Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 318

Posts Tagged ‘standard’

Sicurezza stradale: verso nuovi standard UE

Posted by fidest press agency su domenica, 27 maggio 2018

Salvare 25mila vite umane, dimezzando, entro il 2030, sia il numero dei morti sulle strade europee che le lesioni gravi: sono questi gli obiettivi del “3rd Mobility Package”, un importante pacchetto di misure annunciato dalla Commissione Europea e accolto con favore sia dal Consiglio Europeo per la Sicurezza dei Trasporti (ETSC) che dalla FIA, la Federazione Internazionale dell’Automobile.La Commissione ha, inoltre, proposto l’adozione di serie su tutte le auto nuove di ISA (Intelligent Speed Assistance – Sistema di Adattamento Intelligente della Velocità) e AEB (Automated Emergency Braking – Sistema Autonomo di Frenata d’Emergenza), tecnologie che potrebbero contribuire a salvare più di 2.000 vite umane ogni anno.“Il più grande passo avanti per la sicurezza stradale in Europa dall’introduzione della cintura di sicurezza”, lo ha definito Antonio Avenoso, Direttore Esecutivo di ETSC.Nel ricordare che “l’infortunio stradale resta la prima causa di morte per i giovani di tutto il Continente” e che non è “mai abbastanza presto per adottare queste misure essenziali”, Avenoso ha sottolineato come sia “assolutamente decisivo che gli Stati Membri UE e il Parlamento Europeo diano il loro sostegno a questi piani, senza cedimenti alle pressioni delle case automobilistiche, che stanno già tentando di indebolire alcune parti della proposta di sicurezza per i veicoli.”

Posted in Estero/world news, Politica/Politics, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Diletta Milinelli & Roberta Pecoraro con il mood dello standad jazz

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 febbraio 2018

foto molinelli e pecoraroPalermo Mercoledì 14 febbraio ore 21.30, Blue Brass – Ridotto dello Spasimo standard del jazz e Love Songs per celebrare in musica il Valentine’s day con Diletta Molinelli & Roberta Pecoraro per l’appuntamento del “Brass Talent”, la serie di concerti tenuti da allievi ed ex allievi della Scuola Popolare di musica della Fondazione The Brass Group al Blue Brass – Ridotto dello Spasimo. I battenti dello storico jazz club si apriranno con le due giovani e talentuose cantanti che hanno fatto della musica jazz il loro percorso di studio e leit-motiv. Allieve di Carmen Avellone presso la Scuola Popolare di Musica ed accompagnate dal pianista Giuseppe Preiti, da Giuseppe Costa al Contrabasso e Giuseppe Madonia alla batteria, le due artiste eseguiranno brani che riprendono le atmosferre tipiche del mood dei classici jazz e non solo, tra gli altri ricordiamo “Satin Doll”, “Blue Moon” e “All of Me” e “I wanna hold your hand” dei Beatles. Diletta Molinelli, classe 1990 si è avvicinata al jazz verso i 14 anni, ascoltando per caso la canzone “Dream a little dream of me” di Doris Day: Da questo momento la giovane artista si avvicina al genere tanto da approfondirne continuamente il sound e le composizioni. Sarà anche questo uno dei brano inseriti nel repertorio del concerto. La musica per Diletta è paragonabile ai tasti di un pianoforte, giusto per citare il famosissimo film, come lei stessa dichiara, La leggenda del pianista sull’oceano, “tra quegli ottantotto tasti ci sono mille sfumature diverse, possiamo esprimerci in mille modi diversi suonando e cantando”. “Per i ragazzi di oggi”, continua la giovane cantante, “la musica dovrebbe essere un’espressione interiore da sviluppare in modi nuovi, diversi, originali. La musica è emozione, divertimento, ma anche punto di incontro tra culture diverse e modi di esprimersi differenti. Insomma, un linguaggio comune che “ abbatte” tutte le differenze ma che al tempo stesso ci fa sentire unici”. Roberta Pecoraro è invece una cantante che, sebbene si sia approcciata al canto lirico, riesce a passare dalle sonorità classiche a quelle afroamericane della musica jazz proprio presso la Scuola del Brass. Prende parte ad Area Sanremo 2016 e frequenta intensi seminari presieduti da Mogol, Francesco Guccini, Morgan, Simona Molinari ed entra a far parte della Skillie Charles Orchestra come voce solista.
Il costo del biglietto è di euro 5,00 incluso i diritti di prevendita. Da quest’anno, inoltre, la Fondazione ha attivato, oltre all’acquisto online dei biglietti tramite il circuito http://www.ticksweb.com. (foto: molinelli e pecoraro)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

CISQ Produces Standard for Measuring Technical Debt

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 gennaio 2018

Carnegie Mellon UniversityThe Consortium for IT Software Quality™ (CISQ™) today announced that its Automated Technical Debt Measure has been approved as a software measurement standard by the Object Management Group® (OMG®), a not-for-profit technology standards consortium with nearly 30 years of history developing IT-related standards. CISQ, a consortium initiated by OMG and the Software Engineering Institute at Carnegie Mellon University, is chartered to create specifications for automating the measurement of software size and structural quality. Today’s announcement is the first standard for estimating future corrective maintenance efforts to remedy structural defects in code.The Automated Technical Debt Measure estimates the effort required to fix critical weaknesses in software code and architecture that are included in the four OMG standards for measuring the security, reliability, performance efficiency, and maintainability of source code. Criticality is determined by the risk and cost to the business. The weaknesses are detected through static analysis, and an algorithm determines the repair effort based on estimates collected from professional developers and an assessment of the complexity of the surrounding code. Corrective maintenance costs can then be estimated by converting the repair effort into the preferred currency.Technical Debt is a metaphor referring to the cost to repair structural quality problems remaining in production code. The cost to fix structural quality problems constitutes the principal of the debt, while the inefficiencies they cause until fixed, such as greater maintenance effort or excessive computing resources, represent compounding interest on the debt. Technical Debt can occur for many reasons: compromises made by technical teams to deliver applications faster; under-scoped initial requirements; inadequate time to refactor code; or inexperience with the architecture or application domain.According to CISQ Executive Director, Dr. Bill Curtis, “Technical Debt saps IT budgets, hinders innovation, and leaves organizations vulnerable to digital disasters. Today’s announcement presents a standardized method for measuring the financial impact of structural weaknesses remaining in code at release. It expresses the cost of software quality in terms the business can understand, including the liabilities incurred if a weakness triggers a disastrous incident or the opportunity cost of having to fix weaknesses rather than develop innovative functionality.”OMG Chairman and CEO, Dr. Richard Soley said, “CISQ is leading the way to establish a common standard to help businesses manage the risk posture of their software systems in financial terms, which is a major reason why OMG sponsored the CISQ measures. The Automated Technical Debt Measure standard is the first of its kind to help businesses estimate corrective maintenance costs, allocate repair effort, address potential trouble areas, and/or decide to replace an application due to excessive Technical Debt.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

ON Semiconductor Announces Pricing of Private Offering of $600 Million of 1.00% Convertible Senior Notes

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 giugno 2015

PHOENIX, Ariz, Ariz. ON Semiconductor Corporation (NASDAQ: ON), (“ON Semiconductor”) announced today the pricing of its previously announced private offering of $600 million aggregate principal amount of 1.00% Convertible Senior Notes due 2020 (the “notes”). The notes were offered only to qualified institutional buyers in accordance with Rule 144A under the Securities Act of 1933, as amended (the “Securities Act”). ON Semiconductor has granted to the initial purchasers of the notes a 30-day option to purchase up to an additional $90 million aggregate principal amount of notes. The offering is expected to close on June 8, 2015, subject to customary closing conditions.
The notes will be ON Semiconductor’s senior unsecured obligations and guaranteed by certain of its subsidiaries. The notes will bear interest at a rate of 1.00% per year, payable semiannually in arrears on June 1 and December 1 of each year, beginning on December 1, 2015. The notes will mature on December 1, 2020.The initial conversion rate for the notes is 54.0643 shares of ON Semiconductor’s common stock per $1,000 principal amount of notes (equivalent to an initial conversion price of approximately $18.50 per share of ON Semiconductor’s common stock), which represents an approximately 42.50% conversion premium over the last reported sale price of $12.98 per share of ON Semiconductor’s common stock on The NASDAQ Global Select Market on June 2, 2015.
Prior to September 1, 2020, the notes will be convertible only upon satisfaction of certain conditions and during certain periods, and thereafter, at any time until the close of business on the second scheduled trading day immediately preceding the maturity date. Upon any conversion, ON Semiconductor will settle its conversion obligation in cash, shares of its common stock, or a combination of cash and shares of its common stock, at its election.In connection with the pricing of the notes, ON Semiconductor has entered into privately negotiated convertible note hedge transactions with one or more of the initial purchasers of the notes or their affiliates or other financial institutions (the “hedge counterparties”). The convertible note hedge transactions will cover, subject to customary anti-dilution adjustments, the same number of shares of common stock as those underlying the notes, and are expected to reduce the potential dilution to ON Semiconductor’s common stock and/or offset potential cash payments upon conversion of the notes.
ON Semiconductor has also entered into privately negotiated warrant transactions with the hedge counterparties relating to the same number of shares of ON Semiconductor common stock as the convertible note hedge transactions. The strike price of the warrant transactions will initially be $25.96 per share, which represents an approximately 100% premium to the last reported sale price of ON Semiconductor’s common stock on The NASDAQ Global Select Market on June 2, 2015. The warrant transactions could have a dilutive effect to ON Semiconductor’s common stock to the extent that the market price per share of ON Semiconductor’s common stock exceeds the strike price of the warrants. If the initial purchasers exercise their option to purchase additional notes, ON Semiconductor may enter into additional convertible note hedge and warrant transactions.
In connection with establishing their initial hedge of the convertible note hedge and warrant transactions, the hedge counterparties, or their affiliates, expect to purchase shares of ON Semiconductor’s common stock and/or enter into various derivative transactions with respect to ON Semiconductor’s common stock concurrently with or shortly after the pricing of the notes. In addition, the hedge counterparties, or their affiliates, may modify their hedge positions by entering into or unwinding various derivative transactions with respect to our common stock and/or by purchasing or selling ON Semiconductor common stock or other securities of ON Semiconductor in secondary market transactions prior to the maturity of the notes, and are likely to do so during any observation period related to a conversion of notes. These hedging activities could have the effect of increasing, or reducing the size of any decline in, the market price of ON Semiconductor’s common stock or the notes at that time.
ON Semiconductor intends to use the net proceeds: to fund the cost of the convertible note hedge transactions described above (the cost of which will be partially offset by the proceeds that ON Semiconductor will receive from entering into the warrant transactions described above); to fund the repurchases of up to $100 million of ON Semiconductor’s common stock, of which approximately $70 million has been purchased from purchasers of notes in the offering in privately negotiated transactions effected through one or more of the initial purchasers or its affiliates conducted concurrently with the pricing of the notes, and the balance of which is expected to be purchased in the open market after the pricing of the notes, to repay $350 million of borrowings outstanding under its revolving credit facility and for general corporate purposes, including additional share repurchases and potential acquisitions.The purchase price per share of ON Semiconductor’s common stock in repurchases conducted concurrently with the pricing of the notes was equal to the last reported sale price of $12.98 per share of ON Semiconductor’s common stock on the NASDAQ Global Select Market on June 2, 2015. Any share repurchases conducted concurrently with the pricing of the notes or afterwards could increase, or prevent a decrease in, the market price of ON Semiconductor’s common stock or the notes, which could result in a higher effective conversion price for the notes, affect the ability of the holders to convert the notes and, to the extent such repurchase occurs during any observation period related to a conversion of the notes, affect the amount and value of the consideration that holders will receive upon conversion of the notes.
ON Semiconductor (Nasdaq: ON) is driving energy efficient innovations, empowering customers to reduce global energy use. The company is a leading supplier of semiconductor-based solutions, offering a comprehensive portfolio of energy efficient power and signal management, logic, standard and custom devices. The company’s products help engineers solve their unique design challenges in automotive, communications, computing, consumer, industrial, medical and military/aerospace applications. ON Semiconductor operates a responsive, reliable, world-class supply chain and quality program, and a network of manufacturing facilities, sales offices and design centers in key markets throughout North America, Europe, and the Asia Pacific regions.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Centrali carbone: Nuovi standard emissioni

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 maggio 2015

I nuovi standard di emissione che l’Unione Europea sta considerando di adottare per le centrali a carbone sono estremamente deboli e potrebbero tradursi in un costo sanitario di 71 mila morti aggiuntive per inquinamento. Morti dovute all’aumento del rischio di insorgenza di patologie cardiache, infarto, asma e altre malattie connesse all’esposizione agli inquinanti generati dalla combustione del carbone. È questo il dato principale che emerge dal rapporto “Health and economic implications of alternative emission limits for coal-fired power plants in the EU”, commissionato da Greenpeace e dall’European Environmental Bureau.
centrale-a-carboneSecondo il report, i costi sanitari e la perdita di 23 milioni di giorni di lavoro – dato connesso all’insorgenza di queste patologie – si tradurrebbero inoltre per i contribuenti europei in un aggravio di 52 miliardi di euro tra il 2020 e il 2029.L’Unione Europea è attualmente impegnata ad aggiornare i suoi standard di emissione per i grandi siti industriali, tra cui le centrali termoelettriche a carbone e lignite. I nuovi standard dovrebbero essere in linea con le migliori tecnologie di abbattimento degli inquinanti disponibili: ma i limiti in discussione sono ben più deboli degli standard già previsti per centrali attualmente operative nella stessa Europa, in Cina e negli Stati Uniti.«Il costo sanitario, ambientale ed economico della soggezione dell’UE all’industria del carbone rischia di essere enorme e insostenibile», dichiara Andrea Boraschi, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace Italia. «Quelli che pagheranno un prezzo maggiore, purtroppo, sono i bambini, che più facilmente potranno sviluppare asma, tumore al polmone, problemi cardiaci. Non esistono scusanti per i politici dell’UE che si rifiutano di applicare tecnologie esistenti che possono salvare migliaia di vite. Il carbone causa danni irreparabili ed è tempo per l’Unione di definire i tempi per il superamento di questa fonte energetica», conclude Boraschi.Lo studio commissionato da Greenpeace e dall’European Environmental Bureau utilizza dati ufficiali dell’Unione Europea per produrre una stima dell’impatto sanitario che si avrebbe con l’applicazione degli standard di emissione proposti. Gli effetti delle deboli decisioni dell’UE sono stati poi confrontati con quelli, molto inferiori, che deriverebbero dall’adozione di standard basati sulle migliori tecnologie disponibili. La differenza tra quanto è possibile fare per difendere la salute dei cittadini europei e quello che l’Unione Europea vuol permettere per tutelare gli interessi dell’industria del carbone è espressa, per l’appunto, in un numero di morti aggiuntive dovute all’inquinamento (71 mila casi) e in un aumento delle patologie e dei costi sociali (52 miliardi di euro) nel periodo 2020-2029.I nuovi standard di emissione europei saranno in vigore tra il 2020 e il 2029 e fisseranno le soglie per inquinanti quali biossidi di zolfo, ossidi di azoto, mercurio e particolato. Si tratta di composti i cui danni alla salute umana sono comprovati e documentati da un’ampia letteratura scientifica.Per mettere a punto la proposta finale relativa all’adozione dei nuovi standard di emissione, un gruppo di esperti si riunirà tra l’1 e il 9 di giugno. Per l’occasione, i rappresentanti delle industrie inquinanti si sono riservati numerosi posti al tavolo di questi negoziati, essendo stati inclusi nelle delegazioni nazionali degli Stati membri, come dimostrato da un precedente report di Greenpeace, “Smoke and Mirrors – I più grandi inquinatori d’Europa si dettano le regole”.La Commissione Europea e gli Stati membri dovrebbero votare la proposta degli esperti entro l’anno, prima che venga infine adottata ufficialmente dalla stessa Commissione.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Adozioni internazionali: costi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 dicembre 2011

Italia

Image by Y♥YNTL via Flickr

I costi che le famiglie adottive sostengono in Italia per i servizi resi dagli enti autorizzati che si occupano di seguire il percorso pre e post adozione, oggi superano i 4 mila euro. Ma gli Enti stessi, per ogni adozione, affrontano costi per circa 7.500 Euro. Questi i dati più eclatanti emersi da una ricerca realizzata dal Cergas Bocconi in collaborazione con gli Enti Autorizzati. “Questa disparità – fa notare Paola Crestani, presidente del CIAI, l’Ente che per primo ha introdotto in Italia l’adozione internazionale nel 1968 e che fa parte del Coordinamento Oltre l’Adozione- deriva principalmente dal fatto che i costi sono stati fissati nel 2003 dalla CAI, e da allora mai più aggiornati”. “E tutto ciò a fronte di adozioni -prosegue Paola Crestani- che sono sempre più complesse perché bambini che vengono segnalati sono frequentemente grandi o con problemi di salute, i cosiddetti ‘special needs’”. Adozioni come queste richiedono una maggiore professionalità da parte degli enti per dare alle famiglie il più corretto supporto non solo nella fase pre adozione ma anche e soprattutto nel post adozione. La sostenibilità economica di un ente che lavori seriamente – in Italia e all’estero- con personale qualificato, è quindi a rischio e da anni pesa negativamente sui Bilanci degli Enti che spesso evidenziano risultati in perdita. “Chi, come il CIAI- sottolinea Paola Crestani- non intende assolutamente abbassare gli standard qualitativi è costretta a chiedere grandi sacrifici ai propri operatori e a cercare forme di autosostentamento”. L’unico modo per evitare un aumento nei costi a carico delle coppie, secondo il CIAI potrebbe essere l’istituzione di un contributo pubblico diretto agli Enti. A ciò si aggiunga una drastica riduzione del numero di Enti autorizzati.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Seasonal makeovers are standard for Coke cans

Posted by fidest press agency su lunedì, 31 ottobre 2011

Macro photograph of coca-cola bubbles.

Image via Wikipedia

Surfboards and flip-flops adorned cans last summer. But, according to the company, a new can-design rollout marks the first time in the beverage giant’s history the cans will ditch their trademark red and try on a different-colored body suit — and all in the name of a great environmental cause. From November 1 through the end of February, Coca-Cola will release 1.4 billion white Coke cans in the United States and Canada, each showing polar bears against a field of white. The temporary redesign is part of a joint campaign the company is undertaking with the World Wildlife Fund to protect the Arctic habitat of its wintertime mascot, the polar bear. “We’re using one of our greatest assets — our flagship brand, Coca-Cola — to raise awareness for this important cause,” said Muhtar Kent, chairman and CEO of the Coca-Cola Company, CNNMoney reports. In addition to an initial $2 million donation to the WWF, Coke will match up to $1 million that Coke drinkers will be able to donate to the campaign via text message. The white cans’ launch will be accompanied by a marketing bonanza that includes in-store advertising, digital billboards and an Arctic-themed IMAX movie tie-in. “Through all that outreach we should be able to make it clear what we’re doing,” Coke spokesman Ben Sheidler said, the CNN story reports.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Alimentazione dei padri e dei figli

Posted by fidest press agency su sabato, 29 ottobre 2011

“Dimmi cosa mangi e ti dirò chi sei”, recita un celebre motto. Ma Melarossa.it ha pensato di riformularlo in “Dimmi cosa mangiava tuo padre e ti dirò chi sei”, almeno alla luce di un recente studio dell’università del Massachuttes Medical School, che ha evidenziato che l’alimentazione dei nostri genitori ha il potere di influenzare in modo significativo il nostro metabolismo e, quindi, la nostra predisposizione a determinate malattie. I ricercatori hanno studiato gli effetti di una dieta standard ed equilibrata e di una dieta a basso contenuto di proteine su due gruppi di topolini. L’analisi dei profili genetici della loro prole ha rivelato che i discendenti dei topi, alimentati con la dieta a basso contenuto proteico, avevano manifestato un marcato aumento dei geni responsabili della sintesi dei lipidi e del colesterolo: tutti elementi che si traducono in un più alto rischio di sviluppare patologie cardiache e che non possono essere ricondotti se non ad un’alterazione genetica trasmessa dai padri ai figli, dal momento che i piccoli non avevano trascorso neanche un minuto con i genitori. In sostanza, lo studio suggerisce che le abitudini alimentari dei genitori possano alterare in modo permanente lo sviluppo di alcuni geni che, poi, possono essere tramandati già alterati ai figli. Come affermano gli esperti di melarossa.it – sito che da quasi dieci anni fornisce diete personalizzate gratuite elaborate con la consulenza scientifica della SISA – Società Italiana di Scienza dell’Alimentazione – sapere cosa e come hanno mangiato i nostri genitori prima di darci alla luce può essere un importante alleato per capire quali sono i nostri punti deboli e imparare a proteggere meglio la nostra salute.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Parlamento europeo: diritto d’asilo

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2011

Riguardo il diritto d’Asilo il Parlamento chiede procedura unica e alti standard di protezione Gli Stati membri devono poter meglio distinguere fra i richiedenti asilo e gli altri immigrati in caso di arrivi misti, per garantire cosi una procedura più equa, accessibile e efficace, e assicurare standard comuni in tutta l’UE, secondo le nuove regole approvate mercoledì dal Parlamento. I deputati vogliono inoltre il pieno rispetto del principio del “non respingimento” e l’applicazione di nuove salvaguardie per le persone vulnerabili. Per i deputati, le decisioni di primo grado dovrebbero essere prese più rapidamente, entro sei mesi, e la qualità delle stesse dovrebbe essere migliorata grazie al rafforzamento delle garanzie procedurali per i più vulnerabili, come le vittime di tortura, stupro o altri atti gravi di violenza, minori non accompagnati e donne incinte. Per i deputati, le persone che vogliono ottenere l’asilo devono avere il permesso di soggiornare nello Stato membro per poter seguire la procedura fino alla decisone finale, anche a seguito di un ricorso, dell’autorità nazionale competente. Chiedono anche di chiarire il concetto di “paese terzo sicuro” e di preparare una lista di tali paesi, lista da adottare e aggiornare secondo la procedura legislativa ordinaria che coinvolge Parlamento e Consiglio. Durante il dibattito, la Commissaria Cecilia Malmström ha spiegato che la Commissione presenterà una nuova proposta (per cui la procedura ricomincerà da questo nuovo testo) sull’argomento nei prossimi mesi per risolvere lo stallo creatosi fra Consiglio e Parlamento. Ha poi evidenziato che si deve “essere pronti a fare dei compromessi per fari si che i due partner legislativi trovino un accordo”. Gli emendamenti adottati dal Parlamento hanno l’obiettivo di contribuire a questa nuova proposta.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il nuovo album di Lorenzo Tucci

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 marzo 2011

Proseliti e imitatori di John Coltrane, tra i più importanti innovatori del jazz degli anni sessanta, ce ne sono a volontà. Raramente però qualcuno è stato in grado di assorbire la lezione del sassofonista e riproporla in maniera così personale come invece si percepisce dall’ascolto di “Tranety”, progetto nuovo di zecca che dimostra ancora una volta l’urgenza di Lorenzo Tucci. Il batterista abruzzese continua la sua ricerca sulla possibilità espressiva offerta da un trio, anche se questa volta è di tipo standard, riunendo attorno a sé due personalità forti e di spicco nel panorama italiano: Claudio Filippini e Luca Bulgarelli. I due hanno telepatia e mestiere a sufficienza e anche più per garantirgli climi e colori perpetuamente cangianti. Inoltre il trio, una fabbrica di lucido sentimento, si muove sui principi dell’interazione totale; i ruoli sono paritetici e ciò ispira fortemente la poetica del leader.   Ancora una volta, come era stato per “DruMonk”, Tucci sente il dovere di rendere omaggio alla storia e a molti di quei protagonisti dell’epoca d’oro del jazz: questa volta il pensiero va diretto a John Coltrane. Del suo repertorio – quasi a volerne ribadire importanza del compositore e del pensatore e non solo dell’esecutore – il trio ripesca qua e là da quel multi sfaccettato mondo, riuscendo persino disegnare le rotte di tre brani originali che ben si incastrano col restante repertorio: Hope e Solstice di Tucci; la struggente Ivre a Paris, di Filippini. Il suono della batteria sembra fatto di una sostanza apollinea, specie laddove i melodismi triturati di Filippini si incontrano con le serrate pelli di Tucci, e il pianoforte dimostra la propria eccellenza come solista attraverso una tecnica vorticosa quanto disinvolta, con il contrabbasso elegantissimo nei gesti e nelle movenze. (lorenzo tucci)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Difendere interessi agricoltori europei

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 marzo 2011

I deputati europei criticano l’approccio della Commissione ai negoziati commerciali in una risoluzione preparata da Georgios Papastamkos (PPE, EL) che chiede all’Esecutivo di smettere di fare concessioni per ottenere accesso ai mercati di paesi terzi a discapito del settore agricolo. Il settore agricolo europeo garantisce, infatti, la sicurezza e la qualità alimentare, ricordano i deputati. Pertanto, essi vogliono che gli standard in materia di ambiente, benessere di animali e piante e salute, che devono essere rispettati dai produttori europei, siano applicati anche ai beni importati per garantire la sicurezza del consumatore e una giusta competizione commerciale.  Il Parlamento chiede anche di essere regolarmente informato sull’andamento dei negoziati, non come successo per i negoziati con Canada e Ucraina, iniziati nel 2009 e sui quali i deputati sono tutt’ora all’oscuro. Un'”offerta molto generosa” sull’agricoltura è stata fatta dall’UE nel quadro dell’Agenda di Doha per lo sviluppo (ADS) senza però ottenere equivalenti concessioni commerciali, dicono i deputati che chiedono pertanto alla Commissione di evitare di fare proposte che possano ostacolare la prossima riforma della Politica agricola comune (PAC). La Commissione dovrebbe sempre garantire “concessioni tariffarie simmetriche” quando discute accordi di libero scambio, specialmente con quei paesi con un forte settore agricolo.  I deputati criticano la Commissione per aver ripreso i negoziati con i paesi del Mercosur senza preventivamente discuterne con Consiglio e Parlamento e esprimono forte preoccupazione per gli effetti di un accordo commerciale sul settore agricolo europeo. Essi chiedono pertanto ala Commissione di proteggere gli interessi degli agricoltori europei e di presentare una valutazione d’impatto da discutere prima della conclusione dei negoziati. Anche il recente accordo UE-Marocco non risulta equilibrato ai deputati, che ritengono che mentre i mercati europei siano stati aperti completamente alle importazioni dal paese arabo, alcuni prodotti europei sono ancora soggetti a limitazioni d’importazione.  La risoluzione è stata adottata per alzata di mano.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il sangue italiano è sicuro

Posted by fidest press agency su martedì, 25 gennaio 2011

Il sangue e i suoi prodotti in Italia non hanno mai avuto livelli così elevati, in termini di qualità e sicurezza, che si attestano sui massimi standard mondiali. A sottolinearlo, in merito alle notizie diffuse da organi di informazione, sono il milione e 700 mila donatori volontari, afferenti ad AVIS, CRI, FIDAS e FRATRES; i professionisti del settore, rappresentati da SIMTI, Società Italiana di Medicina Trasfusionale ed Immunoematologia e SIDEM, Società Italiana di Emaferesi e Manipolazione Cellulare; le donatrici del sangue cordonale, ADISCO; i pazienti emofilici, FEDEMO; e i pazienti talassemici della Fondazione Italiana Leonardo Giambrone. Il sistema trasfusionale italiano si basa sulla donazione volontaria, periodica, responsabile, anonima e gratuita del sangue e dei suoi componenti e su ogni unità donata vengono effettuati gli esami previsti, secondo quanto stabilito dalla normativa europea e nazionale, nell’unitarietà del percorso trasfusionale, dalla selezione del donatore all’emovigilanza. In particolare, ad ogni donazione, viene effettuata la ricerca degli anticorpi per epatite C, HIV, sifilide e dell’antigene dell’epatite B. Inoltre, si eseguono i controlli sulle frazioni virali (con metodologia NAT) per epatite B, epatite C e HIV. Nell’anno 2010, le oltre 3.166.000 donazioni volontarie hanno assicurato gli emocomponenti labili necessari alle terapie trasfusionali (3.400.000 prodotti di globuli rossi e concentrati piastrinici) e il plasma (oltre 722.000 kg) che è stato conferito dalle Regioni all’industria, in conto lavorazione, per ottenere i farmaci emoderivati. Tutto ciò a garanzia del buon funzionamento del S.S.N. e dell’erogazione di Livelli Essenziali di Assistenza per tutti i cittadini che necessitano di terapia con emocomponenti ed emoderivati.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Sa di legno” di Prato Carnico

Posted by fidest press agency su mercoledì, 29 dicembre 2010

Il progetto realizzato a Sostasio di Prato Carnico, “La casa di legno eco-sostenibile – Sa Di Legno®”, di Samuele Giacometti ha ottenuto il certificato di catena di custodia Pefc, cioè il certificato di rintracciabilità del legname utilizzato per la propria abitazione. Questo prestigioso riconoscimento, che rappresenta il primo certificato di progetto Pefc in Italia, permette a Giacometti di dare garanzia che i 140 metri cubi di legname utilizzati per la costruzione della sua casa provengano da foreste gestite in maniera sostenibile secondo gli standard internazionali del Pefc. Lo straordinario caso della costruzione realizzata da Giacometti permette di tracciare ogni singolo elemento della casa in legno massiccio fino alle ceppaie di abete e larice abbattute nei boschi certificati Pefc dell’Amministrazione beni frazionali di Pesariis (a 11 km da dove è costruita la casa). Se per gli abitanti di Sostasio di Prato Carnico, questa situazione è evidente perché 30 persone della Val Pesarina hanno attivamente partecipato alla realizzazione del progetto (dall’assegno dei 43 alberi alla realizzazione della casa), il valore del certificato trascende i confini regionali e nazionali, perché questo è il terzo certificato di progetto a livello mondiale per lo schema Pefc. Il valore del certificato di progetto, messo a punto dal segretario generale di Pefc Italia, Antonio Brunori, in collaborazione con la vice presidente nazionale, la friulana Maria Cristina D’Orlando, è dato dall’attestazione di verità di un fatto produttivo verificata da un’organizzazione indipendente.  Il “progetto certificato Pefc” è inerente alla costruzione di una casa unifamiliare redatto secondo le procedure definite dal modulo “Sa Di Legno®” ideato da Giacometti, il cui elemento caratterizzante è dato dalla realizzazione delle strutture portanti e di parte degli elementi accessori esclusivamente in legno massiccio di origine locale ottenuto attraverso le tipiche lavorazioni che dal bosco portano all’elemento finito con l’applicazione di un sistema di monitoraggio della “filiera corta” che consente la tracciabilità della materia prima in qualsiasi fase di lavorazione. L’uso del logo Pefc è lo strumento di comunicazione per divulgare questa buona pratica e tale straordinario esempio di valorizzazione di professionalità e di legname locale proveniente da una gestione sostenibile. (Adriano Maffei).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Saitta: “A Fiat servono più risposte dal Governo”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 luglio 2010

L’esito del tavolo di oggi in Regione personalmente non mi lasciano tranquillo. Fiat ha chiesto che nei suoi stabilimenti ci si adegui agli standard internazionali con relazioni sindacali  in grado di garantire anche il rispetto degli accordi, ma si aspetta soprattutto una politica industriale  nazionale sull’auto oggi assente. Fino a quando questi temi non saranno affrontati con realismo e buon senso, non avremo certezze, soprattutto sul futuro di Mirafiori che a noi Enti locali del Piemonte interessa più di tutto”. Questo il commento del presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta che questa mattina ha partecipato al tavolo convocato a Torino sul futuro di Fiat. “Vanno bene i tavoli convocati nei singoli stabilimenti, ma il Governo deve assolutamente assumersi una responsabilità che finora è mancata”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tumori ginecologici

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 luglio 2010

“Contro il tumore dell’ovaio, così come per gli altri tumori ginecologici, è determinante intervenire con una chirurgia mirata e completa, ma in Italia sono ancora troppo pochi gli specialisti in grado di eseguire correttamente questa operazione. Investire nella formazione è una priorità – afferma il prof. Giorgio Vittori, presidente della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO), che raccoglie e rilancia il forte monito emerso a Catania nel corso del XXII Congresso Nazionale di Ginecologia Ginecologica (SIOG), presieduto dal prof. Paolo Scollo -. L’Italia si deve allineare agli standard europei, con curricula di formazione specifici per i medici e le strutture, in modo che la paziente sappia con certezza che si rivolge a un centro adeguato. Vanno ridefiniti gli standard assistenziali in ginecologia oncologica: per ora riusciamo a colmare questa lacuna grazie alla perizia dei singoli professionisti, animati soprattutto dall’interesse personale, ma è ormai indispensabile un idoneo inquadramento accademico. In caso di neoplasia dell’ovaio avanzata, ad esempio, una buona chirurgia primaria che non lasci residui tumorali permette alla chemioterapia successiva di mantenere la paziente libera dal cancro per 5 anni in circa il 50% dei casi. Le Istituzioni devono far sì che l’Italia si adegui alle eccellenze internazionali”. L’appello è lanciato con decisione dai presidenti delle più importanti Società scientifiche uniti: oltre a Vittori (SIGO) e Scollo, il prof. Massimo Franchi (presidente SIOG), la prof.ssa Nicoletta Colombo (presidente eletto ESGO), il past president dell’AOGOI prof. Carlo Sbiroli, il presidente dell’AGUI prof. Massimo Moscarini, il presidente dell’Aifa e Direttore della Clinica Ostetrico-Ginecologica dell’Università di Brescia prof. Sergio Pecorelli. La ricetta emersa dal Congresso di Catania si ispira a esperienze consolidate ed è forte dell’evidenza scientifica: “La buona formazione degli operatori ha lo stesso effetto sulla prognosi della paziente di un farmaco, è una variabile fondamentale collegata alla efficacia della cura – spiegano Scollo e Vittori -. La stessa cosa vale per le strutture: devono possedere i requisiti necessari. Quali modelli utilizzare in Italia? Ad esempio quello inglese, che prevede una periodica rivalutazione e rivalidazione per tutti i medici. In Australia e Nuova Zelanda Il Royal Australian College of Obstetricians and Gynaecologists ha intrapreso un programma di ricertificazione  con cadenza periodica triennale. Negli USA la soddisfazione del paziente e la valutazione  dei colleghi (peer review) costituiscono una fase  essenziale di questo processo. Non si può attendere oltre. Senza una diversa organizzazione e formazione – concludono gli esperti – saremo fuori dagli standard europei ed internazionali”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Agenda europea del digitale

Posted by fidest press agency su domenica, 4 luglio 2010

Roma 5 luglio, dalle 10.30 alle 17.30, presso lo Spazio Europa, via IV Novembre 149 Il convegno sarà l’occasione per divulgare ed analizzare i principali elementi dell’Agenda Europea del Digitale e per gettare le basi per una collaborazione proficua fra tutti gli attori del settore. La Commissione europea ha recentemente lanciato l’Agenda Europea del Digitale, che rappresenta la strategia per accelerare la diffusione delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) e sfruttare i vantaggi di un mercato unico del digitale per famiglie e imprese entro il 2020. La strategia prevede sette grandi linee d’azione:
realizzare il mercato unico del digitale favorendo l’accesso a servizi e contenuti online;
migliorare l’interoperabilità dell’ICT attraverso la promozione di standard;
rafforzare la sicurezza, confidenza, e privacy dei cittadini Europei nell’utilizzazione dell’ICT;
assicurare la diffusione capillare e l’accesso dei cittadini a Internet ad altissima velocità;
aumentare gli stanziamenti su ricerca e innovazione nel settore ICT;
promuovere la conoscenza dell’ICT per favorirne l’uso da parte di tutti i cittadini;
accelerare l’adozione di soluzioni intelligenti basate sull’ICT per affrontare le grandi sfide del futuro come la riduzione dei consumi energetici, l’anzianità della popolazione, il miglioramento delle condizioni di vita dei pazienti e dei disabili, ecc.
Riguardo a tali obiettivi, la Commissione europea sta organizzando incontri di consultazione in tutti gli Stati membri, per dialogare ed ascoltare i referenti dei governi nazionali, le imprese, le università, i centri di ricerca le organizzazioni del territorio. In Italia la delegazione della DG Informazione e società dell’Informazione e Media sarà guidata da Mario Campolargo, Direttore “Tecnologie Emergenti e Infrastrutture”. L’incontro si svilupperà in tre sessioni riguardanti le aree chiave dell’Agenda Europea del Digitale, durante le quali interverranno esperti del mondo istituzionale, accademico e della ricerca. Tra i relatori saranno presenti i referenti della Direzione Generale Società dell’Informazione e Media della Commissione europea, Ministero per la Pubblica amministrazione e l’innovazione, Ministero Sviluppo economico, Agcom, Confindustria, Banca d’Italia e CNR.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Per proteggere le foreste boreali

Posted by fidest press agency su giovedì, 20 maggio 2010

Toronto/Montreal, Firmato un accordo senza precedenti che renderà possibile la protezione di settantadue milioni di ettari di foresta canadese. Lo annunciano Greenpeace e ventuno aziende dell’Associazione Canadese dei Prodotti Forestali, insieme ad altre otto associazioni ambientaliste. Il Canadian Boreal Forest Agreement (CBFA), una volta messo in pratica, permetterà la conservazione di estese aree di foresta boreale, proteggerà specie minacciate d’estinzione come il caribù e garantirà alle aziende partecipanti una fetta di mercato sostenibile e competitivo. Le aziende che hanno sottoscritto l’accordo CBFA si impegnano a rispettare rigidi standard ambientali di gestione forestale di un’area grande due volte la Germania. Alcuni degli impegni più importanti previsti dall’accordo sono lo sviluppo di altissimi standard per la gestione delle aree forestali, la creazione di una rete di aree protette per il recupero del caribù e il sostegno economico e il rispetto dei diritti di proprietà delle comunità forestali (Comunità aborigene e First Nation).
In Canada, e nel resto del mondo, Greenpeace ha lavorato a stretto contatto con altre associazioni ambientaliste come Canopy e ForestEthics per mobilitare e sensibilizzare grandi aziende e multinazionali del legno e della carta.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Presentazione del progetto Change pain

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 aprile 2010

Milano, 29 aprile 2010 – Palazzo Giureconsulti, Sala Parlamentino  – ore 12.00 Presentazione del progetto Change pain. L’impegno del Parlamento per garantire l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore costituisce un importante passo avanti del nostro Paese. In parallelo si assiste ad un intenso impegno della comunità medico-scientifica per adeguare il trattamento del dolore agli standard europei e raggiungere quell’appropriatezza ancora lontana. La legge 38/2010, in vigore dal 3 aprile, vede le istituzioni impegnate ad operare affinchè, a tutti i livelli, tabù e pregiudizi possano essere superati. Promossa da EFIC l’associazione scientifica europea contro il dolore (Europe Against Pain), FederDolore, SIMG e Grünenthal ti invitiamo alla conferenza la stampa di presentazione di CHANGE PAIN, un progetto di informazione, formazione rivolto a medici e cittadini  per favorire un cambiamento culturale sempre più necessario. Ne parlano:• Prof Guido Fanelli, Coordinatore della Commissione Dolore del Ministero della Salute • Prof. Giustino Varrassi, Presidente EFIC – Europe Against Pain • Prof. William Raffaeli, Presidente FederDolore •  Dr.Pierangelo Lora Aprile, Responsabile area Dolore di SIMG-Società Italiana di  Medicina Generale •  Dr. Thilo Stadler, Amministratore Delegato Grünenthal •  Dr. Andrea Galanti, Direttore Medico Grünenthal. L’incontro sarà moderato da Alessandro Cecchi Paone.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Doppio concerto al Ridotto dello Spasimo

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 aprile 2010

Palermo venerdì 23 e sabato 24 aprile alle 21.30 doppio concerto al Ridotto dello Spasimo.  dedicato a nuove composizioni originali e a standard rivisitati, con nuove orchestrazioni e brani tratti dal vasto archivio storico dell’orchestra, tra i quali A Night In Tunisia, I Remember Clifford, Solitude, Stolen Moments. La prestigiosa Orchestra Jazz Siciliana, prima e unica orchestra permanente di jazz a partecipazione pubblica in Italia. Per l’occasione l’Orchestra, vedrà Vito Giordano, trombettista e compositore, nelle vesti di direttore. L’Organico previsto per i due concerti è il seguente: Silvio Barbara (t), Domenico Riina (t), Giovanni Calderone (t), Pietro Pedone (t), Salvatore Pizzurro (tb), Salvatore Pizzo (tb), Pietro Cracchiolo (tb), Valerio Barrale (tb), Orazio Maugeri (as), Agostino Cirrito (as), Francesco Marchese (ts), Gaspare Palazzolo (ts), Antonino Pedone (bs), Sergio Munafò (g), Riccardo Randisi (p), Giuseppe Costa (b), Giampaolo Terranova (d), Carmen Avellone (v).  Il biglietto d’ingresso costa 6 euro, inclusa una consumazione non alcolica. I biglietti sono acquistabili dalle ore 15.00 presso la sede della Fondazione in via dello Spasimo e presso il botteghino (la sera dei concerti) dalle ore 20.30.
L’Orchestra Jazz Siciliana ha svolto un’intensa e continuativa attività concertistica sotto la guida di alcuni dei più prestigiosi direttori d’orchestra dei  mondo. Nel 1990 l’O.J.S. è stata il cardine della «Rassegna Internazionale della Soul Music» di Palermo e nel 1991 ha eseguito, in prima europea, «Epitaph» di Charles Mingus, sotto la direzione di Gunther Schuller. Mentre, per l’esecuzione di pagine del repertorio contemporaneo, l’O.J.S ha partecipato nel ‘94 alla rassegna Suoni del Novecento promossa dall’E. A. Teatro Massimo di Palermo e nello stesso anno, diretto da Clark Terry, l’ensemble ha inaugurato la Stagione Concertistica Estiva  con un concerto dedicato a Duke Ellington nel ventennale della scomparsa. Nel febbraio 1996, su invito della Società Italiana per lo Studio della Musica Afroamericana, l’OJS ha inaugurato la rassegna “La Musica Colta Afroamericana”, con la prima esecuzione mondiale dal vivo della trascrizione della suite «Porgy And Bess» di George Gershwin, orchestrata da Gil Evans, nuovamente diretta da Gunther Schuller, solista Paolo Fresu.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Otiti, poco chiari i vantaggi dello zinco

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 febbraio 2010

In letteratura, esistono evidenze controverse riguardanti i benefici di supplementazioni dietetiche di zinco sulla riduzione dell’incidenza di otite media in bambini in buone condizioni di salute. È quanto sottolineano gli autori di una Cochrane review che hanno voluto verificare gli effetti protettivi, nei confronti delle infiammazioni all’orecchio medio nei più piccoli, di questo micronutriente per il quale è stato dimostrato un ruolo importante nel potenziamento della funzionalità del sistema immunitario e nella resistenza alle infezioni. Dieci i trial selezionati dall’ Acute respiratory infection groups’ specialised register, da Medline (1950-2009) ed Embase (1974-2009), in cui i bambini sono stati randomizzati a una dieta arricchita con zinco oppure a una standard, una volta la settimana per almeno un mese. In breve, solo un’indagine riguardante oltre 1.600 bimbi ha evidenziato una minore incidenza di otiti in chi ha assunto lo zinco rispetto a partecipanti che hanno seguito una dieta che ne era priva (rate ratio 0,69). Gli autori hanno, però, osservato vantaggi significativi in un trial che ha preso in considerazione bambini seriamente malnutriti (L.A.).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »