Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n°159

Posts Tagged ‘status’

LP3 Network Announces Its New Status as a Provider of Continuing Medical Education

Posted by fidest press agency su domenica, 16 dicembre 2018

As an innovative leader in the personalized medicine industry, LP3 Network announced today that beginning in 2019, the company will be a provider of continuing medical education (CME).LP3 Network’s CME-accredited activities have been planned and implemented in accordance with the accreditation requirements and policies of the Accreditation Council for Continuing Medical Education (ACCME) through the joint providership of the Foundation for Care Management (FCM) and LP3 Network. FCM is accredited by the ACCME to provide continuing medical education for physicians.
As a fundamental extension of the triad relationship (physician, pharmacist, patient), LP3 Network strives to empower the healthcare community by raising the standards of healthcare through quality education and training. LP3 Network’s innovative continuing education programs are revitalizing personalized medicine practices and pharmaceutical compounding businesses.“As a first-class provider of continuing education, we are extremely pleased to attain this prestigious accreditation status. This achievement is an attestation of LP3 Network’s long-term commitment to providing the most current, scientifically sound, and evidence-based education to healthcare providers across multiple disciplines,” said Maurizio De Stefano, LP3 Network General Manager.With patient-centric medicine at the heart of its educational mission, LP3 Network recognizes the fundamental importance of working together with fellow healthcare providers to optimize patient outcomes. Through clinical data and peer-reviewed research, LP3 Network’s programs provide practitioners with the evidence-based approaches needed to manage complex hormone and pain conditions. The program facilitators and leading subject-matter experts who reinforce this evidence through their wealth of knowledge and experience, further distinguish the excellence in quality provided by LP3 Network’s platform of continuing education offerings.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lenovo Attains Status as Largest Global Provider of TOP500 Supercomputers

Posted by fidest press agency su martedì, 26 giugno 2018

At the International Supercomputing Conference (ISC) in Frankfurt, Lenovo Data Center Group (HKSE: 992) (ADR: LNVGY) continued its global momentum, becoming the world’s largest TOP500 supercomputing provider measured by the number of systems ranked on the TOP500 list. 117 of the 500 most powerful supercomputers included in the TOP500 are Lenovo installations, meaning nearly one out of every four systems (23.4 percent) on the prestigious list is a Lenovo solution.“Last year, we set a goal to become the world’s largest provider of TOP500 computing systems by 2020. We have reached that goal two years ahead of our original plan,” said Kirk Skaugen, President of Lenovo Data Center Group. “This distinction is a testament to our commitment to prioritize customer satisfaction, deliver cutting edge innovation and performance and be the world’s most trusted data center partner. We are motivated every day by the scientists and their groundbreaking research as we work together to solve humanity’s greatest challenges.Lenovo’s high performance computing customer base is as diverse as it is wide, with 17 of the top 25 research universities and institutions across the globe now powering their research with Lenovo’s comprehensive HPC and AI solutions. Lenovo, with dual headquarters in Morrisville, NC, USA and Beijing, China, enables ground breaking research in over 160 countries in the world and in many fields including cancer and brain research, astrophysics, climate science, chemistry, biology, artificial intelligence, automotive and aeronautics, to name a few.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Formalizzato il nuovo status di osservatore dell’OIM della Comunità di Sant’Egidio

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 dicembre 2016

ginevraSi è aperto a Ginevra il 107° Consiglio dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, durante il quale è stato formalizzato il nuovo status di osservatore dell’OIM della Comunità di Sant’Egidio.Il Consiglio, il primo da quando l’OIM è entrata a far parte del sistema Nazioni Unite, è stato organizzato in occasione del 65mo anno della fondazione dell’Organizzazione e ha sancito un ulteriore aumento degli stati membri – ora diventati 166 – e dei membri osservatori.Il nuovo status della Comunità di Sant’Egidio in seno al consiglio OIM è stato accompagnato dalla redazione di un Memorandum di intesa, che sarà firmato oggi a Ginevra dal Direttore Generale dell’OIM, William Lacy Swing, e dal Segretario Generale della Comunità di Sant’Egidio, Cesare Giacomo Zucconi. “Dopo anni di collaborazione con la Comunità di Sant’Egidio, siamo lieti che la collaborazione tra l’OIM e la Comunità possa entrare in una nuova fase”, ha commentato Federico Soda, Direttore dell’Ufficio di Coordinamento dell’OIM per il Mediterraneo.“Il Memorandum di intesa definisce alcune importanti aree di cooperazione tra le due organizzazioni, con una particolare attenzione alla promozione di canali legali di entrata per migranti e rifugiati – tra cui un rafforzamento dello strumento del ricongiungimento familiare – e sottolinea la necessità dell’apertura di corridoi umanitari per migranti che si trovano in situazioni di emergenza. Il documento mette anche in rilievo l’importanza di avviare collaborazioni e sinergie nei paesi di origine di migranti e rifugiati” “Essere riconosciuti come osservatori permanenti presso il Consiglio dell’OIM ci onora e ci spinge a un maggior impegno”, afferma Mauro Garofalo, responsabile delle relazioni internazionali della Comunità di Sant’Egidio. “Di fronte alla sfida globale posta da migranti e rifugiati c’è bisogno di collaborazione tra organismi internazionali, Stati e società civile. È quanto dimostra il progetto pilota dei corridoi umanitari, nato da una positiva sinergia tra la società civile e le istituzioni italiane e ora allo studio di altri Paesi europei”.
A partire da dicembre 2015, la Comunità di Sant’Egidio ha avviato grazie ad un accordo con lo Stato italiano un progetto pilota sull’apertura di corridoi umanitari rivolto a persone in condizioni di vulnerabilità, come donne sole con bambini, anziani, soggetti affetti da disabilità o serie patologie, per il trasferimento in modo sicuro in Italia, dove presentano richiesta di asilo. I corridoi umanitari prevedono l’arrivo, nell’arco di due anni, di mille profughi per lo più dal Libano, in gran parte siriani fuggiti dalla guerra. Finora ne sono già arrivati 500 e altrettanti giungeranno entro il 2017.
L’OIM – tre le numerose attività svolte in Italia – è attualmente impegnata nel programma di Reinsediamento (Resettlement) di migranti siriani in Italia e in quello di Ricollocazione (Relocation) verso gli stati membri dell’Unione Europa e svolge da oltre 10 anni attività di assistenza per migranti presso i principali punti di sbarco in Sicilia, Puglia e Calabria. Gli uffici OIM del mondo sono costantemente impegnati in programmi di supporto ai migranti vittime di crisi umanitarie. Tra questi, particolare rilevanza rivestono le attività di sostegno ai migranti che passano presso i centri di transito di Agadez e Niamey, direttamente gestiti dalla missione dell’OIM in Niger.
“La firma del Memorandum d’Intesa con la Comunità di Sant’Egidio”, conclude Federico Soda, “si inserisce nel quadro di una politica di collaborazioni umanitarie già consolidata in seno alla nostra organizzazione e ci auguriamo che possa avviare nuove iniziative in grado di offrire sostegno e assistenza a sempre più migranti e rifugiati”.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mass surveillance: EU citizens’ rights still in danger, says Parliament

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 ottobre 2015

European UnionToo little has been done to safeguard citizens’ fundamental rights following revelations of electronic mass surveillance, say MEPs in a resolution voted on Thursday. They urge the Commission to ensure that all data transfers to the US are subject to an effective level of protection and ask EU member states to grant protection to Edward Snowden, as a “human rights defender”. Parliament also raises concerns about surveillance laws in several EU countries.This resolution, approved by 342 votes to 274, with 29 abstentions, takes stock of the (lack of) action taken by the European Commission, other EU institutions and member states on the recommendations set out by Parliament in its resolution of 12 March 2014 on the electronic mass surveillance of EU citizens, drawn up in the wake of Edward Snowden’s revelations.
By 285 votes to 281, MEPs decided to call on the EU member states to “drop any criminal charges against Edward Snowden, grant him protection and consequently prevent extradition or rendition by third parties, in recognition of his status as whistleblower and international human rights defender”.
MEPs welcome the 6 October ruling by the EU Court of Justice (ECJ) in the Schrems case, which invalidated the Commission’s decision on the Safe Harbour scheme for data transfers to the US. “This ruling has confirmed the long-standing position of Parliament regarding the lack of an adequate level of protection under this instrument”, they say. Parliament calls on the Commission to “immediately take the necessary measures to ensure that all personal data transferred to the US are subject to an effective level of protection that is essentially equivalent to that guaranteed in the EU”. It invites the Commission to reflect immediately on alternatives to Safe Harbour and on the “impact of the judgment on any other instruments for the transfer of personal data to the US, and to report on the matter by the end of 2015”. The resolution also reiterates the call for the suspension of the Terrorist Finance Tracking Programme (TFTP) agreement with the US.In general, MEPs consider the Commission’s response so far to Parliament’s 2014 resolution “highly inadequate” given the extent of the revelations of mass surveillance. “EU citizens’ fundamental rights remain in danger” and “too little has been done to ensure their full protection,” they say.Parliament is concerned about “recent laws in some member states that extend surveillance capabilities of intelligence bodies”, including in France, the UK and the Netherlands. It is also worried by revelations of mass surveillance of telecommunications and internet traffic inside the EU by the German foreign intelligence agency BND in cooperation with the US National Security Agency (NSA).The resolution also calls for an EU strategy for greater IT independence and online privacy, and stresses the need to ensure meaningful democratic oversight of intelligence activities and to rebuild trust with the US.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

In Friuli un convegno sul nuovo status del farmacista

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 aprile 2012

Avviare una riflessione sullo stato della farmacia nel contesto di un quadro normativo in continua evoluzione e trovare un punto di equilibrio tra servizio al cittadino e impresa etica. Questo sarà al centro del convegno “La farmacia in Italia oggi: tradizione e prospettive”, organizzato a Codroipo (Ud) dal Conasfa e dalle associazioni farmacisti non titolari della provincia di Pordenone e di Udine, con il patrocinio dell’Ordine regionale. Il convegno si propone di indagare la status e l’essenza della farmacia alla luce delle modifiche al sistema della distribuzione, dovute alle ultime modifiche normative, ma anche del concetto della farmacia dei servizi. In particolare, la discussione sarà diretta a capire come sia possibile raccordare le nuove esigenze del Ssn, sempre più alle prese con tagli ai finanziamenti e contemporaneamente con diversi bisogni di salute, e dare una risposta efficiente al territorio. Un aiuto alla discussione arriva anche dal quadro sulla situazione al di fuori dei confini nazionali, con uno sguardo alle realtà europee. Parte importante della discussione andrà poi all’ordinamento didattico e alle possibilità formative per la figura del farmacista che è chiamato a esercitare un ruolo sempre più centrale.(fonte farmacista33)

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Reato di povertà

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 aprile 2010

Editoriale Fidest Rosario Amico Roxas sempre attento agli eventi del nostro tempo ci segnala l’iniziativa di un sindaco leghista che sembra voglia proporre il “reato di povertà”. Non dovremmo stupirci più di tanto considerato che nel nostro paese stiamo passando alla storia non tanto come patria del diritto ma per quella dei “dritti”. Non possiamo, comunque, sottacerne la notizia. E qui dovremmo fermarci per lasciare ai lettori di valutare la portata di questa “trovata”. Ma l’argomento ci stimola a tal punto che non possiamo limitarci all’annuncio. Esiste, non possiamo negarlo, un lato egoistico di chi orbita in un ceto sociale che lo pone al riparo dalla povertà e parte dal presupposto che gli “altri” possono in qualche modo insidiare il suo status. E se ciò dovesse accadere, anche solo come una mera possibilità, allora scatta l’istinto conservatore volto ad individuare la potenziale minaccia e a tentare di neutralizzarla. In questo caso i naturali destinatari sono i poveri, i disoccupati, gli emarginati e tra questi molti immigrati, gli anziani bisognosi di assistenza e le famiglie monoreddito. Costoro diventano i naturali fruitori della “mano pubblica” in tema di assistenza per sollevarli dal disagio e che taluni chiamano “solidarietà” o se vogliamo equa ridistribuzione delle risorse. Tutto questo ha, ovviamente, un costo e che occorre trovare nei bilanci, già magri, delle amministrazioni locali, ma così facendo occorre una più incisiva politica nel sociale. Un fine nobile ma poco “lucroso” in termini di ritorni elettorali. Che si fa allora? Si esporta l’egoismo privato facendolo diventare pubblico e negando, di conseguenza, il diritto di accesso al bene comune privandolo della sua veste pubblica: Se siete poveri arrangiatevi. Sono affari vostri non nostri. E pare, visto il consenso elettorale dei leghisti, che questa opzione faccia maggioranza nel paese dei dritti. Se questo mi da tanto ci rimane l’amaro in bocca. Il diaframma che ci separa dai “valori negativi” diventa sempre più sottile e ci fa temere un imbarbarimento della vita politica e sociale che pensavamo d’aver scongiurato negli anni passati. Ma c’è già chi come Rosario ci dice che questa soglia l’abbiamo già attraversata e ciò non ci spinge verso la rassegnazione ma ci fa infuriare perché sono ancora tanti quelli che non hanno la consapevolezza del danno che ci stiamo arrecando e dell’esempio che stiamo lasciando alle generazioni future non garantendo loro più un futuro nel rispetto dei valori fondanti di una comunità civile e progredita. Sono troppi quelli che vogliono vivere nel presente e pensano che il futuro non li riguardi. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Editoriali/Editorials | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

Class action. La solita manfrina

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 agosto 2009

La class action e’ proprio una presa in giro. Non di per se’, ovviamente, ma nella versione edulcorata che Governo e Parlamento le stanno dando prima dell’ipotetica entrata in vigore. Doveva essere attiva -in una versione a nostro avviso orribile (1)- gia’ a gennaio 2008, ma fu rinviata al 29 giugno del medesimo anno; poi al 1 gennaio 2009; poi al 30 giugno 2009 e infine (??) al 1 gennaio 2010 ma, cosi’ c’era scritto, potendola utilizzare per i reati commessi a partire dal 1 luglio 2009. Un po’ di certezza del diritto? Non scherziamo, per favore, siamo nel Paese di Pulcinella, dove la Giustizia e’ uno dei simboli dello stato dei fatti e uno “status symbol”di chiunque ci governi e faccia le leggi. Ecco quindi che nel DL Sviluppo pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.136 dello scorso 31 luglio viene con forza ribadita questa peculiarita’ del nostro sistema/regime: l’azione giudiziaria collettiva non potra’ piu’ essere utilizzata per i reati commessi a partire dal 1 luglio ma solo per quelli a partire dal 15 agosto!! Sara’ perche’ in questo mese e mezzo di differenza sono stati commessi alcuni reati che potrebbero essere oggetto di causa collettiva chiamando a risponderne alcuni dei “gioielli” del nostro sistema economico come, per esempio, Alitalia e i suoi ritardi o gli intasamenti delle autostrade nuove di zecca del nord-est?
E siamo maligni se crediamo che nuovi rinvii potrebbero essere approvati se nuove dimostrazioni dell’efficienza economica del nostro sistema dovessero manifestarsi? Domande pleonastiche!! Nel frattempo, siccome lo sport di parlare senza cognizione di causa e per creare polveroni e’ molto diffuso, e sono in diversi che preannunciano class action contro operatori turistici e vettori aerei che hanno lasciato a terra migliaia di persone… non facciamoci infinocchiare e non perdiamo tempo: che senso avrebbe fare una class action contro chi e’ fallito? Dove dovrebbe prendere i soldi per risarcire i malcapitati? Avrebbe senso, invece, promuovere azioni collettive contro le banche che ci hanno rubato milioni di euro con i prodotti del cosiddetto risparmio gestito (tanto le banche in Italia non falliscono mai), contro l’Alitalia di cui sopra e contro i ladri di Stato che ci massacrano tutti i giorni, ma…. tranquilli: per i cosiddetti privati ci sono le proroghe come quella di ora, per il pubblico le norme approvate e quelle che dovrebbero in qualche modo essere messe a posto entro gennaio 2010 non saranno applicabili. Mettiamoci l’anima in pace e dimentichiamoci la class action. Continuiamo la nostra opera di sostengo e informazione con gli attuali sgangherati strumenti che la Giustizia ci mette a disposizione… quando non è in vacanza come dallo scorso 1 agosto fino al 15 settembre prossimo (sospensione feriale dei termini)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Italiani in Crimea

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 maggio 2009

E’ stata presentata un’interrogazione a prima firma di Aldo Di Biagio, Responsabile del settore Italiani nel Mondo del PdL, e sottoscritta dai deputati del PdL eletti all’estero nella quale si chiede al ministro degli esteri “se ritenga opportuno, d’intesa con le autorità ucraine, agevolare gli italiani residenti in Crimea e i loro discendenti, che tuttora si proclamano Italiani, nella ripresa dei rapporti culturali con l’Italia, intervenendo presso il Governo ucraino perché venga riconosciuto finalmente anche a loro lo status di popolo deportato, e conferendo nuovamente a loro e ai loro discendenti, che ne facciano richiesta, con apposita disposizione, la cittadinanza italiana loro tolta con la violenza e la distruzione di ogni documento personale. E se ritenga opportuno interessare le nostre Rappresentanze diplomatiche in Russia e Uzbekistan di occuparsi finalmente dell’argomento e prendere fattivo contatto con i dispersi e loro discendenti rimasti in detti Stati, che in anni passati inutilmente hanno cercato rapporti con le nostre Ambasciate”. “Dato che – si legge nel testo dell’interrogazione – in Crimea vivono alcune centinaia di oriundi Italiani rientrati alcuni anni fa dal Kazakistan dove furono deportati in epoca staliniana, e questi discendono da un flusso migratorio di varie migliaia di persone che si trasferirono in Crimea nella seconda metà dell’Ottocento, per svolgere attività agricole e per lavorare nelle attività marittime e raggiungendo una buona condizione sociale. Questi cominciarono ad essere perseguitati con l’avvento del comunismo perché Italiani in possesso ancora di passaporto italiano e in contatto col nostro consolato di Odessa, e quindi molti scomparvero nelle purghe staliniane e furono privati delle proprietà agricole che vennero nazionalizzate”. “Dopo il 1939 nessuno poté rientrare in Italia – precisa il testo – essendo proibito e comunque nell’impossibilità di farlo illegalmente perché privi ormai di ogni mezzo economico per farlo. Nel gennaio 1942, in piena Seconda guerra mondiale, tutti i rimasti, circa 2000 persone, vennero deportati in Kazakistan con l’accusa di popolo traditore in quanto Italiani e circa due terzi  morirono nel tragitto effettuato in carri piombati, per fame e malattie oppure nei luoghi di destinazione per il freddo e i maltrattamenti. Quasi tutti i bambini morirono. Al momento della deportazione vennero privati dalle autorità sovietiche di tutti i documenti, compresi i passaporti, e mai più restituiti perché distrutti assieme ad ogni documentazione personale, sostituita con l’attestazione di deportato o altra infamante”. “Malgrado le numerose richieste, il Governo ucraino non ha ancora riconosciuto loro lo status di popolo deportato – conclude l’interrogazione – che oltre a costituire un riconoscimento morale, conferisce alcune agevolazioni. Riconoscimento concesso dal Governo ucraino ai Tartari, ai Tedeschi, ai Greci, e ad altre popolazioni deportate dalla Crimea su interessamento dei vari Stati di origine”.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »