Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Posts Tagged ‘supporti’

Certificati medici on line: compensi

Posted by fidest press agency su martedì, 28 giugno 2011

Nessun compenso per la pratica di invio dei certificati medici online, ma solo spese extra per il corretto funzionamento di supporti tecnologici ed informatici. I medici di medicina generale, infatti, inoltrano regolarmente all’Inps la documentazione telematica tramite il Sistema di Accoglienza Centrale (Sac). Attività che non prevede alcuna remunerazione e che, come se non bastasse, costringe i camici bianchi a sostenere costi aggiuntivi relativi ai mezzi informatici. Il tutto eseguito con un rilevante impiego di tempo e di energie a scapito dell’assistenza sanitaria dei pazienti. Per questi motivi il Sindacato dei Medici Italiani del Lazio (Smi), ha dato mandato, ai propri legali, di richiedere all’Inps il pagamento dei compensi professionali per la compilazione e l’invio dei certificati di malattia ondine. «Secondo il Ministero della Pubblica Amministrazione e dell’Innovazione – dichiara Pina Onotri, segretario organizzativo regionale Smi-Lazio e responsabile nazionale del servizio di Continuità Assistenziale – grazie alla digitalizzazione, sono stati risparmiati dall’Inps (per un totale annuo di 25 milioni di certificati), circa 590 milioni di euro. Il processo di data-entry dei certificati di malattia ondine è stato completamente azzerato con il licenziamento di centinaia di precari della pubblica amministrazione – ha sottolineato infine la sindacalista -e il lavoro svolto da questi ultimi è stato completamente scaricato completamente sui medici ». Aggiunge Cristina Patrizi, responsabile area convenzionata Smi-Lazio: «Chiediamo il riconoscimento di un giusto indennizzo per mansioni burocratche che ci sono state unilateralmente ed arbitrariamente imposte, perché il risparmio della pubblica amministrazione non si traduca in un danno totale per i medici di medicina generale. Fermo restando che saremmo disposti a rinunciare agli eventuali indennizzi economici, se fossimo alleggeriti di questi ulteriori ed impropri compiti burocratici».

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Museo Centrale del Risorgimento di Roma

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 giugno 2011

Rappresenta una delle più frequentate strutture museali incentrate sulla storia del nostro paese con una media di circa 800.000 visitatori annui. La forte valenza didattica che l’ha sempre contraddistinto ha subito con il nuovo allestimento un ulteriore impulso arricchendosi di supporti multimediale – video e audio – e offrendo al visitatore un percorso più nitido scandito da una semplice cronologia di riferimento. Uno degli obiettivi del nuovo allestimento del museo è stato quello di rendere visibile il ricchissimo patrimonio documentario conservato nell’archivio del Museo Centrale del Risorgimento composto da circa un milione di documenti storici dal XVIII all’inizio del XX secolo; oltre 1.000 volumi manoscritti; circa 10.000 stampe e disegni originali e circa 250.000 fotografie dell’Ottocento e della Prima Guerra Mondiale; circa 500 dipinti e oltre 100 sculture. Il Museo intende quindi essere espressione di questo patrimonio storico-documentario presentando una estrema eterogeneità di opere. La riapertura del Museo segnerà anche l’avvio di nuovi orientamenti di didattica già sperimentati e offerti alle scuole e a partire da settembre prenderanno il via laboratori didattici sulle fonti della storia d’Italia svolti direttamente negli spazi del museo e l’elaborazione di contenuti digitali e audiovisivi. Accanto all’esposizione permanente del Museo il nuovo percorso offrirà al visitatore anche la possibilità di sperimentare nuovi approcci disciplinari realizzando una sorta di mostre virtuali: per questo primo anno di attività il Museo offrirà il percorso incentrato sulla mostra Gioventù Ribelle. L’Italia del Risorgimento, realizzata in collaborazione con il Ministero della Gioventù che rappresenta compiutamente il tentativo di avvicinare le nuove generazioni alla storia d’Italia utilizzando in forma dinamica il web.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra: “Pieces of my heart”

Posted by fidest press agency su martedì, 8 febbraio 2011

Cherasco (Cuneo) dal 9 al 27 febbraio 2011 le pareti bianche della galleria cheraschese (situata nel centro storico medievale, in via Vittorio Emanuele 56) approfittano della Festa degli Innamorati per esporre i coloratissimi dipinti dell’artista e illustratrice eporediese Elena Mirandola, in personale con la mostra “Pieces of my heart”.
Elena Mirandola, nata a Ivrea (Torino) nel 1981, è un’illustratrice diplomata allo Ied di Torino. Si occupa di illustrazione, grafica e pittura, lavorando anche per Legambiente, Lega Nazionale Difesa del Cane e Radio Due Rai. I supporti in polistirene che lei utilizza vengono rivestiti con carte dalle fantasie ricercate, simili a carte da parati, sovra-dipinte con i soggetti da lei prediletti, in particolare cuori e cactus.  Per informazioni visitare il sito http://www.evvivanoe.it (mirandola)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Diamo sostanza ai valori cristiani

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 dicembre 2010

“Il Governo dovrebbe dialogare ancora di più con le famiglie, sostenendole in maniera più significativa e tangibile per rendere la nostra comunità più coesa e forte e affrontare meglio il periodo difficile che attraversiamo”. Così l’On. Domenico Scilipoti (Movimento di Responsabilità Nazionale), in riferimento alla necessità di dare  supporti alle famiglie numerose, incentivi per l’asilo nido, sostegni alle donne che vogliono avere più figli. “I sociologi parlano di morte della famiglia. Una sana famiglia –  continua l’On. Scilipoti (MRN) – si basa sul rapporto naturale tra l’uomo e la donna e sulla procreazione; occorre spingere l’azione politica del Governo a trovare le risorse necessarie a incentivare la maternità, frenata da condizioni economiche sfavorevoli. In Italia attualmente la natalità, gradita, è tenuta alta dagli immigrati. Nel Nord Europa le donne fanno più figli perché ci sono politiche sociali favorevoli alle famiglie. Incentiviamo dunque il desiderio italiano di maternità, dando sostanza ai valori cristiani.. Trovare le risorse non è difficile: per esempio, è sufficiente ridurre drasticamente i finanziamenti pubblici ai giornali dei partiti,  o smistare il 70 % dei rimborsi elettorali verso le famiglie. Basta con gli sprechi – conclude l’On. Scilipoti –  proiettiamoci verso la produttività e verso la famiglia, primo mattone su cui si regge la società” . (Dott. Giuseppe Cuschera)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cure palliative a casa

Posted by fidest press agency su domenica, 28 novembre 2010

L’adeguata assistenza domiciliare per seguire un paziente in fase terminale di malattia è oggi un miraggio per il 60% degli italiani, circa 36 milioni di persone. E per ben 6 milioni, l’unica figura di riferimento è il medico di famiglia. Figli, mogli, mariti costretti a provvedere a proprie spese a infermieri e altre figure necessarie. Un costo che può raggiungere i 3.000 euro mensili in assenza di organizzazione e supporti. Con una programmazione centralizzata, sarebbero invece sufficienti soli 8 euro all’anno della quota capitaria che lo Stato destina ad ogni cittadino (1.700 euro ogni 12 mesi) per assicurare figure professionali specializzate per assistere il malato a casa fino agli ultimi giorni. Esiste un gradiente nord sud, che vede il meridione in situazione più critica, ma anche in alcune zone settentrionali il servizio è carente. “Per costruire una rete nazionale delle cure palliative, come vuole la recente legge 38 del 2010, occorre integrare la presenza degli hospice, con quella di cure domiciliari adeguate – afferma il dr. Giovanni Zaninetta, presidente della Società Italiana di Cure Palliative (SICP) -. E queste ultime devono possedere gli stessi standard di qualità su tutto il territorio nazionale”. Dall’altro, analizza la percezione che di queste cure hanno gli operatori sanitari, esplorando le opinioni, il livello di conoscenza del problema, le attitudini e i comportamenti dei principali professionisti dell’assistenza domiciliare in ogni Regione”. Su questo fronte i risultati sono incoraggianti: la cultura media è buona e il servizio, dove esiste, raggiunge livelli di eccellenza. Il 53% garantisce una continuità assistenziale sulle 24 ore ed il 45% una pronta disponibilità medico-infermieristica.
Le cure palliative rappresentano da tempo una priorità per i medici di medicina generale che già nel 2008 avevano condotto al proprio interno un’indagine per verificare il livello di sensibilità e competenze: “Il 93% di noi è pronto a gestire il paziente terminale a casa, ma chiede di poter essere aiutato da un’equipe formata – afferma il dr. Claudio Cricelli, presidente nazionale SIMG – buone le conoscenze anche sul fronte farmaci: il 92% sa che non vi sono limiti alla dose massima di morfina, un importante indicatore di appropriatezza. Esistono però ambiti di miglioramento, ad esempio sul livello di prescrizione degli oppiacei, che in Italia è ancora troppo basso. Per questo, anche in questo nostro congresso nazionale dedichiamo così ampio spazio a questo tema”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La dislessia in Italia

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 novembre 2010

“Stando ai dati dell’Associazione italiana dislessia i ragazzi affetti da tale patologia sarebbero circa 350.000,pari al 5% della popolazione in età scolare, quindi trasponendo i dati alla realtà calabrese, la problematica investe diverse migliaia di studenti. A fronte di tali dati gli oneri finanziari previsti dalla presente legge si muovono su varie articolazioni. Nello specifico concorrono alla copertura finanziaria fondi europei (in particolare sulla formazione degli insegnanti), fondi nazionali  con la recente approvazione della legge sulla dislessia in ambito scolastico (formazione e supporti informatici)  e regionali. La proposta di legge che ho presentato si propone di chiedere alla  Regione di riconoscere la dislessia, la disgrafia e la discalculia, come disturbi specifici di apprendimento, di seguito denominati DSA che ostacolano il pieno sviluppo  dell’individuo e di promuovere e sostenere interventi a favore dei soggetti affetti da questi disturbi ed assicurare loro l’identificazione precoce definendo modalità e procedure per il riconoscimento e l’attestazione e predisporre  misure adeguate di supporto  e riabilitative per gli alunni”.E’ quanto dichiara Giuseppe Giordano, Consigliere regionale dell’Italia dei valori.”Inoltre – aggiunge Giordano- si chiede alla Regione, nell’ambito della programmazione socio-sanitaria, di promuovere iniziative per sensibilizzare le famiglie, la scuola,  le realtà sanitarie e l’associazionismo sulle difficoltà specifiche di apprendimento e incrementare la comunicazione e la collaborazione tra famiglia, scuola e servizi sanitari durante il periodo scolastico. Si chiede anche alla Regione di adottare le misure necessarie per adeguare i servizi sanitari alle problematiche connesse alle difficoltà specifiche di apprendimento, dotando i servizi di neuropsichiatria infantile di appropriati strumenti riabilitativi e di personale qualificato e predisponendo una campagna di screening e monitoraggio su tutto il territorio regionale. La legge che viene proposta prevede inoltre – conclude Giordano- che la Regione conceda annualmente specifici contributi agli enti locali, che segnalano la presenza di soggetti affetti da DSA con diagnosi accertata per favorire l’acquisto nelle scuole di strumenti informatici dotati di videoscrittura con correttore ortografico e sintesi vocale e di altri strumenti alternativi, informatici o tecnologici, per facilitare i percorsi didattici degli alunni e predisporre anche un contributo alle famiglie per garantire l’apprendimento quotidiano a casa. Noi dell’idv ci batteremo in tutte le sedi per tutelare il diritto allo studio e promuovere supporti a chi  ha difficoltà di apprendimento. L’approvazione di una legge come questa, scriverebbe, aldilà dei colori politici che la appoggeranno, una bella pagina della politica calabrese”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I supporti informatici da riciclare

Posted by fidest press agency su domenica, 5 luglio 2009

Una quantità enorme di Compact Disc, CD-ROM, DVD ed altri supporti informatici invadono ogni giorno il mercato globale e spesso, dopo pochissimo tempo, ossia molto prima del termine del loro ciclo di vita, sono avviati allo smaltimento. La diffusione sempre più costante di supporti di memoria di vario genere, c’impone dunque una brevissima riflessione sulla necessità di riavviare un ciclo virtuoso della raccolta di tali prodotti che altrimenti andrebbero persi irrimediabilmente nella raccolta di rifiuti indifferenziata senza alcuna possibilità di recupero.   In Italia, in particolare ma anche nel resto del mondo ad oggi non ci risulta che sia stato creato un sistema di ritiro separato per il riciclo di tali prodotti.  Secondo Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori una semplice soluzione al problema si potrebbe ravvisare nella creazione di una catena virtuosa di raccolta presso i negozi di computer o musicali.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »