Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘stranieri’

2 giugno e la voce dello “straniero”

Posted by fidest press agency su domenica, 2 giugno 2019

Le associazioni dei medici di origine straniera in Italia (Amsi), le Comunità del Mondo Arabo in Italia (Co-mai), la Confederazione Internazionale laica interreligiosa (Cili-italia) e il movimento internazionale Uniti per Unire e le associazioni e Comunità aderenti esprimono con tutto il cuore gli auguri all’Italia, agli italiani, a chi ama l’Italia, a chi contribuisce tutti i giorni alla crescita, la democrazia e la libertà in Italia sia italiani che nuovi italiani e cittadini di origine straniera residenti regolarmente in Italia.
Ancora una volta ci vede costretti malgrado il giorno di festa di ribadire basta strumentalizzazioni politiche sui migranti in ogni occasione, dichiara il Fondatore dell’Amsi Foad Aodi che ringrazia il Presidente della Camera Roberto Fico che ha auspicato che sia la festa di tutti italiani e chi vive in Italia.
Se non iniziamo a promuovere politiche e campagne a favore dell’appartenenza di essere italiano, amare l’Italia, rispettare le leggi e la cultura italiana e imparare la lingua italiana da parte dei cittadini di origine straniera in Italia non avremo mai una vera e completa integrazione anzi il contrario se in ogni occasione si cerca di far passare il concetto sbagliato che l’Italia è solo per gli italiani e escludiamo gli immigrati da politiche di interesse nazionale .conclude Aodi che ribadisce il nostro impegno a favore dell’Italia,degli italiani, dei cittadini di origine straniera e chi sbaglia paga indipendentemente dalle sue origini o la sua religione promuovendo il nostro appello a tutti anche al Ministro Matteo Salvini PrimagliEsseriUmani. (fonte: http://www.unitiperunire.org)

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Dal Festival “In Italy” della Stranieri di Perugia Le ricette delle imprenditrici italiane

Posted by fidest press agency su lunedì, 20 maggio 2019

«L’Italia è scrigno di bellezza e del saper fare. Quando si evoca il made in Italy ci si aspetta buon gusto, creatività, qualità, stile. Ma dire Made in Italy oggi non basta più. Oggi dobbiamo dimostrare affidabilità, trasparenza. E senza certificazioni tecniche non si esportano prodotti. I clienti sono più esigenti, più attenti a determinate qualità, alla sostenibilità. Come imprenditrici italiane abbiamo il dovere di costruire la cultura del prodotto e del territorio e mantenere quell’eccellenza che caratterizza i nostri prodotti». Queste le considerazioni emerse nel corso del convegno dal titolo: Esportare il Made in Italy. Tartufo, olio, cachemire e ospitalità, organizzato dall’’Associazione Imprenditrici Donne Dirigenti di Azienda (Aidda), alla prima edizione di “In Italy, Festival culture del cibo e dell’ospitalità”, promosso dall’Università per Stranieri di Perugia, che si concluderà venerdì sera con l’incontro di Oscar Farinetti, fondatore di Eataly. Alla tavola rotonda hanno partecipato Benedetta Brizi (Mivania Cachemere di Bevagna), Francesca Cassano (azienda agricola Terre di Grifonetto), Paola Colaiacovo (resort Castello di Solfagnano) e Olga Urbani (amministratore delegato di Urbani Tartufi) e Tiziana Tombesi (Presidente della delegazione umbra di Aidda).

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Alla Stranieri la presentazione del libro “Il secrétaire della badessa”

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 febbraio 2019

Perugia venerdì, 22 febbraio – ore 17, Sala Goldoni di Palazzo Gallenga “Il secrétaire della badessa. Una donna e una famiglia nell’Umbria Napoleonica” è il tema del libro, di Maria Luisa Scassellati Sforzolini, che sarà presentato venerdì, 22 febbraio, alle ore 17, nella sala Goldoni di Palazzo Gallenga dell’Università per Stranieri di Perugia. Insieme all’autrice ne parleranno Elvio Lunghi dell’Università per Stranieri di Perugia, e Giancarlo Trapanese, scrittore e caporedattore del Tgr dell’Umbria.
Quello di Maria Luisa Scassellati Sforzolini è un romanzo storico cui fa da sfondo la parentesi del potere napoleonico in Italia – trae origine dalle vicende di Maria Vicarelli, una donna nata nella seconda metà del settecento a Perugia da una famiglia di antica tradizione, e che fin da piccola mostra grande attitudine per la lettura e per lo studio, dedicandosi in maniera quasi leopardiana alle varie materie classiche tra cui il latino, il greco, la teologia e la filosofia.
“Il Secrétaire della Badessa” nei programmi dell’autrice è destinato ad essere il primo di una serie di romanzi storici, una narrativa che nasce dalla ricerca e che costituisce la sua passione letteraria, rivolta soprattutto alle donne e alle loro vicende, seguite e raccontate con umanità ed attenzione, senza cadute in stucchevoli femminismi e in altrettanto stucchevoli rivalse verso l’universo maschile.
Maria Luisa Scassellati Sforzolini, di origine umbra ma marchigiana per elezione, è giornalista, ha collaborato con “Il Messaggero” di Perugia, e attualmente si occupa di comunicazione e gestione di sale teatrali e cinematografiche, e giunge al romanzo storico dopo una serie di racconti densi ed introspettivi che presto verranno riuniti in un unico volume.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Alla Stranieri un viaggio nella bellezza dell’universo con il prof. Ereditato dell’Università di Berna

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 febbraio 2019

Perugia. “Antonio Ereditato è uno scienziato che vive il suo tempo e lo interpreta con il rigore e la passione per la divulgazione scientifica che lo caratterizzano.
Per la rettrice Grego Bolli la Stranieri rappresenta “Un luogo privilegiato che in questi oltre 90 anni di sua storia ha accolto in queste aule donne e uomini che hanno rappresentato l’eccellenza nei loro settori e dove la trasversalità della conoscenza e dei saperi ha rappresentato un valore aggiunto. Questo incontro ben interpreta il ruolo dell’Ateneo di diffondere cultura e conoscenza che sono alla base di ogni crescita e di una consapevole convivenza sociale, economica che è un prerequisito per la pace”.
Impegnato da anni nella ricerca fondamentale, Antonio Ereditato professore di fisica delle particelle elementari presso l’Università di Berna e direttore del Laboratory for high energy physics e dell’Albert Einstein Centre for fundamental physics di Berna, ha raccontato alla platea dell’aula Magna l’affascinante cammino che ci ha portato dapprima a ipotizzare, quindi a scoprire e infine a interrogare quella vertiginosa trama di molecole, particelle, atomi, elettroni, fotoni e quark che costituisce il tessuto ultimo delle cose. Un viaggio nella bellezza dell’universo, partendo dalla scala minima delle particelle elementari per arrivare a comprendere l’immensamente grande del cosmo.
“Parlare di quello che è successo dopo il big bang – ha chiarito il prof. Antonio Ereditato, direttore del laboratorio per la fisica delle alte energie dell’Università di Berna – in fondo significa raccontare la nostra storia dall’inizio. La nostra storia di animali intelligenti sul pianeta Terra comincia 4 miliardi di anni fa con i primi segni di vita. Ma la vita del nostro universo comincia ben prima, quasi 14 miliardi di anni fa. E li c’è stata una continua evoluzione della materia inanimata, secondo delle leggi che largamente ignoriamo oggi, e che stiamo cercando di studiare nei nostri laboratori del Cern e capire come questa materia si è sviluppata nel corso di tanti miliardi di anni e come ha potuto dar luogo a quella che oggi chiamiamo materia animata, biologica. Queste sono le grandi sfide della ricerca”.
Il fisico dell’Università di Berna ha poi illustrato le numerose e complesse attività di ricerca del centro e ha sottolineato che tra i laboratori internazionali di fisica delle particelle, la Big Science per antonomasia, il CERN ha avuto e riveste a tutt’oggi un ruolo preminente.
Per il direttore del Laboratory for high energy physics e dell’Albert Einstein Centre “agli scienziati del futuro è adesso affidato il compito di comprendere la natura di materia ed energia oscura dell’universo. Attualmente – ha specificato – sappiamo che esiste solo perché ne osserviamo gli effetti che produce sulle galassie: l’Universo si sta espandendo e negli ultimi anni ha accelerato questa espansione usando questa energia. Non sappiamo perché sia avvenuta l’accelerazione ma la sfida è comprendere, tra dieci anni, di cosa è fatta la materia oscura e tra venti l’energia oscura”.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Acquisto immobili: Gli stranieri continuano a scegliere l’Italia

Posted by fidest press agency su lunedì, 11 febbraio 2019

Questo è il risultato del report annuale del 2018 del portale Gate-away.com, che monitora richieste provenienti da oltre 150 paesi, nel periodo 1 gennaio – 31 dicembre 2018, paragonando il risultato con lo stesso periodo dell’anno precedente. Il sito è tradotto in 10 lingue, le propietà pubblicate superano le 30 mila e sono solte 1 milione e 500 mila gli utenti che hanno cercato casa in Italia, +12,68% rispetto al 2017.Prime in classifica tra le regioni con più istanze sono Toscana, regina indiscussa da anni; la Puglia, che supera la Lombardia (terzo posto) e diventa seconda; poi ci sono la Liguria e l’Abruzzo, che balza al 5° posto (era al 7° nel 2017) registrando un +28.14%. A seguire la Sardegna, la Sicilia, il Piemonte, l’Umbria e una sorprendente Calabria che con un +45.23% per la prima volta entra nella classifica delle prime 10 regioni.Il valore medio dell’immobile per gli stranieri è 352.456 euro. È infatti aumentata la richiesta verso una fascia di prezzo che va da 0 a 100 mila (+16.6%) e dai 100 ai 250 mila (+14.98%).Il compratore tipo ha un’età compresa tra i 55 e i 64 anni, un elevato titolo di studio e cerca mediamente proprietà indipendenti e pronte per essere abitate.
Se la prima nazione nel 2017 è stata la Germania, questo 2018 ha visto un aumento consistente di istanze provenienti dagli Stati Uniti (+30.51%), che sale al primo posto, e del Regno Unito, che con una crescita del 18.26%,si guadagna la seconda posizione. Scende, invece, al terzo posto la Germania, poi abbiamo l’Italia (richieste di utenti stranieri mentre sono in Italia), la Francia, l’Olanda, il Belgio, la Svezia, la Svizzera e il Canada.
“Una considerazione su questo, la possiamo fare. Le richieste verso l’Italia nel 2018 – commenta il General Manager della Gate-away.com, Simone Rossi – sembrerebbero essere influenzate dalla situazione politica dei paesi di provenienza dei richiedenti. È probabile che proprio “l’effetto Trump” e il rischio Brexit abbiano contribuito a far crescere le istanze dagli Usa e dalla Gran Bretagna. Gli investitori sono condizionati dall’incertezza politica soprattutto quando realizzano il sogno di acquistare una casa. I dati contenuti nel nostro report confermerebbero che l’Italia, per americani e inglesi e non solo, attualmente rappresenta un porto considerato stabile e affidabile per investire e trasferirsi. Ma vorrei ricordare che l’eventuale incertezza politica del nostro paese potrebbe diventare un problema. Anzi, posso confermare che è già successo”.Infatti, se a inizio anno 2018, a gennaio e febbraio, le istanze si erano attestate a +49,31% (rispetto agli stessi mesi del 2017), con l’avvicinarsi delle elezioni, la richiesta di immobili da parte degli stranieri era cominciata a scendere. Infatti nei 3 mesi di marzo, aprile e maggio, l’interesse verso il patrimonio immobiliare italiano si era attestato complessivamente a + 5.38%, ma, nel a maggio, a elezioni concluse e con la vittoria di coloro che si definivano “antieuropeisti”, la Gate-away.com ha registrato un -7.81%. Solo con l’arrivo di giugno, quando il rischio dell’uscita dall’Euro è parso accantonato, il trend è ricominciato a crescere (+0.91).
Che l’Italia possa essere considerata all’estero come un’opportunità, lo stanno comprendendo sempre di più agenti immobiliare che si rendono conto del grande potenziale di questo mercato, che non è alternativo ma complementare a quello locale.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il ministero dell’Interno premia il Piemonte per la formazione civico linguistica degli stranieri

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 gennaio 2019

Il Piemonte si aggiudica 2,5 milioni di finanziamenti (europei e statali) per la formazione civico linguistica degli stranieri. In questo modo la nostra Regione ottiene l’intero importo richiesto, ma soprattutto arriva prima, rispetto alle altre Regioni italiane, nella graduatoria per il finanziamento dei ‘Piani regionali per la formazione civico linguistica dei cittadini di Paesi terzi 2018-2021’. “Il progetto Petrarca ha preso infatti 87,30 punti. – spiega l’assessora all’Immigrazione, Monica Cerutti – Il punteggio più alto tra i partecipanti”. In seconda posizione nella graduatoria, pubblicata il 24 dicembre, è arrivata l’Emilia Romagna. Mentre in terza il Friuli Venezia Giulia.“Se da una parte il ministero dell’Interno ci premia – prosegue l’assessora – D’altra parte con il decreto sicurezza ci sottrae i potenziali allievi. La norma infatti non permette ai richiedenti asilo di partecipare ai corsi per imparare l’italiano, visto che impedisce loro di avere carta d’identità, di iscriversi all’anagrafe. E siccome il nostro progetto era stato studiato tenendo conto anche di questo bacino di utenti, adesso rischiamo il paradosso: di avere i soldi, ma di non avere studenti”.Tra i criteri tenuti in considerazione dal ministero dell’Interno, ci sono la qualità complessiva della proposta progettuale, la coerenza del budget di spesa, della tempistica di progetto, ma anche le esperienze maturate in passato e la capacità di attivare reti. Il Piano regionale, denominato “Petrarca 6”, si pone in continuità con le progettualità attivate negli anni passati, prevedendo anche specifiche azioni per l’orientamento e la conoscenza del territorio nel quale gli stranieri extracomunitari si vengono a trovare, dei servizi sanitari di cui possono usufruire, di quelli sociali. Oltre ai corsi di italiano, saranno forniti anche servizi per consentire la partecipazione alle attività didattiche al più alto numero di persone, ad esempio, servizi di babysitting per andare incontro alle madri, di mediazione interculturale, tutoraggio, di accompagnamento personalizzato rivolto a persone vulnerabili.“Il progetto Petrarca ormai va avanti dal 2011. E i risultati sono finora più che soddisfacenti. Dal suo inizio a oggi sono state coinvolte più di 10mila persone. – racconta Cerutti – Solo con Petrarca 5 si sono realizzati 364 corsi coinvolgendo 3460 beneficiari”.Diverse le nazionalità coinvolte. Per la maggior parte hanno seguito i corsi i marocchini (25%), i cinesi (8%), i nigeriani (7%), i senegalesi (5%), gli albanesi (5%), gli indiani e gli egiziani(4%). Soprattutto le donne hanno aderito all’iniziativa. Erano quasi sei su dieci (58% del totale).

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Alla Stranieri un corso di formazione per l’analisi del fenomeno migratorio

Posted by fidest press agency su domenica, 18 novembre 2018

Perugia Prende il via all’Università per Stranieri di Perugia il progetto “Formazione e Mediazione” (FOR.ME), un corso di formazione rivolto ai dipendenti della prefettura e al personale pubblico.
A presentare l’evento nella sala Goldoni di palazzo Gallenga c’era la rettrice dell’Università per Stranieri di Perugia, la prof.ssa Giuliana Grego Bolli, insieme alle prof.sse Stefania Tusini e Maura Marchegiani, le referenti scientifiche del progetto.
“Il percorso formativo – ha detto la rettrice, prof.ssa Giuliana Grego Bolli – si propone di trattare il tema delle migrazioni internazionali fornendo un approfondimento necessario a costruire un apparato di competenze e conoscenze aggiornate da impiegare criticamente nell’analisi del fenomeno migratorio, con particolare riferimento alle tematiche della protezione internazionale e della gestione dell’accoglienza. Questa nostra azione formativa – ha aggiunto la rettrice – in piena sintonia con la nostra mission dell’Ateneo, si prefigge inoltre l’obiettivo di approfondire gli strumenti concettuali e analitici necessari a ridurre il rischio di luoghi comuni ricorrenti sulla protezione internazionale e garantire così una lettura critica dei diversi aspetti che ruotano intorno ai fenomeni migratori e delle sfide che essi comportano a livello internazionale, nazionale e locale”.
Per le prof.sse Stefania Tusini e Maura Marchegiani, referenti scientifiche del progetto “La formazione per l’analisi del fenomeno migratorio ha lo scopo di offrire ai partecipanti una consapevole ed approfondita percezione del fenomeno migratorio nel suo complesso e per fornire le conoscenze idonee a favorire il ricorso ad interventi adeguati e servizi mirati, per rispondere alle esigenze delle diverse categorie di migranti”.
Si tratta di un ciclo di 6 incontri, con la partecipazione, tra gli altri, di docenti dell’Università per Stranieri di Perugia, e intende offrire strumenti teorico-pratici multidisciplinari e competenze e conoscenze sul fenomeno migratorio molto più ampio rispetto alla casistica relativa all’ambito territoriale di competenza. Ciò nella convinzione che l’illustrazione degli aspetti umanitari, giuridici, storici, sociologici, istituzionali, geopolitici del fenomeno migratorio nel suo complesso possano contribuire a formare una figura più versatile per affrontare le problematiche anche a livello locale, fornendo le conoscenze idonee a favorire il ricorso ad interventi adeguati e servizi mirati.
Nel primo appuntamento la prof.ssa Federica Guazzini ha parlato dei “Migranti e rifugiati dall’Africa verso il Mediterraneo e le relazioni euro-africane”. Nel secondo, previsto il 22 novembre, con inizio alle ore 9, la prof.ssa Stefania Scaglione parlerà della narrazione delle migrazioni operata da media analizzata in chiave sociolinguistica”. Nella seconda parte, alle 14, il giornalista Francesco Castellini dibatterà sulla costruzione delle fake news come strategia comunicativa. Un focus sulle migrazioni.”
Al termine del progetto sarà realizzato un video per documentare le esperienze formative ed un toolkit, come modello di buone pratiche da diffondere a livello nazionale. Il progetto, promosso e organizzato in collaborazione con la Prefettura di Perugia, è stato cofinanziato dall’Unione Europea (Fondo asilo, migrazione e integrazione 2014-2020) e dal Ministero dell’Interno.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Alla Stranieri il “IX Leonardo Sciascia Colloquium”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 novembre 2018

Perugia Venerdì 23 novembre, ore 11.15 Sabato 24 novembre ore 9.30 l’Università per Stranieri di Perugia Piazza Fortebraccio, 4 nella sala Goldoni di palazzo, si trasforma in un crocevia di autorevoli studiosi internazionali dello scrittore siciliano Leonardo Sciascia. Si tratta del IX Colloquium di studio e di ricerca, su un tema mai affrontato in maniera approfondita: il rapporto tra lo scrittore di Racalmuto e il versante sud-orientale del bacino del Mediterraneo, tra mondo arabo, Turchia e Iran. L’evento, che apre il programma di iniziative per i 30 anni dalla scomparsa di Sciascia e si concluderanno con il Colloquium 2019 a Parigi, è diretto dal prof. Giovanni Capecchi dell’Università per Stranieri di Perugia e dalla prof.ssa Francesca Maria Corrao dell’Università Luiss-Guido Carli di Roma.
In questa nona edizione dal titolo “un lungo elogio della palma” il Colloquium cercherà prima di tutto di riflettere sull’importanza della cultura araba per Sciascia, partendo dai numerosi riferimenti che le pagine dello scrittore presentano e senza dimenticare i profondi legami tra Sicilia e mondo arabo, testimoniati anche dall’origine araba che Sciascia attribuisce al suo cognome e dal nome del suo paese natale (Rahl al-Mudd).
L’incontro intende anche far luce sulla diffusione dei libri di Sciascia nel mondo arabo, in Turchia e in Iran, occupandosi delle traduzioni che sono state effettuate (attraverso le testimonianze di Nacdet Adabağ e di Reza Gheisarieh, che hanno tradotto in turco e in persiano Il giorno della civetta) e di quelle in corso di realizzazione (a partire dalla versione in arabo de Il Consiglio d’Egitto che Zakariya Jumaah sta approntando).
L’incontro letterario ha inoltre lo scopo di ascoltare la voce di scrittori provenienti dalle diverse culture che costituiscono il centro della riflessione proposta: scrittori che si sono misurati con i libri di Sciascia, che hanno aperto un dialogo tra le loro pagine e quelle sciasciane e che condividono un’idea di scrittura come azione morale, come impegno civile.
Parteciperanno alla due giorni di Pal. Gallenga l’algerino Amara Lakhous, l’autrice italo-somala Igiaba Scego, il turco Suphi Varim, l’iraniano Mohammad Tolouei. L’immagine icona del Colloquium è la rielaborazione di un’opera di Bruno Caruso, artista amato da Sciascia. La manifestazione è dedicata alla memoria dell’amico Fabrizio Leonelli.
In un testo poetico del 1960, Sciascia citava il poeta Abu-Hâtem, che scrisse un lungo elogio della palma, «albero / foggiato dalle mani di Dio / a immagine dell’uomo: albero eccelso / che segue la marcia dell’Islam / (…) e in paradiso / darà ombra dolcissima a fanciulle / dagli occhi neri e casti». L’iniziativa è promossa dall’Associazione Amici di Leonardo Sciascia, dall’Università per Stranieri di Perugia e dall’Università Luis-Guido Carli di Roma.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il 12% di chi ha chiesto un mutuo nei primi 10 mesi dell’anno è straniero

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 novembre 2018

Il dato arriva dall’analisi compiuta da Facile.it e Mutui.it su un campione di oltre 55.000 richieste giunte fra il 1 gennaio 2017 ed il 31 ottobre 2018. La percentuale, si rileva nell’analisi, è superiore di 2 punti rispetto a quella relativa al medesimo periodo del 2017.
Le prime posizioni nella graduatoria delle singole nazionalità vedono, al primo posto, i richiedenti della Romania, cui fa capo il 21,64% delle domande, seguiti da quelli di Albania (11,97%) Moldavia (6,86%) e Marocco (4,58%). Gli stranieri che vogliono comprare casa in Italia puntano ad ottenere in media 117.340 euro per immobili di valore pari, sempre in media, a 157.281 euro.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Al via alla Stranieri il corso di aggiornamento dei Lincei

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 ottobre 2018

Perugia. Al via, a palazzo Gallenga dell’Università per Stranieri di Perugia, il corso di aggiornamento del progetto Lincei-Miur che ha coinvolto circa un centinaio di docenti delle scuole secondarie di primo e di secondo grado, provenienti da tutta l’Umbria. A presentare il prestigioso corso, promosso in collaborazione con l’Accademia Nazionale dei Lincei, la prof.ssa Sandra Covino, linguista dell’Università per Stranieri di Perugia che ha ampiamente trattato della “comprensione del testo e sua valutazione nei diversi livelli d’istruzione tra indagini”. “I presupposti teorici alla base delle indagini nazionali e internazionali – ha dichiarato la prof. Sandra Covino – implicano una nozione di lettura che include la comprensione, la riflessione e l’impiego dell’informazione scritta per una varietà di scopi, nella scuola e nella vita, e in una pluralità di situazioni; sul piano didattico – ha precisato – ciò rende necessario proporre ai discenti un’ampia gamma di formati e tipologie testuali, esemplificativa degli usi plurimodali e polifunzionali della lingua nelle situazioni comunicative reali”.Dopo la presentazione generale del corso, la prof.ssa Sandra Covino ha illustrato nel suo intervento i traguardi e gli obiettivi relativi alla lettura, per il primo e per il secondo ciclo di istruzione, previsti nei test INVALSI sull’italiano. Ha poi evidenziato il rapporto della prima parte delle prove (a diversi livelli di scolarità) con i processi della literacy in lettura misurati nelle indagini internazionali (OCSE-PISA e IEA-PIRLS). Si tratta del progetto Lincei-Miur che pone l’attenzione sulla valorizzazione dell’educazione linguistica come chiave di accesso a tutti i saperi disciplinari, in una prospettiva che integri competenze di tipo umanistico e di tipo scientifico. Sono previsti cinque incontri (vedi il calendario al seguente indirizzo: https://goo.gl/iLa2kr ), che, a partire dalle abilità linguistiche e cognitive testate nelle prove INVALSI e dai processi della literacy in lettura misurati in indagini internazionali, proporranno metodi innovativi per l’insegnamento della “grammatica dal testo”, l’arricchimento lessicale e il graduale sviluppo delle capacità di interpretare e utilizzare le strutture linguistico-testuali, superficiali e profonde, che veicolano la trasmissione del significato. L’esemplificazione riguarderà varie tipologie testuali e vari registri stilistici, con particolare riferimento al testo scientifico e al testo letterario. La necessaria modulazione “in verticale” del curriculum sarà evidenziata anche attraverso un approfondimento dedicato all’argomentare, come agire comunicativo, con la presentazione di materiali didattici, distinti per livelli diversi del percorso scolastico e finalizzati alla comprensione e alla produzione di testi argomentativi. I docenti iscritti al corso potranno programmare e sperimentare attività didattiche nelle proprie classi, sulla base dei contenuti, dei metodi e dei materiali proposti e discussi durante gli incontri. Il sesto e ultimo appuntamento sarà infatti un momento di restituzione e verifica, dedicato cioè alla presentazione delle esperienze realizzate con i loro alunni dagli insegnati. I partecipanti ragioneranno con i colleghi e con i tutor del corso sui risultati conseguiti e sulle eventuali difficoltà incontrate, fornendo anche una valutazione sull’efficacia dell’esperienza di aggiornamento compiuta. Erano presenti, tra gli altri, i tutor del corso, Roberto Vetrugno e Daniela Busti.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Alla Stranieri due giornate di studio sull’evoluzione della protezione internazionale

Posted by fidest press agency su sabato, 22 settembre 2018

Perugia 27 settembre ore 14.30 28 settembre ore 9.30 Aula Magna di Palazzo Gallenga. L’evento rappresenta la conclusione di un progetto di ricerca triennale di cui è titolare la prof.ssa Maura Marchegiani, docente di diritto internazionale a palazzo Gallenga, e finanziato dal MIUR.
La prima parte del convegno, con inizio alle ore 14.30, si aprirà con gli interventi di Giandonato Caggiano, docente di diritto dell’UE, all’Università di Roma Tre “La protezione umanitaria dopo la crisi del regolamento Dublino”; degli strumenti geografici per l’analisi dei flussi migratori ne parlerà Chiara Biscarini dell’Università per Stranieri di Perugia, mentre G. Gerli tratterà delle possibili soluzioni alla crisi dei rifugiati in Europa: corridoi umanitari e vie alternative di ingresso.
Nella seconda giornata, (venerdì 28 settembre) sempre in aula magna, con inizio alle 9.30, ad aprire i lavori spetterà al rettore uscente Giovanni Paciullo insieme a Giovanna Zaganelli, direttore del Dipartimento di Scienze Umane e Sociali della Stranieri di Perugia. A seguire interverranno V. Mori dell’Università degli Studi della Tuscia sul tema “Mediterraneo” e “confine”; del ruolo di un think tank internazionale in Africa: le sfide della collaborazione paritaria ne parlerà F. Tessari, responsabile Filippo Tessari della Fondazione ENI per la sostenibilità in Africa; Thaila Poli, dell’UNHCR; Micol Barnabò dell’OIM; MARIO GIRO, ex viceministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.
Tra gli obiettivi del convegno a carattere multidisciplinare anche quello di approfondire lo studio di questo istituto da una prospettiva storica, tecnico-scientifica, giuridica e filosofica. Un focus specifico riguarderà la questione dei corridoi umanitari che sarà trattata anche attraverso la testimonianza di richiedenti asilo arrivati dalla Siria.
Il convegno è aperto a tutti, ma per poter partecipare è necessario effettuare la registrazione al seguente link: https://www.unistrapg.it/it/node/4736 entro il 22 settembre.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Alla Stranieri la presentazione de “Il mago delle lingue”

Posted by fidest press agency su giovedì, 20 settembre 2018

Perugia martedì 25 settembre – ore 15 Sala Goldoni, Palazzo Gallenga. Si tratta di un progetto, finanziato dalla Commissione europea nell’ambito del programma Erasmus, che vede l’Università per Stranieri di Perugia nel ruolo di partner con la supervisione scientifica della prof.ssa Giuliana Grego Bolli, e realizzato da un consorzio di 10 Istituzioni di 4 paesi europei (Germania, Italia, Regno Unito, Spagna) con il coordinamento del Goethe-Institut.
A Palazzo Gallenga saranno presentate le attività progettuali realizzate e il computer game sviluppato, “The Language Magician”, quale strumento che può essere utilizzato nelle scuole primarie europee per la valutazione dei progressi nell’apprendimento delle lingue straniere (inglese, tedesco, spagnolo, francese, italiano) da parte degli alunni. Il gioco “Il mago delle lingue”, (https://www.thelanguagemagician.net/it/) grazie alla narrazione e alla grafica coinvolgente, presenta agli alunni task linguistici da risolvere, in modo divertente e senza timore di essere valutati. Al tempo stesso il docente, in una singola lezione, può raccogliere dati sulle capacità e conoscenze acquisite da un’intera classe nella lingua straniera testata, senza dover correggere nessuna verifica. I risultati, facilmente scaricabili alla fine di ogni sessione di gioco, possono essere utilizzati per valutare le abilità di lettura, scrittura e ascolto.All’evento, rivolto principalmente ai docenti delle scuole primarie umbre e ai dirigenti scolastici, con l’obiettivo di consentire la sperimentazione diretta del gioco online, interverranno la prof.ssa Giuliana Grego Bolli, responsabile scientifico del progetto per l’Ateneo, Anna Cicogna, componente del Team di ricerca, Steven Fawkes, esperto esterno del partner di progetto “Association for Language Learning” (UK), e un rappresentante dell’ufficio scolastico regionale dell’Umbria. A tutti i partecipanti verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sequestro di Persone? No del diritto!

Posted by fidest press agency su domenica, 26 agosto 2018

di Mauro Mellini, già componente del Consiglio Superiore della Magistratura. Fate bene attenzione: se qualcuno bussa alla porta della vostra casa e chiede ospitalità e voi non gli spalancate la porta e quello rimane lì e non se ne va, la procura di Agrigento, che non bada molto alla trascurabile questione per la competenza per territorio, potrebbe accusarvi di sequestro di persona. Credo che Salvini, sempre alla ricerca dello scontro e della rissa che lo pongano al vertice dell’attenzione e dei dibattiti, non arrivasse a sperare tanto. Doppio è l’abuso che la Procura di Agrigento ha fatto dei suoi poteri.
In primo luogo è intervenuta a gamba tesa (ma avendo cura di farlo quando la questione dei migranti recuperati in mare dalla nave Diciotti della Guardia Costiera stava per raggiungere una soluzione) in una questione di esercizio dei poteri politici del governo e dei Ministri nella quale individuare gli estremi di reato in una presunta e pur eventualmente sussistente erroneità dell’indirizzo politico di tutti o qualcuno dei Ministri stessi e di per sé non solo una violazione di un fondamentale principio di separazione è di autonomia dei Poteri dello stato: è addirittura superfluo sottolineare che l’autorizzazione allo sbarco in territorio italiano di stranieri privi di passaporto benché salvati in mare, come quelli del caso in questione, è espressione di una scelta politica che, intanto, non può che implicare responsabilità di tutto il governo.
Ma a questo si aggiunge il ridicolo della formulazione di una ipotesi di reato di sequestro di persone o di arresti illegali nella condotta di mero rifiuto di far sbarcare in Italia quei migranti.
Far consistere il sequestro di persone o, a maggior ragione, il loro arresto illegale nel mero rifiuto di accoglierli nel territorio dello Stato e farne carico al Ministro responsabile dei servizi di vigilanza degli ingressi nel nostro Paese (e non “ si noti” quello da cui dipende la Guardia Costiera ed i comandi delle navi tra cui la Diciotti) ed ipotizzare quindi un sequestro di persone “indiretto” di chi sta sulla nave in attesa di conveniente collocazione, significa o essere pericolosi ignoranti del diritto e spregiatori della razionalità, o pericolosi prevaricatori che del diritto e della razionalità se ne infischiano preoccupati solo di mostrarsi “ superiori” ai poteri che spettano al governo e alle massime Istituzioni della Repubblica. Vi sarebbe da aggiungere che la finalità smarcatamente politica di questo intervento della procura di Agrigento (che non è neppure una delle punte “ dell’oltranzismo giudiziario” è quello che emerge indiscutibilmente con la scelta di Salvini quale “sequestratore indiretto mediante cacciata dei presunti sequestrati” si direbbe che si è preferito aumentare l’evidenza del ridicolo dell’incriminazione per farne carico si fa per dire : credo che Salvini né sarà arcicontento a quello che di tutta la vicenda aveva ed ha il più grande riscontro mediatico ( Per non dire che la procura di Agrigento con il divieto di sbarco dalla nave attraccata prima a Trapani e poi a Catania c’entrava come i cavoli a merenda).
Anche il Partito dei Magistrati è oggi portato ad indirizzare non solo i suoi poteri e le sue aggressioni ma anche i suoi abusi concepiti in modo in cui essi gli procurano maggiore visibilità nella pubblica opinione. Anche quando si tratta di mettersi sotto i piedi diritto e giustizia si vuole farlo con il massimo clamore è il più forte impatto nella pubblica opinione. (Mauro Mellini)

Posted in Diritti/Human rights, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Accordi bilaterali per trasferire nei paesi di origine i detenuti stranieri

Posted by fidest press agency su sabato, 21 luglio 2018

“Siamo contenti che il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede ha accolto la storica proposta di Fratelli di Italia annunciando, nel corso del Question Time, la volontà di procedere ad accordi bilaterali per trasferire nei paesi di origine i detenuti stranieri condannati presenti in Italia anche senza il consenso del detenuto stesso”: lo afferma Edmondo Cirielli, Questore della Camera dei Deputati e responsabile Giustizia di Fratelli di Italia.“Attendiamo fiduciosi il provvedimento in Aula per dare, qualora ce ne fosse bisogno, il nostro contributo a un intervento che chiediamo da tempo” conclude Cirielli.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Negli ultimi 10 anni gli stranieri residenti in Italia sono aumentati di 1,825 milioni

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 luglio 2018

Risultano, quindi, un +57,5%, mentre gli italiani sono diminuiti di 325 mila unità (passando da 55.568 a 55.243 milioni) con un calo dello 0,6%. Considerando che i quasi 5 milioni di residenti stranieri in Italia hanno un’ età media di 34 anni, inferiore di 11 anni a quella degli italiani, l’invecchiamento della popolazione italiana e la bassa natalità sono stati compensati dagli immigrati stranieri di prima e di seconda generazione, anche sul fronte del mercato del lavoro. Edilizia, pulizie e cura degli anziani sono i settori che contribuiscono a garantire ai lavoratori stranieri regolari un tasso di occupazione maggiore (60,6%) rispetto a quello degli italiani (57,7%). Sono questi gli esiti della ricerca “Il lavoro degli stranieri nel 2017, evoluzioni e caratteristiche” realizzata dall’Osservatorio Statistico dei Consulenti del Lavoro.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

«Un terzo della popolazione carceraria in Italia è composto da detenuti stranieri”

Posted by fidest press agency su sabato, 23 giugno 2018

Si tratta di circa 20 mila detenuti stranieri ed ognuno di essi costa alla collettività circa 137 euro al giorno. Sono numeri spaventosi che consigliano di rivedere completamente la normativa e soprattutto di attivare accordi bilaterali con i Paesi di provenienza perché i detenuti stranieri scontino nelle loro galere le sentenze penali italiane. Fratelli d’Italia lavorerà in Commissione Esteri per chiedere che vengano stretti accordi bilaterali in tal senso con tutti i paesi extracomunitari. Sarà necessario anche subordinare la sottoscrizione di ogni accordo bilaterale, qualunque sia il contenuto, alla presenza della clausola del “delinquente a casa sua”. L’Italia non può più permettersi questa spesa, tanto più se si considera che siamo oggetto di sanzioni per il sovraffollamento carcerario. In questo campo chiediamo al Governo Conte netta discontinuità: per la sinistra il problema del sovraffollamento carcerario si risolveva con provvedimenti svuota carceri, per noi rispedendo a casa chi delinque». Lo dichiara Andrea Delmastro, deputato e capogruppo di Fratelli d’Italia in Commissione Affari Esteri alla Camera.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Tutti stranieri, nessuno straniero

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 giugno 2018

Nella lettura biblica prima della festa del Corpus Domini, sabato scorso, Marta Tedeschini Lalli, una suora camaldolese, ha ricordato che in una liturgia romana della Messa, ora non più in uso, c’erano due “epiclesi”, cioè invocazioni, prima della consacrazione; nella prima si chiedeva, come di consueto, che il pane e il vino si trasformassero nel corpo e nel sangue di Cristo, nella seconda si chiedeva che i partecipanti al rito si trasformassero essi nel corpo e nel sangue del Signore: questo infatti è l’eucarestia. Ciò comporta un significativo rovesciamento perché alla luce di questa più acuta percezione della fede, attestata del resto nei primi secoli del cristianesimo dai Padri della Chiesa, il pane e il vino sono quelli che diventano il “corpo mistico” di Cristo, nel “mistero” che non si vede, mentre gli uomini, le donne, i poveri, i popoli, la storia, diventano il “corpo reale di Cristo”, che si vede. “Non è un’immagine, ma è realmente carne” ha scritto di recente la Civiltà Cattolica.
Questa, come cristiani, è la buona ragione per cui amiamo gli uomini e le donne, “presenza reale” di Dio , per cui pensiamo e facciamo politica, ci struggiamo per la storia, e ora anche per l’ecologia, incuranti del falso dibattito se sia più laico chi nomina o chi non nomina Dio, chi non pretende o chi pretende il crocefisso nelle scuole.
Un altro gesuita, Henri De Lubac, commentando un testo della “Didaché”, ci ha trasmesso la celebre analogia: “Come il pane e il vino sono formati da una miriade di chicchi di grano e di gocce spremute da grappoli d’uva, così questa comunità si forma dall’unificarsi di tutte le persone che partecipano all’eucarestia e diventano membri dell’unico corpo di Cristo”. Le analogie non sono innocue; e questa, portata fino in fondo, dice che questa unità si realizza, secondo il gesto compiuto da Gesù, se il pane viene spezzato, e in quanto spezzato viene poi condiviso e così si ristabilisce l’unità.
Così è dell’unità di tutti gli uomini tra loro. Prima essa è spezzata, frantumata, dispersa; poi, in forza della condivisione realizzata tra loro, essi giungeranno all’unità.
Oggi siamo all’umanità spezzata; e mai la sua carne è stata più frantumata e lacerata come da quando celebriamo la libertà della globalizzazione. Si tratta della libertà per cui tutto può andare dappertutto; ma questa libertà di muoversi per tutti i luoghi e in tutte le direzioni, l’abbiamo istituita e riservata solo alle cose: al capitale, alle merci, alle fabbriche depurate dagli operai, alle manifatture, ai servizi, ai call center, ma non l’abbiamo data alle persone. In questa sua attuale forma economica e finanziaria la globalizzazione non può realizzarsi che in forza di un capitalismo integrale, di quel neoliberismo ignaro delle persone e dei corpi che in un altro universo di valori viene chiamato “globalizzazione dell’indifferenza”.
È questa umanità spezzata che va ora ricomposta. Viene perciò il tempo dell’umanità condivisa. Il compito più grande, il vero cambiamento non solo per l’Italia, ma per l’Europa e per il mondo, è di portare all’unità la carne spezzata delle nostre storie divise, mediante culture e politiche di condivisione, estendendo alle persone la libertà di muoversi e di stabilirsi che abbiamo dato alle cose. Per questo lo slogan “Prima l’America”, o uno che fosse “Prima i bianchi”, ma anche, quello oggi più in auge, “Prima i cittadini”, sono contro il nuovo traguardo dell’umano. Perché siamo tutti di colore, e siamo tutti stranieri. Infatti se siamo cittadini per noi, siamo stranieri per gli altri, e perciò ognuno è all’altro straniero, e di conseguenza nessuno è straniero. Certo non è per oggi raggiungere questo traguardo, ma a partire dal nuovo globalismo di oggi, questo è il cammino da iniziare, su questo va giudicato ogni cambiamento e promessa di cambiamento.
Quanto al governo che si è presentato alle Camere, staremo a vedere, con vigilanza, nello stesso spirito con cui abbiamo seguito la lunga crisi seguita alle elezioni del 4 marzo. Avevamo detto nella nostra newsletter n.72 del 7 marzo (“Una felice discontinuità”) di amare tutte e due le Italie uscite dalle urne, raffigurate nelle cartine mostrate in TV, quasi tutta di un colore l’Italia del Nord, tutta d’un altro colore quella del Sud; ora si è fatta viva una terza Italia, contrapposta alle prime due e ferocemente critica del governo che esse hanno fatto insieme; e noi amiamo anche questa, tutte e tre come un’Italia sola, con un amore fatto di stima e di rispetto.
Per questo non siamo d’accordo con i toni alti di chi denuncia una “viltà generale” perché si è permesso che andasse al potere “l’estrema destra razzista e golpista”, descritta come pari o peggio del fascismo, “con o senza distintivo”, cosa non vera; né siamo d’accordo col disprezzo con cui è guardata la nuova maggioranza; né ci ha disturbato la spavalderia di cui sono stati accusati i “Cinque stelle” quando sono saliti tutti compatti alla festa del Quirinale come se entrassero in una terra di conquista; può darsi che dessero questa impressione, ma era la prima volta dalla “inequa” unità d’Italia che il Sud giungesse al Quirinale e nei sacrari del potere non nelle umiliate vesti del Gattopardo.
Ci ha interessato di più l’anatema di Berlusconi che ha accusato l’inedita alleanza costituitasi in italia di “pauperismo e giustizialismo”: un’accusa che va decodificata, perché oggi per mettere alla gogna il buono si dice “buonismo”, per neutralizzare il popolo si dice “populismo”, per invalidare la sovranità si dice “sovranismo” e per liquidare la fede si dice “fideismo”. Così per dire povertà si dice pauperismo, e per dire giustizia si dice giustizialismo. Dunque, così decodificata la condanna di Berlusconi l’accusa alla nuova maggioranza è quella di accorgersi della povertà. di volervi porre rimedio, e di fare giustizia. In verità lotta alla povertà e giustizia sarebbe un magnifico programma di governo, e Berlusconi stesso lo addita deprecandolo, dopo l’opposto messaggio da lui trasmesso per anni con i suoi governi e le sue televisioni. Magari fosse così, fosse questa la cifra del governo, non ne siamo affatto sicuri, e non solo per i limiti suoi e dei suoi attori principali, ma perché dovrebbe cambiare profondamente la cultura non di un’Italia, ma di tutte e tre, e ancor più, non solo dell’Italia, ma dell’Europa e dell’Occidente. Dunque staremo a vedere, con molta vigilanza, sperando sempre che ciò che nasce cresca, che il nuovo non fallisca, che il meglio accada, perché il “tanto peggio tanto meglio” non è solo un ossimoro, è un delitto. (Raniero La Valle fonte: Chiesa di tutti Chiesa dei poveri)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Alla Stranieri la “Giornata della cultura SenzaFrontiere”

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 aprile 2018

Perugia venerdì, 6 aprile, ore 11.00 piazzetta di Palazzo Gallenga. L’Università per stranieri di Perugia promuoverà venerdì 6 aprile, alle ore 11, nella piazzetta di Palazzo Gallenga, la “Giornata della cultura senza frontiere”, un’iniziativa che ripropone il ruolo di Perugia, città multiculturale e la funzione portante dell’Università per Stranieri nel rapporto-dialogo tra i vari Paesi. È intenzione dell’Ateneo perugino istituzionalizzare questa giornata riproponendola per gli anni futuri. Alla manifestazione aperta alla cittadinanza prenderanno parte le associazioni rappresentative del territorio, le autorità comunali e regionali, la scuola di ogni ordine e grado oltre all’intera comunità universitaria. All’evento interverranno il rettore Giovanni Paciullo, il prefetto di Perugia, Raffaele Cannizzaro, l’assessore regionale Antonio Bartolini, il questore di Perugia, Giuseppe Bisogno. Programma della “Giornata della #culturaSenzaFrontiere
Ore 11 Piazzetta di Palazzo Gallenga Interventi e saluti delle autorità
Ore 11.35 Corteo da Palazzo Gallenga a P.zza IV novembre
Ore 12.30 P.zza IV novembre Performance musicale del coro dell’Università, diretto dal M° Alberto Bustos.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Alla Stranieri la presentazione del libro di Guido Rispoli “Indagine sull’eternità”

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 aprile 2018

Perugia venerdì 6 aprile, ore 17 sala Goldoni di palazzo Gallenga presentazione del libro di Guido Rispoli “Indagine sull’eternità”. Ne parlano insieme con l’autore Piercamillo Davigo, don Fausto Sciurpa, coordina Fausto Cardella. L’evento, introdotto dal rettore Giovanni Paciullo, è promosso in collaborazione con l’associazione culturale “L’una e l’altra”.
Dalla prefazione del libro firmata da Piercamillo Davigo si legge: «Il tempo e lo spazio, la materia e l’energia, secondo le attuali teorie della fisica vennero ad esistenza con il big bang. La domanda: ‘che cosa c’era prima?’ non ha senso perché, se il tempo è sorto in quel momento, non può esistere un prima della esistenza del tempo. Il giudizio dell’inquirente alla fine della sua indagine lo scoprirà il lettore seguendo quello che l’autore definisce un divertissement intellettuale, ma che induce a importanti riflessioni. Credo però che sia meglio non anelare all’esito perché, come sempre, la caccia vale più della preda».

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Alla Stranieri una Conversazione sulla traduzione con Claudio Magris

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 marzo 2018

Perugia Giovedì 22 marzo, con inizio alle ore 16.00, nella Sala Goldoni di Palazzo Gallenga Piazza Fortebraccio, 4 dell’Università per Stranieri di Perugia, si terrà una conversazione sulla traduzione con Claudio Magris, studioso dell’Università di Trieste, tra i massimi scrittori italiani viventi, ma anche tra i più tradotti nel mondo, e sarà affiancato dalla sua traduttrice serba Snežana Milinkovic, studiosa dell’Università di Belgrado. Ad introdurre l’iniziativa sarà il rettore della Stranieri, il prof. Giovanni Paciullo.
Magris parlerà della sua opera, e di come questa circoli nel mondo in traduzione. Discuterà della traduzione come scrittura, e della scrittura come traduzione, del fatto che quando si scrive, ma in generale quando si comunica, si sta sempre in qualche modo traducendo. Siamo tutti d’accordo nel dire che la traduzione è tutto, e ogni atto linguistico è traduttivo. L’evento, aperto alla cittadinanza, è organizzato dal corso di laurea magistrale in Traduzione e interpretariato per l’internazionalizzazione dell’impresa. Il corso di laurea magistrale in Traduzione, diretto dal prof. Enrico Terrinoni, unisce le alte competenze accademiche e di ricerca dell’Università per Stranieri con l’esperienza della scuola superiore per mediatori linguistici di Perugia nella formazione di interpreti e traduttori per avvicinare queste figure professionali alle nuove richieste del mondo del lavoro.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »