Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 330

Posts Tagged ‘striscione’

Greenpeace: scalata al colosseo

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 giugno 2011

Questa mattina all’alba attivisti di Greenpeace hanno scalato il Colosseo per lanciare il loro ultimo messaggio prima del Referendum sul nucleare. Quattro attivisti hanno aperto uno striscione di 300 metri quadri con l’appello: “Italia, ferma il nucleare. vota sì”. Lo striscione è stato calato dalla sommità del secondo ordine degli archi del Colosseo. A supporto dell’azione di Greenpeace sono arrivati anche i ragazzi de ipazzisietevoi.org (http://www.ipazzisietevoi.org) che hanno aperto un altro striscione con lo slogan della loro protesta “I PAZZI SIETE VOI. IL NUCLEARE NON È IL NOSTRO FUTURO”. Sono da poco usciti dal loro rifugio anti-radiazioni, dove hanno vissuto per 28 giorni come se fosse esplosa una centrale nucleare: finestre chiuse, niente cibi freschi, solo internet per comunicare la loro rabbia contro chi vuole imporre i costi del nucleare alle nuove generazioni. Due di loro hanno vissuto nelle ultime due settimane rinchiusi in un grande bidone, costruito da Greenpeace di notte e in segreto sul Pincio a Roma, diventato uno dei simboli più riconoscibili di questa campagna contro il nucleare. La protesta de ipazzisietevoi.org, nata sul web e diffusa attraverso il passa parola sui social media, è cresciuta fino a far raggiungere al sito web le 500mila visite e a farlo diventare uno spazio di confronto e discussione libera sul nucleare, che ha raccolto più di 1500 commenti.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Finale di coppa e il nucleare

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 Mag 2011

Roma. All’inizio della finale di Coppa Italia, attivisti di Greenpeace si sono calati dall’anello di copertura dello stadio Olimpico, aprendo uno striscione di 200 metri quadrati con la scritta “Da Milano a Palermo, fermiamo il nucleare”. La protesta avviene il giorno successivo dell’entrata in vigore del decreto Omnibus con il quale il Governo sta cercando di togliere agli Italiani un diritto sancito dalla Costituzione, quello di votare al Referendum il 12 e 13 giugno sul nucleare. Ma la partita non è ancora chiusa: nei prossimi giorni la Corte di Cassazione deciderà se confermare o meno il referendum.
Greenpeace confida nel giudizio della Corte di Cassazione e auspica che essa confermi il diritto degli italiani a votare al Referendum sul nucleare il prossimo 12 e 13 giugno. Tra l’altro il voto è già iniziato: più di 4 milioni di italiani residenti all’estero hanno già ricevuto la scheda elettorale per votare sul nucleare e la stanno rispedendo alle nostre ambasciate. Interrompere il voto in corsa sarebbe l’ennesimo paradosso causato dalle maldestre manovre del Governo. L’azione all’Olimpico va di pari passo con l’iniziativa dei ipazzisietevoi.org, sette ragazzi che da 17 giorni hanno deciso di vivere reclusi in un rifugio anti-radiazioni come se fosse esplosa una centrale nucleare e comunicano solo attraverso il loro sito internet. Altri attivisti sono rinchiusi da 5 giorni in un enorme bidone nucleare al Pincio, sopra Piazza del Popolo a Roma. “Il coraggio e la determinazione degli attivisti all’Olimpico, dei ragazzi nel rifugio e nel bidone al Pincio vuole essere un esempio di mobilitazione per tutti gli italiani. Se vogliamo fermare per sempre il nucleare in Italia, dovremo impegnarci tutti, in prima persona, perchè al Referendum ci sia un’ampia partecipazione popolare” conclude Barbera.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Coisp manifesta al Viminale

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 luglio 2010

Con un grande striscione esposto davanti al palazzo del Viminale, i poliziotti del COISP – il Sindacato Indipendente di Polizia, hanno chiesto le dimissioni del Ministro dell’Interno Maroni. E’ stato un “assalto” in piena regola, pacifico ma rumoroso, quello messo in atto ier mattina dal COISP, che ha portato davanti al Palazzo del Ministero un esercito di sagome di poliziotti pugnalati alle spalle. Con un volantinaggio il COISP ha denunciato “la grave azione del Governo nei confronti della sicurezza del paese e nei riguardi di chi è costretto a mettere a rischio la propria vita per salvare quella degli altri”. “La manovra finanziaria in discussione alla Camera dopo essere già passata al Senato con l’ennesimo voto di fiducia – spiega ancora il COISP – è assolutamente un’offesa alla specificità del lavoro dei poliziotti tanto propagandata da questo Governo. Il trattamento economico, compreso quello accessorio, bloccato per 4 anni (da una media di 6-7.000 ad oltre 10.000 euro in meno per i poliziotti); l’efficacia ai fini esclusivamente giuridici e non anche economici delle progressioni di carriera che interverranno negli anni 2011, 2012 e 2013 (anche qui in media qualche migliaio di euro in meno per i poliziotti); l’appropriazione di tutti gli stanziamenti sinora accantonati per il riordino delle carriere; le penalizzazioni economiche per il trattamento di fine rapporto, la reale possibilità che le ore di lavoro straordinario e tutte le indennità dovute per corrispondere servizi particolari non vengano pagate. Ed in cambio di tutto il Governo vorrebbe darci appena 80 milioni di euro per il 2011 ed altrettanti per il 2012, e pretenderebbe pure che diciamo grazie!”.
Le sagome del COISP si sono poi trasferite in Piazza Montecitorio, dove si è svolta la manifestazione unitaria delle organizzazioni sindacali del Comparto Sicurezza-Difesa e dei Vigili del Fuoco, per mostrare anche ai Deputati della Repubblica l’indignazione di tutti quegli uomini e quelle donne che quotidianamente garantiscono la sicurezza e la difesa del Paese, anche a sacrificio della propria vita, ricevendo in cambio dal Governo soltanto umiliazioni e mortificazioni. E’ stato l’ultimo appello dei rappresentanti delle Forze dell’Ordine ai rappresentanti del Popolo, perché si impegnino a determinare  un’inversione di rotta e il cambio del testo della manovra Finanziaria, per scongiurare la morte del comparto Sicurezza-Difesa.(coisp)

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Borsellino: eroe nazionale

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 luglio 2010

Il 19 Luglio 1992 Paolo Borsellino, eroe nazionale, veniva brutalmente ucciso in Via d’Amelio assieme alla sua scorta. “Oggi, 18 anni dopo quell’assassinio infame, i ragazzi del MOVIMENTO RES – Roma Europa Sociale – vogliono rendere omaggio a un italiano, che, per amore della verità e della giustizia,  si è scagliato senza riserva alcuna contro un cancro, la mafia, che oggi come allora continua a logorare la nostra società”, così in una nota il portavoce del RES, gruppo di destra vicino al PDL, Andrea Roncella “Il nostro pensiero va alle migliaia di giovani, perchè sempre di più si ispirino a persone, come il magistrato Borsellino, capaci di mettere a rischio la propria vita per un ideale nobile qual’è quello della giustizia, piuttosto che ai troppi “signori” figli della logica del profitto, che, oggi come ieri, occupano i seggi della nostra amata Italia” (striscione)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Blitz donne davanti palazzo Grazioli

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 novembre 2009

Roma Si è conclusa da poco davanti a Palazzo Grazioli, la residenza del premier Silvio Berlusconi, l’azione volante di un centinaio di donne che sfoderando ombrelli rossi  (simbolo internazionale delle lotte delle Sex Workers) striscioni e manifesti hanno inteso manifestare contro il ddl Carfagna sulla prostituzione. L’azione ha colto di sorpresa le forze dell’ordine presenti, che hanno però spintonato le manifestanti strappando loro lo striscione su cui c’era la scritta “Non c’è casa più chiusa di questa”.Il gruppo si è subito dopo disperso.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »