Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘soggetti’

Mappa dei conflitti

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 marzo 2011

Roma 28 marzo 2011, alle ore 12,00, a, presso la Sala del Carroccio del Campidoglio. La Mappa è stata elaborata dall’Osservatorio sui Conflitti e sulla Conciliazione, costituito nel luglio 2010 dai principali soggetti pubblici chiamati istituzionalmente a occuparsi di conflitti: Roma Capitale, Tribunale di Roma, Ordine degli Avvocati di Roma, Camera di Conciliazione di Roma, Ordine dei dottori Commercialisti ed Esperti contabili di Roma, Ordine provinciale dei Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Roma, O.R.ME.- Osservatorio sulla Responsabilità Medica. Il Rapporto raccoglie i dati relativi alle controversie giudiziali negli ultimi cinque anni, con particolare riferimento alle materie per le quali è stata prevista la mediazione obbligatoria, entrata in vigore lo scorso 21 marzo. A fronte di una complessiva riduzione di tutte le altre tipologie di contenziosi, dall’indagine emerge che l’unico incremento riguarda la responsabilità medica. Importante sarà quindi la convenzione tra l’Ordine provinciale dei Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Roma e la Camera di Conciliazione di Roma che sarà sottoscritta al termine della presentazione.Il Rapporto sarà illustrato dal Presidente dell’Osservatorio sui Conflitti e sulla Conciliazione, l’avv. Francesco Caroleo. Interverranno: Antonio Gazzellone (Consigliere Delegato Comunicazione istituzionale di Roma Capitale) e Rosaria Fattori (Responsabile Dipartimento Comunicazione-Tutela dei Diritti dei Cittadini di Roma Capitale),Paolo De Fiore (Presidente del Tribunale di Roma), Giuseppe Lepore (Presidente della Camera di Conciliazione di Roma), Antonio Conte (Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Roma), Mario Falconi (Presidente dell’Ordine provinciale dei Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Roma), Gerardo Longobardi (Presidente dell’Ordine dei dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Roma).

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Donazione alla mensa sociale

Posted by fidest press agency su martedì, 1 marzo 2011

Triggiano 2 marzo 2011 ore 20.30, Mensa Sociale – via Delle Mura, 30 – l’Associazione GEA – Giovani Energie Alternative – (www.geatriggiano.it) consegnerà ufficialmente in dono alla Mensa Sociale (via Delle Mura 30 – Triggiano) una cella frigorifera. È il primo risultato concreto dell’impegno di GEA nel sostenere, con spirito di servizio, lo sviluppo socio-economico della nostra Terra, con particolare riferimento ai soggetti svantaggiati. Nella consapevolezza che occorre porre al centro la persona nella sua totalità, coinvolgere i giovani e che ognuno può fare qualcosa per il Bene Comune. L’impegno è un valore imprescindibile che deve essere trasmesso alle giovani generazioni. Tale primo risultato dà conto dell’azione di GEA con l’auspicio che tale pratica possa essere condivisa sempre più in antitesi a modelli diseducativi dove l’impegno ed il merito non trovano la giusta collocazione. È importante insistere affinché soprattutto i giovani possano avere fiducia nelle proprie potenzialità. I fondi necessari sono stati raccolti attraverso un calendario “100% Made in Triggiano” per raccontare in modo simpatico luoghi, provocazioni, storie dedicate al Nostro Paese. Valorizzazione del territorio ed impegno sociale sono stati sintetizzati in un’unica iniziativa. Per l’occasione la signora Ketty Affattato, responsabile delle Mensa, offrirà a tutti coloro che hanno concorso all’iniziativa unafavolosa panzerottata. I giovani di GEA ribadiscono come la partecipazione di ognuno è fondamentale per contribuire ad uno sviluppo coerente e armonioso che non può prescindere, né può essere anteposto all’uomo deve, invece, porsi a servizio esclusivo dello stesso.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fondi Ue all’Italia per soggetti svantaggiati

Posted by fidest press agency su martedì, 31 agosto 2010

Dal 2007 al 2013, l’Unione europea ha predisposto uno stanziamento di 15 milioni  321 mila euro all’Italia attraverso l’FSE – il Fondo Sociale Europeo -, principalmente per l’inclusione sociale dei soggetti svantaggiati. I Rom, in particolare, sono coinvolti come possibili partecipanti di una serie di iniziative che rappresentano per l’Italia – così come per gli altri Stati membri – almeno il 27% del budget FSE complessivo. “A integrare i fondi dell’FSE all’Italia, sempre per gli stessi fini, sarebbero anche alcune iniziative del progetto europeo EQUAL, che avrebbe aumentato consistentemente i budget stanziati da progetti regionali e su base nazionale. Ma non è tutto,” proseguono gli attivisti, “perché oltre ai fondi europei per i Rom, risulta che il Governo abbia percepito negli ultimi tre anni consistenti somme anche per quanto concerne il progetto KNE, che dovrebbe ‘garantire e migliorare i processi di integrazione e inclusione sociale delle persone migranti arrivate nel nostro paese da un periodo massimo di cinque anni’. Secondo quanto affermato in una recente audizione alla Camera dei Deputati dal prefetto Mario Morcone, capo del Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione presso il Ministero dell’interno, l’Italia ha percepito inoltre un importo di 6 milioni 323 mila euro destinato a finanziare i rimpatri coattivi e volontari dei cittadini dei Paesi terzi per il 2010, di altri 6 milioni 223 mila euro destinati ai richiedenti asilo in Italia per il 2010 e di ulteriori 95 milioni di euro per il periodo 2007-2013 (di cui 6 milioni per il 2007, 8 milioni 500 mila per il 2008) destinati all’integrazione di cittadini terzi**. “Ci chiediamo” affermano Roberto Malini, Matteo Pegoraro e Dario Picciau, co-presidenti di EveryOne, “dove siano stati impiegati tutti questi soldi. Secondo le nostre stime, con budget del genere l’Italia in tre anni avrebbe potuto non solo risolvere definitivamente la problematica dei Rom, garantendo a tutti un progetto istruzione-casa-lavoro, ma altresì favorire la piena integrazione della totalità dei migranti extracomunitari bisognosi di protezione internazionale sbarcati nelle coste italiane dal gennaio 2010 a oggi. Sollecitiamo  deputati e senatori italiani a chiedere al Ministro degli Esteri Frattini e al Ministro dell’Interno Maroni di riferire urgentemente in Parlamento sull’impiego di tali fondi e sui risultati dei progetti di integrazione, visto che, secondo una nostra ricerca – depositata  alla Commissione europea e all’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite, nel corso di un nostro recente incontro a Ginevra – il Governo italiano e le Amministrazioni locali, dal 2007 a oggi, hanno impiegato ben 91 milioni 615 mila euro (oltre 83 mila euro al giorno!) per sgomberare insediamenti Rom di città medio-grandi, senza considerare i micro-insediamenti abusivi. Il Gruppo EveryOne ha infine richiesto oggi alla Commissione europea di aprire un’inchiesta nei confronti dell’Italia, per verificare se e come i fondi percepiti dal 2007 a oggi siano stati effettivamente impiegati per i fini cui erano destinati e, nel caso di errori o sprechi, di assumere le opportune misure atte a ristabilire procedure corrette nell’impiego di tali finanziamenti e, se necessario, di portare il caso all’attenzione della Corte europea.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Consulta del terzo settore

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 agosto 2010

Entro sabato 11 settembre 2010 tutte le organizzazioni di volontariato, le associazioni e gli enti di promozione sociale, gli organismi della cooperazione, le cooperative sociali, le fondazioni, gli enti di patronato e altri soggetti privati non a scopo di lucro che operano sul territorio potranno presentare la propria candidatura per diventare componenti della Consulta del terzo settore della Società della salute Valdarno Inferiore.La Consulta del terzo settore è uno strumento partecipativo previsto nello statuto della Società della salute in cui vengono rappresentati tutti i soggetti che, in maniera rilevante, sono presenti e operano sul territorio in campo sanitario e sociale. Fra le competenze assegnate, la Consulta esprime proposte progettuali per la definizione del Piano integrato di salute.I soggetti che volessero presentare o confermare la propria candidatura devono inviare a mezzo posta o recapitare a mano l’apposita scheda presso la Società della salute Valdarno Inferiore, viale II Giugno n. 37 a Castelfranco di Sotto. Per ottenere informazioni o copia del materiale necessario è possibile telefonare al numero 0571 702958

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Letta Pd: nei prossimi mesi ci giochiamo tutto

Posted by fidest press agency su sabato, 1 Mag 2010

«Nei prossimi mesi il PD si gioca tutto. Dobbiamo molto più coraggiosi sui contenuti e laici sulle alleanze. Dobbiamo, sui temi come nell’impostazione politica generale, contrastare ogni forma di conservatorismo, prima di tutto al nostro interno». Lo afferma Enrico Letta su «TreSeiZero», il magazine della sua Associazione TrecentoSessanta da questo pomeriggio on line su http://www.360mag.it/” href=”http://www.360mag.it/” target=”_blank”> www. 360mag.it.  «Negli ultimi 16 anni, siamo stati noi, con l’Ulivo e con la convergenza tra DS e Margherita – continua Letta – il riferimento dell’opposizione alla destra, il luogo nel quale sono state indicate le candidature e scelte le formule per l’alternativa. Oggi, a maggior ragione dopo quanto sta accadendo, questa centralità rischia di essere insidiata da soggetti esterni al bipolarismo tradizionale, da movimenti estemporanei ma organizzati e da nuovi (o presunti tali) astri nascenti della politica nazionale. L’affermazione della lista di Grillo in Piemonte e in Emilia lo dimostrano. «Possiamo – si chiede infine –  recitare noi, quando si voterà, la parte dell’agnello sacrificale, esattamente come fece la sinistra radicale con Bertinotti nel 2008, quando gli elettori capirono che quella proposta era funzionale solo a riportare in Parlamento un gruppo dirigente e non a sconfiggere le destre e per questo la bocciarono sonoramente? No, evidentemente non è ciò che vogliamo».

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Personale John F. Simon Jr.

Posted by fidest press agency su martedì, 16 febbraio 2010

Torino 6 marzo inaugura alla Galleria Glance Via San Massimo 45 (interno cortile), la prima personale italiana dell’artista americano John F. Simon Jr.  Alcune sue opere sono collezionate dal Guggenheim Museum di New York, dal Whitney Museum of American Art e dal Museum of Modern Art di San Francisco fino ad arrivare alla recente retrospettiva presso la prestigiosa Collezione Maramotti di Reggio Emilia.  Simon, inizialmente influenzato dal lavoro di artisti come Paul Klee e Sol LeWitt, è ora conosciuto in tutto il mondo per la sua particolare interpretazione della software art, capace di utilizzare le proprietà uniche dei media digitali approfondendo i concetti di forma, composizione e colore. E così le sue opere possono essere considerate dipinti digitali, soggetti unici, in divenire e in costante movimento. L’importanza dello spettatore all’interno del processo creativo è data dal titolo stesso della mostra: riverrun, il neologismo introdotto da James Joyce (era la prima parola del suo romanzo Finnegan’s Wake) che può essere tradotto come acqua che scorre, ma che rappresenta in realtà un unico termine per indicare al contempo l’autore dell’azione compiuta, l’azione stessa e l’oggetto su cui ricade l’azione. La mostra è visitabile gratuitamente dal 6 marzo al primo maggio. (grasp)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“No” al mais MON 810

Posted by fidest press agency su sabato, 13 febbraio 2010

La sentenza del Consiglio di Stato – dichiara Paolo Landi Segretario Generale Adiconsum – che ha accolto il ricorso proposto dal Vicepresidente di Futuragra di poter liberamente coltivare mais transgenico ha riacceso la polemica troppo spesso sterile, tra i sostenitori e non degli Ogm, senza che i riflettori vengano puntati sulla totale assenza del piano di coesistenza tra coltivazioni Ogm e le coltivazioni tradizionali. Adiconsum – continua Pietro Giordano, Segretario Nazionale – ritiene che la questione debba essere affrontata con una reale concertazione tra le istituzioni, le associazioni dei consumatori, ambientaliste e di tutti i soggetti della filiera agroalimentare. In questo senso nei prossimi giorni chiederemo un tavolo di confronto presso il Ministero, con tutti i soggetti interessati.Adiconsum – continua Giordano – ritiene che le Regioni debbano procedere alla definizione dei piani di coesistenza convocando tutti i soggetti interessati, ivi comprese le associazioni dei consumatori. Futuragra, inoltre secondo Adiconsum, non può rivendicare  per i propri iscritti il diritto alla libertà di coltivare Ogm senza tenere conto che: •  in assenza di validi piani di coesistenza, la libertà di coltivare Ogm di fatto limita la libertà di produrre secondo i metodi tradizionali o utilizzando altri metodi quali l’agricoltura biologica (rischio di contaminazione); • in molti altri Paesi europei (Austria, Francia, Germania, Grecia, Lussemburgo e Ungheria) il Mon 810 è stato bandito; • nel corso dell’insediamento per il prossimo semestre alla presidenza della Commissione europea, il presidente Barroso ha dichiarato che è in corso di elaborazione una proposta sull’autodeterminazione degli Stati membri di decidere se consentire o meno colture Ogm; • non è possibile assumere tali decisioni senza tenere conto del parere della larga maggioranza degli italiani che non vuole consumare né coltivare prodotti transgenici.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Essere anziani in Italia

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 dicembre 2009

(Centro Maderna) Gli anziani e coloro che li accudiscono si trovano spesso ad affrontare tre classi di problemi. Anzitutto, queste persone sono in genere poco informate sulla reale ampiezza dei servizi disponibili nelle diverse situazioni di bisogno che si possono loro presentare. In secondo luogo, la rete dei servizi sociosanitari costituisce un complesso arcipelago, in cui non è sempre facile orientarsi. Infine, la terminologia utilizzata nel settore è spesso di difficile comprensione per i non addetti ai lavori.  Questo manuale aiuta a superare questi problemi di vita ordinaria e fornisce elementi alla valutazione delle possibili scelte. I suo primi destinatari sono pertanto gli anziani, i loro famigliari e i badanti. Esso però è stato pensato anche per tutte le categorie di soggetti che, a vario titolo, intervengono nell’organizzazione ed erogazione dei servizi sociali e sociosanitari: operatori; medici e infermieri; aderenti alle associazioni di ascolto, tutela e volontariato; funzionari della Pubblica Amministrazione; gestori e direttori di servizi per anziani; rappresentanti sindacali, assessori, ecc.  Antonio Monteleone, “Essere anziani in Italia. Dizionario sociosanitario essenziale di situazioni & parole”, Edizioni Ares, Milano, 2009, pp. 448, euro 28.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fondo di garanzia per i nuovi nati

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 novembre 2009

Tutte le famiglie che hanno un bambino nato o adottato nel 2009, 2010 e 2011 possono chiedere un prestito garantito di 5.000 euro a tassi agevolati. L’iniziativa è diventata operativa con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del relativo regolamento. Le risorse finanziarie stanziate sono circa 85 milioni di euro per il triennio; il decreto definisce le modalità per richiedere il prestito e attivare il Fondo di garanzia. Sono ammessi alla garanzia del Fondo le operazioni di finanziamento a favore dei soggetti esercenti la potestà genitoriale; nel caso di potestà o affido condiviso è consentito un solo prestito. I finanziamenti hanno una durata non superiore a cinque anni. Possono effettuare le operazioni di finanziamento garantite dal Fondo le banche e gli intermediari finanziari. La garanzia del Fondo è concessa nella misura del 50 per cento del finanziamento ed è incondizionata, irrevocabile ed a prima richiesta. L’ammissione delle operazioni di finanziamento alla garanzia del Fondo avviene esclusivamente per via telematica, con le seguenti modalità: il finanziatore, raccolta la documentazione attestante il possesso dei requisiti per ottenere il finanziamento, comunica al gestore la richiesta di attivazione della garanzia del Fondo per i finanziamenti previsti; il gestore assegna alla richiesta un numero di posizione progressivo, secondo l’arrivo della richiesta, verifica la disponibilità del Fondo e comunica al finanziatore l’avvenuta ammissione alla garanzia del Fondo; il finanziatore, a pena della sospensione della facoltà di operare con il Fondo, comunica al gestore l’avvenuto perfezionamento dell’operazione di finanziamento ovvero la mancata erogazione del finanziamento entro sessanta giorni lavorativi dalla richiesta.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sito Unesco di Roma

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 settembre 2009

E’ stata approvata dalla Giunta comunale, su iniziativa del Vicesindaco di Roma, sen. Mauro Cutrufo, la delibera che individua nel Comune di Roma l’unico “soggetto referente” tra tutti quelli che hanno competenza sul sito Unesco “Centro Storico di Roma, le proprietà extraterritoriali della Santa Sede nella città e San Paolo Fuori le mura”. L’intesa è stata acquisita  a seguito della riunione indetta dal vicesindaco Cutrufo, alla quale hanno preso parte i rappresentanti di tutti i soggetti competenti: Comune di Roma, Regione Lazio e Ministero per i Beni culturali e le Attività culturali (con la Direzione Regionale e la Soprintendenza Beni culturali e paesaggistici del Comune di Roma , il commissario delegato  per la realizzazione degli  interventi urgenti nelle aree archeologiche di Roma e Ostia Antica) e Vicariato di Roma.  Il sito “Centro Storico di Roma, le proprietà extraterritoriali della Santa Sede nella città e San Paolo Fuori le mura” è stato dichiarato  dall’Unesco come patrimonio mondiale  dell’umanità nel 1980. Per la tutela, la conservazione e la valorizzazione di tale sito è necessario redigere un Piano di Gestione che individui le azioni strategiche e gli interventi operativi  da mettere in essere. Il Ministero dei Beni Culturali ha previsto  la possibilità di erogare finanziamenti finalizzati alla redazione del Piano di Gestione,  con presentazione delle domande entro 30 settembre 2009, subordinando l’erogazione dei finanziamenti  alla  formalizzazione, già prevista dalla legge 77/2006,  di una intesa tra i diversi soggetti istituzionali competenti e l’individuazione di “un soggetto referente” e di un soggetto “responsabile del progetto”. “Tale intesa, che riguarda l’enorme patrimonio archeologico – culturale dell’intero centro storico di Roma – ha detto Cutrufo – rappresenta una svolta per la nostra città e un significativo momento di collaborazione e di disponibilità tra le diverse Istituzioni competenti, per individuare congiuntamente gli interventi e le azioni necessarie alla salvaguardia e alla valorizzazione di una risorsa che tutto il mondo ci invidia”.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Valeriana per un sonno di qualità

Posted by fidest press agency su domenica, 13 settembre 2009

L’Osservatorio AIIPA (Associazione Italiana Industrie prodotti Alimentari) segnala uno studio scientifico pubblicato su Holistic Nursing Practise, che evidenzia il ruolo dell’estratto di Valeriana Officinalis, sulla qualità del sonno. La ricerca ha coinvolto 42 persone sane con problemi di insonnia, suddividendole in due gruppi: uno trattato con estratto di Valeriana Officinalis e uno un placebo. Per due notti consecutive i soggetti sono stati sottoposti ad esame elettroencefalografico e alla compilazione di un questionario per valutare in maniera soggettiva la qualità del proprio sonno. La prima notte i controlli sono stati svolti senza assunzione di alcuna sostanza, la seconda notte sono stati ripetuti a seguito della somministrazione del placebo e dell’estratto di valeriana. Dall’analisi dei questionari è emerso che i soggetti che avevano assunto l’estratto di valeriana riferivano una migliore qualità del sonno: in particolare l’efficacia trattamento era stata considerata “buona” o “molto buona” nel 66% dei pazienti che avevano assunto la valeriana, rispetto al 26% dei soggetti trattati con placebo. Le proprietà dell’estratto sono dovute al contenuto dei valepotriati, dell’acido valerico e dei suoi derivati che vantano una blanda azione sedativa.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Piano integrazione rom milanesi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 settembre 2009

Fare credito ai rom per aiutarli a comprare una casa regolare e a trovare lavoro. E’ questa la proposta della sindaca Letizia Moratti. Un piano che prevede la chiusura dei quattro campi meno gestibili – tra cui quello di via Triboniano -, l’espulsione degli indesiderati e l’avviamento dei restanti verso una vita più socialmente integrata. L’idea però ha generato più di qualche perplessità nel Ministro della Difesa Ignazio La Russa, e non va giù neanche al Carroccio. E sì che il mittente del fondo di garanzia è il Ministero dell’Interno, notoriamente di guida leghista. L’impresa è più difficile di quel che appare. Non solo l’ostruzionismo politico interno, ma bisogna superare anche la logica dei campi; convincere, in altre parole, famiglie a cambiare uno stile di vita radicato da secoli. La proposta appare senz’altro coraggiosa e trova apprezzamento in Annalisa Martino, responsabile milanese dell’Italia dei Diritti: “Ritengo il piano di integrazione dei rom milanesi una sfida di civiltà che, per quanto venga dalla Moratti, non posso che accettare di buon grado. Mi compiaccio del fatto che ci siano queste punte più progressiste, più aperte a un discorso di integrazione. Questo però deve sempre fare i conti con frange più estremiste che sono invece contrarie. Tutto questo potrebbe anche essere visto come un tentativo di dare un’immagine più dignitosa della città in vista dell’Expo – aggiunge con una punta di malizia la rappresentante milanese del movimento presieduto da Antonello De Pierro – ma se anche ci fosse una motivazione di questo tipo si avrebbe comunque una ricaduta positiva in termini di integrazione. Sono certa che a fronte di una maggiore dignità riconosciuta a questi soggetti corrisponderebbe tutta una serie di conseguenze in termini di etica del lavoro e di responsabilità civile. L’attuale situazione di precarietà lavorativa viene anche da una precarietà abitativa, la cui risoluzione potrebbe essere decisiva per l’effettiva integrazione di questi individui. Benvenga dunque un provvedimento simile”.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bollette telefoniche gonfiate

Posted by fidest press agency su martedì, 30 giugno 2009

Nel settembre 2007 denunciammo l’ambiguo ruolo di Elsacom nelle truffe che, tramite i numeri satellitari, per anni hanno gonfiato le bollette telefoniche degli italiani. Elsacom (controllata da Finmeccanica, a sua volta controllata dal ministero dell’Economia e delle Finanze) per anni ha concesso l’uso delle ‘proprie’ numerazioni satellitari (0088 18 e 0088 19), pur consapevole dell’uso truffaldino che ne veniva fatto da soggetti terzi. Nell’ottobre dello stesso anno, tramite l’onorevole Donatella Poretti (Rnp), viene presentata un’interrogazione parlamentare agli allora ministri competenti, Tommaso Padoa Schioppa (Economia) e Claudio Gentiloni (comunicazioni). Nessuna risposta. Nel giugno 2008 il quesito viene riproposto al ministero dello Sviluppo economico (che ha inglobato il ministero delle Comunicazioni) e dell’Economia dai senatori Donatella Poretti e Marco Perduca, Radicali-PD. Ad oltre un anno di distanza, giunge la risposta del vice-ministro alle Comunicazioni, Paolo Romani. Romani ripercorre le mosse che, non tanto il dipartimento alle Comunicazioni (cui spetta la potesta’ regolatoria ai sensi del Decreto ministeriale 145/2006), quanto l’Autorita’ per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) ha compiuto per porre freno al fenomeno delle bollette gonfiate, fermando il suo excursus ad un anno fa, quando fu deciso che dal 1 ottobre 2008 tutti i numeri speciali sarebbero stati disabilitati in automatico da tutte le utenze fisse. Nel frattempo pero’ la delibera dell’Agcom che imponeva questo blocco è stata bocciata, perche’ la competenza a normare sui numeri speciali era del Governo, e non dell’Agcom. Cosi’ dal primo luglio 2009 i numeri speciali saranno riabilitati. La risposta all’interrogazione conferma i piu’ cattivi pensieri sull’operato del Governo e non sappiamo se attribuire l’ignavia a cattiva fede, cialtroneria o incancrenita burocratizzazione delle stanze ministeriali in cui agisce Romani. Perche’ rispondere ad un’interrogazione dopo un anno, senza rispondere alla domanda degli interroganti e senza accorgersi cosa sta accadendo nel proprio cortile, e’ roba da governanti senza qualita’ e cognizione di causa.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »