Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Posts Tagged ‘strasburgo’

Parlamento europeo: sessione del 15-18 luglio 2019

Posted by fidest press agency su domenica, 14 luglio 2019

Strasburgo Anteprima della sessione del 15-18 luglio 2019. Voto sulla candidatura di Ursula von der Leyen a Presidente della Commissione. Qualora venisse eletta dai deputati martedì alle 18.00, Ursula von der Leyen diventerebbe Presidente della Commissione europea per i prossimi cinque anni.
Dibattito sull’assistenza umanitaria nel Mediterraneo. Le operazioni delle ONG nel Mediterraneo e le posizioni divergenti degli Stati membri saranno discusse martedì in Plenaria con il Consiglio e la Commissione.
Audizioni e votazione di due nuovi commissari. La Conferenza dei presidenti di commissione terrà martedì un’audizione con i commissari designati Kadri Simson dall’Estonia e Ioan Mircea Paşcu dalla Romania.
Composizione delle delegazioni interparlamentari del PE Mercoledì alle 12.00, i deputati voteranno la composizione numerica delle delegazioni interparlamentari, mentre le nomine saranno annunciate alle 19.00 dello stesso giorno.
Dibattito sulle priorità della Presidenza finlandese dell’UE. Mercoledì, i deputati discuteranno le priorità della prossima Presidenza finlandese con il Primo Ministro Antti Rinne e la Commissione europea.
Dibattito con Mogherini su Venezuela e Golfo Persico. Martedì pomeriggio, i deputati discuteranno diversi temi di politica estera con il capo della politica estera dell’UE, Federica Mogherini.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Strasburgo: Sessione costitutiva del Parlamento europeo

Posted by fidest press agency su sabato, 29 giugno 2019

Settimana 1 – 7 luglio 2019 Conferenza dei presidenti / Donald Tusk. Il Presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani, ed i leader dei gruppi politici, che formano la Conferenza dei presidenti, si riuniranno domenica a mezzogiorno con il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk in vista del vertice europeo di Bruxelles. Il Presidente del Parlamento europeo si rivolgerà ai capi di Stato o di governo alle 18:00 e terrà una conferenza stampa intorno alle 18:30.
Costituzione del nuovo Parlamento. La prima sessione del nuovo Parlamento inizierà martedì alle 10:00. I deputati selezioneranno otto scrutatori che supervisioneranno l’elezione del Presidente e fisseranno il termine per la presentazione delle candidature alla presidenza del Parlamento. La sessione sarà quindi sospesa fino a mercoledì mattina.
Elezione del presidente del Parlamento europeo. Mercoledì alle 9:00, il Parlamento eleggerà il suo Presidente per i prossimi due anni e mezzo (metà della legislatura). Le candidature alla presidenza possono essere presentate da un gruppo politico o da un ventesimo dei deputati. L’elezione avviene a scrutinio segreto. Per essere eletto, un candidato deve ottenere la maggioranza assoluta dell’emiciclo, vale a dire il 50% più uno dei voti validi espressi (le schede bianche e nulle non contano). Se alle prime tre votazioni nessuno raggiunge tale maggioranza, alla quarta si realizza un ballottaggio tra i due candidati che al turno precedente hanno ricevuto più voti.
Elezione dei vicepresidenti e dei Questori. Dopo l’elezione del Presidente, il Parlamento eleggerà gli altri due principali organismi politici necessari per il funzionamento delle attività del Parlamento: i 14 vicepresidenti e i cinque questori. (Mercoledì e giovedì)
Composizione delle commissioni parlamentari. Il Parlamento voterà la composizione numerica delle sue commissioni e sottocommissioni mercoledì alle 13.00. Le nomine saranno decise dai gruppi politici e annunciate in plenaria lo stesso giorno. Le commissioni terranno le loro riunioni costitutive la settimana seguente a Bruxelles ed in questa occasione eleggeranno i loro presidenti e vicepresidenti. (Mercoledì)
Conclusioni dei vertici europei di giugno. Giovedì mattina i deputati discuteranno i risultati dei vertici del 20-21 giugno e del 30 giugno con il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk ed il presidente della Commissione Jean-Claude Juncker.
Briefing pre-sessione per la stampa. Il servizio stampa del Parlamento terrà un briefing pre-sessione alle 9.30 di martedì (Sala stampa Daphne Caruana Galizia, Strasburgo).

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

A Strasburgo uno schiaffo intollerabile contro l’Italia

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 gennaio 2019

“La risoluzione votata poco fa dall’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa a Strasburgo è uno schiaffo intollerabile contro l’Italia. Un testo pieni di luoghi comuni su mafia e corruzione, a cui si aggiunge una condanna a tutto campo delle politiche migratorie dell’Italia con il solito ritornello finto umanitario. Nemmeno una parola sull’incapacità delle istituzioni europee e internazionali di intervenire per bloccare i flussi, per rimpatriare i clandestini, per creare in Africa gli hotspot in cui distinguere i profughi dai clandestini. Non una parola sul ruolo nefasto delle ONG che aiutano l’invasione né per le ignobili politiche neocolonialiste che la Francia e altri paesi continuano ad attuare in Africa. Per tutte queste ragioni Fratelli d’Italia ha votato convintamente contro questa risoluzione”.
È quanto dichiara Carlo Fidanza, deputato e capodelegazione di Fratelli d’Italia all’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa a margine della plenaria in corso a Strasburgo.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fondo sociale UE: l’UE investa di più nei giovani

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 gennaio 2019

Strasburgo. Il Parlamento propone di aumentare la dotazione del fondo FSE+ del 19% rispetto a quanto proposto dalla Commissione nell’ambito del bilancio a lungo termine dell’UE (2021-2027). Il fondo dovrebbe aumentare da 89.6 miliardi di euro a 106.8 miliardi. Di questi, 105.7 miliardi dovranno essere amministrati in modo congiunto dall’UE e dagli Stati membri.
I deputati vogliono inoltre vedere più risorse dedicate all’occupazione giovanile e garantire pari opportunità ai bambini a rischio di esclusione sociale e povertà.Il mandato per avviare i negoziati con il Consiglio è stato approvato con 543 voti a favore, 81 contrari e 64 astensioni. I deputati ora solleciteranno il Consiglio ad adottare una posizione e avviare i negoziati il prima possibile.
Il Fondo Sociale Europeo investe nei cittadini da oltre 60 anni. Contribuisce all’inclusione sociale, alla lotta alla povertà, all’educazione, ad aumentare le opportunità lavorative e a promuovere le competenze e l’occupazione dei giovani, oltre che a migliorare le condizioni di vita e di salute per una società più equa. I singoli progetti e programmi devono contribuire a migliorare la coesione economica, sociale e territoriale.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lotta al terrorismo: proposte dei deputati per una nuova strategia UE

Posted by fidest press agency su sabato, 15 dicembre 2018

Strasburgo. Dopo la votazione, la correlatrice Monika Hohlmeier (PPE, DE) ha dichiarato: “L’attacco di al mercatino di Natale di Strasburgo ha rappresentato il peggior attacco possibile ai cittadini europei, ai valori comuni e ai principi dell’UE. Questo attentato ci ha dimostrato una volta di più che dobbiamo abbandonare gli slogan e le misure irreali e concentrare le nostre attività su quanto renda davvero sicura l’Europa. Nonostante tutti gli sforzi compiuti negli ultimi anni, sussistono ancora lacune e modi per rendere più efficace la lotta al terrorismo. Ciò significa una cooperazione e uno scambio di informazioni più ampi tra i servizi di intelligence e le autorità, più misure di prevenzione contro la radicalizzazione, strumenti giuridici più severi e una migliore protezione dei diritti delle vittime “.La correlatrice Helga Stevens (ECR, BE) ha dichiarato: “Gli attacchi terroristici nel centro di Strasburgo, ieri sera, evidenziano la minaccia imminente e l’assoluta urgenza di affrontare meglio questa triste realtà. Oggi la nostra relazione è stata votata nella stessa città, la sede del Parlamento europeo. Sono state proposte molte idee innovative, come la lista nera dell’UE per i predicatori di odio, la possibilità di fare controlli incrociati con le banche dati della polizia sulle persone che noleggiano auto e l’inclusione degli aerei privati nella direttiva PNR. Raccomandiamo le migliori pratiche, come le cellule locali anti-radicalizzazione introdotte in Belgio. Mettiamo le vittime al primo posto, chiedendo che le spese mediche siano prepagate in modo automatico dopo un attacco e procedure assicurative più semplici. Questi sono solo alcuni esempi tratti da una relazione esauriente e toccante”.
Negli ultimi anni l’UE ha dovuto affrontare un’ondata senza precedenti di attentati terroristici, che hanno catapultato la questione della sicurezza al centro delle preoccupazioni dei cittadini e hanno evidenziato i problemi di cooperazione e condivisione delle informazioni in questo settore. L’ultima relazione di Europol sulla situazione e sulle tendenze del terrorismo nell’Unione europea (TESAT) afferma che gli attacchi commessi dai jihadisti sono stati i più letali.La commissione speciale sul terrorismo (TERR), che è stata istituita lo scorso anno, è stata incaricata di esaminare, analizzare e valutare la portata della minaccia terroristica sul territorio europeo sulla base dei fatti forniti dalle autorità di contrasto degli Stati membri, dalle agenzie dell’UE competenti in materia e da esperti riconosciuti. Ciò ha compreso una valutazione approfondita delle forze esistenti sul terreno per consentire all’Unione europea e ai suoi Stati membri di rafforzare la capacità di prevenire, indagare e perseguire i reati.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parlamento europeo: Anteprima della sessione plenaria

Posted by fidest press agency su domenica, 21 ottobre 2018

Strasburgo 22 – 25 ottobre 2018: Principali temi all’ordine del giorno:
Divieto d’utilizzo della plastica monouso. Il Parlamento voterà mercoledì il divieto di vendita dei prodotti in plastica monouso come piatti, posate o bastoncini cotonati, che costituiscono il 70% dei rifiuti marini.
Nuove norme per migliorare la qualità dell’acqua del rubinetto. I deputati voteranno martedì una nuova normativa per migliorare la fiducia dei consumatori nell’acqua di rubinetto, più economica e pulita per l’ambiente rispetto all’acqua in bottiglia
Facebook/Cambridge Analytica: le misure per proteggere la privacy dei cittadini. Le misure da adottare per evitare il riprodursi di violazioni della privacy come nel caso Facebook- Cambridge Analytica saranno discusse martedì e votate giovedì.
Fermare la diffusione della resistenza ai farmaci dagli animali all’uomo. La Plenaria voterà giovedì delle proposte per arginare l’uso di antibiotici nelle aziende agricole, in modo da mantenere i batteri resistenti fuori dagli alimenti.
Bilancio UE 2019: focus su giovani, investimenti per la crescita e lavoro. Mercoledì i deputati europei approveranno la loro posizione negoziale sul bilancio UE 2019, prima di avviare i negoziati con i Ministri UE. I deputati discuteranno i risultati del Consiglio europeo di ottobre. Mercoledì mattina, i deputati faranno il punto sui risultati della riunione del 17 e 18 ottobre dei leader UE con il Presidente del Consiglio europeo Donald Tusk.
Futuro dell’Europa: dibattito con Klaus Iohannis. Il Presidente rumeno Klaus Iohannis discuterà il futuro dell’Europa con i deputati, martedì alle 10.30.
Schengen: rafforzare la sicurezza con un miglior sistema d’informazione. Il PE discuterà e voterà l’aggiornamento del Sistema d’informazione Schengen per contribuire alla lotta dell’UE contro terrorismo, criminalità transfrontaliera e migrazione irregolare. (testo completo)
Pedaggio autostradale: le tariffe devono essere basate sulla distanza. Secondo la proposta legislativa in votazione giovedì, i Paesi UE che impongono una tariffazione stradale basata sul tempo dovranno passare a quella basata sulla distanza.
Aumento della violenza neofascista in Europa: voto in Plenaria. I deputati sono preoccupati per l’aumento degli incidenti di odio e intolleranza avvenuti in tutta Europa e chiedono che l’UE reagisca contro la crescente violenza neofascista.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parlamento europeo: Anteprima della sessione plenaria

Posted by fidest press agency su sabato, 29 settembre 2018

Strasburgo 1 – 4 ottobre 2018,Principali temi all’ordine del giorno
Nuovi limiti sulle emissioni di CO2 per auto e furgoni Il PE voterà mercoledì una nuova normativa per ridurre le emissioni di biossido di carbonio prodotte dalle autovetture nuove e aumentare la quota di mercato dei veicoli a zero emissioni.
Nuove norme UE su servizi audiovisivi e piattaforme online I deputati voteranno in via definitiva nuove regole sui servizi audiovisivi per garantire una migliore protezione dei bambini e il 30% di opere europee nei cataloghi online.
I deputati discuteranno le priorità per il Vertice UE del 18-19 ottobre. I deputati discuteranno martedì mattina le priorità per il Summit dei capi di Stato o di governo a Bruxelles, che sarà incentrato su Brexit, migrazione e sicurezza interna.
Stato di diritto in Romania: dibattito sull’indipendenza della magistratura Mercoledì, i deputati discuteranno le recenti riforme giudiziarie in Romania e il loro impatto sulla separazione dei poteri, alla presenza del Primo Ministro Viorica Dăncilă.
Futuro dell’Europa: dibattito con Jüri Ratas Il Primo Ministro estone, Jüri Ratas, discuterà il futuro dell’Europa con i deputati e con il Presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, mercoledì mattina alle 10.00.
I deputati chiedono più fondi per città e regioni che accolgono i migranti. Gli enti locali e regionali hanno generalmente il compito di accogliere e integrare migranti e rifugiati, ma spesso non dispongono del sostegno e dei finanziamenti necessari.
Reddito minimo in Europa: dibattito. Il Parlamento europeo discuterà la possibilità di introdurre un reddito minimo per tutti i cittadini dell’UE.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rule of law in Hungary: debate in plenary

Posted by fidest press agency su martedì, 11 settembre 2018

Strasburgo. Prime Minister Viktor Orbán will be present and give his views to the plenary during the discussion, after the EU Commission’s First Vice-President Frans Timmermans has spoken.It is the first time that the Parliament is considering calling on the EU countries to initiate Article 7 proceedings against a member state in view of a risk of threat to the EU’s values.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Parlamento europeo: sessione plenaria

Posted by fidest press agency su martedì, 11 settembre 2018

Strasburgo Dibattito sullo Stato dell’Unione: l’eredità di Juncker A otto mesi dalle elezioni europee del maggio 2019, i deputati faranno il punto sui risultati raggiunti finora dalla Commissione Juncker.
Dibattito sul futuro dell’Europa con il Primo Ministro greco Alexis Tsipras Martedì mattina, Alexis Tsipras sarà il nono leader dell’UE a discutere il futuro dell’Europa con i deputati europei e il Presidente della Commissione Jean-Claude Juncker.
Il progetto di riforma del diritto d’autore torna in plenaria La plenaria discuterà e voterà la posizione negoziale del Parlamento sulle norme in materia di copyright nel settore digitale.
Via libera al nuovo Corpo europeo di solidarietà. I deputati daranno il via libera definitivo alla riforma del Corpo europeo di solidarietà (CES), che offrirà opportunità di volontariato ai giovani di tutta l’UE.
Stato di diritto in Ungheria: voto su procedura per difesa dei valori UE. Il PE discuterà con il Primo Ministro Viktor Orbán lo Stato di diritto in Ungheria, prima di decidere se chiedere l’attivazione della procedura per contrastare il rischio di una grave violazione dei suoi valori.
Nuove norme UE per combattere il finanziamento del terrorismo. Nuove misure per combattere il finanziamento del terrorismo, impedendo il riciclaggio di denaro e rafforzando i controlli sui flussi di cassa, saranno discusse martedì e votate mercoledì.
Nuove proposte per incrementare il riciclaggio della plastica. I deputati sostengono la creazione di un vero e proprio mercato unico per le plastiche riciclate e propongono misure per affrontare il problema dei rifiuti marini.
Combattere le molestie e il mobbing sessuali.Secondo una proposta di risoluzione in votazione martedì, le vittime di molestie sessuali devono essere incoraggiate a denunciare.
Super-batteri: ulteriori misure per limitare l’uso di antimicrobici. La crescente minaccia rappresentata dai batteri multi-resistenti richiede un’azione a livello europeo per tenere sotto controllo l’uso degli antibiotici. (testo completo)
Libia: dibattito con il capo della politica estera dell’UE Mogherini. L’emergenza in Libia e nel Mediterraneo e gli sforzi dell’UE per proteggere i migranti saranno discussi martedì pomeriggio con Federica Mogherini.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Parlamento europeo: Anteprima della sessione plenaria

Posted by fidest press agency su sabato, 9 giugno 2018

Strasburgo 11-14 giugno 2018. Mark Rutte in Aula per discutere il futuro dell’Europa. Il Primo ministro olandese Mark Rutte sarà il settimo leader UE a discutere del futuro dell’Europa con i deputati e con il Presidente della Commissione Jean-Claude Juncker, mercoledì mattina alle 10.00.
Accordo nucleare con Iran: quali possibilità ha l’UE dopo la decisione di Trump? Martedì i deputati discuteranno con il Capo della politica estera dell’UE, Federica Mogherini, le conseguenze e la risposta dell’UE alla decisione del Presidente Trump di abbandonare l’accordo nucleare con l’Iran.
Consiglio europeo del 28-29 giugno: dibattito su migrazione, eurozona e Brexit
Martedì mattina, i deputati discuteranno le loro priorità in vista della riunione dei leader dell’UE, che si terrà a Bruxelles dal 28 al 29 giugno. Il Vertice sarà incentrato su migrazione, sicurezza e difesa, il bilancio UE a lungo termine, i colloqui Brexit e la riforma dell’Eurozona.
Elezioni europee 2019: nuova ripartizione dei seggi del Parlamento. In base a un progetto di legge che sarà votato mercoledì, il Parlamento europeo dovrebbe ridurre il numero dei propri deputati da 751 a 705, una volta che il Regno Unito avrà lasciato l’Unione europea.
Droni: nuove regole UE su sicurezza e privacy I deputati voteranno nuove norme UE vincolanti per garantire un uso sicuro dei droni e promuoverne lo sviluppo.
I deputati interrogheranno la Commissione sull’Unione economica e monetaria
I deputati interrogheranno martedì la Commissione sui progressi compiuti verso la riforma dell’Unione economica e monetaria, alla luce delle proposte presentate a dicembre e degli sviluppi più recenti.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parlamento europeo: sessione plenaria Strasburgo dal 16 al 19 aprile 2018

Posted by fidest press agency su domenica, 15 aprile 2018

Futuro dell’Europa: dibattito con il Presidente francese Emmanuel Macron. Il Presidente della Repubblica francese sarà il quarto leader europeo a discutere del futuro dell’Europa con i deputati e il Presidente della Commissione Jean-Claude Juncker. Il dibattito avrà luogo martedì mattina.Emmanuel Macron è stato Ministro dell’economia, dell’industria e del digitale da agosto 2014 ad agosto 2016. Come leader del movimento “En Marche!”, da lui fondato il 6 aprile 2016, ha vinto le elezioni presidenziali. Il 7 maggio 2017 Emmanuel Macron è stato eletto ottavo Presidente della Quinta Repubblica francese.Questo dibattito è il quarto di una serie di dibattiti sul futuro dell’Unione tra i Capi di governo dell’UE e i deputati e segue l’intervento del Primo ministro irlandese Leo Varadkar del 17 gennaio, quello del Primo ministro croato Andrej Plenkovic del 6 febbraio e quello del portoghese António Costa del 14 marzo. Il prossimo leader europeo a rivolgersi al Parlamento sarà il Primo Ministro belga Charles Michel, durante la sessione plenaria del 2 e 3 maggio, che si svolgerà a Bruxelles.
Facebook: i deputati discutono dell’uso improprio dei dati personali dei cittadini UE In seguito allo scandalo Facebook-Cambridge Analytica, i deputati discuteranno mercoledì in plenaria la protezione dei dati e la privacy dei cittadini.I deputati sottolineeranno l’importanza della protezione dei dati come difesa contro la manipolazione elettorale. Dovrebbero, inoltre, chiedere nuovamente alla direzione di Facebook di presentarsi al Parlamento europeo.Cambridge Analytica è accusata di aver ottenuto i dati Facebook di milioni di utenti senza il loro permesso per bersagliarli durante le elezioni presidenziali statunitensi del 2016. In totale, le informazioni su Facebook di circa 87 milioni di utenti, di cui 2,7 milioni nell’UE, potrebbero essere state ottenute in modo improprio. Il Presidente del Parlamento Antonio Tajani ha invitato Mark Zuckerberg, Amministratore delegato di Facebook, a presentarsi al Parlamento. La commissione per le libertà civili del Parlamento europeo ha inoltre invitato la società a chiarire la situazione e il suo impatto sulla protezione dei dati dei cittadini dell’UE.
Economia circolare: aumentare il riciclaggio e ridurre uso delle discariche La quota di rifiuti urbani da riciclare passerà dall’attuale 44% al 55% nel 2025, in seguito all’approvazione in via definitiva, mercoledì, di nuove norme UE sull’economia circolare. Migliorare la gestione dei rifiuti può portare benefici all’ambiente, al clima e alla salute, ma non solo. Questo pacchetto legislativo, composto da quattro atti, mira a promuovere la cosiddetta economia circolare.Entro il 2025 almeno il 55% dei rifiuti urbani domestici e commerciali dovrebbe essere riciclato, si legge nel testo. L’obiettivo salirà al 60% nel 2030 e al 65% nel 2035. Il 65% dei materiali di imballaggio dovrà essere riciclato entro il 2025 e il 70% entro il 2030. Vengono fissati inoltre degli obiettivi distinti per materiali di imballaggio specifici, come carta e cartone, plastica, vetro metallo e legno. Sono 497 i chili di rifiuti pro capite prodotti dall’Italia nel 2016, di cui il 27,64% è messo in discariche, il 50,55% viene riciclato o compostato e il 21,81% incenerito.La proposta di legge limita inoltre la quota di rifiuti urbani da smaltire in discarica a un massimo del 10% entro il 2035. Nel 2014, Austria, Belgio, Danimarca, Germania, Olanda e Svezia non hanno inviato praticamente alcun rifiuto in discarica, mentre Cipro, Croazia, Grecia, Lettonia e Malta hanno interrato più di tre quarti dei loro rifiuti urbani.L’Italia nel 2016 ha smaltito in discarica 26,9 milioni di tonnellate di rifiuti, circa 123 chili pro capite che corrispondono al 27,64% della quota di rifiuti prodotti.Economia circolare vuol dire ridurre al minimo i rifiuti, nonché riutilizzare, riparare, mettere a nuovo e riciclare materiali e prodotti già esistenti. Il passaggio a un’economia più circolare ridurrà la pressione sull’ambiente e aumenterà competitività, innovazione e crescita, creando posti di lavoro.
Cambiamento climatico: strategie nazionali per la protezione climatica e forestale. Le emissioni di CO2 provenienti da agricoltura, trasporti, edilizia e rifiuti dovranno essere ridotte del 30% entro il 2030 e la deforestazione nell’UE dovrà essere compensata piantando nuovi alberi.Questi sono gli obiettivi delle due proposte legislative dell’UE che saranno poste in votazione finale martedì.Gli obiettivi dell’Unione devono essere tradotti in obiettivi nazionali vincolanti per quei settori che non rientrano nel sistema comunitario di scambio delle quote di emissione, ossia l’agricoltura, i trasporti, l’edilizia e i rifiuti, che insieme rappresentano circa il 60% delle emissioni di gas a effetto serra dell’UE.I tagli contribuiranno a rispettare l’impegno globale dell’UE di ridurre del 40% le emissioni di gas a effetto serra in tutti i settori rispetto ai livelli del 1990, nel quadro dell’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici.Il Parlamento voterà un’altra proposta di legge volta a ridurre le emissioni di gas a effetto serra e ad aumentare il livello di emissioni assorbite dalle foreste, sempre con l’obiettivo di contrastare il cambiamento climatico.Tale legge stabilisce che i Paesi dell’UE dovranno garantire che la deforestazione sia bilanciata dalla piantagione di nuovi alberi e stabilisce misure per sviluppare il settore per rilanciarel’aumento della capacità di assorbimento di CO2 da parte di foreste, terreni coltivati e pascoli. I deputati hanno rafforzato, durate i negoziati, queste disposizioni, aggiungendo che, a partire dal 2030, gli Stati membri dovranno aumentare l’assorbimento di CO2 per superare le emissioni prodotte, in linea con gli obiettivi a lungo termine dell’UE e l’Accordo di Parigi.
Risparmio energetico nell’edilizia: voto finale su obiettivi 2050. I deputati voteranno le nuove regole per raggiungere entro il 2050 la massima efficienza energetica per gli edifici nell’UE. Con l’approvazione delle nuove regole, gli Stati membri dovranno elaborare strategie nazionali di lungo periodo per sostenere la ristrutturazione degli edifici residenziali e non residenziali. I Paesi dell’UE dovranno seguire una tabella di marcia nazionale che porti a un parco immobiliare decarbonizzato entro il 2050, comprese alcune tappe indicative per il 2030 e il 2040.Promuovere la mobilità elettrica, ridurre le emissioni. Le nuove misure prevedono anche:infrastrutture per la mobilità elettrica, incluso il cablaggio per ricaricare veicoli elettrici nei nuovi edifici non residenziali;l’obiettivo di riduzione delle emissioni nell’UE dell’80-95% un “indicatore smart” per misurare quanto un nuovo edificio sia adattabile ai bisogni dell’inquilino, riducendone il consumo energetico.La direttiva aggiornata sul rendimento energetico nell’edilizia è la prima delle otto proposte legislative contenute nel pacchetto “Energia pulita per tutti gli europei”, lanciato nel novembre 2016, su cui Parlamento e Consiglio hanno raggiunto un accordo provvisorio lo scorso 19 dicembre. L’accordo è stato altresì approvato dai ministri degli Stati membri il 31 gennaio.
Omicidio Ján Kuciak, i deputati chiedono un’azione a tutela dei giornalisti nell’UE I deputati chiederanno giovedì di rafforzare la protezione dei giornalisti in tutta l’UE, come risposta all’omicidio di Ján Kuciak e della sua compagna Martina Kušnírová. Nel dibattito in plenaria del 14 marzo, i deputati hanno chiesto un’indagine internazionale indipendente e approfondita sul doppio omicidio per assicurare alla giustizia i responsabili. Il Parlamento europeo ha insistito sulla necessità di migliori regole, sia a livello nazionale sia a livello europeo, per garantire la sicurezza di giornalisti, blogger e informatori. La risoluzione si baserà anche sui risultati di una delegazione ad hoc di sei deputati recatisi in Slovacchia l’8 e il 9 marzo per esaminare la situazione sul campo. Il Parlamento europeo ha reso omaggio alla memoria di Kuciak e Kušnírová con un minuto di silenzio nel corso della sessione plenaria del 28 febbraio. Il Presidente Antonio Tajani ha condannato con decisione gli omicidi, sottolineando la necessità di garantire la libertà di stampa e invitando le autorità slovacche a scoprire la verità.
Prodotti biologici: nuove regole per aiutare il settore. Le nuove norme sulla certificazione e l’etichettatura dei prodotti biologici saranno discusse mercoledì e votate giovedì. Il regolamento mira a sostenere la produzione biologica nell’UE. La nuova normativa europea sulla produzione e l’etichettatura, già concordata a livello informale nel giugno 2017, migliorerà i controlli lungo tutta la catena di produzione e assicurerà che tutti i prodotti biologici importati rispettino i criteri dell’Unione. La normativa permetterà la certificazione di gruppo per i piccoli produttori, al fine di risparmiar loro tempo e denaro nella conversione al biologico. Mira inoltre ad aumentare la fornitura di sementi e animali biologici sul mercato.Per evitare la contaminazione da pesticidi chimici o fertilizzanti sintetici, gli agricoltori dovranno applicare nuove misure precauzionali oppure rischieranno di perdere la certificazione biologica per i loro prodotti. Come in passato, gli Stati membri potranno continuare a introdurre soglie specifiche per la contaminazione dei prodotti biologici rivolte ai produttori nazionali.Alle aziende agricole miste, cioè quelle che producono prodotti convenzionali e biologici, verrà concesso di continuare ad operare in questo modo, a condizione che le due attività di produzione siano chiaramente ed efficacemente separate.
Emissioni auto: nuove norme UE per evitare ulteriori frodi. Il Parlamento approverà in via definitiva nuove norme per l’omologazione delle auto nell’UE per garantire che tutte quelle in circolazione siano pulite e sicure. Nel dicembre scorso, i negoziatori del Parlamento e del Consiglio hanno concordato una revisione delle regole relative all’omologazione e ai controlli delle autovetture, per correggere i punti deboli delle normative che hanno consentito lo scandalo sulle emissioni. Le nuove norme saranno poste in votazione giovedì.Il regolamento rafforzerà la vigilanza europea sul sistema di omologazione delle autovetture, per garantire che le norme aggiornate siano applicate in modo uniforme ed efficace in tutta l’UE. La proposta mira a rafforzarne l’indipendenza e a prevenire i conflitti di interesse, facendo chiarezza sulle responsabilità delle autorità nazionali di omologazione, dei centri di test e degli organismi di vigilanza del mercato.Ogni paese dell’UE dovrà effettuare un numero minimo di controlli sulle autovetture ogni anno. La Commissione potrà inoltre effettuare controlli e ispezioni sui veicoli per verificarne la conformità e potrà infliggere sanzioni amministrative fino a 30.000 euro per ogni veicolo non conforme.
Antiriciclaggio: obbligo di rendere pubbliche le informazioni sui proprietari effettivi delle aziende. Per contrastare la realtà delle società fittizie, qualsiasi cittadino potrà in futuro avere accesso ai dati sui beneficiari effettivi delle imprese che operano nell’UE. La proposta fa parte di un ampio aggiornamento della direttiva antiriciclaggio, che i deputati discuteranno mercoledì, prima del voto del giorno successivo.Se i deputati daranno il loro assenso, questa sarà la prima volta che i dati sui beneficiari effettivi delle imprese saranno resi pubblici, una mossa volta a eliminare gli accordi finanziari poco chiari che si celano dietro le società fantasma. Altre misure includono una più stretta regolamentazione delle valute virtuali come i Bitcoin e la protezione degli informatori che denunciano il riciclaggio di denaro.
Partiti politici europei: nuove regole per il finanziamento. Nuove regole per garantire un utilizzo corretto del denaro pubblico nei finanziamenti ai partiti e alle fondazioni politiche europee saranno sottoposte a votazione martedì.Il regolamento proposto impedirebbe ai singoli individui di creare partiti europei, permettendone la creazione solo ai partiti nazionali. Ciò serve per impedire che singoli membri di un partito nazionale creino più di un partito europeo con lo scopo di massimizzare l’accesso ai fondi pubblici. Il Parlamento europeo dovrebbe inoltre essere in grado di recuperare gli importi indebitamente versati e le persone colpevoli di frode sarebbero tenute a rimborsare i fondi indebitamente spesi.
Allarme per la caduta dei tassi di vaccinazione nell’UE. Il calo della fiducia del pubblico nella vaccinazione sarà oggetto mercoledì di un dibattito con il Consiglio e con la Commissione. Il Parlamento adotterà una risoluzione giovedì. Il progetto di testo della commissione per l’ambiente e la salute pubblica rileva che i dati epidemiologici mostrano lacune significative sull’accettazione dei vaccini e tassi di copertura insufficienti per garantire che il pubblico sia adeguatamente protetto dalle malattie prevenibili con il vaccino.I deputati sottolineano che una maggiore trasparenza nella valutazione dei vaccini e dei loro coadiuvanti, nel finanziamento di programmi di ricerca indipendenti e dei possibili effetti collaterali dei vaccini contribuirebbe a ripristinare la fiducia nella vaccinazione.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parlamento europeo: Anteprima della sessione plenaria 12-15 marzo 2018

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 marzo 2018

Strasburgo Principali temi all’ordine del giorno:
Il bilancio dopo il 2020 deve essere all’altezza delle ambizioni dell’UE L’UE dovrebbe promuovere programmi di ricerca e aiutare giovani e piccole imprese, sostengono i deputati nella posizione negoziale del PE sul prossimo bilancio a lungo termine, che sarà discussa martedì e votata mercoledì.
Brexit: Il Parlamento approverà la sua posizione sulle future relazioni con il Regno Unito
I deputati discuteranno martedì la loro posizione su un possibile accordo sulle relazioni future UE­-Regno Unito. Una risoluzione sarà votata mercoledì, in vista del Vertice UE del 22 e 23 marzo a Bruxelles.
Tassazione delle aziende: includere le imprese digitali ed eliminare l’evasione. Nel tentativo di prevenire che le imprese spostino la propria base imponibile in giurisdizioni nazionali a bassa tassazione, i deputati voteranno giovedì una revisione del sistema fiscale societario dell’UE.
Sicurezza dei giornalisti e uso improprio dei fondi europei in Slovacchia. A seguito dell’omicidio del giornalista investigativo Ján Kuciak e della sua fidanzata Martina Kušnírová, i deputati dibatteranno mercoledì pomeriggio l’incolumità dei giornalisti in Slovacchia e nell’UE.
Futuro dell’Europa: dibattito con il Primo ministro portoghese António Costa Il Primo ministro del Portogallo, António Costa, sarà il terzo leader dell’UE a discutere il futuro dell’Europa con i deputati. Il dibattito si terrà mercoledì mattina.
Dazi USA su acciaio e alluminio: proteggere posti di lavoro e imprese UE. Il Parlamento discuterà mercoledì con il Commissario europeo per il commercio, Cecilia Malmström, la risposta dell’UE ai dazi addizionali statunitensi sulle importazioni di acciaio e alluminio.
Promozione di Martin Selmayr a Segretario generale della Commissione europea
Finanziamenti “ambiziosi” e strategie su misura per le regioni più povere
I deputati chiedono al regime siriano di porre fine al massacro di Ghouta
Shopping transfrontaliero: confronto tra i prezzi di spedizione
Dibattito sulla violenza contro le donne e sulla ratifica della Convenzione di Istanbul

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Aumenta il target sulle rinnovabili

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 gennaio 2018

strasburgoStrasburgo. Il Parlamento europeo ha votato per aumentare il target Ue sulle rinnovabili dal 27 al 35 percento. Secondo alcune proiezioni, infatti, l’attuale obiettivo – supportato da Consiglio europeo e Commissione – non sarebbe sufficiente per rispettare gli impegni presi dall’Ue con l’Accordo di Parigi.Il Parlamento europeo ha inoltre rafforzato le normative a supporto delle persone che autoproducono energia in casa o unendosi ad una cooperativa. Tra queste, anche regole che renderebbero l’elettricità autoprodotta priva di oneri, prelievi e tasse punitive.«Il Parlamento ha giustamente riconosciuto che l’Ue deve aumentare la quota di rinnovabili se vuole rispettare i suoi impegni sul clima, ma avrebbe dovuto mantenere il focus sulle soluzioni reali, e non su quelle false come i biocombustibili», dichiara Sebastian Mang di Greenpeace Eu. «Nonostante molti governi europei stiano tenendo ancorati i propri Paesi a nucleare e carbone, invece di puntare sulle rinnovabili, il Parlamento sostiene fermamente il diritto dei cittadini di ottenere e vendere energia prodotta dal sole e dal vento».Uno studio redatto da CE Delft e diffuso da Greenpeace nel 2016 mostra come, con il giusto supporto, metà dei cittadini dell’Unione europea potrebbe autoprodurre energia da fonti rinnovabili entro il 2050, coprendo circa il 50 percento della domanda elettrica dell’Ue. Le società elettriche fornirebbero invece il resto dell’elettricità rinnovabile di cui ci sarebbe bisogno.Nonostante i passi in avanti sul target rinnovabili, il Parlamento europeo continua però a sostenere il continuo ricorso in Ue ai biocombustibili. La proposta del Parlamento, ad esempio, consentirebbe agli Stati membri di bruciare interi alberi, abbattuti per essere sfruttati a fini energetici e raggiungere gli obiettivi sulle rinnovabili. Questo nonostante gli scienziati concordino sul fatto che aumenterebbero le emissioni per decenni, contribuendo in modo significativo al degrado delle foreste.I ministri dell’Energia, che avevano raggiunto il loro accordo preliminare sul pacchetto completo di riforma energetica lo scorso 18 dicembre, hanno sin qui sostenuto controverse sovvenzioni per carbone, nucleare e gas e hanno indebolito le proposte per consentire a famiglie, cooperative e municipalità di produrre e vendere la propria energia rinnovabile. I negoziati a tre sui provvedimenti energetici tra Consiglio, Parlamento e Commissione inizieranno nei prossimi mesi.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Strasburgo: Principali temi all’ordine del giorno

Posted by fidest press agency su sabato, 9 dicembre 2017

strasburgo-parlamento-europeoStrasburgo Anteprima della sessione plenaria 11-14 dicembre 2017. Premio Sacharov 2017: premiata l’opposizione democratica in Venezuela L’opposizione democratica venezuelana riceverà il Premio Sacharov per la libertà di pensiero nel corso di una cerimonia che si terrà mercoledì a mezzogiorno.
La Brexit sarà al centro del dibattito sul Consiglio europeo di dicembre I deputati discuteranno mercoledì mattina di difesa, politiche sociali, istruzione, migrazione e Brexit, con il Vicepresidente della Commissione, Frans Timmermans, e con il capo negoziatore EU per la Brexit, Michel Barnier.
Panama Papers: votazione sulle proposte per contrastare le pratiche fiscali illecite Una migliore regolamentazione degli intermediari finanziari, maggiore protezione dei whistle-blower e una definizione unica dei paradisi fiscali sono tra le principali proposte poste in votazione martedì.
Il Parlamento proroga il piano di investimenti per l’UE fino al 2020 Il Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS) sarà prorogato fino al 2020 e integrato con fondi supplementari, per finanziare più progetti che portino ritorni economici e sociali negli Stati membri.
Possibile veto sull’uso di additivi fosfatici nei kebab, in attesa di una valutazione scientifica Il Parlamento deciderà martedì se porre il veto su una proposta della Commissione che mira a consentire l’uso di fosfati nella carne del kebab, a causa dei possibili effetti negativi per la salute.
Migliorare il funzionamento della PAC per agricoltori e consumatori. Proposte per semplificare la politica agricola dell’UE, rafforzare il potere contrattuale degli agricoltori nei confronti dei supermercati e dotarli di migliori strumenti per fronteggiare i rischi, saranno discusse lunedì e votate martedì. Più scelta di contenuti TV e radio online
Abuso sessuale dei minori: eliminare i contenuti online e proteggere i minori migranti
Migranti in Libia: i deputati discuteranno il ruolo dell’UE
Dibattiti su nucleare iraniano, Gerusalemme capitale, rohingya e Afghanistan
Proteggere la libertà di religione e i diritti dei migranti.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parlamento europeo: Anteprima della sessione plenaria

Posted by fidest press agency su lunedì, 3 luglio 2017

strasburgo-parlamento-europeoStrasburgo 3 -6 luglio 2017. Dibattito sul Consiglio europeo del 22 e 23 giugno e preparazione del G20 con i Presidenti Tusk e Juncker I deputati esamineranno le conclusioni del Consiglio europeo di giugno e discuteranno i temi del prossimo G20, con i Presidenti di Consiglio e Commissione
Le priorità della Presidenza estone del Consiglio saranno discusse con il Primo ministro Jüri Ratas Il Primo ministro estone Jüri Ratas presenterà mercoledì ai deputati le priorità in vista della Presidenza del Consiglio dell’UE.
Obsolescenza programmata: proposte per prodotti più duraturi e facili da riparare
I consumatori dovrebbero essere in grado di beneficiare di prodotti duraturi e di alta qualità che possano essere riparati.
La Turchia rischia la sospensione dei colloqui di adesione all’UE. I deputati dovrebbero proporre di sospendere i colloqui d’adesione della Turchia all’UE se i cambiamenti costituzionali approvati col referendum saranno portati avanti.
In aumento le epidemie di HIV, tubercolosi ed epatite C. Le epidemie di HIV, tubercolosi ed epatite C devono essere affrontate in maniera più adeguata a livello europeo, con programmi a lungo termine.
Antiterrorismo: commissione speciale in votazione. Il Parlamento voterà per creare una nuova commissione che si occuperà di antiterrorismo.
Le multinazionali potrebbero dover rivelare quante tasse pagano e in quale paese
Le grandi multinazionali potrebbero essere costrette a fornire informazioni disponibili pubblicamente su dove e su quante tasse pagano, secondo una proposta di regolamento che sarà discussa e votata mercoledì.
Il Fondo UE per affrontare le cause della migrazione.
Come parte del Piano europeo per gli investimenti esterni, il Fondo europeo per lo sviluppo sostenibile (EFSD), tenterà di mobilitare 44 miliardi di euro in investimenti privati verso Stati “fragili”, offrendo una combinazione di sovvenzioni, prestiti e garanzie finanziarie pubbliche, del valore di 3,3 miliardi di euro, per incoraggiare lavoro, crescita e stabilità, affrontando così le cause profonde della migrazione.
Nel corso di recenti negoziati sulle regole operative dell’EFSD, i deputati hanno convinto i ministri UE che il programma deve focalizzarsi su povertà, lavoro, cambiamento climatico e piccole imprese e deve aiutare solo imprese responsabili in linea con gli standard internazionale di trasparenza fiscale.Se le commissioni Affari Esteri, Sviluppo e Bilancio approveranno questo accordo il 3 luglio, la votazione in plenaria avverrà il 6 luglio a Strasburgo.
Utilizzare i 6,4 miliardi di euro non spesi per aiuti ai rifugiati
La proposta di rimborso agli Stati membri dei 6,4 miliardi di euro non spesi del bilancio UE 2016 sarà votata martedì. Secondo le regole UE, l’importo dovrebbe essere restituito ai paesi UE tramite una riduzione dei loro contributi.
Tuttavia, i deputati in un progetto di risoluzione invitano gli Stati membri a utilizzare tali fondi per fronteggiare la crisi dei rifugiati e versare tale importo sui fondi UE creati a tale proposito, come promesso. I deputati hanno espresso preoccupazione in particolare sulla mancata spesa di 4,9 miliardi di euro principalmente in fondi di coesione. Inoltre denunciano una perdita di entrate di 1,5 miliardi di euro dovuta all’impatto negativo della svalutazione della sterlina nei confronti dell’euro.
L’Arabia Saudita membro della commissione ONU per i diritti delle donne
La controversa elezione dell’Arabia Saudita come membro della Commissione ONU sullo status delle donne sarà discussa e votata in plenaria.
I deputati discuteranno con l’Alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri Federica Mogherini l’elezione dell’Arabia Saudita alla Commissione delle Nazioni Unite sullo status delle donne (UNCSW). Il dibattito avrà luogo martedì pomeriggio mentre la votazione si svolgerà mercoledì.In una votazione segreta del 19 aprile, l’ultraconservatore Regno islamico ha ricevuto il sostegno di 47 delle 54 nazioni del Consiglio economico e sociale dell’ONU per la nomina a un mandato di quattro anni (2018-2022) nel principale organismo delle Nazioni Unite per la promozione dell’uguaglianza di genere e per i diritti delle donne.Il Global Gender Gap introdotto dal Forum economico mondiale pone l’Arabia Saudita al 141° posto su 144 Paesi. L’Arabia Saudita è l’unico Paese al mondo dove le donne non possono guidare e, inoltre, a qualsiasi età sono legalmente obbligate ad avere un tutore di sesso maschile incaricato di prendere tutte le decisioni per conto loro.Recentemente l’Arabia Saudita è stata anche rieletta al Consiglio ONU per i diritti umani.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Agenda europea sulla sicurezza

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 maggio 2017

Strasburgo, la Commissione europea presenta la settima relazione sui progressi compiuti verso la creazionestrasburgo di un’autentica ed efficace Unione della sicurezza.
Oltre ad aggiornare sui progressi compiuti sui principali fascicoli, la relazione si concentra sui lavori in corso per migliorare la gestione delle informazioni per le frontiere e la sicurezza, e delinea il nuovo approccio della Commissione verso l’interoperabilità dei sistemi di informazione dell’UE per la sicurezza e la gestione delle frontiere e della migrazione entro il 2020. A seguito del recente attacco informatico su scala mondiale, la relazione sottolinea inoltre l’impegno della Commissione ad accelerare i lavori per riesaminare la strategia dell’UE per la cibersicurezza del 2013 al fine di fornire una risposta efficace alle minacce informatiche. Dimitris Avramopoulos, Commissario responsabile per la Migrazione, gli affari interni e la cittadinanza, ha dichiarato: “Il valore delle nostre informazioni sulla sicurezza viene massimizzato quando i nostri sistemi dialogano tra loro. La complessità e la frammentazione dei sistemi attuali ci rende vulnerabili. Le informazioni utilizzabili non sono sempre a disposizione dei funzionari delle autorità di contrasto che ne hanno bisogno. Oggi presentiamo una visione chiara su come intervenire per rimediare a questo problema e per collegare i punti ed eliminare le zone d’ombra al fine di aumentare la sicurezza dei nostri cittadini in tutta l’UE”.Julian King, Commissario responsabile per l’Unione della sicurezza, ha dichiarato: “I recenti tragici attentati in Europa hanno sottolineato l’importanza di un efficace scambio di informazioni tra le autorità degli Stati membri. L’approccio che delineamo oggi definisce un modo intelligente e mirato per ottimizzare l’uso dei dati esistenti . Quello che proponiamo è un cambiamento radicale del modo in cui gestiamo i dati sulla sicurezza, aiutando così le autorità nazionali ad affrontare meglio le minacce transnazionali e a individuare i terroristi che operano al di là delle frontiere”.
Nell’aprile 2016 la Commissione ha presentato la comunicazione “Sistemi d’informazione più solidi e intelligenti per le frontiere e la sicurezza” e ha avviato i lavori del gruppo di esperti ad alto livello sui sistemi di informazione e l’interoperabilità. Tale gruppo ha presentato la propria relazione l’11 maggio, confermando i punti di vista espressi nella comunicazione dell’aprile 2016 e formulando raccomandazioni per l’interoperabilità dei sistemi di informazione. La relazione odierna passa in rassegna le raccomandazioni del gruppo di esperti ad alto livello e propone la strada da seguire per affrontare le carenze strutturali nell’ambito delle tre aree principali: i) massimizzare l’utilità dei sistemi di informazione esistenti; ii) se necessario, sviluppare sistemi complementari per colmare le lacune in materia di informazione; iii) garantire l’interoperabilità tra i nostri sistemi.L’anno scorso la Commissione ha presentato una serie di proposte per colmare le lacune in materia di informazione, quali la creazione di nuovi sistemi, come il sistema di ingressi/uscite e il sistema europeo di informazione e autorizzazione per i viaggi (ETIAS), e il potenziamento dei sistemi esistenti, quali il sistema d’informazione Schengen, Eurodac e il sistema europeo di informazione sui casellari giudiziari (ECRIS).
La relazione odierna definisce un nuovo approccio per la gestione dei dati, in base al quale tutti i sistemi d’informazione centralizzati dell’UE per la sicurezza e la gestione delle frontiere e della migrazione saranno interoperabili, nel pieno rispetto della protezione dei dati e dei diritti fondamentali. Gli elementi principali di questo approccio sono i seguenti:
il portale di ricerca europeo – che consente di interrogare i sistemi simultaneamente, nel pieno rispetto delle garanzie per la protezione dei dati ed, eventualmente, con norme semplificate per l’accesso ai sistemi da parte delle autorità di contrasto;
il servizio comune di confronto biometrico – che consente di interrogare i diversi sistemi di informazione con dati biometrici, eventualmente con bandierine “hit/no hit” che segnalano il collegamento con dati biometrici correlati presenti in un altro sistema;
l’archivio comune per i dati relativi all’identità – che, sulla base dei dati identificativi alfanumerici (come la data di nascita o il numero di passaporto), consente di individuare se una persona è registrata con identità multiple in banche dati diverse.
L’approccio proposto consentirà di ovviare all’attuale debolezza dell’architettura dell’UE per la gestione dei dati, eliminando le zone d’ombra. Di conseguenza eu-LISA, l’agenzia dell’UE per la gestione dei sistemi di informazione, svolgerà un ruolo fondamentale nel fornire consulenza tecnica e portare avanti i lavori verso l’interoperabilità dei sistemi di informazione. Al fine di consentire a eu-LISA di attuare questo nuovo approccio, nel giugno 2017 la Commissione presenterà una proposta legislativa per rafforzare il mandato dell’agenzia.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dibattito con Juncker e Tusk sui risultati del Vertice UE e sulle sfide per il 2017

Posted by fidest press agency su sabato, 14 gennaio 2017

Strasburgo Dibattito: mercoledì 18 gennaio. I deputati dovrebbero incentrare la discussione sulla sicurezza esterna e interna dell’UE, sugli investimenti nei posti di lavoro e sulla migrazione, ma potrebbero anche affrontare i temi che riguardano le modalità procedurali per i negoziati sulla Brexit, le relazioni UE-Russia, l’Ucraina e i colloqui di riunificazione con Cipro.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parlamento europeo: Elezione del nuovo Presidente, dei vicepresidenti e dei questori

Posted by fidest press agency su sabato, 14 gennaio 2017

strasburgo-parlamento-europeoStrasburgo Votazioni: martedì 17 gennaio e mercoledì 18 gennaio. I deputati sceglieranno il nuovo Presidente del Parlamento europeo per i prossimi due anni e mezzo. Martedì alle 9.00, dopo le presentazioni di tre minuti per ciascun candidato, il Presidente uscente Martin Schulz presiederà le votazioni a scrutinio segreto.
Sette candidati hanno ufficializzato finora la propria candidatura alla presidenza. Nuove candidature potrebbero emergere nel corso di uno qualsiasi dei primi tre scrutini. Qualora nessun candidato avesse ottenuto la maggioranza assoluta dei voti validi espressi nei primi tre scrutini, il Presidente sarà eletto a maggioranza semplice durante un quarto e ultimo turno di votazione, che vedrà al ballottaggio i due candidati che hanno ottenuto più voti nel terzo scrutinio.I candidati al momento sono (in ordine alfabetico):
Eleonora Forenza, Sinistra unitaria europea/Sinistra verde nordica (IT),
Jean Lambert, Verdi/Alleanza libera europea (UK),
Gianni Pittella, Alleanza progressista di Socialisti e Democratici (IT),
Laurenţiu Rebega, Europa delle Nazioni e della Libertà (RO),
Helga Stevens, Conservatori e Riformisti europei (BE),
Antonio Tajani, Partito popolare europeo (IT), e
Guy Verhofstadt, Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l’Europa (BE).
14 vicepresidenti, 5 questori, 22 commissioni
Mercoledì, il Presidente neoeletto presiederà le votazioni elettroniche a scrutinio segreto per eleggere i 14 vicepresidenti e i 5 questori. Verrà inoltre approvata la composizione delle 22 commissioni permanenti.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parlamento europeo: Anteprima della sessione plenaria

Posted by fidest press agency su sabato, 10 dicembre 2016

strasburgo-parlamento-europeoStrasburgo 12-15 dicembre 2016, Principali temi all’ordine del giorno:
Premio Sakharov 2016 del Parlamento europeo alle attiviste yazidi Nadia Murad e Lamiya Aji Bashar, attiviste per i diritti della comunità yazidi in Iraq e sopravvissute alla schiavitù sessuale perpetrata dal sedicente Stato islamico, riceveranno il Premio Sakharov del Parlamento europeo per la libertà di pensiero nel corso di una cerimonia che si terrà martedì a mezzogiorno.
Voto finale sulla riforma del mercato ferroviario. Il Parlamento voterà mercoledì le nuove norme che permetteranno di assegnare la fornitura di servizi nel trasporto ferroviario per passeggeri tramite gare d’appalto e dovrebbero stimolare lo sviluppo di nuovi servizi commerciali.
Non istigare odio contro migranti e rifugiati per fini politici, dicono i deputati. Secondo un progetto di risoluzione sulla situazione dei diritti fondamentali nell’Unione nel 2015 in votazione martedì, i Paesi UE dovrebbero “astenersi dall’istigare paura e odio nei propri cittadini nei confronti dei migranti e dei richiedenti asilo per fini politici”. Più facile reintrodurre il visto d’ingresso UE per i cittadini di paesi terzi. Il Parlamento voterà giovedì nuove regole per consentire alla Commissione e agli Stati membri di reintrodurre l’obbligo di visto per cittadini extra-UE in maniera rapida.
Dibattito pre-Summit su Brexit, migrazione, sicurezza, Russia e investimenti in posti di lavoro. In preparazione del Consiglio europeo del 15 dicembre prossimo, i deputati discuteranno mercoledì mattina le priorità politiche dell’UE, e in particolare la migrazione, la sicurezza, l’economia e la disoccupazione giovanile e gli affari esteri con il Consiglio e la Commissione.
Unione energetica: martedì primo dibattito sul pacchetto “energia pulita” I deputati discuteranno con il vicepresidente della Commissione e responsabile dell’Unione energetica, Maroš Šefčovič le proposte legislative per garantire energia pulita a tutti i cittadini europei.
Porti UE: trasparenza su canoni di utenza e sovvenzioni pubbliche
Agevolare il commercio tessile con l’Uzbekistan
Parassiti delle piante: i deputati chiedono norme più severe per proteggere gli agrumeti comunitari

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Strasburgo: Anteprima della sessione plenaria 21-24 novembre 2016

Posted by fidest press agency su sabato, 19 novembre 2016

Strasburgo Parlamento europeo Principali temi all’ordine del giorno:
Unione europea per la difesa: i deputati solleciteranno i Paesi UE a creare forze multinazionali Nel progetto di risoluzione che sarà discusso lunedì e votato martedì, si afferma che l’UE dovrebbe affrontare il deterioramento della sicurezza all’interno e attorno all’UE, aiutando le sue forze armate a lavorare meglstrasburgo-parlamento-europeoo insieme, come primo passo nella costruzione di una politica di difesa comune. Per i deputati, sarebbe necessario destinare il 2% del PIL alla difesa, creare forze multinazionali e un quartiere generale operativo UE per pianificare il comando e il controllo delle operazioni comuni e per consentire all’UE di agire laddove la NATO non sia disposta a farlo.
Come contrastare la propaganda anti UE di Russia e ISIS Nella risoluzione che sarà discussa martedì e votata mercoledì, si invita l’UE a rispondere alla guerra dell’informazione da parte della Russia e delle organizzazioni terroristiche islamiche con messaggi positivi, con la sensibilizzazione e l’alfabetizzazione mediatica.
Nuovi limiti contro l’inquinamento atmosferico Il Parlamento voterà mercoledì le proposte per limiti nazionali più ambiziosi sulle emissioni delle principali sostanze inquinanti, tra cui NOx, particolato e biossido di zolfo, da raggiungere entro il 2030. Tali limiti sono già stati informalmente concordati con la Presidenza olandese del Consiglio. L’inquinamento atmosferico provoca circa 400 mila morti premature all’anno nell’UE.
strasburgoRelazioni UE-Turchia: quale futuro? In un dibattito con il capo della politica estera dell’UE, Federica Mogherini, previsto per martedì pomeriggio, i deputati potrebbero domandare la sospensione dei negoziati di adesione all’UE o richiedere requisiti aggiuntivi alla Turchia. Il tentativo di colpo di Stato del 15 luglio e il deterioramento della democrazia avvenuto nel paese hanno complicato le relazioni UE-Turchia. Una risoluzione sarà posta in votazione giovedì.
Dibattito con Mario Draghi su crescita ridotta e futuro incerto. I deputati discuteranno lunedì sera con Mario Draghi, Presidente della Banca centrale europea (BCE), la scarsa crescita nella zona euro, geograficamente non uniforme, i tassi di inflazione bassi e la mancanza di investimenti nell’economia reale, nel contesto dell’uscita del Regno Unito dall’UE e dell’incertezza nelle prospettive economiche. Una risoluzione sarà votata martedì.
Priorità economiche dell’UE per il 2017: dibattito con il commissario Valdis Dombrovskis
Nel dibattito di giovedì con il Vice presidente della Commissione Valdis Dombrovskis, i deputati dovrebbero sollecitare la Commissione a dare priorità agli investimenti per l’innovazione, la crescita e la creazione di posti di lavoro, a sostenere le riforme strutturali equilibrate a livello sociale e a incoraggiare le finanze pubbliche responsabili. Dombrovskis dovrebbe presentare le priorità economiche dell’UE per il 2017 e riferire in merito al lavoro di coordinamento degli Stati membri sulla politica economica del “semestre europeo”.
Siria: dibattito con Federica Mogherini
Incarico di Barroso alla Goldman Sachs: dibattito con Emily O’Reilly, Mediatore europeo
Evasione fiscale: i deputati sostengono lo scambio automatico di informazioni per monitorare i proprietari di conti correnti
Norme sul capitale bancario: i deputati chiedono se l’aggiornamento di “Basilea 3” potrebbe ostacolare il prestito
Premio LUX: l’annuncio del vincitore a Strasburgo

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »