Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 255

Posts Tagged ‘sospensione’

Sospensione delle rate di mutui e prestiti

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 maggio 2020

Secondo un’analisi prodotta da CRIF sulla base delle informazioni contribuite in EURISC, il principale Sistema di Informazioni Creditizie attivo in Italia, nelle prime settimane dopo l’entrata in vigore del decreto ‘Cura Italia’ (nel corso del mese di marzo) le famiglie italiane hanno presentato 162.307 richieste di accesso alla moratoria per la sospensione del pagamento dei propri finanziamenti rateali.
Di queste, circa 65.000 richieste riguardano mutui immobiliari ma sono state più di 55.000 quelle relative ai prestiti personali. A seguire, quasi 19.000 le richieste di moratoria sui prestiti finalizzati, 13.000 quelle sui mutui di liquidità mentre le restanti 10.000 si riferiscono a contratti di leasing e altri prodotti rateali. Dallo studio di CRIF emerge anche che i contratti relativi ai consumatori che sono stati sospesi grazie alla moratoria sono mediamente risultati essere più onerosi in termini di rata mensile e debito residuo, confermando la necessità da parte delle famiglie di sospendere il pagamento di rate che rappresentano un impegno significativo rispetto al budget disponibile. Ad esempio, per i mutui immobiliari per i quali è stata ottenuta la sospensione dei rimborsi grazie alla moratoria la rata media mensile è pari a 753 Euro mentre l’importo residuo ancora da rimborsare per estinguere il finanziamento è di 144.600 Euro. Per gli altri mutui la rata mensile dei contratti per i quali è stata ottenuta la moratoria è pari a 882 Euro contro i 384 Euro dei prestiti personali e i 238 Euro dei prestiti finalizzati.
Un’altra importante evidenza che emerge dallo studio di CRIF riguarda l’applicazione della moratoria a livello regionale: fatto 100 il totale nazionale, il 13,6% dei contratti che hanno beneficiato della sospensione delle rate nel mese di marzo riguarda consumatori del Veneto, che precedono quelli della Sicilia, che mostrano una incidenza del 12,7% sul totale, e quelli del Trentino Alto Adige, con il 12,2% malgrado la modesta incidenza dei contratti attivi sul totale. Seguono la Lombardia, con un peso del 10,1% sul totale, l’Emilia Romagna, con l’8,8%, il Piemonte, con l’8,6%, e il Lazio, con il 7,7%.
Ragionando in termini di numerosità dei contratti sospesi rispetto al numero di finanziamenti attivi, la media nazionale è pari allo 0,8%, con un’accentuazione evidente in Trentino Alto Adige, dove l’incidenza è addirittura pari al 4,7%. Più alta della media l’incidenza anche in Sicilia e in Veneto, entrambe con l’1,3%. Perfettamente in linea con la media nazionale l’Emilia Romagna, le Marche e la Val d’Aosta, mentre l’incidenza in Piemonte risulta pari allo 0,7% contro lo 0,6% della Lombardia.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sospensione contributi, cartelle di pagamento e avvisi di addebito

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 maggio 2020

L’art. 1 comma 2 della legge n. 27/2020, di conversione del decreto “Cura Italia” ha abrogato i decreti legge 2 marzo 2020, n. 9, 8 marzo 2020, n. 11, e 9 marzo 2020, n. 14, pur mantenendo validi gli atti ed i provvedimenti adottati così come gli effetti ed i rapporti giuridici sorti sulla base degli stessi. La Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, con la circolare n. 11/2020, prende in esame le misure inerenti la sospensione dei termini relativi ad adempimenti e versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria previste nella citata normativa, nonché quelle riguardanti le cartelle di pagamento e gli avvisi di addebito emessi dagli Agenti della Riscossione al fine di farne una trattazione organica e utile che distingue destinatari, contenuti e termini di scadenza delle sospensioni oltre alle indicazioni emanate da Inps e Inail.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Covid e RC auto: i rischi della sospensione

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 aprile 2020

Il Senato, nell’ambito della conversione del DL n. 18/2020, ha approvato un emendamento che introduce per tutti gli automobilisti italiani la possibilità di sospendere, fino al 31 luglio, l’RC auto o moto in corso di validità. Una novità che, se venisse confermata nell’attuale formula, secondo le simulazioni di Facile.it potrebbe tradursi, per un automobilista “medio”, in un potenziale risparmio variabile tra i 40 e i 150 euro, ma con molti rischi da valutare attentamente; dal blocco delle garanzie accessorie agli eventuali costi di sospensione e riattivazione fino all’obbligo di un box privato per il mezzo.Ecco perché, come evidenziano gli esperti del comparatore, non tutti potranno approfittare della norma né avere un beneficio tangibile da questa opportunità.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sospensione attività didattiche a distanza nel periodo pasquale

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 aprile 2020

Giungono in sindacato numerose segnalazioni di riunioni d’urgenza dei Consigli d’istituto di molte scuole con all’ordine del giorno modifiche da apportare al calendario scolastico. Marcello Pacifico (presidente nazionale Anief): “Necessario garantire a docenti e, soprattutto, agli alunni e alle famiglie, la pausa prevista dai calendari regionali per il periodo pasquale. Pochi giorni di pausa nelle attività a distanza serviranno a tutti, docenti e studenti, a riprendere dopo con nuova energia e vigore” Molti dirigenti pensano, infatti, che la sospensione delle attività didattiche in presenza, per l’emergenza sanitaria in atto, renda necessario adottare delibere che permettano alle attività svolte a distanza di proseguire anche durante il periodo di interruzione pasquale. In alcuni casi chiedendo ai docenti di proseguire anche nei giorni che sarebbero stati di pausa, in altri addirittura proponendo modifiche ai calendari scolastici. Per Anief si tratta, in entrambi i casi, di un errore. “Innanzitutto – evidenzia Marco Giordano, membro della segreteria generale Anief – è sbagliato sotto il profilo procedurale e di competenza, visto che la redazione dei calendari scolastici è di pertinenza delle regioni (art. 138, comma 1 lettera d D.lgs 31 marzo 1998 n. 112), mentre alle scuole compete, nella loro autonomia, solo la possibilità di adattarlo alle specifiche esigenze del PTOF. Tuttavia, tali adattamenti devono comunque essere stabiliti nel rispetto di quanto indicato all’art. 74, comma 3 del D.lgs. n. 297/1994, ovvero ai fini dello svolgimento di almeno 200 giorni di lezioni e tenendo conto di eventi non previsti che comportino la sospensione del servizio scolastico, che, se dovuti a causa di forza maggiore, non danno però luogo ad alcun recupero. Se consideriamo che, nel caso presente, ci troviamo esattamente innanzi a una situazione di forza maggiore, che esclude le esigenze di recupero, comprendiamo che gli adattamenti di cui parliamo non sono assolutamente necessari. Va, inoltre, evidenziato – conclude Giordano – che qualsiasi modifica al calendario debba prima passare dal collegio docenti, tenuto a esprimersi in merito, e solo successivamente in Consiglio di istituto”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Coronavirus: Possibile sospensione dei concorsi fino al 31 luglio

Posted by fidest press agency su domenica, 29 marzo 2020

Lo prevede quanto disposto dall’art. 1, commi 1 e 2, lettera t) del DL 19/2020. Il presidente Anief, Marcello Pacifico, scrive al ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, per chiedere con urgenza un tavolo politico in teleconferenza con gli altri sindacati per discutere proposte alternative e urgenti per affrontare il problema del precariato, dopo lo slittamento delle procedure concorsuali previste già a ottobre dal Governo e licenziate dal Parlamento a fine anno con la legge 159/2019.È evidente che quanto era urgente in autunno lo è ancora di più in primavera. Non possiamo permetterci di ignorare un problema grave quale quello della supplentite, della continuità didattica, dell’abuso dei contratti a termine ritenuto improrogabile nel mese di ottobre e ancora più urgente nel mese di aprile, mentre tutto il corpo insegnante è impegnato nella sfida della didattica a distanza e il personale Ata nel lavoro agile. Il prossimo anno avremo 250 mila contratti a termine, sempre che possa iniziare nella normalità.Sono saltate anche le procedure per far partire il corso abilitante che deve essere garantito a tutti i precari storici, come i corsi di riconversione professionali a tutto il personale di ruolo.
Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, afferma che “non è possibile pensare di prolungare la sospensione dei licenziamenti anche del personale dell’infanzia o primaria con diploma magistrale, causa Coronavirus, salvo poi chiedere alle stesse maestre di continuare a stare in questi momenti difficili accanto ai nostri figli, per di più quando hanno superato l’anno di prova”.“E cosa dire di quegli assistenti tecnici e amministrativi che continuano a gestire il personale Ata e la contabilità a distanza in una scuola su due? Sono tutte domande che vogliamo porre al rappresentante del Governo che ha il dovere di consultarci per confrontarci sulle nuove soluzioni. Noi ne abbiamo già alcune, concrete, semplici e di buon senso, le stesse che abbiamo posto all’attenzione dei senatori durante l’esame del decreto legge n. 18/2020 nelle proposte emendato presentate in V Commissione bilancio”, conclude Marcello Pacifico.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Richiesto al Ministero dell’Economia opt out per semplificare sospensione dei mutui e finanziamenti

Posted by fidest press agency su sabato, 28 marzo 2020

Opt out per semplificare la sospensione dei mutui da allargare anche ai finanziamenti e blocco temporanea delle segnalazioni negative nei SIC. Sono alcune delle proposte indirizzate quest’oggi da Konsumer Italia al MEF, con una missiva a firma del Vice Presidente, l’Avv.Raffaella Grisafi, con l’intento di richiamare l’attenzione del Ministero sulla necessità ed urgenza di adottare modalità semplificate per agevolare la sospensione dei mutui. Si è in particolare suggerito di adottare un sistema di opt out per cui non sia necessario una attività del consumatore per sospendere il mutuo ma sia l’intermediario finanziario a dover contattare direttamente il titolare del rapporto di mutuo e per il tramite di una procedura di registrazione, telefonica con cui l’operatore illustri sinteticamente diritti e doveri del consumatore, sostanzialmente chiedere al consumatore se intenda avvalersi o meno della sospensione del mutuo. In assenza di espresso diniego, l’intermediario dovrà procedere all’automatica sospensione del piano rateale. In tale operazione gli intermediari potrebbero essere supportati dai call center di cui già generalmente si avvalgono. La richiesta è avvalorata dall’impossibilità in questo momento (e presumibilmente ancora per le prossime settimane) per i consumatori di poter procedere al più semplice adempimento formale che impedirebbe di beneficiare della misura. Si è inoltre rappresentato al Ministero come le famiglie non abbiano liquidità ma si trovino a dover saldare rate di finanziamenti che nell’attuale fase risultano impossibili da onorare anche nella loro porzione mensile e di cui il Cura Italia non tiene conto. Ciò indurrà inevitabilmente i consumatori ad interrompere il pagamento con il rischio che si avviino tutti i meccanismi di sollecito e recupero che già in tempi normali sono noti per criticità operative e che, nell’attuale contesto andranno ad aggravare un clima sociale già fortemente messo alla prova dall’emergenza sanitaria. Il mancato pagamento comporta inoltre la segnalazione nei Sistemi di Informazione Creditizia che registrando gli inadempimenti, restituiranno al mercato del credito nei prossimi mesi, una serie di “cattivi pagatori loro malgrado” che dunque avranno anche difficoltà nell’accesso al credito, alla ripresa. In tal senso si è chiesto di coinvolgere tutti gli stakeholders al fine di concordare procedure per sospendere le segnalazioni nei SIC o adottare sistemi di cancellazione in breve tempo. Da ultimo, forte preoccupazione Konsumer ha mostrato per l’attuale traffico di transazioni on line a mezzo carte di pagamento che potrebbero in questo momento registrare un picco anomalo per l’operatività media delle famiglie con rischio di ulteriore sovraindebitamento. A tale fine si è richiesto di attivare un sistema di monitoraggio del traffico di transazioni on line attenzionando quei clienti che solitamente hanno un’operatività più bassa e predisponendo un alert che richiami gli stessi ad una gestione ponderata delle proprie finanze. Si è inoltre richiesto di valutare l’opportunità di oscurare piattaforme di investimenti on line che, in questo momento di permanenza domiciliare forzata, potrebbero rappresentare un ulteriore grave pericolo di indebitamento di soggetti non muniti delle dovute competenze e del richiesto livello di avvedutezza. Konsumer auspica che il MEF intervenga tempestivamente e con misure concrete ed efficaci a supportare i consumatori in questa fase critica ed a ridurne le occasioni di pregiudizio nel prossimo futuro a cui, nonostante la gravità del presente, occorre guardare con grande lucidità e concretezza.
(fonte: Ufficio Stampa Konsumer Nazionale)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sospensione delle attività di impresa

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 marzo 2020

La sopraggiunta sospensione delle attività di impresa ha avuto pesanti e immediati ripercussioni su tutto il mercato dell’energia elettrica e del gas naturale e sulle aziende che vi operano, rendendo estremamente difficoltoso, se non impossibile, per le stesse il puntuale adempimento delle reciproche obbligazioni contrattuali.Attraverso il documento, 40 Aziende del settore, associatesi in A.R.T.E. (Associazione Reseller e Trader dell’Energia), chiedono un intervento immediato dell’Autorità volto a garantire una pari sospensione dei termini di pagamento per tutti gli operatori della filiera, a salvaguardia dell’equilibrio del mercato e della concorrenza, al fine di evitare maggiori danni economici, finanziari e soprattutto occupazionali.“Il processo di ‘Legittimo provvisorio congelamento dei termini di pagamento’ – dichiara Diego Pellegrino, Amministratore Delegato di Eroga Energia e portavoce delle 40 aziende che si sono associate nella richiesta all’Autorità – deve essere esteso a tutti i rapporti negoziali della filiera, disponendo la momentanea sospensione per tutte le scadenze imminenti previste”.L’adozione urgente di tali misure integrative – si legge nel documento – si rende necessaria per far fronte all’impatto economico-sociale derivante dalla riduzione dei flussi di cassa necessari per garantire la continuità economica delle imprese di vendita e del servizio somministrato. Secondo le imprese di A.R.T.E., è in atto una distorsione mediatica relativa ai provvedimenti adottati dal Governo e dall’Autorità, che induce l’utilizzatore finale a ritenere di poter non pagare le spese per la somministrazione di energia elettrica e gas. naturale.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Coronavirus: Campidoglio sospende le procedure concorsuali nazionali sul territorio di Roma

Posted by fidest press agency su martedì, 25 febbraio 2020

Nelle more degli atti di attuazione del Decreto Legge, approvato dal Consiglio dei Ministri nella seduta del 22 febbraio 2020, e di eventuali altre disposizioni di competenza della Regione Lazio, si è svolto in Campidoglio un tavolo dei vertici dell’Amministrazione capitolina, che in queste ore sono in costante contatto con Governo, Regione Lazio e Protezione Civile, a seguito del quale è stata consolidata la decisione di sospendere a scopo preventivo le procedure concorsuali a carattere nazionale che si svolgeranno nel territorio di Roma Capitale.La misura è contenuta in un’ordinanza sindacale, adottata nell’ambito delle azioni in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica COVID-19, volte a prevenire e contrastare l’ulteriore trasmissione del virus.
La sospensione avrà validità da domani, lunedì 24 febbraio, fino all’emanazione del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri previsto dal Decreto legge in fase di pubblicazione.Nello specifico, il provvedimento riguarda:
– due concorsi banditi dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali le cui prove sono in programma il 24, 25 e 26 febbraio 2020 presso la Scuola di formazione e aggiornamento del Corpo di Polizia e del personale dell’Amministrazione penitenziaria di Roma;
– altre procedure concorsuali a carattere nazionale che si svolgeranno nel territorio di Roma Capitale.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Parlamento europeo chiede sospensione dei negoziati con la Turchia

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2016

ankaraI deputati chiedono una sospensione temporanea dei negoziati per l’adesione della Turchia all’UE. Nella risoluzione votata giovedì, dichiarano che la Turchia deve tuttavia restare “ancorata” all’UE. Si impiegano, inoltre, a rivedere la loro posizione allorché saranno state revocate le “misure sproporzionate” repressive nel contesto dello stato di emergenza in Turchia.I deputati ricordano che la Turchia è “un partner importante per l’UE”. Tuttavia, in un partenariato “la volontà politica di cooperare deve provenire da entrambe le parti” e la Turchia non dimostra “tale volontà politica, dato che le azioni del governo allontanano ulteriormente il Paese dal suo percorso europeo”.Un’interruzione temporanea dei negoziati non permetterebbe l’apertura di nessun nuovo capitolo e nemmeno l’avvio di nuove iniziative in relazione al quadro negoziale dell’UE per la Turchia.La reintroduzione della pena capitale da parte del governo turco porterebbe a una sospensione formale del processo di adesione. I deputati hanno quindi ricordato che “l’opposizione inequivocabile alla pena di morte è un elemento essenziale dell’acquis dell’Unione”.Nel documento si condannano fermamente le misure repressive sproporzionate adottate dal governo turco dopo il mancato colpo di Stato del luglio 2016. Tali misure, inoltre, “violano i diritti e le libertà fondamentali tutela dalla Costituzione turca”.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vendita diretta a domicilio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 aprile 2012

Si è svolta lo scorso 19 aprile la seconda assemblea associativa di Univendita, l’Unione italiana della vendita diretta, che raggruppa le principali aziende che operano in regime di vendita diretta a domicilio. Un’assemblea durante la quale è emerso il valore, sempre più incisivo, delle caratteristiche della vendita diretta soprattutto in un periodo di crisi economica come quello che sta attraversando ormai da un triennio il nostro Paese. Luca Pozzoli, presidente di Univendita, ha puntato l’attenzione proprio sugli aspetti collegati alla crisi economica e al ruolo che le aziende associate Univendita stanno giocando e si ritroveranno a giocare anche nei mesi a venire: «Le evidenti difficoltà economiche e di diminuzione dei redditi delle famiglie italiane-ha detto durante la sua relazioni ai soci-, spingono sempre di più i consumatori ad effettuare acquisti ragionati e ben ponderati che non sempre significa minore spesa o prezzi più bassi. Nel nostro caso è evidente che i prodotti della vendita diretta ottengono il riconoscimento dei consumatori proprio perché si tramutano in un investimento per il futuro. Se a tutto questo ci aggiungiamo che nell’era di internet e della crescita dell’e-commerce, l’unico altro comparto che fa registrare segni positivi nei propri bilanci è la vendita diretta a domicilio, c’è di che esserne orgogliosi». Ma anche la crisi occupazione ha trovato posto nella relazione del presidente: «Siamo consapevoli che la situazione del mercato del lavoro è grave nel nostro Paese e che, in periodi come questo, la vendita diretta a domicilio si tramuta in una soluzione per chi non riesce a reinserirsi nei settori di competenza. Noi, d’altronde, lo ripetiamo da tempo che non ci tiriamo indietro e affrontiamo il momento con la serietà che ci contraddistingue. Ma non si tratta, come molti potrebbero immaginare, di scelte dettate esclusivamente dal momento e dai bisogni contingenti, bensì da scelte che si tramutano in soddisfazioni eccellenti per molte persone. Ne sono esempio le tante storie di venditori che, entrati in una delle nostra aziende associate dopo aver perso il lavoro o dopo essere stati in cassa integrazione per parecchio tempo, si sono ritagliati spazi professionali interessanti e soddisfazioni personali di tutto rispetto».
L’attività associativa. Oltre ad avere approvato il bilancio 2011, l’assemblea di Univendita è servita anche per presentare le attività che hanno portato, nel giro di due anni, l’associazione a diventare la prima in Italia per giro d’affari: «Il nostro operare quotidiano ci ha permesso di diventare, in due anni, la prima associazione di categoria per fatturato. Un ottimo risultato considerato che siamo entrati a pieno regime solamente nel secondo anno di attività. Tra le decisioni affrontate e prese dall’associazione vanno segnalate l’adesione di Univendita a Confcommercio e i contatti istituzionali che potrebbero agevolare sia l’attività della forza vendita delle nostre aziende associate, sia i rapporti con il mercato del lavoro e con i consumatori».(Stefano Morelli)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Bcc: misure anticrisi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 aprile 2012

BCC Carugate, Banca di Credito Cooperativo di Milano e Brianza, è una delle 330 BCC che hanno aderito all’intesa “Nuove misure per il credito alle PMI”, siglata da ABI, Associazioni imprenditoriali, Ministero dello Sviluppo Economico e Ministero dell’Economia e delle Finanze, e che prevede operazioni di sospensione e allungamento dei finanziamenti concessi alle imprese. Dalla prima adesione al 20 aprile 2012, BCC Carugate ha approvato 77 domande di sospensione complessive, per un importo totale di “rate” sospese pari a 4,7 milioni di euro. BCC Carugate – Banca di Credito Cooperativo di Milano e Brianza attiva dal 1953 con 27 filiali in 90 comuni nelle province lombarde di Milano, Monza e Brianza, Lodi, Como e Lecco – ha rinnovato la propria adesione all’Avviso Comune per la sospensione dei debiti delle PMI per l’anno 2012, firmato lo scorso 28 febbraio da ABI e Associazioni di rappresentanza delle imprese e siglato anche dal Ministro dello sviluppo economico, delle infrastrutture e dei trasporti Corrado Passera, e dal Vice Ministro dell’economia e delle finanze Vittorio Grilli. Gli obiettivi dell’intesa – denominata “Nuove misure per il credito alle PMI” – sono analoghi a quelli dei precedenti accordi del 2009 e del 2011 e mirano ad assicurare la disponibilità di adeguate risorse finanziarie alle imprese che pur registrando tensioni sul fronte della liquidità presentano comunque prospettive economiche positive, creando le condizioni per il superamento delle attuali situazioni di criticità. Le misure finanziarie adottate a favore delle imprese includono operazioni di sospensione dei finanziamenti, operazioni di allungamento dei finanziamenti e operazioni per promuovere la ripresa e lo sviluppo delle attività.
BCC Carugate è una delle 330 BCC che hanno fin qui aderito all’iniziativa, alle quali si aggiungono i tre enti centrali del Credito Cooperativo: Iccrea Banca Impresa – ex Agrileasing, Cassa Centrale Banca e Banca Sviluppo.
Nel periodo ottobre 2009 – ottobre 2011, il Credito Cooperativo nel suo complesso ha accolto circa 16.400 domande (il 78,9% di quelle analizzate) per un debito residuo di circa 4,2 miliardi (78% circa dell’importo relativo alle domande analizzate). Dalla prima adesione al 20 aprile 2012, BCC Carugate ha approvato 77 domande di sospensione complessive, per un importo totale di “rate” sospese pari a 4.759.327 euro, che corrisponde a un dato medio di 61.800 euro per cliente. Le imprese clienti che volessero presentare una domanda di sospensione o di allungamento di finanziamenti possono farlo fin da subito presso tutte le filiali di BCC Carugate.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dacci oggi il nostro “lodo Mondadori”

Posted by fidest press agency su lunedì, 11 luglio 2011

E’ probabile che la vicenda Fininvest/De Benedetti finisca con la sospensione degli effetti della sentenza d’appello in attesa del ricorso e del pronunciamento della Cassazione. Quindi i quasi 600 milioni di euro che la famiglia Berlusconi dovrebbe versare, forse saranno dovuti ma solo quando saranno esauriti i tre gradi che garantiscono l’applicazione della giustizia. Stendendo un velo pietoso sui metodi che la maggioranza parlamentare ha cercato di utilizzare per evitare l’esborso in fase di attesa di giudizio, il problema in se’ esiste e non e’ di secondo piano. E forse questa e’ l’occasione per affrontarlo facendo si’ che diventi una norma di civilta’ giuridica: il soccombente dovrebbe essere tale, anche economicamente, solo quando sono stati esperiti tutti i gradi di giudizio. Pensiamo ai numerosi contenziosi tributari, di 200 come di 200.000 euro, in cui non viene concessa la sospensiva dei pagamenti e, pur in attesa di sentenza, la parte ricorrente e’ costretta a pagare e, in caso di accoglimento, successivamente rivalersi, con ulteriori aggravi di spese, per riottenere il dovuto. Pensiamo anche ai ‘banali’ ricorsi ai giudici di pace per una infrazione al codice della strada, la cui multa base e’ di 39,00 euro e a cui il cittadino ricorre senza l’ausilio di un legale. Oggi l’iter prevede:
pagamento del contributo unificato di 37,00 euro (per ricorsi sotto i 1.100 euro, la maggior parte);
convocazione di una prima udienza in cui il giudice valuta se sospendere gli effetti della sanzione: non pagata dopo 60 giorni dalla notifica, l’importo raddoppia. Il giudice nella maggior parte dei casi mantiene l’importo originario perche’ valuta che, se la multa fosse stata pagata perche’ non raddoppiasse, il ricorso non sarebbe stato possibile… e quindi comprende le ragioni del ricorrente. La presenza del ricorrente è obbligatoria.
convocazione di una seconda (talvolta anche una terza) udienza per il merito del ricorso, dove il giudice decide. La presenza del ricorrente è obbligatoria.
Da notare che il giudice ha sempre potere di dimezzare o raddoppiare l’importo della multa. Quindi a che serve la prima udienza sulla sospensiva se non a scoraggiare il ricorso, cosi’ come il pagamento del contributo unificato che spesso e’ simile all’importo per cui si fa ricorso. Qui stiamo parlando di decine e centinaia di euro, non di 600 milioni e le cose sono un po’ diverse, ma che differenza fa quando la sostanza è questa: perchè pagare quando si e’ ancora innocenti?
Di fatto, la scure del pagamento, e dei costi della giustizia, viene utilizzata per allontanare i cittadini dal farsi rivalere quando credono di aver subito un torto, nonchè a metterlo in posizione di debolezza nei confronti dell’altra parte. Ogni cittadino ha un suo “lodo Mondadori” quotidiano, non solo il capo del nostro Governo. Perche’ non affrontare la questione complessivamente e, invece, accorgersene solo solo quando c’è l’eccellente emergenza del momento, emergenza che se il capo del Governo ha probabilmente strumenti per rimediarvi, per il ‘banale’ cittadino vale il contrario. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Percorso lavorativo degli ex-Lsu ATA della Scuola

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 luglio 2011

Roma,  7 luglio via Fornovo – ore 10.30 manifestazione  sotto il ministero del lavoro. La notte del 14 giugno scorso si è tenuto presso il Ministero del Lavoro l’incontro che ha tristemente minato il già travagliato percorso lavorativo degli ex-Lsu ATA della Scuola ed ha portato alla firma di un accordo tra  il MIUR, i Consorzi di imprese di pulizia e Cgil Cisl Uil che prevede un netto taglio del lavoro per i 12.500 lavoratori impegnati da oltre 10 anni nelle scuole di tutta Italia.  L’accordo prevede infatti 65 giorni di sospensione dalle attività lavorativa per il 2011, e per l’anno 2012 altri 85 giorni di sospensione lavorativa più la decurtazione di 4 ore settimanali dal monte ore per ogni lavoratore. L’Unione Sindacale di Base non ha sottoscritto questo accordo scellerato, che sta vedendo crescere l’indignazione dei lavoratori traditi da sindacati i quali, dopo aver spinto questi precari storici alla protesta per ottenere la proroga dell’appalto, hanno poi abbandonato gli ex-Lsu al loro destino. Dichiara Carmela Bonvino dell’Esecutivo USB Lavoro Privato: “La USB sostiene, e ha sostenuto su tutti i tavoli, che è il sistema dell’esternalizzazione a creare diseconomie e che di fronte al taglio di risorse deciso dal MIUR diventava prioritario salvaguardare gli ex-Lsu”. “Questi lavoratori – prosegue Bonvino – sono una risorsa che merita di essere degnamente riconosciuta e assunta per rendere il servizio di pulizia funzionale ed economico a vantaggio della Scuola e delle casse dello Stato. Invece, pur di salvaguardare i margini di profitto delle aziende, si è preferito scaricare tutti i costi dei tagli sui lavoratori, riducendo le giornate lavorative e gli orari oltre il necessario”. Conclude Bonvino “Per questi motivi non abbiamo firmato e giovedì 7 luglio porteremo la protesta generalizzata dei lavoratori ex-Lsu provenienti da tutta Italia sotto il Ministero del Lavoro a Roma, per chiedere la revisione dell’accordo in occasione dell’incontro fissato per la concessione degli ammortizzatori sociali in deroga e per chiedere che invece si proceda, senza sperpero di risorse e senza tagliare lavoro e servizi, alla reinternalizzazione e all’assunzione ATA di tutti gli ex-LSU sui posti accantonati”.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Precari: Tre giorni di Sit-in

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 maggio 2011

Carmine Epomeo, Mazzeo Antonio e Luigi Lorusso (componenti del comitato spontaneo dipendenti della ditta Intini Source s.p.a) comunicano che da giovedi’ 12, lunedì 16 e martedì 17 maggio 2011 dalle ore 10.00, unitamente ad altri lavoratori della Intini Source s.p.a., terranno nell’area antistante l’Assessorato alla Salute della Regione Puglia (Via Caduti di tutte le Guerre), un sit-in di protesta per chiedere l’immediata sospensione del bando di gara per l’affidamento del servizio delle pulizie a nuova ditta e relativa internalizzazione, la neo Società in House, di TUTTI i lavoratori, già dipendenti della Intini Source s.p.a., così come stà avvenendo presso le ASL dell’intera regione e da ultimo la ASL/Ba la quale stà procedendo alla costituzione della la neo Società in House, che assumerà n° 700 lavoratori, indipendentemente dalla categoria di appartenenza e, dunque, senza distinzione alcuna tra servizio di portierato, di ausiliariato e di pulizie.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rinegoziazione mutui

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 maggio 2011

La proposta di rinegoziare i mutui per le famiglie meno abbienti è certamente utile, ma del tutto insufficiente e rischia di creare una “battaglia” tra poveri. Reddito ISEE di 30.000 euro per nucleo familiare, 150.000 euro di mutuo, non essere in ritardo con le rate – dichiara Pietro Giordano, Segretario Generale Vicario Adiconsum – significa aiutare un numero molto limitato di famiglie. Peraltro non è ancora chiaro se la rinegoziazione comporterà costi per i mutuatari. Le misure necessarie sono altre – continua Giordano – a partire da rifinanziamento del fondo di 20 milioni di euro per la sospensione delle rate e da soluzioni immediate per quei mutuatari che finiti i dodici mesi previsti, dal Piano Famiglia sottoscritto tra ABI e associazioni dei consumatori, difficilmente riusciranno a riprendere regolarmente i pagamenti.

Posted in Diritti/Human rights, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mozione per sospensione Trattato Italia-Libia

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 febbraio 2011

Roma 25/2/2011 ore 11,30 conferenza stampa alla sala stampa di Montecitorio per illustrare i contenuti della mozione. Ne parleranno Gianni Vernetti (ApI), Benedetto della Vedova (Fli), Ferdinando Adornato (Udc) ed altri deputati del Nuovo Polo hanno deposito oggi una mozione parlamentare in cui si chiede al Governo di sospendere il Trattato di Amicizia, Partenariato e Cooperazione fra la Repubblica italiana e la Libia. I parlamentari firmatari della mozione sostengono che: “I drammatici avvenimenti cui stiamo assistendo in queste ore, e la realtà che si sta concretizzando sul terreno, hanno reso ormai nella sostanza inefficace il Trattato di Amicizia italo-libico del 2008”

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Libia: appello sospensione trattato

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 febbraio 2011

Scrive il vicepresidente del Senato Emma Bonino: “Cari colleghi, vi invio un gruppo di video relativi alla drammatica situazione di queste ore in Libia; in particolare viene testimoniata la presenza di molti mercenari assoldati dal Regime. Preoccupa il fatto che in queste ore numerose agenzie parlino della presenza di mercenari europei e italiani impegnati in azioni di dura repressione contro la popolazione libica. Credo che tutto questo debba convincerci che non esiste più alcuna ragione per mantenere in vita l’accordo “di amicizia” con la Libia ovvero con chi è responsabile di questa spietata repressione della propria popolazione”. http://www.youtube.com/watch?v=W7pdvkkZWdo

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Autostrade Roma: abolizione pedaggio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 febbraio 2011

«Dal Tar è arrivato un segnale molto importante, ma la vera battaglia ce l’abbiamo davanti».È il commento del sindaco, Gianni Alemanno, a proposito della sentenza del Tar che annulla i pedaggi sul GRA. «Questo – ha spiegato- e’ il completamento della sospensione che già era avvenuta. Si tratta di pedaggi messi preliminarmente, in vista delle macchinette. La vera battaglia però è un’altra – ha sottolineato Alemanno- ossia contrapporsi a queste macchinette, fermo restando che parliamo sempre di pedaggi rispetto a persone che utilizzano le autostrade e non a chi si sposta da una parte all’altra della città di Roma».

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Libia: richiesta sospensione trattato amicizia

Posted by fidest press agency su sabato, 19 febbraio 2011

“Dichiarazione di Matteo Mecacci, Deputato Radicale e relatore dell’Osce su Democrazia e Diritti umani “Gli eventi in corso in Libia e le notizie sull’uccisione di decine di manifestanti a Bengasi e in altre zone della Libia, richiedono che il governo italiano intervenga immediatamente per chiedere a Gheddafi di fermare la violenza contro i cittadini che chiedono riforme democratiche. Infatti l’Italia, avendo scelto con il consenso di D’Alema e del Partito Democratico – e contro l’opposizione dei radicali – di offrire una partnership privilegiata al colonnello libico con un trattato che garantisce, tra l’altro, la cooperazione con le forze armate libiche, e che costa 4 milioni di euro agli italiani, ha oggi la responsabilità politica di porre fine a un sostegno politico e finanziare che rischia di macchiare anche le mani del governo italiano del sangue che sta scorrendo in Libia. Chiedo quindi che il Consiglio dei Ministri si riunisca al più presto per valutare la possibile denuncia unilaterale del trattato di “amicizia” con la Libia”.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Trattamento economico dei militari

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 gennaio 2011

Il Comando Generale della Guardia di Finanza ha congelato gli assegni  funzionali in maturazione nel mese di gennaio 2011, a seguito dell’introduzione  del c.d. tetto salariale individuale previsto dal comma 1 dell’art. 9 del D.L.  78/2010. Cosicché, nelle buste paga del mese di gennaio dei Finanzieri che hanno  maturato da questo mese il diritto all’assegno funzionale (17 anni di servizio) o  il suo adeguamento (27 o 32 anni di servizio), non risulta accreditato il relativo  emolumento. Si tratta di una sospensione solo precauzionale, adottata nell’impossibilità di  verificare, oggi, la capienza del tetto salariale 2010 ed in attesa di  provvedimenti legislativi, più volte promessi dal Governo, che tramutino il tetto  salariale previsto dal citato comma 1 da individuale a complessivo. Allo stato delle cose, infatti, l’assegno funzionale maturato nel triennio 2011-2013 può essere corrisposto agli aventi diritto solo se il reddito percepito nel corso del 2010 è abbastanza capiente, ovvero se nel 2010 si sono percepite indennità accessorie di importo pari o superiore all’importo dell’assegno funzionale. Una situazione che potrà essere eventualmente verificata solo a fine anno, con il rischio di non vedersi pagato l’assegno funzionale o, in misura equivalente, le altre indennità accessorie maturate nel corso del 2011 (straordinario, missione, trasferimento, ecc.). Inutile precisare che la trasformazione del tetto salariale da individuale a complessivo garantirebbe la corresponsione dell’assegno funzionale a tutti i dipendenti, ma rappresenterebbe comunque un taglio al trattamento economico del personale, visto che il relativo pagamento verrebbe finanziato da un equivalente taglio delle risorse destinate alle altre indennità.
E’ inoltre utile precisare che il fondo di 80 mln per il 2011 e di 80 mln  per il 2012, previsto dall’art. 8 comma 11bis del DL 78, non potrà essere in alcun modo utilizzato per pagare gli assegni funzionali, in quanto è destinato a coprire gli adeguamenti stipendiali di dirigenti e  omogeneizzati, gli automatismi stipendiali dei dirigenti (classi e scatti) e gli effetti economici delle promozioni. (Gianluca Taccalozzi Presidente Direttivo Nazionale Ficiesse)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »