Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘stradale’

Riforma del pedaggio stradale: garantire trasporto più pulito e equità

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 ottobre 2018

Bruxelles. Il progetto di direttiva approvato giovedì stabilisce che i Paesi dell’UE che impongono una tariffazione stradale basata sul tempo dovranno passare a quella basata sulla distanza.
Le nuove norme, se approvate in via definitiva, si applicheranno ai camion e agli autobus a partire dal 2023 e ai furgoni a partire dal 2027.La legislazione mira a contribuire al conseguimento degli obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2 dell’UE nel settore dei trasporti e a rendere più equi i diritti di utenza stradale.Queste norme regolerebbero gli oneri che gli Stati membri dell’UE già impongono o stanno per introdurre sulle strade della rete stradale transeuropea dei trasporti.Per garantire che i veicoli siano tassati in funzione dell’uso effettivo della strada e dell’inquinamento da essi generato, il pedaggio autostradale imposto dagli Stati membri basato sulla distanza dovrà essere introdotto dal 2023 per i veicoli pesanti e i furgoni destinati al trasporto di merci di maggiori dimensioni (oltre 2,4 tonnellate) e dal 2027 per veicoli commerciali leggeri, ossia furgoni e minibus.Per incoraggiare un maggiore uso di veicoli a basse o zero emissioni, i Paesi dell’UE dovrebbero inoltre fissare tariffe stradali diverse in base alla quantità di CO2 emessa e alla categoria del veicolo.A partire dal 2021, se uno Stato membro applica un pedaggio per l’uso della strada ai veicoli pesanti e ai grandi furgoni per il trasporto merci, l’ammontare dello stesso dovrebbe prendere in considerazione anche gli “oneri per i costi esterni” – cioè per l’inquinamento atmosferico o acustico dovuto al traffico. A partire dal 2026, se un pedaggio per i costi esterni viene applicato a un qualsiasi tratto di strada, questo dovrebbe essere applicato anche alle altre categorie di veicoli.
Per eliminare le esenzioni consentite dalle norme attuali, il pedaggio stradale negli Stati membri dovrebbe applicarsi a tutti i veicoli pesanti e ai grandi furgoni merci, sempre più utilizzati per le operazioni di trasporto merci, a partire dal 2020. Le norme attuali consentono di esentare i veicoli di peso inferiore a 12 tonnellate e autobus e pullman.
Le nuove norme consentirebbero ai paesi di fissare sconti, ad esempio per gli utenti abituali di veicoli leggeri in zone non densamente popolate e nelle periferie delle città.
Per garantire che gli utenti occasionali e i conducenti di altri Paesi UE siano trattati equamente, il progetto di legislazione stabilisce anche dei limiti di prezzo per i bolli a breve termine che possono essere imposti ai conducenti di automobili. Infine, i deputati hanno convenuto che dovrebbero essere disponibili anche bolli per periodi brevi, come un giorno o una settimana.La relazione è stata approvata con 398 voti favorevoli, 179 contrari e 32 astensioni. Il Parlamento avvierà i negoziati con il Consiglio non appena i ministri dell’UE avranno stabilito la propria posizione.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Europa in stallo sulla sicurezza stradale

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 giugno 2018

Non si ferma la strage che conta ogni settimana 500 morti sulle strade europee: negli ultimi quattro anni non si registrano miglioramenti per la sicurezza stradale e per la prima volta l’ETSC – Consiglio Europeo per la Sicurezza Stradale non assegnerà ad alcun Paese il premio annuale per i progressi verso una mobilità responsabile. Nel 2017 si contano in Europa 25.250 vittime per incidenti, con una riduzione di appena il 2% rispetto all’anno precedente: per raggiungere l’obiettivo comunitario di dimezzamento del numero dei morti nel 2020 rispetto al 2010, sarebbe stato invece necessario un calo medio del 6,7% di decessi sulle strade ogni anno. I dati sono contenuti nel Rapporto presentato oggi da ETSC e diffuso nel nostro Paese dall’ACI, membro del Consiglio Europeo per la Sicurezza Stradale. L’Italia non brilla nell’Unione Europea, segnando addirittura un aumento delle vittime dell’1,6% nell’ultimo anno. “Con il Governo finalmente insediato – dichiara Angelo Sticchi Damiani, presidente dell’Automobile Club d’Italia – va rafforzato l’impegno di tutti verso la sicurezza stradale: il nuovo Codice della Strada che sarà presto nell’agenda parlamentare può rappresentare il punto di svolta per una mobilità più responsabile ed efficiente, in linea con le disposizioni annunciate dalla Commissione Europea sui veicoli e sulle infrastrutture”.“Se due aerei passeggeri cadessero ogni settimana in Europa – afferma Antonio Avenoso, direttore esecutivo ETSC – la risposta pubblica ed istituzionale sarebbe immediata. Di fronte a 500 morti sulle strade ogni sette giorni, i governi devono aumentare i propri sforzi per migliorare in mesi, non in anni, la sicurezza della circolazione. Servono misure urgenti per arginare le principali cause di morte e lesioni gravi, a cominciare dall’eccesso di velocità, la guida in stato di ebbrezza, la distrazione e il mancato uso delle cinture di sicurezza”.Il Report completo è pubblicato su http://www.etsc.eu/pin12

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tra Brescia e Trieste sette morti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 gennaio 2018

autostrade“Dopo i 5 morti della notte di San Silvestro, oggi altre 7 vittime. Alle famiglie va il nostro cordoglio, ma non possiamo limitarci a questo, dobbiamo reagire e sollecitare politica ed istituzioni ad intervenire”. Lo afferma Carmelo Lentino, portavoce di BastaUnAttimo, la campagna nazionale sulla sicurezza stradale e contro le stragi del sabato sera, promossa anche da AssoGiovani e Forum Nazionale dei Giovani.“Rinnovo quindi il mio appello – prosegue il Portavoce di BastaUnAttimo -. Non fate finta di niente, mettete in campo tutti gli strumenti per risolvere definitivamente il problema, che è principalmente culturale”.“Come ho già detto, servono maggiori sinergie tra le Istituzioni, un maggiore coordinamento, serve intervenire nella formazione – aggiunge Lentino – portando i giovani ad una maggiore consapevolezza dei pericoli che la strada può riservare. Giovani che continuano a rappresentare la fascia più colpita”.“Per noi – prosegue – formazione, controllo e coordinamento devono essere le parole chiave del 2018 – conclude il Portavoce di BastaUnAttimo – dove per formazione si intende l’introduzione di corsi di educazione stradale già nei primi anni dell’istruzione obbligatoria, per controllo si intende una maggiore percezione della presenza delle forze dell’ordine ed un maggiore pattugliamento stradale (non sono sufficienti solo tutor ed autovelox) e per coordinamento si intende l’introduzione dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Stradale”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma: manutenzione stradale

Posted by fidest press agency su martedì, 29 agosto 2017

strade e bucheProseguono senza sosta gli interventi di pulizia di caditoie e bocche di lupo pianificati dal Comune di Roma, per prevenire occlusioni e allagamenti in vista delle piogge autunnali.Già programmate nell’ambito della manutenzione ordinaria della grande viabilità cittadina, le attività in questione sono state tuttavia anticipate e intensificate.“Questa prima fase di interventi – avviata nel mese di giugno e programmata fino a settembre – si è focalizzata sulle aree di maggior criticità, individuate su tutto il territorio cittadino di concerto con AMA e Protezione Civile a seguito di specifiche ricognizioni, per rafforzare la tenuta del sistema di smaltimento delle acque meteoriche” dichiara l’assessora ai Lavori Pubblici Margherita Gatta. Le arterie coinvolte, oltre 100, sono quelle che hanno evidenziato livelli di rischio allagamento più elevati: dal Lungotevere a via Tiburtina, via Monti Tiburtini, via Cipro, viale Palmiro Togliatti e via Casilina, fino alle diverse sedi tranviarie.
Per consentire una rapida esecuzione dei lavori, potrebbero rendersi necessari eventuali divieti di sosta temporanei, comunicati 48 ore prima alla cittadinanza tramite appositi cartelli sul posto.

Posted in Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Viabilità a Roma: Preferenziale via Portonaccio

Posted by fidest press agency su domenica, 16 luglio 2017

vigili-urbaniRoma “Da maggio nella nuova corsia preferenziale tra via di Portonaccio e via Tiburtina sono state levate circa 200mila multe potenziali a danno di automobilisti ignari della nuova restrizione sulla viabilità. Molti hanno continuato per giorni a transitare in quel tratto di strada con la propria auto senza aver compreso la nuova circolazione per gli autoveicoli. E stato appurato che il pasticcio burocratico è sorto a causa dell’insufficienza della segnaletica apposta che non consentiva di rilevare la modifica apportata alla viabilità. Tra i cittadini, alcuni hanno già ricevuto anche 80 sanzioni e migliaia di euro di multa. E’ evidente come in questo caso sia la buona fede ad aver ingannato coloro che recandosi al lavoro giornalmente hanno continuato a fare lo stesso tragitto ignorando le modifiche alla circolazione che vietavano il transito agli autoveicoli privati. E’ un pasticcio che la Sindaca Raggi e la giunta M5S non possono continuare ad ignorare e di cui si debbono far carico. Da giorni i cittadini che abitano e lavorano in quel quadrante della città reclamano di essere caduti in una trappola dovuta alla scarsa informazione e alla carenza di segnaletica riconoscibile. Anche il Campidoglio dopo settimane ha dovuto ammettere l’insufficienza delle indicazioni apposte e della comunicazione effettuata. L’annuncio tardivo di provvedere ad un nuovo piano di comunicazione e a installare una maggiore segnaletica orizzontale e verticale non è sufficiente, soprattutto per chi potrebbe aver subito un danno economico corrispondente ad alcune migliaia di euro di multe. Da qui la necessità di una iniziativa mirata dell’Amministrazione Capitolina che scongiuri la penalizzazione di migliaia di automobilisti incolpevoli. Allo scopo di evitare una mole enorme di ricorsi e una ’ class action’ già preannunciata dagli sventurati automobilisti, questa mattina la commissione trasparenza da me convocata ha avanzato l’ipotesi di un avvio di procedura in autotutela dell’amministrazione relative alle sanzioni elevate alle auto private a partire dal 2 maggio scorso.” Così in una nota il consigliere del PD capitolino Marco Palumbo. (n.r. Abbiamo fatto una ricognizione lungo la via in questione e ci siamo resi conto che la segnaletica esiste ed è ben visibile ed è più volte ripetuta e che gli automobilisti ancora oggi, imperterriti, continuano a circolare.)

Posted in Diritti/Human rights, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Manutenzione stradale ancora in calo

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 febbraio 2017

stradeNel 2016 il consumo di asfalto (conglomerato bituminoso) in Italia è sceso nuovamente al minimo storico: sono stati impiegati solo poco più di 22 milioni di tonnellate per costruire e tenere in salute le nostre strade. Dopo la crescita registrata nel 2015 grazie alla realizzazione di alcune grandi opere, i lavori stradali sono nuovamente “al palo”, con circa la metà delle necessarie attività di manutenzione non eseguite. Le buche restano un tema confinato nelle campagne elettorali, mentre per riportare in sicurezza il nostro patrimonio stradale occorrerebbe un piano straordinario di almeno 40 miliardi di euro.Sono questi i principali elementi che emergono dall’analisi presentata oggi dal SITEB – l’Associazione dei costruttori e manutentori delle strade nel corso del convegno apertura di Asphaltica, il Salone europeo dedicato alla filiera dell’asfalto e delle infrastrutture stradali, in corso a Verona fino al 25 febbraio e promosso da SITEB e Veronafiere.I dati relativi al 2016 contenuti nell’analisi del SITEB (produzione di asfalto ferma a 22,371 mln di tonnellate di asfalto, -3,2% vs il 2015) evidenziano un nuovo passo indietro sul fronte delle attività di costruzione e manutenzione delle strade dopo il dato positivo del 2015 (+3,7% vs il 2014), il primo dopo 9 anni di calo ininterrotto; segno evidente che la crescita di due anni fa era dovuta non a un’effettiva ripresa della manutenzione del nostro patrimonio stradale, ma era essenzialmente trainata da alcuni grandi lavori eccezionali (connessi all’Expo a Milano) e dall’esecuzione di alcune grandi opere autostradali nel Nord Italia (come la BREBEMI, la TEN e la Pedemontana).
Al netto di queste opere, costruzione e manutenzione di strade oggi sono ferme, con dati dimezzati rispetto a soli 10 anni fa (nel 2006 si consumavano 44 milioni di tonn. di asfalto) e al livello medio di manutenzione necessario per tenere in salute e sicure le nostre strade (40 mln di tonn. di asfalto), una rete lunga quasi 500.000 Km (di cui 7.000 km circa di autostrade e 25.000 gestiti direttamente dall’ANAS), il cui valore complessivo (con gallerie, ponti e viadotti) è stimato in 5.000 miliardi di euro. Nel 2016 nonostante il sensibile calo del prezzo del petrolio sui mercati mondiali, l’allentamento del patto di stabilità per le pubbliche amministrazioni, l’immissione di denaro da parte della BCE e il rilancio degli investimenti in manutenzione da parte dell’ANAS, l’economia “stradale” non è ripartita, e l’entrata in vigore del Codice degli Appalti non ha certamente creato un contesto favorevole.
Il continuo rinvio dei lavori necessari e il mancato rifacimento periodico dei superficiali “tappetini d’usura” ha determinato in diverse parti del Paese spaccature e infiltrazioni d’acqua sulla superficie stradale che hanno compromesso molte arterie sin dalle fondazioni, rendendo oggi necessari costosi lavori straordinari in profondità, non sostituibili da cosiddette “operazioni tappa buche”, destinate a durare solo poche ore.
“La situazione in Italia resta difficile”, evidenzia il Presidente SITEB – Michele Turrini, “il patrimonio stradale è oggi molto degradato e notevoli sono i disagi per gli utenti della strada. Investiamo in manutenzione quanto 30 anni fa, ma su una rete molto più estesa e trafficata in condizioni già critiche da anni. Stimiamo che, a causa dei mancati investimenti negli ultimi 8 anni in manutenzione stradale per circa 10 miliardi di euro, per riportare la rete ai valori qualitativi standard del 2006, occorrerebbero almeno 40 miliardi di euro. Le imprese del settore rimaste sul mercato e che lavorano per gli enti pubblici sono tuttora in forte sofferenza anche per i mancati pagamenti. Nonostante le attese e le promesse degli scorsi anni sull’avvio di piani di manutenzione, il 2016 è stato un anno di forte delusione che non alimenta concrete speranze di recupero nel breve termine”. “E’ ora”, conclude Turrini, “che le strade e la loro adeguata manutenzione entrino di diritto nell’agenda delle Istituzioni locali e nazionali, non solo durante le campagne elettorali e non solo per porre ‘toppe’ momentanee alle troppe buche sempre più diffuse nelle nostre città. Il nostro Paese oggi non ha bisogno di grandi opere, ma di rimettere in sesto e in sicurezza la rete esistente, prima che questa collassi”.L’analisi del SITEB sul settore mostra come negli ultimi due anni si sia contratto il numero di impianti in attività (-16,7%) anche se è rimasto pressoché invariato il numero totale degli addetti (drasticamente ridotto tra il 2010 e il 2013), mentre il valore della produzione è ulteriormente diminuito del 3,3% per effetto del minor costo del petrolio.Nel frattempo, a fronte di una crisi dell’edilizia senza precedenti, continua lo “shopping” di aziende italiane da parte di imprenditori stranieri, generalmente grandi gruppi multinazionali, operanti specialmente nella produzione di membrane impermeabilizzanti.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sicurezza stradale ai ragazzi

Posted by fidest press agency su domenica, 14 febbraio 2016

unifilTIRO. I caschi blu italiani, che si trovano in Libano Sud su base Brigata alpina Taurinense, e il Civil Affair office di UNIFIL, hanno concluso la prima settimana di propaganda educativa volta alla sensibilizzazione sulla sicurezza stradale nelle scuole intermedie della città di Tiro. La campagna di sensibilizzazione è stata rivolta a circa 200 studenti delle scuole secondarie ed ha visto come educatori e dimostratori, la International Military Police e i Carabinieri del contingente italiano.
L’attività è il risultato della cooperazione tra il Sector West, le scuole, i comuni e la cooperazione civile di UNIFIL impegnati in un progetto teorico e pratico utile a sensibilizzare i giovani libanesi sulla sicurezza stradale, la prevenzione degli incidenti e il rispetto delle regole della circolazione stradale in vigore in Libano.
Il progetto, in accordo con le autorità civiche e scolastiche, proseguirà nelle prossime settimane, interessando gli istituti scolastici delle maggiori città del sud Libano quali Bint Jubail e Tibnin e coinvolgendo nelle giornate educative le polizie locali delle municipalità dell’area del settore ovest. I carabinieri contribuiscono alle attività di cooperazione tra UNIFIL e le Internal Security Force (ISF) libanesi, realizzando corsi di perfezionamento per le polizie locali e svolgendo con loro attività congiunte nei maggiori centri urbani del sud.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sicurezza Stradale: Patenti di guida a rischio per chi ha disturbi del sonno

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 maggio 2015

autostradeRoma 23 e 24 maggio 2015 presso il Crown Plaza Hotel in Via Aurelia, 415 convegno su Sicurezza Stradale: Patenti di guida a rischio per chi ha disturbi del sonno. La normativa in questione- denominata normativa europea su “OSAS – sonnolenza diurna e idoneità alla guida” -, una volta recepita dallo Stato Italiano, renderà obbligatori gli interventi diagnostici, terapeutici e di follow-up richiesti per il conseguimento dell’idoneità psico-fisica alla guida per tutti i conducenti di veicoli a motore con sospetta OSAS (Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno). Una direttiva che mira, quindi, a migliorare considerevolmente la sicurezza stradale. Il vero problema è rappresentato dal fatto che gli Stati membri hanno l’obbligo di conciliare gli obiettivi della direttiva con le modalità di rilascio delle patenti, con il rischio concreto di determinare gravi disservizi nei trasporti pubblici e privati, con ovvie ripercussioni sull’economia reale. Ma cosa è esattamente l’OSAS? L’OSAS è una malattia respiratoria del sonno causata da ricorrenti episodi di ostruzione completa o parziale delle alte vie respiratorie (rino-orofaringe). Tali episodi determinano frammentazione del sonno a cu i consegue una sonnolenza diurna inappropriata. L’OSAS, in sostanza, è determinata da crisi di soffocamento durante il sonno non percepiti dal soggetto. Poco si parla di questa malattia che è facilmente diagnosticabile e curabile e che ha una prevalenza ed un impatto socio-sanitario simile al diabete, con importanti risvolti medico legali e assicurativi.“Pensate che circa il 22% degli incidenti stradali in Italia”- dichiara il Prof. Sergio Garbarino neurologo e rappresentante per l’Italia della Commissione Europea di esperti preposta ad approfondire il tema – “è causata da problemi di sonnolenza diurna alla guida, prevalentemente originati d all’OSAS; quest’ultima determina un costo di circa di 1 miliardo di euro l’anno (tra costi diretti ed indiretti) per l’intera comunità…” ”Stiamo parlando di numeri altissimi” – aggiunge la Dottoressa Loreta Di Michele, pneumologo esperto in disturbi del sonno, direttore scientifico del Convegno RomaSonno assieme al Prof. Garbarino – “se solo pensiamo al fatto che sono circa 4.400.000 i soggetti affetti da apnee notturne di cui oltre 2.000.000 quelli in cui la malattia si presenta con sonnolenza diurna. E’ importante sottolineare che la patologia si manifesta nella fascia di età maggiormente pr oduttiva ed interessa soprattutto il sesso maschile. Lo scandalo è che quasi nessuno ne parla!” Tradotto in cifre, in base alle ultime statistiche Istat, si tratta di 40.000 sinistri in Italia e circa 240.000 in tutta l’Unione Europea. Un vero e proprio bollettino di guerra, poiché frequentemente questi incidenti sono gravi con esiti talora fatali.Medici specialisti ed esperti la definiscono una “epidemia silente” dagli effetti poco conosciuti, considerando che l’OSAS non è una malattia causa solo di eccessiva sonnolenza, ma rappresenta anche un fattore di rischio e spesso associata alle principali patologie del mondo occidentale, come obesità, infarto del miocardio, ictus, fibrillazione atriale, sindrome metabolica, disturbi cognitivi e lo stesso diabete. Principali cause di mortalità della nostra società. Le implicazioni sul rilascio/rinnovo della patente di guida, quindi, dovranno essere adeguatamente valutate nel corso della visita di idoneità alla guida a partire dalla ricerca dei principali sintomi e delle più frequenti patologie associate all’OSAS. Ad oggi però non esiste un protocollo medico unico in Europa per la valutazione della malattia.E’ proprio per questi motivi che il Ministero della Salute si è attivato per la prima volta con ben due commissioni tecniche di esperti con il coinvolgimento del Ministero dei Trasporti per l’inserimento legislativo, specificamente dedicato, nel codice della strada dopo l’approvazione delle Istituzioni.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Omicidio stradale

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 gennaio 2014

Anche la ministra della Giustizia Annamaria Cancellieri cede alla tentazione di utilizzare la scorciatoia del diritto penale per affrontare un problema, quello della sicurezza stradale, che avrebbe bisogno di maggiori controlli da parte delle forze dell’ordine e la messa in sicurezza delle infrastrutture. Solo che questi interventi costano, inasprire le pene no (almeno in apparenza e all’inizio).
Il sistema penale è al collasso: milioni di processi arretrati, un sistema di prescrizioni che garantisce l’impunità a chi può permetterselo, lasciando agli altri condizioni di detenzione che
costituiscono gravissime violazioni del diritto umanitario (vedi le condanne contro l’Italia della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo).
La stessa ministra aveva denunciato, quale concausa del collasso, l’eccessivo ricorso al diritto penale da parte della politica per raccogliere consensi elettorali, indicando nella depenalizzazione una delle esigenze fondamentali per ripristinare la legalità di uno Stato tecnicamente fuorilegge. Niente di nuovo, la miglior dottrina lo denuncia da tempo, e non solo in Italia.
Eppure, in evidente difficoltà politica ed in odor di rimpasto nel Governo, la ministra fa quello che prima di lei hanno fatto gli artefici del disastro attuale: non solo non vi è stato un singolo reato depenalizzato in questa legislatura, ma si affronta il problema degli incidenti stradali per l’ennesima volta inasprendo le sanzioni penali, come nella peggior consuetudine dei suoi predecessori da lei stessa criticati. E si ipotizza addirittura di obbligare il giudice a considerare dolosa una condotta colposa, pur sempre gravissima, stravolgendo alcuni dei più elementari principi del diritto.
Non sappiamo se sbandierare una proposta quale l’”omicidio stradale”, sostenuta in primis dal nuovo segretario del Partito Democratico Matteo Renzi, sarà sufficiente a salvarle la poltrona.(1) Di certo non servirà a far diminuire gli incidenti stradali causati da chi si mette alla guida sotto effetto di alcol o stupefacenti, come non sono servite le misure di inasprimento introdotte da tempo a cadenza quasi annuale. Infatti, potrebbe avere l’effetto perverso di incoraggiare ulteriormente la fuga di chi causa un incidente.
Purtroppo, per garantire una maggiore sicurezza stradale servono soldi da destinare ai controlli e alle infrastrutture. A poco serve l’inasprimento continuo delle sanzioni penali, o il moltiplicarsi di autovelox e altri strumenti di rilevazione automatica delle infrazioni, se non a raccogliere qualche consenso e a far cassa. Soprattutto, finirà per appesantire e quindi rallentare ancora di più la “giustizia” penale. (Pietro Yates Moretti, vicepresidente Aduc)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sicurezza stradale

Posted by fidest press agency su sabato, 17 agosto 2013

Sicurezza e Segnalamento

Sicurezza e Segnalamento (Photo credit: Wikipedia)

Quello della sicurezza stradale resta uno dei grandi problemi sociali che il nostro Paese non ha ancora risolto e che non affronta con la giusta determinazione”. Ad affermarlo è Carmelo Lentino, Portavoce di BastaUnAttimo, la campagna nazionale sulla sicurezza stradale e contro le stragi del sabato sera, promossa da AssoGiovani e Forum Nazionale dei Giovani, annunciando la nuova iniziativa messa in campo.Ci sono troppe vittime inconsapevoli della strada, persone che – prosegue – loro malgrado finisco per essere coinvolte in spiacevoli, e spesso dolorose, situazioni. Abbiamo per questo deciso di attivare lo ‘Sportello Legale di BastaUnAttimo’ che sarà coordinato dall’Avvocato Gino Salvatori del Foro di Roma. Salvatori sarà coadiuvato da un gruppo di legali che si sta componendo sull’intero territorio nazionale, proprio per assicurare una prima assistenza gratuita e, ove possibile, di prossimità”.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sicurezza stradale

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 agosto 2013

La quotidianità ci porta a non prestare la giusta attenzione a quelle piccole, almeno in apparenza, cose, che invece se correttamente osservate possono servire a ridurre i rischi per noi stessi e per la collettività.
In tal senso, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, una delle questioni più dibattute fra gli esperti della sicurezza alla guida e non solo, è l’utilizzo di calzature apparentemente più comode e leggere come ciabatte, zoccoli e infradito che nella stagione estiva prendono il posto, già con i primi caldi, delle scarpe invernali meno confortevoli, ma almeno in apparenza più sicure.
E non si tratta di una questione che riguarda solo le donne, anche se un’indagine realizzata da Motori.it e DireDonna, ha stabilito che nel periodo estivo ben il 53% delle esponenti del gentil sesso si mette al volante della propria auto indossando infradito o modelli simili, ma anche molti uomini ormai utilizzano con frequenza questo tipo di calzature, specie quando si dirigono verso le spiagge e le località balneari.
Si tratta di un fenomeno di costume che, peraltro, non risulta vietato almeno a partire dal 1993, ossia con l’entrata in vigore del Nuovo Codice della Strada, che ha consentito la possibilità di mettersi al volante con calzature non chiuse sul retro o addirittura a piedi nudi, a patto però che ciò non comprometta la sicurezza necessaria. In tal senso, soggiunge proprio l’articolo 140 del Codice della Strada che regolamenta elasticamente la materia stabilendo che “gli utenti della strada devono comportarsi in modo da non costituire pericolo o intralcio per la circolazione ed in modo che sia in ogni caso salvaguardata la sicurezza stradale”, senza quindi prescrivere alcuna precisa dotazione e lasciando, dunque, un certo margine di libertà all’automobilista.
Ciò non vuol dire che ci si può mettere alla guida come si vuole senza tenere conto che una scarpa più comoda, ma meno modaiola possa essere determinante per evitare rischi per sé e per gli altri. Se per esempio, si rimane coinvolti in un sinistro la mancanza di scarpe chiuse potrebbe essere considerata come un elemento di concorsualità in termini di responsabilità, con effetti negativi sui risarcimenti da parte delle assicurazioni e con un minimo rischio di essere sanzionati dalle forze di polizia stradale per violazione del citato articolo 140 per aver concorso o causato un sinistro a causa della non corretta “dotazione” d’abbigliamento.
Nonostante questi rischi, secondo le statistiche, le donne continuano a calzare tacchi a spillo vertiginosi, ma anche ciabatte alla guida e in quest’ultima tendenza superano di gran lunga i maschi. Dall’indagine evidenziata, infatti, gli uomini preferiscono guidare con sneakers o scarpe chiuse per poi cambiarsi e indossare le infradito raggiunta la destinazione.

Posted in Diritti/Human rights, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

IV campagna sicurezza stradale

Posted by fidest press agency su domenica, 5 febbraio 2012

Roma 7 febbraio 2012 ore 11 Sala Emiciclo di via Giuseppe Caraci, 36 Dipartimento Trasporti Navigazione e Sistemi Informativi e Statistici Ministero Infrastrutture e Trasporti
Modera Ludovico Di Meo Giornalista, vice direttore Rai Uno. Seguono gli interventi di:
11.05 Bruno Amoroso Presidente del Comitato Centrale Albo Autotrasportatori “L’impegno dell’Albo degli Autotrasportatori per la sicurezza stradale”
11.20 Rocco Giordano Coordinatore scientifico Comitato Centrale Albo Autotrasportatori “La IV Campagna per la sicurezza stradale: la familiarità del messaggio”
11.50 Fabrizio Rametto Presidente TCommunication “I messaggi chiave e le attività della Campagna”
12.00 Francesco Del Boca, Eleuterio Arcese, Alberto Armuzzi Rappresentanti delle associazioni di categoria
12.30 Bartolomeo Giachino Presidente della Consulta Generale per l’Autotrasporto e la Logistica
13.00 Conclusioni Guido Improta Sottosegretario di Stato al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Domande e risposte ed a seguire interviste one-to-one

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Neve a Roma

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 febbraio 2012

Italiano: Roma sotto la neve

Image via Wikipedia

Il Dipartimento Lavori pubblici di Roma Capitale ha predisposto squadre di pronto intervento in 34 punti strategici della città sulla rete stradale della grande viabilità di cui ha competenza (piazza Venezia, piazza San Giovanni, piazzale Ostiense, piazza Ungheria, viale Tiziano, piazza Bologna, via Monti Tiburtini, Salaria-Tangenziale, Salaria-Settebagni, piazza Sempione, Largo Camesena-Tiburtina, via Tiburtina-Gra, piazza Porta Maggiore, largo Telese, via Prenestina-Longoni, Collatina-Ponte di Nona, via di Tor Bella Monaca, piazza Tuscolo, piazzale di Cinecittà, via Anagnina-Gra, piazza dei Navigatori, piazzale Dohuet-Cap. Linea Laurentina, Cristoforo Colombo-Rotonda Ostia, via della Magliana-Gandoni, via Portuense-Affogalasino, stazione Trastevere, Largo Perassi, piazza Risorgimento, piazzale Clodio, piazza Pio XI, via Boccea angolo via Mattia Battistini, via Trionfale angolo via Barellai, via Cassia parcheggio FM3 Giustiniana, obelisco Eur-Ente Eur, ponte Sublicio-Tram) e negli 11 principali ospedali (Sant’ Eugenio, San Camillo, San Giovanni, Fate Bene Fratelli-Isola Tiberina, Gemelli, S. Filippo Neri, Tor Vergata, Campus Biomedico, Pertini, Policlinico Casilino, Sant’Andrea) dislocati sul territorio comunale per l’attività di spargimento sale e spazzatura della neve ai fini del ripristino delle condizioni di percorrenza del traffico veicolare.
Sono in corso interventi su tutto il territorio capitolino della grande viabilità mettendo in campo mezzi e manodopera per oltre 100 uomini con macchine operative h24 fino a cessate esigenze.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sicurezza stradale e aggressioni

Posted by fidest press agency su domenica, 15 gennaio 2012

<<Il tragico evento avvenuto ieri sera dove un vigile urbano di Milano è stato travolto e ucciso da un guidatore di un Suv da lui sottoposto a un controllo, è di estrema gravità. Accanto all’auspicio che si arrivi a consegnare alla giustizia il colpevole nel più breve tempo possibile con una punizione esemplare, non possiamo dimenticarci che nel nostro Paese in un anno sono oltre 2000 gli agenti di polizia che durante i controlli stradali vengono aggrediti>. Ad affermarlo è Carmelo Lentino portavoce di BastaUnAttimo la campagna nazionale per la sicurezza stradale e contro le stragi del sabato sera. <<Che ci sia una media giornaliera – spiega Lentino – di 6 agenti costretti a chiedere un accesso agli ospedali dopo che un controllo si è trasformato in pretesto per essere attaccati fisicamente è pura e semplice inciviltà. Quello che succede dimostra che esiste la necessità di arrivare ad una formazione della coscienza civile che oggi troppo spesso manca. Il disprezzo della legalità a questi livelli non può essere accettato in un Paese civile>>.<<Anche per questo – ha concluso il portavoce di BastaUnAttimo – dopo aver richiamato l’attenzione da parte delle Istituzioni nei giorni scorsi per l’istituzione dell’Agenzia Nazionale per la sicurezza stradale, a breve con il coinvolgimento di tutti gli attori presenti sul territorio, convocheremo un tavolo nazionale per la sicurezza stradale. Serve un’azione coordinata e unitaria per contrastare l’illegalità nelle nostre strade e diffondere civiltà>>.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Convegno sulla sicurezza stradale

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 maggio 2011

Spoleto 12 maggio 2011 si terrà a un convegno su un tema di largo interesse: I giovani e la sicurezza stradale.Il convegno è promosso dalla Polizia di Stato (Direzione centrale per gli istituti di istruzione) e dalla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Camerino e si avvale del patrocinio dell’Associazione Europea Familiari e Vittime della Strada ONLUS. Scopo dell’iniziativa è quello di approfondire le diverse problematiche legate al triste fenomeno degli incidenti stradali che miete vittime soprattutto tra i giovani e di analizzare, alla luce delle indagini conoscitive più recenti, le possibili politiche attive di prevenzione. Al convegno interverranno, tra gli altri, due docenti della Facoltà di Giurisprudenza di UNICAM: Piergiorgio Fedeli che parlerà su Idoneità alla guida: problematiche medico-legali e Paolo Verdarelli che interverrà sul tema Uno stile del bere giovanile: il binge drinking.

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Autovie venete: manutenzione rete autostradale

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 novembre 2010

Ripristino di barriere incidentate, potatura delle siepi, rifacimento della segnaletica orizzontale, sistemazione delle banchine, lavori al casello di Lisert e di Portogruaro. Sono numerosi gli interventi in programma la prossima settimana, sulla rete autostradale gestita da Autovie Venete, impegnata a concluderli rapidamente. Dal 15 novembre, infatti, è “scattata” la stagione invernale che prevede l’inizio dei trattamenti antighiaccio sul manto stradale non appena cominceranno a scendere le temperature. Interventi numerosi ma con pochi disagi per il traffico, perché la maggior parte sarà effettuata durante la notte. Da lunedì 27 a venerdì 31 novembre su tutta la rete autostradale proseguirà la sostituzione delle barriere incidentate. La maggior parte degli interventi è concentrata sulla destra e sinistra Tagliamento. I lavori si svolgeranno durante la notte e prevedono la chiusura alternata della corsia di marcia e di sorpasso. Sempre in orario notturno sono stati programmati gli interventi di potatura della siepe centrale, che interesseranno soltanto la A23. Nel tratto autostradale compreso fra Portoguro e Cessalto, in entrambe le direzioni, saranno attivati piccoli cantieri per la sistemazione delle banchine, danneggiate dalle forti piogge che hanno caratterizzato tutto il mese di novembre. Si tratta, in ogni caso, di cantieri che interesseranno soltanto la corsia di emergenza e dunque senza ricadute negative sulla circolazione. Si raccomanda, in ogni caso, di ridurre la velocità in prossimità dei cantieri e di prestare la massima attenzione. Da lunedì 27 a venerdì 31, i caselli di Portogruaro e del Lisert saranno interessati da lavori di scavo, propedeutici alla realizzazione di un attraversamento di stazione. Cantieri mobili (si spostano man mano che procedono i lavori, liberando così rapidamente la carreggiata)  per il rifacimento della segnaletica orizzontale saranno attivi durante tutta la settimana, nelle ore notturne, su tutta la rete. Per quanto riguarda i cantieri permanenti sulla rete di competenza, sul Raccordo Gorizia-Villesse, nel tratto compreso tra Gradisca e Gorizia, resta il restringimento delle carreggiate in entrambe le direzioni, mentre, a seguito della chiusura delle rampe di collegamento della rotatoria di Sant’Andrea, i veicoli diretti a Gorizia devono uscire allo svincolo per l’autoporto Sdag. I lavori fanno parte dell’adeguamento a sezione autostradale del Raccordo che da inizio ottobre, stanno interessando la viabilità di accesso alla rotonda di Sant’Andrea. Sulla A23, permane lo scambio di carreggiata all’uscita del casello di Udine sud in direzione Via Verdi per la costruzione dell’incrocio a livelli sfalsati tra la Strada Provinciale 19 e la tangenziale ovest di Udine.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sicurezza stradale insufficiente

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 novembre 2010

<<I dati diffusi oggi nel rapporto Aci-Istat, pur dimostrando un leggero miglioramento, sono ancora troppo alti e dimostrano più che mai, la necessità di un’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Stradale che abbia dei poteri speciali per far fronte in modo serio e capillare a questa strage silenziosa>>. Ad affermarlo è Carmelo Lentino, portavoce di BastaUnAttimo, la campagna nazionale per la sicurezza stradale promossa da AssoGiovani e Forum Nazionale dei Giovani in merito ai dati diffusi oggi dall’Aci. << Ancora una volta è il mancato rispetto delle regole e di precedenza oltre che la guida distratta e la velocità elevata ad essere le cause che provocano incidenti sulle nostre strade. Questo ci deve far capire l’importanza della sensibilizzazione e soprattutto della formazione. Crediamo – spiega Lentino – che la nascita di un’Agenzia che possa coordinare il lavoro con le varie associazioni ed enti sul territorio, renderebbe tutto questo molto più facile e veloce. <<Purtroppo – conclude il portavoce di BastaUnAttimo –  ancora una volta i giovani hanno un triste primato di morti sulle strade. Dobbiamo intervenire subito >>

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sicurezza Stradale: 2010, obiettivo fallito

Posted by fidest press agency su lunedì, 15 novembre 2010

Roma 15 novembre 2010 ore 10:30 – Camera dei Deputati, Sala Colonne di Palazzo Marini la conferenza “Sicurezza Stradale: 2010, obiettivo fallito” l’Italia ha fallito gli obiettivi posti dalla Carta Europea per la Sicurezza Stradale.  La diminuzione del 50% degli incidenti  si è fermata a poco sopra il 30%” e nell’ultimo fine settimana  5 ragazzi al di sotto dei 30 anni di età sono morti sulle nostre strade. In Italia si parla spesso di norme e  troppo poco di sensibilizzazione. BastaUnAttimo,  la campagna nazionale per la sicurezza stradale e contro le stragi del sabato sera, promuove un momento di riflessione su come programmare la sicurezza in Italia per i prossimi anni con associazioni, istituzioni e tutti i cittadini.  Assieme a Carmelo Lentino, portavoce di BastaUnAttimo, ne discuteranno Marcello Aranci, Presidente Consulta Provinciale di Roma per la Sicurezza Stradale, Giuseppa Cassaniti Mastrojeni, Presidente Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus, On. Armando Dionisi, Componente VIII Commissione – Camera dei Deputati (UDC), On. Mauro Fabris, Presidente Commissione Studio sulla Sicurezza Stradale – Fondazione Caracciolo – ACI, Carla Mariani Portili, Vice Presidente Associazione Europea Familiari e Vittime della Strada onlus, Gianluca Melillo, Consigliere Vicario del Forum Nazionale dei Giovani e On. Mario Valducci, Presidente Commissione Trasporti della Camera dei Deputati (PDL). All’incontro sono stati invitati anche il Sen. Carlo Giovanardi, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, e l’On. Bartolomeo Giachino, Sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture e Trasporti.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sicurezza stradale sulle due ruote

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 ottobre 2010

Roma 20 ottobre, ore 15.30 Aula N7 della Facoltà di Ingegneria  Università Roma Tre – via della Vasca Navale 79 Al via In Facoltà, per sport iniziativa che prevede incontri e dibattiti sul tema dello sport nel sociale, promossa dall’Ufficio Iniziative Sportive dell’Università Roma Tre. Madrina dell’iniziativa è la ex campionessa mondiale e olimpica di fioretto Diana Bianchedi. Il primo appuntamento, è dedicato alla Sicurezza stradale sulle due ruote.
Intervengono: Gabriele Riccardi, formatore della Federazione Motociclistica Italiana Prof. Andrea Benedetto, del Dipartimento di Scienze dell’Ingegneria Civile, ed esperto in sicurezza stradale – ‘La sicurezza dei veicoli a due ruote: stato dell’arte e valutazioni sul rischio incidentale’ Paola Protopapa, medaglia d’oro nel canottaggio alle Paralimpiadi di Pechino 2008.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sicurezza stradale: concorso per ragazzi

Posted by fidest press agency su martedì, 21 settembre 2010

<<Partecipare al concorso – spiega Lentino – è molto semplice,  basta scegliere un soggetto/sceneggiatura, elaborare un cortometraggio,videoclip,documentario o dei video animati o ancora un filmato girato con il telefono cellulare. Vogliamo che i ragazzi parlino ai loro coetanei e che si facciano in prima persona promotori di un cambiare reale nel modo di porsi dei giovani  quando si mettono alla guida>>.  << I lavori vincitori, comunicati entro il 30 gennaio 2011, almeno uno per sezione, prescelti da una giuria appositamente costituita – conclude Lentino –  e composta da esperti del mondo della comunicazione, dello spettacolo e della sicurezza stradale,  saranno utilizzati per la campagna di comunicazione sociale. In palio ci sono dei corsi di guida sicura ed un week end in una nota località turistica della penisola>>. Per le curiosità e le informazioni è possibile visitare il sito internet http://www.bastaunattimo.it.

Posted in Spazio aperto/open space, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »