Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘sospetti’

Yemen: 124.000 casi sospetti di colera

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 giugno 2017

Yemen“L’epidemia di colera in Yemen continua a diffondersi ad una velocità preoccupante. Sono stati registrati oltre 124.000 casi sospetti – circa la metà sono bambini. I bambini continuano pagare le conseguenze dalla guerra in Yemen. Molte persone tra coloro che si sono ammalate o sono morte a causa del colera soffrivano di malnutrizione. Da fine aprile almeno 923 persone sono morte a causa della malattia, circa un quarto erano bambini. L’epidemia di colera si sta abbattendo su quel che rimane del sistema sanitario già danneggiato dal conflitto in Yemen. Gli ospedali e i centri di cura stanno lavorando duramente per far fronte all’ampio numero di pazienti che arrivano da tutto il paese. Le medicine e i fluidi per terapie endovenose stanno terminando velocemente.
Nonostante queste grandissime sfide, gli operatori sanitari non si sono risparmiati nel rispondere all’emergenza – anche se non ricevono uno stipendio da circa 9 mesi. Senza una soluzione immediata per pagare gli operatori sanitari, moriranno ancor più bambini, a prescindere da quanti aiuti umanitari vengano distribuiti nel paese. Senza la fine del conflitto, l’epidemia di colera – e potenzialmente altre malattie – continuerà ad abbattersi sulle vite dei bambini“.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Attenzione alle truffe: telefonate e bollettini sospetti

Posted by fidest press agency su giovedì, 3 maggio 2012

Udine. In Cciaa arrivano segnalazioni da parte di imprese. Gli uffici invitano a segnalare i casi e a non fornire informazioni riservate ai sedicenti dipendenti camerali. Continuano ad arrivare alla Cciaa di Udine numerose segnalazioni da parte di imprese della provincia che ricevono telefonate sospette con richieste di informazioni su dati dell’impresa: dalle coordinate bancarie a informazioni riservate su dati di bilancio, di fornitori o clienti, ma anche con l’offerta di non meglio precisati servizi o per rimborsi di diritti annuali, anche da parte di soggetti che si qualificano come impiegati della Camera di Commercio. Altre segnalazioni riguardano poi bollettini di conto corrente postale prestampato che le imprese ricevono tramite posta ordinaria. Si tratta di richieste di pagamento con diciture ingannevoli, per proposte di servizi di consulenza oppure per iscrizioni in presunti elenchi o annuari economici, avanzate da organizzazioni private con denominazioni molto simili a quella della Cciaa, che facilmente possono trarre in inganno i destinatari. L’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha considerato queste iniziative come pubblicità ingannevole, in quanto chi le organizza non è in alcun modo collegato alle Camere di Commercio e svolge attività di pubblicazione e vendita di riviste guide e banche dati informative per fini di lucro. La Camera di Commercio di Udine è dunque assolutamente estranea a questo tipo di comunicazioni e invita le imprese a prestare massima attenzione.
«Se la telefonata o il bollettino sembrano sospetti – spiegano gli uffici camerali – le imprese possono contattare direttamente la Cciaa per verificarne l’attendibilità, anche con lo scopo di segnalazione». Gli uffici ricordano inoltre che il rimborso del diritto annuale, così come dei diritti di segreteria, è effettuato esclusivamente su presentazione di istanza di rimborso da parte del soggetto interessato. Per il pagamento ordinario, la Camera non emette alcun bollettino postale prestampato, ma il pagamento va effettuato unicamente tramite modello F24. «Nessuno è poi autorizzato a richiedere informazioni a nome della Camera di Commercio, fatta eccezione per gli incaricati delle rilevazioni statistiche, effettuate mai, però, per ottenere dati fiscali e bancari, agevolazioni di vario genere o altri dati riservati, ma solo come sondaggi di opinione o sull’andamento dell’economia, sempre gestiti in forma aggregata a tutela della privacy e comunque sempre verificabili sul sito http://www.ud.camcom.it», concludono gli uffici, che ricordano i contatti per presentare segnalazioni: telefono 0432.273543 e mail: urp@ud.camcom.it.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Settimana del melanoma, dal 4 al 10 maggio

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 maggio 2009

Le visite vengono effettuate presso l’unità operativa di dermatologia all’ospedale “San Giuseppe” di Empoli (blocco H, III piano)e presso gli ambulatori dermatologici dell’ospedale “Santa Verdiana” di Castelfiorentino, dell’ospedale “Degli Infermi” di San Miniato e del distretto socio-sanitario di Santa Croce sull’Arno. In caso di neo sospetto è necessario rivolgersi al proprio medico di famiglia che potrà prescrivere una visita specialistica dermatologica. Con apposita richiesta medica l’utente potrà prenotare la visita recandosi presso gli sportelli CUP oppure telefonando al numero unico Urp 0571 7051 dal lunedì al venerdì ore 7.30 -19.30 e il sabato dalle ore 7.30 alle ore 13.00.  Sensibilizzare la popolazione sull’importanza di controllare periodicamente la propria pelle per evitare l’insorgere del melanoma cutaneo è l’obiettivo della settimana  del melanoma che si svolgerà da lunedì 4 a domenica 10 maggio 2009.  L’iniziativa, organizzata dall’Istituto toscano tumori, vede schierata in prima linea anche l’unità operativa di dermatologia dell’Asl 11 che sarà impegnata ad informare gli utenti di questa patologia tumorale e educarli a riconoscere il problema.
Il melanoma cutaneo è un tumore maligno della pelle che insorge prevalentemente in età adulta; negli ultimi decenni l’incidenza della patologia e la mortalità ad esso correlata sono risultate in continuo aumento. Se non diagnosticato precocemente, infatti, il melanoma rappresenta una delle patologie oncologiche a prognosi peggiore. Fortunamente, il melanoma rientra fra i cinque tumori (melanoma, mammella, colon-retto, prostata e cervice uterina) più facilmente diagnosticabili. Per giungere alla diagnosi non occorrono particolari valutazioni tecnologiche e strumentali, ma è sufficiente un solo esame clinico eseguibile mediante una visita specialistica dermatologica.  Per questo motivo è essenziale che ogni persona esamini i propri nei dedicando all’autoesame della pelle qualche minuto almeno una volta ogni tre mesi.  Il melanoma si presenta inizialmente come un normale neo, ma si accresce progressivamente cambiando forma, dimensione e colore. I principali parametri utilizzati per identificare una lesione sospetta sono “la regola dell’ABCDE” e il segno de “il brutto anatroccolo”.
La regola dell’ABCDE consiste nel valutare 5 fattori: asimmetria della lesione, bordi irregolari, colore disomogeneo, dimensioni superiori ai 6 mm, evoluzione rapida. Il segno del brutto anatroccolo è basato sul fatto che in ogni persona i nei hanno generalmente le medesime caratteristiche strutturali, dimensionali e di colore; il “brutto anatroccolo” rappresenta appunto un neo con caratteristiche diverse dagli altri nei.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »