Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Posts Tagged ‘surgery’

Montecito Medical Acquires Surgery Center in Virginia

Posted by fidest press agency su martedì, 24 dicembre 2019

Montecito Medical Real Estate, a leading owner of medical office buildings throughout the U.S., has finalized the acquisition of a premier medical office building and surgery center in Goochland, Virginia.The property, with just under 70,000-square-feet, is 86 percent-occupied. The building’s anchor tenant is the MEDARVA Stony Point Surgery Center at West Creek which houses 6 operating rooms. The state-of-the-art ambulatory surgery center is accredited by the Accreditation Association for Ambulatory Health Care, Inc. (AAAHC) and is licensed by the Virginia Department of Public Health.
The asset offers a full range of services including primary care, cardiovascular services, spine center, gastroenterology, OB/GYN and plastic surgery. The class A facility was constructed in 2015, with a 9,000-square-foot expansion completed in 2017 and is equipped with the most advanced technology and surgical instrumentation for the group’s outpatient surgical and medical procedures.
The building is located in the West Creek Business Park, one of the Richmond region’s premiere business parks in Goochland County, at the intersection of State Route 288 and West Creek Parkway. In May 2018, a joint venture between Sheltering Arms Rehab Institute and VCU Health broke ground on a 114-bed, 200,000-square-foot hospital at 2000 Wilkes Ridge Parkway, located adjacent to the subject property. “I am from Richmond and know this growing and affluent area very well. Our team was extremely impressed with this medical office building and surgery center and we enjoyed working with Lingerfelt Commonwealth Partners to get this exceptional real estate closed,” explained Chris Conk, a principal at Montecito Medical. “As we approach the end of the year, we still have two additional assets to close to wrap up our best year ever – we’re looking forward to an exciting 2020.”Several other healthcare tenants occupy the building, including Commonwealth Primary Care, Virginia Cardiovascular Services, National Spine and Pain Center, Virginia Oculofacial Surgeons, Virginia Physicians for Women, Richmond Plastic Surgeons, Richmond Gastroenterology Associates, and West End Facial Plastic Surgery.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Breast augmentation is America’s top plastic surgery procedure

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 giugno 2019

According to the American Society of Plastic Surgeons, over 313k patients had undergone this surgery in 2018 – a 48% jump from 2017. However, statistics show that 29,236 patients had their breast implants removed in 2018 – up from 6% in 2017. Many women are coming forward and discussing “breast implant illness,” will this number drastically rise for 2019? Will more and more turn away from implants for fear of long-term health issues or breast implant illness? Is there an alternative to the breast implant? Many women have turned to breast implants to fix the sag, but a newer and more natural surgical alternative is on the market from the Galatea Surgical Scaffold Collection: GalaFLEX, GalaFORM 3D, and GalaSHAPE 3D products. These products help to rebuild and reinforce the tissue around the breasts to provide a more natural revival to women’s breasts. We have experts from Galatea Surgical and surgeons that are available to discuss how Galatea Surgical Scaffold Collection is changing the landscape of plastic surgery by offering their patients a product that provides strength and beauty – inside and out.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dass MD Cosmetic Plastic Surgery Expands Beverly Hills Facility

Posted by fidest press agency su domenica, 2 dicembre 2018

Leading cosmetic surgeon and renowned aesthetic beauty expert Dennis Dass MD announced today that his Dass MD Cosmetic Plastic Surgery practice has expanded its facility to now include two full state-of-the-art operating rooms and additional recovery lounge space. The expansion further enhances Dr. Dass’ capacity and capability to provide patients with a comprehensive, private and relaxing experience.The facility, located at 8929 Wilshire Blvd., in Beverly Hills, is also home to a number of the latest medical technologies provided in support of the practice’s menu of surgical and non-surgical procedures offered.
The practice offers a wide variety of services for men and women of all ages. Dr. Dass and his team are able to perform Brazilian butt lifts, breast augmentations, body sculpting, smart lipo, tummy tucks, facelifts, rhinoplasty, eyelid surgery, Botox, microneedling and laser tattoo removal. All procedures are performed on site in the highly private and comfortable environment of the practice.Dennis Dass, M.D. is a board-certified plastic surgeon in Beverly Hills specializing in cosmetic plastic surgery and laser treatments. Known for his ‘ahead of the industry’ insights and perspectives on modern beauty and his work with celebrity patients, Dr. Dass has received numerous awards and honors and is repeatedly recognized as one of the top 10 plastic surgeons in the Los Angeles region.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

EOS imaging to Present Its EOSapps Suite at the French Society of Orthopedic and Traumatological Surgery Congress

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 novembre 2018

EOS imaging (Paris:EOSI) (Euronext, FR0011191766 – EOSI – Eligible PEA – PME), a pioneer in 2D/3D orthopedic medical imaging, will present its EOSapps solution with particular focus on hipEOS 3.0 online surgical planning software at the French Society of Orthopedic and Traumatological Surgery (SOFCOT) Congress, being held November 12-15, 2018 at the Palais des Congrès in Paris.The congress program will include the symposium: “Planning, Executing, Evaluating the Total Hip Arthproplasty: EOS Solutions at Each Step of the Care Pathway” on Wednesday, November 14th at 12:30 pm in Room 343, with Professor Jean Yves Lazennec (AP-HP, Paris) and Doctor Nicolas Verdier (Clinique Jean Villar, Bordeaux). Prof. Lazennec address will focus on current progresses in total hip arthroplasty (THA) made possible by post-operative analysis with the EOS solution. Dr. Verdier will share first time results about the association of hipEOS 3D surgical planning with intra-operative navigation (Orthopilot – BBraun) to execute a 3D, personalized plan for patient hip replacement that takes into account the patient anatomy in the weight-bearing and seated functional positions. The anatomical and functional information provided by hipEOS was used in real time in the operating room to guide navigation and achieve optimal positioning of the implant components.”We are pleased to see presentations at SOFCOT of further progress in hip prosthesis surgery thanks to our 3D imaging and online automated surgical simulation solution. EOS planning, combined with navigation – as well as other per-operative execution systems such as robotics – makes it possible to consider more precise surgeries with better clinical results. We are very proud to be able to offer new perspectives to surgeons and patients to improve the management of THA, a high volume and costly procedure” concluded Marie Meynadier, Chief Executive Officer of EOS imaging.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

ERAS Cardiac Surgery Featured at Dedicated Session at European Association for Cardio-Thoracic Surgery in Milan

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 ottobre 2018

Milan. The ERAS Cardiac Surgery Society presented its recent consensus statement at the 32nd European Association for Cardio-Thoracic Surgery (EACTS) Annual Meeting in Milan, Italy, last week as part of an educational session.This dedicated ERAS Cardiac Surgery session was held during EACTS, the world’s largest cardiothoracic surgery focused professional conference with international speakers across all subspecialties.ERAS Cardiac Surgery is a patient safety organization with the mission to facilitate optimization of perioperative care of cardiac surgical patients through collaborative discovery, analysis, expert consensus, and dissemination of best practices. ERAS Cardiac Surgery was developed as a patient satisfaction program to encourage improvements in both short and long-term outcomes, reduction in complications, and more efficient utilization of health care resources for patients recovering after heart surgery.“Cardiac surgical teams are under increasing pressure to provide healthcare value by optimizing outcomes while reducing complications and costs,” said Springfield, MA based surgeon and ERAS Cardiac Surgery President, Daniel Engelman, MD. “Numerous clinical trials have shown that well-designed and implemented ERAS cardiac programs can assist in achieving such goals. The participation of a multidisciplinary perioperative team of medical-care providers, hospital system administrators, and most importantly, the patients themselves, is critical to achieving our mission.” Topics discussed at the session included incorporation of treatment pathways to maximize quality of life; reduce acute kidney injury; prevent retained blood utilizing active clearance of chest tubes; implementing opioid-sparing analgesic strategies; assessing value; and the application of advanced organizational strategies for employing ERAS protocols.
A key highlight of the session was the presentation and audience discussion of the first ERAS Cardiac Surgery Consensus Statement (recently presented at the American Association for Thoracic Surgery Annual Meeting in San Diego). This extensive compilation of evidence-based recommendations is the initial step toward a comprehensive approach for enhanced recovery in cardiac surgical patients. It includes items such as nutrition, lifestyle modification, use of kidney biomarkers, sternal fixation, active clearance of chest tubes to prevent retained blood complications, temperature and glucose management, goal-directed therapy, and patient education. The enthusiasm and engagement of the audience was significant, demonstrating a global passion for this endeavor.The organizing committee for ERAS Cardiac Surgery at EACTS included Daniel Engelman, MD, Baystate Medical Center, Springfield, MA, and Marjan Jahangiri, MBBS, MS, FRCS, FRCS (CTh), St. George’s, London, England. Invited speakers included, Gudrun Kunst, MD, PhD, DEAA, FRCA, FFICM, Kings College, London, England, Louis P. Perrault, MD, Ph.D., Montreal Heart Institute, Eric Roselli, MD, Cleveland Clinic, Cleveland, OH, Kevin Lobdell, MD, Atrium Health, Charlotte, North Carolina, and Kamal Khabbaz, Harvard Medical School, Boston, MA.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Chirurgia, seminario sull’Enhanced Recovery after Surgery

Posted by fidest press agency su martedì, 3 aprile 2018

Parma mercoledì 4 aprile, alle ore 16.30, nella Sala Congressi dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma (via Gramsci 14) nell’ambito dei seminari in Chirurgia generale organizzati dalla Scuola di specializzazione in Chirurgia generale dell’Università di Parma (Dipartimento di Medicina e Chirurgia) e dall’azienda Ospedaliero-Universitaria. Il prof. Carlo Feo, docente di Chirurgia generale all’Università d Ferrara, terrà infatti il seminario Enhanced Recovery After Surgery (ERAS) dopo chirurgia colo-rettale: lo stato dell’arte.
L’Enhanced Recovery After Surgery (ERAS), introdotto dal chirurgo danese Henrik Kehlet a metà degli anni Novanta, è un concetto che ha rivoluzionato la gestione pre e post-operatoria del paziente chirurgico con la finalità di ottenere una precoce mobilizzazione, una ripresa funzionale anticipata, una riduzione delle complicanze post-operatorie, una riduzione della degenza con riduzione dei costi sanitari, consentendo il miglioramento complessivo della qualità della cura.
Naturale integrazione alle tecniche chirurgiche mini-invasive come la laparoscopia, l’ERAS consiste in protocolli gestionali del paziente che includono diversi “item” (ad esempio corretta alimentazione preoperatoria, anestesia/analgesia mirata, restrizione idrica, mobilizzazione precoce del sondino naso-gastrico e del catetere vescicale, ripresa precoce dell’alimentazione e della deambulazione, ecc.) i quali mirano al ristabilimento precoce delle normali funzioni, al controllo ottimale del dolore, a una riabilitazione postoperatoria intensiva, migliorando così la risposta dell’organismo allo stress operatorio.
L’ERAS si fonda in prima istanza sul principio della multidisciplinarità e del coinvolgimento del paziente. Sono necessari infatti da un lato l’integrazione del lavoro di tutti gli operatori sanitari (medici, infermieri, fisioterapisti, nutrizionisti, ecc.) allo scopo di ottenere una corretta gestione del paziente, e dall’altro la completa informazione del paziente e dei familiari sui diversi “item” del protocollo, allo scopo di garantire la sua adesione e partecipazione attiva (ad esempio alimentazione, mobilizzazione precoce, rimozione dei presidi, ecc.).La letteratura scientifica conferma come l’associazione di chirurgia mini-invasiva e protocolli ERAS dia i risultati migliori in termini di risultati a breve termine, complicanze post-operatorie, durata della degenza e qualità percepita. Di particolare rilevanza nel paziente neoplastico, l’ERAS consente di ridurre l’intervallo di tempo che intercorre tra l’intervento chirurgico e l’inizio di trattamenti adiuvanti complementari come la chemioterapia, con un possibile beneficio nella sopravvivenza a distanza.Il prof. Carlo Feo, uno dei chirurghi italiani con la maggiore esperienza nel campo, nel corso del seminario delineerà lo stato dell’arte in materia, con particolare riferimento alla chirurgia colo-rettale.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A Roma il II Live Surgery Workshop

Posted by fidest press agency su martedì, 14 marzo 2017

tor vergataRoma Policlinico Tor Vergata Riunire chirurghi, infermieri e personale sanitario per una giornata di aggiornamento, formazione e scambio sulla corretta gestione del paziente obeso grave, tramite il ricorso alla chirurgia bariatrica laparoscopica. L’unica soluzione in grado di eliminare l’indice di massa corporea in eccesso, causa di importanti patologie correlate e mortalità.È l’obiettivo dell’incontro dal titolo “II Live Surgery Workshop – Update in chirurgia bariatrica laparoscopica” promosso dall’Università di Roma Tor Vergata e dalla Fondazione Policlinico Tor Vergata (PTV) oggi a Roma.Si stima che circa l’1 per cento degli italiani sia colpito da obesità importante. Ma c’è un dato in più: su 6milioni di persone obese in Italia, circa 600mila dovrebbero essere sottoposte a intervento di chirurgia bariatrica. Questo, a fronte di solo 15mila operazioni effettive l’anno. Una patologia riconosciuta dal Servizio Sanitario Nazionale e misurabile attraverso uno standard internazionale, il BMI, l’indice di massa corporea calcolabile con la formula: peso in kg diviso l’altezza in metri al quadrato. Si può considerare obeso grave un paziente con un BMI superiore a 40 e colpito da patologie associate a carico del cuore, dei grandi vasi e del sistema metabolico (diabete, ipertensione, malattie polmonari, gravi artriti, ecc.), che determinano un aumento importante del rischio di decesso.
«La mortalità legata all’obesità, infatti, resta ancora molto elevata. Studi recenti, hanno mostrato che circa 300mila persone l’anno muoiono negli USA (Paese con un’altissima incidenza di obesi gravi) per complicanze legate all’eccesso di peso – spiega Paolo Gentileschi, Professore Associato di Chirurgia dell’Università di Tor Vergata, Responsabile dell’UO di Chirurgia dell’Obesità del Policlinico di Tor Vergata e Coordinatore Scientifico del Workshop -. Nel nostro Paese i numeri sono decisamente più esigui, ma si tratta di una malattia di difficile gestione e molto diffusa».In Italia accede all’intervento chirurgico solo una piccola minoranza di chi ne avrebbe realmente bisogno. «Questo a causa, innanzitutto, delle lunghe liste d’attesa – continua Gentileschi -. Si tratta, infatti, di un tipo di chirurgia altamente specializzata, che deve essere svolta in Centri dedicati, pochi in Italia e pochissimi a Roma. Ospedali dove è presente un’equipe multidisciplinare composta da chirurghi, endocrinologi, pneumologi, internisti e psichiatri, e dove vengono svolti in media almeno 100 interventi l’anno. Solo la pratica clinica quotidiana, infatti, può portare ad una elevata specializzazione, necessaria per eseguire l’intervento in totale sicurezza».Altro tema “caldo” legato alla chirurgia bariatrica, è quello dell’efficientamento dei costi per il Sistema Sanitario Nazionale. Un problema a cui si potrebbe rispondere tramite una drastica riduzione dei tempi di degenza pre e post operatori e con il ricorso alle cosiddette tecniche ERAS, acronimo di Enhanced Recovery After Surgery.«Per rendere il percorso più snello e arrivare a un reale risparmio per il Sistema, basterebbe innanzitutto eliminare tutta quella serie di esami preoperatori inutili, spesso privi di una reale evidenza scientifica – spiega ancora il Professore -. L’ERAS, invece, prevede delle procedure che assicurano degenze più brevi del 30 per cento, minori complicanze e un rapido ritorno alla vita normale. In questo modo, infatti, è possibile arrivare alle dimissioni del paziente già dopo 24-48 ore dall’intervento. Soluzioni che riducono i costi e che, se applicati su larga scala, potrebbero abbattere drasticamente la spesa globale. Presso, il policlinico Tor Vergata abbiamo avviato la definizione del Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale – PDTA dedicato. Una serie di regole e approcci volti da un lato a garantire alti standard di sicurezza e dall’altro a snellire e modernizzare la gestione della chirurgia dell’obesità».Ampio spazio, infine, sarà dedicato alla gestione dell’obesità nei giovanissimi – nel nostro paese i bambini in sovrappeso sono il 20,9 per cento e quelli obesi il 9,8 per cento – e negli individui colpiti da patologie psichiatriche. Un problema, quest’ultimo, molto frequente che deve necessariamente essere affrontato prima e dopo l’intervento chirurgico.«È comune che la persona obesa soffra anche di patologie mentali correlate o meno, come i disturbi depressivi maggiori, del comportamento alimentare, crisi di iperalimentazione emozionale, schizofrenia o disturbi bipolari. Tutte condizioni che possono e devono essere diagnosticate prima dell’intervento e trattate o gestite di conseguenza, grazie alla presenza in equipe di psichiatri dedicati» – conclude Gentileschi.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Chirurgia dell’aorta

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 novembre 2015

valvola-aortica-stenosiBologna. Si ritroveranno al Palazzo dei Congressi il 9 e 10 novembre, più di 600 tra i massimi esperti mondiali della materia, per l’ottava edizione del Corso “Surgery of the Thoracic Aorta”, che si svolge nel capoluogo felsineo ogni 2 anni, sotto la direzione del prof. Roberto Di Bartolomeo, Direttore della Cardiochirurgia del Policlinico Universitario S.Orsola Malpighi di Bologna, con il patrocinio della Società Italiana di Chirurgia Cardiaca (SICCH) di cui è presidente, del Collegio Italiano dei Cardiochirurghi, della Society of Thoracic Surgeons americana, dell’Alma Mater Studiorum Università di Bologna e dell’Azienda Ospedaliera di Bologna.Il convegno approfondisce le tecniche chirurgiche più avanzate, le nuove tecnologie della chirurgia dell’aorta toracica e transcatetere, (come la TAVI, per sostituire la valvola aortica), fino all’impianto di condotto apico-aortico. Nelle due giornate di lavori sono previsti interventi in diretta dalle sale operatorie del centro cardiochirurgico dell’Ospedale S. Orsola per illustrare le varie procedure, le tecniche e i materiale protesici per questa affascinante chirurgia.”Il tema diventa di sempre maggiore attualità – spiega Roberto Di Bartolomeo – infatti, negli ultimi anni si è assistito a un aumento degli interventi cardiochirurgici e di quelli sull’aorta toracica, non tanto perché cresce la patologia, ma perché si affinano le metodologie diagnostiche quali l’ecocardiografia, l’angioTC e la risonanza magnetica. L’aorta è la nostra arteria più importante e può andare incontro ad uno sfiancamento delle pareti sia di natura congenita sia acquisita, dando luogo alla formazione di aneurismi. Questi quando raggiungono diametri oltre i 4.5 cm possono andare incontro a rottura improvvisa o a dissezioni delle pareti della stessa aorta, rappresentando questi il 95% dei casi dell’esordio della malattia. I sintomi, infatti, possono essere presenti solo nel 5% dei casi. Nella maggioranza dei casi l’aneurisma viene scoperto per caso in corso di controlli ecocardiografici o con la TAC per altre malattie o durante un check-up.””Nel nostro centro – continua Di Bartolomeo – abbiamo assistito negli ultimi anni ad un aumento importante sia degli interventi sulla valvola aortica che sull’aorta toracica. Un problema a sé riguarda poi la valvola aortica che va incontro, dopo la sesta decade di vita, a una calcificazione dei suoi lembi con conseguente stenosi e difficoltà del passaggio di sangue dal ventricolo sinistro all’aorta. Questa malattia è poco conosciuta e spesso sottovalutata. In Italia, secondo le stime più recenti, il 4,6% della popolazione oltre i 75 anni, quasi 300 mila persone, soffre di stenosi aortica severa, un quinto delle quali – tra le 50.000 e le 60.000 – è colpita dalla forma definita grave e sintomatica, destinata in un caso su due a prognosi infausta nel giro di un paio di anni, se non si interviene prontamente con un intervento di sostituzione della valvola.”Che il problema sia poco conosciuto è sottolineato anche da un’indagine condotta in Europa lo scorso anno dall’stituto di ricerca britannico Opinion Matters su un campione rappresentativo di 8.926 persone over 60 provenienti da 10 Paesi europei, 1.000 dall’Italia. I risultati dimostrano quanto poco si sappia, e soprattutto quanto le malattie delle valvole cardiache siano sottovalutate. Due dati su tutti: solo circa 4 italiani su cento ritengono le malattie delle valvole aortiche un serio problema di cui preoccuparsi; molto più temibili i tumori (28%) e la malattia di alzheimer (20%); solo 1 su 5 ritiene che la stenosi aortica abbia un elevatissimo rischio di morte, a fronte di un 60% che lo riconosce, ad esempio, al tumore del polmone.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lipoplasty Most Performed Procedure In Latest International Study

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 gennaio 2013

Hanover The International Society of Aesthetic Plastic Surgery (ISAPS) has released the results of the third annual statistical analysis: Global Study of Aesthetic/Cosmetic Surgery Procedures Performed in 2011. The outcome is now posted on the ISAPS website. Comparative results of the 2010 and 2011 surveys are available at http://www.isaps.org/isaps-global-statistics.html.
The 2012 study invited approximately 20,000 plastic surgeons to participate. In addition, the American Society for Aesthetic Plastic Surgery (ASAPS) and the Brazilian Society of Plastic Surgery (SBCP) assisted with this year’s ISAPS study. Results are projected to reflect international statistics and are exclusively based on the estimated number of plastic surgeons in each country and the respondent sample.
Results reveal a hierarchy of countries with the most surgical and non-surgical aesthetic/cosmetic procedures performed by board certified (or the equivalent) plastic surgeons in 2011. Several summaries provided on the ISAPS website include tables showing the number of surgeons and procedures by country. Caution is urged when observing year‐to‐year comparisons, because studies such as this can experience substantial variances within specific procedures. The pool of responding physicians varies from year to year and the sample sizes for specific countries may significantly fluctuate between years.
Procedural Frequency Shows Modest Variation Lipoplasty remains the most performed procedure, representing 19.9% of total surgical procedures, while Botulinum Toxin Type A (Botox and Dysport) leads with 38.1% among non-surgical procedures. The popularity of surgical procedures varied by country. The United States, Brazil, China, Japan, and Italy ranked as the top five most dominant countries for surgical procedures.
Grand Totals The ISAPS surveyreports several important statistics with regard to the total number of board certified (or national equivalent) plastic surgeons practicing globally, estimated to be 32,000. These figures do not take into account surgical and non-surgical procedures performed by medical professionals and others who are not plastic surgeons.
Methodology Thesurvey was compiled, tabulated, and analyzed by Industry Insights, Inc. (www.industryinsights.com) an independent research firm based in Columbus, Ohio in the United States. The survey leader was Scott Hackworth, CPA and research analyst who has conducted various forms of research on trends in Aesthetic Plastic Surgery for over 15 years. Participants in the survey completed a two-page, English language questionnaire that focused on the number of surgical and non-surgical procedures they performed in 2011. Final figures have been projected to reflect international statistics and are based exclusively on the estimated number of plastic surgeons in each country. To aid in tallying the total number of plastic surgeons, representatives of National Societies provided the counts for over 90% of the 32,000 total estimated plastic surgeons. A formula was used to estimate numbers in non-reporting countries based on their Gross Domestic Product and Population.
Journalists Please Note: We appreciate your citing the ISAPS website, a non-commercial, information based, consumer service site, so that others may see full details of the ISAPS Worldwide Survey. http://www.isaps.org
The forty-three year old International Society of Aesthetic Plastic Surgery is the largest international society of individual plastic surgeons with 2,360 current members in 93 countries. Surgeons undergo a strict application process to determine their qualifications to join the society. The ISAPS mission is twofold: the continuing education of plastic surgeons in latest techniques in the field of aesthetic (cosmetic) surgery and medicine – and the promotion of patient safety.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

Chirurgia oculoplastica

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 settembre 2011

Cernobbio rovenna bisbino

Image via Wikipedia

Dal 15 al 17 settembre a Cernobbio (Co), il ventinovesimo congresso Esoprs, la società europea di Oculoplastica: più di 600 esperti e oltre 400 lavori originali Più di 600 medici ultraspecialisti e oltre 400 lavori originali da presentare. Sono i numeri del ventinovesimo congresso Esoprs – European Society of Ophthalmic Plastic and Reconstructive Surgery. La società europea di Oculoplastica si dà appuntamento dal 15 al 17 settembre sulle rive del lago di Como, a Villa Erba di Cernobbio, per il più importante momento di confronto sulla chirurgia oculoplastica. «Parliamo di una branca dell’oculistica che sta ottenendo un sempre maggiore interesse, come dimostrano anche i numeri di questo congresso», spiega Francesco Bernardini, chirurgo oculoplasta di Genova che, insieme a Carlo De Conciliis, oculoplasta di Milano, ha curato l’organizzazione del congresso. «Abbiamo voluto proporre un programma scientifico di primo piano garantendoci la presenza dei principali esperti mondiali in una location di grande prestigio a livello internazionale». Hanno dato la loro adesione medici provenienti da Australia e Nuova Zelanda, Sud America (Argentina, Brasile, Uruguay Paraguay, Venezuela, Bolivia e Cile). Numerosa la rappresentanza da Cina, Taiwan e Corea del Sud; attesi anche alcuni esperti dall’Iran e dall’Egitto. Nei tre giorni di congresso saranno discussi temi che vanno dalle novità in chirurgia estetica dello sguardo, tra cui il lipofilling associato alla blefaroplastica e al lifting endoscopico della fronte e del sopracciglio, l’impiego di tossine botuliniche di ultima generazione, l’uso dei filler a base di acido ialuronico e idrossiapatite nel ringiovanimento dello sguardo e di tutto il viso. Altre novità saranno presentate in ambito della chirurgia dell’esoftalmo tiroideo, paragonate le diverse tecniche di decompressione orbitaria per migliorare l’aspetto estetico e funzionali dei pazienti affetti da esoftalmo (occhi eccessivamente sporgenti a causa della tiroide), in campo della chirurgia delle vie lacrimali e chirurgia ricostruttiva delle palpebre. «Il campo di applicazione della chirurgia oculoplastica è molto esteso -spiegano Bernardini e De Conciliis-. È una specialità ancora poco conosciuta in Italia, anche se i problemi che potrebbe risolvere sono molto diffusi. Il chirurgo oculoplasta cura in genere patologie che interessano l’orbita (quello spazio che sta dietro il bulbo oculare), le palpebre e le vie lacrimali e che causano problemi dal punto di vista estetico e funzionale. Le patologie sono le più diverse e vanno da quelle più gravi, come i tumori orbitari, ad altre più estetiche, come la blefaroplastica con l’eliminazione delle “borse”. Ogni intervento è praticato con tecniche aggiornate, mini invasive, che permettono di non lasciare cicatrici e di ridurre al minimo il rischio di complicazioni».
Il programma del congresso prevede il primo giorno un corso di chirurgia oculoplastica di base per oculisti che vogliono muovere i primi passi in questa disciplina e per oculoplasti che vogliono migliorare le loro tecniche. Negli altri due giorni si aprirà dibattito ed il confronto tra i super esperti su temi che vanno dalle novità in chirurgia estetica dello sguardo, chirurgia funzionale e ricostruttiva. Per il programma dettagliato: http://www.esoprs2011.com (Marco Parotti)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Iter diagnostico e tutele malati

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 marzo 2011

“È stato vanificato un percorso culturale e di pratica clinica che ci ha portato a conquiste di assoluta avanguardia, come la day surgery e la one day surgery. Modalità attraverso le quali possiamo garantire una sanità più efficiente, più efficace e sicura”. Il prof. Pietro Forestieri, presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), è critico nei confronti della sentenza della Corte di Cassazione, che ha annullato con rinvio una sentenza della Corte d’appello di Milano con cui è stato assolto un medico accusato di omicidio colposo. Al centro della vicenda processuale la morte di un uomo avvenuta la notte successiva alle sue dimissioni in seguito a un intervento per infarto miocardico. “Non voglio e non posso entrare nel merito della specifica vicenda né delle motivazioni della sentenza della quarta sezione penale della Cassazione – continua il prof. Forestieri -. Da medico, però, non posso non rimanere perplesso, se non sconcertato, da un virgolettato, attribuito ai giudici, relativo ad un loro giudizio sulle linee guida: ‘nulla si conosce dei loro contenuti né dell’autorità dalle quali provengono né del loro livello di scientificità né delle finalità che con esse si intende perseguire’. Siamo praticamente tornati indietro di circa trenta anni. Sono vanificati gli sforzi perché si attui, finalmente e compiutamente, una medicina basata sulle evidenze scientifiche ed all’interno di linee guida, che garantiscano un ottimale iter diagnostico e terapeutico, non ottusamente predefinito ma sempre lasciato alla scienza e coscienza del medico”. “Questa sentenza – conclude il prof. Forestieri – non può che dare ulteriore spinta alla medicina difensiva, che, oltre ad essere uno spreco, diretto ed indiretto, di grandi risorse, mina ancora più profondamente il già deteriorato rapporto medico-paziente. Sono, infine, amareggiato nel dover constatare che di un atto medico che, di per sé, ha una specificità ed un’adeguatezza sociale del tutto peculiari e propri, si interessi ancora una volta un tribunale penale. Sarebbe il caso, ad ottanta anni di distanza dal Codice Rocco, di regolamentare diversamente l’atto medico, senza, per questo, depenalizzarlo necessariamente. Leggendo, infine, gli stralci di una perizia legale del caso specifico e le motivazioni dei giudici di cui sopra mi domando se non sia giunto il tempo di finirla con medici legali e giudici tuttologi”.

Posted in Diritti/Human rights, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tumore prostata

Posted by fidest press agency su domenica, 7 novembre 2010

Firenze. Un metodo non invasivo per ottenere una diagnosi precisa e in tempo reale in caso di tumori. L’ennesima efficace applicazione del laser in campo medico-scientifico ha prodotto risultati a dir poco incoraggianti nel campo dell’oncologia.  I dati delle ultime sperimentazioni sono stati presentati a Firenze dalla ricercatrice svedese Katharina Svanberg, dell’Università di Lund, nel corso di Laser Florence 2010, l’annuale congresso organizzato dalla IALMS (International Academy Laser Medicine and Surgery).
La diagnostica fotodinamica consiste nell’irradiazione, a mezzo laser a bassa intensità, delle cellule tumorali che vengono letteralmente “evidenziate” iniettando nel corpo del paziente un fluido apposito. Questo fluido rende fluorescenti le cellule tumorali presenti nei tessuti, che, se situate in zone del corpo irradiabili a mezzo laser, possono conseguentemente venire trattate ed eliminate immediatamente.
La diagnosi precoce, in oncologia, è un fattore decisivo: i dati della sperimentazione, infatti, hanno dimostrato che la maggior parte dei tumori maligni mostrano un’attitudine alla cura di oltre il 90 per cento, se scoperti appunto nella fase di indagine non-invasiva effettuata tramite laser. A margine del suo intervento, la ricercatrice si sofferma anche sulla possibilità di sviluppare cure efficaci nella lotta al cancro della prostata e dei polmoni. “Per la prostata è molto più semplice e sicuro dire di sì, sia per quello che riguarda la diagnosi, sia per la cura – afferma la Svanberg -. Per i polmoni, invece, la diagnosi deve essere molto precoce. Diagnosi che può essere fatta attraverso le fibre ottiche e che, se repentina, permette anche di sviluppare una cura per il cancro ai polmoni”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La laringite può essere ambientale

Posted by fidest press agency su domenica, 22 agosto 2010

L’esposizione quotidiana a fumo di sigaretta, allergeni, acari e smog può essere all’origine della laringite, anche cronica, secondo quanto riscontrato dai ricercatori dell’UC Davis Health System Department of Otolaryngology di Sacramento (California). Il team di Peter C. Belafsky ha già da tempo presentato i risultati della ricerca all’American Academy of Otolaryngology – Head and Neck Surgery Foundation Annual Meeting & Oto Expo. In genere ricercatori e medici attribuiscono disturbi come abbassamento di voce e tosse stizzosa a un’infezione virale o un abuso della voce stessa, come nel caso delle laringiti professionali. Ora però gli scienziati hanno scoperto – grazie a studi su modelli animali – che anche l’esposizione a diversi inquinanti ambientali, inclusi gli acari della polvere e lo smog, può causare quelle che gli stessi autori definiscono laringiti ambientali. Un fenomeno che, avvertono gli scienziati, potrebbe portare a un aumento dei casi di laringite e delle laringiti croniche.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Laparoscopic and robotic urologic surgery

Posted by fidest press agency su domenica, 6 giugno 2010

Roma dal 10 al 12 Giugno prossimi si terrà a presso il ‘Rome Marriott Park Hotel’ la VII° edizione dello European Meeting on Laparoscopic and Robotic Urologic Surgery “Challenges in Laparoscopy and Robotics” presieduto dal prof. Vito Pansadoro. Obiettivo dell’incontro è di fare il punto sull’avanzamento tecnologico, sull’educazione e la comunicazione su questi temi, per dare un impulso alla conoscenza dei progressi della ricerca e dell’attività clinica. Il programma scientifico comprende, tra l’altro, la trasmissione in diretta TV di 20 interventi chirurgici di laparoscopia e chirurgia robotica effettuati dai migliori chirurghi urologici del mondo e una serie di presentazioni sui temi più caldi della specialità. Un aggiornamento ‘last minute’ sulla chirurgia laparoscopica e robotica – applicata alla prostata piuttosto che al carcinoma renale – ai massimi livelli mondiali.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bellezza, anche la suocera si “ritocca”

Posted by fidest press agency su venerdì, 7 maggio 2010

Non solo la sposa vuole essere al “top” il giorno del sì. Anche le mamme degli sposi sono sotto ai riflettori: di fianco ai figli nel momento più importante e vogliono dunque apparire al meglio davanti a parenti e amici. Per mandare indietro di qualche anno le lancette degli orologi, sempre di più si rivolgono al chirurgo plastico. «Mi sta capitando sempre più spesso negli ultimi anni di ricevere nel mio studio le mamme che si stanno preparando per il matrimonio dei figli – afferma Alessandro Gennai, chirurgo plastico di Bologna socio del’Eafps (European Academy of facial plastic surgery) -. Il trend è in aumento è di circa il 20% all’anno. Quasi tutte desiderano una “rinfrescatina” al viso, per apparire più giovani, fresche e rilassate, ma senza risultati troppo artificiosi. Gli interventi più richiesti sono iniezioni di botulino, acido ialuronico e cicli di vitamine. Per ottenere i migliori risultati, consiglio di eseguirle almeno 3 settimane prima della data: in questo modo i risultati sono visibili e non si rischia di trovarsi qualche piccolo livido che rovini il look in un giorno così speciale».
Alessandro Gennai laureato con lode nel 1988 in Medicina e Chirurgia all’Università degli studi di Modena, ha frequentato la Scuola Internazionale di Medicina Estetica alla Fondazione Fatebenefratelli di Roma e la specializzazione in Chirurgia Generale al Policlinico Universitario di Modena, per poi proseguire gli studi all’estero (Los Angeles, Chicago, Spagna, Brasile e Argentina). In particolare è stato negli Stati Uniti, dove ha appreso, primo fra gli italiani, la tecnica del lifting endoscopico dal suo “padre fondatore”, Nicanor Isse. Gennai è socio della Eafps, European Academy of Facial Plastic Surgery. Lo studio si trova in via delle Lame a Bologna (www.gennaichirurgia.it).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Incisionless Operating Platform

Posted by fidest press agency su martedì, 13 aprile 2010

San Clemente, Calif., April 12, 2010 — USGI Medical, Inc.(USGI) announced today that European regulatory authorities have granted the CE Mark to the instruments that make up its ™ Incisionless Operating Platform (IOP). The IOP consists of the Transport™ Multi-lumen Access Platform, the g-Lix™ Helical Endoscopic Tissue Grasper, the g-Prox® Grasping/Tissue Approximation Device, and the g-Cath™ Tissue Anchor Delivery Catheters with Expandable Tissue Anchors™. Each instrument received individual CE Mark certification. USGI has developed the first durable suturing system for use in Incisionless Surgery. Recent publications confirm that the Expandable Tissue Anchors exceed surgeons’ expectations for tissue remodeling, long-term tissue compatibility and durability. The lack of a proven durable endolumenal suturing technology had limited the growth of incisionless surgery.  Incisionless Surgery is the next wave in minimally invasive surgery and is rapidly becoming an option demanded by patients and healthcare providers for its potential to minimize pain, shorten hospital stays, lower treatment costs and eliminate visible external scars. Incisionless Surgery, which encompasses Natural Orifice Translumenal Endoscopic Surgery (NOTES), endolumenal and single-port techniques, can be applied to bariatric surgery, cholecystectomy, appendectomy, GERD (Gastroesophageal Reflux Disease), gastrointestinal cancer and urological and gynecological procedures.
USGI Medical designed the Incisionless Operating Platform™ (IOP) to enable Incisionless Surgery. Combining the flexibility of endoscopy with the therapeutic benefit of laparoscopy, the IOP offers a stable operating platform, access for multiple, robust, flexible surgical tools and durable tissue anchors to approximate and permanently affix tissue – important requirements for Incisionless Surgery that traditional endoscopes and endoscopic instruments do not provide. The IOP incorporates the TransPort™ Operating Platform and instruments for cutting, suturing and grasping tissue.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sala operatoria per day surgery oculistico

Posted by fidest press agency su mercoledì, 7 ottobre 2009

Roma  Per la Day Surgery oculistica dell’Azienda ospedaliera San Giovanni – Addolorata, è stata attivata una nuova sala operatoria presso il Presidio ospedaliero Britannico (Via Santo Stefano Rotondo, 6) a seguito della convenzione stipulata con l’IRCCS Fondazione G. B. Bietti, che si è assunto anche gli oneri relativi all’acquisto del microscopio operatorio, di attrezzature anestesiologiche e diversi strumenti relativi ad alcuni interventi chirurgici.  Con l’avvio dell’attività della terza sala operatoria si completa il 5° gruppo operatorio dell’Azienda, totalmente dedicato all’oculistica, facente parte del blocco delle sale operatorie in funzione (per complessive 25 sale operatorie).  La convenzione stipulata con la Fondazione G. B. Bietti, già avviata con l’istituzione del “Centro per le maculopatie”, consentirà lo sviluppo delle sinergie tra i due Enti in modo tale che, per tre giorni a settimana, oculisti della Fondazione G. B. Bietti potranno eseguire interventi chirurgici che riguardano il segmento anteriore dell’occhio (cataratta, trapianti di cornea, ecc.) e il segmento posteriore (retina, ecc.).   Ci si avvia così a completare i rapporti tra i due Enti con la ristrutturazione dei locali da adibire ai laboratori di ricerca e alla Banca degli Occhi.  La camera operatoria, così come tutto il blocco operatorio, è sostenuta da attrezzature tecnologicamente avanzate di ultima generazione, tra le più moderne degli ospedali romani.   Il polo oftalmologico del Presidio ospedaliero Britannico, facente parte di questa Azienda, sarà in grado di garantire un miglioramento dei livelli quali-quantitativi dell’attività oculistica nella città di Roma.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Seno e liposuzione gli interventi più richiesti

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 luglio 2009

In vista delle vacanze estive, il ritocchino al seno è in testa alle classifiche di gradimento. «Tra gli interventi chirurgici più richiesti per l’estate 2009 la mastoplastica additiva la fa da padrona – dice Alessandro Gennai, chirurgo plastico di Bologna socio dell’European Academy of Facial Plastic surgery -. C’è stato anche un aumento, rispetto agli anni precedenti, della liposuzione. In generale è la prova costume a spaventare di più, per questo si ricorre al bisturi per aggiungere o eliminare qualche centimetro». Altro punto “debole” è il volto: l’abbronzatura, se da un lato dà un’aria più tonica e sana, dall’altro evidenzia le rughe attorno agli occhi e quelle d’espressione. «Il lifting si conferma molto apprezzato dagli over 40, in particolare le soluzioni mini invasive – prosegue Gennai-. Molto successo lo sta riscuotendo il Mivel, un approccio innovativo alla chirurgia estetica in cui il viso si considera diviso in aree verticali, anzichè orizzontali: in questo modo si valuta il livello di invecchiamento delle diverse zone e si studiano metodiche di ringiovanimento più adatte. Con la tecnica endoscopica si riposizionano i tessuti e, con il lipofilling, si ripristinano i volumi perduti, vera causa dell’invecchiamento. Lifting non vuol più dire “tirare” la pelle e neanche avere grosse cicatrici: sono piccole e ben nascoste, e i tempi di recupero sono brevi». Anche se mini invasivi, gli interventi richiedono una certa convalescenza: per questo per la sala operatoria c’è ancora poco tempo.  Per “riempire” il bikini c’è poi il Macrolane, il primo gel in grado di aumentare il seno senza bisturi. L’intervento, della durata di circa mezz’ora, viene svolto in anestesia locale direttamente in ambulatorio. I risultati sono visibili fin da subito e, dopo un paio di settimane, è possibile tornare alle normali attività quotidiane facendo attenzione ad evitare per alcuni giorni qualsiasi azione che possa mettere pressione alla zona trattata. Gli effetti non sono permanenti: trattandosi di un prodotto riassorbibile e altamente biocompatibile, ha una durata limitata nel tempo, dai 12 ai 18 mesi. Il Macrolane può essere utilizzato anche per i glutei, in modo da avere un fondoschiena alto e sodo: una valida alternativa alle protesi, un intervento di chirurgia doloroso e non privo di controindicazioni. Nonostante la crisi economica, la chirurgia plastica sembra non conoscere battute d’arresto. Il 92% dei pazienti sono donne: il 22%ha tra i 19 e i 34 anni, il 45% tra i 35 e i 60.  Alessandro Gennai – Profilo professionale. Laureato con lode nel 1988 in Medicina e Chirurgia all’Università degli studi di Modena, Alessandro Gennai ha frequentato la Scuola Internazionale di Medicina Estetica alla Fondazione Fatebenefratelli di Roma e la specializzazione in Chirurgia Generale al Policlinico Universitario di Modena, per poi proseguire gli studi all’estero (Los Angeles, Chicago, Spagna, Brasile e Argentina). In particolare è stato negli Stati Uniti, dove ha appreso, primo fra gli italiani, la tecnica del lifting endoscopico dal suo “padre fondatore”, Nicanor Isse. Gennai è socio della Eafps, European Academy of Facial Plastic surgery. Lo studio si trova in via delle Lame a Bologna (www.gennaichirurgia.it).

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »