Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 302

Posts Tagged ‘Slovenia’

Foibe: partecipazione a Basovizza presidente sloveno è evento storico

Posted by fidest press agency su venerdì, 12 giugno 2020

“Apprendiamo con soddisfazione che il prossimo 13 luglio il presidente della Repubblica slovena Borut Pahor andrà in visita alla Foiba di Basovizza insieme al Capo dello Stato Sergio Mattarella. Si tratta di un evento storico in quanto per la prima volta un presidente sloveno renderà omaggio a un simbolo della tragedia e dell’odio etnico che colpì migliaia di nostri connazionali, uccisi nelle foibe o costretti ad abbandonare per sempre la propria terra”. Lo dichiarano il presidente di Fratelli d’Italia al Senato, Luca Ciriani e il vicepresidente vicario dei senatori di FdI, Isabella Rauti.”Proprio nei giorni scorsi abbiamo presentato un’interrogazione al ministro Di Maio un’interrogazione proprio sulle questioni rimaste ancora aperte con le Repubbliche di Slovenia e di Croazia riguardo i diritti negati agli esuli istriani, fiumani e dalmati nonché ai loro discendenti. Chiedendolo con più forza di sempre perché il governo italiano ha deciso di dare alla minoranza slovena di Trieste il palazzo che oggi è dell’Università di Trieste e che cento anni fa ospitava l’Hotel Balkan e il Narodni Dom. Una concessione che causerà un esborso di oltre 10 milioni di euro e che vede, oltre alla nostra, l’opposizione di gran parte della popolazione triestina e delle associazioni degli esuli visto che alla minoranza slovena sono stati concessi, negli anni scorsi, numerosi immobili a Trieste tra cui, come risarcimento diretto per il palazzo dov’era il Narodni Dom, il Teatro Stabile Sloveno di via Petronio. Ora ci auguriamo che la notizia della visita del presidente sloveno presso il Monumento Nazionale della Foiba di Basovizza per commemorare i morti italiani nelle foibe e la tragedia dell’esodo, evento mai accaduto prima, renda possibile affrontare in un clima più disteso e costruttivo le tante questioni ancora aperte e soprattutto consentire che i diritti degli esuli e dei loro discendenti, finora negati, possano trovare il loro giusto e meritato riconoscimento”, concludono i senatori Ciriani e Rauti.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Italia-Slovenia: Rojc e Serracchiani incontrano ambasciatore Kunstelj

Posted by fidest press agency su venerdì, 31 gennaio 2020

La stabilità dei Balcani, la sicurezza sul confine, il tema della rappresentanza della minoranza linguistica slovena nel Parlamento italiano, il riconoscimento da parte dell’Unesco del territorio del Collio-Brda, la ricezione di TV Koper-Capodistria e la designazione della capitale europea della cultura a Gorizia-Nova Gorica o a Trieste/Pirano sono stati alcuni dei temi affrontati nel corso dell’incontro della sezione bilaterale di amicizia Italia-Slovenia, svoltosi oggi alla Camera dei Deputati, alla presenza dell’Ambasciatore della Repubblica di Slovenia a Roma Tomaz Kunstelj. A fare gli onori di casa il presidente della sezione bilaterale on. Luigi Matteo Bianchi, assieme all’on. Debora Serracchiani e alla senatrice Tatjana Rojc. Per Rojc, la stabilizzazione dell’area balcanica è il tema centrale per il futuro dell’intera Europa. La senatrice, espressione della minoranza linguistica slovena in Italia, ha inoltre evidenziato che sul tema della rappresentanza si sta lavorando per trovare una soluzione nell’ambito della nuova legge elettorale mentre ha fortemente sostenuto la candidatura di Gorizia-Nova Goriza a capitale europea della cultura perché “rappresenta un grande valore simbolico” . L’on Serracchiani ha evidenziato “l’importanza delle pattuglie miste sul confine italo-sloveno per garantire più sicurezza e gestire i flussi migratori” e ha sollecitato l’ambasciatore Kunstelj “a fare chiarezza sulle due candidature”, chiedendo quale delle due sia sostenuta dalla Slovenia. Serracchiani ha inoltre suggerito “la formazione di un gruppo di studio sul mercato del lavoro trasfrontaliero”. Entrambe le parlamentari del Pd del Fvg hanno ribadito l’importanza del riconoscimento da parte dell’Unesco del territorio confinario del Collio-Brda e la tutela del marchio della Ribolla gialla. Rojc ha inoltre avanzato “la necessità di sviluppare un rapporto tra le Valli della provincia di Udine e l’Alta Valle dell’Isonzo istituendo a tal fine una scuola superiore di lingue internazionali”. Inoltre, per Rojc è arrivato il momento “di un grande atto di pacificazione tra le due comunità nazionali attraverso la restituzione del Narodni dom, dato alle fiamme dagli squadristi nel 1920, e che dovrebbe avvenire in occasione del centenario, nel corso dell’incontro dei due Presidenti della Repubblica il prossimo 13 luglio a Trieste”.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

La rotta orientale dei migranti mi ricorda la Slovenia

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 luglio 2018

Considero la Slovenia, dal punto di vista storico, sullo stesso filone che ha segnato la penetrazione a oriente degli arabi. Mi riferisco al tempo in cui i turchi per la prima volta si spinsero nell’Adriatico, devastando le coste dalmate e le isole, sotto la guida del loro capo Alì Pascià. Fu allora che i cristiani ottennero una brillante vittoria nella battaglia navale di Lepanto il sette ottobre del 1571 ma non seppero sfruttarla adeguatamente tant’è che due anni dopo i veneziani accettarono una pace da vinti con i turchi rinunciando a Cipro all’Albania e alla Dalmazia. La Slovenia si affaccia sul mar Adriatico e confina con quattro paesi: Italia, Austria, Ungheria e Croazia. Ha una superficie di 20.250 Kmq., e una popolazione di due milioni di abitanti. Nel 1945 la Slovenia entrò a far parte della Repubblica federale socialista di Iugoslavia. La morte di Tito, nel 1980, innescò il processo di disgregazione politica ed economica dell’area.
Nel 1989 l’assemblea slovena avviò il paese verso l’indipendenza. Il 26 giugno del 1991 fu pro-clamata la sua autonomia.
La Slovenia è un’importatrice netta di prodotti agricoli e alimentari e concede ingenti sovvenzioni, soprattutto alle regioni di montagna. La transizione non ha posto problemi particolari giacché la maggior parte delle terre agricole erano già in mano ai privati, durante il regime comunista. L’industria è in prevalenza manifatturiera ma con un forte predominio dei prodotti di metallo. La struttura industriale, tuttavia, è relativamente statica. I settori più dinamici riguardano l’area di fabbricazione di attrezzature da trasporto ed elettriche, il settore tessile, quello della trasformazione alimentare e il turismo.
La Slovenia rappresenta un’altra faccia nella quale si compone la diversità dei paesi che si affacciano sul Mediterraneo. E’ uno degli stati che tra i primi è uscito dal socialismo reale ovvero da una logica di economia centralizzata e statalizzata.
Nel suo genere il marxismo è diventato un’altra ideologia, un’altra religione. Il suo inesorabile declino, dopo settanta anni di vita, ha evidenziato il fallimento politico ed economico, su scala mondiale, del sistema marxista-leninista. Non per questo il poi, nei paesi che hanno vissuto questa esperienza sulla loro pelle, si rivela un percorso agevole. Forse lo è, in un certo qual senso, per la Slovenia ma non per le altre consorelle dell’Est europeo o dei paesi a noi più vicini quali l’Albania e la Serbia.

Posted in Confronti/Your and my opinions, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Slovenia si prepara a festeggiare la prima Giornata mondiale delle api

Posted by fidest press agency su domenica, 13 maggio 2018

Il prossimo 20 maggio sarà celebrato per la prima volta il World Bee Day, la Giornata mondiale delle api riconosciuta all’unanimità dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite (ONU) lo scorso 20 dicembre. Questo successo è il risultato della cooperazione tra l’Associazione slovena degli apicoltori e la Repubblica di Slovenia e rappresenta uno dei più importanti successi diplomatici del Paese. Lo scopo principale di World Bee Day è cercare di sensibilizzare il pubblico globale sulla fondamentale importanza delle api e degli altri insetti impollinatori per l’umanità. Allo stesso tempo, questa è anche un’opportunità per esperti, politici, membri dell’economia e del pubblico in generale per discutere le sfide relative alla conservazione delle api e per definire attività specifiche che garantiscano la loro sopravvivenza.«La Slovenia è il primo paese verde al mondo secondo gli standard internazionali di Green Destinations e l’orgoglioso destinatario del premio National Geographic World Legacy nella categoria Destination Leadership – afferma Aljoša Ota, Direttore dell’Ente Sloveno per il Turismo in Italia – offre opportunità per una vacanza attiva nella natura, tra lussuose terme e ristoranti gourmet, ma è anche uno dei primi paesi al mondo ad offrire forme innovative e certificate di apitourism. Ecco perché si sta preparando con grande entusiasmo a questa prima celebrazione».
Per tutto il mese di maggio, vari eventi incentrati sulle api e sugli altri insetti impollinatori si terranno in diverse località della Slovenia. Le celebrazioni culmineranno nel periodo che va da venerdì 18 maggio a domenica 20 maggio, quando si terranno numerosi eventi politici e culturali di livello internazionale. La presentazione del Presidente della Repubblica di Slovenia sarà, infatti, seguita da un incontro di apicoltori sloveni vicino al villaggio di Breznica, nel Comune di Žirovnica. Gli apicoltori, le famiglie e tutti coloro che desiderano celebrare la Giornata mondiale delle api potranno anche visitare il cosiddetto Honey Village, dove i prodotti delle api e altri prodotti artigianali saranno disponibili per l’acquisto da oltre 80 stand. Inoltre, le persone saranno anche invitate a gustare specialità culinarie a base di miele provenienti da varie regioni della Slovenia.In occasione della celebrazione della Giornata mondiale delle api, inoltre, la Banca di Slovenia emetterà una speciale moneta commemorativa da 2 euro, in circolazione nella euro-zone a partire da metà maggio.L’autore del disegno della moneta, Janez Bizjak, ha cercato la sua ispirazione nel mondo delle api scegliendo come motivo un globo a forma di nido d’ape.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Alternanza scuola/lavoro in Slovenia: al via il progetto per gli studenti italiani

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 aprile 2018

Lingua Inglese, gestione di impresa e un pizzico di storia: da qualche settimana è partito un progetto di collaborazione tra la Slovenia e importanti istituti di istruzione superiore italiani, con l’obiettivo di sviluppare programmi di alternanza scuola/lavoro oltreconfine.
L’iniziativa è stata resa possibile grazie alla partecipazione del Gruppo Hit, operatore turistico sloveno che, oltre ad ospitare gli studenti nei suoi hotel di Nova Gorica e dintorni, collabora attivamente alla gestione dei corsi di formazione.
I primi gruppi sono stati organizzati tra febbraio e marzo dall’IIS Cipolla-Pantaleo-Gentile di Castelvetrano, in provincia di Trapani, per un totale di circa 100 studenti; altri gruppi sono partiti successivamente da Roma e Torino.
Ospiti dell’hotel Sabotin situato in Slovenia, a ridosso dell’Isonzo, gli studenti partecipano ad un corso intensivo di inglese, abbinato ad una serie di escursioni alla scoperta delle attrattive di carattere storico e naturalistico del territorio: Caporetto, con il Museo della Grande Guerra e il Sacrario Militare, le Grotte di Postumia e il castello di Predjama, fortezza del XIII secolo incastonata in una parete rocciosa alta più di 100 metri.
Sotto la guida di un tutor, i ragazzi toccano con mano anche i meccanismi organizzativi di un’azienda come il Gruppo Hit che, con oltre 2.000 dipendenti, si colloca al primo posto tra gli operatori legati al turismo e all’intrattenimento in Slovenia. Tra gli argomenti trattati: tecniche di problem solving, gestione delle risorse umane e rudimenti di marketing.
Suzana Pavlin, sales manager del Gruppo Hit, ha dichiarato: “siamo orgogliosi di essere parte attiva nell’ambito di questa iniziativa che avvicina prestigiose istituzioni scolastiche alla Slovenia, offrendo così agli studenti un esempio concreto di quel mercato globale con cui sempre più spesso saranno chiamati a confrontarsi”.

Posted in scuola/school, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ripopolamento ittico e innovazione

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 settembre 2015

triesteTrieste. Una splendida giornata di sole sta facendo da magnifica cornice a Fish Very Good – Il Salone organizzato da GAC FVG, cui capofila è Aries – Camera di commercio di Trieste. Migliaia di triestini e turisti hanno animato il salone sul Molo Audace dedicato al mare e ai suoi tesori tra workshop, scuola di cucina e opportunità di degustare il pesce ‘povero’ in modo nuovo e gustoso.Sul fronte degli approfondimenti di questa mattina l’incontro a cura di OGS ha presentato i risultati del progetto Trecorala, finanziato dal programma Interreg Italia Slovenia. È stato evidenziato il ruolo degli affioramenti rocciosi per il mantenimento della biodiversità. Le trezze, infatti, rappresentano luoghi ideali sia per il ripopolamento sia per il mantenimento dei riproduttori. Sono siti scelti dagli organismi che cercano un riparo, una tana sia per proteggersi dai predatori sia per deporre le uova.
Il tema è stato introdotto da Paola Del Negro di OGS, responsabile del progetto Trecorala, mentre Saul Ciriaco della cooperativa Shoreline, ha fatto vedere la ricca biodiversità ittica che popola gli affioreamenti, e Diego Borme di OGS ha descritto i risultati relativi agli effetti delle trezze sul mercato ittico e sulla dispersione dei molluschi di interesse commerciale.Modernità e innovazione nel settore della pesca sono state le protagoniste dell’approfondimento coordinato da Walter Macovaz, costruttore navale e già docente di disegno e laboratorio di costruzioni navali e da Paolo Richiardi, esperto di programmi di innovazione per la cantieristica. Il tema, particolarmente affascinante, ha avuto come protagonista il modellino di uno scafo in legno lamellare da 12 m, che il professor Macovaz propone quale moderno peschereccio a basso impatto sull’ambiente. “Una visione nuova per questo settore – ha detto Macovaz – che andrebbe a sostituire barche ormai anche con 40-50 anni di servizio sulle spalle e quindi costruite con tecnologie e attrezzature ormai obsolete. Motori e dotazioni elettriche ed elettroniche in grado di ottimizzare costi e risultati dell’attività di pesca”.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Parlamento sloveno vara rigorose misure economiche

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 maggio 2012

Български: Географска карта на Словения. Deuts...

Български: Географска карта на Словения. Deutsch: Topographisch. English: Map of Slovenia. An enlargeable topographic map of Slovenia. Italiano: Mappa della Slovenia. Bahasa Melayu: Peta Slovenia. (Photo credit: Wikipedia)

Anche la Slovenia vara un pacchetto di rigore finanziario. Il piccolo stato confinante con l’Italia non si sottrae alle misure di austerity in vigore un po’ in tutta Europa e, dopo aver approvato il fiscal compact (il patto di stabilità europeo), il Parlamento sloveno ha approvato con 49 voti (sui 90 complessivi) misure molto dure con tagli praticamente in tutti i settori e la diminuzione dei salari dei dipendenti pubblici del 4 per cento. Il tutto in una cornice di sostanziale pace sociale, grazie ad un accordo con la maggioranza dei sindacati che a loro volta che si sono impegnati ad astenersi da nuovi scioperi e proteste contro i tagli e le altre norme che ridurranno alcuni benefici nel settore pubblico. La manovra ha lo scopo di dimezzare il crescente deficit dei conti pubblici e fermare l’indebitamento estero, per ottenere un giudizio positivo delle agenzie di rating e della Commissione europea che ieri ha stimato un nuovo ciclo di recessione per la Slovenia e la diminuzione del Pil dell’1,4 per cento nel 2012. La manovra avrebbe anche il merito di frenare la crescita del debito pubblico sloveno al momento attestato al 48%. (Piero Tatafiore) (fonte AICCRE)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Slovenia: restituzione beni italiani: Interrogazione parlamentare

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 aprile 2012

“Il ministro degli Esteri sloveno, Karl Erjavec, ha chiesto a Giulio Terzi di Sant’Agata la restituzione dei quadri trafugati alla Slovenia dall’Italia prima e durante la Seconda Guerra mondiale. Tale richiesta ha dell’incredibile e del grottesco sotto tutti i profili. È necessario sapere quali siano le intenzioni del Governo sulla questione, se si sia già posto un netto rifiuto alle richieste slovene e in che modo si intenda fornire rassicurazioni al mondo degli esuli italiani dell’Istria”. È quanto si legge in un’interrogazione parlamentare presentata da Roberto Menia, promotore della Legge 92 del 2004 che istituisce il Giorno del Ricordo e Coordinatore nazionale di Fli, e firmata anche da Angelo Compagnon (Udc), Isidoro Gottardo (Pdl) e Alessandro Maran (Pd). “Va anzitutto detto – si legge nel testo dell’interrogazione – che si tratta di capolavori della scuola veneta dovuti a Vittor e Benedetto Carpaccio, Paolo Veneziano, Alvise Vivarini, Giovan Battista Tiepolo e altri autori, attualmente conservati presso il Museo Sartorio di Trieste, e che furono spostati (non certo «trafugati») tra il 1939 e il 1940, da Capodistria, Isola, Pirano a Roma, per essere preservati dai pericoli dell’incipiente conflitto”. “Va precisato che Isola, Pirano e Capodistria vennero cedute alla Jugoslavia solo con il trattato di Osimo del 1975 e che la Slovenia indipendente si è creata solo nel 1991, le parole del ministro sloveno appaiono, dunque, contrastanti sia con la storia sia con la logica”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Elezioni Balcani e Russia

Posted by fidest press agency su martedì, 20 dicembre 2011

English: THE KREMLIN, MOSCOW. With President-E...

Image via Wikipedia

Il 4 dicembre si sono svolte in Russia le elezioni parlamentari. Il partito di maggioranza Russia Unita del primo ministro Putin, ha registrato un forte calo di consensi ottenendo circa il 49% delle preferenze rispetto al 60% delle precedenti consultazioni. I partiti di opposizione (comunista e partito liberal-democratico) hanno registrato un incremento di voti superando la quota del 10% delle preferenze. Nonostante la flessione, Russia Unita mantiene la maggioranza relativa alla Duma pertanto il sostegno parlamentare al programma politico di Putin non è in dubbio.
1 Il sospetto di brogli elettorali ha scatenato aspre proteste. Mosca e San Pietroburgo sono state teatro di manifestazioni e proteste contro il governo, accusato di aver alterato i risultati delle elezioni a favore del partito di maggioranza. Conferme sulla possibilità di brogli vengono anche dagli osservatori internazionali. Gli Stati Uniti, tramite una dichiarazione del segretario di Stato Clinton, hanno sollevato interrogativi sulla effettiva trasparenza della tornata elettorale, generando una forte polemica con il premier russo, che accusa gli USA di fomentare le proteste nel paese.
2 La reazione delle autorità non è chiara. Il premier infatti ha inizialmente sottovalutato il peso delle proteste e, solo in un secondo momento ha deciso di affrontare l’argomento con i media. Putin tuttavia non ha fornito risposte chiare su come il governo gestirà la richiesta della popolazione di verificare brogli e di tenere nuove elezioni, diversamente dal presidente Medvedev che si è detto intenzionato a chiarire le presunte irregolarità ordinando un’inchiesta giudiziaria sulla questione. Una nuova manifestazione è prevista per il 24 dicembre nelle principali città russe e vedrà una partecipazione eterogenea: i rappresentanti dei partiti di opposizione, esponenti politici come Kudrin, l’ex ministro delle finanze rimosso da Putin dopo la critica al piano di spesa pubblica del premier e la società civile. Dopo questa data è atteso un calo della partecipazione al movimento legato a vari fattori (festività, fattori climatici, attesa dei risultati dell’inchiesta).
3 In sintesi. Nonostante il risultato delle elezioni, la stabilità del governo di Putin e la sua candidatura a presidente alle elezioni di marzo 2012 non sembrano in discussione, così come appare quasi certa la sua elezione. Molto probabilmente le elezioni presidenziali comporteranno un turno di ballottaggio, dato il crescente consenso che gli altri candidati stanno guadagnano. Al fine di ridurre il livello di tensione sociale e guadagnare consensi tra la classe media si attende che il governa introduca riforme di stampo liberale (ad es. finalizzate al potenziamento dei settori non-oil, al miglioramento del contesto operativo) senza tuttavia stravolgere la propria politica. La persistenza di instabilità politica potrebbe deteriorare il market sentiment e avere un impatto negativo sugli investimenti esteri nel paese. Dall’inizio dell’anno la Russia sta sperimentando un deflusso di capitali (secondo la banca centrale russa nei primi nove mesi dell’anno si è registrato un saldo netto pari a -40 miliardi di dollari) in parte riconducibile alla fase di incertezza vissuta dall’area euro, ma si teme che un peggioramento della percezione del rischio Russia possa accentuare ulteriormente questa tendenza.
4 Slovenia. Contrariamente alle previsioni le consultazioni elettorali hanno decretato la vittoria del partito della sinistra liberale, guidato da Zoran Jankovic, sulla coalizione di centro destra che guidava il paese. Jankovic, imprenditore e sindaco di Lubiana, ha fondato il partito “Slovenia Positiva” lo scorso novembre raccogliendo in meno di un mese consensi in particolare tra la classe media slovena grazie ad un programma di rilancio dell’economia e di riforma liberale dello stato. Il nuovo esecutivo dovrà includere necessariamente esponenti di una coalizione di centro sinistra dato che il partito SP non dispone di un’ampia maggioranza.
5 In sintesi. Il risultato elettorale conferma il desiderio di cambiamento della popolazione slovena di cui il leader di SP dovrà tenere conto. La mancanza di una maggioranza parlamentare e la necessità di includere nella compagine governativa partiti minori di orientamento social democratico toglieranno forza al piano riformatore di Jankovic. E’ probabile che questo rallenti l’iter di adozione delle riforme in programma (in particolare riforma della spesa pubblica e del sistema pensionistico) e un sostanziale stallo parlamentare nel corso del 2012.
6 Croazia Il partito di centro sinistra ha riportato una schiacciante vittoria elettorale dopo 8 anni di governo di centro destra nel paese. La coalizione social-democratica guidata da Zoran Milanovic ha ottenuto il 44% dei seggi anche grazie al calo dei consensi del partito avversario di centro destra, coinvolto in pesanti scandali di corruzione nei mesi scorsi. Il programma della sinistra croata è mirato ad una maggiore trasparenza ed efficienza del sistema politico e ad una migliore integrazione commerciale e politica con l’area europea, elemento chiave per il rilancio dell’economia croata al momento in stallo (PIL a -1,2% nel 2010 e 0,7% nel 2011). L’agenda di Milanovic non esclude tuttavia tagli alla spesa pubblica necessari per risanare i conti del paese.
7 In sintesi. La coalizione guidata da Milanovic gode di un’ampia maggioranza parlamentare, di una buona coesione tra i partiti membri e può avvantaggiarsi della scarsa credibilità dei partiti dello schieramento opposto, travolti da scandali legati ad episodi di corruzione. Questa situazione dovrebbe garantire al futuro premier una generale stabilità e l’adozione delle riforme presenti nel programma, alcune necessarie per l’ingresso nella UE previsto per il 2013).

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »