Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 307

Posts Tagged ‘spettacolo’

Spettacolo: Sui gradini del cielo

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2016

sui-gradini-del-cieloRoma 28 Novembre 2016 Ore 20,30 Teatro Palladium Piazza Bartolomeo Romano,8 in occasione della giornata contro la violenza sulle donne sarà presentato, il 28 Novembre al Teatro Palladium, Sui gradini del cielo, incentrato sullo spettacolo, da cui prende il nome, e tratto dal testo originale di Isabel Russinova regia Rodolfo Martinelli Carraresi con Giulia Pedone – flauto – Accademia Santa Cecilia corpo di ballo Scarpette Rosse musica originale Antonio Nasca sul tema del femminicidio, dedicato a Sara di Pietrantonio, la giovane studentessa di Roma Tre uccisa dall’ex fidanzato la scorsa primavera a Roma, in zona Magliana. Lo spettacolo nasce allo scopo di diffondere e far riflettere su tematiche legate alla violenza sulla donna declinata in vari ambiti, con particolate attenzione ai giovani. In Occidente la donna è vittima di efferati femminicidi, con statistiche che parlano di un numero di vittime da bollettino di guerra.
Sui gradini del cielo, il titolo vuole rimandare ad immagine della donna come nuova martire, attraverso due storie diverse, ma identiche nel contenuto di ingiustizia e violenza contro la donna, vuole far conoscere e sensibilizzare sulle violenze che la donna del nostro tempo deve subire. “Ho scelto di raccontare e dedicare a Sara il mio testo – afferma Isabel Russinova – perché la conoscevo, avevamo collaborato insieme in alcuni spettacoli, faceva parte del corpo di ballo diretto dalla mia coreografa. Il dolore per quello che ha travolto Sara e la sua famiglia certo non mi poteva lasciare indifferente”. (foto: sui gradini del cielo)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sette storie per una notte in giallo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 novembre 2016

chi-e-mortoRoma giovedì 24 novembre (ore 19.30) presso la Biblioteca Europea e l’Auditorium del Goethe-Institut Rom Via Savoia 13/15. Sette città e sette grandi giallisti europei sono i protagonisti della performance Chi è morto alzi la mano, 7 storie per una notte in giallo.
La compagnia teatrale lacasadargilla condurrà gli spettatori in un doppio viaggio: lungo le tracce dei più inquietanti casi della letteratura poliziesca contemporanea e tra le strade, le architetture e gli umori segreti di alcune fra le più belle città europee. A fare da filo rosso in questo viaggio sarà un capolavoro della letteratura italiana, Quer pasticciaccio brutto de via Merulana. Saranno, infatti, i protagonisti del romanzo di Carlo Emilio Gadda a guidare gli spettatori attraverso le sette città del giallo europeo.
Sette città per sette autori. L’Atene desolata de L’Esattore di Petros Markaris; Barcellona, luminosa e corrotta, in Giorno da cani di Alicia Bartlett. I marciapiedi e i portoni scuri di Parigi tra cui Adamsberg cammina mentre scarabocchia sul suo notes ne L’uomo dei cerchi azzurri e in Parti in fretta e non tornare di Fred Vargas; le desolate periferie di Londra viste da un treno in corsa come da una grande finestra hitchcockiana ne La ragazza del treno di Paula Hawkins. E ancora, la Monaco quieta e pericolosa che Friederich Ani racconta in Suden, il caso dell’oste scomparso; Oslo ovattata, in cui la neve copre tutto, tranne il sangue in Sangue e neve di Jo Nesbo. Infine l’apparente tranquillità di Reykjavik prima che se ne sveli la macabra ‘città dei barattoli’ in Sotto la città di Araldur Indridason.
In questo viaggio tra misteri e topografie segrete di un’Europa quasi sconosciuta, gli spettatori – involontari e malcapitati testimoni di questo decalogo in nero – accompagnati nel prologo dal commissario Ingravallo di Gadda e dall’assassinata Liliana, potranno scegliere se lasciare l’atrio e avventurarsi nell’Auditorium entrando dalla porta di destra o da quella di sinistra. Separati in due gruppi, ma liberi di muoversi nel grande spazio si troveranno di fronte sette squarci di luce nell’ombra e intorno, poche tracce che serviranno a ricostruire le storie: cerchi blu disegnati in terra, foglie accartocciate, biglietti, lettere, messaggi enigmatici lasciati dall’assassino, un ombrello nero aperto, appena abbandonato, scarpe rosse lasciate in fretta prima di scappare. Sette racconti – come stazioni di un viaggio – prenderanno vita mentre Ingravallo e Liliana l’assassinata, continuando a borbottare pensieri e preoccupazioni, condurranno lo spettatore gentilmente, forse un po’ sovrappensiero, dall’una all’altra. Tutt’intorno ai personaggi suoni di metropoli lontane, una serranda abbassata in fretta, passi sull’asfalto e treni che corrono nella notte, l’ululato di un cane, mischiati a frammenti di valzer e canzoncine di Natale. E intanto nello spazio interstiziale dell’atrio, fra l’ascensore e l’ingresso dell’Auditorium, scorrono a ciclo perpetuo immagini di città, in bianco e nero, come se fossero state fotografate di notte o nel tempo gelato di un omicidio, squarciate da improvvisi dettagli di colore, accesi e violenti. (foto: chi è morto)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Incontri con la storia: Adriano Olivetti

Posted by fidest press agency su domenica, 13 novembre 2016

adriano-olivettiRoma Lunedi 14 novembre – ore 21 Teatro Parioli Peppino De Filippo Via Giosuè Borsi 20. Olivetti sarà il protagonista del primo appuntamento dell’edizione 2016-2017 del format “Personaggi e Protagonisti: incontri con la Storia ® Colpevoli o innocenti” di cui è autrice Elisa Greco e promosso da Anima per il sociale nei valori d’impresa nell’ambito delle iniziative organizzate da Unindustria per la XV Settimana della Cultura di Impresa di Confindustria La figura di Adriano Olivetti sarà al centro della scena del teatro Parioli Peppino De Filippo lunedì 14 novembre “per il suo essere – come sottolinea l’autrice e curatrice del format Elisa Greco – Utopista o riformatore? come sempre sarà il pubblico in sala che, seguendo il dibattimento processuale che si svolge a braccio, esprimerà il verdetto”.
A presiedere la Corte Giudicante il magistrato Giacomo Ebner, componente della giunta dell’ANM-Roma, nonché promotore del comitato per la Notte Bianca Della Legalità, mentre a sostenere l’accusa sarà il sostituto procuratore presso la Procura di Roma, nonché scrittore Erminio Amelio, con la difesa affidata a Fiammetta Palmieri, magistrato in servizio presso la segreteria del Consiglio Superiore della Magistratura.
Nel ruolo di Adriano Olivetti Marco Gay, Vice Presidente di Confindustria e Presidente dei Giovani Industriali, mentre saranno chiamati a testimoniare l’imprenditore Giuseppe Cornetto Bourlot, il giornalista del Corriere della Sera Sergio Rizzo, il giornalista e direttore generale divisione digitale del gruppo L’Espresso Massimo Russo e la giornalista e conduttrice del TG1 Elisa Anzaldo.“Ed è proprio perché in linea con la sua mission di promuovere la cultura della Responsabilità Sociale d’Impresa e della Sostenibilità – commenta Sabrina Florio presidente dell’Associazione e Vice Presidente di Unindustria con delega all’Etica e Legalità – che Anima per il sociale nei valori d’impresa ha scelto il palcoscenico per raccontare, nell’ambito della XV Settimana della Cultura di Impresa di Confindustria la Cultura d’impresa e i suoi valori”.Riusciranno i protagonisti a convincere delle proprie tesi e ragioni il pubblico che al termine, nel suo ruolo di giuria popolare, emetterà il verdetto? L’edizione 2016-2017 del format Personaggi e Protagonisti: incontri con la Storia ® Colpevoli o innocenti si avvale dei patrocini dell’Associazione Nazionale Magistrati sez. Roma e del comitato per la Notte Bianca Della Legalità. INGRESSO 10 EURO (foto: adriano olivetti)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Gli ultimi cinque minuti”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 novembre 2016

gravinaRoma dal 4 novembre all’11 dicembre debutta la compagnia di Fabio Gravina al teatro Prati via degli Scipioni 98. E’ un grande classico del commediografo e sceneggiatore Aldo De Benedetti torna in scena nella riduzione di Fabio Gravina con “Gli ultimi cinque minuti”.
E’ stato rappresentato in tantissimi teatri italiani e poi è sbarcato al cinema dove ha ottenuto grandi consensi di pubblico nella prima versione di Giuseppe Amato (1955) con Vittorio De Sica, Linda Darnell, Peppino De Filippo, Rossano Brazzi, e in quella più recente di Marco Vicario (1982) con il titolo “Scusa se è poco” nella quale i protagonisti erano Monica Vitti ed Ugo Tognazzi. Il talento di Fabio Gravina e la sua ironia pungente ancora una volta regaleranno al pubblico un mix di emozioni e risate, insieme agli altri protagonisti: Paola Riolo, Mara Liuzzi, Titto Manganelli, Matteo Micheli e la partecipazione di Giulio Gravina. La storia narra le vicende di Renata e Carlo che s’incontrano per caso, mentre visitano lo stesso appartamento da affittare. Ciascuno dei due, deciso ad avere per sé l’appartamento, rivendica diritti di precedenza. Mentre aspettano il proprietario, incominciano a parlare tra loro e Renata accenna alla sua vita di ragazza moderna, indipendente, che vuol vivere del proprio lavoro: essa infatti vuole l’appartamento per installarvi una sartoria. Il suo modo di fare e di parlare colpisce Carlo, che è un ricco industriale, ed egli le propone di prendere l’appartamento in comune per viverci insieme. Renata rifiuta, ma poi ci ripensa, ed è disposta ad accettare la proposta, che le consentirebbe di vivere per un certo tempo senza preoccupazioni. Ma ora Carlo ritira la primitiva proposta: sempre più affascinato, chiede a Renata di divenire sua moglie. Ella accetta, ma pone una condizione: Carlo deve prometterle di lasciarla libera, s’ella un giorno dovesse incontrare il grande amore. I due si sposano e sono apparentemente felici; ma Carlo, sempre più innamorato della moglie, è sempre in apprensione e si dà da fare per scoraggiare le eventuali simpatie di Renata per quelli che la corteggiano. Ma un giorno egli comprende che Renata, uscita nel pomeriggio, si è recata ad un appuntamento in casa di un dongiovanni. Dopo un finale ricco di colpi di scena sul palco salirà Vittorio De Benedetti per dare vita ad un importante momento celebrativo, ovvero la prima edizione del premio intitolato a suo zio “Aldo De Benedetti, il valore della cultura”, assegnato quest’anno a Gigi Proietti e Paola Quattrini per la brillante carriera artistica. (Federica Rinaudo) (foto: gravina)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Grotta dei Desideri: quattro giorni di puro spettacolo

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 agosto 2016

grotta desiderigrotta desideri1AMANTEA (Cs) – Dodici come le rose che si regalano alla donna amata per garantirle ammirazione ed amore, ma anche come i mesi dell’anno: perché è questo il periodo necessario per fare in modo che tutto sia perfetto. La Grotta dei desideri, che ha celebrato esattamente la dodicesima edizione, non ha consentito soltanto di ribadire il concetto di “salotto sotto le stelle” di Amantea, slogan lanciato illo tempore dal sindaco Franco Tonnara, ma ha rappresentato l’unione perfetta tra tradizione e innovazione, tra ciò che un territorio ha offerto fino a questo momento e quelli che sono gli scenari che potrebbero prospettarsi nei prossimi anni. Amantea non è solo centro di enogastronomia d’eccellenza e di mare, patria di un borgo antico che rievoca memoria e rispetto, ma è città cosmopolita e moderna, capace di abbracciare la moda e le tendenze che essa è in grado di generare, senza alcun timore reverenziale, con la consapevolezza di un’identità consolidata nel panorama dei fashion contest nazionali ed internazionali.
Lo hanno confermato i grandi ospiti: da Anna Falchi a Milena Miconi, da Sonia Fortuna ai cabarettisti Enzo Polidoro, Didi Mazzilli e Claudia Borroni, dal “naufrago” Aristide Malnati al promoter Andrea Celentano. Tutti attratti dal mare blu e trasparente che si apre lungo la costa, tra anfratti rocciosi e distese di sabbia. Lo ha “certificato” Claudio Chiappucci che si è inerpicato lungo le colline per una sgambata con i cicloamatori del luogo. E lo hanno attestato anche gli autorevoli membri del parterre d’onore: giornalisti, fotografi, organizzatori e imprenditori, felici di vivere un esperienza emozionale intensa e complessa e al tempo stesso affascinante.
L’evento ha oramai spiegato le ali: difficile davvero trovare le parole giuste per spiegare emozioni e sentimenti che hanno alimentato questa quattro giorni che si è conclusa lo scorso 4 agosto, con una Serata di Gala che sembra uscita, per intensità e coinvolgimento, da un libro di fiabe, tra principesse e cavalieri. A suggellare questa atmosfera la nuova scenografia, realizzata per avvolgere ancora di più le creazioni sartoriali proposte: senza alcuna limitazione, con il solo scopo di valorizzare lo stile. Venticinque gli stilisti in gara che hanno voluto misurarsi e confrontarsi tra loro per dare forma e sostanza ai propri sogni: Marharyta Shevchenko, Maria Ambroggio, Elena Vommaro & Sara Neglia, Benedetto Talarico, Carmelo Mazzuca, Angela Pia Caterino & Angela Rago, Immacolata Greco, Enrica Benedetta Vadalà, Tiziana Pansino, Francesco Lorenti, Ilenia Barone, Maria Mineo, Maria Gaeta, Alessandra Rossi, Clorinda Toscano, Rossella Isoldi, Ina Bordonaro, Stefano Montarone, Rocco Fusillo, Giovanni Cirillo, Ilaria Blanda, Ileana Colavitto, Rossana Pane, Alessandro Torti e Sara Nicolucci.
grotta desideri3grotta desideri5Nelle quattro fashion night amanteane è stato il genio l’assoluto protagonista. Ilaria Blanda si è aggiudicata il Premio della Stampa, a conclusione di un’incantevole Serata di Anteprima che, per la prima volta, ha avuto luogo in piazza San Francesco a Campora San Giovanni, grazie al prezioso supporto offerto dall’associazione Aics No Limits. Per lei una borsa di studio di 300 euro patrocinata da lavoroeformazione.it. Nella stessa occasione Fabio Mongelli, direttore della Rome University of Fine Arts ha suggellato il percorso di crescita e di formazione che, per il prossimo triennio, consentirà alla Grotta dei desideri di utilizzare il know – how di conoscenza dei docenti e degli studenti dell’Accademia, per fare in modo di accrescere in maniera esponenziale il livello qualitativo dell’evento. Nella Serata di Anteprima il giusto tocco di sensualità e freschezza è giunto dal défilé di Anna Calviello che ha presentato la sua nuova collezione beachware. Anche la Fashion Dinner, che si è tenuta nel quadro scenico d’eccezione della piscina dell’hotel “La Principessa”, è stata fautrice di meraviglia e stupore. A vincere la giovanissima pugliese Maria Gaeta. Anche per lei una borsa di studio di 300 euro offerta da Visionottica Muto. L’arte visiva e culinaria messa in mostra dagli chef della nota struttura turistica e ricettiva ha fatto da sfondo alle bottiglie di vino iGreco, personalizzate GDD 2016 in edizione limitata, dando così un nuovo senso al verso dell’esclusività. L’appuntamento del 3 agosto è stata la novità di quest’anno: “Dalla parte delle donne” è un atto di amore nei confronti dell’universo femminile. L’avvocato Ilaria Lupi e la criminologa Monica Capizzano hanno tenuto alta l’attenzione sul fenomeno del femminicidio e degli effetti derivanti dalle droghe da stupro. Un monito a non abbassare la guardia, sempre e in ogni situazione. Un’iniziativa dal forte coinvolgimento emotivo che verrà certamente potenziata e migliorata nel prossimo futuro.
Infine la Serata di Gala. L’apertura del maestro Graziano Amadori, presidente di giuria, lascia il segno: sul vestito indossato dalla model coach Anna Greco le stampe dei luoghi simboli della città, tra cui il parco della Grotta. Un omaggio alla gente di Amantea, accogliente e laboriosa, che verrà replicato anche in altre kermesse di moda, in Italia e all’estero. Un biglietto da visita di eccezionale fattura per un comune che vuole ritrovare la verve turistica che merita. Ma i motivi di riflessione sono stati davvero tanti. L’attrice Milena Miconi, insignita dell’award “Grotta dei desideri”, ha sfilato indossando le creazioni di Daniela Moretti. Originaria di Rionero in Vulture l’artista potentina ha scelto Amantea per la presentazione della sua prima collezione, intitolata “Lucania”, quale voglia di appartenenza alla terra di Basilicata. Per la Miconi si è trattato di uno sliding doors con il suo passato, quando ad inizio della sua fortunata carriera si avvicinava al mondo dello spettacolo passeggiando sulle passerelle di grotta desideri4tutta Italia. E poi la star: Anna Falchi: una mix di erotismo e grotta desideri2simpatia. La sua intervista è stata una sorta di viaggio nel tempo, nella storia recente della televisione italiana, tra Pippo Baudo e Sanremo, tra cinema e fiction, tra varietà e canali tematici. Ad entrambe il premio realizzato dal maestro d’arte Pedrito Bonavita, con il supporto dell’associazione “Il Tassello” che riprende la targa in ceramica realizzata dallo stesso Bonavita con gli ospiti del Centro diurno diversamente abili di San Pietro in Amantea, ancora chiuso per l’inedia della politica e della burocrazia. E come non ricordare il ritorno della Fidapa che per tramite della presidente Clara Sciandra ha permesso alla stilista nepetina Daniela Rende di prendere parte come ospite alla kermesse.
È un podio al femminile quello della dodicesima edizione. Ilenia Barone si è aggiudicata il terzo posto con una borsa di studio da 300 euro patrocinata dal progetto editoriale Calabria’s; Imma Greco si è accomodata al secondo posto, conquistando un assegno di formazione da 700 euro; ma è stata Ileana Colavitto a sbaragliare il campo dalla concorrenza, vincendo un fondo da 1500 euro. Per i primi due stilisti le borse di studio sono state erogate da Banca Mediolanum. La consegna delle borse di studio, in una sorta di gemellaggio tra Ionio e Tirreno, verranno consegnate nel prossimo mese di settembre presso la sala consiliare del comune di Cariati, in omaggio alla presenza del sindaco della cittadina ionica.
«Ora – evidenzia il direttore artistico Ernesto Pastore – guardiamo avanti. Il prossimo 1 ottobre verrà pubblicato il bando della tredicesima edizione e faremo di tutto per migliorare ulteriormente tutti gli aspetti organizzativi. Lo faremo mantenendo fede al nostro credo, mettendoci il cuore e dicendo grazie a coloro che hanno vissuto con noi almeno un istante di questa splendida avventura».(fonte: http://lagrottadeidesideri.worpress.com) (foto: grotta desideri)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

James Feddeck in concerto

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 luglio 2016

santa_giulia_brescia_010_choistro_san_salvatoreBrescia 9 settembre 2016 alle ore 20,00 presso il Teatro Grande di Brescia, diretto dal maestro statunitense, per la prima volta in Italia James Feddeck, eseguirà il concerto che celebrerà l’ottantesimo anniversario della Fondazione della Filarmonica di Palestina, ora filarmonica di Israele, concerto inaugurale avvenuto nel 1936 e diretto dall’italiano Arturo Toscanini. Questo importante evento culturale internazionale bene si sposa e alimenta anche con il flusso turistico che esiste tra le due culture mediterranee quali l’Italia e Israele e tra i due Paesi. Da Tel Aviv a Milano, da Gerusalemme a Roma: musica, arte, poesia possono ridare alla nostra società e cultura un nuovo stimolo di riflessione e sprono in nome della reciproca conoscenza.
Interverranno:
Avital Kotzer Adari– Dir.Ufficio Nazionale Israeliano del Turismo – Sede di Milano
Mauro Parolini – Assessore allo sviluppo economico di Regione Lombardia
Gian Luigi Raineri – Consigliere settore Cultura e Turismo della Provincia di Brescia
Laura Castelletti – Vicesindaco e Assessore Cultura del Comune di Brescia
Alfredo Ghiroldi – Fondazione ASM
Emiliano Facchinetti – Presidente Orchestra Filarmonica della Franciacorta.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Spettacolo: AgGREGazioni

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 aprile 2016

greg

Roma. Sarà il scena al Teatro Ambra Jovinelli Via Guglielmo Pepe, 43 /47 dal 28 al 30 aprile AgGREGazioni, scritto diretto ed interpretato da Claudio Greg Gregori. Greg debutta come solista in un monologo tratto dall’omonimo suo libro e trasformato in pièce teatrale: AgGregazioni. Greg è Mallory, un detective filo-americano che, con scanzonato stile noir anni ’40, ci narra la squallida parabola esistenziale di un ragazzetto della periferia romana, conducendo le indagini tra viscide sagrestie e sordidi locali notturni.
Ma è anche il mellifluo cantante Swing, il poeta, l’oratore cechoviano, il prete pusillanime, il Cardinale, il teppista, i suoi ottusi genitori e i grezzi amici di borgata. Un esilarante ed elegante “film teatrale”, che scorre fluido in una scenografia essenziale e suggestiva, con una vera colonna sonora suonata dal vivo dalla Swing Band diretta dal M° Attilio Di Giovanni al pianoforte.
L’ideale humus in cui l’irresistibile umorismo cinico, salace ed irriverente tipico di Greg trascina la platea (ma anche la galleria) in un caleidoscopio di risate intelligenti.Durata: 1 ora e 40 minuti senza intervallo. Spettacoli dal martedì al sabato h 21:00 Biglietti (compresa prevendita): da € 23,00 a € 11,50 (foto: greg)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Teatro: l’uomo dal fiore in bocca

Posted by fidest press agency su domenica, 3 aprile 2016

l'uomo dal fiore in boccaRoma dal 5 al 17 aprile 2016 dal martedì al sabato ore 21,00 domenica ore 18,00 Teatro dei Conciatori Via dei conciatori, 5 L’uomo dal fiore in bocca è indubbiamente un capolavoro pirandelliano; esso prende spunto da una novella talmente nota che, in queste poche righe, ne tralasceremo la trama. Lo spettacolo ha una drammaturgia interna che fa dei due antagonisti una sorta di specchio riflettente i loro corpi, le loro voci, gli spasimi e le manie cliniche. L’uomo sbanda sulla sua malattia, sussurra ed urla le sue disgrazie ad una donna che, probabilmente, è la moglie, ma anche una fata, un’avventrice e la Morte. Ella lo rivela a poco a poco e ne presenta la mortificazione. L’uomo malato è solo. La solitudine gli rende estranea e, nel contempo, – questo è il paradosso sostanziale del teatro – più familiare la vita quotidiana. L’allestimento ha dieci sedie in diagonale come fossero posti occupati da pazienti sghembi. L’originalità dovrebbe risiedere in una sorta di colluttazione verbale – ché i ricordi della recitazione e della convivenza umana si avvicinano, nello stravolto linguaggio pirandelliano, in una urgente e psichica mania di evocare una notte colma di grilli infiniti.
E’ un tentativo dalla parte della regia di dare nuova linfa al represso genio in virtù d’una più clinica faccenda d’attori! I grilli friniscono, l’uomo si disintegra nei suoi toni e nel suo sangue malato, la donna respira i suoi personaggi fino all’ultimo. Ma è ineluttabile il crollo: l’equilibrio viene a poco a poco eroso dalla malattia. Così tutte le certezze: le case, l’intimità, la sala d’attesa di uno studio medico, tutto crolla. BIGLIETTI: € 18,00 + tessera obbligatoria di 2 €.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La biblioteca di Babele

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 novembre 2015

martinatricomiBologna Giovedì 12 novembre, alle ore 19 Biblioteca di Arte e di Storia di San Giorgio in Poggiale (via Nazario Sauro, 20/2) proseguono i viaggi-spettacoli nel mondo della letteratura e dei libri della rassegna Spritzbook, curata da Andrea Maioli (ingresso gratuito). Un recital con musica e videoproiezioni per accompagnare il rito dell’aperitivo bolognese nella splendida cornice della Biblioteca di Arte e di Storia di San Giorgio in Poggiale.L’appuntamento di questa settimana è inspirato al racconto fantastico di Jorge Luis Borges: La Biblioteca di Babele. Guidati della voce dell’attrice Martina Valentini Marinaz lo spettatore si perderà nel labirinto delle biblioteche o di una libreria, in cui a volte sarà difficile trovare la via d’uscita.
I suoni unici e vibranti della viella, dell’oud, del tombak e del flauto, eseguiti dal musicista Fabio Tricomi, insieme alle videoproiezioni di Marg8 & Retrophuture (Gianni Margotto e Fabrizio Passarella) e ad un bicchiere di spritz, accompagneranno e animeranno questo imperdibile incontro. (foto: martina, tricomi)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Francesco Micheli su RAI1 per una rubrica sull’opera

Posted by fidest press agency su domenica, 18 ottobre 2015

Rai: sede di romaFrancesco Micheli, regista, divulgatore e direttore artistico della stagione lirica del Macerata Opera Festival e del Teatro Donizetti, sarà fra i protagonisti di “Sabato in”, nuova trasmissione televisiva di Rai1 – condotta da Tiberio Timperi e Ingrid Muccitelli – in onda a partire da sabato 17 ottobre alle ore 15:45 è firmata da Michele Guardì, Giovanni Taglialavoro, Marco Aprea, Alessia Ganga, Francesco M. Marcucci e Concita Borrelli; produttore esecutivo è Eleonora Iannelli, la regia di Marco Aprea.
Un programma contenitore rinnovato nei contenuti e articolato in quattro momenti: attualità, gioco, discussione e spettacolo.
Di quest’ultima sezione sarà protagonista Francesco Micheli per un originale racconto del melodramma italiano, con la narrazione delle trame, la caratterizzazione, dei personaggi e l’interpretazione delle arie più famose.
La scelta di invitare Francesco Micheli deriva dal successo e dal coinvolgimento che il regista bergamasco è riuscito a ottenere nelle attività divulgative e creative di cui è protagonista da molti anni nei teatri, nelle scuole, sui canali televisivi tematici e in altre sedi meno convenzionali del mondo della musica, riscuotendo sempre ampi riconoscimenti dal pubblico e dalla critica. Adesso, grazie a RAI1, la platea si farà ancora più ampia e articolata, permettendo di avviare un progetto più capillare di divulgazione, attualizzazione e coinvolgimento nel teatro d’opera, forma di spettacolo oggi vivacissima e assai apprezzata dal pubblico di ogni età e ogni formazione.L’intervento di Micheli è progettato proprio per far sì che sia gli appassionati sia chi non conosce la lirica o nutre qualche diffidenza nei suoi confronti, possa apprezzarla, possa coglierne l’intensità espressiva e la portata etica e civile, arrivi a riconosca come eredità collettiva tanto nel linguaggio quanto nella musica.Da Rossini a Puccini, da Donizetti a Mascagni, Micheli introdurrà – con contributi live di cantanti, attori, musicisti, musicologi e con documenti audio e video storici – alcuni titoli altamente rappresentativi dell’opera italiana invitando tutti – con la passione, l’impegno e l’ironia che gli sono propri, senza accademismo né banalità – alla scoperta dell’opera come attualissima forma d’arte e di aggregazione.La prima puntata di sabato 17 ottobre sarà dedicata a Tosca di Giacomo Puccini, seguita poi da Cavalleria rusticana di Pietro Mascagni.
Francesco Micheli Nato nel 1972 a Bergamo, laureato in Lettere Moderne, si è diplomato a 24 anni alla Civica Scuola d’Arte Drammatica “Paolo Grassi” di Milano. A Milano ha debuttato come regista e autore grazie al sodalizio con l’associazione Aslico e l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali. Ha insegnato regia presso il biennio di specializzazione in Scenografia all’Accademia di Brera e collabora con la rete satellitare SKY Classica nell’ideazione e conduzione di programmi sull’opera lirica. Da tre anni Direttore Artistico del Macerata Opera Festival, a gennaio 2015 èstato nominato anche Direttore Artistico della Fondazione Donizetti di Bergamo. Ha allestito Roméo et Juliette di Gounod all’Arena di Verona: lo spettacolo è andato in scena per cinque stagioni di seguito, riscuotendo un enorme successo di pubblico e di critica.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Spettacolo “Piero della Francesca. Il punto e la luce”

Posted by fidest press agency su domenica, 11 ottobre 2015

il punto e la luceSansepolcro (Ar) lunedì 12 ottobre alle ore 21 Teatro alla Misericordia per il 523 anniversario della morte del pittore e dal 13 al 15 ottobre in replica per le scuole spettacolo “Piero della Francesca. Il punto e la luce”, di Luca Ricci per la compagnia Capotrave.
Le due repliche dello spettacolo, a ingresso gratuito ma con richiesta di prenotazione in anticipo, sono inserite nella programmazione degli eventi patrocinati dal Comune di Sansepolcro per commemorare il 523° anniversario della morte di Piero della Francesca, avvenuta il 12 ottobre 1492, a Sansepolcro.
Lo spettacolo indaga un preciso momento della vita di Piero della Francesca, caposaldo della pittura rinascimentale, sperimentatore e innovatore che ha rotto con la convenzioni del proprio tempo, quando il suo linguaggio innovativo era quasi formato, ma attorno a lui si addensavano ancora perplessità e riconoscimenti incompleti.
Una favola storica, dove nulla è vero ma tutto è verosimile, basata su eventi e testimonianze storiche e poi del tutto il punto e la luce1immaginata, in cui il percorso artistico, le scelte di vita, le relazioni del pittore sono raccontate da due persone che abitano e lavorano con lui: il giovane aiutante Paolo e Giovanna, la moglie di suo fratello Marco.
Paolo racconta la ricerca artistica di Piero, ne conosce gli effetti e cerca di rintracciarne il senso mentre dialoga con Giovanna, che invece porta sulla scena il mondo borghese dei loro concittadini, che un po’ ammirano e un po’ criticano, un po’ intuiscono e un po’ ironizzano sulle novità che questa pittura rappresenta. Attraverso un ricco apparato di video ed elaborazioni grafiche si cerca di entrare dentro la mente di Piero per esplorare un processo creativo, spiegare come funzioni l’immaginazione e domandarsi come nasca la creatività, di cosa si nutra, attraverso quali sentieri proceda e come avvenga il rapporto dell’autore con la propria opera.
Lo spettacolo sarà in replica per le scuole superiori da martedì 13 a giovedì 15 alle ore 10.30. (foto: il punto e la luce)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Spettacolo “Tutto va ben… Madama la Marchesa”

Posted by fidest press agency su martedì, 29 settembre 2015

marchesaRoma martedì 29 settembre ’15 alle ore 21,00 Via Simone de Saint Bon, 19, Teatro dell’Angelo (ORARI: da mercoledì a sabato ore 21,00 domenica ore 17,30) debutterà in prima nazionale lo spettacolo “Tutto va ben…. Madama la Marchesa” per la regia di Marco Simeoli con la Marchesa d’Aragona. (Lo spettacolo resterà in scena al teatro dell’Angelo fino al 4 ottobre 2015. Da mercoledì 29 settembre 2015 ore 21,00 a domenica 4 ottobre 2015 ore 17,30) In scena accanto alla Marchesa d’Aragona nel ruolo della Marchesa di Castiglia i Pandemonium ed i Milk & Coffee.
Una divertente commedia musicale scritta da Gian Michele Meloni, Mariano Perrella, Marchesa d’Aragona, Silvio Subelli e Claudio Pallottini, che vede come protagonista la Marchesa d’Aragona nel ruolo della Marchesa di Castiglia in una performance poetico musicale, ricca di auto ironia e straordinari colpi di scena.
La Marchesa di Castiglia, decide di commemorare la ricorrenza del ventesimo anniversario della dipartita del suo amato e mai dimentico marito (sopraggiunta alla veneranda età di 97 anni e dopo solo tre settimane di matrimonio) con uno spettacolo che si dovrà svolgere nell’ampio cortile del condominio da lui lasciatole in eridità. Approfittando del fatto, che in alcuni appartamenti degli otto stabili che fanno parte del suo imponente condominio, vivono i componenti dei due gruppi musicali, i Caos (Pandemonium) e i Cappuccino (Milk & Coffe), un po’ vintage, storicamente antagonisti e cronicamente morosi, decide di affidare a loro la parte musicale dello spettacolo. In mezzo a mille disguidi e peripezie, lo spettacolo andrà finalmente in scena e, neanche a dirlo, sarà un successo
“Tutto va ben…madama la Marchesa”…gioco teatrale e metafora del nostro bel paese dove tutto va ben?…mah nnMarchesa1Marchesa2 proprio, però a teatro dove “…tutto è finto” x una sera si può immaginare o sperare che sia così…un immaginario ring e uno scontro ironico e a volte gustosamente crudele tra due gruppi storici i Pandemonium da un lato e i Milk and coffee dall’altro: scontro a colpi di note, di battute, di ricordi, di vecchie rivalità sanremesi, di meravigliose risate e bevute condivise e di rancori e rimpianti che abbracciano anche le vite personali di ciascuno dei componenti dei due gruppi. E poi Lei l’adorata Marchesa d’Aragona protagonista della pièce che da singolare e stupendo arbitro dello scontro, oltre a risolvere ed aiutare i problemi condominiali dei due malcapitati gruppi, darà vita ad esilaranti divertenti e piccantissimi momenti di intrattenimento col pubblico con le sue armi di seduzione e con quella verve e simpatia “adorata” con la quale il pubblico che la segue da tempo, ha imparato ad amarla prima come viaggiatrice spericolata e poi come personaggio televisivo ricco di humor e sempre pronto alla battuta. A me il compito di unire il tutto e come nella migliore tradizione della nostra commedia, dare allo spettacolo grande ritmo forza ed energia, nella speranza di far dire al pubblico uscendo…”Mbe madama la Marchesa…x una sera si che tutto va ben” MARCO SIMEOLILe scene sono state curate da Alessandro Mathis Piumatti Sabotero, aiuto regia Claudio Pallottini.
PREZZI: poltronissima euro 23,00 ridotto poltronissima 18,00 poltrona 20,00 ridotto poltrona 16,00 (foto: marchesa)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Homage to De Sica by closing the exhibit dedicated to his life and works

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 settembre 2015

de sicaVittorio De Sica (1901-1974) is the symbol of art cinema throughout the world. His works, from Shoeshine (1946) to Bicycle Thieves (1948), from Two Women (1960) to The Garden of the Finzi-Contini (1971), have been acclaimed in Europe, North and South America, Asia, and can be considered among the most influential films of all times. Four of his films won the Academy Award Oscar for Best Film in a Foreign Language.The Italian Cultural Institute will pay homage to De Sica by closing the exhibit dedicated to his life and works displayed at the Institute.Prof. Coen will deliver a lecture and show several excerpts from his films to share with the audience the beauty of his art and his profound humanist poetry. (Photo: De Sica)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Spettacolo-concerto: La morte della bellezza di G. Patroni Griffi

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 agosto 2015

nadia baldiL’11 agosto, a Valle/Sessa Cilento – Palazzo Coppola, il Festival Segreti d’Autore – Festival dell’Ambiente, delle Scienze e delle Arti diretto da Ruggero Cappuccio – si arricchisce di un nuovo importante evento: La morte della bellezza di G. Patroni Griffi, spettacolo-concerto di Nadia Baldi. In scena: Franca Abategiovanni, Nadia Baldi, Tonia Filomena, Antonella Ippolito e Marina Sorrenti. Cantante Roberta Rossi, batteria e composizione Andrea Bonioli, pianoforte Jacopo Carlini, chitarra Renato Salvetti, basso Matteo Carlini. La morte della bellezza di Giuseppe Patroni Griffi, è un romanzo classico e storico. E’ la vicenda di un amore omosessuale fra due giovani, sullo sfondo di una Napoli in piena guerra e sotto i bombardamenti aerei; amore sensuale e sentimentale, controverso e negato, che l’atmosfera crudele e incantata di una città fatale rende simbolico come le fiamme che la esaltano e distruggono. Emerge il conflitto fra l’educazione sentimentale e la celata omosessualità del sedicenne Eugenio che, insidiato dal giovane tedesco Lilandt, prima lo rifiuta e poi si getta impetuosamente in un legame amoroso.Cinque leggii sono l’unica scenografia, resi viventi da un accordo di morbide e graffianti voci che illuminano il palcoscenico. Qui il soggetto non è soltanto quello dichiarato in prima battuta Com’era bella Napoli quaranta anni fa, ma anche l’omosessualità, che lo scrittore-regista narra con cenni insoliti e coraggiosi, afferrati nella sua intrinseca e naturale inclinazione scenica dal riadattamento di Nadia Baldi. Nella Napoli del ‘43, sotto i bombardamenti incessanti, brucia la storia di due giovani la cui straordinaria bellezza ha come sfondo una città contraddistinta, quaranta anni fa, dallo splendore di Posillipo e del mare….meglio che i Caraibi.La mimesi linguistica, presentata con grazia ed ironia dalle cinque protagoniste, celebra la consacrazione, da parte di Eugenio e Lilandt, ai sensi del corpo, alla voluttà di un amore tormentato, negato ed in seguito bramato. Ebbe la sensazione che tutta quanta la sua vita, con la rapidità di una fisarmonica che si chiude, si concentrasse per arrivare a questo momento.La morte della bellezza, nel riadattamento, rispetta ed esalta lo “stile d’acqua” di Patroni Griffi che, associato alla capacità da parte delle interpreti nel trattare con una rara attitudine gestuale e vocale un argomento così delicato come la omosessualità, scorre fluente come acqua. La rielaborazione del testo evidenzia una grande abilità femminile a raffigurare con destrezza e maestria l’avvenenza e la riluttanza di un amore maschile. Una nota caratteristica si concentra sull’ironia di pezzi musicali che irrompono prepotentemente sulla scena, adeguandosi alla situazione ambientale concreta di una Napoli sempre sospesa tra farsa e realtà.Ad introdurre la serata sarà Elisabetta Nepitelli Alegiani.L’ingresso agli eventi è gratuito. (foto: nadia baldi)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’anima rivoluzionaria della Parigi sessantottina con La Bohème

Posted by fidest press agency su domenica, 26 luglio 2015

BohèmeMacerata arena Sferiterio 26 luglio, 1 e 7 agosto 2015, ore 21. Dopo il successo del 2012 torna sul palcoscenico dello Sferisterio La Bohème del 2012 del regista Leo Muscato premio Abbiati nel 2013. L’allestimento, concepito per lo spazio unico dello Sferisterio e ambientato in una viva e incandescente Parigi del 1968, si inserisce pienamente tra gli spettacoli più apprezzati e fortunati del Macerata Opera e viene riproposto in tutta la sua bellezza al Festival prima di essere ospitato, a partire da ottobre, dai Teatri del Circuito Lirico Lombardo e Reggio Emilia.A dirigere l’Orchestra Filarmonica Marchigiana è il Maestro David Crescenzi, noto al pubblico dello Sferisterio per aver diretto Cleopatra di Lauro Rossi con la regia di Pier Luigi Pizzi, inaugurando la stagione 2008, e lo scorso anno la serata Nozze d’oro, gala per i cinquant’anni del Macerata Opera Festival. In palcoscenico Carmela Bohème1Remigio e Arturo Chacón-Cruz sono i coloratissimi Mimì e Rodolfo. Con loro nel cast: Larissa Alice Wissel, Damiano Salerno, Andrea Porta, Andrea Concetti, Antonio Stragapede, Alessandro Pucci, Giacomo Medici, Roberto Gattei, Gianni Paci, Giovanni Di Deo.Le scene sono di Federica Parolini, mentre Silvia Aymonino e Alessandro Verazzi firmano rispettivamente costumi e luci. Sul palco anche il Coro Lirico “V. Bellini”, il complesso di paloscenico Banda Salvadei e i Pueri Cantores “D. Zamberletti”. Per Leo Muscato la scelta di ambientare l’opera durante le rivoluzioni del 1968 è frutto di un’analisi del lato “politico” di Puccini. Quando Puccini cominciò a lavorare su La vie de bohème di Murger era ormai un compositore di successo. Probabilmente in quel soggetto ravvisava un po’ se stesso all’epoca della Scapigliatura. Quei giovani, animati da un forte sentimento di ribellione e di disprezzo nei confronti della cultura e del perbenismo borghese, avevano desunto il loro nome da una libera interpretazione del termine francese Bohème (vita da zingari), e si erano ispirati alla vita libertaria e anticonformista degli artisti parigini descritta proprio nel romanzo di Murger.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Tancré sotto le stelle”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 luglio 2015

TancréPalermo in via Falzone (piazza Inserra), sfida la canicola serale venerdì 24 luglio alle 20,30 nel corso del nuovo appuntamento con la rassegna “Tancrè sotto le stelle”. Il pubblico potrà visitare lo spazio grande tre ettari, vedendo le stalle con gli animali e trascorrendo la serata sotto i secolari alberi d’ulivo, godendo dei sapori dell’aperitivo a base di pesce e pane di Tumminia macinato a pietra. La serata sarà inoltre allietata dall’accompagnamento musicale di un dj che alternerà brani rock e jazz dagli anni Settanta a oggi. Gli eventi del Tancrè continueranno anche nei venerdì successivi.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“In agriturismo con Le Morgane”

Posted by fidest press agency su martedì, 14 luglio 2015

le morganePalermo venerdì 17 luglio alle 20,30 all’agriturismo e bed and breakfast Al Tancrè in via Gaetano Falzone a Palermo. Un concerto che inaugura il ciclo di serate del venerdì del locale intitolate “Tancré sotto le stelle”. Alessandra Ponente, Cinzia Gargano e Barbara Tutrone, accompagnate dal chitarrista Piero Compagno, snoccioleranno un gran numero di canzoni italiane e straniere sfoggiando la particolarità delle loro voci in sincrono, con tanto di beatbox abbinata alla capacità di tenere il ritmo con strumenti come le marakas e il kazoo. L’ingresso è gratuito. (foto Le morgane)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Slava’s Snowshow

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 febbraio 2015

Slava’s SnowshowSlava’s Snowshow1Dal 18 febbraio all’1 marzo al Teatro Argentina sogno e realtà si confondono per seguire il clown giallo e i suoi compagni in un’avventura senza limiti con Slava’s Snowshow. Uno spettacolo fatto di poesia, gioia, divertimento, ma anche un pizzico di malinconia per incantare con la magia della neve il pubblico dei grandi e dei piccini, alternando gag e momenti comici ad attimi di struggente dolcezza. Slava’s Snowshow è lo spettacolo fra i più applauditi e amati degli ultimi anni nei più prestigiosi teatri: dal 2004 è attrazione fissa off-Broadway ed alcuni dei suoi numeri sono stati inglobati dal Cirque du Soleil. Il suo geniale ed eccentrico ideatore, il russo Slava, pluripremiato (ha meritato l’Olivier e il Time Out Award a Londra, il Drama Desk a New York, lo Stanislavskij a Mosca e il Festival Critics Award a Edimburgo) e considerato “il miglior clown del mondo”, afferma di amare «un teatro che nasce dai sogni e dalle fiabe; un teatro ricco di speranze, desideri e nostalgie, mancanze e disillusioni. Un teatro che sfugge a qualsiasi definizione, all’interpretazione unica delle sue azioni e da qualsiasi tentativo di limitazione della sua libertà».
Lo Slava’s Snowshow è libero, lirico, ironico, fantasioso, divertentissimo e tenero, raccoglie i numeri più belli e famosi del repertorio di Slava, che per la sua arte si ispira a maestri come Leonid Engibarov, clown triste, o al raffinato Marcel Marceau, o alla delicata comicità di Charlie Chaplin. Un’esperienza incredibile e inattesa, che lascia gli adulti pervasi di spirito bambino, che induce spettatori piccoli e grandi a divertirsi nella neve e a giocare assieme con i giganteschi palloni che invadono il teatro nel gran finale. Lo spettacolo è una sequenza di sorprendenti magie: una nevicata di carta che infuria su tutta la sala, enormi, leggerissimi e colorati palloni che planano sulla platea, cinque clown che danno gas a una rappresentazione poetica e candida, dispettosa eSlava’s Snowshow2 imprevedibile, gioiosa e atletica, in bilico tra happening e circo. Ma prima di questo coup de theatre, sono molti i sortilegi e le ironie che i clown regalano alla platea, invadendola talvolta, per fare qualche dispetto esilarante.Slava nasce in una piccola città russa, lontano dai grandi centri urbani. Trascorre tutta la sua infanzia in mezzo alle foreste, ai campi e ai fiumi. Vive in un mondo incontaminato che ha sviluppato le sua capacità di inventare cose e storie sempre nuove: Slava ama costruire le case sugli alberi – anche di quattro piani, piccole città di neve e organizza divertenti feste con i suoi amici. Grazie alla televisione e al cinema, conosce e si innamora dei grandi clown e dei grandi mimi. Il suo sogno è quello di poter diventare un clown; un desiderio talmente forte che lo spinge a non aspettare il conseguimento del diploma. All’età di 17 anni si trasferisce a San Pietroburgo (all’epoca Leningrado) con l’intenzione di studiare ingegneria. In realtà, si iscrive a una scuola di mimo; inizia così il lungo cammino di Slava verso la riscoperta e la riaffermazione dell’arte del vero clown. Grazie all’influenza di grandi artisti come Chaplin, Marcel Marceau, Engibarov e al suo innato talento, Slava e la sua Compagnia – fondata nel 1979 – danno una nuova valenza al ruolo del clown, estrapolandolo dal mondo circense e portandolo nelle strade prima e nei più grandi teatri del mondo poi. La sua reputazione cresce molto rapidamente, a tal punto che tanti sono i suoi allievi disposti persino a viaggiare per miglia pur di imparare la sua tecnica di fusione tra teatro visivo e clown. Molti degli ex-allievi di Slava hanno oggi delle proprie compagnie e alcuni hanno preso parte alle produzioni del Cirque du Soleil. Slava approda con la sua Compagnia in Inghilterra nel 1988. Le sue tre recite all’Hackney Empire sono sufficienti per renderlo Slava’s Snowshow3famoso. Cinque anni dopo, raccoglie le gag e gli sketch più famosi del suo repertorio in un unico spettacolo SLAVA’S SNOWSHOW (precedentemente intitolato Yellow) che è un vero e proprio trionfo tanto da valergli il Time Out Award. Dopo il successo londinese, parte per una tournée nel Nord America con la produzione Alegrìa del Cirque du Soleil nella quale ancora oggi sono presenti degli estratti di SLAVA’S SNOWSHOW. Nel 1997 viene insignito dell’Olivier Award come miglior spettacolo durante una delle tante recite esaurite all’Old Vic. SLAVA’S SNOWSHOW viene presentato in tournée in più di 30 paesi, 100 città e a più di due milioni e mezzo di spettatori. Nel 1989 Slava riunisce un gruppo di 150 clown per un tour della durata di sei mesi che tocca le maggiori capitali dell’Europa Orientale ed Occidentale; è il The Mir (Peace) Caravan. Più di 50 compagnie locali si aggiungono ad ogni tappa ampliando sempre più la già grande compagine di artisti. Ancora oggi, Slava è Presidente dell’Academy of Fools da lui fondata e che ha prodotto più di trenta tra spettacoli e rassegne.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gala di Chiasso

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 ottobre 2014

massimo lopezSi terrà venerdì 3 ottobre presso il Cinema Teatro di Chiasso la seconda edizione del “Gala di Chiasso”, una serata a scopo benefico realizzata grazie ad una collaborazione attivata tra il Gruppo Banche Chiasso, il Municipio di Chiasso e direzione artistica Cinema Teatro Chiasso.
Alle 19.30 si terrà una cena – solo su invito – per cui tutta la struttura teatrale verrà elegantemente allestita: la platea sarà svuotata dalle tradizionali sedute e trasformata in una grande sala da ricevimento sfavillante di luci e suoni, con sedie e tavoli finemente addobbati per l’occasione.
Alle 22.00 l’evento proseguirà con lo spettacolo – aperto anche al pubblico – “Sing and Swing” con Massimo Lopez e la Jazz Company, una messa in scena nella quale l’istrionico attore rivisiterà in chiave personale alcune tra le più celebri melodie dell’epoca d’oro dello Swing, una carrellata di canzoni composte da grandi autori quali Cole Porter, George Gershwin, Jimmy Van Heusen, Richard Rodgers ed altri. E tra una canzone e l’altra, Massimo Lopez intratterrà il pubblico con divertenti gag, monologhi e le sue irresistibili imitazioni, le stesse che negli anni lo hanno portato al grande successo popolare.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ferragosto a Manziana col Rinascimento de La Rossignol a Musica in Piazza

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 agosto 2014

manzianaVa in scena a Manziana venerdì 15 agosto alle 21 in via del Forte per la XXII edizione di Musica in Piazza, la prestigiosa rassegna di musica e spettacolo organizzata dall’associazione Il Cantiere dell’Arte. Protagonista della serata unica La Rossignol, con “Corti e Cortili –Arie e danze tra XV e XVI secolo nelle corti del Rinascimento italiano”. Un evento in cui la magnificenza si coniuga con la ricerca storica tra musiche come madrigali e scherzi. Torneranno a risuonare strumenti come la ghironda, l’organo positivo, il chitarrino, e si potranno ammirare eleganti e raffinate danze. Tutto rigorosamente in costumi d’epoca. Un repertorio frutto di una accurata ricerca storica condotta su fonti dirette, sin dal 1987 dall’ensemble La Rossignol, in tutta Europa. Un evento unico, da non perdere che riporta a Manziana, come auspicato da molti, uno spettacolo degno dei grandi teatri italiani. L’Associazione Il Cantiere dell’Arte, il Comune di Manziana del sindaco Bruno Bruni, grazie anche al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Civitavecchia, prosegue nella sua intensa di attività di promozione della cultura che in ventidue anni di intensa attività le ha consentito di proporre all’attenta platea del territorio personaggi di calibro dello spettacolo italiano: da Regina Bianchi a Luca De Filippo, da Severino Gazzelloni a Carlo Alberto Rossi, da Lino Patruno a Angelo Branduardi. Solo per ricordarne alcuni. “Sono convinto – commenta il sindaco Bruni – che la riscoperta del patrimonio artistico e culturale italiano, sia uno straordinario fattore di ripresa e il Rinascimento costituisce senz’altro, col fiorire delle arti, una delle migliore pagine della storia italiana”. “Il Cantiere dell’Arte – dice il presidente Adriana Rasi – ringrazia la Fondazione Cassa di Risparmio di Civitavecchia e il Comune di Manziana per il sostegno alla realizzazione di questo evento culturale, che vuole fare conoscere le splendide pagine del canto, della musica, della danza di epoca rinascimentale. La nostra rassegna non aveva ancora ospitato questo genere di repertorio. Siamo lieti di colmare la lacuna proponendo uno spettacolo de La Rossignol uno dei gruppi più noti e importanti in Italia e all’estero nella convinzione che la cultura italiana sia la leva per affrontare il periodo di crisi in atto. Siamo sicuri – conclude il presidente – che il pubblico di Musica in Piazza saprà apprezzare questo straordinario gruppo, rinnovando gli apprezzamenti che da più di due decenni riserva all’attività di diffusione culturale della nostra associazione”. Dietro queste movenze e queste melodie che vengono proposte al pubblico di Manziana per un Ferragosto tutto speciale si cela una filosofia e un preciso stile di vita rinascimentale. “La magnificenza si coniuga – si legge in uno scritto dell’epoca – con la ricercatezza, la voglia di meravigliare, di stupire e la ricerca di un modo di vivere sempre più colto e raffinato inducono le corti ad acquisire un’arte musicale e coreutica raffinata, elegante, codificata in forme scritte ben precise, un vero rituale di celebrazione del potere in cui i protagonisti sono i cortigiani, attori e spettatori al tempo stesso”.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »