Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘smartphone’

Servizi a pagamento “abusivi” su smartphone e telefonini

Posted by fidest press agency su domenica, 7 gennaio 2018

A modern smartphone and a old classic cell phone side by side.

Ritorna più forte che mai il tema dei servizi a pagamento attivati abusivamente su smartphone e telefonini cui più volte noi dello “Sportello dei Diritti” abbiamo detto di prestare attenzione e fornito i consigli utili per evitare di cadere nella trappola o di uscirne, se incappati. Anche questa volta prendiamo spunto da un post della Polizia Postale pubblicato sulla sua pagina Facebook ufficiale “Commissariato di PS On Line – Italia”. Questo il testo dell’allerta lanciata da poche ore dalla Polpost corredata dallo screenshot del tipo di messaggio che può causare la perdita del credito telefonico o addebiti non desiderati in bolletta: “TEMPESTIVITA’. Non perdete tempo ma contattate immediatamente il vostro operatore telefonico ed esigere la disattivazione dei servizi a pagamento e la restituzione del maltolto”. Insomma, se ci troviamo il credito telefonico azzerato o addebiti per servizi non richiesti, è sufficiente contattare il nostro operatore telefonico per pretenderne la disattivazione e la restituzione di quanto indebitamente percepito dalle aziende che hanno attivato i servizi abusivi. Se non otteniamo il dovuto, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, si dovrà procedere con un reclamo formale contenente anche una diffida nei confronti della società telefonica e, in caso di mancata risposta o risposta insoddisfacente si potrà agire in giudizio previo tentativo obbligatorio di conciliazione. Per fare tutto ciò, potrete rivolgervi agli esperti della nostra associazione tramite i nostri contatti email info@sportellodeidiritti.org per valutare immediatamente tutte le soluzioni del caso per la vostra tutela.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Smart Headphone Sales to Reach 13.7 Million Units Annually by 2022, According to Tractica

Posted by fidest press agency su domenica, 3 dicembre 2017

SmartphoneSmart headphones present a new direction for headphones and personal audio devices. Until now, headphones have been limited to playing music, general audio, or providing noise cancelation features. Smart headphones combine the intelligence of a smartphone with the audio capabilities of headphones, and extend those capabilities beyond any personal audio device. Some of these smart capabilities include language translation, fitness and heart rate tracking, voice-based personal assistants, contextual location-based suggestions, environment-based noise suppression or audio enhancement, and gesture and touch-based control, among others.According to a new report from Tractica, worldwide smart headphone sales will experience rapid growth during the next several years, increasing from 833,000 units in 2016 to 5.6 million units in 2017, and rising further to 13.7 million units annually by 2022. By the end of that period, the market intelligence firm forecasts that smartphone headphones will represent a $2.2 billion annual market globally.“Despite all the smart features fueling the excitement about smart headphones, a lot still needs fixing in terms of basic functionality, such as reliable Bluetooth connectivity, comfort, and battery life,” says research director Aditya Kaul. “Most smart headphones only come with 2 to 4 hours of battery life on a single charge, and with a small form factor that needs to fit a lot of hardware, there tend to be issues with the bulk and comfort factor for extended periods of use. Also, it is not very clear what smart features are likely to be popular among end users, who for the most part, are looking for usability and sound quality as their top feature sets. For now, smart headphones are an interesting step forward for headphones, but their role in terms of the future of computing is yet to be determined.” Tractica’s report, “Smart Headphones”, examines the market trends and technology issues surrounding smart headphone devices and presents 7-year forecasts for unit shipments and revenue during the period from 2016 through 2022. Smart headphone applications and use cases are analyzed in depth, and the report also includes detailed profiles of 9 key industry players. Market forecasts, segmented by world region, include smart headphone shipments and revenue by application market and connectivity technology. An Executive Summary of the report is available for free download on the firm’s website.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’adozione di tecnologie integrate dà slancio alla crescita nell’ecosistema automobilistico

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 ottobre 2017

17305205-a05c-42d3-98d3-1c084fdd9e13La crescente diffusione di smartphone, servizi personalizzati, clienti esperti di tecnologia, digitalizzazione e progressi tecnologici nell’ambito di intelligenza artificiale, apprendimento automatico e biometrica sono tendenze che spingono il settore automobilistico a integrare le tecnologie di gamification nelle proprie strategie attuali. Inoltre, la convergenza di gamification e tecnologia sta fornendo ai produttori e ai fornitori di primo livello uno spazio interessante per sviluppare diverse forme di prodotti e servizi.L’analisi di Frost & Sullivan intitolata “Gamification in the Automotive Industry, Forecast to 2025” ha rilevato che il mercato registrerà un tasso di crescita annuale composto (CAGR) complessivo del 18.28% dal 2016 al 2025. Lo studio analizza le implicazioni dei concetti di gamification e l’influenza delle tecnologie avanzate sul settore automobilistico. Esplora le verticali chiave del settore rivoluzionate dalle tecnologie di gamification, le tendenze che guidano la gamification e il modo in cui la gamification è utilizzata all’interno del settore automobilistico.
Gli sviluppi e le tendenze delle tecnologie di gamification in ambito automobilistico sono:
Dispositivi indossabili, realtà virtuale, realtà aumentata, biometrica, riconoscimento dei gesti, superfici su cui disegnare, tecnologia rotoscopica, codici QR, proiezioni olografiche e applicazioni mobile e web basate su cloud sono alcune delle tecnologie chiave utilizzate nel settore automobilistico.
La biometrica è una delle tecnologie chiave che sta guadagnando terreno nel settore automobilistico. Tra le categorie biometriche in ambito automotive ci sono le informazioni e gli strumenti di analisi integrati (“built-in”; biosensori in ruote e sedili), portati dagli utenti (“brought-in”; smartphone, smartwatch, occhiai e braccialetti fitness) e basati sul cloud.
Case automobilistiche, fornitori di primo livello, operatori di mobilità e aziende tecnologiche si stanno focalizzando su tecnologie avanzate come autenticazione biometrica, intelligenza artificiale e apprendimento automatico.“A livello globale, Nord America e Europa sono in testa in termini di gamification in tutte le verticali del settore, in cui le tecnologie di gamification sono ampiamente utilizzate per manovre strategiche e scenari decisionali”, osserva Subramanian. “Nella regione Asia-Pacifico, la gamification è usata principalmente per il coinvolgimento sui social media e per scopi di training.”Lo studio “Gamification in the Automotive Industry, Forecast to 2025” fa parte del programma Future of Mobility Growth Partnership Service di Frost & Sullivan. (foto: Car Tech)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Smartphone app directs first responders to cardiac arrest three minutes before ambulance

Posted by fidest press agency su martedì, 20 giugno 2017

SmartphoneVienna, Austria. A novel smartphone application (app) has been developed that can direct first responders to cardiac arrest victims more than three minutes before the emergency services arrive. Each minute increases the chance of survival by 10%.
The EHRA First Responder App was created by the European Heart Rhythm Association (EHRA), a registered branch of the European Society of Cardiology (ESC).“Sudden cardiac arrest is lethal within minutes if left untreated,” said EHRA spokesperson Dr Christian Elsner. “In Europe, the emergency services arrive around nine minutes after a cardiac arrest. Every minute earlier raises the probability of survival by 10% and reduces the risk of brain injury, which starts four minutes after cardiac arrest.”If cardiopulmonary resuscitation (CPR) is initiated by a member of the public, this will in essence shorten the time between cardiac arrest and the urgently needed resuscitation measures. However, bystander resuscitation occurs in just of 30–60% of patients who have a cardiac arrest outside hospital.The EHRA First Responder App was developed to increase the rate of bystander resuscitation and reduce the time between cardiac arrest and resuscitation. Based on GPS tracking technology, the app is used by existing emergency services (reached in many countries by dialling 112) to locate trained “app rescuers” and then automatically direct them to the scene of cardiac arrest. The target is for an app rescuer to arrive three to four minutes after the cardiac arrest.In a typical scenario, after the cardiac arrest a bystander calls the emergency services. The operator dispatches an emergency crew and simultaneously locates nearby app rescuers. The nearest app rescuers are notified on their smartphones and the quickest responder is given directions, via the app, to the patient and then performs CPR. Other app rescuers can then additionally bring a nearby automated external defibrillator (AED).The app was tested in Lübeck, Germany, where around 600 app rescuers were recruited. In 36% of cardiac arrests an app rescuer arrived more than three minutes before the emergency services. App rescuers were recruited through a local media campaign and 70% were already medically trained. The 30% without medical training took a basic life support course and committed to retaking it every two years.“Recruitment of the app rescuers was no problem at all because people want to help,” said Dr Elsner.Project organisers are now asking emergency dispatch units (fire departments and hospitals) across Germany to connect to the app so that they have free access to the fleet of app rescuers. “The software has a standard interface and can be easily connected to most emergency alert systems in Europe in just a few steps,” said Dr Elsner. “We provide insurance for app users and we have a guarantee of data security from the German Department for Data Security in Schleswig-Holstein. ”Dr Elsner concluded: “Ultimately we will roll the app out across Europe. We hope to raise bystander resuscitation rates to 70–90% and for cardiac arrest patients to be resuscitated in three to four minutes on average. ”www.firstresponderapp.com

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cardiovascular nurses set to discuss how smartphones can improve continuity of care

Posted by fidest press agency su martedì, 18 aprile 2017

Sophia Antipolis. The use of smartphones to assist the continuity of care between hospital and community iSophia Antipoliss set to be discussed at EuroHeartCare 2017, which will be held 18 to 20 May in Jonkoping, Sweden, at the Spira Cultural Centre.
EuroHeartCare is the official annual meeting of the Council on Cardiovascular Nursing and Allied Professions (CCNAP) of the European Society of Cardiology (ESC). This year’s meeting is held in collaboration with the Swedish Association on Cardiovascular Nursing and Allied Professions (VIC).EuroHeartCare is the event to attend for cardiovascular nurses and allied professionals. More than 500 delegates are expected from over 40 countries. During the two-and-a-half day event, members of the press can get the results of cutting edge research from original scientific abstracts and gain insights into topical areas of nursing and cardiovascular care in state-of-the art lectures by renowned experts.
Journalists at the conference will hear about smartphone innovations for patients with cardiovascular disease. “Sophisticated wireless technologies are being developed for many aspects of care in the cardiac patient,” said Dr Gabrielle McKee, programme chair of EuroHeartCare. “Remote ECG and rhythm monitoring have the potential for patients to alert the hospital when arrhythmias or a heart attack occur. These technologies are easy to use, yet safe, efficient and accurate, and should lead to patients responding and receiving treatment more promptly.” “The amount of time patients stay in hospital is much, much shorter than it used to be,” said Dr McKee. “After a major cardiac event we give substantial educational information to patients but the chances are that they don’t take it all in. Smartphone technologies are enabling us to continue to educate patients, to monitor their risk factors and help promote goal setting, behavioural change and self-care in the long-term.”The origins of obesity will be explored by international leaders in a dedicated session. Dr McKee said: “It is thought that when we became farmers instead of hunters and gatherers this increased the risk of famine, and those with the genetic make up to lay down fat survived better. In today’s world, this adaptation plus the fact that we need less than half the calories of our forefathers, and that food has become more varied, appealing and calorific leave us at risk of eating more calories than we expend.” Members of the press will discover how behaviour change can address the obesity crisis. “We need to shift the focus away from just the weighing scales and kilograms towards developing new habits,” said Dr McKee. “For example not rewarding yourself with something to eat when something good happens. At the congress we’ll discuss exciting ways that are helping people to change their behaviour which leads to a healthier lifestyle and subsequent weight loss that can be maintained long term.”The use of mindfulness to improve mental health and wellbeing in cardiac patients is another hot topic. Journalists will get the most up-to-date research findings on this and other mental health strategies such as cognitive behavioural therapy for treating depression in patients with cardiac disease and heart failure.The theme “Team Work for Excellence in Cardiovascular Care” will be featured throughout the congress. A session on how to build a golden team strategy will show journalists how the multidisciplinary team delivers treatment for a heart attack within an hour from the onset of chest pain, referred to as the golden hour. One of the consequences of good health care and innovation is that we are living longer. Frailty is a growing issue that requires team work between cardiology and gerontology and will be discussed in a session on the new challenges in prevention and rehabilitation.Dr McKee said: “There are many challenges in today’s care that mean that team work including cardiologists, surgeons, nurses, physiotherapists and nutritionists is needed to reinforce self-care and prevention messages. This will help patients not only to feel ‘fixed’ after a treatment in hospital but aware and educated with a care plan to help prevent recurrence.”

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Referendum: La vittoria del No era preannunciata anche dalle App.

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 dicembre 2016

SmartphoneOgury, piattaforma di mobile data che permette di conoscere l’uso reale dell’intero dispositivo mobile di oltre 300 milioni di utenti nel mondo e 9 milioni di utenti in Italia, ha valutato i download delle app sul referendum, anticipando una possibile vittoria del No. L’applicazione “Costituendum” per il Sì è stata la più scaricata rispetto alle concorrenti “Io voto no” e “Comitato per il no”. Ma la “retention”, ossia per quanto tempo gli utenti hanno tenuto le app sul proprio smartphone, è stata migliore per quelle del No (72% di “Io Voto no” contro il 59% di “Costituendum”). L’app del Sì, infatti, proponeva domande sul referendum come fossero un gioco a punteggi con tanto di classifica finale. Però, una volta finito di giocare, veniva disinstallata. Al contrario, le App per il No erano di tipo più informativo, rivelandosi più utili per il cittadino simpatizzante del No.
“Non siamo esperti di politica” dichiara Francesca Lerario, Managing Director di Ogury Italia. “Ma abbiamo deciso di portare avanti questa analisi per dimostrare la nostra abilità nel capire con precisione ciò che le persone fanno con i propri smartphone. La nostra utenza infatti è ultra profilata” spiega Lerario, “e origina un network all’interno del quale siamo in grado di muoverci con totale precisione per assicurare i migliori risultati in termini sia di advertising, sia, come in questo caso, di ricerche”, conclude Lerario.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Indagine Internazionale ING Bank sul mobile banking

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 agosto 2016

SmartphoneIl 39% degli italiani in possesso di dispositivi mobili utilizza oggi i servizi bancari mobile, gestendo il proprio denaro tramite smartphone o tablet, un dato in crescita rispetto al 36% dello scorso anno. Tra questi il 75% afferma che l’utilizzo dei nuovi canali è in grado di migliorare la gestione delle proprie finanze.
È quanto emerge dalI’Indagine Internazionale ING sul Mobile Banking 2016 condotta da ING Bank su un campione di circa 15.000 risparmiatori in 15 Paesi in cui ING Bank è presente.
L’Italia si conferma al di sotto della media europea pari al 47%, mentre spiccano tra i Paesi che maggiormente utilizzano il mobile banking l’Olanda (63%), il Regno Unito (55%), Lussemburgo (52%) seguiti dalla Spagna (51%) e Austria (50%).
Tuttavia spicca tra gli italiani la forte propensione a passare al mobile banking nei prossimi 12 mesi: il 24% dei connazionali si dichiara infatti interessata passare ai servizi bancari digitali tramite smartphone e tablet nei prossimi 12 mesi, contro la media europea del 16% e il 10% di Australia e USA.La stragrande maggioranza di chi ha scelto di adottare il mobile banking ritiene che abbia cambiato in meglio il modo in cui gestisce il denaro: lo pensa il 75% degli italiani e il 71% degli europei. Relativamente ai benefici percepiti con il mobile banking il dato italiano, insieme a quello di Romania (72%), Polonia (75%) e Turchia (85%) si colloca al di sopra della media europea, ferma al 71%, a testimonianza che proprio i Paesi meno sviluppati lato online banking stanno progressivamente comprendendone i vantaggi.“La prima forma di risparmio è il controllo delle proprie risorse e la consapevolezza delle spese – commenta Sergio Rossi, Head of Marketing & Customer Centricity e Chief Innovation Officer di ING Bank Italia – Il mobile banking sta aumentando questa consapevolezza, con il 75% dei risparmiatori intervistati che si sente più “padrone” delle proprie finanze personali (50%), oppure è più puntuale nei pagamenti (23%), fino anche a risparmiare di più (21%). In ING parliamo di people empowerment, il processo con cui cerchiamo di rendere le persone sempre più autonome nella gestione delle proprie risorse economiche. Un esempio sono i nostri Financially Fit Test, un’alternativa semplice e immediata a complessi e sofisticati strumenti per il monitoraggio delle proprie finanze: brevi test di auto-consapevolezza finanziaria seguiti da suggerimenti e consigli immediati su come migliorarsi”.
Insieme alle abitudini dei consumatori cambiano anche i metodi di pagamento a loro disposizione: in Italia, infatti, il 66% del campione dichiara di aver usato molto meno contante durante l’ultimo anno e il 61% si dichiara propenso ad utilizzare molto di più i pagamenti tramite smartphone. Anche prendendo in esame nuove forme di pagamento come i bitcoin, gli italiani sembrano essere molto positivi, e nel 48% dei casi li considerano la nuova frontiera dei pagamenti. Molto più cauta la visione europea che registra percentuali del 33%.
Nonostante la facilità (45%) e la velocità (53%) riscontrate, prevale comunque un certo scetticismo nei confronti delle app di pagamento di operatori non bancari: il 75% degli intervistati ha, infatti, affermato di fidarsi più delle banche che dei gruppi come Google e Apple o dei social media, che comunque registrato un incremento significativo nell’ultimo anno: 16% complessivo rispetto al 9% dello scorso anno.
ING è un’istituzione finanziaria globale di origine olandese che offre prodotti bancari in più di 40 Paesi, con oltre 35 milioni di clienti e oltre 52.000 dipendenti. In Italia ING Bank è presente dal 1979 con la Divisione Wholesale Banking che offre servizi e finanziamenti a grandi imprese ed enti, e dal 2001 con la Divisione Retail ING DIRECT, la banca diretta leader in Italia per numero di clienti (oltre 1.000.000), la cui mission è quella di offrire a famiglie e risparmiatori prodotti semplici e trasparenti a condizioni economiche competitive. ING DIRECT propone oggi in Italia una gamma di prodotti mirata e completa: di pagamento, di risparmio, mutui, investimenti, assicurazione e prestiti personali.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lo smartphone batte il libro

Posted by fidest press agency su sabato, 23 luglio 2016

smartphoneSmartphone, tablet o computer non fa troppa differenza, al giorno d’oggi ben 7 italiani su 10 (72%) preferiscono passare il proprio tempo libero sulla rete piuttosto che davanti ad un buon libro. I dati diramati dalla Nielsen Company parlano chiaro: nel 2015 gli italiani hanno passato di media 50 ore al mese sulla rete, con un picco del 74%, ovvero 64 ore al mese a persona, nella fascia di età compresa tra i 18 e i 34 anni. Nel 72% dei casi, questo avviene attraverso dispositivi mobili utilizzati in qualsiasi momento della giornata, soprattutto nel tempo libero. E così il libro viene messo da parte a causa dello sviluppo tecnologico, ma non solo: infatti l’indolenza degli uomini verso la lettura (37%) e i numerosi impegni quotidiani delle donne (28%) li tengono alla larga da librerie e centri culturali. La maggior parte degli italiani ammette di non amare particolarmente i libri, perché leggere è ritenuta un’azione faticosa (57%), anche se un italiano su 2 (48%) dichiara di non trovare il tempo necessario per farlo. Secondo gli esperti l’educazione impartita dalla famiglia durante il periodo adolescenziale (54%) e la promozione culturale delle istituzioni sul territorio (47%) hanno un ruolo fondamentale per cercare di invertire questa tendenza negativa.E’ quanto emerge da un’indagine condotta da Libreriamo su circa 4000 italiani di età compresa tra i 18 e i 65 anni, realizzata con la metodologia WOA (Web Opinion Analysis) attraverso un monitoraggio online sulle principali testate di settore, social network, blog, forum e community dedicate al mondo della cultura e un panel di 60 esperti tra sociologi e psicologi per capire perché gli italiani non leggono più i libri.“Abbiamo deciso di fare questa indagine per capire quali sono i veri motivi che spingono gli italiani a non leggere – afferma Saro Trovato, sociologo e fondatore di Libreriamo –. Leggere è un’azione che richiede cuore, fantasia, immaginazione e tempo. La cosa che tutti dovrebbero avere chiara in testa è che la lettura è sinonimo di cultura, non può essere posta nel dimenticatoio. Saggi e romanzi devono essere visti come un momento di svago e non come una montagna da scalare. Smartphone e tablet hanno in parte sostituito i libri, ma se internet viene utilizzato nel modo giusto, può dare una spinta non indifferente al grande mondo della cultura. La famiglia svolge un ruolo fondamentale nella formazione culturale di un ragazzo e i genitori devono essere i primi a dare il buon esempio, nonostante conducano una vita stressante e piena di impegni”.Ma perché gli italiani non leggono? Molti reputano la lettura faticosa (57%). Sedersi alla scrivania, sdraiarsi sul letto o prendere il sole impugnando un libro, è ritenuto stancante per tutte le persone che non reputano il libro uno svago. Concentrarsi sul filo logico della trama e mantenere inalterata la concentrazione, sembra essere uno scoglio quasi insormontabile per gran parte delle persone. Ma non si tratta solo di leggere, molte volte le persone sono costrette a rinunciare ad un bel libro a causa della mancanza di tempo (48%). La vita frenetica del giorno d’oggi, l’incertezza ed i problemi familiari, lasciano poco tempo per ritagliarsi dei momenti di svago e relax, che spesso e volentieri vengono riempiti dallo smartphone o dal computer. Ma se prima era la televisione ed ora tablet e cellulari, film e serie tv (45%) continuano ad essere preferiti ad una buona lettura. E così fiction e programmi battono saggi, gialli e romanzi.“Il ruolo dei genitori e della scuola è importantissimo, perché i ragazzi e gli alunni avvertono perfettamente quando sei di fronte ad una persona che crede in quello che fa come la lettura – afferma Giuseppe Lupo, docente universitario di 20 Più libri più liberi 2009 foto MatteoMignaniLetteratura Contemporanea presso l’Università Cattolica di Milano -. Se hai genitori o maestri che credono in quello che fanno, di solito questo discorso viene trasmesso ai figli, anche se ci sono delle eccezioni. La scuola è l’anello di congiunzione tra un giovane ed i libri. In realtà gli italiani leggono i social, determinati testi che possono essere Facebook e Twitter. Internet ha allontanato gli italiani dall’idea di leggere una storia di 200 pagine: in realtà tu saresti disponibile a perdere tanto tempo non per quella storia, ma tante piccole cose su un cellulare. Perché? Sono messaggi forti, brevi, bruciati in pochi secondi. Ma se tu vivi della cronaca, la tua vita non si allunga, l’ideologia del tempo è frantumata”.Si legge poco in generale, ma tra uomini e donne ci sono grandi differenze. Ragazzi o padri di famiglia fa poca differenza, il grande limite del sesso maschile è l’indolenza (37%), ovvero la pigrizia di prendere in mano un libro. Non mancano i lettori assidui, ma sono gli uomini i primi a rinunciare alla lettura per qualcosa di meno impegnativo. Le donne invece sono costrette nella maggior parte dei casi a rinunciare alla lettura, per prendersi cura dei figli (28%) o per sbrigare i lavori casalinghi (28%). Allenamento di calcio per il ragazzino, corso di danza per la bambina, arrivare a sera a volte sembra essere un’impresa e per questo le passioni personali ne risentono. Il lavoro (24% lei, 23% lui) incide molto, ma anche la spesa dei libri ha il suo peso nelle scelte di una persona.Ma se il libro diventa tabù e non trova spazio nel quotidiano degli italiani, da cosa viene sostituito? Lo smartphone (72%) sembra avere monopolizzato la nostra attenzione. Nella pause lavorative, in tarda serata e purtroppo anche durante le lezioni a scuola, il cellulare ultra tecnologico sembra aver preso il posto non solo dei libri, ma anche della socialità. Se lo smartphone si trova in cima alle preferenze degli italiani, al secondo posto non poteva mancare il computer (67%). Amico fedele di grandi e piccini, passare delle ore davanti allo schermo del pc a navigare tra social e motori di ricerca, è un’abitudine che ormai ha contagiato tutti ed ha estromesso in parte il libro dal tempo libero. Guardare un film (56%) in televisione o proprio al computer, in streaming o in dvd è un altro passatempo che viene preferito alla lettura.A fronte dei dati raccolti sulle problematiche della lettura, secondo gli esperti cosa si deve fare per invertire la rotta e spingere gli italiani a leggere di più? Il futuro di un figlio dipende in gran parte dall’educazione impartita dai genitori (54%). Ma non devono essere solo le basi del bon ton a tavola o tra la gente. Educazione significa impartire lezioni di vita e permettere ai ragazzi di immagazzinare aspetti di grande ricchezza personale, come la cultura e di conseguenza la lettura. Allo stesso modo, ben il 47% sostiene che le istituzioni dovrebbero intensificare la promozione culturale. Non è di oggi la notizia che l’Italia sia uno dei Paesi che investe meno nell’Istruzione e nella cultura. E poi c’è la scuola (45%), fondamentale per la vita dei ragazzi, che deve essere la guida di un percorso fatto di stimoli e occasioni, che permetta ai giovani di amare i libri e tutta la loro ricchezza culturale.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Disturbo bipolare: diagnosi in ritardo di 6 anni. La soluzione smartphone

Posted by fidest press agency su lunedì, 4 luglio 2016

A modern smartphone and a old classic cell phone side by side.

A modern smartphone and a old classic cell phone side by side.

Uno smartphone può essere decisivo nel combattere il disturbo bipolare. E’ quanto è emerso dalla prima riunione del programma di ricerca internazionale Radar-Cns, che si è svolta a Brescia dal 15 al 17 giugno. Come ha spiegato il professor Giovanni De Girolamo dell’Irccs Fatebenefratelli di Brescia, che collabora al progetto, è stato scoperto che le persone che soffrono di un disturbo bipolare ottengono la prima diagnosi corretta ben sei anni dopo il primo episodio della malattia. Nel disturbo bipolare i primi trattamenti specifici sono assolutamente necessari in quanto il disturbo tuttavia può essere ottimamente trattato se diagnosticato in maniera appropriata. Gli studi effettuati nell’ambito di Radar, hanno dimostrato per la prima volta questo intervallo dei sei anni, che è dannosissimo e spiega perché un device elettronico possa essere decisivo. Il programma di ricerca Radar-Cns sta infatti esplorando il potenziale dei “dispositivi portatili” (come smartphone e braccialetti elettronici) nel prevenire e curare malattie come il disturbo bipolare, la depressione, la sclerosi multipla e l’epilessia. L’Irccs Fatebenefratelli di Brescia è tra le 24 istituzioni di ricerca impegnate in questo programma, finanziato con 11 milioni di euro e sostenuto dalla ‘Innovative Medicines Initiative’ (Imi) della Commissione Europea. Si tratta di un progetto volto a monitorare i sintomi e la qualità della vita dei pazienti, quindi anche a calibrare meglio i trattamenti, attraverso strumenti di valutazione continui che agiscono in ‘remoto’ (ossia a distanza dal centro clinico o dallo studio del medico), come smartphone e dispositivi indossabili: questi consentiranno di ottenere un quadro completo, ed in tempo reale, delle condizioni del paziente ad un livello di dettaglio in precedenza irraggiungibile. Inoltre, questo tipo di monitoraggio potrebbe far sì che il trattamento inizi prima che il quadro clinico del paziente si aggravi, prevenendo le ricadute o evitando che il paziente attenda un peggioramento delle proprie condizioni di salute prima di cercare un consulto medico.La collaborazione è guidata congiuntamente dal King’s College di Londra e dalla Janssen Farmaceutici, ed è finanziata, come si è detto, nell’ambito della ‘Innovative Medicines Initiative’ (un partenariato pubblico-privato creato tra la Federazione Europea delle Industrie del settore Farmaceutico, e l’Unione Europea) e comprende 24 istituzioni ed aziende provenienti da vari paesi d’ Europa e dagli Stati Uniti. Il programma riunisce esperti provenienti da diversi campi disciplinari, tra cui la clinica e la ricerca biomedica, l’ingegneria, l’informatica, le tecnologie informatiche e la biostatistica.
Radar-Cns è un programma di lavoro che – in linea con i principi alla base del lavoro in campo assistenziale dei centri dell’Ordine del Fatebenefratelli– coinvolge in prima persona i pazienti nella sperimentazione in oggetto. I pazienti saranno infatti chiamati a identificare i sintomi più importanti ed a consigliare i ricercatori sul modo migliore per attuare le tecnologie di misurazione e monitoraggio a distanza, in modo che tale innovazione – che pone ovvi problemi di privacy – sia per essi accettabile e coinvolgente. Ove possibile, si utilizzeranno le tecnologie più economiche e disponibili in tutti i Paesi, in modo che i risultati finali possono essere resi disponibili al maggior numero possibile di pazienti. Il programma di lavoro durerà fino al 2021.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Smartphone e braccialetti elettronici per curare depressione, sclerosi multipla ed epilessia

Posted by fidest press agency su martedì, 14 giugno 2016

Beautiful young  hipster woman using smart phone at beachBrescia. Il 15 giugno parte da Brescia il primo meeting degli 80 scienziati che vi lavoreranno dal 15 al 17 giugno. Consiste in un programma di ricerca Radar: 80 scienziati al lavoro su smartphone e braccialetti elettronici per curare depressione, sclerosi multipla ed epilessia. Il nuovo programma esplorerà il potenziale dei “dispositivi portatili” (come smartphone e braccialetti elettronici) nel prevenire e curare depressione, sclerosi multipla ed epilessia. La riunione inaugurale si terrà all’IRCCS Fatebenefratelli di Brescia che è tra le 24 istituzioni di ricerca impegnate in questo programma, finanziato con 11 milioni di euro e sostenuto dalla ‘Innovative Medicines Initiative’ (IMI) della Commissione Europea.
Si tratta di un progetto volto a monitorare i sintomi e la qualità della vita dei pazienti, quindi anche a calibrare meglio i trattamenti, attraverso strumenti di valutazione continui che agiscono in ‘remoto’ (ossia a distanza dal centro clinico o dallo studio del medico), come smartphone e dispositivi indossabili: questi consentiranno di ottenere un quadro completo, ed in tempo reale, delle condizioni del paziente ad un livello di dettaglio in precedenza irraggiungibile. Inoltre, questo tipo di monitoraggio potrebbe far sì che il trattamento inizi prima che il quadro clinico del paziente si aggravi, prevenendo le ricadute o evitando che il paziente attenda un peggioramento delle proprie condizioni di salute prima di cercare un consulto medico. La collaborazione RADAR-CNS è guidata congiuntamente dal King’s College di Londra e dalla Janssen Farmaceutici, ed è finanziata,nell’ambito della ‘Innovative Medicines Initiative’ (un partenariato pubblico-privato creato tra l’EFPIA, Federazione Europea delle Industrie del settore Farmaceutico, e l’Unione Europea); comprende 24 istituzioni ed aziende provenienti da vari paesi d’ Europa e dagli Stati Uniti. Il programma riunisce esperti provenienti da diversi campi disciplinari, tra cui la clinica e la ricerca biomedica, l’ingegneria, l’informatica, le tecnologie informatiche e la biostatistica.
I disturbi interessati sono la depressione, l’epilessia e la sclerosi multipla: disturbi ben distinti, con cause e sintomi diversi ma accomunati dal fatto che i pazienti spesso sperimentano periodi in cui i sintomi sono ‘gestibili’, seguiti da periodi di peggioramento e riacutizzazione (ricadute). Le indagini condotte su questi pazienti hanno più volte messo in luce la necessità di prevedere con esattezza il rischio di ricaduta e di migliorare i trattamenti che le prevenga. Secondo il co-leader del programma RADAR-CNS, Professor Matthew Hotopf, Direttore del Biomedical Research Centre NIHR del Maudsley Hospital a Londra «negli ultimi anni, la qualità e la quantità di dati che possiamo raccogliere utilizzando dispositivi indossabili e smartphone è letteralmente esplosa, e ora può consentire di migliorare l’assistenza clinica semplicemente fornendo informazioni più accurate. Ci può consentire anche di individuare quando un paziente sta peggiorando prima di una visita clinica». É il caso, ad esempio, di una persona affetta da depressione: il comportamento può cambiare anche molto prima che possano diventare evidenti le sue difficoltà – il sonno può peggiorare, la persona diventa inattiva, ecc. – : RADAR-CNS sfrutta l’enorme potenziale delle tecnologie “indossabili” per il monitoraggio di questi cambiamenti e quindi per migliorare la vita di milioni di persone che nel mondo sono affette da depressione, epilessia e sclerosi multipla.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Consumer Experience nell’era digitale

Posted by fidest press agency su domenica, 22 maggio 2016

A modern smartphone and a old classic cell phone side by side.

A modern smartphone and a old classic cell phone side by side.

Roma Mercoledì 25 Maggio 2016, ore 10.00 La Lanterna, Via Tomacelli 157.Il mercato degli Smartphone in Italia ha raggiunto la maturità avendo registrato tra i più alti livelli di penetrazione in Europa. L’adozione degli Intelligent Device legati all’Internet of Things è in aumento anno dopo anno con utilizzi che vanno dalla sicurezza nella propria abitazione al monitoraggio della salute, fino al supporto delle attività sportive; i dispositivi mobili, inoltre, stanno sostituendo PC e TV per accedere ai diversi contenuti e in particolare i video.La qualità del servizio è diventata una delle maggiori preoccupazioni dello Screenager e ciò offre nuove opportunità ai provider di comunicazione e intrattenimento. Di pari passo, anche l’attenzione e la preoccupazione per la condivisione dei propri dati personali sta crescendo sempre più, frenando l’adozione di nuovi servizi e Intelligent Device e ponendo l’attenzione sulle nuove politiche di sicurezza da adottare e sui nuovi metodi alternativi per proteggere i dati sensibili.
10.00 – 10.30 Accredito
10.30 – 10.45 Introduzione Antonio Nicita, Commissario, AGCOM
10.45 – 11.15 La rotazione digitale del mercato Michele Marrone, Senior Managing Director,  Accenture
11.15 – 12.00 Accenture Digital Consumer Survey 2016 Massimo Morielli, Managing Director, Accenture
12.00 – 12.45 L’evoluzione del sistema delle comunicazioni italiane e la consumer experience Marco Delmastro, Direttore del Servizio Economico e Statistico, AGCOM
12.45 – 13.00 Conclusioni Antonio Preto, Commissario, AGCOM
La partecipazione all’evento è gratuita.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

GranitePhone: A completely secured Smartphone

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 gennaio 2016

SmartphoneAs a result of an efficient collaboration (development completed in less than four months) between Archos Group (Archos and Logic Instrument) and Mirabilis (Sikur), the GranitePhone is entirely designed around Sikur’s security solution. The secured Smartphone is marketed by the Mirabilis Group in North and South America. Logic Instrument is a partner for EMEA.
Intended for users (consumer, professional and enterprise) wishing to protect the integrity and confidentiality of their communications, GranitePhone offers the highest level of security for voice, messages, data and instant messaging of all Smartphones available today.
The Center for Strategic and International Studies and McAfee estimated annual losses resulting from cyber-attacks close to 400 billion Euros. Smartphones are increasingly being used as gateways for hackers accessing user credentials or reading sensitive stored data, even if the devices are not connected to the network.
Thanks to Granite OS, the operating system developed by Sikur, the 5-inch Smartphone offers complete protection. Users can’t leave the Granite OS and they are tied to the preinstalled apps. There is no way to download applications from an App Store or install apps from an SD card. This ensures that no malware can infiltrate the system. In addition, the disabled GPS Tracking improves user privacy.
“We conducted a bug bounty program for the last eighteen months and we are the only company worldwide that has not been hacked yet!” Kenny Holroyd, Director of Sikur, said proudly.Loic Poirier, CEO of Logic Instrument, stated: “We expect to have delivered a significant volume by the end of March and Logic Instrument will distribute GranitePhone in Europe. We are proud to participate in the development, the production and the distribution of this high-value solution which both demonstrates our technological expertise and broadens our offer to our customers”.Lightweight (142g), ultrathin, powerful and elegant, it will appeal to those for whom secure communication is paramount, without sacrificing technology and design. The Smartphone features a 4G LTE module, a 16 and an 8 megapixels camera, a full-HD display, an 8-core processor, 2GB of RAM and 16GB of storage. (Photo: Smartphone)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Intelligent Mobility Ecosystem Leverages User-Focused Smartphone Business

Posted by fidest press agency su sabato, 14 novembre 2015

smartphoneLondon – 12 November, 2015 – The mobility ecosystem will draw inspiration from the user-interface oriented and service-driven, smartphone business model, to render car ownership an option for consumers. The subscription and user model of accessing vehicles will coexist alongside the traditional sales and ownership model, thereby enabling mobility-on-demand solutions for every commuting need. Even though a new analysis from Frost & Sullivan, The Future of Intelligent Mobility and its Impact on Transportation (http://ow.ly/TYZwL), expects a large fraction of vehicles-in-operation to still be manually driven in 2035, these vehicles will be far more intelligent than those of today. “The Automotive Council UK proposes the move from a siloistic approach towards an integrated approach to achieve the global transportation industry’s goals of safer, cleaner and leaner mobility,” said Frost & Sullivan Senior Research Analyst Kamalesh Mohanarangam. “Vehicle automation, cooperative driving, new mobility models, alternative propulsion, and traffic flow optimisation will be important elements in this pursuit.” For now, Europe is focusing on connectivity, automation and technology, while North America leverages an innovative and transformative solution built using transportation data collated through a system of connected vehicles, mobile devices and roads. Japan, on the other hand, is in the midst of a highly people-centric initiative that connects vehicles and traffic environments to alleviate the mobility hardships of an aging population. “These vigorous efforts towards an intelligent mobility era can be explained by considering the benefits that could be gained,” noted said Frost & Sullivan Senior Analyst Arunprasad Nandakumar. “Intelligent mobility holds the potential to achieve up to 40 percent crash reduction through effective incident management and enhanced collision avoidance. New transport modes like ride sharing/car sharing and rapid transits can also lead to 25 percent travel time savings in major cities and a slash in mobility spending by six billion dollars.” Furthermore, an intelligent mobility network could boost fuel savings due to the increase in average travel speed. The combined effect of this is an average reduction in travel stops by 40 percent and drop in CO2 levels by 15 percent. “Having said all this, the transportation industry still has a long way to go,” said Mohanarangam. “The biggest technological challenge the industry faces is to attain a near-human driving feel in automated mode. As algorithms written for the initial deployment of automated vehicles cater to conditional automation and cannot deal with complex scenarios, employing artificial intelligence seems crucial at this juncture.” The Future of Intelligent Mobility and its Impact on Transportation (MAF4-18) is part of the Future of Mobility (http://ow.ly/TYZYU) Growth Partnership Service program. Frost & Sullivan’s related studies include: European and North American Market for Automated Driving, European Market for Vehicle-to-Vehicle and Vehicle-to-Infrastructure Communication Systems, and Impact of Big Data on the European and North American Automotive Industry. All studies included in subscriptions provide detailed market opportunities and industry trends evaluated following extensive interviews with market participants. Frost & Sullivan, the Growth Partnership Company, works in collaboration with clients to leverage visionary innovation that addresses the global challenges and related growth opportunities that will make or break today’s market participants. Our “Growth Partnership” supports clients by addressing these opportunities and incorporating two key elements driving visionary innovation: The Integrated Value Proposition and The Partnership Infrastructure.
· The Integrated Value Proposition provides support to our clients throughout all phases of their journey to visionary innovation including: research, analysis, strategy, vision, innovation and implementation.
· The Partnership Infrastructure is entirely unique as it constructs the foundation upon which visionary innovation becomes possible. This includes our 360 degree research, comprehensive industry coverage, career best practices as well as our global footprint of more than 40 offices.For more than 50 years, we have been developing growth strategies for the global 1000, emerging businesses, the public sector and the investment community. Is your organisation prepared for the next profound wave of industry convergence, disruptive technologies, increasing competitive intensity, Mega Trends, breakthrough best practices, changing customer dynamics and emerging economies?

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’osteoporosi si combatte sullo smartphone

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 ottobre 2015

osteoporosiIn occasione della Giornata Mondiale dell’Osteoporosi il sito http://www.salutedelleossa.it – lanciato a metà settembre su iniziativa di SIOMMMS, SIMG, GIBIS, GISOOS e SIOT, ed il supporto non condizionante di Abiogen Pharma – si arricchisce di nuovi contenuti video dedicati all’osteoporosi, al ruolo della vitamina D nel contrastare questa malattia e al legame fra vitamina D e sole.
A illustrare questi temi un team di esperti.“La vitamina D gioca un ruolo fondamentale per la salute dell’osso e nella prevenzione dell’Osteoporosi – spiega il Prof. Umberto Tarantino, Presidente del GISOOS, Gruppo Italiano di Studio in Ortopedia dell’Osteoporosi Severa – Osteoporosi che colpisce 1 donna su 3 e 1 uomo su 5 e ha come complicanza le fratture. Oltre a dipendere da molteplici fattori di rischio non modificabili come il sesso, l’età o la menopausa, è causata da altri elementi “emendabili” come le patologie correlate, i farmaci, la mancanza di esercizio fisico, l’eccessiva magrezza o l’obesità.”“L’osteoporosi è una diminuzione della densità e della qualità dell’osso – osserva il Prof. Davide Gatti, Coordinatore regionale GIBIS Triveneto occidentale, Gruppo Italiano per lo studio dei BISfosfonati – L’apporto di vitamina D nel corpo avviene per il 20% circa attraverso l’alimentazione tramite i grassi animali, e per il restante 80% grazie all’azione dei raggi solari sulla cute. Alle nostre latitudini però il sole è in grado di esplicare questa funzione soltanto nelle ore centrali della giornata e per pochi mesi all’anno. Purtroppo questo porta la nostra popolazione a un rischio carenziale di vitamina D, esponendola a rischi non solo scheletrici ma anche muscolari.”“D’estate se ci esponiamo per 15 minuti, 30 minuti se abbiamo la pelle scura, abbiamo una corretta quantità di vitamina D. Questi tempi devono essere raddoppiati d’inverno – chiarisce il Dott. Iacopo Chiodini, Coordinatore della Commissione Riconoscimento delle Attività Cliniche della SIOMMMS, Società Italiana dell’Osteoporosi, del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro – Per esporsi correttamente alla luce solare, alle nostre latitudini, dobbiamo esporci a metà mattina o a metà pomeriggio durante l’estate senza utilizzare protezioni solari troppo elevate; per l’inverno l’orario migliore è invece a mezzogiorno.”Per verificare il proprio livello di esposizione settimanale ai raggi solari è stata sviluppata la pratica APP “Salute delle Ossa”, disponibile sia per iOs che Android: attraverso un diario settimanale interattivo sì può facilmente verificare se “abbiamo preso abbastanza Sole”. È possibile inoltre mettere alla prova le proprie conoscenze sul ruolo della vitamina D e accedere ad alcuni approfondimenti video realizzati dagli esperti del board scientifico. L’APP è scaricabile gratuitamente da http://www.salutedelleossa.it, iTunes e Google Play.Il sito http://www.salutedelleossa.it e l’App “Salute delle Ossa” fanno parte della campagna di informazione promossa da 5 società scientifiche di riferimento quali Società Italiana dell’Osteoporosi, del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro (SIOMMMS), Società Italiana di Medicina Generale (SIMG), Gruppo Italiano per lo studio dei BISfosfonati (GIBIS), Gruppo Italiano di Studio in Ortopedia dell’Osteoporosi Severa (GISOOS) e Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia (SIOT), resa possibile grazie al contributo incondizionato di Abiogen Pharma.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Commissione Europea. Tariffe di roming abolite e telefonate all’estero entro il 2015 senza costi aggiuntivi?

Posted by fidest press agency su sabato, 22 marzo 2014

smartphoneìDal 15 dicembre 2015 non saranno riconosciuti oneri per il roaming nell’Unione europea, e nessun costo supplementare per chiamate, inviare sms e navigare sul suo cellulare dall’estero, secondo un progetto approvato martedì dall’industria della Commissione europea.
La Commissione ha votato pacchetto il proposto dal Commissario per le telecomunicazioni Neelie Kroes, anche per rendere effettive le garanzie per la neutralità di internet.
I verdi e i socialdemocratici tedeschi hanno messo in guardia contro il fatto che è ancora possibile la discriminazione nell’uso di internet. Le tariffe per l’uso di un telefono cellulare o do uno smartphone all’estero erano già state oggetto di attenzione.
La Commissione competente del Parlamento europeo ha deliberato, quindi, che le tariffe di roaming dovrebbero essere eliminate. Ciò significa che le tariffe dovranno essere le stesse sia che ci si trovi nel proprio paese che all’estero entro il 2015. Contestualmente la Commissione ha anche votato il principio della neutralità della rete. Ciò significa che i fornitori di internet non potranno dare la preferenza al contenuto di alcuni inserzionisti. Attuando tale principio, quindi, si eviterà che le società di telecomunicazione non potranno più condizionare la rete rallentando o bloccando i servizi e le applicazioni dei loro concorrenti.Si tratta di notizie certamente positive che riguarda il campo delle telecomunicazioni per i consumatori europei per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, che si augura che le proposte della commissione siano rapidamente rese effettive affinché per la data prevista, appunto il 2015, ciascuno stato membro si adegui unitamente alle compagnie telefoniche e ai fornitori di servizi internet.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le vacanze si prenotano dallo smartphone

Posted by fidest press agency su martedì, 30 luglio 2013

Mobile App

Mobile App (Photo credit: mdurwin2)

Lo dice il principale portale di bed and breakfast in Italia, bed-and-breakfast.it, che rende noti i suoi dati di traffico da dispositivo fisso e mobile, e il volume di download delle proprie App per smartphone.
“I dati di frammentazione del pubblico parlano chiaro – dice Giambattista Scivoletto, fondatore del primo sito dedicato ai B&B in Italia – in soli tre anni gli utenti che accedono al nostro sito da smartphone o tablet sono passati da circa 20.000 (visite al sito da dispositivo mobile a luglio 2010) a oltre 500.000 (visite al sito da dispositivo mobile a luglio 2013), ovvero 25 volte di più.I dati sono ancora più eloquenti se si paragona il traffico da dispositivo fisso, che è aumentato di percentuali a sole due cifre. Se il numero di chi cerca e prenota un B&B per le vacanze da casa o dall’ufficio, dunque, cambia relativamente poco in un triennio, si moltiplica esponenzialmente, invece, quello di chi in lo fa in mobilità: a cena con amici, durante un aperitivo, in una pausa all’aperto o anche sui mezzi pubblici.Stesso trend segue il download delle app per smartphone che il sito mette gratuitamente a disposizione dei viaggiatori sugli store di App Mobile. “Il numero di download della nostra App Mobile è in costante aumento – dice Scivoletto – , tanto che attualmente, se guardiamo ad esempio l’App Store di Apple, la nostra è la 4a applicazione più scaricata nella sezione viaggi, accanto a colossi come TripAdvisor, Booking, Trivago… una bella soddisfazione per una piccolissima azienda tutta italiana come la nostra, e dedicata a un prodotto (il B&B) che fino a qualche anno fa era ancora classificabile come di nicchia”.Gli italiani, quindi, continuano ad andare in vacanza, nonostante la crisi?”È cambiato qualcosa nelle abitudini di chi va in vacanza – continua il fondatore di bed-and-breakfast.it: le risorse economiche sono diminuite, è innegabile, e come sappiamo il viaggio è tra le prime voci a essere depennata nel budget familiare. Tuttavia, il nostro prodotto (i Bed and Breakfast e le soluzioni di microricettività in generale) consente di tenere bassa la spesa per l’alloggio, e forse anche per questo è premiato, con un numero di prenotazioni che non vede, al momento, flessione. Dall’altra parte, però, assistiamo alla diminuzione del numero di giorni prenotati”. Si va in vacanza, quindi, almeno in estate, ma per periodi più brevi e con un occhio molto più attento a ogni voce di spesa.C’è chi la vacanza la pianifica, chi invece la offre. Chi sono e quanti sono i gestori dei B&B italiani e perché hanno deciso di investire in questa particolare formula di attività ricettiva?
“Attualmente i bed and breakfast italiani ammontano, secondo un rapporto che abbiamo pubblicato nel 2012, a circa 20.500, e il dato è in crescita: aumentano le famiglie italiane che decidono di convertire la seconda o la prima casa (quando esistono le condizioni) in bed and breakfast. Il dato si traduce in reddito integrativo per oltre 20.000 famiglie italiane e in una importante soluzione lavorativa per 40.000 persone, soprattutto donne. Gestire un B&B è non solo una attività divertente e remunerativa ma consente tra l’altro di ammortizzare le spese di gestione delle abitazioni di proprietà, cosa non da poco in tempi di crisi”.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Telematics Systems in Europe and Russia

Posted by fidest press agency su martedì, 4 dicembre 2012

The European automotive navigation market will witness a shift towards integration and a continual trend towards low-cost connected navigation, which will become a commodity.With Smartphone replication technologies, Smartphone-based navigation inside cars will dominate the market, serving all car segments. The eCall in Europe and ERA-GLONASS in Russia, which mandate automated emergency response systems in vehicles, will lead to Europe becoming one of the biggest markets for telematics systems and will offer Tier 1 suppliers and service providers the opportunity to expand their presence. An analysis from Frost & Sullivan (http://www.automotive.frost.com), Key Trends and Forecasts for Automotive Navigation and Telematics Services Market in Western and Eastern Europe and Russia, finds the market size in Europe for navigation systems – OE embedded, aftermarket embedded and portable navigation devices (PND) – will be 19.3 million units by 2016. Smartphone navigation subscribers will stand at 413.2 million and new telematics service subscribers will touch 5.2 million by 2016. For Russia, the market size for navigation systems is estimated to be 2.5 million units, smartphone navigation subscribers to be 4.4 million and new telematics service subscribers to be 415,000 by 2016.
Connected services like real-time traffic information and local search will arrest the slide of PNDs. PND manufacturers are already venturing into the OE business to offer low-cost in-dash solutions. But this is bringing them into direct competition with Tier 1 suppliers. Connected and value-added services will be pivotal factors influencing uptake of a navigation solution. Developing a low-cost portfolio in order to penetrate the mass market segment will also be a key focus area.
Key Trends and Forecasts for Automotive Navigation and Telematics Services Market in Western and Eastern Europe and Russia (M811) is part of the Automotive & Transportation Growth Partnership Services programme, which also includes research in the following markets: European and North American Automotive OEM Connectivity, Infotainment, and HMI Strategies, European and North American Automotive HMI Market and European and North American Markets for Display and Instrument Clusters. All research services included in subscriptions provide detailed market opportunities and industry trends that have been evaluated following extensive interviews with market participants.
Frost & Sullivan, the Growth Partnership Company, works in collaboration with clients to leverage visionary innovation that addresses the global challenges and related growth opportunities that will make or break today’s market participants.
KDP Select is adding a bonus of $1.5 million to the global fund for the holidays!
The bonus is on top of the regular monthly fund during the three-month period from December 2012-February 2013. December’s regular monthly fund is $700,000, plus $700,000 of the $1.5 million holiday bonus will be paid out for December, doubling the total amount available in December to $1.4 million. The remainder of the $1.5 million bonus will be paid on top of the regular fund in January and February. Remember, you will earn a share of the fund amount every time your book is borrowed from the Kindle Owners’ Lending Library on Amazon.com, Amazon.co.uk, Amazon.de and Amazon.fr. Plus, you can reach more readers worldwide than ever before with millions of new Kindles being opened this holiday season.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

IBM con l’acquisizione di Worklight punta sempre di più sul mobile

Posted by fidest press agency su sabato, 4 febbraio 2012

The eight-striper wordmark of IBM, the letters...

Image via Wikipedia

Con l’obiettivo di ampliare ulteriormente le funzionalità in ambito mobile di classe enterprise offerte ai clienti, IBM ha annunciato un accordo definitivo per l’acquisizione di Worklight, società a capitale privato con sede in Israele, che fornisce software mobile per smart phone e tablet. Non sono stati resi noti i termini finanziari. Con l’acquisizione, le offerte di IBM copriranno lo sviluppo, l’integrazione, la sicurezza e la gestione delle applicazioni mobili. Worklight diventerà un importante tassello della strategia di mobilità di IBM, offrendo ai clienti una piattaforma aperta per accelerare la distribuzione delle applicazioni mobili nuove ed esistenti a diversi dispositivi. Aiuta inoltre a garantire connessioni sicure tra le applicazioni di smart phone e tablet e i sistemi IT aziendali. In un recente studio condotto da IBM su più di 3.000 CIO globali, il 75 percento degli intervistati ha identificato nelle soluzioni per la mobilità una delle principali priorità di spesa.* Infatti nel 2011, per la prima volta in assoluto, il numero di smart phone consegnati ha superato quello totale dei PC.
IBM è quindi in grado di offrire un portafoglio completo di software e servizi specifico per le imprese – dai sistemi IT fino ai dispositivi mobili. Ciò è possibile grazie a un’approfondita conoscenza dei suoi clienti e delle loro esigenze IT in evoluzione nell’arco degli ultimi decenni. Oggi i 20 più importanti fornitori di servizi di comunicazione del mondo si affidano alla tecnologia IBM per la gestione delle applicazioni, mentre ogni giorno più di un miliardo di abbonati alla telefonia mobile entra in contatto con il software IBM. Worklight supporta applicazioni rivolte ai consumatori e agli utenti aziendali in una vasta gamma di settori, tra cui servizi finanziari, retail e assistenza sanitaria. Ad esempio, una banca può creare un’unica applicazione per offrire ai clienti funzionalità per collegarsi in modo sicuro al proprio conto, pagare le bollette e gestire gli investimenti, indipendentemente dal dispositivo utilizzato. Allo stesso modo, un ospedale potrebbe usare la tecnologia Worklight per estendere il suo sistema IT esistente e consentire a un paziente di inserire direttamente i dati sulla propria anamnesi, le allergie e i farmaci prescritti, utilizzando un tablet.
La connettività ubiqua offre alle imprese opportunità esclusive per migliorare i contatti con la propria base di clienti, interagire con utenti esterni e dipendenti in modo più efficiente, stimolare la produttività e raggiungere nuovi segmenti di pubblico. La strategia di IBM è offrire ai clienti una serie completa di software e servizi, necessari per inserire efficacemente i dispositivi mobili nella propria infrastruttura aziendale. Queste funzionalità comprendono:
· Creare e collegare applicazioni mobili: La crescita esplosiva dei dispositivi mobili ha determinato una frammentazione dello scenario che le imprese devono supportare, spesso con budget e competenze limitate. I tool per lo sviluppo e l’integrazione di IBM, completati da Worklight, aiutano i clienti a sviluppare applicazioni mobili, e le relative infrastrutture di supporto, per svariate piattaforme – tra queste Apple iOS e Google Android – una sola volta, offrendo al contempo funzionalità per la connessione sicura ai sistemi IT aziendali.
· Gestire e proteggere i dispositivi mobili: Con la crescente diffusione del trend BYOD (“Bring Your Own Device”), i reparti IT devono trovare un modo efficiente e sicuro per consentire ai dipendenti di usare i propri dispositivi mobili nel luogo di lavoro. Anziché implementare un’infrastruttura separata solo per tali dispositivi, le offerte di IBM aiutano i clienti a fornire un’unica soluzione in grado di gestire e proteggere con efficacia tutti gli endpoint. Queste funzionalità unificate si estendono ora dai server e laptop agli smart phone e tablet.
· Estendere le funzionalità esistenti e sfruttare le nuove opportunità di business: La rapida adozione del mobile computing esige inoltre che le organizzazioni estendano le funzionalità aziendali attuali ai dispositivi mobili, sfruttando al contempo le nuove opportunità che i dispositivi mobili sono in grado di fornire. Ad esempio, il software, i servizi e i framework di settore di IBM offrono ai clienti la possibilità di usare i dispositivi mobili per coinvolgere i clienti nelle opportunità di business in crescita, come applicazioni di business analytics, e-commerce e social business.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Tour di Roma in moto

Posted by fidest press agency su sabato, 4 giugno 2011

Roma. Gli appuntamenti sono due: un primo incontro gratuito giovedì 9 giugno alle ore 18:30 presso MotòBistrò, in Via Francesco Negri 9. Verrà presentato il libro ‘Geofilm Roma’ di Adriano Parracciani, spiegato il funzionamento della tecnologia QR e mostrate le clip dei film che si andranno a visitare.
Il tour di Roma in moto sui set cinematografici si svolgerà sabato 11 giugno alle ore 10:30. Il programma prevede: colazione, consegna del materiale e gadget, partenza – ognuno sulla propria due ruote – verso il primo dei vari set. La giornata si chiuderà a MotòBistrò con lo slide-show di tutte le foto scattate e la premiazione delle migliori. Il prezzo del tour è di 10 euro, che comprende: colazione, materiale, guida cinematografica, possibilità di partecipazione al concorso fotografico, premi e brindisi finale. Per partecipare è necessario solamente una moto
Una bella idea per trascorrere una giornata su due ruote a Roma, unendo la passione per il cinema e per questa straordinaria città. Grazie ai QR, i codici leggibili via smartphone (o, per chi preferisce, con la mappa fornita dall’organizzazione), si potranno raggiungere i set dove sono stati girati alcuni dei film più cult, con una guida che racconterà aneddoti sui vari episodi e la possibilità di partecipare al contest fotografico a premi abbinato al tour. Ognuno potrà infatti ricreare la location del film come attore protagonista, fotografando la propria scena ideale. Premio Oscar QR per il miglior attore (un casco Helmo Pelledura), la migliore attrice (un casco Helmo Pelledura) e migliore fotografia del contest.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’e-book multimediale per smartphone!

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 maggio 2011

“La novità del Salone Internazionale del Libro di Torino 2011? L’e-book multimediale per smartphone!” Historica Edizioni, la giovane casa editrice di Cesena fondata a soli 16 anni (nel 2008) da Francesco Giubilei, guarda dritta al futuro anticipando quelle che probabilmente saranno le tendenze del Salone 2012: nuovi media e nuovi linguaggi, dalla musica, ai video per arrivare all’e-book. Infatti, nel padiglione 1 stand F06 Historica Edizione (www.historicaedizioni.com) con la partnership di Otto Editore, propone ai visitatori della fiera due nuovi libri in formato EBM (Enhanced book): “Metro Milano” di Paolo Melissi e “Chi è Charlie?” di Francesco Giubilei (prezzo fiera €10,00 entrambi i racconti compresa chiavetta USB da 1 GB). Non semplici libri elettronici, non semplici audiolibri, ma un prodotto multimediale e multi sensoriale che racchiude testo, voce recitante, musica, video e riproducibile con dispositivi diversi, pc, prodotti apple ma anche su smartphone.
Presente per la seconda volta consecutiva, Historica Edizioni in quest’ultimo anno si è potenziata. Da ottobre scorso, ad affiancare alla guida Francesco Giubilei, classe ’92, un nuovo socio, Giorgio Regnani imprenditore modenese nel campo alimentare e grande appassionato di libri ed editoria, che ha dato nuovi impulsi nel progetto di espansione della casa editrice. La nuova struttura è cambiata nella veste grafica delle pubblicazioni ed è stata ampliata la distribuzione. Anche lo staff si è arricchito e attualmente consta di un editor, di un ufficio stampa, di un grafico, di un webmaster e una fitta rete di consulenti editoriali. Historica si propone di svolgere un attento lavoro di scouting alla ricerca di autori esordienti, con l’obiettivo di proporre un’editoria indipendente e di qualità.
La Historica Edizioni, nata nel 2008, ha all’attivo un catalogo di più di quaranta titoli. Pubblica una rivista letteraria; una collana di narrativa contemporanea; una di saggistica; una collana di racconti brevi, “Short cuts”, nata dalla collaborazione con lo scrittore Alessandro Cascio, è una collana per gente che va di fretta o forse per gente che ha più fame di storie di quante ne abbiano gli altri comuni lettori, dalle trame drammatiche, fantastiche, street, pulp, generazionali; una collana di racconti brevi “Celeris”, diretta da Francesco Giubilei, libri di narrativa, di genere e non, agili, veloci, che non rientrano nella linea editoriale di “Short cuts”; una collana di “Cahier di viaggio”, affiancata dai “Petit cahier”, diretta da Francesca Mazzucato; una collana di Cinema diretta da Massimiliano Spanu e Fabio Zanello; e lacollana “Gutenberg & Lumiere” che affronta il tema dell’influenza della letteratura sul cinema diretta da Giuseppe Mallozzi. Inoltre Historica è editore della rivista digitale Scrivendo Volo (www.scrivendovolo.it) dedicata agli amanti della scrittura e della lettura.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »