Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

Posts Tagged ‘sindacali’

Relazioni sindacali nei rapporti con i Comandanti di legione dei carabinieri

Posted by fidest press agency su domenica, 21 febbraio 2021

By michele fornicola. Nel 2000/2001 (vent’anni fa) il Comandante Generale affermava sostanzialmente che alla Rappresentanza Militare, è conferito il carattere prioritario agli obblighi connessi con l’attività dei Consigli; Poteva considerarsi una realtà consolidata nell’ambito dell’Istituzione e le sue articolazioni centrali e periferiche si devono esprimere in modo completo e scevro da ogni condizionamento. Sono passati altri vent’anni ma le condizioni di esercizio del mandato, dei delegati, dipendono ancora troppo spesso dagli umori dei Comandanti di Legione che interpretano in modo differenziato e, talvolta restrittivo, questa facoltà. E’ vero, il Comando Generale, per il periodo pandemico, ha diramato disposizioni “emergenziali” e non completamente corrispondenti alla vigente normativa tuttavia (il CoBar Marche spiega bene nella sua delibera), in presenza del previo parere favorevole del Presidente, non ha posto limiti alle attività assembleari o in “gruppo di lavoro” nella sede del comandante affiancato. Nel 2021, quando l’esperienza del sistema di Rappresentanza Militare si sta avviando verso il tramonto, dopo la nascita dei sindacati dei militari, ci sono ancora Generali Comandanti di Legione che IMPEDISCONO ai delegati di svolgere le loro funzioni nella Sede naturale. La realtà, purtroppo, indica diversamente. Abbiamo, infatti, comandanti di Legione che si ostinano a dare una personale interpretazione delle norme e delle disposizioni, anche quando le loro indicazioni contrastano con quelle di altri Comandanti di Legione o Comandanti Interregionali. Niente sembra utile a far loro cambiare idea, in questa variopinta situazione, ed il Presidente del CoCeR/CC non sembra si sia speso per favorire quell’uniformità delle condizioni favorevoli che è garantita solo ai delegati del CoCeR. Ad esempio: mentre i delegati del CoBaR Lazio, del CoBaR Umbria, del CoBaR Toscana, del CoBaR Marche, dei vari CoIR e del CoCeR, svolgono le attività nella loro Sede Naturale, vi sono i Delegati del CoBaR Liguria, del CoBaR Lombardia, che sono ancora confinati nei loro reparti di appartenenza, senza possibilità di incontrarsi fra loro. Il confronto e le delibere ancora non sono servite per rimediare a queste limitazioni. Le indicazioni sono chiare, molto chiare, ma alcuni generali sostengono che “non sono chiare”. Il mio sogno sarebbe stato quello di poter rivivere, un’ultima volta, l’esperienza di una “Assise Generale a Roma” prima della fine di questo quarantennale Istituto della Rappresentanza Militare. Un’Assise di delegati professionalmente maturi e pronti ad affrontare “idealmente” il passaggio verso un sistema di rappresentanza di tipo sindacale. Mi rendo conto, invece, che il Comando Generale deve ancora lavorare molto per ottenere quell’assonanza, quella unità di intenti, da parte dei Comandanti di Legione che sono meno inclini al dialogo, al rispettoso confronto.(dal diario di Michele Fornicola)

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Slittano al 2022 il rinnovo delle rappresentanze sindacali

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 novembre 2020

Il Covid19 rallenta le operazioni di rinnovo delle rappresentanze sindacali: slittano, infatti, all’aprile 2022, spostando di fatto avanti di un anno la procedura che si sarebbe dovuta concludere nella prossima primavera. Viene differito, inoltre, il termine per la rilevazione della rappresentatività sindacale tramite il computo delle deleghe, che avverrà al 31 dicembre 2021. A prevederlo è la bozza di Legge di Bilancio predisposta dal governo che sarà posta a breve al vaglio del parlamento. Nella scuola, come in altri comparti pubblici, nel 2021 non ci sarà alcun rinnovo delle Rsu: Italia Oggi spiega che la proroga prevista dalla Legge di Bilancio, presto all’esame parlamentare dopo il via libera del Consiglio dei ministri di poche ore fa, si è resa necessaria per evitare che le operazioni di voto all’interno delle scuole fossero veicolo di contagio. Le nuove disposizioni prevedono anche la possibilità di snellire le procedure tramite il ricorso a modalità telematiche che saranno definite tramite appositi accordi sindacali. La Cisl, a fronte di 216.610 voti, vanta una rappresentatività del 23,88%. La Cgil vanta una media del 24,01%. La Uil è al 15.6%. Lo Snals ha una rappresentatività finale del 12,51%. La Gilda-Unams vanta una rappresentatività media del 9,24%. Infine l’Anief ha il 6,16% di rappresentatività totale.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Relazioni sindacali nella scuola: L’Anief viene discriminato

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 ottobre 2019

“Non è possibile – dichiara Marcello Pacifico, presidente del sindacato autonomo – che quasi due anni dopo la rilevazione delle deleghe, a ben 18 mesi di distanza dall’ultima elezione RSU, 90 giorni dopo la sottoscrizione dell’ipotesi di Accordo quadro che ci riconosce rappresentativi nel comparto dell’istruzione e della ricerca, ancora non si possano esercitare le prerogative sindacali previste dalla legge: dalla partecipazione agli importanti tavoli con gli altri sindacati firmatari di contratto, alle ore di permesso e di distacco sindacale che qualcun altro continua illegittimamente ad usufruire, alle assemblee sindacali, alla contrattazione nazionale e integrativa. Dopo mesi di attesa, se non si avrà una risposta chiara nelle prossime ore, ricorreremo alla giustizia, in modo così da rispondere alla violazione delle più elementari regole democratiche e anche perché un giudice spieghi ai 70 mila docenti e Ata nostri iscritti, perché siano gli unici lavoratori a non aver diritto a essere rappresentati. Anche per questo scioperiamo il 12 novembre, con manifestazione davanti a Montecitorio: volgiamo far sentire al Governo quella voce della piazza che viene ignorata dai palazzi”.
“Il problema – dice Marcello Pacifico, leader dell’Anief – è che si è consumata la metà di quel triennio, senza che l’Anief abbia avuto la possibilità di confrontarsi con la parte pubblica. L’ultimo appello era stato lanciato al ministro della Funzione Pubblica, Fabiana Dadone, durante l’incontro al ministero della PA con le Confederazioni sindacali. Ogni ulteriore ritardo, ormai, risulta inaccettabile. Per questo ci siamo rivolti alla massima rappresentanza del Governo, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, per chiedere di sbloccare una situazione che mina le libertà della rappresentatività sindacale e della democrazia garantite dalla Costituzione. Nel frattempo l’ufficio legale si è attivato per studiare la praticabilità di un ricorso d’urgenza che ci riconosci i diritti tutelati dalla legge”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Decreto sicurezza bis: accolte molte istanze sindacali

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 Maggio 2019

“Esprimiamo grande soddisfazione per quelle previsioni contenute nel Decreto sicurezza bis, per il quale è atteso oggi l’esame del Governo, con le quali sono state accolte molte delle istanze che l’Fsp Polizia di Stato ha sostenuto strenuamente in tutte le sedi istituzionali. Tutte le proposte finalizzate a irrobustire la tutela degli operatori della sicurezza in servizio di ordine pubblico sono assolutamente necessarie, oggi più che mai, per difendere l’integrità fisica e la dignità delle persone che vestono l’uniforme, la funzione che espletano, l’istituzione che rappresentano”. Lo afferma Valter Mazzetti, Segretario Generale dell’Fsp Polizia di Stato, nel giorno in cui dovrebbe approdare in Consiglio dei ministri il testo del “Decreto sicurezza bis” che prevede l’inasprimento delle sanzioni per i reati di devastazione, saccheggio e danneggiamento, commessi nel corso di riunioni in luogo pubblico, e maggiori tutele per gli operatori delle forze dell’ordine impiegati in servizio di ordine pubblico, con l’introduzione di nuove fattispecie delittuose, e la trasformazione di quelle che attualmente sono contravvenzioni in delitti, e conseguente inasprimento delle pene.“Si tratta di provvedimenti doverosi e urgenti – aggiunge Mazzetti – proprio alla luce della necessità di garantire la libera ma pacifica manifestazione del dissenso in un momento storico di grande e profonda dialettica sociale, considerato che, invece, ormai è triste prassi che le occasioni in cui ciò avviene si tramutino in situazioni di inaccettabile caos in cui la violenza gratuita si scatena su donne e uomini in divisa con gravissime conseguenze. Da troppo tempo continuiamo a denunciare l’inaccettabile trattamento che i colleghi sono costretti a subire, con l’unica colpa di svolgere il proprio dovere nell’interesse di tutti. Troppo lunga è divenuta la lista dei ferimenti, dei gravi oltraggi, dei massacri cui i poliziotti sono sottoposti a ogni manifestazione pubblica. Troppo assordante il silenzio in cui comportamenti delittuosi dei facinorosi che strumentalizzano la piazza si perpetuano, come fosse normale aggredire chi svolge un servizio d’ordine, anche solo cercando un contatto che, per legge, non deve esserci. Troppo evidente è l’atteggiamento di chi pensa che tutto questo noi dobbiamo sopportarlo solo perché vestiamo l’uniforme. I poliziotti non sono buttafuori da strada, non ci stancheremo mai di ripeterlo, ed è ora che si dia maggiore concretezza e severità alla risposta nei confronti di chi vede in noi il nemico contro cui scagliarsi. Rappresentiamo lo Stato ed è questa cosa che deve essere difesa, oltre ovviamente all’incolumità dei singoli che deve venire prima di tutto”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Commemorazione del XX settembre

Posted by fidest press agency su sabato, 18 settembre 2010

Roma 19 settembre alle 12,30, presso il monumento alla Breccia di Porta Pia, alla vera commemorazione del XX settembre laico e liberale. Contro ogni teocrazia e ogni fondamentalismo, per i diritti civili e politici, per la libertà di coscienza e di religione. Alla vera commemorazione della Presa di Roma promossa dal movimento Radicale hanno già aderito piu’ di 50 tra associazioni, forze politiche e sindacali. Al comizio interverranno parlamentari ed esponenti Radicali e degli altri soggetti che parteciperanno.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

No ai diritti sindacali dei militari

Posted by fidest press agency su martedì, 13 luglio 2010

Il 7 luglio scorso la Camera dei Deputati ha discusso una serie di mozioni presentate da tutti i Gruppi parlamentari sulle risorse destinate al settore della difesa; tra esse la mozione 1-00404 dell’On. Cicu (PDL). Nel corso dell’esame di questa mozione il gruppo di deputati del Partito Radicale, primo firmatario On. Maurizio Turco, aveva presentato l’emendamento 1-00404/2 che avrebbe impegnato il Governo ad estendere al personale militare il pieno godimento dei diritti sindacali. Di seguito il testo dell’emendamento radicale: “Nel dispositivo, al quinto capoverso, sostituire le parole: anche attraverso con le seguenti: estendendo al medesimo il pieno godimento dei diritti sindacali, nonché ad avviare».1-00404/2. Maurizio Turco, Beltrandi, Bernardini, Farina Coscioni, Mecacci, Zamparutti.” La stragrande maggioranza dei 503 deputati presenti si è espresso contro l’estensione dei diritti; l’emendamento in questione è stato infatti bocciato da tutti i gruppi parlamentari, sia di maggioranza che di opposizione (485 voti), con la sola eccezione di 9 deputati che si sono espressi favorevolmente per i diritti sindacali ai militari e di altrettanti che si sono astenuti.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »