Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Posts Tagged ‘spugna’

“UE, mobilitarsi o gettare la spugna?”

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 aprile 2018

Perugia Sabato 14 aprile 2018 ore 15.15 Palazzo Graziani, “International Journalism Festival” L’Ufficio di collegamento del Parlamento europeo in Italia, in occasione della diciassettesima edizione del Festival Internazionale del Giornalismo, organizza una tavola rotonda sabato 14 aprile 2018 dal titolo “UE, mobilitarsi o gettare la spugna?” L’evento, che vedrà la presenza del vicepresidente del Parlamento europeo, David Sassoli, si pone come obiettivo quello di creare sensibilizzazione intorno ai valori fondanti dell’Unione Europea che, mai prima d’ora, sono stati messi così in discussione. Interverranno, oltre al Vice Presidente del PE David Sassoli: Eva Giovannini, giornalista e inviata per diversi programmi sia della Rai che di La7; Luca Misculin, giornalista de’ Il Post; Alberto Alemanno, ricercatore dell’Ecole des Hautes Etudes Commerciales Paris; Raffaella De Marte, coordinatrice media della campagna istituzionale del Parlamento europeo per le elezioni 2019.
A fine maggio 2019 infatti, i cittadini dell’UE saranno chiamati ad eleggere il nuovo Parlamento europeo e mentre le forze apertamente euroscettiche sono sempre più vocali, è giunto il momento per chi crede nell’Europa, di mobilitarsi per non mettere a repentaglio il progetto politico che, da oltre settant’anni, ci permette di vivere in un luogo che resta il più attraente al mondo per standard di benessere, pace e prosperità.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La spugna molecolare che si compatta con la luce

Posted by fidest press agency su venerdì, 24 luglio 2015

parma universitàLa dott.ssa Irene Bassanetti, assegnista presso il Dipartimento di Chimica dell’Università di Parma, ha collaborato allo sviluppo di una innovativa ricerca, frutto del lavoro coordinato dalla prof.ssa Angiolina Comotti, del gruppo di Scienze dei Materiali dell’Università di Milano-Bicocca, i cui risultati sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista Nature Chemistry (IF=25,325).La dott.ssa Bassanetti ha infatti conseguito la laurea magistrale in Chimica e il dottorato di ricerca in Scienze Chimiche presso l’Università degli Studi di Parma, e ha successivamente passato un anno come Post-Doc nei laboratori di Milano–Bicocca nel gruppo della prof.ssa Comotti e del prof. Sozzani.Il nuovo materiale è stato battezzato AzoPORE (AZObenzene nanoPORous matErial) ed è costituito da cristalli con delle cavità di dimensioni nanometriche, che gli permettono di assorbire notevoli quantità di gas. La novità di AzoPORE è la sua sensibilità alla luce, dovuta alla struttura molecolare costituita da unità di azobenzene che si contraggono quando vengono opportunamente illuminate, provocando un rapido collasso della struttura cristallina porosa e il rilascio delle molecole di CO2 intrappolate nei pori.AzoPORE è riutilizzabile, perché la porosità viene ripristinata scaldando (bastano pochi minuti a 100°C). Pertanto, illuminare AzoPORE è come strizzare una spugna intrisa d’acqua, con la differenza che AzoPORE assorbe preferenzialmente l’anidride carbonica, ovvero il principale responsabile del riscaldamento globale.

Posted in Cronaca/News, scuola/school, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »