Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 330

Posts Tagged ‘soluzioni’

Specialisti in medicina: no a pseudosoluzioni semplicistiche e pericolose

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 settembre 2019

Le Società Italiane di Medicina Interna (SIMI), di Medicina d’Emergenza-Urgenza (SIMEU), di Geriatria e Gerontologia (SIGG) rilevano che una delibera della giunta regionale del Veneto 1746/2019, licenziata a metà Agosto, propone di porre rimedio alla carenza di 500 medici specialisti nei dipartimenti di emergenza e urgenza e nei reparti e servizi dell’area internistica e geriatrica mediante un percorso formativo dedicato a laureati non specialisti consistente in 92 ore di lezione teorica e due mesi di frequenza pratica propedeutici al conseguimento di una “certificazione di competenza nell’area internistica. Invece “Il diploma di specializzazione è sempre richiesto per le specialità di Anestesia, rianimazione e terapia intensiva e del dolore, Medicina nucleare, Radiodiagnostica, Radioterapia e Neuroradiologia”.Se da un lato si prende atto della fattiva volontà della Regione Veneto, in mancanza di risposte convincenti da parte delle Istituzioni nazionali, di affrontare la grave situazione della carenza di medici, e ci si compiace dell’implicito riconoscimento dell’assoluta necessità di reclutare soprattutto specialisti internisti, geriatri e urgentisti, si sottolinea la palese mispercezione del fabbisogno formativo e del patrimonio culturale e prassico di uno specialista di area medica.
A tutela della logica e del buon senso prima ancora che delle disposizioni legislative e della Didattica universitaria post laurea, le nostre Società si impegnano in solido a contrastare questa e qualunque altra iniziativa volta a svilire e, sostanzialmente, negare il percorso formativo specialistico di area medica, a tal fine ricorrendo ad ogni mezzo ritenuto opportuno. Contestualmente esprimono la più ampia disponibilità ad affrontare in tutte le sedi il problema della carenza di specialisti in Medicina Interna, Medicina d’Urgenza e Geriatria e Gerontologia, sempre conciliando la qualità e specificità della preparazione specialistica con possibili varianti dell’iter formativo nell’alveo del quadro normativo europeo e italiano. In quest’ottica, auspicano che il MIUR, il Ministero della Salute, la Conferenza Permanente Stato-Regioni e tutti gli organismi preposti continuino e completino il processo di adeguamento del numero di borse di specializzazione in area internistica e urgentistica alle reali esigenze delle reti ospedaliere
le Scuole di Specializzazione coinvolte promuovano progetti formativi e professionalizzanti per gli specializzandi su ampie reti territoriali valorizzando anche i centri periferici, coinvolgendo ampiamente gli ospedali non universitari e promuovendo forme di inserimento lavorativo degli specializzandi dell’ultimo anno di corso. La Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, la Conferenza Permanente dei Presidenti dei CLM di Medicina e Chirurgia concorrano a rimodulare il percorso formativo pre-laurea, rendendo centrale l’acquisizione di competenze sul malato complesso, vero punto nodale del nostro SSN in acuto e cronico, in modo propedeutico sia ai percorsi specialistici dedicati a tale malato sia quelli di altre branche che comunque con malati complessi sempre più spesso si cimenteranno.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Intelligenza Artificiale italiana per sviluppare soluzioni anche per il mercato interno cinese

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 marzo 2019

Sul quotidiano online spraynews.it è pubblicata una intervista al presidente di DeepBlue Technology, divisione Eurorpe, David Duan. Azienda specializzata in intelligenza artificiale fondata a Shanghai nel 2014 in una conferenza stampa in occasione della visita del presidente cinese Xi Jinping. Come ci spiega in questa intervista David Duan «l’aspetto più importante di questa operazione è prima di tutto sul piano culturale. La presenza a Roma di Deep Blue nello stesso giorno della visita Xi Jinping non è, ovviamente, una coincidenza. E’ il primo progetto che viaggerà sulla Belt and Road e si inscrive nella cornice dell’accordo commerciale in vista tra Italia e Cina. Oggi – sottolinea Duan – compiamo il primo passo. E la volontà è quella di andare avanti e fare lunga strada assieme all’Italia»

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ricerca di soluzioni alle morti nel Mediterraneo

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 ottobre 2018

In vista dell’incontro di questa settimana dei Capi di stato e di governo dell’Unione Europea, l’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, e l’OIM, l’Agenzia delle Nazioni Unite per le Migrazioni, lanciano un appello congiunto ai leader europei affinché adottino misure urgenti per far fronte alla situazione delle morti nel Mar Mediterraneo, che quest’anno hanno raggiunto un tasso record.I leader delle due organizzazioni richiamano l’attenzione sul fatto che in alcuni Paesi il dibattito politico su rifugiati e migranti, in particolare coloro che arrivano via mare, ha raggiunto livelli di tensione pericolosamente alti, nonostante gli arrivi in Europa siano diminuiti. Lo scontro politico alimenta timori inutili, rendendo più difficile la collaborazione tra i Paesi e impedendo di compiere progressi nella ricerca di soluzioni.
“L’attuale tenore del dibattito politico – che ci dipinge un’Europa sotto assedio – non è solo inutile, ma completamente estraneo alla realtà”, ha dichiarato Filippo Grandi, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati. “Nonostante un calo degli arrivi, i tassi di mortalità sono in aumento. Non possiamo dimenticare che stiamo parlando di vite umane. Va bene il dibattito, ma i rifugiati e migranti non devono diventare il capro espiatorio per fini politici”.“I pericolosi flussi migratori illegali non sono nell’interesse di nessuno. Insieme dobbiamo investire di più per promuovere una migrazione regolare, potenziare la mobilità e l’integrazione per favorire la crescita e lo sviluppo a vantaggio delle due sponde del Mediterraneo”, ha dichiarato Antonio Vitorino, Direttore Generale dell’OIM.Dall’inizio dell’anno i decessi sono stati oltre 1.700: questo significa che il tasso di morti e dispersi durante le traversate nel Mar Mediterraneo è drasticamente aumentato. Solo nel mese di settembre, una persona su otto è morta o scomparsa nel tentativo di raggiungere l’Europa attraverso il Mediterraneo centrale, in gran parte a causa di una riduzione nella capacità di ricerca e soccorso.Oltre alla necessità di migliorare la capacità di ricerca e soccorso, l’UNHCR e l’OIM hanno proposto un accordo regionale attuabile che renderebbe le operazioni di sbarco e accoglienza prevedibili e rapide.L’UNHCR e l’OIM sollecitano i leader europei a orientare le discussioni di questa settimana sulle soluzioni pratiche che vanno adottate con estrema urgenza e sulla necessità di garantire che le responsabilità siano debitamente condivise tra gli Stati europei. Allo stesso tempo, accogliamo con favore i progressi compiuti finora da alcuni Stati membri dell’UE per arrivare a una condivisione delle responsabilità nell’attuare soluzioni per la ricerca, il salvataggio e le operazioni successive allo sbarco di rifugiati e migranti.
L’UNHCR e l’IOM rammentano inoltre ai leader europei di rimanere concentrati sull’attuazione delle priorità già concordate in precedenza nella Dichiarazione politica e nel Piano d’azione di La Valletta, in cui gli Stati esprimevano profonda solidarietà nell’affrontare le cause primarie alla base dei flussi migratori forzati e irregolari, sostenendo al tempo stesso i Paesi che accolgono un gran numero di rifugiati e migranti.È inoltre necessario un sostegno maggiore e più efficace da parte dei leader dell’UE per lo sviluppo di soluzioni strutturali a lungo termine che possano migliorare le condizioni nei Paesi di origine e di transito, affinché le persone abbiano la possibilità di condurre una vita dignitosa.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Soluzioni di Intelligent Data Management

Posted by fidest press agency su sabato, 1 settembre 2018

L’innovativo fornitore di soluzioni di Intelligent Data Management per la Hyper-Available Enterprise™, annuncia di aver ampliato la propria collaborazione con Cisco per fornire al mercato Veeam High Availability on Cisco HyperFlex™ – una nuova piattaforma di data management altamente resiliente che assicura grande scalabilità, semplicità di gestione e supporto per ambienti multi-cloud attraverso i servizi di supporto Cisco. Per aggiornare le attuale e complesse soluzioni legacy per la protezione dei dati con soluzioni multi-cloud, le aziende necessitano di moderne soluzioni di data protection, che siano affidabili, scalabili, semplici da gestire e che supportino ambienti muti-site e multi-cloud. Da oggi è possibile effettuare questo importante aggiornamento affidandosi ad un’unica soluzione e riducendo le complessità legate alle attività di acquisto, implementazione e supporto. “La nostra partnership con Cisco continua a rafforzarsi e ad ampliarsi”, ha commentato Peter McKay, Co-CEO and President di Veeam. “Siamo ISV Partner of the Year di Cisco e, insieme, abbiamo ottenuto un grande successo sul mercato. Collaboriamo ora ad una nuova soluzione che risponde ad una delle esigenze più sentite dei nostri clienti: modernizzare i data center in modo innovativo. Veeam Availability on Cisco HyperFlex tiene conto dei feedback di grandi aziende e service provider, che ci hanno chiesto di poter usufruire di ulteriori soluzioni integrate con Cisco. I clienti avranno la possibilità di rivolgersi ad un unico vendor, dal momento che questa soluzione sarà commercializzata direttamente da Cisco. Siamo lieti di poter collaborare con il team di Cisco per servire grandi ambienti IT a cui garantiamo la piena resilienza dei loro sistemi”.La nuova soluzione associa la Veeam Hyper-Availability Platform con la proposizione Cisco Hyperconverged Infrastructure (HCI), HyperFlex, per risolvere i problemi causati da tecnologie legacy inaffidabili e poco scalabili che non sono in grado di garantire la hyper-availability di cui le aziende moderne hanno bisogno.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parlamento europeo: deputati chiedono soluzioni concrete sulle libertà civili

Posted by fidest press agency su sabato, 14 luglio 2018

Bruxelles. I deputati dicono che scaling up di agenzia frontiere dell’UE non può essere l’unica soluzione e sottolineare che è necessario intervenire congiunta basata sulla solidarietà per sviluppare un sistema di asilo resistente crisi.Claude Moraes , presidente della commissione per le libertà civili, e Peter Niedermüller , in rappresentanza del Comitato per le libertà civili al Consiglio informale Giustizia e affari interni a Innsbruck, invitano gli Stati membri a smettere di avere dibattiti artificiali e la presentazione di soluzioni simboliche. L’incontro, che si svolgerà il 12 e 13 luglio, si concentra sulla protezione delle frontiere, le politiche migratorie e di asilo e cooperazione di polizia.
Mr Niedermüller, ex relatore ombra Frontex, ha detto in particolare: “Aumentare il pool di reazione rapida di FRONTEX di 10 000 prima volta dopo aver attivato il 1500 piscina di cui dispone attualmente non migliorerà la sicurezza delle frontiere. Sicurezza alle frontiere resta prima di tutto un compito degli Stati membri.”I due deputati dubitato che le piattaforme di sbarco regionali potrebbero avere alcun effetto sulla risoluzione migrazione irregolare nel Mediterraneo nel breve periodo. I concetti non erano chiare, alcuni di loro addirittura non in linea con il diritto internazionale e nessun paese terzo avevano mostrato interesse ad ospitare loro finora.Claude Moraes ha esortato gli Stati membri: “Abbiamo bisogno di un approccio olistico alla migrazione che comprende fare il nostro dovere. La riforma del sistema europeo comune di asilo non può essere by-passato. E ‘indispensabile. E ‘il momento per un’azione globale, coraggioso e responsabile nei confronti di una crisi resistente sistema comune di asilo europeo, non l’azione unilaterale da parte dei singoli Stati membri. L’UE deve assumere e all’altezza delle sue responsabilità internazionali in uno spirito di solidarietà e nel pieno rispetto dei diritti fondamentali.” Entrambi i deputati erano chiare sui prossimi passi: “Come co-legislatore, il Parlamento europeo è pronto a fare la nostra parte abbiamo bisogno di una corretta pianificazione legislativa interistituzionale, tornare alla leale cooperazione e di lavoro nel rispetto dei nostri valori comuni”.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Creazione di soluzioni tecnologiche innovative e accessibili a tutti

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 giugno 2018

Protagoniste 30 scuole di 10 regioni italiane, da Nord a Sud. Dopo una sessione di formazione, con esperti Microsoft e coach della Palestra dell’Innovazione della Fondazione Mondo Digitale, gli studenti intraprendono un percorso di autoimprenditorialità per ideare, progettare e sviluppare prototipi o servizi smart ad alta accessibilità: da app e siti web per aumentare le potenzialità di un’azienda per esempio, ad esperienze artistiche fruibili con la realtà immersiva fino a veri e propri atelier all’interno delle scuole per realizzare abiti e gioielli con strumenti di fabbricazione digitale e ausili su misura per persone con bisogni speciali. Attraverso laboratori di produzione, hackathon e maratone di creatività gli studenti si sfidano nella creazione di soluzioni innovative per la cittadinanza, sviluppando una nuova forma mentis aperta al cambiamento e vicina ai principi dell’innovazione sociale.“Con questo progetto ci vogliamo rivolgere in particolare alle donne e ai giovani che vivono nelle regioni del Sud Italia. Siamo infatti convinti che le nuove tecnologie possano rappresentare un acceleratore per lo sviluppo sociale del nostro Paese, uno strumento potente per ridurre differenze di genere, rispondere a bisogni sociali e intervenire in territori difficili dove ancora rimane molto alto il digital divide e il tasso di disoccupazione giovanile”, afferma Mirta Michilli, direttore generale della Fondazione Mondo Digitale.
“Secondo una ricerca Microsoft, il 65% degli studenti di oggi svolgerà in futuro professioni che ancora non esistono. Per sostenere il cambiamento è quindi fondamentale aiutare i giovani ad acquisire quelle competenze che sono e che saranno sempre più richieste dal mercato. Eskills4change nasce proprio con l’obiettivo di promuovere tra i giovani italiani le opportunità che il digitale e le nuove tecnologie possono offrire e i benefici concreti che possono generare nella vita di tutti noi, in termini di inclusione sociale e nuovi servizi per i cittadini” spiega Silvia Candiani, Amministratore Delegato di Microsoft Italia.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

LoJack Italia: nuove soluzioni telematiche per il mercato europeo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 dicembre 2017

city-scapeESTORIL, Portogallo e IRVINE, California. LoJack Italia, società del gruppo CalAmp (Nasdaq: CAMP), leader nel recupero dei veicoli rubati e nei servizi automobilistici innovativi, ha annunciato in occasione dell’evento internazionale Fleet Europe Summit 2017, in corso ad Estoril in Portogallo, l’offerta sul mercato europeo delle soluzioni telematiche LoJack Connect per le società di noleggio auto, a breve e lungo termine, per le flotte aziendali e per le compagnie assicurative.
Le soluzioni per la gestione della flotta sono della tipologia Software as Service (SaaS) ed aprono nuove opportunità per aumentare l’efficienza operativa, generare nuove revenue e combattere le frodi.
Secondo Berg Insight, il tasso di crescita annuale della gestione delle flotte aziendali da parte dei noleggiatori in Europa è stimato intorno al 16,4%, con un raddoppio della penetrazione complessiva entro il 2021. Secondo lo studio europeo condotto da Deloitte sull’assicurazione automobilistica, la quota di mercato per l’assicurazione automobilistica fornita attraverso il canale digitale potrebbe raggiungere il 17% entro il 2020, rappresentando un mercato superiore ai 15 miliardi di euro. Le soluzioni LoJack Connect sono progettate per soddisfare proprio questa domanda e trasformare la gestione della flotta automobilistica con i suoi servizi modulari e personalizzati che rispondono alle esigenze operative specifiche del mercato del noleggio auto e delle assicurazioni.
I servizi LoJack Connect sfruttano il CalAmp Telematics Cloud e l’ampio spettro di dispositivi per consentire alle società di autonoleggio di monitorare il chilometraggio per la manutenzione preventiva e utilizzare le tecniche di geofencing per un controllo più rapido delle loro vetture. Le funzionalità automatizzate di localizzazione del veicolo consentono di avere un quadro dei costi in tempo reale e una gestione ottimizzata della distribuzione della flotta. Inoltre, con CrashBoxx™, il sistema innovativo di gestione dei sinistri, LoJack Connect è in grado di fornire tempestivamente ai gestori di flotte le informazioni dettagliate solo sui reali crash, prevenendo le frodi attraverso la ricostruzione della dinamica dell’evento e fornendo una valutazione predittiva dei danni meccanici al veicolo.
“A fronte delle normative vigenti in campo assicurativo per i driver europei e in considerazione del continuo aumento delle frodi, i gestori dei parchi auto aziendali sono alla ricerca di nuove soluzioni in grado di ridurre i costi di gestione della flotta, semplificare le operazioni e migliorare l’esperienza del cliente”, ha dichiarato Maurizio Iperti, Amministratore Delegato di LoJack Italia. “Combinando la diagnostica del veicolo e le informazioni sulla posizione con l’analisi dei dati, le nostre soluzioni personalizzate consentono alle società di noleggio e alle compagnie di assicurazione di differenziare i loro servizi e migliorare la loro posizione competitiva. Siamo entusiasti dei risultati iniziali ottenuti attraverso l’adozione di LoJack Connect dalle diverse società leader del noleggio a breve e lungo termine e nel mondo delle assicurazioni, che renderemo noti nei prossimi mesi”.
LoJack Italia è presente a Fleet Europe Summit 2017 con uno stand (n.5). (fonte pagina web LoJack Connect) (foto: city-scape)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Con l’integrazione di TeamViewer il supporto agli utenti di Sistemi ha una marcia in più

Posted by fidest press agency su domenica, 9 luglio 2017

Online Banking ComputerSistemi è un’azienda italiana che da oltre 40 anni produce software per professionisti e imprese. È una realtà consolidata che ha saputo realizzare una sinergia efficace tra capacità tecnologiche, qualità dei prodotti e dei servizi e focalizzazione sul cliente grazie all’offerta di soluzioni differenti a seconda del mercato di riferimento.L’offerta di Sistemi, basata su software e applicazioni affidabili, integrate, aggiornate e supportate da servizi di qualità, è fortemente focalizzata per comparti di business quali i commercialisti e gli esperti fiscali, la gestione degli studi professionali, i consulenti del Lavoro, i professionisti delle paghe, le associazioni di categoria, le PMI – che necessitano di un approfondito sistema di gestione dei processi aziendali – e le aziende vitivinicole che devono gestire una specifica normativa del settore di riferimento. Per garantire la miglior esperienza al cliente in tutte le fasi di utilizzo delle soluzioni, Sistemi si avvale di una propria rete di partner e concessionari costituita da oltre 120 imprese che consente di essere al fianco di oltre 30.000 utenti su tutto il territorio nazionale. A livello centrale Sistemi supporta i partner con la piattaforma software di ticketing che è stata sviluppata internamente da Sistemi e integrata con il software TeamViewer per l’assistenza remota.Sistemi aveva l’esigenza di affidarsi a una soluzione affidabile, facile da avviare per l’utente e soprattutto leggera dal punto di vista sistemistico ovvero che non richiedesse l’installazione di componenti complessi sui dispositivi degli utenti tipicamente non esperti di tecnologia. Sistemi ha dunque identificato TeamViewer come miglior soluzione da utilizzare per l’assistenza remota sui dispositivi degli utenti grazie alla facilità di interazione e di utilizzo da parte di interlocutori non esperti.“Grazie al supporto tecnico remoto tramite TeamViewer, siamo in grado di intervenire e assistere gli utenti in qualsiasi parte d’Italia e questo rappresenta un vantaggio soprattutto per quei partner che operano in determinate aree geografiche”, sottolinea Claudio Demartini, Responsabile del sistema informativo e dei servizi web Sistemi-Partner. “Per esempio, da quando abbiamo implementato TeamViewer abbiamo notato che in Sardegna e Calabria gli interventi tecnici da remoto sono aumentati in modo esponenziale consentendo di servire utenti che sarebbero stati difficili da raggiungere tramite rete stradale. Con conseguente risparmio di tempo, costi e risorse per i nostri partner”.Nel corso degli anni, Sistemi ha confermato la scelta nei confronti di TeamViewer: le licenze sono moltiplicate per 40 dall’inizio della collaborazione. “Abbiamo adottato TeamViewer da circa sette anni e nel tempo questa soluzione ci ha consentito di ampliare il servizio di assistenza remota”, ha sottolineato Demartini. “TeamViewer è un software molto interessante grazie alla possibilità di eseguire più sessioni e, quindi, di lavorare su più sistemi connessi contemporaneamente”.
Tramite TeamViewer, il servizio di assistenza remota registra una media di 2.000 connessioni su base giornaliera. Il 2016 ha visto mezzo milione di collegamenti con una media di 28 minuti per ciascuna sessione. Dal punto di vista della tecnologia, tra i punti di forza, Sistemi riconosce in primis la sicurezza oltre alla semplicità, stabilità di connessione e facilità di configurazione e personalizzazione.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Governo, Binetti (Ap): “Servono soluzioni a problemi veri, meno chiacchiere”

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 agosto 2016

camera deputati2“Con la ripresa dei lavori parlamentari si profilano tre situazioni paradossali che vale la pena sottolineare, per porsi alla fine l’unica domanda che conta: sono veri problemi o sono solo grandi distruttori per tenere lontani gli italiani dalla grande questioni del momento? Per esempio ridurre il problema della sicurezza legata ai rischi presunti e reali dell’immigrazione ad una questione di burquini prima e di burqua subito dopo. Ridurre il grave problema delle dipendenze, tutte, compresa quella da gioco d’azzardo, ad una questione di spinelli occasionali e quindi ad un proibizionismo sterile e fallimentare. Enfatizzare la possibile riduzione delle tasse esaltando operazioni come quella alla Ryanair, per evitare l’impatto rude con la ridotta capacità d’acquisto con cui si misureranno le famiglie al loro ritorno dalla vacanze, davanti ai costi della scuola che ricomincia”. Lo afferma l’onorevole Paola Binetti di Area popolare.“Eppure saranno problemi seri, a tutto campo: la manovra economica in funzione della legge di stabilità, la cui cifra oscilla in una insopportabile finestra che va da 20 a 40 mld, sarà un problema vero capire che tipo di Piano per le famiglie si riuscirà a mettere in atto per sopperire allo shock con cui a breve impatteranno le stesse famiglie. E cosa faremo delle decine, centinaia, migliaia di immigrati, rifugiati e non rifugiati, quando tra poche settimane arriverà non il freddo dell’inverno, ma le piogge dell’autunno e non sarà più tollerabile vederli accampati lungo le strade, ai confini, nelle stazioni ferroviarie. E non per una sorta di snobismo estetico – prosegue Binetti – ma per un vero e proprio problema di sicurezza: la loro salute e le conseguenze drammatiche che si potrebbero verificare se si ammalassero, dal momento che siamo già a quota meno 11 milioni di italiani che non si curano per mancanza di risorse. Di tutto questo vorremmo intravvedere soluzioni e dibattiti scevri da pregiudizi, sanamente pragmatici e orientati alla concretezza di problemi che non si possono liquidare con una manciata di parole in libertà. Su tutto questo vorremmo sentire i relativi ministri, il governo e gli aventi responsabilità specifiche. Altrimenti questo stato confusionale annegato nelle chiacchiere produrrà un ulteriore disaffezione alla politica con gli ovvi rischi per il prossimo referendum”.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Soluzioni studiate ad hoc per garantire a costi contenuti un edificio performante

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 agosto 2016

Virle e San Carlo (Bs) e verranno effettuati da Wood Beton, l’azienda di Iseo che da sempre si contraddistingue per l’elevata capacità di ingegnerizzare progetti, prodotti e processi oltre che per le innovative tecniche di costruzione utilizzate nei propri cantieri.
La gara d’appalto è stata vinta proponendo un’alternativa a quanto previsto nel bando con l’obiettivo di rispondere all’esigenza del Cliente di contenere al massimo i costi: infatti, grazie ad una grande flessibilità progettuale e costruttiva nell’uso dei materiali (legno, calcestruzzo, acciaio), Wood Beton è in grado di definire di volta in volta la soluzione tecnica più adatta alla specifica commessa, riuscendo quindi ad ottimizzare al massimo le risorse in gioco.Nel progetto a base di gara erano previste pareti portanti a telaio in legno sia perimetrali che interne, combinate con solai a struttura mista legno-calcestruzzo (tipo Prepanel). Una scelta progettualmente apprezzabile sia per l’utilizzo del legno (un materiale da costruzione naturale e rinnovabile) sia per l’ottimo risultato estetico (si pensi all’intradosso dei solai).Nella soluzione vincente (e soprattutto soddisfacente i limiti di budget) si è invece optato per una struttura puntuale con pilastri e setti in cemento armato vibrato e solai realizzati con tegoli “TT” prefabbricati in cemento armato precompresso. È stata mantenuta l’intelaiatura lignea per le pareti di tamponamento che risultano leggere e fortemente isolate, atte a garantire un involucro ad elevata efficienza energetica.Per la copertura del corpo dell’auditorium è rimasta invariata l’orditura in legno lamellare con pannelli Preconnect: avendo una forma particolare (ovalizzata), il legno risulta comunque essere la scelta più idonea, sia tecnicamente che economicamente.Da sottolineare, grazie all’adozione della struttura puntuale, l’accresciuta flessibilità distributiva degli spazi interni: l’impostazione a telaio permette l’eliminazione delle pareti portanti che, all’interno, sono sostituite da partizioni in cartongesso. L’impiego di tegoli “TT” prefabbricati in cemento armato precompresso, confezionato con calcestruzzo ad alte prestazioni, consente di coprire considerevoli luci di solaio con conseguente eliminazione di pilastri interni a favore di ambienti completamente liberi. Si sottolinea infatti che gli unici elementi portanti verticali sono disposti sul perimetro dei fabbricati (ad esclusione, ovviamente, dei vani scala/ascensore).Inoltre la presenza di elementi in calcestruzzo armato consente un più immediato (ed economico) raggiungimento dei requisiti di resistenza al fuoco delle strutture, particolarmente vincolanti in un edificio a destinazione pubblica.A tali miglioramenti si aggiungono quelli comunemente legati all’industrializzazione del processo edilizio e alla prefabbricazione in generale: notevole diminuzione dei tempi di realizzazione in cantiere (molte risorse sono spostate a monte, alle fasi di progettazione e di produzione, riducendo la durata delle attività in sito), diminuzione del personale in cantiere e del numero di operazioni da eseguire in quota. Il tutto contribuisce a garantire una maggiore sicurezza per gli operai: sicurezza non solo sulla carta ma resa concreta da metodologie esecutive chiare e definite a priori.Dunque un’offerta, quella di Wood Beton, competitiva ed estremamente flessibile: una dimostrazione della capacità di adeguarsi alle priorità del Cliente e ai vincoli del progetto sfruttando al meglio le caratteristiche e le potenzialità di tutti i materiali da costruzione.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’operatore VoIP Setera sceglie le soluzioni Mitel Cloud per espandere la sua offerta nel mercato Sud Europa

Posted by fidest press agency su martedì, 5 luglio 2016

Mitel® (Nasdaq:MITL) (TSX:MNW), leader globale nelle comunicazioni business, real-time, cloud e mobile, annuncia oggi che l’operatore finlandese Setera amplia la sua offerta al mercato italiano grazie a MiCloud, la piattaforma cloud leader di settore progettata per i service provider, che permette una veloce implementazione dei servizi cloud e conseguente aumento delle opportunità di business.Fin dal 2009, Setera offre i servizi MiCloud alle piccole e medie aziende finlandesi. L’azienda continua in questa direzione, mantenendo lo stesso brand Office+, con il lancio del servizio nel mercato Sud Europa, a settembre in Italia ed entro la fine del 2016 anche in Spagna.In base ad un’analisi di mercato della società indipendente MZA Ltd., il mercato telefonico Hosted/Cloud in Italia è previsto in crescita del 67% nel periodo 2015-2020.”I nostri clienti apprezzano la semplicità d’uso, le funzionalità avanzate e, in particolare, la reale integrazione della mobility. In Finlandia, ormai da molti anni, non vengono più utilizzati i telefoni fissi. Infatti, molte aziende utilizzano gli smartphone come estensione del PBX. Vogliamo poter offrire questo tipo di mobility a tutti i nostri clienti in Europa con ambiziosi piani anche per i mercati pan-europei” afferma Tuomo Kiesvaara, CEO di Setera Communications.
“Mantenendo il focus sull’innovazione, Mitel si dimostra il partner perfetto per Setera per continuare a potenziare il proprio software e offrire nuove e importanti funzionalità ai nostri clienti.””I Service Provider nella regione EMEA riconoscono sempre di più le opportunità offerte dal cloud per allargare il portafoglio, attrarre nuovi business ed entrare in nuovi mercati” afferma Patrik Sorqvist, Vice President, Mitel Cloud Services, EMEA. “Mitel li aiuta a far crescere i fatturati e diventare competitivi più velocemente, grazie a una soluzione mobile-first facile da installare, che possono presentare sul mercato con il loro brand, fornendo ai clienti funzionalità di collaborazione e comunicazione real-time flessibili.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Migranti: Dal terzo settore soluzioni realistiche

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 giugno 2016

NUOVO DRAMMA DEI MIGRANTI, ANNEGANO DUE DONNE A PANTELLERIA“Anche oggi notizie drammatiche sul fronte dell’immigrazione: stanno diventando talmente frequenti che il rischio è quello di confondere quelle di un giorno con quelle del giorno precedente e anestetizzare la propria coscienza. Ma questo è proprio quello che non può accadere, che non deve accadere, se non vogliamo perdere la nostra dignità di uomini e di donne impegnate sul piano umano prima ancora che politico. Ci sono richieste di aiuto che ci giungono dalle più importanti organizzazioni umanitarie, da Save the Children all’Alto Commissariato per i Rifugiati; da ONG presenti nei vari campi di accoglienza e da piccole organizzazioni che lavorano nelle nostre città, nelle mense e nelle parrocchie. In altri termini ci sono da un lato i numeri sempre più impressionanti dei flussi di migranti con la loro sofferenza a tutto campo e dall’altro ci sono alcune delle risposte di diversa portata che emergono da donne e uomini di buona volontà.”
Lo afferma l’onorevole Paola Binetti di Area popolare, che continua: “Anche oggi, prima domenica di giugno, ho incontrato un discreto gruppo di professionisti, seriamente impegnati in alcuni progetti che si occupano di programmi umanitari in Libano. Sostanzialmente chiedevano risorse economiche per far fronte ai loro obiettivi e mostravano come garanzia cose già fatte, per esempio una scuola professionale, che sta funzionando molto bene e che accoglie molti giovani profughi siriani. La loro argomentazione più convincente era più o meno questa: se li aiutiamo a restare nei loro paesi o nelle immediate vicinanze, saranno più facilmente disponibili a ricostruire il loro paese non appena sarà possibile. Non dovranno tornare da dove sono fuggiti, perché in un certo senso sono già li vicino. Un discorso serio e concreto, di alto respiro sociale, ma anche di concreta e prossima realizzazione. Una buona alternativa tra chi dice rimandiamoli tutti a casa e chi vorrebbe accoglierli tutti a casa nostra. Una soluzione di compromesso, in un certo senso; ma tutto sommato un buon compromesso che potrebbe rilanciare anche in quelle terre martoriate dalla guerra, dalla persecuzione e dalla discriminazione, un po’ di quella sana filosofia che è alla base della nostra legge sul Terzo settore. Forse è quella una delle chiavi potenziali per ricostruire con la cooperazione internazionale e con le nuove norme delle imprese sociali soluzioni ponte efficaci per evitare che si alzino muri o si rispediscano in mare gente che ha più fame di solidarietà e di opportunità professionali che di cibo, anche se una cosa non esclude l’altra”, conclude la Binetti.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Maratona digitale: 36 ore per trovare soluzioni informatiche per grandi aziende

Posted by fidest press agency su sabato, 21 Mag 2016

maratona digitaleAncona. Due team studenti dell’Università Politecnica delle Marche si sono messi in gioco all’Internet of Things Hackathon, una maratona nel campo dell’informatica dove tecnologia e talento incontrano le esigenze del mondo industriale. La competizione, organizzato da Var Group si è svolta a Cervia dal 4 al 6 maggio. L’obiettivo della competizione era di individuare e realizzare soluzioni innovative ad alcuni problemi formulati direttamente dalle imprese, che in questa edizione appartenevano al settore della grande distribuzione e dell’alimentare. In particolare le soluzioni dovevano essere realizzate in 36 ore e dovevano basarsi sull’uso di tecnologie dell’Internet of Things (IoT), ossia l’”Internet delle Cose”. Un hackathon è una maratona di programmazione di durata non superiore alle 48 ore. Solitamente l’obiettivo è quello di presentare un proof of concept dell’idea di base.
Quello che si è tenuto a Cervia è stato organizzato come uno degli eventi all’interno della Var Group Convention dove è importante partecipare soprattutto per questioni di visibilità. Var Group infatti intrattiene rapporti commerciali con importanti aziende del settore ICT, come Apple, HP, Packard Bell, IBM. (foto: maratona digitale)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Soluzioni a problemi della sfera sessuale e della terza età con la ginecologia estetica e funzionale

Posted by fidest press agency su sabato, 14 Mag 2016

chirurgia esteticaNon è solo una ‘moda’ quella della ginecologia estetica e funzionale: aspetto e funzione dell’area vulvo-vaginale sono fra loro strettamente legati e oggi i provvedimenti di cura più evoluti ed attuali possono migliorare la qualità dei tessuti e/o variarne l’aspetto e concedere alle donne uno stato di benessere esteso anche alla vita sessuale e alla terza età. A questi ‘delicati’ aspetti è dedicato il corso ECM precongressuale in collaborazione con AIGEF ‘HI-TECH GENITALIA – Live Tutorial’ al 37° Congresso della Società Italiana di Medicina Estetica SIME, grazie ad un’idea del presidente della Sime Emanuele Bartoletti e dal Segretario Generale Aigef, Elena Fasola. Obiettivo fornire ai medici estetici, dermatologi, ginecologi e chirurghi plastici gli strumenti teorici e pratici per ristabilire il delicato equilibrio tra estetica e funzione dell’organo genitale femminile, compromesso principalmente dall’invecchiamento. La sua complessità anatomica, così strettamente correlata alla funzione, fa della regione vulvo-vaginale, un organo da inquadrare sotto più aspetti. Il corso diretto dall’Associazione Italiana di Ginecologia Estetica e Funzionale AIGEF è un’occasione di condivisione delle esperienze tra più specialisti, nazionali ed internazionali, che si confrontano sulle tecniche d’avanguardia nel trattamento del dolore vulvo-vaginale mediante laser di ultimissima generazione, sull’incontinenza urinaria lieve attraverso trattamenti non chirurgici, sulla chirurgia plastica estetico-funzionale del piccolo labbro (ninfoplastica) e sul rimodellamento medico estetico e chirurgico del grande labbro (filler e lipofiling), per comprendere le indicazioni e le controindicazioni ai vari tipi di trattamento medico e chirurgico, nel rispetto della sicurezza delle pazienti e dell’obiettivo estetico e terapeutico da raggiungere; imparare le tecniche mediche più innovative e le tecniche chirurgiche più aggiornate in ginecologia estetica e funzionale; assimilare il concetto che la collaborazione tra più specialisti, anche nella pratica quotidiana, è la scelta giusta per il benessere della paziente e compreso come questo tipo di disciplina iperspecialistica è considerata eticamente e scientificamente a livello internazionale, grazie alla presenza di un ospite d’eccezione, Troy Robbin Hailparn, membro dell’American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG).
“La Società Italiana di Medicina Estetica sta cercando di promuovere questo tipo di trattamenti sia tra i propri soci che per il pubblico – commenta Emanuele Bartoletti, presidente della SIME – perché il benessere psicologico è imprescindibile dal benessere dell’area urogenitale in un mondo in cui la vita sessuale di coppia si è allungata moltissimo. E non dimentichiamo che, in quest’ambito più che in altri, l’estetica è strettamente legata alla funzione. In questo caso, è particolarmente importante informare il pubblico perché, data la ancora scarsa conoscenza su questo tipo di trattamento e la delicatezza dell’argomento, rimane tuttora più facile che una paziente si rivolga al medico estetico lamentando una ruga piuttosto che un problema ginecologico”. Per curare molti disturbi sono oggi disponibili diverse terapie innovative, utilizzabili singolarmente o in variabile associazione. Il metodo di cura più valido deve essere personalizzato ed è auspicabile possa sempre discendere dalla stretta, contemporanea e costante collaborazione delle diverse competenze professionali che AIGEF ha avvicinato. Per quanto riguarda i sintomi correlati al climaterio e all’età post-menopausale (secchezza e prurito vulvo-vaginale con rapporti sessuali dolorosi o impossibili, incontinenza urinaria), le novità in campo medico sono rappresentate dall’introduzione di nuove creme estrogeniche utilizzabili anche da donne a rischio potenziale di cancro mammario, di formulazioni di acido Jaluronico di nuova generazione, iniettabili e specifiche per la vulva e la vagina, del Plasma Ricco di Piastrine (PRP), della tossina botulinica di tipo A iniettata in vescica per il trattamento dell’incontinenza urinaria da urgenza, di particolari tipi di laser ad utilizzo endovaginale – laser CO2 e Laser Erbium-Yag frazionati – utilizzabili per migliorare i sintomi dell’atrofia vaginale ma anche per il recupero di un normale tono vaginale e la correzione di alcuni tipi di perdite urinarie. Si tratta in tutti i casi di trattamenti ripetibili ed eseguibili ambulatorialmente, e patologie quali il lichen sclero-atrofico ed il lichen planus possono beneficiare del PRP e del lipofilling (innesto di tessuto adiposo prelevato dalla stessa paziente). L’aspetto armonioso e proporzionato dei genitali esterni femminili (piccole e grandi labbra, cappuccio clitorideo, monte di Venere) favorisce una maggior autostima della donna ed il recupero di una vita relazionale e sessuale soddisfacenti e contribuisce a mantenere funzionale l’anatomia che protegge gli organi interni. Dismorfie congenite (ad esempio piccole labbra eccessivamente sviluppate favorenti possibili disturbi e fastidi da frizione ed imbarazzi nell’indossare alcuni indumenti) oppure dovute all’invecchiamento (perdita di turgore delle grandi labbra, esaltazione dell’ipertrofia delle piccole labbra e loro iperpigmentazione, adiposità del monte di Venere) possono essere corrette con interventi chirurgici ambulatoriali eseguibili anche in anestesia locale. In quest’ambito il chirurgo deve possedere oltre ad una specifica preparazione tecnica, una capacità progettuale che gli consenta l’ottenimento di risultati naturali e armoniosi. Non ultimo il problema delle amputazioni dei genitali esterni esitate a chirurgia oncologica o a procedure tribali diffuse in molte donne africane trasferitesi nel nostro continente (MGF) possono essere corrette con interventi chirurgici ricostruttivi di competenza del chirurgo plastico e del ginecologo che abbiano perseguito una particolare specializzazione in tale ambito.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Torre dell’Orso: 27 anni di attività della comunità Narconon Gabbiano Onlus

Posted by fidest press agency su sabato, 18 luglio 2015

Onu palaceSecondo l’Ufficio delle Nazioni Unite contro la Droga ed il Crimine sono 200 milioni le persone che hanno assunto droghe almeno una volta in un anno e di questi 25 milioni sono considerati tossicodipendenti. Con queste statistiche e con il perdurare di tale piaga sociale si potrebbe supporre che non esista soluzione di sorta per la riabilitazione dalla tossicodipendenza. Varrebbe la pena invece far conoscere e valorizzare le soluzioni che realmente esistono e sono operative sul nostro territorio. La comunità Narconon Gabbiano ne è un chiaro esempio, dove in 27 anni di applicazione del suo metodo riabilitativo, basato sulle opere del filosofo ed umanitario sig. Ron Hubbard, ha fatto uscire definitivamente dal tunnel della droga e dell’alcol, centinaia e centinaia di tossicodipendenti.
Domenica 19 luglio presso la sede del centro Narconon Gabbiano di Torre dell’Orso sarà possibile toccare con mano la realtà sociale di questa comunità e sentire in particolare le emozionanti storie di chi ha completato la sua riabilitazione. Una rappresentanza di coloro che ha terminato tale percorso riabilitativo presso la comunità Narconon Gabbiano sarà infatti presente per celebrare il 27° anniversario della costituzione di questo centro del Salento. Autorità locali, famigliari, amici e sostenitori faranno da gioiosa cornice a questa “festa della vita” che da anni si ripete ed il cui intento rimane immutato: affermare che dalla tossicodipendenza si può uscire e vivere una vita dignitosa è possibile. A tutti i presenti verrà consegnata gratuitamente una copia della brochure “Aiutare un familiare: salvare una persona cara dall’abuso di sostanze e dalla dipendenza” quale strumento di prevenzione di facile e immediata consultazione. Gli operatori della stessa comunità saranno inoltre a disposizione dei presenti per rispondere a tutte le domande e richiesta d’informazione.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Acquisizione strategica per Europcar con Ubeeqo, lo specialista delle soluzioni di mobilità condivisa per le imprese

Posted by fidest press agency su martedì, 20 gennaio 2015

car_sharing_alfa_romeo_mitoEuropcar, leader europeo dell’autonoleggio e dei servizi di mobilità, annuncia l’acquisizione di una quota di maggioranza, al fianco dei fondatori, di Ubeeqo, la start-up francese specializzata nei servizi di car-sharing, pioniera e leader nel mercato b2b. L’operazione è parte integrante della strategia Europcar, incentrata sull’ampliamento dell’offerta di mobilità, per rispondere alle mutate esigenze della clientela attraverso soluzioni semplici e “chiavi in mano”.Parallelamente Europcar sottoscriverà un aumento di capitale di 4 milioni di euro destinati a sostenere lo sviluppo di Ubeeqo, con l’ambizione di farne il leader europeo nelle nuove tecnologie per la mobilità.Fin dal 2008 Ubeeqo è stato precursore nell’individuare i profondi cambiamenti che il mercato delle flotte aziendali avrebbe affrontato a fronte del rapido sviluppo delle tecnologie. Grazie a una tecnologia proprietaria, sviluppata a partire dal 2009, Ubeeqo si rivolge al mercato business, oggi in espansione, offrendo un ventaglio di soluzioni innovative e tra loro complementari:
“Bettercar Sharing”: una formula che promuove l’utilizzo, anche privato, delle “auto in pool” della flotta aziendale. Un mercato che Frost and Sullivan stima in oltre 85.000 vetture entro il 2020 nei principali paesi europei.
“Better Connected” è un rivoluzionario tool per migliorare la gestione della flotta aziendale: grazie ai dispositivi telematici installati a bordo, offre la possibilità di analizzare l’utilizzo dei veicoli (e non solo i costi) e di generare importanti risparmi.
“Mobilities Benefis” è l’alternativa multimodale all’auto aziendale, spesso sovradimensionata: rinunciando ad essa i dipendenti possono scegliere un’auto più piccola o l’accesso alla flotta in condivisione e ottenere una “indennità di mobilità” per coprire le spese di viaggi e spostamenti personali (treno, taxi, noleggi auto, ecc.).Ubeeqo ha chiuso il 2013 con un fatturato di 2,6 milioni di euro (+ 40%) ed è tra le 30 aziende tecnologiche in più rapida crescita, secondo l’ultimo ranking Technology Fast50 di Deloitte.Le soluzioni di Ubeeqo saranno proposte alla clientela b2b di Europcar (46% del fatturato del Gruppo) aprendo la strada a grandi opportunità di sviluppo. Già presente in Francia e Belgio, la società si sta sviluppando in Germania e, prossimamente, nel Regno Unito, grazie al sostegno di Europcar.L’offerta di mobilità di Europcar include anche una App per smartphone e, in joint venture con Daimler, Car2Go, la più celebre iniziativa di car-sharing urbano, lanciata nel 2012.Dice Philippe Germond, CEO del Gruppo Europcar: “Con Ubeeqo Europcar amplia la sua offerta, le sue competenze e il suo portafoglio d’innovazioni tecnologiche nella mobilità. Siamo affascinati dall’ingegnosità e dell’audacia delle soluzioni Ubeeqo. Insieme ci proponiamo di semplificare la vita dei nostri clienti fornendo loro un nuovo ‘concept’ che si adatta alle loro diverse esigenze e alle nuove sfide della mobilità”.Benoît Chatelier e Alexandre Crosby, i due soci fondatori di Ubeeqo, aggiungono: “Ubeeqo intercetta le più nuove tendenze del mercato e offre un mondo condiviso, connesso ed ecologico. Siamo felici che Europcar abbia sia la stessa visione. Fare parte del Gruppo Europcar ci consente di accelerare fortemente la nostra crescita e, soprattutto, di rendere ancora più concreta la nostra rivoluzione di mobilità. Il nostro obiettivo rimane invariato: proporre una vera alternativa all’auto privata e accompagnare i nostri clienti in questo necessario passaggio che va dalla proprietà all’utilizzo”. Tra le aziende che hanno già beneficiato delle soluzioni Ubeeqo: Airbus, L’Oréal, Danone, Veolia e Safran.Il team di Ubeeqo continuerà a operare nella sede di Boulogne-Billancour sotto la direzione dei suoi fondatori, che guideranno lo sviluppo dell’azienda con il sostegno di Europcar.
Europcar è uno dei marchi leader in Europa nei servizi di mobilità. Presente in 145 paesi, il Gruppo garantisce ai suoi clienti l’accesso a uno dei più grandi network di autonoleggio del mondo, anche grazie a operazioni di franchising e partnership. Il Gruppo opera attraverso i brand Europcar® e InterRent, compagnia di noleggio low cost. L’attenzione al cliente è al centro della mission del Gruppo, che si tratti di innovazione o di servizio, e tutti i dipendenti della società sono impegnati a soddisfare ogni sua esigenza. Europcar promuove attivamente la responsabilità sociale d’impresa e ambientale. Nel 2013 ha vinto, per il quinto anno consecutivo, il World Travel Awards quale migliore azienda “green” nel settore dei trasporti (World’s Leading Green Transport Solution Company). Europcar è di proprietà di Eurazeo, uno dei principali fondi di investimento quotati in Europa. – http://www.europcar.it

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ditelo al Governo: prima proposta

Posted by fidest press agency su sabato, 5 Mag 2012

Abbiamo prese seriamente l’iniziativa governativa di collaborare per indicare gli sprechi, suggerire rimedi, segnalare disfunzioni e abusi nella P.A. ma anche nel settore privato. Il link è il seguente:
http://www.governo.it/scrivia/RedWeb_Form.htm
Lo facciamo sulla scorta delle nostre esperienze misurate sul campo e con l’ausilio dei Centri studi della Fidest che sono stati attivati, nei propositi degli ideatori, per studiare e valutare l’applicabilità di alcune proposte operative nel campo dei servizi resi al pubblico. L’idea è partita molti anni fa ed era sostenuta da alcuni dirigenti statali in pensione che a titolo gratuito e con grande spirito di servizio avevano individuato i punti deboli, i dispendi ovviabili e suggeriti i correttivi. Alcune nostre proposte furono ritenute interessanti ma “inapplicabili” perché la classe politica non era pronta alle innovazioni che avrebbero ridotto di molto non tanto gli sprechi ma la possibilità di lucrare sulle disfunzioni e favorire il malgoverno del paese. Un politico in proposito con molto cinismo ci disse: “ma se non ci sono i problemi ditemi a che serve la politica? E poi da qualche parte dobbiamo guadagnare, non siamo mica un istituto di beneficenza.”
La politica, ovviamente non è quella figura pensata dal nostro politico. E’ di tutt’altra pasta e crediamo nel suo ruolo di mediazione e di correzione delle storture per una società virtuosa che fa delle distorsioni esistenti non un dato patologico ma, semmai fisiologico.
Facciamo anche un’altra premessa nel richiamare l’attenzione di chi ci legge che noi abbiamo scritto in proposito centinaia di articoli e uno stralcio degli è possibile visionarlo su: https://www.google.com/bookmarks/lookup
Vogliamo cominciare con una richiesta “organizzativa” proponendo accanto alla figura del supertecnico Bondi (come i media lo definiscono) dei “piccoli Bondi” preposti a cercare sul campo e a verificare la correttezza delle segnalazioni ricevuto e nell’indicare la fattibilità e il risparmio conseguente nelle piccole cose per il recupero delle risorse umane e mobiliari e immobiliari costituendo un apposito dipartimento a costo zero, avvalendosi del supporto gratuito di volontari ex funzionari dello Stato, di giornalisti, ecc.
Ed ecco la prima osservazione. Il centro storico di Roma pullula di uffici dipendenti dalla Presidenza del Consiglio. Sono tutti necessari? Non lo crediamo. Se si rivedessero le funzioni svolte i tempi e i metodi di lavoro dei dipendenti e si considerasse la possibilità d’introdurre l’homeworking e il teleworking non potremmo di certo ridurli concentrandoli e recuperando qualche palazzo da cedere alle regioni per i loro uffici di rappresentanza oggi costosi perché presi per lo più in affitto e con personale che potrebbe essere ridotto in specie nelle mansioni più modeste (uscieri, ad esempio). Facciamo seguire a breve una nostra seconda proposta. Per la cronaca ne abbiamo pronte già 15 quante sono state le lettere inviate al Presidente Monti, già alcuni mesi fa ma rimaste inevase. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Caro bollette

Posted by fidest press agency su sabato, 14 aprile 2012

Adiconsum: basterebbero 50 centesimi su ogni bolletta, a carico delle aziende energetiche, per realizzare un Fondo di solidarietà paritetico capace di intervenire a sostegno di quelle famiglie che vivono al di sotto della soglia di povertà” “Finalmente il Governo mostra sensibilità sociale”, dichiara Pietro Giordano Segretario generale di Adiconsum, “cominciando a rendersi conto del peso insostenibile sopportato dalle famiglie sui costi dell’energia”. E aggiunge: “fa bene il Ministro Clini, recependo parzialmente la proposta di Adiconsum, a proporre un tavolo tecnico con l’Autorità per l’energia elettrica e il gas ed il Ministero per lo Sviluppo economico per ridurre il costo della bolletta elettrica,” ma sottolinea Giordano, “è necessario che il tavolo tecnico sia aperto anche alle Associazioni dei Consumatori rappresentanti degli cittadini sui quali sono ricaduti e continuano a ricadere gli aumenti vertiginosi delle bollette”. “Nel nostro Paese”, continua Giordano, “su trenta miliardi di euro di crediti inesigibili, la metà riguardano le utenze domestiche non pagate, cioè bollette della luce, del gas, del telefono. Basterebbero 50 centesimi su ogni bolletta, a carico delle aziende energetiche, per realizzare un Fondo di solidarietà paritetico capace di intervenire a sostegno di quelle famiglie che vivono al di sotto della soglia di povertà, sviluppando così il ruolo sociale di tali imprese che fino ad oggi hanno pensato solo al business e non ai clienti-consumatori, unica vera loro ricchezza”. “Adiconsum chiede che il tavolo tecnico”, conclude Giordano “affronti il vero tema dell’eliminazione degli oneri impropri che le famiglie pagano nelle bollette e soprattutto tempi rapidi e certi nelle decisioni.” Adiconsum nelle prossime settimane presenterà pubblicamente uno studio sui costi impropri delle bollette e le proposte per ridurle.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

BroadVision lancia il programma Clearvale Social Enterprise Transformation

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 novembre 2011

Sunflower Social Business Model

Image by Intersection Consulting via Flickr

Redwood CITY, California, BroadVision, Inc. (Nasdaq:BVSN), l’azienda leader per soluzioni nel campo del social business, ha annunciato oggi alla conferenza Enterprise 2.0 a Santa Clara la disponibilità immediata del programma Clearvale (TM) Social Enterprise Transformation (SET), un processo della durata di 90 giorni per valutare come approntare, pianificare, stabilire e perfezionare un ecosistema di social network per le aziende. Mediante l’utilizzo di tecniche e strumenti per il social network, BroadVision aiuta aziende di tutto il mondo a trasformare in modo efficace il modo in cui operano. Queste tecniche fanno di SET un programma facile da seguire progettato per aiutare le aziende a evitare le trappole di iniziative di social network deludenti. Il programma SET aiuta le organizzazioni a garantire il mandato esecutivo, a pianificare la strategia prima di implementare la tecnologia, a stabilire delle comunità per la creazione dei contenuti, a promuovere la partecipazione e stimolarne l’adozione, e a valutarne il successo per mezzo della piattaforma di “social enterprise” Clearvale.
Attraverso il programma SET, un team di Clearvale lavorerà in collaborazione con le organizzazioni tenendo regolari incontri nella fase della loro trasformazione sociale. Grazie al sostegno del team di Clearvale, le organizzazioni potranno completare un’autovalutazione per esaminare il modo in cui lavorano attualmente e stabilire, inoltre, se l’azienda è pronta per una trasformazione sociale. Per stabilire i requisiti aziendali, le organizzazioni possono usare come modello uno dei casi di utilizzo di social network prefabbricati di Clearvale, oppure possono creare dei piani di trasformazione in social enterprise personalizzati su misura in base alle loro specifiche esigenze di social network. Allo scadere dei 90 giorni, il team di Clearvale svolgerà un’analisi di follow-up per mostrare il livello di social network raggiunto, usando una serie di valori basati su connettività, attività e popolarità.Come parte del programma SET, BroadVision sta svolgendo un’indagine intesa a stabilire una baseline di dati del settore relativi al modo in cui le aziende stanno lavorando e collaborando al presente, per valutare quanto siano pronte a una trasformazione sociale e in che modo questi sforzi incidano sulle loro attività. Per partecipare, visitare la pagina dell’indagine sulla trasformazione in social enterprise nel sito di Clearvale.
Clearvale è una soluzione di social network per le aziende basata su cloud che sfrutta al meglio la più recente tecnologia e le prassi enterprise 2.0, aiutando le aziende a coinvolgere e a interagire con dipendenti, clienti e partner. Solo Clearvale consente alle aziende di creare network sociali per ognuno di questi gruppi, pur gestendoli tutti insieme come un’unica entità, creando quindi un ecosistema di social enterprise.
All’avanguardia dell’innovazione fin dal 1993, BroadVision (Nasdaq:BVSN) è un fornitore innovativo di soluzioni per e-business e social network per le aziende in cerca di una crescita dei profitti tramite il miglioramento dei processi commerciali online per mezzo di partecipazione sollecitata e interazione sociale. Le nostre soluzioni – tra cui Clearvale, la prima rete al mondo tra le reti per aziende orientate al social network – consente di realizzare e-business mission-critical per le organizzazioni di prossima generazione in tutto il mondo. Tra i clienti che stanno traendo vantaggi dalle soluzioni BroadVision(R) citiamo Baker Hughes, Canon, Epson, Fiat, W.W. Grainger, Hilti, Iberia, Indian Railways Catering and Tourism Company, SINA, SOFTBANK TELECOM Corp, Sony, U.S. Navy, Vodafone, e altre ancora. Per ulteriori informazioni visitare il sito http://www.BroadVision.com.
BroadVision e Clearvale e tutte le diverse grafie con distinzione tra lettere maiuscole e minuscole dei loro nomi sono marchi commerciali o marchi depositati di BroadVision, Inc. negli Stati Uniti d’America e in altri paesi.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Marmi: congiuntura di settore

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 novembre 2011

Cave di marmo

Image by maurobrock via Flickr

L’IMM proseguirà, anche per il 2011 una raccolta sistematica di dati e valutazioni attraverso contatti diretti con le aziende proseguendo un lavoro finalizzato alla necessità di acquisire opinioni direttamente espresse dagli operatori per poter “leggere” senza filtri o condizionamenti le valutazioni del settore e dei singoli protagonisti raccolte nel loro contesto operativo per costruire il consueto “panorama” da mettere a disposizione dell’intero comparto.
La raccolta delle informazioni, che si svolgerà in tempi brevi per procedere a un’elaborazione tempestiva che terrà conto sia delle aree da cui provengono i dati sia delle collocazioni produttive delle imprese, si avvarrà delle risposte di un gruppo ormai consolidato di riferimenti aziendali in tutta Italia integrato da nuovi “testimoni” individuati appositamente che contribuiranno a rendere ancora più chiara la visione complessiva delle aziende. “La rilevazione si svolge normalmente in chiusura d’anno ma per il 2011, ma in considerazione di un panorama particolarmente complesso, per questo – ha detto il presidente di IMM Giorgio Bianchini presentando l’iniziativa – abbiamo deciso di anticipare i tempi per offrire alle imprese, alle Istituzioni e alle Associazioni elementi di valutazione su un anno molto complicato come questo 2011 che volge al termine. Il focus della nostra rilevazione riguarderà alcuni parametri di andamento congiunturale e di soluzioni gestionali adottate dalle aziende.” Nel corso degli ultimi mesi sono emerse incertezze e problemi anche internamente al comparto lapideo nazionale che ha mostrato una capacità complessiva di resistenza alle difficoltà che altri settori produttivi, spesso ben più celebrati, non hanno avuto. I motivi di preoccupazione generale non mancano come pure le difficoltà di gestione sia a livello aziendale sia a livello territoriale. Per questo il piano di lavoro della ricerca e le successive analisi di IMM prevedono approfondimenti su temi specifici, individuati in funzione del momento e dei problemi emersi nel corso dell’anno ed evidenziati anche dai contatti quotidiani con il settore. L’indagine si svolge grazie alla disponibilità delle aziende che aderiscono volontariamente e consentirà di predisporre indici di valutazione sofisticati attraverso tecniche innovative di elaborazione e interpretazione dei risultati importate da altri settori e da altri studi. Agli operatori di settore sarà richiesto di rispondere a pochi quesiti, e le valutazioni finali, elaborate secondo i consueti criteri di trasparenza, saranno messe a disposizione degli operatori e dei soggetti istituzionali con specifica attenzione ai benefici per le aziende, ai temi della crescita, al mercato del lavoro e alla responsabilità sociale. I dati saranno raccolti attraverso contatti diretti e divulgati, dopo l’elaborazione, utilizzando tutti gli strumenti di comunicazione di cui dispone l’Internazionale Marmi e Macchine che garantirà, come sempre, assoluta riservatezza sulle informazioni raccolte.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »