Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n°159

Posts Tagged ‘sviluppo industriale’

Incontro dell’Organizzazione delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Industriale a Tokyo

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 giugno 2018

Tokyo. UNIDO ITPO Italy partecipa all’ITPO Heads’ Meeting, l’incontro annuale in cui i vertici dei 9 uffici di Promozione Tecnologica e degli Investimenti della rete UNIDO presentano le attività implementate, i nuovi step da intraprendere e i miglioramenti attesi.
Tante le novità dell’Head Meeting di quest’anno, che per la prima volta in dieci anni si tiene a Tokyo, e che vede la partecipazione inedita, su invito di UNIDO ITPO Italy, del Future Food Institute rappresentato dalla dott.ssa Claudia Laricchia, capo delle Relazioni Istituzionali dell’ente. UNIDO ITPO Italy, nell’ambito delle sue molteplici attività in diversi settori, riserva un’attenzione strategica al tema della food & agriculture innovation. È un percorso che parte da EXPO Milano 2015, in cui UNIDO ITPO Italy ha lanciato la prima edizione del Premio Internazionale “Innovative Ideas and Technologies in Agribusiness”, e che porterà ad EXPO Dubai 2020, passando per Matera Città Europea della Cultura 2019. In questo quadro, la 3° edizione del Premio Internazionale 2019 sarà promossa dal Future Food Institute, valorizzando anche i 500 progetti già raccolti nelle precedenti edizioni, provenienti da 80 paesi e 5 continenti. UNIDO ITPO Italy si pone quindi come unico ufficio del network che ha rilevato la food innovation quale fattore abilitante per lo sviluppo dei paesi target dell’organizzazione.
Fanno parte di questo percorso a beneficio dei paesi in via di sviluppo anche la recente visita del Vice Ministro dell’Agricoltura del Mozambico, paese prioritario di ITPO Italy, alle Scuderie di Bologna, sede del Food Future Institute, e alla FICo – Fabbrica Italiana Contadina, nonché l’organizzazione del workshop “Food innovation in Developing Countries” tenutosi a Milano presso Cascina Cuccagna la scorsa settimana, al quale hanno partecipato oltre 15 imprese mozambicane.
La Direttrice di UNIDO ITPO Italy, Diana Battaggia, ha dichiarato: “Ho deciso di invitare il Future Food Institute come special guest a questo importante Heads Meeting, perché questa collaborazione strategica, come anche ha evidenziato la collega Lucia Cartini, coordinatore ITPO, recepisce un bisogno sentito dalle UN a livello mondiale: incrementare gli interventi sulla innovazione per promuovere investimenti e aumentare i livelli di competitività di aziende e territori. Su questo la nostra Agenzia ha svolto dal 2015 un lavoro pionieristico”.“Con UNIDO ITPO Italy stiamo programmando azioni di lungo periodo che portino la food innovation nei paesi in via di sviluppo”, ha aggiunto Claudia Laricchia ”Vogliamo farlo coinvolgendo l’intero sistema Italia, a partire dalle Regioni, dalle Associazioni di categoria, le aziende, le Università e i centri di ricerca e tutti gli stakeholder nazionali, atteso che il Made in Italy può e deve consolidare la sua brand position all’estero non solo per il food ma anche per le tecnologie applicate al food”.
Il Future Food fondato nel 2014 a Bologna è oggi un intero ecosistema che fa della food innovation uno strumento chiave per affrontare le grandi sfide del futuro, parlando al mondo, ma valorizzando il territorio partendo dalla Italia. Un ecosistema composto da un’anima education: il Future Food Institute, Trust no-profit che grazie alle preziose partnership globali, ha dato vita al master internazionale Food Innovation Program giunto alla sua terza edizione, la Food Innovation Global Mission, Summer School, una Young Talent Academy, laboratori per scuole primarie e percorsi per Executive.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale (UNIDO)

Posted by fidest press agency su sabato, 10 ottobre 2015

Onu palaceMilano il 15 ottobre 2015 nell’ambito del progetto We-Women for EXPO, si terrà la presentazione “Rafforzare il ruolo delle donne nel settore della sicurezza agroalimentare in Etiopia” presso lo spazio dedicato a “ME and WE-Women for Expo” (Cardo nord-ovest, primo piano) di Expo Milano. In Africa le donne rappresentano la spina dorsale della produzione alimentare, fornendo fino all’80% del lavoro agricolo. In particolare in Etiopia il 60% delle micro e piccole imprese di trasformazione alimentare sono gestite da donne, questi dati dimostrano che riducendo le disuguaglianze di genere il Prodotto Interno Lordo (PIL) annuo Etiope potrebbe aumentare di 1,9 punti percentuali. Pertanto UNIDO riconosce che l’empowerment femminile e l’uguaglianza di genere ricoprono un significativo impatto sulla crescita economica inclusiva e sostenibile attraverso uno sviluppo industriale del Paese. In questo contesto, UNIDO ha investigato su quelli che sono gli ostacoli che impediscono alle donne etiopi di diventare imprenditrici di successo, pertanto i temi che verranno affrontati durante la presentazione sono l’accesso al credito, la tecnologia nella sicurezza alimentare, l’assenza di provvedimenti politici per ridurre le disparità di genere nel settore privato, la scarsa disponibilità di dati delle imprese locali e la mancanza di personale qualificato. Questi temi sono fondamentali al fine di favorire lo sviluppo socio-economico dell’Etiopia, creare nuovi posti di lavoro e contribuire alla diversificazione dell’economia.Inoltre durante la conferenza si avrà modo di assistere alla testimonianza di alcune donne di successo che, attraverso la loro esperienza, sono riuscite a superare i principali ostacoli che frequentemente impediscono loro di intraprendere una carriera imprenditoriale. Programma dell’evento:
Moderatore della conferenza il dott. Matteo Landi, UNIDO Development Industrial and Youth Employment Expert
11:00 Discorso di benvenuto della dott.ssa Monica Carco’, Chief, Investment and Technology Unit, UNIDO;
11:10 Proiezione video: “Il ruolo delle donne nel settore della sicurezza alimentare in Etiopia”;
11.20 Presentazione del Report “WOMEN: adding value to value chains” della dott.ssa Rossella Belli, esperta di genere, Cooperazione Italiana allo Sviluppo;
11:30 – 12:00 Testimonianza diretta delle imprenditrici etiopi di successo: Ms. Almaz Ayele – settore pollame, Ms. Muluemebet Gebeyehu Fentie – settore miele, Ms. Emebet Mekonnen – settore industria casearia, Ms. Yordanos Goushe Girmay – settore cosmetici da colture oleaginose, Ms. Sara Yirga Woldegerima – settore caffè.

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le “fantasie” dell’on.le Porfidia

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 luglio 2011

“L’obiettivo principale del Governo del paese dev’essere l’annullamento del dislivello qualitativo e quantitativo esistente tra nord e sud” lo dichiara l’on. Americo Porfidia in riferimento alla manovra economica che a breve sarà discussa in Parlamento “Il 30 maggio scorso alla Camera dei Deputati è stato presentato l’ultimo rapporto SVIMEZ sulla situazione del paese, ed è emerso chiaramente come a 150 anni dall’Unità l’Italia è divisa in due sotto il profile economico. L’attuale situazione economica dell’intera area europea sta marcando queste differenze e le sofferenze nei terriotori meridionali si amplificano. Il mondo del lavoro è in ginocchio e servono spinte concrete e di ampio raggio per ridare slancio e prospettiva al settore. I giovani del sud vivono una stagione di grave crisi occupazionale e si fatica a guardare con fiducia nel prossimo futuro. Noi crediamo – continua Porfidia – che una delle ragioni principali della distanza esistente tra nord e sud del paese sia legato al gap infrastrutturale, rivelato anche dal rapporto SVIMEZ. Il nostro tempo è segnato sostanzialmente dalla velocità degli spostamenti e lo sviluppo industriale è praticamente impedito in mancanza di una rete infrastrutturale valida. Del resto le ultime delibere CIPE sono state segnate da un evidente sbilanciamento di assegnazione fondi per lavori nell’area centro-nord del paese ed un inevitabile annichilimento delle aspettative del Sud. Questa tendenza dev’essere invertita. Per questo – conclude il deputato di Noi Sud – chiediamo al Governo di inaugurare una stagione nuova di investimenti industriali ed infrastrutturali nelle regioni del Sud Italia, sostenendo altresì lo sviluppo e la diffusione delle fonti energetiche alternative e rinnovabili, e crediamo che la realizzazione del Piano per il sud sia l’unica via percorribile in tal senso” (On. Americo Porfidia)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Energia, industrie: “Un tavolo tecnico con l’assessore Gianni”

Posted by fidest press agency su martedì, 7 aprile 2009

“Rinnoviamo all’Assessore regionale all’Industria, Pippo Gianni, di promuovere il tavolo tecnico, già peraltro richiesto, per un dialogo costruttivo finalizzato a soluzioni agevoli e concrete anche per la pubblica amministrazione”. E’ questa la richiesta lanciata da Alvaro Di Stefano, delegato di Confindustria Sicilia regionale sull’energia, dopo la presentazione del Piano Regionale atteso da tre anni, che chiarisce la posizione degli industriali relativamente alla partita energia in Sicilia, da cui gli stessi sono stati tenuti fuori. “Confindustria Sicilia ha creato nel settembre 2008 un Gruppo di Lavoro con circa 30 esperti del settore che si occupasse del Piano Regionale per l’Energia. Il lavoro è stato sviluppato all’interno delle nostre associazioni territoriali con appropriati studi per dare suggerimenti – continua – e opportune indicazioni agli Organi Regionali preposti prima che lo stesso Piano fosse deliberato dalla Giunta Regionale e pubblicato in Gazzetta Ufficiale”. Il gruppo, alla cui guida è stato nominato Aldo Garozzo, ha confezionato in un apposito dossier consegnato all’inizio del 2009 nelle mani del Presidente di Confindustria Sicilia per trasmetterlo alla Presidenza della Regione ed ai competenti Assessori Regionali. “Siamo tutti meravigliati che di questo studio e dossier specifico sulla migliore possibile soluzione dei problemi dell’energia in Sicilia e dei relativi suoi investimenti non si sia tenuto fino ad ora conto, così come era nello spirito di collaborazione “pubblico e privato” manifestato ed intrapreso dalle parti regionali, nel comune interesse”.  Di Stefano non nasconde il suo disappunto sulla esclusione degli industriali dalla redazione del piano energia: “Ancora una volta veniamo tenuti fuori dai confronti necessari per il miglior e condiviso sviluppo della nostra economia con i conseguenti danni di paralisi della attività tra cui i prevedibili ricorsi amministrativi ed i conseguenti mancati investimenti che ne derivano”. (fonte: economiasicilia.it)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »