Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 235

Posts Tagged ‘summit’

Surreal moments and a rare press conference highlight Trump-Kim summit

Posted by fidest press agency su martedì, 12 giugno 2018

By Pete Vernon. Donald Trump and North Korean leader Kim Jong Un concluded the day of talks by signing an agreement in which Kim promises to rid the Korean peninsula of nuclear weapons. Trump called the agreement “very comprehensive” in a press conference following the signing ceremony, but the text of the document contains no mention of concrete steps the North Korean regime would take to fulfill that pledge.The whirlwind day in Singapore concluded with the president taking nearly an hour of questions from journalists, his first solo press conference in more than a year. Trump appeared confident, celebrating his administration’s accomplishments and brushing off concerns about the US conceding to end military exercises that the US and South Korea conduct in the region. He also claimed that he raised concerns about the North Korean regime’s human rights violations “at length,” though the issue was not mentioned in the agreement.The meeting with Kim began with a handshake, broadcast across the US on network news reports and cable stations (ABC even cut into The Bachelorette to cover the moment). Trump and Kim then walked together to a private meeting, joined only by their respective interpreters. Throughout the day, including at a working lunch with various aides, Trump and Kim were depicted as peers, world leaders discussing issues of global consequence. That, in itself, is a victory for Kim; no sitting US president has ever met with a North Korean leader.While Trump and Kim were meeting, cable news was left with hours of breaking news airtime to fill. In a surreal moment, CNN’s Chris Cuomo, anchoring from New York in his new evening role, spoke with former NBA star Dennis Rodman, one of the only people to have met with both Trump and Kim. Wearing a “Make America Great Again” hat and a T-shirt advertising a marijuana-focused cryptocurrency, Rodman became emotional while speaking about the North Korean dictator’s love for his country. Cuomo then cut to commentary from former Director of National Intelligence James Clapper, who admitted that Rodman possesses unique knowledge of both leaders’ personalities.Trump’s post-meeting press conference began with a propaganda-style video, prepared by the US, painting a rosy picture of North Korea’s possible future. The president then referred to himself as “an emissary of the American people to deliver a message of hope and vision, and a message of peace,” before taking questions from more than two dozen reporters. He appeared relaxed, teasing The Washington Post’s Philip Rucker about negative stories, telling CNN’s Jim Acosta, “Be nice, be respectful,” and thanking One American News’s Emerald Robinson for her network’s favorable coverage. Praising his own deal-making ability and instincts, Trump framed the meeting as a success, and said it was possible he would invite Kim to the White House or travel to Pyongyang himself.After a meeting that seemed unimaginable only a few months ago, there will be plenty to analyze in the hours and days ahead. Details of the agreement Trump and Kim signed are currently being debated on cable news. As for Trump, he closed his press conference by answering a shouted question about his thoughts on the summit, saying, “I feel good. I feel very good.” (font: CJR Editors)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Seeds&Chips e Tetra Pak insieme al Summit sulla Food Innovation

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 aprile 2018

Milano dall’7 all’10 maggio 2018, giunto alla sua quarta edizione, per promuovere un utilizzo consapevole e sostenibile delle risorse del pianeta Tetra Pak® sarà al fianco di Seeds&Chips – The Global Food Innovation Summit, il più importante evento internazionale dedicato alla Food Innovation.
L’evento, che riunirà il meglio della food innovation a livello mondiale, avrà quest’anno un focus speciale sul tema dell’acqua, una delle maggiori sfide dei prossimi anni a livello globale.
Le confezioni di acqua che Seeds&Chips distribuirà durante il Summit sono in cartoni Tetra Pak, azienda leader da oltre sessant’anni nella fornitura di soluzioni per il trattamento e il confezionamento di alimenti e bevande.I contenitori sono costituiti prevalentemente da materiali provenienti da fonti rinnovabili e per il Summit saranno anche “Carbon neutral”. Infatti le emissioni di CO2 equivalente derivanti dalla produzione delle confezioni sono state compensate attraverso la partecipazione ad un progetto di riforestazione del Parco Agricolo Sud nel comune di Gaggiano (30 km a sud ovest di Milano). Questa compensazione contribuirà alla ricreazione di un ecosistema favorevole alla nidificazione e alla nutrizione della varietà di specie di uccelli presenti nell’area e migliorerà la biodiversità oltre che a fornire un’area ricreativa per la comunità locale.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Data from BioTime’s OpRegen® Program to Be Presented at the Fifth Annual Retinal Cell and Gene Therapy Innovation Summit

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 aprile 2018

BioTime, Inc. (NYSE American: BTX), a clinical-stage biotechnology company focused on degenerative diseases, today announced that data from the ongoing OpRegen® trial will be presented at the upcoming Fifth Annual Retinal Cell and Gene Therapy Innovation Summit. The presentation will take place on April 27th, 2018 from 8:15am – 8:30am local time, in Honolulu, Hawaii. The OpRegen® data will be presented by one of our principal investigators, Dr. Eyal Banin, Hadassah Hebrew University Medical Center, Jerusalem, Israel.
The summit takes place just prior to the 2018 annual meeting of the Association for Research in Vision and Ophthalmology, where BioTime is expected to present in two separate sessions. The Retinal Cell and Gene Therapy Innovation Summit is becoming one of the world’s most comprehensive overviews of the promising research underway for emerging gene, cell, and novel therapies targeting multiple degenerative and inherited retinal diseases. The summit will advance collaborative efforts among physicians, industry, and scientists to address the large unmet needs associated with these diseases.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Annual Emerging Technology Summit

Posted by fidest press agency su sabato, 24 febbraio 2018

San Francisco Park Central Hotel in San Francisco on Tuesday, February 27, 2018, at 2:30 p.m. Pacific Time Aspen Technology, Inc. (NASDAQ: AZPN), the asset optimization software company, today announced that Antonio Pietri, President and Chief Executive Officer, and Karl Johnsen, Chief Financial Officer, will present at the KeyBanc Capital Markets 13th Annual Emerging Technology Summit.
AspenTech is a leading software supplier for optimizing asset performance. Our products thrive in complex, industrial environments where it is critical to optimize the asset design, operation and maintenance lifecycle. AspenTech uniquely combines decades of process modeling expertise with big data machine-learning. Our purpose-built software platform automates knowledge work and builds sustainable competitive advantage by delivering high returns over the entire asset lifecycle. As a result, companies in capital-intensive industries can maximize uptime and push the limits of performance, running their assets faster, safer, longer and greener. Visit AspenTech.com to find out more. 2018 Aspen Technology, Inc. AspenTech, aspenONE and the Aspen leaf logo are registered trademarks of Aspen Technology, Inc. All rights reserved. All other trademarks are property of their respective owners.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

2 Day Summit: The Cyber Health Summit

Posted by fidest press agency su sabato, 13 gennaio 2018

miamiMiami. The “The Cyber Health Summit” conference has been added to Research AndMarkets.com’s offering. The Cyber Health Summit is the ONLY TED-Style’ cyber security summit and will take place in March 2018, on Miami’s beachfront. Armed with the sun and sand, we will gather industry leaders to speak, collaborate, teach, lead workshops, roundtables, panels, breakout and interactive sessions. Through this two-day summit, based in collaborative conversation and content, we will create synergistic solutions with endpoint production. We will leave inspired and empowered, armed with a new family to fight the cyberbattlefront.There is an unprecedented vulnerability with the intersection of the cyber network and the clinical setting. Health technology companies are creating woven threads underneath the healthcare umbrella that improve patient care and provider efficiency, but it also creates a breach space with truly no benchmark. This network is expanding at an exponential rate and breach goes beyond loss of revenue, clients, production and has an automatic serious nature. It effects human lives. We must look at how pharmaceutical, technology and clinical innovation, designed with little to no cybersecurity in mind, fits into the larger healthcare spectrum.One of the primary challenges that the industry faces, is the inherent secrecy. We strive to innovate and shake industry issues to their core. Rather than fearing the future, and running corporations with outdated risk, we must shift the industry away from secrecy, toward collaboration and create a culture that values it. Empowering corporate structures to leverage insights will create a platform for attendees and speakers alike, to develop effective and proactive take home strategies.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

5th Edition of the Puerto Rico Investment Summit Reveals Top Speaker Line Up

Posted by fidest press agency su martedì, 5 settembre 2017

puerto rico caraibiThe Puerto Rico Investment Summit, announced its speaker line-up for its 5th edition, to be held on October 9 and 10, at the Puerto Rico Convention Center in San Juan. Speakers include José B. Carrión III, President of PROMESA (Puerto Rico Oversight and Management Board), former Governor Luis G. Fortuño, creator of Act’s 20 and 22, Nicholas Prouty, CEO of Putnam Bridge, a top investor in the Island and international best selling author Johnny Wimbrey, among many others.Brenda González, president of Adworks, said, “This Summit has created an unparalleled learning and networking experience to over 2,000 attendees in its first 4 editions. Taxes, competitive advantages and other incentives are presented by top local and US law and CPA firms, entrepreneurs and adopters of the program. Each year we have new speakers, many of which are now part of this 20/22 ecosystem.”Among the group of presenters and panelists is Richard Cooper, partner at Cleary Gottlieb Steen & Hamilton, recognized by TMA as one of twelve outstanding restructuring lawyers in the U.S. and Noel Zamot, aerospace and defense executive, appointed as Revitalization Coordinator for the Federal Oversight & Management Board for Puerto Rico.Topics at the conference include the International Insurance Center, with Walter Keenan, CEO at Advantage Insurance Holdings, a leading international specialty insurance firm with offices in Puerto Rico; Tourism and Real Estate, will include award winning developer, Federico Stubbe, one of Puerto Rico’s largest developer-builders and manufacturing (Act73) with Lufthansa Technik’s CEO, Pat Foley.PRIS is a private event made possible by the private sector. The event has created an enhanced experience for attendees – with learning, networking opportunities and interactive sessions. The momentum created by the economic landscape that the Island currently faces, is providing great opportunities for investors, not only tax incentives under Act 20 & 22, tourism and real estate and Public Private Partnerships, among others.The Puerto Rico Investment Summit provides a unique platform where investors, executives, government and private companies meet. For more information about the Puerto Rico Investment Summit visit prinvestmentsummit.com

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

DFSA to co-host 2nd Fintech Summit

Posted by fidest press agency su domenica, 27 agosto 2017

dubaiDubai. The Dubai Financial Services Authority (DFSA) will co-host the 2nd Fintech Summit with Naseba, a business facilitation company, on October 30 in Dubai, United Arab Emirates. The summit will provide a platform for the region’s banking, financial services and insurance (BFSI) decision makers to source and evaluate the latest developments in FinTech.The DFSA’s involvement in the summit reflects its efforts to develop an innovation-friendly ecosystem, in alignment with the UAE National Innovation Strategy set out by His Highness Sheikh Mohammed Bin Rashid Al Maktoum, Vice President and Prime Minister of UAE and Ruler of Dubai, to make the UAE a hub for innovation and technology.On August 1, the DFSA launched a bespoke crowdfunding framework for loan and investment platforms, the first in the GCC. The framework has the ability to catalyse growth in the FinTech industry in the UAE and the region, by targeting the specific requirements of crowdfunding platforms. It follows the introduction of the DFSA’s Innovation Testing Licence in May. The special class of financial services licence allows qualifying firms to develop and test innovative FinTech concepts on a restricted basis from within the DIFC, without being subject to all the regulatory requirements that normally apply to regulated firms.The 2nd Fintech Summit is in line with DFSA’s strategic focus on innovation and will provide a platform for the region’s banking, financial services and insurance (BFSI) decision makers to source and evaluate the latest financial technologies.Under the theme ‘Transforming BFSI Enterprises’, the DFSA-sponsored summit will feature keynote addresses from industry thought leaders, as well as pre-scheduled business meetings between FinTech solution providers and BFSI senior executives seeking to adopt FinTech that can benefit their businesses.”Banks in the region have realised that they must adopt new technologies and innovative business models in order to adapt to the changing market,” says Mr. Nicholas Watson, Naseba’s Managing Director. “86% of the 200+ IT executives we surveyed have budgeted at least USD 1 mn (AED 3.6 mn) for FinTech adoption in the next year, with 13% allocating between USD 10 mn (AED 36 mn) and USD 25 mn (AED 91 mn). With DFSA’s support, our platform will provide access to the FinTech innovations enterprises in the region require.”Mr. Bryan Stirewalt, DFSA’s Managing Director of Supervision and a speaker at the summit, noted: “Financial institutions have to harness innovations in technology to improve efficiencies and better solutions and services to customers. The DFSA is opleased to partner with Naseba to offer an appropriate platform to facilitate discussions on latest initiatives in this fast-developing space.”
Other speakers at the summit are the UK Prime Minister’s Ambassador for FinTech, Alastair Lukies, CBE; the COO of Abu Dhabi Islamic Bank, Sagheer Mufti; the SVP of Innovation and FinTech at Emirates NBD, Naimish Shah.The 2nd Fintech Summit is taking at the Park Hyatt Dubai on October 30, 2017 in Dubai. It will bring together over 120 IT stakeholders from BFSI enterprises from across the region for high-level, peer-to-peer industry networking and business facilitation. (photo: dubai)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Italian Pasta Summit China Edition

Posted by fidest press agency su sabato, 26 agosto 2017

chef-MassimoPechino. by Pivari.com. Dal 30 agosto al 1 settembre a Beijing (Pechino) presso il China International Exhibition Center (CIEC NEW) Hall E1 durante AnuFood si svolgerà la seconda edizione dell’Italian Pasta SummitIn Cina, patria della “pasta” fatta in casa (noodle), è di scena, per la seconda edizione, la pasta italiana!40 cuochi, soprattutto cinesi, si affronteranno a Pechino durante AnuFood, dal 30 agosto al 1 settembre, per l’Italian Pasta Summit China Edition.Due i possibili ambiti di sfida: Creative Pasta e Best Pasta dish.Questo importantissimo evento rappresenta un’opportunità unica per “la pasta” il piatto principale della cucina italiana, e di conseguenza per tutta la cucina italiana, di farsi apprezzare sempre più in Cina. E’ inoltre un momento forte di interrelazione e di scambio con una cultura che come noi pone al centro della propria alimentazione la pasta.
Evento fortemente voluto da Chef Massimo ????? (Massimiliano Esposito), presidente della delegazione cinese FIC, dopo lo strabiliante successo ottenuto nella sua prima edizione, è attesissimo dai media cinesi, dalle federazioni, dai cuochi partecipanti, dagli sponsor e soprattutto da curiosi e professionisti che si aggireranno per AnuFood.Riuscire a far conoscere ai cinesi la nostra pasta vuol dire portare loro parte delle nostre tradizioni alimentari. Incuriosirli su uno dei punti forti della nostra cultura e della nostra storia. Apprezzare il nostro cibo è un primo importante passo per poi apprezzare la convivialità, le nostre cose belle (“italian style“), la nostra bella Italia.
Non dimentichiamo che la pasta è alla base della Dieta Mediterranea, riconosciuta patrimonio UNESCO e che mangiare bene vuol dire vivere bene. Se va riconosciuto a chef Massimo il ruolo di “ideatore” non bisogna certo trascurare i ruoli fondamentali di FIC (Federazione Italiana Cuochi) e Koelnmesse, famosa soprattutto per organizzare Anuga, il principale evento food al mondo. (photo: Chef Massimo)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pericolosi passi indietro al G20 di Amburgo

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 agosto 2017

amburgoAmburgo. L’ultimo summit del G20 di Amburgo segna, purtroppo, un grande e pericoloso arretramento sul fronte delle riforme dell’economia e della finanza. Si ha l’impressione che sia stato definito un “commercio internazionale à la carte”. Infatti, nonostante i media abbiano evidenziato il compromesso raggiunto sul commercio estero, secondo noi, non vi è affatto chiarezza. Nel documento si afferma che “continueremo a combattere il protezionismo e tutte le pratiche commerciali scorrette e riconosciamo allo stesso tempo il ruolo degli strumenti di difesa commerciale legittima”, ma sembra proprio che ogni Paese sia legittimato a fare ciò che vuole. Protezionismo no, ma anche sì. Potrebbe aversi una ripresa delle guerre commerciali. L’altro fronte, tanto sbandierato, è quello del clima. Gli Usa hanno bloccato il loro contributo finanziario per la realizzazione del trattato di Parigi, mantenendo un vago impegno ad abbassare le emissioni di co2 nel quadro del sostegno alla propria crescita economica e del miglioramento della propria sicurezza energetica. Ad alcuni può suonare accettabile, ma si tratta di un drastico ritorno alla politica dell’unilateralismo americano. I passi indietro sono ancora più evidenti se si confronta il comunicato di Amburgo con le linee guida e le proposte formulate qualche mese prima a Baden Baden nel summit dei ministri delle finanze e dei governatori delle banche centrali del G20.
Sono del tutto scomparsi alcuni passaggi rilevanti relativi alla politica monetaria. Per non mettere in discussione eventuali prolungamenti del Quantitative easing , non si fa più riferimento al fatto che “la politica monetaria da sola non può portare ad una crescita bilanciata”. Coerentemente con la nuova politica commerciale con meno regole, la dichiarazione finale non menziona più che ”l’eccesso di volatilità e i movimenti disordinati sui tassi di cambio possono avere delle implicazioni negative per la stabilità economica e finanziaria”. Scompare anche la volontà di “trattenersi da svalutazioni competitive e dall’uso dei tassi di cambio per scopi competitivi”.
Scompare il precedente impegno a “ridurre gli eccessivi squilibri economici”. Prima si voleva mitigare i grandi surplus commerciali di alcuni Paesi per non danneggiare gli altri e per evitare eventuali crisi sistemiche.
Nel documento finale non si menziona più “il rafforzamento dei controlli sui flussi di capitale e della gestione dei rischi risultanti da un’eccessiva volatilità del flusso di capitali”. Meno male che si riafferma la necessità di mantenere i controlli su possibili rischi sistemici e sulle vulnerabilità associate al cosiddetto “sistema bancario-ombra”.
Particolarmente grave è l’assenza di ogni riferimento al pericolo rappresentato dai derivati over the counter, notoriamente i più speculativi e destabilizzanti. Mentre a Baden Baden si affermava l’importanza del lavoro del Financial Stability Board nel definire le riforme dei mercati dei derivati otc e si invitava i membri del G20 a completare tempestivamente e a rendere operative in tempi brevi le riforme relative agli otc. Inoltre il G20 ha quasi del tutto ignorato le analisi e le raccomandazioni del Fondo Monetario Internazionale che, poco tempo prima, aveva evidenziato l’importanza della progressiva multipolarità negli affari economici, monetari e commerciali internazionali. Si ricordi che, tra l’altro, il Fondo aveva anche sollevato la questione destabilizzante, divenuta periodica, della volatilità nei flussi di capitali e degli alti debiti pubblici di molti Paesi. Di conseguenza, il Fondo aveva proposto il rafforzamento di una Global Financial Safety Net, che è un insieme di misure per evitare eventuali destabilizzazioni finanziarie. A tal fine poneva l’accento sul ruolo positivamente crescente dei Diritti speciali di prelievo che, com’è noto, sono la moneta internazionale basata su un paniere di valute importanti. Il summit ha anche ignorato le raccomandazioni della Banca dei Regolamenti Internazionali di Basilea che ha evidenziato il rischio rappresentato dal debito globale dei paesi del G20. Si ricordi che, senza contare il settore finanziario, esso è pari a 220% del loro Pil, con un aumento del 40% rispetto al 2007.
Nel documento di Amburgo, purtroppo, non si tiene conto del monito della BRI circa l’aumento del protezionismo: escludendo i dazi, dal 2010 le misure concernenti i regolamenti protettivi e i sussidi, sono quadruplicate. Mentre in dieci anni il commercio internazionale è rimasto fermo al 60% del Pil mondiale.
Si ha l’impressione che il meeting di Amburgo sia stato negativo nei risultati. Tutt’al più è stato uno scenario amplificato per l’ingresso di due nuovi protagonisti, Trump e Macron. (Mario Lettieri già sottosegretario all’Economia e Paolo Raimondi economista)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Seconda edizione dell’Open Innovation Summit

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 giugno 2017

saint vincent casinoSaint-Vincent (Aosta) Venerdì 30 giugno e Sabato 1 luglio Parc Hotel Billia, Saint-Vincent Resort & Casinò seconda edizione dell’Open Innovation Summit, organizzato da Digital Magics, business incubator quotato sul mercato AIM Italia di Borsa Italiana (simbolo: DM). Interverranno: Francesco Maria Cuccia, Capo della Segreteria Tecnica di Carlo Calenda, Ministro dello Sviluppo Economico, Donato Montibello, Consigliere di Giuliano Poletti, Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Progetto Crescere in Digitale; Oscar Pasquali, Capo della Segreteria Tecnica di Valeria Fedeli, Ministro dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca; Domenico Arcuri, Amministratore Delegato di Invitalia, Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa del Ministero dell’Economia, Roberta Cocco, l’Assessore Trasformazione Digitale e Servizi Civici del Comune di Milano, e Francesco Profumo, Presidente della Compagnia di San Paolo, fondazione bancaria e una delle maggiori fondazioni private in Europa che persegue finalità di utilità sociale, allo scopo di favorire lo sviluppo culturale, civile ed economico.
Parteciperanno all’Open Innovation Summit 2017 i vertici di Cisco Italia, Club degli Investitori, Endeavor Italy, EY, Fastweb, growITup, Hub21, IBAN, Innogest, Italia Startup, Leonardo, LVenture Group e LUISS ENLABS, Nana Bianca, Oracle, PoliHub Startup District & Incubator, Politecnico di Torino, QVC, Smau, Talent Garden, Tamburi Investment Partners, Università Telematica Pegaso e Universitas Mercatorum. Il grande evento di networking coinvolgerà i principali protagonisti del digitale, istituzioni, aziende, investitori, incubatori, talenti e neoimprenditori per fare il punto della situazione, in termini evolutivi, di tutto l’ecosistema dell’innovazione italiana. Focus della due giorni sarà la collaborazione virtuosa fra le imprese tradizionali con le startup digitali, che genera valore e innova processi interni, prodotti e servizi aziendali. Si parlerà inoltre di politica, investimenti e innovazione nel settore pubblico; dell’esternalizzazione della Ricerca e Sviluppo nelle grandi imprese; della digital transformation e formazione nella crescita delle PMI italiane e del ruolo degli incubatori.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Global Culture Summit to Be Held in Abu Dhabi

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 marzo 2017

cultureAbu Dhabi, UAE – CultureSummit 2017 Abu Dhabi, the world’s first truly global cultural leadership forum, will kick off in just one month, and will bring together an extraordinary group of the world’s top creative minds to discuss culture and the significant role they play in addressing the universal challenges faced in our present time.
Over the course of five days, from April 9 – 13, 2017, at Manarat Al Saadiyat on Saadiyat Island, Abu Dhabi, nearly 300 participants from over 80 countries around the world, including key players involved in the fields of government, arts, philanthropy, heritage preservation, education, media, science and technology, will explore in a multidisciplinary approach a wide range of topics all focused on answering how cultural tools can be used to help address significant international challenges and seize emerging opportunities.
In tune with Abu Dhabi’s growing cultural presence in the region and the world, CultureSummit 2017 Abu Dhabi will be shaped by the global nature of its audience and participants, its action-driven program, and the live performances it will feature by some of the world’s leading artists. The international initiative seeks to indicate the foundation for a new cultural platform that would encourage new collaborations, bridge cultural gaps between communities, and become an advocate for the arts and artists across the world. The summit will also celebrate and honor the achievements of distinguished leaders for their crucial contributions to cultural diplomacy, and the vital influence their accomplishments have had on the world.
The CultureSummit will be structured into plenary sessions in the morning and interdisciplinary workshops in the afternoon. Giving first-hand accounts from international cultural experts, its program will inquire three main directions: Universality and Uniqueness; Change Agents, Healers and Advocates: The Why of the Arts and Media in the New Global Cultural Reality; and A Day of Vision.
“The UAE may be a relatively young nation,” HE Noura Mohamed Al Kaabi, UAE Minister of State for the Federal National Council, and Chairwoman of the Media Zone Authority and TwoFour54, commented: “but we have been steadily growing and emerging as a foremost regional and world-class hub for culture, technology, and media. The country has blossomed into a melting pot for people from more than 200 different nationalities and backgrounds, all the while preserving our own long history and rich heritage. Moreover, the UAE is now home to A-list international cultural organizations including the Louvre, the Guggenheim, and New York University, among others. The inaugural Global Cultural Leadership Summit, set to be hosted in Abu Dhabi, further cements the UAE’s status as a prestigious international cultural destination. This, in turn, provides ample support for our efforts to start building the future we want right now, as directed by our wise and abudhabiskylineforward-thinking leaders.”
HE Mohamed Khalifa Al Mubarak, Chairman of TCA Abu Dhabi said: “It is our mandate and responsibility to promote Abu Dhabi’s rich cultural heritage and sustain its growing art scene, side by side with the diverse vibrancy of cultures it embraces, and from within its distinctive location in the world. It is through international events like the CultureSummit 2017 Abu Dhabi, that Abu Dhabi’s unique and tireless efforts towards the preservation of culture and advancement for arts are naturally revealed. The program of this summit was carefully and thoroughly curated to ensure a balanced and diverse audience, likely to result in real collaborations and making a long-term difference on shaping cultural outcomes worldwide.”
The global event, presented by Abu Dhabi Tourism & Culture Authority (TCA Abu Dhabi), in conjunction with The FP Group, publishers of Foreign Policy magazine, and TCP Ventures, LLC, a global arts advisory firm, will revolve around defining new ways to promote creativity, and support social development for future generations, all through a constructive and timely engagement of culture. For further information about CultureSummit 2017 Abu Dhabi, go to http://www.culturesummitabudhabi.com. (photo. culture)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parlamento europeo: Preparazione del summit Europeo di marzo

Posted by fidest press agency su martedì, 28 febbraio 2017

european-parliamentBruxelles I gruppi politici si confronteranno, mercoledì, per dare i loro input in vista del prossimo Summit europeo. Misure prioritarie per la crescita, strategia del Mercato Unico (compreso il mercato digitale) e sicurezza interna ed esterna. Questi i principali argomenti che verranno discussi dai leader europei i prossimi 9 e 10 marzo. Reciprocità dei visti con gli Stati Uniti. Gli europarlamentari voteranno giovedì una risoluzione che prevede la reciprocità dei visti con gli Usa e che potrebbe chiedere alla Commissione europea a reintrodurre temporaneamente l’obbligo dei visti per i cittadini statunitensi. In questo modo, si vuole spingere Washington a garantire ai cittadini di tutti i paesi europei l’ingresso negli Usa senza visto. Gli Usa, infatti, al momento obbligano i cittadini di Bulgaria, Croazia, Cipro, Polonia e Romania a fornirsi di visto per l’ingresso nel paese.
Libertà di movimento per i cittadini europei nel Regno Unito. Visto il numero crescente di rapporti del Ministero dell’Interno del Regno Unito secondo cui Londra utilizza un’interpretazione restrittiva del diritto dei cittadini europei a rimanere nell’isola britannica, mercoledì, i gruppi politici discuteranno della questione con la Commissione.
Accesso ai farmaci. Gli europarlamentari discuteranno mercoledì e voteranno giovedì le raccomandazioni per migliorare l’accesso delle persone ai farmaci. I prezzi di nuove medicine sono cresciuti in Europa negli ultimi decenni fino a diventare proibitivi per molti cittadini e, ora, possono minacciare la sostenibilità dei sistemi sanitari nazionali.
Inchiesta sulle emissioni delle automobili. La commissione di inchiesta sulle Misurazioni delle emissioni nel settore automobilistico (EMIS) voterà, martedì, il suo rapporto finale sulle discrepanze tra i test e le emissioni reali delle vetture diesel, con una bozza di raccomandazioni alla Commissione e agli Stati membri per migliorare l’applicazione degli standard. Alle ore 16.00 di martedì ci sarà un punto stampa con il presidente della commissione Emis e i co-relatori. Il testo sarà discusso e votato durante la Plenaria di aprile a Strasburgo.
Riciclaggio di denaro/Finanziamento del terrorismo. Le commissioni Affari economici e monetari e Libertà civili voteranno martedì l’aggiornamento della legislazione europea contro il riciclaggio di denaro, il finanziamento del terrorismo e l’elusione fiscale. Misure che porrebbero fine al segreto sui veri proprietari delle aziende e porterebbero a una maggiore condivisione delle informazioni tra gli Stati membri.
Diritti fondamentali in Ungheria. Gli europarlamentari della commissione Libertà civili discuteranno della situazione dei diritti fondamentali in Ungheria con il ministro della Giustizia magiaro, László Trócsányi, e i rappresentanti della società civile.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Summit di Taormina: riportare la Russia nel G8

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 febbraio 2017

taorminaE’ partita un’iniziativa italiana per il reintegro nel G8 della Federazione Russa. E’ un’iniziativa giusta, opportuna e che tiene conto anche degli interessi del nostro Paese.
I presidenti del Consiglio Italiano del Movimento Europeo (CIME), dell’istituto di ricerche sociali EURISPES e dell’Istituto Italiano per l’Asia e il Mediterraneo (ISIAMED) hanno scritto una lettera aperta al Presidente del Consiglio dei Ministri, Paolo Gentiloni, sollecitando il nostro governo a farsi promotore di azioni affinché il presidente Vladimir Putin possa essere al summit di Taormina, al fine di costruire “ponti” e la necessaria, vera e positiva collaborazione di pace per una efficace cooperazione tra i popoli.
Come è noto, dal primo gennaio l’Italia ha la presidenza del G7, di cui sono membri anche gli Stati Uniti, il Canada, il Giappone, la Germania, la Francia e la Gran Bretagna. Gli altri Paesi dell’Ue sono rappresentati dalla Commissione europea, che, si ricordi, non può ospitare i vertici ne presiederli.
Quindi a maggio a Taormina si terrà il prossimo summit dei capi di stato e di governo con la presenza di nuovi leader mondiali, come il Presidente americano Donald Trump, il prossimo Presidente francese e il Primo ministro inglese Theresa May.
E’ noto che, dal 1998 fino al 2014, al G8 ha partecipato anche la Federazione Russa. A seguito della crisi in Ucraina, del referendum in Crimea e delle conseguenti sanzioni, è stata impedita tale partecipazione.
Pertanto a Taormina, purtroppo, potrebbe non esserci, ancora una volta, il Presidente della Federazione Russa. In merito riteniamo che il meeting potrebbe essere l’occasione per l’Italia per spingere verso la riapertura di un dialogo costruttivo con Mosca. La Russia, non sfugge a nessuno, è un partner importante. Lo è ancor di più per l’Unione europea, se davvero si vuole agire per affrontare le tante questioni globali. La soluzione di problemi quali quello della sicurezza e delle migrazioni e ovviamente quelli relativi ai costruendi nuovi assetti pacifici e multipolari, non può prescindere dal coinvolgimento della Russia.
Si ricordi che il 2016 si è purtroppo chiuso con il massacro terroristico di cittadini inermi nel mercatino di Natale a Berlino e il 2017 è cominciato con l’orrendo attentato di Istanbul. Sono eventi che pongono al centro della politica europea ed internazionale la questione della sicurezza e della pacificazione e risoluzione dei troppi conflitti regionali che, come dice il Papa, nel loro insieme, anche se a pezzi, costituiscono la terza guerra mondiale.
Le grandi istituzioni internazionali, a cominciare dall’ONU e dall’Unione europea, sono chiamate ad assumere delle responsabilità dirette. Ma anche i vertici G20, G7 e G8 sono importanti organismi di coordinamento per affrontare le cause delle tante tensioni legate soprattutto alle maggiori sfide economiche e geopolitiche e dare indicazioni sulle soluzioni più adeguate e condivise.
Perciò riteniamo positivo che il primo ministro Gentiloni abbia già sottolineato la necessità per tutti di abbandonare la logica della guerra fredda, senza rinunciare ai principi, Lo sono anche le recenti dichiarazioni del Ministro degli Esteri, Angelino Alfano, che sembra sollecitare il rientro della Russia nel G8.
Ciò potrebbe aiutare anche la stessa Unione europea a recuperare un ruolo più incisivo nel contesto internazionale. Il vertice di Taormina, città di grande storia proiettata nel Mediterraneo, potrebbe, quindi, essere davvero l’occasione per aprire nuove prospettive di cooperazione e crescita comune.
L’esclusione della Russia sarebbe non solo inopportuna e ingiustificata, ma darebbe l’impressione di una decisione negativa esclusiva dell’Europa, tenuto conto delle più recenti dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti.
Mancando la Russia, oltre alla Cina e all’India che non vi hanno mai fatto parte, il G7 rischia di essere visto nel mondo come un club di amici dell’Occidente. Un club di Paesi che, rispetto al loro Pil, sicuramente occupano le prime posizioni mondiali, ma hanno economie in prolungata stagnazione.
Si rammenti che le perduranti sanzioni incrociate con la Russia penalizzano esclusivamente le economie europee. In proporzione, è l’Italia a rimetterci di più. Se ciò è vero, come è vero, il nostro Paese non può non cogliere l’opportunità di Taormina per assumere un ruolo più incisivo ed avere un maggiore spazio nella scena internazionale, a partire dal Mediterraneo e dalla stessa Europa. (Mario Lettieri già sottosegretario all’Economia e Paolo Raimondi economista)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The Global Cultural Leadership Summit

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 gennaio 2017

Abu Dhabi Sunday, United Arab Emirates April 9th to Thursday, April 13th, 2017.CultureSummit 2017 is the world’s first summit to convene leaders from the worlds of the arts, media, public policy and technology to address the role that culture can play in solving some of the greatest challenges of our time. The invitation-only summit will bring together delegations, live and virtual, representing nearly every region in the world, including appearances by Liz Lerman, Maya Beiser, and Sandeep Das amongst others. We are inviting you to join as a featured participant in which you will play a speaking role in one or more of our sessions. We will be happy to work with you to find the role that will ensure your visit is worthwhile and rewarding. You can learn more about CultureSummit 2017 and our program and objectives by visiting our website.
The event will take at Manarat Al Saadiyat on Saadiyat Island in Abu Dhabi and at other locations throughout the United Arab Emirates. CultureSummit 2017 is hosted by the Abu Dhabi Tourism & Culture Authority and is presented in conjunction with The FP Group, publisher of Foreign Policy magazine and TCP Ventures, LLC, a producer of artistic endeavors and an advisory firm focused on issues associated with arts and culture.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Hotel Technology Summit opens with reaffirming commitment to next-gen travellers experience

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 novembre 2016

nasebaAt a time when many hospitality brands in the Middle East are dealing with economic uncertainty, it is vital to turn to innovation and technology adoption in order to maintain healthy profit margins and even continue to stimulate growth.Today, hospitality leaders from the Middle East gathered at the Park Hyatt in Dubai for the 20th edition of Hotel Technology Summit, organised by business facilitation company Naseba, in partnership with Hospitality Financial & Technology Professionals (HFTP) – the leading global hospitality association and organisers of HITEC, the world’s largest hospitality technology show.
Nancy Wolff, Vice President – Hotel Systems at Jumeirah Group, opened the tech talk discussing the latest technology trends and the need for hoteliers to carefully evaluate upcoming technical opportunities and choose only those that will guarantee an increase in market share and guest experience.As the summit was chaired by Lyle Worthington, CHTP, Global President at Hospitality Financial and Technology Professionals (HFTP), he also moderated a panel discussion on “Smart hospitality solutions to increase profitability in turbulent times”, and noted that as occupancy rates are decreasing, hoteliers are on the lookout for the most effective tools to increase market share, cut costs and acquire and retain guests.After a strong panel discussion, a talk show highlighted the latest technologies to wow guests, improve customer experience and reduce costs while increasing efficiency with the help of Prashant Dutta, Vice President of Information Technology at Mövenpick Hotels and Resorts, and John Rees, Senior Director of Operations MENA at Marriott International. Questions were fired back and forth between the audience and speakers as the attendees tried to understand some of the major trends that are having a large impact on the hospitality industry in the Middle East by making technology infrastructure more flexible and improving overall guest experience.The second panel discussed the most effective practices to secure hotels from cyber threats, featuring contributions from Jeroen Wisse, IT Director Middle East at Accor Hotels Middle East; Nigel Hattersley, Regional Director of IT at Starwood Hotels & Resorts; Roy Verrips, Area Director of Information Systems at Hyatt Hotels; and Mahmoud Kamal, Chief Information Officer at Al Habtoor Hotels.Wisse noted “As in any sector, cyber security within hotels and hospitality businesses is no longer the sole responsibility of IT departments. Cyber security awareness and the mitigation of cyber threats is now, at least in part, the responsibility of every department, and of each individual who handles data as part of their duties. Guests trust us with their private information, and the protection of that information is vitally important in order to maintain that trust.” The interactive panel discussion was followed by a networking business lunch and open business meetings which incorporated live product demonstrations by leading technology solution providers. Attendees concluded the day with a series of interactive round tables and departed with a real sense of progress. They delved into key topics for today’s hoteliers, including hotel asset and inventory management using RFID; innovations in data storage and processing to boost revenue; mobility and cloud computing; and how smart networks can streamline hospitality supply chains. The roundtables benefited from the input of seasoned hospitality leaders like Dimitris Petinos, VP Marketing and International Sales at MCOM Media Communications, Ismail AlKamal, Chief Executive Officer of Nawatt, Emmanuel Clavé, VP GCC & India, Product Director Mobile App / EPOS at Xn protel Systems, Mohammed Ayaz, Division Manager ELV Systems at Ateco.The 20th Hotel Technology Summit was supported by leading sponsors including Ateco, Nawatt, Xn protel Systems, Akamai Technologies, Idiso, Al Maria, MCOM Media Communications, Network International, Pagero and Infor. (photo: naseba)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A Vladivostok Russia e Giappone lavorano insieme. E l’Europa?

Posted by fidest press agency su sabato, 17 settembre 2016

giapponeNon deve sorprendere se la dichiarazione finale del recente summit del G20 tenutosi a Hangzhou in Cina è la solita retorica piena di belle parole e buone intenzioni. Come al solito sono gli Usa, anche con il sostegno non sempre entusiasta dell’Ue e dei Paesi europei, a dettarne il contenuto.
Ciò stride non poco con gli interventi propositivi e concreti di alcuni altri attori, non ultimi la Cina, la Russia e il Giappone.
Il presidente cinese Xi Jinping, alle mere enunciazioni, ha contrapposto i grandi progetti in corso di realizzazione, i corridoi di sviluppo infrastrutturale della Silk Road Economic Belt, che collegheranno l’Oceano Pacifico a quello Atlantico e all’Europa, e quelli della 21st Century Maritime Silk Road,la strada marittima che collegherà la Cina all’India e oltre. E’ importante rilevare che in merito l’Asian Infrastructure Investment Bank è già molto attiva con le sue grandi linee di credito.
Nelle sue parole Xi ha legato la realizzazione di questi grandi progetti e la costruzione di numerose zone di libero scambio sul territorio cinese con l’intenzione di rendere il renminbi una forte moneta internazionale nel quadro di un necessario miglioramento della governance economica globale. Presentando il programma “Blueprint on Innovative Growth” ha delineato con chiarezza i settori prioritari del nuovo sviluppo globale, tra cui “l’innovazione, una nuova rivoluzione scientifica e tecnologica, la trasformazione industriale, l’economia digitale e l’interconnessione delle reti infrastrutturali”.
Per chiarire lo stato reale dell’economia produttiva cinese egli ha ricordato che, nel primo semestre dell’anno, essa è cresciuta del 6,7%. La pochezza e la scarsa portata del summit balzano con nettezza se si considerano i risultati del Forum Economico di Vladivostok tenutosi il giorno prima tra il presidente Putin, il primo ministro giapponese Shinzo Abe, il presidente della Corea del Sud, la signora Park Geun-hye e l’ex pm australiano Kevin Rudd.
Putin ha presentato il suo programma più ambizioso, quello di trasformare il Far East nel centro dello sviluppo sociale ed economico della Russia. Tra i progetti illustrati ci sono la realizzazione congiunta di un “super ring” di infrastrutture energetiche che metterà in relazione Russia, Cina, Corea e Giappone, la costruzione di infrastrutture di trasporto trans-euroasiatiche e regionali, quali i corridoi Primorye 1 e 2 che collegheranno le regioni cinesi del nord e i porti russi, nonché la costruzione della sezione russa della nuova Via della Seta che dovrebbe collegare la Cina all’Europa. Putin ha lanciato ai suoi interlocutori l’idea di realizzare un polo internazionale per le scienze, l’istruzione e le tecnologie sull’isola di Russky di fronte al porto di Vladivostok dove si prevede anche una grande zona di libero scambio.
Sono progetti concreti di indubbia rilevanza che sollecitano ulteriori coinvolgimenti, anche europei, per accelerare la ripresa della crescita globale. Per simili grandi lavori la Russia ha già creato un Far East Development Fund che concederà prestiti al tasso di interesse del 5%, meno della metà del tasso di sconto della Banca centrale russa. Certamente è importante l’accordo siglato con la grande Japan Bank for International Cooperation per finanziare i progetti relativi al porto di Vladivostok che vedono la partecipazione di imprese giapponesi. Tra le altre iniziative concrete c’è il fondo di sviluppo russo-cinese per investimenti nel settore agroalimentare.L’importanza delle joint venture russo-coreane, in particolare quelle negli investimenti di Vladivostok, è stata sottolineata dalla presidente coreana, signora Park, anche in vista dell’apertura del passaggio artico della Northen Sea Route. Ha ricordato inoltre che la politica di isolamento è fondamentalmente sbagliata. Lo dimostrano le esperienze del passato come quella della Grande Depressione quando l’aumento dei dazi da parte di molti Paesi provocò una riduzione del 40% del commercio in 4 anni.Dal resoconto del Forum emerge tuttavia che l’intervento politico più pregante sembra quello pronunciato da Shinzo Abe che ha detto: “Trasformiamo Vladivostok nella porta che unisce l’Eurasia con il Pacifico”. In verità i rapporti e le joint venture tra i due Paesi si sono fortemente consolidati tanto che il governo giapponese ha creato uno specifico Ministero per la cooperazione economica russo- giapponese.Al Forum di Vladivostok l’Unione europea e i Paesi europei erano totalmente assenti, evidenziando ancora una volta, come sottolineato anche da Romano Prodi, “il momento più basso del cammino dell’Europa verso il processo di armonizzazione tra gli Stati”. Il Giappone invece sta dando una grande lezione di politica, non solo economica. Certo, sotto la pressione americana aderì alle sanzioni contro la Russia, ma ora Tokyo si muove in modo del tutto indipendente.
Il continente euroasiatico è per metà europeo, come evidenzia il nome. E’ lecito chiedere quando l’Europa si emanciperà e assumerà il ruolo che dovrebbe naturalmente avere rispetto ai nuovi scenari economici e geopolitici che si stanno profilando? (Mario Lettieri già sottosegretario all’Economia e Paolo Raimondi economista)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gli Emirati Arabi Uniti ospiteranno il Primo Global Cultural Leadership Summit

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 settembre 2016

abu-dhabiAbu Dhabi, EAU, 13 Settembre 2016—Abu Dhabi sarà la sede di un Summit internazionale unico che riunirà i leader mondiali dei governi, del mondo dell’arte e media per confrontarsi sul ruolo che la cultura può svolgere nell’affrontare alcune delle grandi sfide quotidiane. Durante il Summit si analizzerà anche quanto le nuove tecnologie stiano cambiando la natura della cultura e le interazioni culturali mondiali con grandi conseguenze su istruzione, economia, politica e virtualmente su ogni altro aspetto della vita. Nell’annunciare l’evento, S.E. Mohamed Khalifa Al Mubarak, Chairman dell’Abu Dhabi Tourism & Culture Authority (TCA Abu Dhabi), ha dichiarato: “Questo evento sottolinea il nostro impegno sia verso la cultura e le arti, ma anche verso l’esplorazione di nuove problematiche che interessano le nuovi generazioni sia degli EAU che di tutto il mondo.”
L’Evento sarà organizzato da TCA Abu Dhabi e presentato in collaborazione con il Gruppo FP, Editori del Foreign Policy Magazine, e TCP Ventures, LLC, un produttore di iniziative legate all’arte e società di consulenza su arte e cultura.
“Questo evento si integra perfettamente con le altre priorità culturali qui ad Abu Dhabi in particolare con quelle del Distretto Culturale di Saadiyat. Nel suo primo anno proporremo un tema comune, identificando concetti universali e idee che ci legano tutti. Il Summit porterà ad Abu Dhabi un gruppo di pensatori straordinariamente influenti da renderlo unico al mondo”, ha aggiunto Al Mubarak.S.E. Noura Al Kaabi, Ministro di Stato per gli Affari Nazionali Federali del Consiglio e Presidente del Media Zone Authority – Abu Dhabi e twofour54, ha commentato: “Mai prima d’ora c’è stato un evento dedicato al ruolo della leadership culturale globale negli affari mondiali. Abu Dhabi è un hub di diversità culturali, di dialogo e scambio, che la rende il luogo ideale per accogliere i nostri amici internazionali e dell’area limitrofa per rafforzare questo importante confronto. Riteniamo che coinvolgere sia la comunità regionale e quella internazionale sia fondamentale per raggiungere un futuro in cui la coerenza e la tolleranza sono la nuova normalità. Sono onorata di far parte di questo evento pioneristico”.
L’Evento si svolgerà dal 09 al 13 aprile a Manarat Al Saadiyat sull’isola di Saadiyat ad Abu Dhabi e in altri luoghi culturali selezionati in tutti gli Emirati Arabi Uniti (foto: Abu Dhabi)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Summit internazionale a Roma sulla valvola aortica

Posted by fidest press agency su mercoledì, 29 giugno 2016

valvola-aortica-stenosiÈ prepotentemente balzata agli onori della cronaca per il recentissimo intervento cardiochirurgico cui è stato sottoposto l’ex premier Silvio Berlusconi, ma la valvola aortica, e soprattutto le malattie che possono colpire questa e le altre valvole cardiache sono ancora delle perfette sconosciute, nel nostro Paese. Basti dire che, secondo un’indagine condotta lo scorso anno in Europa, Italia inclusa, su un campione di ultrasessantenni, i più frequentemente soggetti a queste forme, solo il 3,6% degli intervistati italiani (3% il dato complessivo europeo) ha dichiarato di considerare con preoccupazione una tale evenienza. Inoltre, solo il 5% dei connazionali ritiene che la stenosi aortica, la più comune tra le malattie delle valvole cardiache, possa essere pericolosa e letale, benché nella sua forma grave lo sia più di molti tumori, di gran lunga più temuti e considerati dai cittadini.
“Questi dati non stupiscono. Infatti, sino al 9 giugno pochi Italiani, come la maggior parte di quelli che opero quotidianamente, conoscevano la stenosi aortica, l’insufficienza aortica o quella della valvola mitrale”, dice Ruggero De Paulis, coordinatore del Gruppo malattie vascolari dell’ EACTS, l’Associazione europea di chirurgia cardio-toracica, che ha organizzato l’incontro “Un viaggio intorno alla valvola aortica”, che riunisce da ieri nella capitale alcuni tra i maggiori cardiochirurghi internazionali, per una due giorni di approfondimento sulle nuove tecniche, tecnologie e novità dalla ricerca scientifica nella cura delle malattie della valvola aortica. “Eppure, in Italia si stima che 300.000 persone soffrano di stenosi aortica: il restringimento della valvola provocato da depositi di calcio, che altera la funzionalità della struttura preposta a regolare l’afflusso di sangue ai vari distretti dell’organismo. E siano circa 50.000 quelli con la forma più grave, che necessita di intervento chirurgico”, aggiunge De Paulis.
La valvola aortica regola il flusso del sangue dal ventricolo sinistro del cuore alla periferia; tralasciando le anomalie congenite, che portano ad un suo più rapido deterioramento, la valvola aortica può comunque ammalarsi con l’avanzare dell’età. La più comune malattia aortica è causata dalla “calcificazione aortica” che, per il deposito di calcio sui suoi lembi, provoca il progressivo restringimento del diametro della valvola e ne limita il movimento di apertura (stenosi) o di chiusura (insufficienza o rigurgito, ciò che è accaduto a Silvio Berlusconi). “In questi casi di malfunzionamento si procede, in genere, con un intervento per sostituire la valvola danneggiata. Ciò è possibile per due strade: la sostituzione chirurgica, a cuore aperto o con procedura minimamente invasiva, e quella per via transcatetere, nota come TAVI. In Italia si effettuano circa 15-18.000 interventi di sostituzione valvolare aortica ogni anno”, spiega De Paulis.“Nei casi di insufficienza valvolare, soprattutto nei gruppi di pazienti più giovani, è sempre più frequente, d’altro canto, la possibilità di riuscire a riparare la valvola aortica, così come si fa per la valvola mitrale, senza ricorrere alla sua sostituzione. Dopo aver eseguito un attento esame delle condizioni della valvola malata con le tecniche di indagine moderne, come la TAC o l’ecocardiografia, è possibile procedere ad una sua riparazione. In pratica, negli ultimi anni si sono fatti passi avanti nelle conoscenze sul normale funzionamento della radice aortica e cioè di quella prima porzione dell’aorta che contiene non solo la valvola aortica, ma anche l’origine delle arterie coronarie. Ciò ha permesso di poter agire e quindi correggere in modo selettivo quelle strutture anatomiche responsabili dell’insufficienza valvolare. A ciò vanno poi aggiunti gesti tecnici artigianali o ‘sartoriali’ che mirano a ricostruire un normale aspetto e quindi un normale funzionamento dei lembi valvolari”, dice ancora De Paulis. “Le nuove frontiere, invece, sono rappresentate dall’applicazione della tecnologia robotica, che permette interventi robot-assistiti già applicati con successo da alcuni anni alla riparazione della valvola mitrale, l’utilizzo della stampa in 3D che può permettere, ad esempio, di ricostruire associandola alla tomografia computerizzata modelli di strutture come l’arco dell’aorta o le valvole stesse e studiare in fase preoperatoria quale sia il più efficace metodo di intervento; per finire con l’applicazione della realtà aumentata che, associando le tecniche di indagine di tomografia computerizzata agli ‘occhiali-video’ adoperati per vivere le esperienze di realtà virtuale, possono permettere al chirurgo di avere informazioni aggiuntive e di raggiungere al meglio e intervenire sui vasi o le strutture più difficili da visualizzare nel campo operatorio. Tutto questo non è fantascienza, ma già oggi realtà della quale stiamo discutendo qui a Roma”, conclude De Paulis.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A Pisa un summit internazionale per comprendere le cause dell’infarto

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 giugno 2016

pisaSi svolgerà a Pisa dal 16 al 18 giugno il quarto “International Summit on Ischemic Heart Disease”, dedicato all’ischemia cardiaca. L’ischemia indica una riduzione della quantità di sangue e ossigeno che arriva al cuore, dovuta al restringimento di una coronaria: la conseguenza più grave è l’infarto. Il restringimento dell’arteria è considerata una malattia da deposito di colesterolo, quindi provocata dall’aterosclerosi, ma questa condizione oggi non è più indicata come l’unico determinante per l’ischemia cardiaca. Si è capito infatti che l’aterosclerosi è in realtà un processo infiammatorio attivo, responsabile dell’evoluzione e delle complicazioni delle lesioni arteriose, e negli ultimi anni è stata rivolta una particolare attenzione al microcircolo coronarico, che può contribuire all’insorgenza di ischemia miocardica anche in assenza di aterosclerosi. Con queste premesse, si può capire perché un intervento di rivascolarizzazione di una coronaria chiusa può risolvere provvisoriamente un’angina o un’ischemia, ma non è in grado di proteggere da eventi trombociti successivi e nemmeno di eliminare la malattia. Il rischio quindi è che i problemi cardiaci possano ripresentarsi nonostante il trattamento.A partire da queste premesse, lo scopo del quarto “International Summit on Ischemic Heart Disease” è di esplorare le diverse cause dell’ischemia sia per avere una diagnosi più precisa, sia per Individuare nuove terapie. L’evento, organizzato dal Dipartimento Cardio Toracico dell’Università degli Studi di Pisa e promosso dalla Fondazione Internazionale Menarini, si svolge dal 16 al 18 giugno 2016 all’Auditorium “G. Toniolo”, Opera della Primaziale, Piazza Duomo 17, Pisa.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A Pisa un summit internazionale per comprendere le cause dell’infarto

Posted by fidest press agency su martedì, 7 giugno 2016

pisaSi svolgerà a Pisa dal 16 al 18 giugno il quarto “International Summit on Ischemic Heart Disease”, dedicato all’ischemia cardiaca. L’ischemia indica una riduzione della quantità di sangue e ossigeno che arriva al cuore, dovuta al restringimento di una coronaria: la conseguenza più grave è l’infarto. Il restringimento dell’arteria è considerata una malattia da deposito di colesterolo, quindi provocata dall’aterosclerosi, ma questa condizione oggi non è più indicata come l’unico determinante per l’ischemia cardiaca. Si è capito infatti che l’aterosclerosi è in realtà un processo infiammatorio attivo, responsabile dell’evoluzione e delle complicazioni delle lesioni arteriose, e negli ultimi anni è stata rivolta una particolare attenzione al microcircolo coronarico, che può contribuire all’insorgenza di ischemia miocardica anche in assenza di aterosclerosi. Con queste premesse, si può capire perché un intervento di rivascolarizzazione di una coronaria chiusa può risolvere provvisoriamente un’angina o un’ischemia, ma non è in grado di proteggere da eventi trombociti successivi e nemmeno di eliminare la malattia. Il rischio quindi è che i problemi cardiaci possano ripresentarsi nonostante il trattamento.A partire da queste premesse, lo scopo del quarto “International Summit on Ischemic Heart Disease” è di esplorare le diverse cause dell’ischemia sia per avere una diagnosi più precisa, sia per Individuare nuove terapie. L’evento, organizzato dal Dipartimento Cardio Toracico dell’Università degli Studi di Pisa e promosso dalla Fondazione Internazionale Menarini, si svolge dal 16 al 18 giugno 2016 all’Auditorium “G. Toniolo”, Opera della Primaziale, Piazza Duomo 17, Pisa.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »