lotta del suo essere nella cosalià dell’esistere. E così il versificare di Chiara Irrompe nel grigiore del giorno dopo giorno e si fa affermazione e volontà gioiosa di esserci per la vita” (Stefano Donno editore)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Esce per Rubbettino “Il sesso dei gatti e altri racconti”

Posted by fidest press agency su sabato, 21 febbraio 2015

copertina GambinoUna silloge di Sharo Gambino in cui convivono, e si valorizzano a vicenda, le due fasi letterarie dell’autore: l’ironia alla Jerome e il neorealismo che caratterizza la seconda parte della sua produzione culminata con il romanzo Sole nero a Malifà, del quale è presente, nel volume, il nucleo originario, il racconto “Al di là della valle”. Lo scrittore calabrese, a quasi sette anni dalla scomparsa, rivive in questi racconti. Se ne percepisce la voce schietta, l’ironia serafica e il sarcasmo spigliato; ne riecheggia la voce, tra le casupole di mattoni rossi e pietra, tra le stradine sterrate e i paesaggi aridi e fiammeggianti della sua Calabria. E con lui rivive anche una Calabria sconosciuta ai più, nascosta tra le pagine di cronaca e opacizzata dai clichè che una regione complessa come questa si porta dietro.
Gambino rifugge dagli stereotipi e contemporaneamente delinea situazioni e caratteri in cui tutti possono rispecchiarsi, per empatia o grazie alla sua straordinaria capacità di rendere i dettagli così definiti da restituire al lettore una realtà comoda in cui immergersi. Comoda per l’immaginazione, ma sottilmente e piacevolmente sbilenca per il retrogusto amaro di certe storie.
È qui che si fondono le due anime di Gambino, romantico ed illuminista insieme, ricercatore attento e narratore sublime, realista e magico, raccoglitore di voci sommerse, fine conoscitore della tradizione e della storia.
Lontano dalle morali, dagli insegnamenti a piè di pagina, le storie di Gambino hanno una funzione catartica: per l’autore stesso, che attraverso la narrazione raggiunge l’immortalità; per i suoi personaggi, vinti e umili, emarginati e ribelli che con un guizzo, una trovata, o anche solo un’espressione conquistano la rivalsa; per i lettori che attraverso le piccole storie sono condotti, a volte per mano, a volte trascinati con foga, nei misteri della Storia. Nel saggio che introduce il volume Annarosa Macrì, sua amica da sempre ed estimatrice, sottolinea l’urgenza di Gambino di raccontare storie, ma anche la necessità di chi lo legge di averne ancora: “Abbiamo sempre bisogno di un’altra storia, anche quando sembra di no.” Antichi e moderni insieme, i protagonisti dei suoi racconti sono caratteri completi e tratteggiati nitidamente spesso con poche battute, specchio di un’umanità che per Gambino, scrittore di dettagli e paradossi, fu eterna ispirazione.
Definito da Vito Teti “il cantore delle piccole cose” o “il narratore delle Serre” per il profondo legame con Serra S.Bruno e Nardodipace, con la sua terra che è “aperta e isolata”, Gambino riesce a raccontare i luoghi in una molteplicità di colori che dal “locale” passa al “globale” e che chiarisce il rapporto di ogni calabrese con la sua terra, che è poi il rapporto dell’uomo con la sua casa:
“Il paese si ama e si odia, ma l’odio raramente è definitivo, aspetta l’occasione per stemperarsi, addolcirsi fino a trasformarsi del tutto e assumere la tinta e la sostanza del suo contrario, com’è di quegli innamorati che finito il bisticcio, chiarito un equivoco che aveva provocato la frattura, tornano ad amare con raddoppiata intensità” come egli stesso ebbe modo di scrivere. (foto copertina)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Silloge di poesie “Ho liberato le parole”

Posted by fidest press agency su domenica, 3 aprile 2011

Palermo, 4 aprile, alle ore 17, presso la Sala delle Capriate del  Palazzo Steri (3° piano) di Palermo, in piazza Marina 61. “Ho liberato le parole” è il titolo della silloge di poesie di Palama Civello, edito da La Zisa, che verrà presentata.  Dopo il saluto del Magnifico Rettore dell’Università di Palermo, Roberto Lagalla, interverranno Giovanni Villino, Antonio Zito e Davide Romano. Accompagnamento musicale a cura di Pietro Marchese (mandolino e mandola) e Nicola Marchese (chitarra). Sarà presente l’autrice.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tutte le donne che ho dentro

Posted by fidest press agency su venerdì, 24 settembre 2010

La  silloge poetica di Elisabetta Comastri di Spoleto vince la II edizione del Concorso Internazionale “Poetando”. La giuria del Concorso formata dalla dott.ssa Francesca Toglia e dallo scrittore Giuseppe Bianco in collaborazione con la redazione ALBUS è giunta a questa classifica finale:
1.    TUTTE LE DONNE CHE HO DENTRO di Elisabetta Comastri (Spoleto – PG)
2.    LA STRADA VERSO CASA di Francesco Lioce (Roma)
3.    IL TORBIDO E LA NOTTE di Giorgio Astone (Roma)
4.    LA SICUREZZA DEL TEMPO di Luigi Mariani (Segrate – MI)
5.    PER TE … D’AMORE CANTO E PIANGO di Mariella Mulas (Quartucciu – CA)
La silloge vincitrice Tutte le donne che ho dentro sarà pubblicata dalla casa editrice ALBUSedizioni nella collana Le parole per te. La scorsa edizione del Concorso “Poetando” è stata vinta da Arianna Sacerdoti di Napoli con la raccolta poetica Sentieri diversi. Il Concorso “Poetando” mira a scoprire talenti e ottimi scritti da pubblicare e diffondere. Molti sono stati i partecipanti non solo residenti sul territorio nazionale, infatti alcuni hanno inviato le loro opere dall’Australia, dal Belgio e dalla Spagna. Tale diffusione del premio può far percepire tutta la varietà dell’interessante produzione che è giunta tra le mani della giuria. Il Concorso Letterario “Poetando” diventa così un’occasione per dare voce a chi ha la passione per la poesia e si è cimentato in un Concorso a livello internazionale, ma anche un mezzo per scoprire e  pubblicare  scritti di qualità.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »