Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Posts Tagged ‘spiagge’

Stagione balneare. Quali i diritti e i doveri dei bagnanti? Un piccolo vademecum

Posted by fidest press agency su sabato, 4 agosto 2018

* Le spiagge sono demaniali, di proprietà dello Stato, cioè nostre.
* Vengono date in concessione a gestori, che possono chiedere un biglietto di ingresso, per poter usufruire di alcuni servizi quali le docce, i bagni, gli spogliatoi, il servizio di salvataggio e la pulizia dell’arenile.
* L’affitto di sdraio, ombrelloni e cabine in genere e’ aggiunto al biglietto di ingresso, ma non e’ obbligatorio affittarle, perche’ una volta pagato l’ingresso ci si puo’ sdraiare sul proprio asciugamano.
* Si puo’ accedere alla spiaggia di uno stabilimento balneare, per raggiungere il mare, senza pagare il biglietto d’ingresso, ma non si puo’ sostare ne’ sulla spiaggia in concessione ne’ sulla battigia, spazio che deve essere costantemente libero da persone o cose.
* Non è consentito l’accesso e la sosta agli animali, se non dove espressamente previsto.
* E’ vietato giocare a pallone, a racchette o altri giochi che possano arrecare disturbo ai bagnati, a meno che non ci siano aree allestite allo scopo. (Primo Mastrantoni, segretario dell’Aduc)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Spiagge no stop a Nuova Ostia

Posted by fidest press agency su sabato, 24 marzo 2018

Ostia L’Assemblea Capitolina ha approvato la delibera di indirizzo del M5s, di cui sono primo firmatario, per illuminare le spiagge di Nuova Ostia dopo il tramonto. Un’illuminazione adeguata che garantirà non solo di continuare a praticare le attività sportive fino a tarda sera, ma di godersi la spiaggia in tranquillità e sicurezza facilitando il lavoro delle forze dell’ordine nella vigilanza del territorio. Durante la stagione balneare cittadini e turisti potranno dunque andare al mare e usufruire di arenili illuminati, sicuri e puliti senza limiti di orario. La delibera prevede inoltre la creazione di piccole isole pedonali, in concomitanza degli eventi, con la parziale pedonalizzazione del fronte mare. Lo scopo è quello di rendere più agevole l’accesso alle spiagge anche in queste occasioni e di trasformare il lungomare in un luogo privilegiato di centralità sociale. Vengono infine chiesti indirizzi specifici per l’individuazione delle aree in particolare di due eventi: “Sport in Spiaggia dopo il tramonto” e “La spiaggia a tutte le ore”. Per quanto riguarda invece le aree sportive in spiaggia viene stabilito che lo spazio occupato non potrà superare il 20% della superficie della porzione di arenile soggetto a ospitare le’ attrezzature di facile rimozione’ necessarie alla pratica delle attività. Tali aree potranno essere ampliate solo con regolare autorizzazione degli uffici competenti e per eventi di particolare rilevanza”. Lo dichiara in una nota stampa, Paolo Ferrara, capogruppo M5s di Roma Capitale.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Nasce una nuova visione per le spiagge di Castelporziano e Capocotta”

Posted by fidest press agency su martedì, 27 giugno 2017

spiaggia_litorale_castelporziano“Le spiagge di Castelporziano e di Capocotta sono state sempre considerate come macchine da soldi al servizio dei partiti e dei soliti noti. Oggi finalmente questa amministrazione vede oltre e decide di progettare una nuova organizzazione dei parcheggi che impedirà di operare agli abusivi. Abbiamo inoltre previsto una tutela maggiore delle dune e una nuova pista ciclabile che collegherà Ostia agli arenili più belli di Roma. Le dune verranno nuovamente recintate e i parcheggi interni adeguati. Ci saranno navette e parcheggi di scambio in modo da ridurre il traffico e l’impatto sull’ambiente. Tutto supportato da uno studio puntuale commissionato dall’Assessora Montanari.
Tutto questo si sposa con il nuovo Piano di Utilizzazione degli Arenili che stiamo predisponendo con il Commissario prefettizio Vulpiani, nonché con i nuovi bandi europei che garantiranno qualità, trasparenza e concorrenza leale. Non solo torna la legalità sulle spiagge di Roma, ma vedono la luce anche progetti e un futuro che nessuno prima di noi aveva mai proposto né lontanamente immaginato. Passiamo dagli appalti di Mafia Capitale alla tutela ambientale, dal business degli amici della vecchia politica ai servizi a beneficio e vantaggio del cittadino. Ci teniamo infine a sottolineare che proprio in queste ore la commissione capitolina Ambiente si è riunita sulle tematiche summenzionate, a testimonianza di quanto sia alta l’attenzione da parte dell’amministrazione pentastellata in merito alla questione della legalità intorno alle spiagge”. Lo dichiarano in una nota congiunta la delegata della Sindaca per il X Municipio Giuliana Di Pillo e il capogruppo in Campidoglio del M5S Paolo Ferrara.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Spiagge: diritti e doveri del cittadino

Posted by fidest press agency su martedì, 9 agosto 2016

spiaggia san vito* Le spiagge sono demaniali, di proprieta’ dello Stato, cioe’ nostre.
* Vengono date in concessione a gestori, che possono chiedere un biglietto di ingresso, per poter usufruire di alcuni servizi quali le docce, i bagni, gli spogliatoi, il servizio di salvataggio e la pulizia dell’arenile.
* L’affitto di sdraio, ombrelloni e cabine in genere e’ aggiunto al biglietto di ingresso, ma non e’ obbligatorio affittarle, perche’ una volta pagato l’ingresso ci si puo’ sdraiare sul proprio asciugamano.
* Si puo’ accedere alla spiaggia di uno stabilimento balneare, per raggiungere il mare, senza pagare il biglietto di ingresso, ma non si puo’ sostare ne’ sulla spiaggia in concessione ne’ sulla battigia, spazio che deve essere costantemente libero da persone o cose.
* Non e’ consentito l’accesso e la sosta agli animali, se non dove espressamente previsto.
* E’ vietato giocare a pallone, a racchette o altri giochi che possano arrecare disturbo ai bagnati, a meno che non ci siano aree allestite allo scopo. (Primo Mastrantoni, segretario dell’Aduc)

Posted in Diritti/Human rights, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Codacons chiede l’estensione del divieto di fumo anche sulle spiagge nazionali

Posted by fidest press agency su domenica, 7 agosto 2016

sigaretteLe nuove normative hanno già esteso il divieto di fumo in auto, in sosta o in movimento, ed in presenza di donne in stato di gravidanza e in alcuni casi anche all’aperto, nelle “pertinenze esterne delle strutture universitarie ospedaliere, presidi ospedalieri e IRCCS pediatrici e alle pertinenze esterne dei reparti di ginecologia e ostetricia, neonatologia e pediatria delle strutture universitarie ospedaliere e dei presidi ospedalieri e degli IRCCS”. Per il Codacons i tempi sono maturi per seguire l’esempio di alcune amministrazioni locali che già sono intervenute sul punto estendendo il divieto di fumo anche sulle spiagge, dove ricerche scientifiche (svolte da ricercatori dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano) che hanno condotto le loro ricerche sulla spiaggia di Bibione (Venezia) – prima località balneare italiana ad avere bandito, nel 2014, il fumo sulla battigia hanno avuto risultati sono tanto significativi quanto incredibili, ovvero: in certe condizioni, l’inquinamento generato dalle sigarette fumate sotto gli ombrelloni può superare quello che si registra in una zona ad elevato traffico di auto.Più precisamente è stato rilevato che sottovento ai fumatori, alla distanza di circa 10 metri, con una velocità media del vento di 2,7 m/sec, si generano picchi molto elevati di inquinamento (250 ng/mc), che si verificano contemporaneamente alla percezione olfattiva.“Tanto è stato fatto negli ultimi anni per mettere pienamente a conoscenza dei fumatori i rischi ai quali vanno incontro con il fumo di sigaretta, ma troppo poco invece è stato fatto per quanto riguarda ai danni prodotti dal fumo passivo. Le ricerche dimostrano quali catastrofici danni possono essere prodotti dal fumo passivo, e le spiagge si rivelano essere un luogo in cui i livelli superano quelli di allerta – così il Presidente del Codacons, Marco Maria Donzelli – chiediamo che su tutto il territorio nazionale venga esteso il divieto di fumo nelle spiagge, la salute dei cittadini non può passare in secondo piano rispetto a niente.”

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Al via la stagione balneare in Israele

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 Mag 2016

israele spiagge

israele spiagge1

Si apre questa settimana ufficialmente in Israele la stagione balneare 2016. Turisti e visitatori potranno così beneficiare di accesso gratuito a tutte le spiagge di Israele, potendo così pienamente fruire di tutte le bellezze naturali della costa.
Lo scorso anno USA Today ha definito le spiagge israeliane tra le migliori al mondo specialmente per trascorrervi momenti di relax.
Ben 21 spiagge in Israele sono state premiate con la Bandiera Blu da parte della FEE, la Foundation for Environmental Education, l’ente preposto alla verifica dell’ eccellenza ambientale. Tra le spiagge prescelte possono essere ricordate, tra le altre, la spiaggia Hukuk del Lago Kinneret; la spiaggia Dado ad Haifa; Chanz, Onot, Amfy, Herzl, Sironit Nord, Sironit Sud, Laguna-Argaman e le spiagge Poleg a Netanya; le spiagge Metzizim e Gerusalemme a Tel Aviv; la spiaggia HaKachol a Rishon Lezion; Mei Ami, Oranim, Lido, Kshatot, Yod Alef, Riveria ad Ashdod e la Hash’hafim Beach a Eilat. Anche i porti turistici di Herzeliya e di Tel Aviv sono stati premiati da EcoOcean con la Bandiera Blu. Le spiagge di Netanya e Herzliya sono anche dotate di un ascensore per l’accesso alle spiagge situate sotto le scogliere.
israele spiagge2Per la conservazione dell’ambiente e nel pieno rispetto della natura, non sono ammesse né moto d’acqua né barche in prossimità delle rive, e non è consentita la circolazione con veicoli a motore sulle spiagge e sul lungomare, così come l’accensione di falò. La balneazione è vietata qualora non sia presente un bagnino o la bandiera nera sia stata issata. In alcune spiagge attrezzate, sarà possibile anche trascorrere momenti di relax in compagnia dei propri amici animali.”Dalla costa mediterannea fino ad Eilat sul Mar Rosso, Israele è assolutamente perfetta per una vacanza balneare. Nel periodo estivo il Paesi si arricchisce poi di eventi culturali che renderanno indimenticabile una vacanza splendida e forse inaspettata” ha dichiarato Avital Kotzer Adari direttore dell’ufficio Nazionale Israeliano del Turismo in Italia.
Ci sono 13 spiagge lungo la costa di Tel Aviv-Jaffa, con oltre 8 milioni di bagnanti che si godono ogni anno le rive sabbiose e l’acqua pulita. Ci sono quattro spiagge con accessi speciali per le persone con disabilità: Tzuk, Tzuk Nord, Metzizim e Hilton, tutte nella parte settentrionale della città. Tel Aviv-Jaffa vanta un tratto di 8,7 miglia con ampie vedute, orizzonti blu, spiagge di sabbia bianca dotate di sedie a sdraio, ristoranti, palestre all’aperto, giochi per bambini e una passeggiata sul lungomare percorsa continuamente da chi desidera camminare, correre o semplicemente godersi dei paesaggi. Le spiagge della città sono ben attrezzate con spogliatoi, docce e servizi igienici.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cemento e rifiuti, le offese al litorale laziale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 agosto 2015

rifiuti lazioScarichi abusivi o non controllati direttamente su spiaggia e un deficit depurativo, sono i principali fattori che continuano a mettere a dura prova il mare del Lazio, dei ventiquattro punti monitorati lungo le coste laziali da Goletta Verde, 15 presentano una carica batterica superiore ai limiti consentiti dalla legge. Per frenare le problematiche legate alla depurazione, Legambiente chiede che Regione e amministrazioni comunali, di costa e entroterra, siano attive nella risoluzione dei deficit depurativi ancora presenti, per non compromettere una delle principali risorse di questo territorio, e iniziare a rilanciare l’economia turistica e del mare in chiave sostenibile. È questa la richiesta avanzata da Goletta Verde, la storica campagna di Legambiente dedicata al monitoraggio ed all’informazione sullo stato di salute delle coste e delle acque italiane, realizzata anche grazie al contributo del COOU, Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati, che oggi chiude la sua tappa nel Lazio. L’istantanea regionale sulle acque costiere dell’equipe tecnica dell’imbarcazione ambientalista è stata presentata questa mattina, in conferenza stampa a Roma da Andrea Minutolo, coordinatore dell’ufficio scientifico di Legambiente e da Roberto Scacchi, presidente di Legambiente Lazio.”Sulla sfida della depurazione si gioca il futuro del nostro Paese e di questa regione – dichiara Andrea Minutolo, coordinatore dell’ufficio scientifico di Legambiente -. L’obiettivo del monitoraggio di Goletta Verde è, bene specificarlo, è quello di individuare i punti critici di una regione e le pressioni inquinanti che ancora gravano sulla costa, analizzando il carico batterico che arriva in mare prevalentemente dalle foci di fiumi, canali o scarichi non depurati. È quindi un monitoraggio puntuale che non vuole sostituirsi ai controlli ufficiali, né Legambiente assegna patenti di balneabilità, ma restituisce comunque un’istantanea utile per individuare i problemi e rifiuti lazio1ragionare sulle soluzioni. Anche nel Lazio abbiamo quindi messo sotto osservazione prevalentemente foci di fiumi e torrenti, ma che si trovano in tratti di costa o su spiagge molto frequentate e che quindi possono diventare elementi di criticità per gli stessi bagnanti. Punti che, in molti casi, sono stati segnalati al nostro servizio Sos Goletta dagli stessi cittadini che chiedevano maggiori controlli su tratti di spiaggia e scarichi sospetti”.Purtroppo ancora oggi la situazione dei nostri mari risente inevitabilmente del forte deficit depurativo che vive l’Italia, dove secondo le ultime stime dell’Istat e del Governo tre italiani su dieci non sono ancora allacciati a fognature o a depuratori e il 40% dei nostri fiumi risultano gravemente inquinati. Eppure sono passati dieci anni dal termine ultimo che l’Unione Europea ci aveva imposto per mettere a norma i sistemi fognari e depurativi, ma piuttosto di agire non abbiamo fatto altro che collezionare multe. A pagare l’immobilismo cronico delle istituzioni, quando siamo prossimi ormai alla terza sentenza di condanna prevista per gennaio 2016, saranno al solito i cittadini. In questa regione secondo il rapporto della “Struttura di missione” del Governo la multa sarà di 7 milioni di euro. Soldi che, così come per il resto d’Italia, sarebbe stato sicuramente più utile investire in depuratori e fognature.
I prelievi e le analisi di Goletta Verde sono stati eseguiti dal laboratorio mobile di Legambiente tra il 22 e il 23 luglio scorso. I parametri indagati sono microbiologici (enterococchi intestinali, Escherichia coli) e abbiamo considerato come “inquinati” i risultati che superano i valori limite previsti dalla normativa sulle acque di balneazione vigente in Italia (Dlgs 116/2008 e decreto attuativo del 30 marzo 2010) e “fortemente inquinati” quelli che superano di più del doppio tali valori.
Dei quattordici prelievi effettuati in provincia di Roma, addirittura dieci hanno riportato un giudizio di “fortemente inquinato”. Nella capitale cariche batteriche ben oltre i limiti sono state riscontrate alla foce del fiume Tevere e alla foce del canale presso il cancello numero 1 a Ostia (sempre a Ostia è invece risultato nei limiti il prelievo effettuato al canale dei Pescatori). Gli altri prelievi con esito negativo sono stati effettuati sul lungomare Pyrgi (altezza via Oleandri) a Santa Severa di Santa Marinella; ala foce del fiume Arrone, sul lungomare di Ponente di Fregene; alla foce del canale Crocetta (Filadelfia), alla foce del canale Orfeo e alla foce del Rio Torto tutti a Torvajanica, nel comune di Pomezia; alla foce del fosso Grande ad Ardea; alla foce del fosso Cavallo Morto (lungomare delle Sterlizzie) in località Lido dei Gigli di Anzio e alla foce del porto canale Loricina di Nettuno. Entro i limiti, invece, gli altri campionamenti: alla foce del fosso Zambra a Marina di Cerveteri; alla spiaggia presso la foce del canale e del fiume Statua a Ladispoli.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Arriva “Books on the Beach”

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 luglio 2015

book on the beachUna campagna sociale per far emergere come i libri siano sempre più presenti e protagonisti nella vita di tutti i giorni, soprattutto vacanza ed in estate. Parte su Facebook, Twitter ed Instagram “Books on the Beach”, l’iniziativa inedita rivolta agli utenti dei celebri social network, chiamati a vestire i panni di “Book hunter”, ovvero cacciatori di immagini che immortalino i libri protagonisti delle proprie ferie estive per poi pubblicarle sulle pagine Facebook, Twitter ed Instagram di Libreriamo, la piazza digitale per chi ama i libri e la cultura (www.libreriamo.it). Non solo, potete segnalarci con le vostre foto anche esempi di bookcrossing in spiaggia e di librerie all’aperto presenti nei diversi lidi e villaggi balneari italiani. Il tutto per un fine sociale molto importante, promuovere i libri, sensibilizzare alla lettura in estate e far emergere come il libro sia sempre piu’ presente nella vita di tutti i giorni.
“Nonostante i dati dicono che in Italia si legge sempre meno, basta guardarsi intorno per notare come la sensibilita’ di alcune aziende e della stessa gente comune nei confronti dei libri sia in sensibile aumento – afferma Saro Trovato, sociologo e fondatore di Libreriamo – Una buona abitudine che proprio in estate deve trovare la sua grande conferma: soprattutto in spiaggia, luogo simbolo delle ferie estive, vogliamo che i libri rappresentino i migliori compagni di queste vacanze estive. Per questo motivo, vogliamo sfruttare la viralita’ dei social piu’ popolari, coinvolgendo la gente in modo semplice e divertente. Ognuno puo’ dare un suo contributo, dimostrando l’importanza dei libri e la loro sempre maggiore presenza nella vita di tutti i giorni, anche in estate.”
Un’opera di sensibilizzazione ma anche di impegno, in cui tutti coloro che partecipano possono contribuire a far emergere come la lettura sia un attivita’ che “non va mai in vacanza” e come i libri stiano diventando sempre piu’ protagonisti del nostro quotidiano, protagonisti anche nel corso delle nostre ferie estive. Chiunque puo’ diventare un “Book hunter” e realizzare immagini con protagonisti i libri nelle piu’ disparati contesti: in spiaggia, sul lettino, in viaggio destinazione “mare” (o, perché no, in mare grazie ai nuovi libri impermeabili!), oppure immagini di librerie in spiaggia o iniziative di bookcrossing balneare…sono infinite le combinazioni che dimostrano come i libri quest’anno sono attori protagonisti delle nostre ferie estive in spiaggia. L’obiettivo della campagna e’ quello di stimolare alla condivisione e far emergere come il libro sia protagonista delle nostre ferie estive. (foto: book on the beach)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Estate, italiani distratti: sulle spiagge italiane persi oggetti per oltre 5 milioni di euro

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 agosto 2013

Portamonete (69%), occhiali (58%) e gioielli (54%) gli oggetti che i bagnanti smarriscono piu’ spesso sulle spiagge di tutta Italia. E nel solo mese di luglio, secondo gli addetti ai lavori, sono stati persi oggetti per un valore di oltre 5 milioni di euro. I periodi in cui si registrano maggiormente gli smarrimenti sono i mesi caldi dell’estate, a cavallo di luglio e agosto (31%) e per tutto il mese di agosto (34%), quando cioe’ i lidi sono presi d’assalto da milioni di vacanzieri.E’ quanto emerge da uno studio realizzato da Found!, la prima mood communication agency in Italia, che ha interpellato circa 200 tra bagnini e responsabili di lidi su cio’ che il popolo dei vacanzieri perde in spiaggia.Per 1 intervistato su 3 il momento piu’ a rischio e’ la mattina, nel momento in cui si arriva in spiaggia e ci si spoglia per indossare il costume. Segue poi la sera (24%) quando si raccolgono le cose per andar via e anche in occasione del tipico acquazzone estivo (25%) quando c’e’ il fuggi fuggi generale per cercare riparo nelle strutture dei bagni. Tra le categorie che piu’ denunciano smarrimenti, bagnini e gestori di stabilimenti indicano mamme (27%), anziani (24%) e anche i single dai trent’anni in su, sia maschi sia femmine (17%). Non mancano neppure le richieste piu’ assurde che suscitano tra gli addetti ai lavori disorientamento, come la perdita di sandali (29%), computer (21%), di dentiere cadute fra i lettini (9%) o di nonni e nonne (8%).Quotidianamente 4 intervistati su 10 dichiarano di ricevere almeno 4 segnalazioni da parte di bagnanti che a volte sono esasperati (24%), e altre fanno del vittimismo (21%) o scaricano la colpa sugli altri (28%). Ma in quali casi i vacanzieri segnalano lo smarrimento? Ben 8 su 10 (82%) lo fanno quando il valore supera 20 euro; il 46% quando l’oggetto e’ strettamente necessario; il 34% quando le cose rivestono un grande valore effettivo anche se di poco conto economico; infine il 18% quando proprio non riescono a trovarli da sé e si sentono costretti ad ammettere la loro sbadataggine.Cosi’ fra le giustificazioni il 39% da’ la colpa al partner o ai figli mentre per il 24% se la prende col personale, a loro dire poco attento a quello che accade in spiaggia. E tra le spiagge d’Italia che sono diventate miniere d’oro nascoste ci sono al primo posto quelle della Riviera Romagnola (34%), seguita dalla Versilia (29%) e dal Salento (23%).Incendi e legge quadro “Ogni estate si ripete la stessa musica. L’Italia flagellata dagli incendi boschivi, politici che si rincorrono a fare dichiarazioni stampa che poi si dimenticano ad emergenza finita, vigili del fuoco impegnati senza sosta nonostante la legge quadro sugli incendi boschivi affidi ad altri e non ai pompieri i compiti di spegnimento. Come organizzazione sindacale dei vigili del fuoco ci chiediamo che cosa aspetta la politica a discutere del problema e mettere all’ordine del giorno la riforma della legge quadro sugli incendi boschivi?”. E’ quanto dichiara Antonio Brizzi, segretario generale del Conapo, sindacato autonomo dei Vigili del Fuoco, commentando le incessanti notizie sugli incendi.”Riteniamo l’attuale legge quadro foriera di sperpero di denaro pubblico e di confusione nel coordinamento e comando delle emergenze relative agli incendi boschivi, a causa della frantumazione delle competenze istituzionali, della pluralita’ dei soggetti coinvolti, e dei costi di tutte le strutture incaricate della lotta, che -aggiunge-il piu’ delle volte, operano senza una vera e propria organizzazione, poiche’ molteplici sono gli enti a cui viene affidato tale compito. La stessa corte dei conti, nelle relazioni annuali sugli incendi boschivi, ha evidenziato criticita’ di questa natura”. “Ormai tutti sanno che un incendio boschivo, o lo si spegne subito perche si e’ in grado di arrivare sul posto nell’immediatezza, oppure e’ necessario ricorrere all’uso dei mezzi aerei che hanno un costo enorme e -continua- si dica cio’ che si vuole, ma la realta’ e’ questa: l’unico corpo antincendio in Italia che ha un servizio di immediato pronto intervento 24 ore su 24 sono i vigili del fuoco, anche se paradossalmente la legge non ci affida questo compito che sovente facciamo proprio per evitare il degenerare degli incendi, anche se a causa degli organici inadeguati e della mancanza di specifici finanziamenti, questo ci comporta notevoli difficolta’ gestionali”.”Difatti sovente siamo il primo e unico ente -aggiunge Brizzi- che arriva sul luogo dell’incendio ma senza alcun potere di coordinamento. Vi e’ poi il sistema delle convenzioni previste dalla stessa legge quadro, ovvero le regioni, a cui la legge affida il compito di lotta agli incendi boschivi, possono stipulare convenzioni con vari enti e corpi per la lotta agli incendi. Cosi accade che in alcune regioni i vigili del fuoco sono impiegati negli incendi a seguito di convenzione ed in altre no, per scelta della regione”.”Riformare urgentemente la legge quadro, affidare al Corpo nazionale vigili del fuoco tutte le frammentate competenze e le risorse per la lotta agli incendi boschivi, compresi i poteri di coordinamento, destinare il Corpo forestale al potenziamento dei compiti di polizia ambientale -conclude Brizzi- sarebbe la vera spending review di un apparato che costa agli Italiani cifre astronomiche e non piu’ sostenibili in tempi di crisi, mentre oggi, i politici, che non ci sembra capiscano molto di incendi, tentano con dichiarazioni e proclami, di calmare gli animi dei Sardi, che piu degli altri, hanno pagato il prezzo dei tagli. Questa non e’ per il Conapo – conclude Brizzi- una politica responsabile”.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Furti nelle spiagge

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 luglio 2013

see filename

see filename (Photo credit: Wikipedia)

È un fenomeno che si ripete puntualmente ogni anno, ma per le segnalazioni che stanno giungendo dalle mete di vacanza allo “Sportello dei Diritti”, pare che la crisi lo abbia amplificato e di molto: si riempiono le spiagge e arrivano i furti a raffica sull’arenile.
Furti in serie, quindi, solo una piccola parte dei quali denunciati a carabinieri e polizia, che fanno pensare sia alla presenza di vere e proprie organizzazioni specializzate in questo tipo di reato, ma anche a ladri improvvisati che per farsi la giornata, ed a volte anche qualcosina in più, puntano chi si distrae perché magari preso dal meritato relax delle ferie o mentre si bagna in mare per rinfrescarsi un po’.
Le ruberie, peraltro, che riguardano tutte le località balneari, che siano le più rinomate ma anche quelle meno, non lasciano immuni sia le spiagge pubbliche che i lidi privati ed avvengono quasi sempre nelle ore diurne, ma anche nei parcheggi vicini alle spiagge dove per qualche distrazione si lascia un finestrino un po’ aperto dell’auto e qualche oggetto tipo occhiali da sole o qualche moneta abbandonata sulla plancia o sul cruscotto. Certo è che le spiagge più affollate e quelle “vip” sono le più “ambite” dai furfanti e dalle organizzazioni che lo hanno fatto diventare, in questi luoghi nei quali è quasi un gioco da ragazzi, un vero e proprio business criminale. Ci è stato segnalato peraltro, in tal senso, che i residui della refurtiva, tipo borse e borsellini, vengono poi abbandonati in determinati posti dove è possibile scovare un accumulo di queste custodie tanto elevato è il numero di quelle che appaiono come delle vere e proprie “razzie” in questo periodo dell’anno.
Giovanni D’Agata presidente e fondatore dello “Sportello dei Diritti”, consiglia che si deve cercare il più possibile di evitare di portare oggetti di valore sotto l’ombrellone, ma se proprio non se ne può fare a meno, bisogna prestare la massima attenzione non solo ai propri effetti personali, ma anche a quelli dei vicini d’ombrellone quando questi vanno in acqua e abbandonano tutti i propri effetti, portafogli, telefoni, occhiali da sole, chiavi dell’auto in bella vista sulla spiaggia. E non si tratta solo di semplice e puro spirito di cortesia, ma di prevenzione reciproca e per sé stessi. Per la vastità dei litorali e l’enorme numero di bagnanti, infatti, i primi a vigilare dovrebbero essere proprio questi. Avere l’accortezza di lasciare sempre qualcuno sul posto abbatterebbe drasticamente e definitivamente il fenomeno. Inoltre, chiudere perbene l’autovettura, evitando di lasciare oggetti che potrebbero attirare l’attenzione di questi lestofanti, è una prassi che ci dovrebbe riguardare sempre.In ultimo, bisogna essere sempre pronti a contattare il 112 e 113, il che faciliterebbe le forze dell’ordine a pizzicare in flagranza o quasi i malandrini.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Spiaggia e multe. Attenzione sono… salate!

Posted by fidest press agency su domenica, 26 giugno 2011

Multe salate per i villeggianti, da 100 a 1.000 euro, per illeciti relativi alla inosservanza dell’uso del demanio marittimo, cioè delle spiagge. Possono venire multati coloro che portano cani, che giocano a pallone, a racchettoni o che comunque arrecano disturbo. Stessa sanzione per chi parcheggia veicoli sulla spiaggia. Inoltre entro 250 metri dalla battigia, dalle ore 9 alle 19 della stagione balneare (1 maggio – 30 settembre, orari e distanze possono variare), è proibita qualsiasi attività che possa arrecare disturbo o costituire pericolo per i bagnanti, quali acquascooter, sci nautico, tavole a vela, subacquei; per l’approdo di questi mezzi devono essere predisposti appositi spazi delimitati da corde e galleggianti. La norma è prevista da un Regio Decreto del 1942 e successive modifiche, che punisce tutti coloro che non osservano le disposizioni relative al Demanio marittimo che sono emesse, con ordinanza, dalle Capitanerie di Porto ed ora anche dai Comuni interessati. Le ordinanze sono affisse negli uffici delle Capitanerie e, in genere, agli ingressi degli stabilimenti balneari. Attenzione quindi, perchè la vacanza può trasformarsi in un vero e proprio salasso!!! (Primo Mastrantoni, segretario dell’Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Spiagge: diritti e doveri del cittadino

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 giugno 2011

Spiagge aperte con il bel tempo e la stagione balneare. Quali i diritti e di dovere dei bagnanti? Abbiamo predisposto un piccolo vademecum. Eccolo.
• Le spiagge sono demaniali, di proprieta’ dello Stato, cioe’ nostre.
• Vengono date in concessione a gestori, che possono chiedere un biglietto di ingresso, per poter usufruire di alcuni servizi quali le docce, i bagni, gli spogliatoi, il servizio di salvataggio e la pulizia dell’arenile.
• L’affitto di sdraio, ombrelloni e cabine in genere e’ aggiunto al biglietto di ingresso, ma non e’ obbligatorio affittarle, perche’ una volta pagato l’ingresso ci si puo’ sdraiare sul proprio asciugamano.
• Si puo’ accedere alla spiaggia di uno stabilimento balneare, per raggiungere il mare, senza pagare il biglietto di ingresso, ma non si può sostare nè sulla spiaggia in concessione nè sulla battigia, spazio che deve essere costantemente libero da persone o cose.
• Non è consentito l’accesso e la sosta agli animali, se non dove espressamente previsto.
• E’ vietato giocare a pallone, a racchette o altri giochi che possano arrecare disturbo ai bagnati, a meno che non ci siano aree allestite allo scopo.
(Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Diritti/Human rights, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Spiagge libere e pulite!

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 Mag 2011

Capocotta – Ostia (Rm), 27 Maggio 2010, ore 11 Chiosco Mediterranea – Via Litoranea km 8 conferenza stampa a cui partecipano, tra gli altri: Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio; Luca Marini, responsabile biodiversità RomaNatura; Claudio Presutti, circolo Legambiente litorale romano.
Ad aprire l’appuntamento, sarà la pulizia del litorale di Capocotta, dove al grido di “Non vendiamo le nostre spiagge!” si terranno anche laboratori didattici all’insegna della sensibilizzazione alla raccolta differenziata, alla depurazione e alla protezione dell’ambiente marino. A rimboccarsi le maniche saranno 200 alunni delle scuole aderenti al progetto Isola sotto il Mare, insieme ai volontari di Legambiente Lazio e del circolo Legambiente litorale romano, per una pulizia straordinaria delle dune antistanti, che si concluderà con la premiazione delle classi partecipanti al progetto realizzato con RomaNatura e al concorso “I racconti dell’Isola sotto il Mare”, sull’Area Marina Protetta delle Secche di Tor Paterno, della quale in molti non conoscono ancora l’esistenza.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Decreto concessioni spiagge ai privati

Posted by fidest press agency su sabato, 7 Mag 2011

Da (Il Messaggero del 6 maggio 2011) “Decreto concessioni spiagge ai privati” e Rosario commenta: “Che piaccia o meno anche questa potrebbe risolversi in una legge ad persona, tagliata su misura per il cavaliere. Il decreto in questione non indica l’uso delle spiagge in concessione ai privati, né formalizza le condizioni per usufruire di tali concessioni, per cui un privato con villa sul mare avrebbe i requisiti necessari per ottenere la concessione per 90 anni, ovviamente vendibile insieme all’unità immobiliare di riferimento. Il cavaliere possiede una mega-villa in Sardegna “La Certosa” (dove, per sua stessa ammissione, nel corso di lavori di scavo, trovò una ventina di tombe fenice delle quali l’allora ministro Bondi non chiese spiegazioni!) nome attribuito impropriamente, visto che nessun certosino vi è mai entrato, bensì una folta schiera di escort dedite a quel passatempo presidenziale e cavalleresco del bunga-bunga, identificato dal medesimo come “cene eleganti”. Ma quell’unità immobiliare è servita da un porto turistico realizzato su terreno demaniale, per cui a suo tempo la magistratura indagò per abuso edilizio e appropriazione indebita di suolo demaniale. Anche allora (doveva trattarsi di magistrati, ovviamente, comunisti) la legge venne beffata e il tutto si risolse con un danno al pubblico erario a cui si aggiunse la beffa al popolo dei contribuenti onesti, ma dichiarati fessi dalla casta. Accadde, infatti, che il presidente del consiglio coprì quel porticciolo abusivo del segreto di Stato, facendo diventare un abuso edilizio e una appropriazione indebita come un servizio reso alla nazione, per cui i contribuenti italiani ricevettero la delega a provvedere al saldo dei costi. Ma se volesse vendere tale immobile, (si è più volte vociferato di un interesse in tal senso da parte di un emiro petroliere), nascerebbe il problema del porto turistico-segreto-militare italiano che andrebbe al nuovo acquirente, possibilmente straniero. Con la concessione per 90 anni, di fatto il beneficiario diventa legittimo proprietario e può trasferire ad altri ciò che di fatto gli appartiene. Ancora una volta le legge è uguale per tutti, tranne che per Berlusconi”. (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Turismo-Spiagge

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 ottobre 2010

Troppo spesso i bagnanti pagano balzelli non dovuti per accedere al bagnasciuga, per avere una spiaggia libera, per avere diritto di passeggiare senza ostacoli sul bagnasciuga. Quando il Ministro Brambilla – dichiara Pietro Giordano, Segretario Nazionale Adiconsum – convocherà un tavolo di lavoro tra le associazioni degli stabilimenti balneari e le associazioni dei consumatori per individuare norme concertate capaci di eliminare le vessazioni a danno dei consumatori ed affrontare con tranquillità la scadenza europea? Quando l’associazione dei balneari di Confcommercio incontrerà le Associazioni dei Consumatori per concertare impegni comuni che da un lato tutelino i consumatori rispetto alle vessazioni operate dalle aziende prive di scrupolo e dall’altro selezionino le aziende sane del settore, qualificando così un comparto turistico importante? Solo dalla concertazione tra le Associazioni imprenditoriali, dei consumatori e delle organizzazioni sindacali – conclude Giordano – si potrà qualificare sempre di più il turismo italiano e quindi anche il comparto balneare.

Posted in Diritti/Human rights, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Spiagge: diritti e doveri del cittadino

Posted by fidest press agency su sabato, 24 luglio 2010

Spiagge aperte con il bel tempo e la stagione balneare. Quali i diritti e di dovere dei bagnanti? Abbiamo predisposto un piccolo vademecum.Eccolo: * Le spiagge sono demaniali, di proprieta’ dello Stato, cioe’ nostre. * Vengono date in concessione a gestori, che possono chiedere un biglietto di ingresso, per poter usufruire di alcuni servizi quali le docce, i bagni, gli spogliatoi, il servizio di salvataggio e la pulizia dell’arenile. * L’affitto di sdraio, ombrelloni e cabine in genere e’ aggiunto al biglietto di ingresso, ma non e’ obbligatorio affittarle, perche’ una volta pagato l’ingresso ci si puo’ sdraiare sul proprio asciugamano. * Si puo’ accedere alla spiaggia di uno stabilimento balneare, per raggiungere il mare, senza pagare il biglietto di ingresso, ma non si puo’ sostare ne’ sulla spiaggia in concessione  ne’  sulla battigia, spazio che deve essere costantemente libero da persone o cose. * Non e’ consentito l’accesso e la sosta agli animali, se non dove espressamente previsto. * E’ vietato giocare a pallone, a racchette o altri giochi che possano arrecare disturbo ai bagnati, a meno che non ci siano aree allestite allo scopo. (Primo Mastrantoni, segretario dell’Aduc)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Spiagge e diritti bagnanti

Posted by fidest press agency su martedì, 13 luglio 2010

Con un reddito delle famiglie italiane che secondo i dati Istat è diminuito del 2,6% rispetto allo stesso periodo del 2009 – dichiara Pietro Giordano, Segretario nazionale Adiconsum – ci attendiamo che la scelta di migliaia di famiglie per trascorrere i giorni feriali si limiterà, laddove è possibile, a raggiungere il mare vicino casa.  Ma anche così i problemi non sono finiti, poiché ogni anno si assiste allo scontro tra bagnanti e gestori degli stabilimenti balneari sull’accesso alla spiaggia. I primi chiedono di poter accedere alla battigia passando dentro lo stabilimento balneare; i secondi, illegalmente, poiché in realtà sono concessionari (tra l’altro a bassissimo costo) di un bene pubblico,nella maggior parte dei casi  lo negano oppure lo consentono, ma dietro pagamento.
Adiconsum propone un vademecum a tutela dei bagnanti, nel quale si ricorda che:
1. L’accesso alla spiaggia è libero e gratuito. È fatto obbligo agli stabilimenti di consentire il transito alla battigia. L’impedimento o la richiesta di un pagamento rappresentano una violazione della legge e vanno denunciati alle Autorità.
2. La battigia, cioè la striscia di sabbia di 5 metri dove arriva l’onda, è a disposizione di tutti. Si tratta, infatti, di un’area esclusa dalla concessione, sulla quale il concessionario non può vantare alcun diritto. Tutti vi possono transitare, ma non vi possono essere collocati oggetti ingombranti quali ombrelloni o sdraio, poiché deve essere garantito il passaggio.
3. La pulizia delle spiagge libere è a carico del Comune.
4. È stabilito, per legge, un equilibrio tra spiagge in concessione e spiagge libere. Queste ultime devono essere intercalate tra uno stabilimento e l’altro e non collocate nelle aree più lontane e disagiate. Segnalare il non rispetto del suddetto equilibrio ai sindaci e alle Regioni.
5. I prezzi sono liberi e dovrebbero essere rapportati alla qualità dei servizi. Purtroppo questo troppo spesso non accade. L’unica possibilità per contrastare i prezzi elevati è decidere di non usufruire dello stabilimento.
6. In caso di violazioni gravi, quali la cementificazione della spiaggia o il non rispetto di obblighi derivanti dalla concessione, è prevista anche la revoca di quest’ultima. Il non rinnovo della concessione può essere attuato anche nei casi in cui la continuità ininterrotta degli stabilimenti in concessione comprima in modo intollerabile il libero accesso alla spiaggia e al mare.
7. In caso di violazione dei diritti dei bagnanti rivolgersi alla Polizia Municipale, ai Carabinieri, alla Capitaneria di porto e alle sedi di Adiconsum riportate sul sito http://www.adiconsum.it

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Carovana del cuore 2010

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 luglio 2010

Al via la sesta edizione di Carovana del cuore 2010, una delle più importanti campagne nazionali di sensibilizzazione face to face sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza di Fondazione Patrizio Paoletti.  Dal Luglio a Settembre 2010, per 100 giorni consecutivi, i volontari della Fondazione, riconoscibili grazie alle caratteristiche magliette arancioni, percorreranno strade, spiagge e città per promuovere il messaggio “Vivi Appassionatamente”: una visione più appassionata della vita e per questo orientata all’incontro con le persone, il vero valore aggiunto per la nostra società. Michael Gazzaniga (neuroscienziato), Moshe Abeles (ricercatore), Luciano Mazzetti (Presidente Opera Nazionale Montessori), Gianfranco de Lorenzo (presidente associazione nazionale pedagogisti italiani), Julio Velasco (sportivo) e molti altri.  È patrocinata da oltre cento istituzioni nazionali tra comuni, province, regioni ed enti locali, ed è stata premiata nel 2008 con la Medaglia d’Argento della Presidenza della Repubblica, conferita per l’alto valore morale dell’iniziativa. Una vera e propria maratona per la sensibilizzazione sociale che porta l’attenzione delle persone su numerosi progetti sostenuti da Fondazione Paoletti come: ‘La Ricerca’ – uno strumento essenziale per scoprire l’universo infantile con le sue specifiche necessità educative; ‘E-learning’ – l’importanza di internet nella crescita pedagogica oltre confine; ‘Emergenza Educazione’ – per il diritto all’istruzione nelle zone povere del Pianeta con il programma Scuole nel Mondo; ‘Emergenza Haiti’ – a seguito del disastroso terremoto del 13 gennaio 2010, un programma di distribuzione pasti per l’emergenza alimentare; e molto altro ancora sul sito http://www.fondazionepatriziopaoletti.org. In sei anni la Carovana del Cuore: E’ stata vista da 42 milioni di persone Ha incontrato 15,7 milioni di persone Ha dialogato con 4,5 milioni di persone Ha visto 8.335 presenze di volontari Ha realizzato 512 giorni di attività Ha ottenuto 25.000.000 Readerships, campagna stampa nazionale e locale.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Emergenza erosiva delle spiagge metapontine

Posted by fidest press agency su domenica, 14 febbraio 2010

Matera 17 febbraio, è previsto un tavolo tecnico presso il Prefetto di Matera, Monteleone, alla presenza di tutte le Istituzioni territoriali regionali e delle associazioni in lotta. I dimostranti occupano permanentemente la Sala Consiliare del Comune di Bernalda (MT). Una dozzina di manifestanti si erano pericolosamente incatenati sui cornicioni del palazzo municipale. Il rapido intervento dei Vigili del Fuoco, che hanno gonfiato sotto di essi un’imponente materasso gonfiabile, ha scongiurato il peggio. L’eclatante protesta si è interrotta dopo che il Presidente della Regione Basilicata De Filippo, proposto dal Commissario prefettizio d.ssa Iaculli quale Commissario straordinario per l’emergenza metapontina e giunto appositamente alle ore 17,00 a Bernalda, ha dato ampie rassicurazioni su un suo immediato impegno per accogliere le richieste dei dimostranti per un’urgente opera di dragaggio della sabbia, situata direttamente davanti ai lidi erosi.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La matematica sulle spiagge della Liguria

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 luglio 2009

Forte del successo dell’anno passato, con l’arrivo dell’estate torna BeachMat, la tournee estiva di MateFitness – la prima Palestra della Matematica nata a Genova nell’Aprile 2006 da una collaborazione tra il CNR-PSC, l’Universita’ di Genova e Palazzo Ducale, dedicata alla divulgazione creativa della matematica. Il progetto, ambizioso quanto originale, ha l’obiettivo di portare sulle spiagge e nelle piazze di alcune località della Riviera Ligure giochi e attività interattive a sfondo matematico per offrire a turisti e pubblico locale una forma originale di “intrattenimento intelligente”.   Il calendario dell’iniziativa prevede tre giorni di attività presso gli stabilimenti balneari di Spotorno (SV) – dal 21 al 23 luglio p.v. – a conclusione dei quali è in programma la conferenza-interattiva dal titolo “Mai più paura della Matematica” a cura di Giovanni Filocamo (Project manager di MateFitness e autore dell’omonimo libro edito da Kowalski); una giornata in piazza a Zoagli (GE) che si concluderà con l’entusiasmante percorso di sopravvivenza matematica a squadre (25 luglio p.v.); ed una divertentissima serata di “Matematica in Piazza” dedicata ai bambini presso la splendida Villa Rocca di Chiavari (GE), il 6 agosto prossimo.    Anche quest’anno le attività estive di MateFitness giungono a coronamento di un anno intenso e ricco di novità e successi per la Palestra della Matematica sia dal punto di vista del pubblico (70 mila visitatori in tre anni), sia da quello dei progetti realizzati. Il 2008 si è concluso con il grande successo registrato al Festival della Scienza con la mostra-laboratorio “Una matematica diversa. Viaggio nella matematica senza numeri” – richiesta nel marzo 2009 dal Festival della Matematica di Roma – e con la consegna a MateFitness e all’Acquario di Genova, del Parksmania Award 2008 per il pacchetto congiunto “Le geometrie del mare”, identificato come la miglior iniziativa didattica dell’anno.   Il 25 settembre MateFitness inaugurerà la nuova stagione scolastica partecipando alla prima edizione genovese della “Notte del ricercatore” organizzata dall’Associazione Festival della Scienza; impegnato già da qualche mese nella progettazione del pacchetto MateVicoli – un insolito percorso matematico guidato attraverso i carruggi di uno dei centri storici più grandi d’Europa – lo staff di MateFitness ne proporrà un’anteprima al Festival della Scienza 2009 accanto a “Digilandia. Computer, robot e numeri per il futuro”, un grande laboratorio interattivo che esplorerà in maniera ludica e giocosa le numerose relazioni esistenti tra matematica e informatica: il vostro computer non vi sembrerà più lo stesso!

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »