Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘strade’

Riparte la manutenzione delle strade

Posted by fidest press agency su sabato, 27 ottobre 2018

Dopo 12 anni di interminabile calo dei consumi di asfalto, dovuti alla prolungata assenza di lavori di manutenzione delle nostre strade, il 2018 sta facendo segnare l’attesa inversione di tendenza che lancia un primo segnale positivo per la sicurezza delle nostre stradale. A trascinare la ripresa sono principalmente gli investimenti di ANAS sulla rete, restano invece aperte le criticità sulle arterie comunali e provinciali. Crisi economica, brusco aumento del costo della materia prima bitume e sostenibilità ambientale stanno spingendo verso un sempre maggiore impiego del fresato nella manutenzione delle strade.La fotografia emerge dalla nuova analisi trimestrale effettuata dall’Associazione SITEB – Strade Italiane E Bitumi, resa nota alla vigilia di Asphaltica World, il Salone dedicato alle infrastrutture stradali e alle opere di impermeabilizzazione, tenutosi a Roma.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma: Domenica 28 ottobre 2018 torna Vialibera

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 ottobre 2018

Roma Per tutta la giornata alcune strade, in Centro ma non solo, saranno dedicate a pedoni e ciclisti e diventeranno teatro di iniziative per grandi e piccoli. Un unico percorso di circa 15 chilometri libero da auto e smog.Dopo il successo delle prime due edizioni anche stavolta il programma offrirà eventi culturali, feste di quartiere e attività per promuovere un nuovo approccio culturale alla mobilità e un nuovo uso della strada.Il progetto è promosso da Roma Capitale (Assessorati alla “Città in Movimento”, “Sport, Politiche Giovanili e Grandi Eventi”, alla “Crescita Culturale”, alla “Sostenibilità ambientale”, allo “Sviluppo economico, Turismo e Lavoro”, alla “Persona, Scuola e Comunità solidale”), con la “Consulta Cittadina Sicurezza Stradale, Mobilità Dolce e Sostenibilità”, la collaborazione dei Municipi e della Polizia Locale, ed è curato da Roma Servizi per la Mobilità.Roma Capitale e la Consulta Cittadina invitano gli enti privi di scopo di lucro, gli organismi associativi, i comitati e i cittadini attivi nella promozione della mobilità dolce e sostenibile e nei settori artistico-culturale e dello sport, a partecipare e a diffondere l’iniziativa, nonché a proporre eventuali idee per la stessa giornata del 28 ottobre e per le edizioni successive.Coloro che contribuiranno a valorizzare la giornata con eventi ed iniziative saranno rappresentati nel programma #VIALIBERA, pubblicato e in aggiornamento continuo sulla pagina web https://romamobilita.it/it/vialibera, dove sono disponibili anche tutte le informazioni con mappe (l’elenco delle strade coinvolte sarà definito nei prossimi giorni), eventi, modulo di richiesta organizzazione iniziative e link alle edizioni precedenti.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Passeggiata per le strade di Bologna

Posted by fidest press agency su mercoledì, 10 ottobre 2018

Bologna partendo alle ore 16,00 di Sabato 13 ottobre 2018 dalla Chiesa Metodista Valdese in Via Venezian n. 1, dove il Pastore Michel Charbonnier presenterà l’installazione realizzata con teli isotermici dorati dall’artista Giovanni de Gara applicati alla porta di accesso alla Chiesa per la quarta tappa del suo progetto itinerante Eldorato.
Eldorato di Giovanni de Gara è un progetto che racconta l’illusione di questo millennio: l’esistenza di una terra dell’oro, dove ci sono benessere e futuro. Una terra lontana di cui si sa poco e di cui si immaginano meraviglie; una terra al di là della linea dell’orizzonte che ce la nasconde. Il progetto si articola in una serie di installazioni site-specific che utilizzano come materia prima un oggetto salva-vita: le coperte isotermiche normalmente usate per il primo soccorso in caso di incidenti, calamità naturali, ma soprattutto usate nel soccorso dei migranti. Con questo oro salvifico verranno rivestite le porte di alcune chiese e di alcuni luoghi simbolici Italiani, da nord a sud, fino a Lampedusa nella speranza di concludere il percorso sulla soglia di San Pietro, come messaggio globale di accoglienza.
Il progetto ha l’obiettivo di promuovere una riflessione profonda sul tema dell’accoglienza verso ogni individuo, senza distinzione di razza, genere e credo, per dare un segno di calore e salvezza a partire dalla contemplazione di un oro che splende non per carati ma per la bellezza e la semplicità del suo messaggio.Il viaggio di Eldorato sarà raccontato in un docu-film dal regista Pietro Pasquetti che seguirà ogni installazione raccogliendo storie e riflessioni di quanti si uniranno al progetto durante il suo percorso. Tra i primi ad aderire Padre Bernardo Gianni, Abate di San Miniato al Monte; Tomaso Montanari (storico dell’arte); Stefano Mancuso (scienziato, fondatore della neurobiologia vegetale), e Francesco Malavolta (fotoreporter, da vent’anni al seguito dei popoli in movimento alle porte dell’Europa) che accompagnerà il progetto con una serie di scatti scelti appositamente per Eldorato.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campidoglio: via il nome a strade intitolate a firmatari Manifesto della Razza

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 settembre 2018

Roma. La Sindaca di Roma Virginia Raggi ha firmato oggi la lettera con cui comunica ai cittadini residenti in due vie della Capitale intitolate a firmatari del “Manifesto della Razza”, via Arturo Donaggio e via Edoardo Zavattari, la decisione di procedere al cambio di denominazione.
“Ottant’anni fa, fu firmato il primo dei decreti con cui il regime fascista colpì migliaia di ebrei, molti dei quali romani, togliendo loro diritti, lavoro, dignità, la possibilità di studiare, fino all’infame deportazione nei campi di concentramento. Le leggi razziali furono precedute dalla firma del Manifesto della Razza, il documento con cui alcuni scienziati e accademici sottoscrissero le presunte basi scientifiche che portarono a queste aberranti scelte. Una pagina buia della nostra Storia. Per questo, ho scritto ai cittadini residenti di due vie di Roma, via Donaggio e di via Zavattari, intitolate a due dei firmatari del Manifesto della Razza, comunicando la decisione dell’Amministrazione. E’ un atto dovuto, da parte della città di Roma, necessario a comprendere le responsabilità del passato, ad averne memoria e a evitare che tutto questo possa ripetersi. La nostra città ha vissuto la deportazione, i segni della guerra, ma ha mostrato anche il coraggio della resistenza, come testimoniano le medaglie d’oro al valor civile conferite ai quartieri Quadraro e Centocelle. Avvieremo con i cittadini interessati e con gli studenti romani un percorso partecipativo, che vedrà due importanti appuntamenti in autunno. Nel primo saranno raccontate le storie dei tanti cittadini, bambini e adulti, e degli scienziati che furono vittime del razzismo e di quelle leggi. Tra questi ultimi, insieme ai cittadini, sceglieremo le due personalità a cui intitolare le vie. Una scelta forte, ma dovuta, fatta per non dimenticare”, dichiara la Sindaca di Roma Virginia Raggi.“Conservare la memoria dei momenti alti e degli abissi di cui si sono macchiati i nostri avi, richiede atti che la facciamo vivere nel nostro tempo, anche fuori dalle occasioni rituali. Virginia Raggi ha fortemente voluto un atto eccezionale, la cancellazione dalla toponomastica dei nomi di chi aveva messo il proprio prestigio scientifico a servizio della diffusione di false e indegne teorie razziste. Chiamare così i cittadini a discutere della decisione e delle nuove denominazioni, è la scelta migliore che si potesse fare per tornare a riflettere sulle colpe del fascismo a 80 anni dalla promulgazione delle infami leggi razziali e sui rischi che si possono evitare ricordando il passato”, afferma il Vicesindaco con delega alla Crescita Culturale, Luca Bergamo.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Dal M5S un piano per mettere in sicurezza le nostre strade”

Posted by fidest press agency su venerdì, 31 agosto 2018

La tragedia che ha colpito la città di Genova, e l’Italia intera, è ancora negli occhi di ognuno di noi. Il crollo del viadotto Polcevera ha drammaticamente imposto all’ordine del giorno i rischi legati alla stato di salute delle infrastrutture sulle quali ogni giorno viaggiamo, ci rechiamo al lavoro e raggiungiamo i nostri cari.In Lombardia la situazione è allarmante. Negli ultimi due anni la frequenza del susseguirsi di episodi di cedimento di strade e ponti è aumentata in maniera allarmante. Nell’ottobre del 2016 il crollo di un cavalcavia sulla Superstrada “Valassina” è costato un morto e diversi feriti. Da allora numerose strade sono state chiuse. Come il Ponte sul Po di Casalmaggiore o il cavalcavia di Isella a Civate.Il Movimento Cinque Stelle non vuole restare a guardare. Il Movimento Cinque Stelle non vuole attendere fino ad assistere alla prossima tragedia. Le segnalazioni, relative allo stato di degrado di alcune infrastrutture della nostra Regione, arrivano a noi portavoce quotidianamente. Per dar voce alla loro, comprensibile e giustificata, preoccupazione abbiamo presentato una mozione (che potete trovare a questo link): un piano regionale di tutela delle nostre strade. Un documento che impegni la giunta in un percorso da realizzare in tre fasi.La prima riguarda un’azione di verifica e monitoraggio delle nostre strade, da portare avanti in maniera coordinata e nel rispetto delle reciproche competenze, assieme ai gestori delle infrastrutture. Contemporaneamente intendiamo attivarci presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per la stesura di un piano concreto che porti non solo a monitorare, ma ad intervenire su di ogni situazione critica. Infine chiediamo l’impegno diretto di Regione Lombardia, per cofinanziare la messa in sicurezza dei nostri ponti, dei nostri viadotti e delle nostre strade. Come cittadini dentro le istituzioni non vogliamo più sentire, non vogliamo più pensare, che si sarebbe potuto fare di più. (Fonte: Massimo De Rosa – Commissione Infrastrutture e Trasporti, Regione Lombardia)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sicurezza ponti e strade a Roma

Posted by fidest press agency su domenica, 19 agosto 2018

L’Amministrazione capitolina per il ponte della Magliana ha stanziato a Bilancio 2018 oltre 2 milioni di euro per interventi di manutenzione straordinaria. Per la sicurezza dei 400 ponti di Roma Capitale, l’Amministrazione esegue un regolare monitoraggio.Così in una nota il Campidoglio Per tutte le opere di manutenzione urbana di viabilità inter-municipale (ponti, strade, gallerie) nel Bilancio 2018-2020 sono previsti oltre 90 milioni di euro. Inoltre sono stati stanziati circa 10 milioni di euro per servizi di sorveglianza. Sempre per il 2018 sono stati stanziati circa 5 milioni di euro dedicati a progettazione e manutenzione straordinaria dei ponti di Roma Capitale, con interventi programmati su tutto il territorio.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sicurezza stradale: stragi sulle strade italiane

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 agosto 2018

“Roma In due incidenti, uno nel foggiano e l’altro a Bologna, si sono registrate 14 vittime e oltre 60 feriti, con un bilancio che, secondo le indiscrezioni di stampa, sarebbe destinato a precipitare. Due incidenti molto diversi tra loro che, tuttavia, devono farci ancora una volta riflettere sull’emergenza della sicurezza stradale nel nostro Paese”. Lo afferma Carmelo Lentino, portavoce di BastaUnAttimo, la campagna nazionale sulla sicurezza stradale e contro le stragi del sabato sera, promossa anche da AssoGiovani e Forum Nazionale dei Giovani. “Si mettano in campo tutti gli strumenti per risolvere definitivamente il problema, ed i nuovi Parlamento e Governo – aggiunge il Portavoce di BastaUnAttimo – ragionino seriamente sull’Istituzione di un’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Stradale. “Chiederemo un incontro urgente al Ministro delle Infrastrutture e Trasporti, per rappresentargli la necessità di uno strumento utile a favorire maggiori sinergie tra tutte le Istituzioni, al fine di mettere in atto azioni risolutive”. “Gli ambiti di intervento su cui lavorare sono molteplici, ma su tutti c’è quello della formazione – conclude Lentino – soprattutto nei confronti di giovani e giovanissimi, portandoli ad acquisire una maggiore consapevolezza dei pericoli che la strada riserva’.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A Roma strade off-limits ad auto e scooter per una domenica al mese da giugno

Posted by fidest press agency su domenica, 29 aprile 2018

Dal Colosseo a Prati, dall’Appia Antica a via Labicana, da via XX Settembre a via Tiburtina. Un’unica rete stradale ciclopedonale di quasi 24 chilometri. Entro giugno partirà l’iniziativa “ViaLibera” che prevede la chiusura al traffico veicolare di diverse strade della Capitale. L’evento comporterà presidi fissi delle forze dell’ordine in 55 punti della rete e 1.400 transenne per consentire la regolare manifestazione.“Vogliamo sia una giornata di festa per i cittadini. Abbiamo scelto strade di solito molto trafficate e che per un’intera giornata saranno completamente libere da auto e scooter. Creiamo così nuovi spazi per vivere la pedonalità ma soprattutto vogliamo che sia un’iniziativa inclusiva e aperta alle idee dei cittadini e delle associazioni. A breve sarà pubblicato un avviso pubblico per i soggetti interessati a realizzare installazioni temporanee e arredi lungo i percorsi. Le associazioni e gli esercizi commerciali interessati potranno partecipare e contribuire alla realizzazione della manifestazione. Le strade si animeranno con feste di quartiere per far scoprire a tutti l’importanza e la bellezza delle isole pedonali: luoghi sicuri e protetti dove potersi riappropriare della propria città e degli spazi sotto casa, senza bloccarne la viabilità”, dichiara la Sindaca di Roma, Virginia Raggi.“Il progetto prevede itinerari urbani ciclo-pedonali che comprendono pedonalizzazioni integrali e tragitti con pedonalizzazioni parziali, dove il transito veicolare sarà consentito solo su parte della carreggiata, ovviamente dove è presente una barriera fisica, come uno spartitraffico per garantire piena sicurezza a pedoni, ciclisti. La presenza delle forze dell’ordine servirà ad aiutare automobilisti a orientarsi con le novità alla viabilità. Per un giorno al mese vogliamo rendere Roma una città libera dalle auto”, spiega l’assessore alla Città in Movimento di Roma Linda Meleo. “Questo è un punto di partenza in tema di pedonalizzazione. In questo contesto è necessario poter promuovere politiche dedicate alla mobilità sostenibile. Possiamo immaginare che alcuni di questi progetti, oggi interessati da una pedonalizzazione temporanea, in futuro possano diventare isole ambientali permanenti. Obiettivo è che tali iniziative aiutino e supportino anche un cambio culturale fra i cittadini, indispensabile per modificare la visione della mobilità su Roma”, afferma il presidente della Commissione capitolina Mobilità, Enrico Stefàno.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Quando si parla di buche si pensa solo a quelle romane

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 aprile 2018

Ed invece, purtroppo, la capitale è in buona, si fa per dire, compagnia. A Milano un’associazione consumatori ne ha fatto una battaglia e a Firenze ci scrivono quelli dell’Aduc: “Morire in bicicletta mentre ci si sposta in città…”
E’ accaduto il 18 aprile a Firenze, alle 6 di mattina, con una dinamica che le autorita’ non hanno ancora fatto conoscere (le riprese delle telecamere non sono state diffuse). L’autore dell’incidente si è fermato e -purtroppo inutilmente- ha prestato i primi soccorsi e allerta sanitari. Vedremo. Mentre scriviamo, una consulente del nostro ufficio di Firenze ci ha chiamato perche’ e’ al pronto soccorso: venendo in sede Aduc in bicicletta, ha investito in via della Mattonaia (centro) un pedone che e’ sceso di scatto dal marciapiede: il pedone non si e’ fatto nulla, ma la nostra consulente -cascata in terra per evitare l’impatto- sta verificando al pronto soccorso alcuni dolori che le sono sopraggiunti. Nelle scorse settimane, la figlia dodicenne di chi scrive e’ cascata in bici (senza gravi conseguenze: solo escoriazioni e spavento) per aver preso una buca: era col babbo che, in bici anche lui, la stava accompagnando a scuola,
transitavano nella centrale via de’ Banchi sempre a Firenze e, per fortuna, non c’era nessun mezzo a motore dietro la ragazza che e’ caduta.
E’ evidente che episodi del genere ce ne sono tanti. E non solo a Firenze. Quelli piu’ tragici fanno notizia. Gli altri finiscono nel dimenticatoio, anche se alcuni danneggiati ci chiedono consigli per come rivalersi, nel caso, nei confronti dell’amministrazione comunale (2), sembra che tutto rientri nella routine: tot incidenti, tot soldi per rimborsare… basta che non superi una xx percentuale del budget previsto (lo stesso budget che prevede gli introiti da multe per infrazioni al codice della strada -3). Della serie: dacci oggi il nostro incidente quotidiano. E, ovviamente, non vale solo per le biciclette. Ma queste ultime, a differenza di auto e motorini -e al pari dei pedoni- sono sicuramente i soggetti piu’ penalizzati e, quindi, piu’ deboli.
Solo alcuni giorni fa l’ONU ha stabilito che il 3 giugno sara’ la giornata mondiale della bicicletta, per promuovere l’uso di questo mezzo di trasporto e ricordare quali sono i diritti dei suoi utilizzatori. In Italia, la giornata nazionale e’ stata fissata per il 14 maggio.
Sembra quindi che ci sia una certa attenzione nei confronti della mobilita’ ciclabile…. ma -ci rammarica- non e‘ cosi’ in Italia e, nei casi che abbiamo riportato come esempio, nella citta’ di Firenze. In Europa c’e’ molta attenzione, ci sono citta’ come Copenaghen, Parigi, Londra che sono diventate punti di riferimento mondiali. La Comunita’ europea stanzia gia’ diversi fondi per aiutare le amministrazioni locali in merito, ma -sempre l’esempio di Firenze- la situazione e’ tra la burla (piste che finiscono nel nulla o impossibili da usare) e l’inadempienza: ritrovarsi in bici in mezzo ad un traffico pazzesco e pericoloso e’ ordinaria quotidianita’, e per venirne fuori non c’e’ alternativa se non violando il codice della strada (contromano, marciapiedi, etc.). Potremmo fare la lista della spesa (come egregiamente fanno diverse associazioni di ciclisti), ma quel che ci preme, in aggiunta ai piu’ esperti del settore, e’ segnalare lo sdegno e la sfiducia del cittadino medio (utente dei servizi e delle infrastrutture pubbliche e soggetto alle decisioni e non-decisioni delle amministrazioni) per una situazione che va avanti da decenni e che, se non casi rari, vede solo sottovalutazioni e inadempienze tutte basate su un presupposto decantato e mai applicato: la centralita’ della mobilita’ a pedali (al pari di quella pubblica) nella mobilita’ urbana.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Buche a Roma e il modo come sono state “tappate”: vediamoci chiaro

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 marzo 2018

Il ‘piano Marshall’ per tappare le buche della capitale costa all’amministrazione capitolina 17 milioni di euro. Gli interventi che vengono effettuati durano meno di tre giorni. Si tratta di un fiume di denaro che è il caso di dirlo finisce inghiottito dalle buche senza risolvere l’emergenza. E’ il risultato a cui stiamo assistendo oggi a Roma. Un esempio per tutti Via Mattia Battistini, arteria ad alto scorrimento della periferia di Roma, dopo la neve la strada è divenuta pericolosissima i moltissimi crateri presenti hanno provocato danni e problemi agli automobilisti. Dopo una decina di giorni dalla nevicata, meraviglia delle meraviglie, finalmente le buche sono state tappate tutte. Bene, se non fosse che neanche dopo tre giorni i crateri sono tutti ricomparsi e la strada è tornata ad essere pericolosa come prima. Come è possibile tutto ciò? Ma che materiale è stato usato? Ieri nella trasmissione televisiva ‘Carta Bianca’ gli stessi operai delle ditte di manutenzione delle strade, hanno asserito che i loro interventi, viste anche le piogge in atto, non sono affatto durevoli e sono dei veri palliativi. Di contro nella stessa trasmissione è stato intervistato il responsabile dell’Associazione Tappami che in due minuti ha riempito una buca con un materiale che resiste alla pioggia e ovviamente ha una durata molto più lunga. Associazione, cogliamo l’occasione per ricordarlo, completamente snobbata da tutti i Municipi grillini, infatti solo il II Municipio ha sottoscritto un protocollo di intesa con loro, riconoscendone la valenza sociale. Stando ai fatti oggettivi in sostanza la Raggi avrebbe investito 17 milioni di euro per fare interventi che durano meno di tre giorni. Sperperare 17 milioni per interventi destinati a durare una manciata di ore è da irresponsabili considerando che per 2 anni non sono state fatte manutenzioni stradali. A proposito di interventi definitivi ci salta all’occhio un esempio che è veramente scandaloso: Via dell’Acquafredda. Sbandierata in pompa magna dalla sindaca Raggi come uno dei primi interventi di #StradeNuove, ora è tornata come era prima dell’intervento pentastellato. Come Presidente della Commissione Trasparenza difronte a questo scempio di denaro pubblico convocherò una Commissione per conoscere atti, criteri dell’affidamento e capitolati sulle opere da eseguire e materiali usati dalle ditte appaltatrici.” Così in una nota il Presidente della commissione trasparenza Marco Palumbo. (da cronisti siamo testimoni delle continue proteste dei romani per lo stato comatoso di strade e marciapiedi a Roma. Ora veniamo a sapere che gli interventi sono diventati “fatiscenti” e la circostanza di preoccupa molto. Abbiamo provato a chiedere precisazioni all’ufficio della sindaca e all’assessore competente ma non siamo stati in grado, dopo ore di attesa, ad avere una risposta. Non è la prima volta, purtroppo)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Piano strade del comune di Roma

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 marzo 2018

Avviare subito l’esecuzione di lavori per circa 17 milioni di euro, con l’obiettivo di garantire la copertura di 50.000 buche in un mese, per una media di oltre 1.500 al giorno in tutta la città. È quanto prevede la prima fase del piano straordinario per le strade di Roma messa a punto dal Campidoglio per affrontare l’emergenza causata dal ghiaccio, che ha sgretolato l’asfalto in moltissime zone della città. Le misure sono state discusse anche durante l’incontro avuto questa mattina dall’assessora alle Infrastrutture, Margherita Gatta, con presidenti e tecnici di tutti i Municipi della Capitale.
“Si tratta di una situazione eccezionale che richiede, come misura immediata, la riparazione puntuale ed urgente delle singole buche presenti su tutto il territorio. La priorità condivisa con i Municipi è quella di garantire l’incolumità e la sicurezza dei cittadini. Per questo dobbiamo concentrarci, in una prima fase, sull’emergenza rappresentate dalle buche che si sono create a seguito dell’ondata di maltempo, con le piogge il ghiaccio che hanno spaccato l’asfalto già deteriorato. Il Campidoglio metterà quindi a disposizione ulteriori risorse per attivare squadre di manutenzione aggiuntive e supportare le strutture territoriali sulla viabilità secondaria di loro competenza”, afferma la sindaca di Roma Virginia Raggi.In sinergia con tutti i Municipi verrà data precedenza al pronto intervento sulle buche formatesi a seguito delle precipitazioni degli ultimi dieci giorni. Per tale finalità il Campidoglio garantirà ulteriori risorse per intervenire sulle strade della Capitale: si prevede uno stanziamento complessivo di oltre4,5 milioni di euro, per assicurare nelle prossime settimane l’operatività di squadre aggiuntive rispetto a quelle già a disposizione anche delle singole strutture territoriali. Verrà inoltre noleggiata una macchina “tappabuchi” in grado di assicurare, da sola, 150 interventi al giorno, utilizzando una miscela di ultima generazione che garantisce una durata maggiore dei lavori.
“Quello che abbiamo ribattezzato ‘piano Marshall’ per le strade – aggiunge l’assessora Gatta – si è reso necessario per risolvere le criticità dovute al maltempo e soprattutto a una manutenzione che per anni non è stata fatta bene, come evidenziato anche dalla Corte dei Conti di recente. Questa Amministrazione ha intrapreso un modo diverso di fare i lavori sulle strade, operando controlli su ditte e interventi effettuati, perché vuole rilanciare un modo virtuoso di lavorare nella Pubblica Amministrazione. Stiamo operando in sinergia con i Municipi e metteremo a loro disposizione risorse aggiuntive. Daremo loro una mano per risolvere le situazioni di particolare criticità. E questo piano servirà da esempio per rafforzare la condivisione di intenti e risultati”.Per quanto riguarda la grande viabilità, di competenza del dipartimento Sviluppo infrastrutture e manutenzione urbana (Simu) di Roma Capitale, sono sempre operative le 12 ditte di pronto intervento, ciascuna dotata di almeno tre squadre. Inoltre entro la prossima settimana partiranno lavori di manutenzione ordinaria nell’ambito dell’operazione “Strade Nuove”, per il rifacimento di lunghi tratti di strade, per una somma di 9 milioni di euro: via Tuscolana, via Appia Nuova, via Casal del Marmo, corso Francia e via Flaminia Nuova, via del Castro Pretorio, via Galbani, via Colli Portuensi, viale Ionio e via Ugo Ojetti, via Cassia Nuova e via di Valle Aurelia. Due interventi di manutenzione straordinaria, per un totale di 2 milioni di euro, riguarderanno Via Ostiense e via Nomentana. Oltre 1 milione di euro sono le risorse per la realizzazione di altri interventi già attivi. A questi cantieri, nei prossimi mesi, se ne aggiungeranno altri su arterie importanti come Via Boccea, via Collatina, via di Tor Bella Monaca, Tangenziale est.Sono state inoltre già convocate le società di sottoservizi che effettuano scavi per le esigenze di erogazione di servizi pubblici (acqua, luce, gas ecc.), per coordinare eventuali interventi di ripristino sulle strade interessate dai loro scavi. (n.r. Sarà la volta buona? Restano le nostre riserve. Il piano strade richiede risorse ben più consistenti: la classica montagna che partorisce un topolino)

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Interrogazione consiliare del PD a proposito stato comatoso delle strade romane

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 marzo 2018

INTERROGAZIONE art. 104 Premesso che le annunciate precipitazioni atmosferiche degli ultimi giorni riversatesi sulla Capitale hanno decisamente aggravato lo stato già deteriorato delle pavimentazioni stradali, rendendole in larga parte impraticabili.
Considerato che
è stato necessario chiudere e limitare il traffico in alcuni tratti di viabilità principale, come la Tangenziale, Foro Italico, Tiburtina, Ostiense, Casilina e Aurelia, per fare alcuni esempi;
è stato necessario altresì istituire nuovamente il limite di 30 km/h in numerose via della città, tra cui Circonvallazione Nomentana, Circonvallazione Salaria, Tangenziale Est, Vai del Foro Italico, Via Laurentina, Via di Acilia, Via Cristoforo Colombo e in larga parte della viabilità del X municipio, su cui domenica 11 marzo si terrà la manifestazione podistica “Roma Ostia”.
Considerato inoltre che
risultano numerose ed ingenti le denunce e i danni a mezzi e persone, a causa del gravissimo ammaloramento del manto stradale.Visto che a mezzo stampa l’assessora ai Lavori Pubblici, Margherita Gatta, ha annunciato un cosiddetto “Piano Marshall”, che consisterebbe, citiamo testuale, “in un piano di interventi straordinari sulla manutenzione stradale”;
in data 6 marzo, la Sindaca Raggi ha inviato una lettera a tutti i municipi, chiedendo di rispondere entro il giorno successivo ed in vista della riunione convocata nel giorno 8 marzo tra i Presidenti e l’Assessorato ai Lavori Pubblici: “l’ammontare dei fondi destinati alla manutenzione stradale, a decorrere dal 2017, specificando sia le somme già impegnate che quelle residue; gli interventi già effettuati sul manto stradale, a decorrere dall’anno 2016 e quelli programmati, l’elenco delle strade maggiormente ammalorate che necessitano di interventi urgenti e lo stato delle stesse”;
TUTTO CIO’ PREMESSO E CONSIDERATO, SI CHIEDE ALLA SINDACA E L’ASSESSORA AI LAVORI PUBBLICI:
se siano state attuate misure straordinarie, ai fini della sicurezza di mezzi e persone, per il pronto intervento e la sorveglianza delle strade;
quanti, quali e dove sono stati eseguiti i maggiori interventi di ripristino del manto stradale e in che tempi si è intervenuto;
di rendere noto quali procedure di gara sulla manutenzione stradale (grande viabilità e viabilità locale) si siano avviate e concluse da luglio 2016;
come si intende porre rimedio nel breve periodo ai fini della sicurezza dei cittadini e dei mezzi circolanti nel territorio della città;
a quanto ammonta in definitiva il finanziamento del cosiddetto “Piano Marshall” per le buche della capitale, che tempi avrà e quale sarà la forma di finanziamento di questo;
a fornire un report dettagliato delle segnalazioni degli ultimi 15 giorni arrivate tramite il portale “Io segnalo” di Roma Capitale.f.to Valeria Baglio Ilaria Piccolo Giulia Tempesta. (n.r. Come non dare ragione ai consiglieri di opposizione? Non sta a noi esprimere un giudizio politico ma riteniamo che il calo di consensi dei romani in quest’ultima tornata elettorale (almeno del 10%) la vogliono dire lunga. La Raggi è stato un pessimo investimento del Movimento per la poltrona di sindaco a Roma. Lo abbiamo sempre detto e i fatti odierni, non solo per lo stato comatoso delle strade della capitale lo stanno a dimostrare, ma perchè ci troviamo al cospetto di un’amministrazione che si fa poco amare e che, soprattutto, difetta in comunicazione. Non parla alla gente ma preferisce le conferenze stampa e gli articoli sulle testate amiche. Ricalca, per altro, troppo lo stile di chi l’ha preceduta anche se è stata, quand’era all’opposizione, molto critica sul loro modo di amministrare. Le avevamo detto che occorreva soprattutto coinvolgere i romani nella gestione delle attività di amministratrice come sta facendo ad esempio la sua collega di Torino con i giovani per migliorare la raccolta differenziata dei rifiuti urbani. Ora che per il movimento 5 stelle la frittata su Roma è stata fatta cerchiamo almeno di salvare il salvabile con il concorso di tutte quelle forze sane che guardano al Campidoglio non come un terreno di conquista ma un modo per riportare i romani ad avere l’orgoglio di appartenenza e a sentire che è una città che sa riscattarsi in dignità e in serenità.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Procura apre un’inchiesta sulle buche di Roma

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 marzo 2018

Dopo due settimane all’insegna del maltempo l’emergenza buche a Roma è più grave che mai. La città è infatti letteralmente paralizzata: imposizione del limite orario a 30 km/h su sempre più strade, autobus costretti a deviare il proprio percorso per non cadere in vere e proprie voragini e, soprattutto, migliaia di cittadini che stanno subendo un disagio inaccettabile. Non a caso la Procura di Roma ha aperto un’inchiesta sulle condizioni precarie delle strade: nello specifico è stato avviato un fascicolo rubricato a modello 45 (ovvero senza indagati o senza alcuna ipotesi di reato) a seguito di diversi esposti presentati a piazzale Clodio. L’emergenza riguarda tutta la città: due giorni fa un’automobile è finita dentro una buca totalmente coperta (e quindi nascosta) dall’acqua paralizzando via Ostiense ed in questi giorni il quotidiano La Repubblica ha raccolto decine di foto e segnalazioni di cittadini per presentare un “Giro della Capitale in 80 voragini”. Un’iniziativa che potrebbe addirittura fare sorridere se non stessimo parlando di una crisi reale, che sta generando danni ogni giorno più ingenti.
Danni che possono essere materiali se non addirittura fisici: se infatti da una parte gli automobilisti più “fortunati” se la cavano con una ruota bucata, dall’altra sono sempre di più i cittadini che si imbattono in una voragine più o meno celata e finiscono direttamente al Pronto Soccorso.Una situazione che, lo ripetiamo, è assolutamente inaccettabile. Per questo CODICI ha deciso di avviare un’azione collettiva e di raccogliere adesioni per costituirsi parte civile. A noi in questo momento non interessa puntare il dito contro qualcuno: non è il momento per scoprire se ha ragione l’assessore Gatta a prendersela con le amministrazioni precedenti, non è il momento per capire se ci siano state o meno spartizioni illecite di soldi, lavori ed appalti di manutenzione/rifacimento dell’asfalto(purtroppo non sarebbe la prima volta).In questo momento per noi di CODICI la priorità la hanno le migliaia di cittadini, romani e non, che hanno subìto danni materiali e/o addirittura fisici a causa delle buche di Roma.

Posted in Diritti/Human rights, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La situazione delle strade romane

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 marzo 2018

E’ ben nota ai suoi cittadini che vi transitano ogni giorno, soprattutto sotto l’aspetto delle buche sull’asfalto e dei suoi marciapiedi. Non ultimo in ordine di pericolo poi, il problema degli alberi che cadono, infatti se nella Capitale riesci a “salvarti” su strada, potresti sempre essere colpito da un albero che cade addosso alla tua auto o al bus su cui ti trovi oppure, speriamo di no, ai passanti.Quindi la pioggia dei giorni scorsi e la nevicata di ieri non può aver fatto altro che aggravare ancor di più la situazione: buche divenute vere e proprie voragini e dissesti a volontà, più di 100 gli alberi caduti in città a causa del peso della neve e del forte vento nelle zone di Prati, Montesacro e San Paolo, anche su Via Cristoforo Colombo in direzione del centro.Inoltre sulla via Pontina è stato un via vai di carro attrezzi per soccorrere gli automobilisti intenti nel sostituire gli pneumatici squarciati nelle buche, in molti tratti le corsie di marcia sono state ristrette per evitare ulteriori danni alle autovetture. I maggiori disagi sono stati registrati nei pressi di Aprilia e Castel Romano e tra Latina e Cisterna.
La situazione non è più gestibile attraverso le toppe del manto stradale ed interventi spot, ricordiamo che per la manutenzione ordinaria sono a disposizione 1 milione e 800 mila euro l’anno, assolutamente insufficienti rispetto agli interventi richiesti.“Pertanto una nevicata di 20 centimetri di un solo giorno aggrava irrimediabilmente la situazione, questo non è possibile in una Capitale europea, anche per quanto riguarda gli alberi, la manutenzione deve essere ordinaria, non si può aspettare che ci scappi il morto: stiamo parlando della sicurezza dei cittadini”- afferma Luigi Gabriele di Codici.Tradotto: in assenza di risorse proporzionate alla gravità del problema, si va avanti con lavori di rattoppatura provvisori, nonostante ci sia negli stessi Municipi la consapevolezza che questi interventi non risolveranno un bel niente. Il problema è che si parla troppo dei soldi che servono al comune e troppo poco di quelli che devono spendere i cittadini a causa delle buche: si va infatti dalla riparazione delle auto colpite da voragini imprevedibili alle cure mediche, necessarie per tutti coloro che si sono infortunati magari proprio inciampando durante una passeggiata o cadendo dal motorino.Noi di CODICI continuiamo a mantenere la massima attenzione sulla vicenda ed invitiamo tutti coloro che abbiano avuto problemi a causa delle buche di Roma e dintorni a contattarci: possiamo aiutarvi ad ottenere un giusto risarcimento per danno fisico o materiale. (Il problema delle buche a Roma, che non affrancano nemmeno le strade cimiteriali, è un aspetto che avremmo voluto non trattare in questi giorni per non dare l’impressione che è, non certo per i romani, ma per chi vive altrove, uno spot contro qualche partito e a vantaggio di altri. Ma la nevicata di qualche giorno fa ne ha fatto una situazione non più da sottacere. Roma è stata troppo a lungo trascurata e ora trattando delle strade e dei marciapiedi romani dovremmo pensare di porvi mano con decisione e senza altri rinvii. Se si tratta di una questione finanziaria è necessario trovare i fondi e qui parliamo di non meno 400 milioni di euro solo per rifare le strade e i marciapiedi più disastrati sia del centro sia della periferia. I soldi se c’è volontà politica ci sono. Perché non impegniamo tutti i partiti che in questi giorni sono larghi di manica per una serie infinita di “elargizioni” a coinvolgerli per una adeguata ricostruzione dei disastri che altre amministrazioni e altri governi hanno colpevolmente disatteso?)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cumuli rifiuti in strade campagna di Roma inneschi per roghi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 luglio 2017

rifiuti lazio1“Roma brucia ma quanto sta accadendo in questi giorni con centinaia di incendi e focolai che interessano tutta la città e la sua area metropolitana non è solo frutto di mani criminali o della casualità ma anche dell’incuria e della mancata raccolta dei cumuli di rifiuti accantonati lungo la maggior parte delle vie periferiche che attraversano la campagna romana.Purtroppo l’occhio distratto della Sindaca e della giunta non si cura di rimuovere la grande quantità di masserizie abbandonate lungo i cigli delle strade della capitale e che costituiscono potenziali inneschi per incendi devastanti. Si tratta di una inadempienza grave cui l’amministrazione capitolina M5S non si può sottrarre. Anche i ritardi nella nomina del responsabile della Protezione civile della capitale e l’insufficiente, quando non assente, manutenzione del verde sono in questa situazione scelte particolarmente gravi, come il mancato aggiornamento del Piano di emergenza del Comune alle nuove linee guida regionali, piano che è fermo al 2008. Solo grazie al grande impegno dei vigili del fuoco in queste settimane i danni già gravi sono stati contenuti. Irresponsabilmente l’amministrazione capitolina non ha messo in atto in previsione del caldo quelle azioni di prevenzione necessarie a prevenire quella che di ora in ora si sta trasformando in una pesante catastrofe ambientale”. Lo ha dichiarato in una nota il consigliere del PD capitolino Antongiulio Pelonzi.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A proposito delle buche a Roma

Posted by fidest press agency su martedì, 18 luglio 2017

buche stradali romaRoma. Nove anni fa in un nostro lancio d’agenzia scrivevamo: “Troppe buche a Roma, le proposte di Soldà: “Più volte abbiamo segnalato la pericolosità delle buche per i cittadini ma l’aumento degli incidenti causati da esse evidenzia che il problema non è stato risolto, gli interventi fatti hanno solo messo un tampone ma alla prima pioggia buche e voragini si riaprono.” E’ questa la reazione di Roberto Soldà, segretario romano dell’Italia dei Valori, all’elevato numero d’incidenti nella capitale, segnalati anche da un’indagine Istat, causati dall’annosa questione di buche e voragini presenti sulle strade romane. Soldà va dritto al centro del problema proponendo: “Controlli severi da parte delle direzioni lavori del Comune che devono verificare che le società a cui viene affidato l’appalto eseguano i lavori rispettando il capitolato del progetto.” Concludendo, Soldà sottolinea che i soldi vanno spesi meglio e che a monte contano le scelte fatte in fase di progettazione: “Soprattutto occorre puntare su opzioni qualitative e non guardare solo alla voce spese. Bisogna, in fase di progettazione, elaborare dei capitolati tecnici che prevedano valutazioni oculate, ad esempio nella selezione dei materiali, con l’obiettivo di realizzare interventi duraturi nel tempo.” Sono trascorsi nove anni, sono cambiati gli amministratori, sono cresciute le promesse elettorali ma le buche restano e semmai si moltiplicano. Questa è la Roma che da decenni conosciamo e si comprende bene il disagio di oggi che ci porta all’esasperazione e vorremmo proprio dalla nuova amministrazione e da una sindaca pentastellata un cambiamento radicale e soprattutto realizzato in tempi brevi. Non è più il tempo delle attese se vogliamo scongiurare il peggio.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuovo record negativo per il consumo di asfalto

Posted by fidest press agency su martedì, 11 luglio 2017

strade e bucheIl conglomerato bituminoso in Italia, sceso nei primi 4 mesi del 2017 del 4,7%, dopo aver già toccato il minimo storico a fine 2016 (23 mln di tonnellate contro i 45 mln del 2006). In quella che solitamente rappresenta la stagione delle manutenzioni (maggio-settembre), al momento i lavori tardano a sbloccarsi, le buche continuano ad aumentare in volume e ampiezza e cresce il numero delle strade ammalorate chiuse al traffico e in cui, per ragioni di sicurezza, entrano in vigore nuove limitazioni alla circolazione e della velocità. Sono questi i principali indicatori contenuti nell’analisi periodica sullo stato di salute delle nostre strade resa nota dal SITEB – l’Associazione dei costruttori e manutentori delle strade in occasione del Consiglio Direttivo che ha confermato alla guida dell’Associazione quale Presidente, Michele Turrini, Dirigente dell’azienda Ammann Italy.
La stagione delle grandi manutenzioni, di solito collocata tra maggio e settembre (il 70% dei lavori viene svolto in questo periodo per sfruttare le favorevoli condizioni climatiche), quest’anno non sembra essere ancora partita. E questo è ancora più preoccupante, visto la condizione in cui versano le nostre strade. Lo stato di salute delle strade cittadine è sotto gli occhi di tutti ed è bene esemplificato dal caso Roma, con un “asfalto groviera” che, secondo la Corte dei Conti, ha prodotto 2.700 cause con richieste di risarcimento verso il Comune per i danni causati dalla “epidemia buche” e lavori di manutenzione che ancora oggi tardano a partire in modo deciso, come “l’emergenza strade” in corso richiederebbe. Intanto, si molitplicano le limitazioni al traffico (totali o dei soli mezzi pesanti) e di velocità (spesso con limite fissato a 30 km orari) sulle strade più a rischio, per non parlare delle pattuglie di vigili urbani lasciate spesso a sorvegliare buche recintate.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Gli interventi su scuole e strade si possono fare anche in assenza del DUP”

Posted by fidest press agency su martedì, 2 maggio 2017

Roma “Negli anni passati la Provincia prima e la CM dopo hanno investito risorse – anche in sforamento del patto di stabilità – Per mettere in sicurezza strade e scuole. Oggi i 5stelle cercano scuse tecniche e intanto bloccano tutto.
Il DUP è un documento di programmazione che non autorizza alcunché. Solo il bilancio di previsione autorizza a spendere ciò che è stato programmato.
I previsti 8 milioni di opere citate dalla Sindaca (tra i quali gli interventi sulle scuole, i lavori del ponte di Castiglione e della frana di Rorà) non verranno dunque autorizzati con l’approvazione del DUP. Quindi, invece di raccontare frottole trincerandosi dietro fumose argomentazioni tecniche, i 5stelle che governano oggi si assumano la responsabilità di mandare avanti i lavori, almeno quelli urgenti, come è sempre avvenuto con le precedenti amministrazioni.” Commenta il capo-gruppo Barrea. (n.r. Non entriamo nel merito delle questioni tecniche che impediscono agli amministratori romani di porre mano ai lavori d’urgenza che continuano a rinviare. Resta, tuttavia, un dato di fatto. Da mesi, oramai, la sindaca Raggi ha annunciato lo stanziamento di milioni di euro per la sistemazione del manto stradale che oggi brilla per le sue numerose buche e che con le piogge stanno diventando sempre più copiose e profonde e che costano, tra l’altro, ben dieci milioni di euro per i danni arrecati ai cittadini oltre a un consistente contenzioso ancora più oneroso eppure niente o pochissimo è stato fatto in proposito.)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Strade Nuove a Roma: partono i cantieri per riparare le buche

Posted by fidest press agency su domenica, 19 marzo 2017

buche stradali romaRoma. By Virginia Raggi. L’operazione #StradeNuove è partita. Possiamo dirlo, ora che sono iniziati i primi lavori (alcuni già conclusi) per affrontare, come nessuno ha fatto prima, uno dei problemi più sentiti dai romani: le buche stradali. Quello che vedete è solo un assaggio del programma di manutenzione ordinaria delle strade di competenza di Roma Capitale che, nel giro di un anno, vedrà l’apertura di cantieri in tutte le zone della città per una spesa totale di circa 85 milioni di euro.Presto presenteremo nel dettaglio contenuti, costi, tempi dell’operazione e gli strumenti con cui i cittadini potranno costantemente verificare l’avanzamento dei lavori.
Per il momento, voglio sottolineare che la nostra amministrazione ha chiuso quasi tutte le gare per l’aggiudicazione dei cantieri, abbandonando per sempre il ricorso agli interventi ‘spot’ del passato, spesso affidati con procedure che in qualche caso sono finite nelle inchieste di Mafia Capitale. I nostri sono tutti appalti assegnati con procedure a evidenza pubblica. E mettiamo a sistema le attività di manutenzione per affrontare il problema delle buche in modo strutturale. Altro che i ‘rattoppi’ a cui eravamo abituati. Le immagini mi pare parlino da sole: questi sono lavori fatti bene, puliti, efficaci. Queste sono #StradeNuove.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

In Sicilia strade e ferrovie vecchie

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 luglio 2016

messina8“Oltre ad un alto indice di franosità del territorio, sul fragile sistema dei trasporti, incide il contributo legato alla vetusta di oltre il 40% di strade e ferrovie che si sbriciolano come grissini; tutti ricordiamo della Sicilia divisa in due per il crollo di un viadotto sulla autostrada Catania Palermo e del ponte ferroviario di Contrada Angeli di Niscemi polverizzatosi oltre cinque anni fa e non ancora ripristinato”. Lo ha affermato il geologo siciliano , Fabio Tortorici, Consigliere Nazionale dei Geologi.
“Riguardo il rischio sismico a cui sono soggette strade e ferrovie, va detto che buona parte di queste sono state realizzate in assenza di norme sismiche (ante 1974) – ha proseguito Tortorici – quindi presentano un elevato grado di vulnerabilità; comprendiamo bene come tale situazione nel caso scongiurabile di eventi sismici anche di media intensità, metterebbe in crisi il sistema di soccorso e di protezione civile.
Se non si inserisce tra le priorità di intervento e di azione, il monitoraggio ed il rifacimento delle strutture più vetuste (viadotti, gallerie ecc.), le cronache saranno costrette a parlare più che di binario “unico”, di binario “morto” per il mancato buon funzionamento del mercato interno e per uno scadente rafforzamento della coesione economica e sociale dell’intera regione”.
“Una innovativa e migliore gestione dei trasporti, non può ignorare una pianificazione delle problematiche di natura geologico-ambientale – ha concluso Fabio Tortorici – direttamente collegata con le reti stradali e ferroviarie della Sicilia. Ad ogni evento meteorico, anche di modesta intensità, o per una normale evoluzione dei fenomeni franosi, si ripete troppo frequentemente la solita storia: strade e ferrovie sono investite da dissesti, classificati “idrogeologici”, di varia importanza e gravità, che generano disfunzioni nella circolazione di persone e merci ed elevati costi per la rimessa in servizio”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »