Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Posts Tagged ‘suddivisi’

Il conciliatore specializzato

Posted by fidest press agency su sabato, 4 luglio 2009

4 luglio è una data storica  perchè comincerà a crescere  la riforma del processo civile.  Poca attenzione a questa riforma da parte di molti organi di stampa più preoccupati “al gossip parlamentare”, che  alle grandi riforme del Paese. Il consenso su questa innovazione legislativa, approvata dal parlamento  circa un mese fa, promette  grandi sviluppi, afferma  il Dott. Giovanni Pecoraro presidente della Confederazione delle Associazioni, perchè  ha come primo obiettivo quello di garantire al cittadino una giustizia più rapida ed a costo di zero euro. Uno scenario impressionante quello che si presenta ai conciliatori ai quali è affidato, attraverso l’obbligatorio tentativo di conciliazione, anche, per cause pendenti,  deflazionare il carico dei processi civili che, attualmente è di circa nove milioni suddivisi tra civile e penale e dove la media di durata dei processi è di circa sei anni.  Un atto di accusa da parte del ministro Alfano alla giustizia ordinaria che presenta, nella legge 69/09 una novità di grande rilievo: la conciliazione. O conciliazione o fallimento della giustizia è quanto viene affermato dal Presidente Pecoraro che dice anche, che la conciliazione in italia, pur essendo giovane nell’U.E è gia vecchia. Attraverso la conciliazione, tutte le controversie civili e commerciali,  si  risolvono se, le parti sono d’accordo al massimo entro quattro mesi, dalla data di richiesta, da inoltrare, ad un organismo di conciliazione. La procedura afferma  sempre Pecoraro, è molto semplice e lineare, l’organismo nomina un conciliatore  per competenza, il nominato fissa l’incontro, ascolta le parti, redige il verbale di accordo che diventa  titolo esecutivo omologabile da presidente del tribunale ove ha sede l’organismo. Oggi per alcune controversie è già così, non si ha motivo di dubitare che sarà così anche  dopo l’emanazione dei decreti attuativi. Per la  procedura conciliativa, c.d., non sono previsti costi di giustizia, si paga solo un  compenso ai conciliatori (avvocati, commercialisti o neo laureati in materie giuridiche ed economiche), formatosi conciliatori specializzati attraverso un corso di 40 ore,  con ente formativo accreditato presso il  ministero della giustizia e secondo tariffe depositate presso,  da parte di organismi sotto sorveglianza del medesimo. Questa è stata l’urgenza della riforma, che, ora, punta ad accelerare i tempi dei processi civili ed allinearsi così alla direttiva Europea, che ha reso  obbligatorio l’istituto della conciliazione transfrontaliera, per le controversie civili e commerciali  intercorrente fra soggetti residenti in Stati diversi dell’U.E. L’istituto della conciliazione, infatti,  fa sì che, nei tribunali arrivino meno cause e per le parti che vi arrivano corrono seri rischi pecuniari, perchè sono previste sanzioni per chi allunga i processi con tecniche dilatorie o fa fallire il  tentativo di conciliazione senza ragioni.  Sarà, inoltre, penalizzato chi rifiuta senza motivo un tentativo di conciliazione e chi avvia una lite temeraria.  Il legislatore, entro 24 mesi dovrà adottare decreti legislativi per ridurre i processi civili “che entrano nella giurisdizione ordinaria, regolati dalla legislazione speciale”.  Entro 6 mesi, invece, dovrà legiferare su mediazione e conciliazione in ambito sia civile che commerciale. E Questo è anche il tempo, per chi non lo è già di specializzarsi per poter esercitare questa nuova e affascinante professione  che è: il conciliatore specializzato

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »