Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘specialisti’

Specialisti in medicina: no a pseudosoluzioni semplicistiche e pericolose

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 settembre 2019

Le Società Italiane di Medicina Interna (SIMI), di Medicina d’Emergenza-Urgenza (SIMEU), di Geriatria e Gerontologia (SIGG) rilevano che una delibera della giunta regionale del Veneto 1746/2019, licenziata a metà Agosto, propone di porre rimedio alla carenza di 500 medici specialisti nei dipartimenti di emergenza e urgenza e nei reparti e servizi dell’area internistica e geriatrica mediante un percorso formativo dedicato a laureati non specialisti consistente in 92 ore di lezione teorica e due mesi di frequenza pratica propedeutici al conseguimento di una “certificazione di competenza nell’area internistica. Invece “Il diploma di specializzazione è sempre richiesto per le specialità di Anestesia, rianimazione e terapia intensiva e del dolore, Medicina nucleare, Radiodiagnostica, Radioterapia e Neuroradiologia”.Se da un lato si prende atto della fattiva volontà della Regione Veneto, in mancanza di risposte convincenti da parte delle Istituzioni nazionali, di affrontare la grave situazione della carenza di medici, e ci si compiace dell’implicito riconoscimento dell’assoluta necessità di reclutare soprattutto specialisti internisti, geriatri e urgentisti, si sottolinea la palese mispercezione del fabbisogno formativo e del patrimonio culturale e prassico di uno specialista di area medica.
A tutela della logica e del buon senso prima ancora che delle disposizioni legislative e della Didattica universitaria post laurea, le nostre Società si impegnano in solido a contrastare questa e qualunque altra iniziativa volta a svilire e, sostanzialmente, negare il percorso formativo specialistico di area medica, a tal fine ricorrendo ad ogni mezzo ritenuto opportuno. Contestualmente esprimono la più ampia disponibilità ad affrontare in tutte le sedi il problema della carenza di specialisti in Medicina Interna, Medicina d’Urgenza e Geriatria e Gerontologia, sempre conciliando la qualità e specificità della preparazione specialistica con possibili varianti dell’iter formativo nell’alveo del quadro normativo europeo e italiano. In quest’ottica, auspicano che il MIUR, il Ministero della Salute, la Conferenza Permanente Stato-Regioni e tutti gli organismi preposti continuino e completino il processo di adeguamento del numero di borse di specializzazione in area internistica e urgentistica alle reali esigenze delle reti ospedaliere
le Scuole di Specializzazione coinvolte promuovano progetti formativi e professionalizzanti per gli specializzandi su ampie reti territoriali valorizzando anche i centri periferici, coinvolgendo ampiamente gli ospedali non universitari e promuovendo forme di inserimento lavorativo degli specializzandi dell’ultimo anno di corso. La Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, la Conferenza Permanente dei Presidenti dei CLM di Medicina e Chirurgia concorrano a rimodulare il percorso formativo pre-laurea, rendendo centrale l’acquisizione di competenze sul malato complesso, vero punto nodale del nostro SSN in acuto e cronico, in modo propedeutico sia ai percorsi specialistici dedicati a tale malato sia quelli di altre branche che comunque con malati complessi sempre più spesso si cimenteranno.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

SYZ AM premiata Fund of hedge funds specialist

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 giugno 2019

Geneva. SYZ Asset Management, the institutional asset management arm of SYZ Group, has won the ‘Fund of hedge funds – specialist’ award for its uncorrelated strategy at the HFM European Hedge Fund Performance Awards 2019, held on 6 June in London.
The award recognises the alternatives team as one of the leading specialists in the hedge fund industry. In a very competitive space, this uncorrelated strategy stood out for its ability to deliver significant risk-adjusted performance in challenging markets.
The awards’ ceremony held on 6 June in London recognised the full breadth of the hedge funds industry across 47 categories. The entries were judged on both qualitative and quantitative factors. Our alternative uncorrelated strategy, won ‘Fund of hedge funds – specialist’ over seven peers.Commenting on the win, Cédric Vuignier, lead portfolio manager of the fund at SYZ Asset Management, said: “We are delighted to have been selected as the winner of this award, which underscores the performance of the fund and is a testament to the alternatives team’s expertise in navigating investors through very challenging markets. As directionality shows signs of slowing and alternatives take on a more important role in many clients’ investment portfolios, we are constantly striving at SYZ to deliver innovative investment solutions that generate risk-adjusted returns across the business cycle for our clients”.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lavoro, crescono le richieste di laureati in medicina e Medici Specialisti

Posted by fidest press agency su martedì, 18 giugno 2019

Roma. Con un tasso di occupazione pari al 91,9% a cinque anni dal titolo e del 68% a un anno dalla laurea, i laureati in medicina si confermano tra i più richiesti, con il secondo dato in crescita del 4,3% rispetto all’anno precedente. É probabilmente guardando a numeri simili a questi che l’anno scorso il titolare del MIUR, ovvero il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha deciso di spostare più in là la soglia di immatricolazioni ai Corsi di Laurea in Medicina e Chirurgia, portando il numero massimo di iscritti dai 9100 dell’anno accademico 2017-2018 ai 9779 nell’anno accademico 2018-2019.Questo aumento, è vero, aveva suscitato le lamentele del sindacato Anaao giovani, il quale aveva sottolineato come non servivano più laureati in medicina, quanto invece più specialisti, allargando dunque non tanto i posti per i Corsi di Laurea in Medicina, quanto invece quelli per le scuole di specializzazione. In questo secondo caso, infatti, si contano solo 6.200 contratti di formazione specialistica ministeriali, escludendo così automaticamente più di 10.000 laureti in medicina dal percorso formativo post-lauream.
Va però sottolineato che il laureato in medicina non è richiesto solamente dal contesto squisitamente sanitario: il medico, infatti, non viene inquadrato unicamente negli ospedali e nelle cliniche. Certo, quello è lo sbocco principale, ma non è l’unico.
«Per i laureati in medicina esistono interessanti opportunità lavorative anche all’infuori delle tipiche strutture sanitarie: le aziende del settore farmaceutico, per fare l’esempio principale, sono alla continua ricerca di Medical Advisor. E ancora» spiega Carola Adami, amministratore delegato della società di head hunting Adami & Associati.«Le aziende biotecnologiche e le stesse aziende farmaceutiche hanno bisogno di profili in grado di comprendere le nuove opportunità di sviluppo scientifico, nonché capaci di interfacciarsi con i protagonisti del mercato sanitario: in altre parole, per i laureati in medicina vi è anche l’intrigante possibilità di diventare Medical Science Liaison, un profilo che sta conoscendo una crescita massiccia di richieste negli ultimi anni» aggiunge l’head hunter.
E se i laureati in medicina trovano sempre più spazio all’infuori delle strutture ospedaliere, va sottolineata anche la crescita di richieste per determinati specialisti: sono infatti in aumento le richieste di medici urologi e dermatologi, nonché di medici specializzati in medicina fisica e riabilitativa.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il lavoro degli specialisti delle risorse umane si evolve in modo rapido e continuo

Posted by fidest press agency su lunedì, 15 aprile 2019

Cambiano i ruoli, aumentano le competenze richieste e la complessità delle norme relative a lavoro, fisco e previdenza richiede aggiornamento continuo. Una cosa non cambia mai: la necessità di una formazione al passo con i tempi. Per questo Inaz, forte di oltre 70 anni di storia nel settore software e servizi per il mondo HR e di più di 20 nell’ambito della formazione specialistica, rinnova la sua offerta e lancia Inaz Academy, la nuova proposta per tutti coloro che vogliono aggiornarsi professionalmente, arricchire le proprie competenze o addirittura costruirsele da zero, per fare il proprio ingresso nel mondo del lavoro.Offrire formazione in ambito HR vuol dire essere sempre al passo (e talvolta anticipare) con l’evolversi delle esigenze pratiche delle aziende, degli sviluppi tecnologici e del quadro giuslavoristico. La flessibilità è fondamentale. Per questo Inaz Academy ha sviluppato quattro format che soddisfano bisogni e destinatari diversi: i corsi Immersion sono giornate di formazione in aula per acquisire una preparazione completa su un argomento specifico; i Seminar condensano in meno di tre ore approfondimenti veloci e mirati, anche con classe virtuale via web; la formula Project permette la massima personalizzazione, con corsi realizzabili anche direttamente in azienda. Infine, i percorsi Professional prevedono più sessioni in aula e sono dedicati a chi vuole diventare professionista nel proprio ruolo: si tratta del Master Paghe, per imparare a elaborare le buste paga, e del Master HR Professional, per acquisire tutte le competenze richieste nei ruoli di gestione del personale.Tutte le formule sono accomunate dal metodo Inaz Academy, spiega sempre Linda Gilli: «Una condivisione di saperi che derivano dagli oltre 70 anni esperienza di Inaz nella conoscenza e interpretazione della normativa. A questo si uniscono il confronto diretto e l’interazione con docenti che sono professionisti di settore e un’impostazione che alla teoria unisce la pratica nel nostro Inaz Lab, dove ci si esercita sui software Inaz in uso in migliaia di aziende italiane».Il catalogo Inaz Academy tocca tutti i temi più importanti per chi lavora nelle risorse umane e spaziano dai fondamentali della disciplina alle ultime novità relative a previdenza, welfare aziendale, privacy e uso dei social network in azienda. Ampio spazio è dedicato alla trattazione di casi pratici, per dare risposta a problemi concreti.La formazione Inaz Academy è certificata ISO9001:2015 ed è finanziabile grazie ai Fondi interprofessionali per le imprese. I corsi in aula si svolgono sia nelle sedi Inaz a Milano e Roma, sia nelle maggiori città italiane, secondo un calendario sempre in aggiornamento su https://academy.inaz.it. Le aziende possono richiedere corsi ad hoc personalizzati nei contenuti, da tenere anche nella propria sede.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Medici: Carenza specialisti

Posted by fidest press agency su sabato, 13 aprile 2019

Si parlerà anche della carenza di medici specialisti e di Medicina Generale, e delle possibili soluzioni, al tavolo tecnico di prossima istituzione presso il Ministero della Salute, che coinvolgerà la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (Fnomceo) e l’Associazione Medici stranieri in Italia (Amsi), e che sarà dedicato a Sanità e Immigrazione.Ad annunciarlo, in un’intervista appena pubblicata sul Portale Fnomceo, il presidente della stessa Amsi, Foad Aodi, che ha incontrato venerdì scorso il Sottosegretario alla Salute, Armando Bartolazzi.
Sarà il 2025 l’anno nero per il Servizio sanitario nazionale: in quella data, infatti, la cosiddetta ‘gobba pensionistica’ toccherà il suo apice e, se non arriveranno nuovi specialisti a sostituirli, il Servizio sanitario nazionale rimarrà senza chirurghi, anestesisti, ortopedici, ginecologi, medici di famiglia. Ben 60mila professionisti, tra specialisti impegnati negli ospedali e nelle strutture private e medici di medicina generale, mancheranno all’appello, secondo un’indagine recentemente effettuata proprio dall’Amsi. Eppure i medici, nel nostro paese, ci sono: sono più di diecimila i giovani laureati e poi imprigionati nell’imbuto formativo, perché non vengono finanziate sufficienti borse per specializzarli. E, senza correttivi, diventeranno 19mila già nel 2021, quando si laureeranno gli studenti immatricolati in sovrannumero per ricorso al Tar. A loro si aggiungono i 19mila medici, per lo più specialisti, di origine straniera, che lavorano con contratti a termine e, in mancanza della cittadinanza, non possono accedere ai concorsi. Ma anch’essi se ne stanno andando dall’Italia, attratti da offerte di lavoro più convenienti e più stabili in altri paesi, tra i quali quelli d’origine. Come risolvere, dunque, la carenza di specialisti?“Innanzitutto, con una corretta programmazione, formando un numero adeguato di specialisti nelle specialità per le quali sarà più grave la carenza – precisa Foad Aodi -. Per prima cosa, dunque, dobbiamo specializzare i medici che escono dalle nostre università: ci associamo all’appello della Fnomceo per avere già da quest’anno almeno diecimila borse, in modo da formare gran parte dei medici oggi prigionieri dell’imbuto formativo”.“In secondo luogo, velocizzando il riconoscimento dei titoli per i medici stranieri già specializzati che vogliono lavorare in Italia. Poi, migliorando le condizioni contrattuali, in maniera da far rimanere in Italia i medici, italiani e stranieri, che già lavorano sul territorio, e da far tornare coloro che sono emigrati all’estero – conclude -. Infine, permettendo l’accesso ai concorsi anche ai medici stranieri che già lavorano da tempo in Italia, a condizione che, una volta superato il concorso, ottengano la cittadinanza”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | 2 Comments »

Grido di allarme Sige: “Mancano gli specialisti in gastroenterologia!”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 aprile 2018

Grido di allarme dell’Anaao-Assomed sulla carenza di medici, in particolare di specialisti. Colpa sia dei pensionamenti sia dei pochi posti disponibili nelle scuole di specializzazione. L’allarme riguarda anche la gastroenterologia, dove da anni esiste il problema di un’insufficiente copertura delle necessità territoriali. Il problema per i gastroenterologi é, inoltre, la distribuzione a ‘macchia di leopardo’ con regioni dove la specialità è addirittura praticamente assente. Per la gastroenterologia, in sostanza esiste un problema sia di carenza globale che di assenza regionale e questo non è altro che la conseguenza dell’esiguo numero di posti nelle Scuole di Specializzazione e della loro eterogenea distribuzione regionale. A ciò si aggiunge l’esiguità di concorsi, visto che negli ultimi 3 mesi solamente dodici specialisti in gastroenterologia sono stati assunti dopo regolare concorso.
“La legge attuale di riordino delle Scuole di specializzazione di Area medica – riferisce il professor Antonio Benedetti dell’ospedale Umberto I di Ancona, membro del Consiglio direttivo Sige – contiene tutte le norme che, se adeguatamente sviluppate, potrebbero portare ad un miglioramento delle attuali problematiche, mantenendo gli stessi elevati standard qualitativi che tutta l’Europa ci riconosce. Utile un’adeguata regia nazionale guidata dagli appositi organi Ministeriali che dispongono dei dati regionali per i diversi settori della medicina.
Le Regioni, insieme agli ‘Osservatori Regionali per la Formazione Medica Post-Laurea’, dovrebbero programmare con largo anticipo le loro esigenze di medicina specialistica e, in caso di carenze del ministero, dovrebbe attivare le procedure di reclutamento con criteri trasparenti e dichiarati. Un primo punto è che tutte le Regioni si adoperino per attivare rapidamente l’Osservatorio in modo che questo diventi operativo prima possibile. Secondo punto, sempre dipendente dall’attività dell’Osservatorio, sono le reti formative Regionali ed extra-Regionali dove è necessario un controllo accurato e continuo affinché tutto il territorio sia coinvolto nel percorso formativo, ma sempre coinvolgendo strutture che rispondano ai criteri qualitativi richiesti dalla normativa attuale. Una regia nazionale, quindi, un’attività regionale con programmazione, un impegno di risorse laddove queste manchino o non siano fornite dallo Stato e un controllo attivo e continuo delle ‘Reti Formative’. Ovviamente le Regioni dovranno fornire un continuo aggiornamento del numero di specialisti in attività sulla base dei pensionamenti e delle esigenze del territorio, e l’Osservatorio Regionale dovrà rappresentarne (con tutte le competenze già ampiamente espresse) il braccio operativo. Temi, questi, già affrontati dal Decreto Inter-Ministeriale 402 del luglio 2017 (legge di riordino delle Scuole di Specializzazione di Area Medica), ma… siamo in ritardo!”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Terremoto: specialisti in partenza per le zone terremotate

Posted by fidest press agency su martedì, 30 agosto 2016

università roma treRoma. Gli esperti dell’Università degli Studi Roma Tre stanno per partire per portare il proprio contributo nelle zone colpite dal terremoto dello scorso 24 agosto.I docenti specialisti di strutture, restauro e geologia dell’ateneo romano presteranno la propria opera nell’ambito di un coordinamento guidato dal professor Camillo Nuti, ordinario di Tecnica delle costruzioni, che dal 2001 insegna Progettazione strutturale a Roma Tre nei corsi di laurea di Architettura e Ingegneria civile. Fanno parte del team le Università di Lazio (Roma Tre, La Sapienza, Tor Vergata, Cassino ed Unicusano), Abruzzo (L’Aquila e G. D’Annunzio), Marche (Politecnica di Ancona e Camerino) e Umbria (Perugia), con otre 100 docenti e ricercatori coinvolti.Il coordinamento si occuperà di attività legate all’agibilità degli edifici, delle strutture e delle infrastrutture. Di concerto con la Protezione civile, le squadre si occuperanno degli edifici pubblici e in particolare sulle scuole, valutandone la sicurezza e la conservazione.I docenti, ricercatori assegnisti, e dottorandi dei Dipartimenti di Architettura, Ingegneria e Geologia di Roma Tre coinvolti nelle operazioni sono oltre 40.«Intendiamo dare il nostro contributo tecnico scientifico ed umano, come abbiamo fatto in tutti gli ultimi eventi sismici, e per quanto mi riguarda a partire dal sisma della Campania del 1980; tutti noi abbiamo esperienza vissuta sul campo», spiega il professor Camillo Nuti. «Per poter meglio contribuire nelle operazioni post-sisma, d’accordo con i colleghi degli atenei del Centro Italia abbiamo da subito utilizzato il nostro coordinamento. Su richiesta della Rete dei laboratori universitari di Ingegneria sismica (Reluis), che coordina i rapporti tra Protezione Civile ed Università, da oggi una squadra di docenti delle Marche, cui fanno parte Andrea Dall’’Asta di Camerino e Graziano Leoni di Ancona, effettuerà sopralluoghi per l’agibilità nelle scuole della zona marchigiana, un nostro gruppo costituito da Franco Di Fabio dell’Aquila e Fabrizio Paolacci ed io di Roma Tre ci recheremo a Norcia per sopralluoghi d’agibilità delle scuole. Siamo pronti a un impegno anche maggiore».

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Le aziende cercano specialisti della comunicazione digitale

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 luglio 2016

sanità-digitaleVarese Social media manager, web editor, employer branding specialist, giornalista online, project manager di iniziative digitali: sono alcune delle figure che si formeranno nel Digital Camp, l’iniziativa di Varesenews finalizzata alla costruzione di competenze nuovi professionisti della comunicazione e dell’informazione e, più in generale, alla promozione e diffusione della cultura digitale nelle realtà lavorative. «Il progetto ha l’obiettivo primario di soddisfare la crescente domanda di profili di comunicatori digitali da parte delle imprese e delle organizzazioni e si rivolge, pertanto, ai giovani neolaureati, anche con esperienza di lavoro, che vogliono diventare specialisti digitali –spiega Marco Giovannelli, direttore di Varesenews e di Digital Camp–. Queste nuove figure “ibride” fungeranno da ponte fra le funzioni organizzative aziendali e il mondo digitale, di cui conoscono e utilizzano gli strumenti. L’unicità di questa proposta sta nella collocazione di questi comunicatori trasversali: il loro sarà un imparare facendo perché integrati da subito nella realtà redazionale di Varesenews e, a seguire, nelle aziende in cui faranno il periodo di stage. Apprendimento e lavoro, insomma, saranno fortemente integrati».
Aspetti caratterizzanti del progetto sono:
L’integrazione con Varesenews, uno dei primi giornali esclusivamente on line in Italia
L’accesso alla comunità di Glocal, il festival del giornalismo e della comunicazione digitale che si tiene ogni anno a Varese
Il forte rapporto con il territorio, le sue aziende (locali e internazionali), le associazioni e gli enti, che rappresentano il bacino naturale di offerta per il lavoro digitale
La collaborazione con il polo tecnologico professionale che fa capo all’ITE Enrico Tosi di Busto Arsizio e alla nascente Fondazione ITS
Nel dettaglio la formazione sarà articolata con un ciclo intensivo e strutturato in moduli settimanali della durata di tre mesi e comprenderà una parte di attività in aula, una serie di laboratori (nella sede di Varesenews a Gazzada Schianno) e una parte di inserimento in azienda. La formazione in aula sarà tenuta da esperti e professionisti della comunicazione, dell’informazione e del giornalismo digitale; testimoni eccellenti; esponenti del settore e giornalisti della redazione di Varesenews; i laboratori serviranno ad applicare le conoscenze apprese e a sviluppare una capacità di azione di progettazione individuale e in team. La parte finale di inserimento e affiancamento in azienda durerà un mese con la realizzazione di un progetto di comunicazione. Fra le aree tematiche d’insegnamento newsmaking e storytelling, engagement, comunicazione e giornalismo, e-commerce e digital project management. Il team organizzativo del Digital Camp è guidato da Giuseppe Geneletti (senior advisor), Davide Mammano, (project manager), Tomaso Bassani (tutor). Nel 2016, l’ “edizione zero” avrà inizio a settembre con 10-12 frequentanti selezionati da una commissione comprendente anche rappresentanti degli sponsor, sulla base delle risposte ai requisiti di ammissione e dei risultati del test di selezione, che verificherà il livello adeguato di conoscenze (comunicazione scritta e verbale, motivazione alla partecipazione attiva e proficua, attitudine al lavoro di squadra, passione per il digitale, conoscenza di base della lingua inglese). La domanda per l’ammissione al Digital Camp si può fare direttamente dal sito http://www.digitalcamp.eu/
Digital Camp è realizzato in collaborazione con Unione Industriali della provincia di Varese (Univa), Confartigianato Varese, Elmec, Eolo, Tigros, Studio Volpi e Hagam comunicazione.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gli IFO sono impegnati anche nei Campi Rifugiati siriani in Libano

Posted by fidest press agency su domenica, 13 marzo 2016

missione umanitariaDomenica partirà un’equipe di specialisti del San Gallicano, coordinata dal Prof. Aldo Morrone, per continuare l’Impegno clinico-scientifico in tale terra martoriata. Sono oltre tremila i rifugiati già visitati e più di 200 gli operatori sanitari e umanitari (medici, infermieri, psicologi) che hanno ricevuto aggiornamenti clinico-assistenziali, per eseguire diagnosi precoci di malattie sia nei campi profughi, sia nei Centri clinici per la popolazione più povera libanese e palestinese.
Il Libano, con una popolazione di poco più di quattro milioni di abitanti, sta attraversando una grave situazione umanitaria e clinica, per la presenza sul proprio territorio di oltre un milione e mezzo di profughi, in gran parte provenienti dalla Siria, dove la guerra continua ormai da oltre 5 anni e la tregua è ancora troppo fragile e in molti casi non rispettata. Gli ospedali e i centri clinici, non sono più in grado di garantire un accesso a tutti, in particolare per le donne e i bambini.
“Abbiamo da poco firmato un accordo di collaborazione con la Regione Lazio, – evidenzia Marta Branca, Commissario Straordinario degli IFO – proprio per portare il nostro contributo medico e scientifico nei Paesi terzi, in particolare nelle aree di guerra, consapevoli che il diritto alla tutela della salute è un diritto inalienabile e che può contribuire al benessere di tutti noi. Curare le persone nei loro Paesi, significa garantire salute a tutti e contrastare la diffusione di patologie.L’equipe dell’Istituto San Gallicano visiterà i casi clinici più complessi e svolgerà attività clinica nei campi di Shatila, Ketermaya e Khalde nella periferia di Beirut. Inoltre proseguirà nell’attività di formazione attraverso l’uso di materiali didattici e scientifici appositamente prodotti per la realtà siriana e libanese, in collaborazione con l’Università di Beirut. Si tratta di insegnare a diagnosticare le malattie più gravi e a maggior rischio di diffusione, attraverso il riconoscimento di lesioni cutanee che compaiono, talvolta anche mesi prima, delle diverse patologie infettive o internistiche.
Con questa modalità Low Cost & High Efficacy ( basso costo e alta resa) si riesce a realizzare un’attività clinico assistenziale e di ricerca scientifica anche in condizioni di ridotta disponibilità di strumenti e apparecchiature mediche. “Restituire dignità e salute alle donne e ai bambini fuggiti dagli orrori della guerra – afferma Aldo Morrone – ci sembra il modo di migliore per tutti di realizzare la ricerca clinica tras-lazionale e trans-nazionale, specifica degli IFO. In tal modo possiamo curare molte persone prima che sia troppo tardi e impedire la diffusione di malattie nei campi, sempre terribilmente affollati, garantendo i rifugiati, le loro famiglie e gli operatori sanitari”.La missione umanitaria clinico – scientifica è svolta in collaborazione con la onlus Armadilla, IISMAS, la Fondazione Makhzoumi ed è sostenuta dall’8 per mille della Chiesa Valdese. (foto: missione umanitaria)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Dalla pratica del follow up alla cultura di survivorship care”

Posted by fidest press agency su sabato, 5 settembre 2015

meetingRoma (Hotel NH Collection Vittorio Veneto – Corso d’Italia 1) giovedì 10 settembre 2015, ore 11.30 l’AIOM organizza la Consensus Conference “Dalla pratica del follow up alla cultura di survivorship care”, che coinvolge tutti gli attori coinvolti. L’obiettivo è definire un documento che raccolga le linee di indirizzo condivise per una concreta valorizzazione della “cura” dei guariti. Il documento sarà presentato in sede congressuale il 10 settembre alle 11.30 in una conferenza stampa a cui parteciperanno il prof. Carmine Pinto, presidente nazionale AIOM, il dott. Gianmauro Numico, Direttore dell’Oncologia all’Ospedale di Alessandria, il dott. Claudio Cricelli, presidente Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG), e il dott. Luigi Boano, General Manager Novartis Oncology Italia. Nel nostro Paese tre milioni di pazienti colpiti dal cancro si sottopongono alle visite di controllo successive al trattamento. Questi esami, clinici e strumentali, rientrano nel cosiddetto “follow up” e sono fondamentali per individuare in anticipo eventuali recidive della malattia. Ma la scarsa comunicazione fra specialisti e medici di famiglia determina gravi problemi organizzativi. Come evidenziato da un sondaggio promosso dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM), il 35% dei pazienti è in follow up da più di 5 anni, a conferma che è diffusa la tendenza a proseguire indefinitamente questa pratica, con un notevole impatto anche da un punto di vista economico.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Accordo tra Sapienza e RaCIS

Posted by fidest press agency su venerdì, 31 luglio 2015

universita-la-sapienza-romaRoma Il 30 luglio 2015, alle ore 12.30, presso la sala del Senato Accademico della Sapienza Università di Roma è stata siglata la convenzione quadro tra l’Ateneo e il Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche (RaCIS). L’accordo, firmato dal Magnifico Rettore dell’Ateneo Eugenio GAUDIO e il Comandante del RaCIS Gen. di Brigata Pasquale ANGELOSANTO, è orientato ad avviare una collaborazione scientifica finalizzata alle attività di ricerca nell’ambito delle Scienze Forensi. L’accordo prevede l’attivazione di corsi di studio con scambio di pubblicazioni e materiale scientifico con contributi di settore degli specialisti del RaCIS.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

IBM: un Master per gli specialisti IT di domani

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 giugno 2011

Milano, Il Politecnico di Milano ha organizzato con la IBM un Master universitario per 16 giovani laureati in discipline tecnico-scientifiche dal titolo: “Sistemi centralizzati per il Cloud Computing”. Questa iniziativa è stata realizzata in collaborazione con Assolombarda e Cefriel e ha visto la partecipazione anche di altre aziende dell’Information Technology. La struttura didattica del master prevede 400 ore di formazione, svolte nell’arco di 24 mesi, tenute da docenti del Politecnico di Milano direttamente nella sede dell’ateneo. Alla fine sarà sviluppato un progetto su temi concordati con l’IBM, che assegnerà un tutor per seguire e facilitare la formazione di ogni studente per tutto il periodo. Elemento qualificante del Master è l’inserimento, con un contratto di alto apprendistato, nei team IBM all’interno delle diverse organizzazioni aziendali impegnate a sviluppare soluzioni e progetti di cloud computing per i clienti. Il Master è incentrato sul mainframe, un’architettura che si riconferma strategica per le imprese che intendono avviare progetti innovativi e che scelgono il cloud computing per trarre vantaggi sostanziali in termini di efficienza, ottimizzazione delle risorse e riduzione dei costi, tutte caratteristiche connaturate proprio nell’architettura del nuovo zEnterprise. La IBM ha iniziato a dare visibilità a questo master alcune settimane fa e ha già ricevuto più di 300 candidature che ha iniziato a valutare con colloqui individuali. Le selezioni andranno avanti fino a fine luglio e il 15 settembre i giovani selezionati inizieranno a seguire i corsi al Politecnico. I candidati devono avere un grande interesse per la tecnologia e per la IBM, un’attitudine all’analisi e alla modellazione dei processi, propensione al lavoro in team, capacità decisionale e organizzativa, flessibiltà. Prerequisiti indispensabili sono un’ottima conoscenza della lingua italiana e inglese e disponibilità a viaggiare.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Laurea in farmacia, oltre il 70% è donna

Posted by fidest press agency su martedì, 7 giugno 2011

Dopo che nel 1991, per la prima volta in Italia, le immatricolate hanno superato i loro colleghi uomini, le donne all’università sono ulteriormente aumentate e oggi rappresentano oltre il 60% del complesso dei laureati. È quanto emerge nel XIII Profilo dei laureati italiani realizzato da Almalaurea e presentato al convegno “Qualità e valutazione del sistema universitario”, ospitato dall’Università di Sassari. Ed è un dato che riguarda ancora di più facoltà come quella di farmacia, le donne rappresentano, infatti, il 64% del complesso dei laureati specialistici a ciclo unico (Farmacia, Chimica e tecnologia farmaceutiche, Medicina, Odontoiatria, Veterinaria, Architettura, Giurisprudenza). Ma il dato è ancora più eclatante nel comparto chimico-farmaceutico, rappresentato nell’indagine da laureati del 2009 e del 2007: nel 2009 le laureate sono state il 71,2% del totale, mentre nel 2007 erano il 73,4%. Per quanto riguarda l’occupazione, lavora il 65% degli intervistati che si sono laureati nel 2009; la percentuale sale all’80% tra i laureati nel 2007. Il lasso di tempo tra la laurea e l’inizio dell’attività lavorativa è, per entrambi i gruppi, di circa quattro mesi. Infine le donne sono anche più brave, il rapporto sottolinea che i migliori risultati raggiunti, quasi ovunque, sono quelli delle laureate rispetto ai loro colleghi uomini, non solo nei percorsi di studio storicamente a larghissima prevalenza femminile, tradizionalmente con votazioni più elevate, ma anche in un ventaglio sempre piu’ esteso di percorsi disciplinari.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Maestro del sonno eterno”

Posted by fidest press agency su sabato, 21 Mag 2011

Catania 21 maggio alle 18, la libreria Mondadori di Catania (corso Sicilia, 23), Presentazione del “Maestro del sonno eterno” di Davrio Piombino Mascali (Ed. la Zisa) Balzato alle vette delle classifiche e apprezzato da sia dagli addetti ai lavori che da un pubblico di non specialisti, «Il Maestro del Sonno Eterno» svela un segreto molto caro ai siciliani: quello relativo all’imbalsamazione di Rosalia Lombardo, la piccola mummia custodita alle Catacombe dei Cappuccini di Palermo ritenuta da molti la più bella del mondo. Con uno stile chiaro e avvincente, Dario Piombino-Mascali – ricercatore della prestigiosa Accademia Europea di Bolzano (Eurac) – prende per mano il lettore alla scoperta di una tecnica millenaria, ma soprattutto getta nuova luce su una figura, quella dell’imbalsamatore Alfredo Salafia, molto nota ai suoi tempi e altrettanto precocemente dimenticata. In occasione della presentazione catanese del saggio, moderata dalla giornalista Alessia Franco, Dario Piombino-Mascali, che può considerarsi l’unico studioso in Sicilia specializzato in mummiologia, illustrerà lo stato dell’arte delle Catacombe dei Cappuccini di Palermo, di cui è conservatore scientifico. «Stiamo per la prima volta procedendo alla campionatura dei reperti mummificati, sotto l’egida della Soprintendenza BB CC AA di Palermo – afferma lo studioso – per poi procedere alle analisi biomediche ed epidemiologiche. Tutte informazioni fondamentali per capire usi, costumi, modi di vita e malattie dei siciliani che ci hanno preceduto».

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Milano: nuova sanità territoriale

Posted by fidest press agency su sabato, 5 febbraio 2011

L’ultimo Accordo Collettivo Nazionale siglato dai Medici di Medicina generale e della Specialistica ambulatoriale, conferma l’inversione di tendenza del Sistema Sanitario Nazionale: parola d’ordine è valorizzare al massimo l’assistenza sul territorio, soprattutto per la gestione delle malattie croniche, che colpiscono gli over 65. Il ruolo fondamentale per attuare questa vera e propria riforma assistenziale spetta dunque ai medici di medicina generale e agli specialisti impegnati sul territorio.
A proposito di farmaci, durante il convegno si è parlato anche di generici e del loro ruolo per il contenimento della spesa. Come sottolinea infatti Giorgio Foresti, Amministratore Delegato di Teva Italia e Presidente di Assogenerici, “In Italia oggi solo il 10% delle unità di farmaci vendute è un generico, contro una media europea del 50%. Tali farmaci hanno già contribuito in modo importante alla riduzione della spesa sanitaria, come dimostrano i recenti dati diffusi da Federfarma, secondo i quali la spesa farmaceutica convenzionata netta a carico del Servizio sanitario nazionale (Ssn) da gennaio a ottobre 2010 ha fatto registrare una diminuzione dell’1% rispetto allo stesso periodo del 2009, a fronte di un aumento del numero delle ricette del 2,6%. Il risparmio per il sistema sanitario potrebbe però aumentare in modo determinante se questi farmaci fossero più diffusi: se le aziende produttrici avranno accesso a volumi di produzione maggiori, potranno contrarre in modo significativo il costo del prodotto, innescando un circolo virtuoso conveniente per il Sistema Sanitario.”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Convegno Giorgio Manganelli (1922-1990)

Posted by fidest press agency su mercoledì, 10 novembre 2010

Pavia  11 novembre, in Aula Foscolo, si svolgerà il Convegno Giorgio Manganelli (1922-1990). La “scommemorazione”. Già allievo di Vittorio Beonio Brocchieri all’Università di Pavia, grazie anche all’amicizia con Maria Corti Manganelli lasciò in dono al Centro Manoscritti di questa Università il proprio archivio, consistente di un abbondante quanto prezioso materiale manoscritto e dattiloscritto relativo alla propria opera, nonché di una notevole biblioteca privata. Alla giornata di studî, che celebra il ventennale della scomparsa dello scrittore, parteciperanno alcuni tra i maggiori specialisti della narrativa, della saggistica e delle traduzioni manganelliane.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Imprenditorialità femminile

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 giugno 2010

Bari. 15 giugno dalle ore 9.00 alle ore 18.00 nella Sala Verde della Camera di Commercio di Bari. incontro è organizzato dal Comitato Imprenditoria Femminile e dalla Camera di Commercio Italo Orientale. Il seminario, rivolto alle imprenditrici, ha l’obiettivo di trasferire strumenti e metodologie adeguate per affrontare con maggiore consapevolezza i mercati esteri. “Saper presentare la propria azienda ed i propri prodotti – dice Stefania Lacriola, presidente del comitato per l’Imprenditorialità femminile della CCIAA di Bari –  riuscire a districarsi nella problematicità che ogni mercato estero presenta, è opera ardua. Proprio per questo motivo è importante la partecipazione a questo incontro che, grazie alla presenza di specialisti del settore, potrà fornire le giuste direttive per scoprire ed aprire nuovi orizzonti alle imprese femminili”.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I malati oncologici non sono fannulloni

Posted by fidest press agency su venerdì, 16 aprile 2010

Il decreto Brunetta, convertito in Legge dal Parlamento da poco più di un anno, colpisce in maniera vessatoria i dipendenti affetti da patologie croniche che devono sottoporsi a controlli periodici. Il Responsabile dell’Osservatorio per la Tutela e lo Sviluppo dei Diritti dell’Associazione “Giuseppe Dossetti: i Valori – Sviluppo e Tutela dei Diritti” (www.dossetti.it), Corrado Stillo, ha dichiarato: <<Presso l’Osservatorio per la Tutela e lo Sviluppo dei Diritti riceviamo continue segnalazioni di cittadini, malati oncologici, che si vedono decurtare dallo stipendio una giornata lavorativa, spesa per compiere i necessari controlli post-operatori o per effettuare visite considerate necessarie dagli specialisti.  Riteniamo che questo provvedimento, pensato ed attuato per i fannulloni e gli assenteisti, sia altamente iniquo, nonché vessatorio ed umiliante, per i malati di gravi patologie, che oltre al danno subiscono la beffa di trattenute dallo stipendio. Sono colpiti dal decreto Brunetta anche gli invalidi al 100% che, pur avendo l’esenzione per patologia, devono sottostare ad una vera angheria per assenze non volute ma necessarie. Chiediamo al Governo di modificare con urgenza il provvedimento, per salvaguardare le fasce di malati che devono assentarsi per un solo giorno per terapie e controlli>>.

Posted in Diritti/Human rights, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

XXXIV Jornadas Latino-Americanas

Posted by fidest press agency su domenica, 7 marzo 2010

Sassari, dal 3 al 7 maggio 2010, presso l’Aula Magna dell’Università si svolgeranno le XXXIV Jornadas Latino-Americanas de derecho aeronàutico y espacial, come frutto della cooperazione delle Università di Sassari (Facoltà di Giurisprudenza, Facoltà di Economia e Scuola dottorale in diritto ed economia), Teramo (Facoltà di Giurisprudenza) e «Magna Graecia» di Catanzaro, con l’ALADA (Asociación Latino Americana de Derecho Aeronàutico y Espacial), con il patrocinio di altre istituzioni universitarie e di enti di settore. Si tratterà di un evento che richiamerà a Sassari i maggiori specialisti mondiali di diritto aeronautico. Sono previste relazioni di studiosi provenienti sia da altri Paesi europei, che dal Canada e dall’America Latina. È atteso un pubblico di professionisti del settore, proveniente, oltre che da Italia e altri Paesi europei, da Argentina, Brasile, Venezuela, Uruguay.  (http://www.uniss.it/alada). (Michele Comenale Pinto)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il libro dei deportati

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 febbraio 2010

Deportati, deportatori, tempi, luoghi Vol. II Con questo secondo volume, Il Libro dei deportati fornisce una minuziosa descrizione del concreto funzionamento della macchina della deportazione, con particolare attenzione al suo obbligato adattarsi alle caratteristiche dei territori da essa investiti. Dopo il primo volume – I deportati politici 1943-1945 – con le biografie di 23.826 deportati politici italiani, Deportati, deportatori, tempi, luoghi si misura con la realtà quotidiana di numerose aree dell’Italia occupata: Asti, Cuneo, Novara, Pavia, Vicenza, Belluno, Trieste e il confine orientale, Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Ferrara, Firenze e la Toscana, tutte zone che pagarono un tributo umano elevatissimo alla deportazione. Attraverso quindici saggi affidati a specialisti (Carla Antonini, Maria Antonietta Arrigoni, Marta Baiardi, Silva Bon, Camilla Brunelli, Michele Calandri, Giovanna Caroli, Francesca Cavarocchi, Enzo Collotti, Nicoletta Fasano, Valeria Galimi, Giovanni Galli, Davide Guarnieri, Adriana Lotto, Marco Minardi, Adriana Muncinelli, Gabriella Nocentini, Francesco Paolella, Cleonice Pignedoli, Mario Renosio, Luciana Rocchi, Andrea Rossi, Marco Savini, Paolo Tagini), si ricostruiscono  modi, tempi e luoghi della deportazione, senza trascurare Sardegna (Aldo Borghesi) e Sicilia (Giovanna D’Amico), che non conobbero occupazione tedesca e rinascita del fascismo, ma vennero lo stesso coinvolte, a dimostrazione che la deportazione dall’Italia nei Konzentrationslager è un aspetto importante della storia di tutta la nazione. Si descrive poi il ruolo svolto dal carcere bolognese di San Giovanni in Monte (Andrea Ferrari e Paolo Nannetti), punto di smistamento della deportazione in KL. In chiusura, tre contributi sui principali Lager italiani: Fossoli di Carpi (Anna Maria Ori), Bolzano (Cinzia Villani), la triestina Risiera di San Sabba (Silva Bon). Questi saggi vogliono offrire un quadro completo degli studi in corso ed essere uno stimolo a nuove ricerche, proseguendo il lavoro iniziato con il primo volume e con l’ancora antecedente Libro della memoria, dedicato agli ebrei deportati. Opere che sono cantieri della memoria e della storia in continuo divenire, necessarie per salvaguardare il ricordo delle vittime e ricostruire il contesto in cui si svilupparono i meccanismi della persecuzione nazista. Pagine 872 Euro 45,00 Codice 13533K ISBN 978-88-425-3742-7

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »