Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Posts Tagged ‘svolte’

Chiesa e Stato in Cina

Posted by fidest press agency su domenica, 24 ottobre 2010

Presentato il volume “Chiesa e Stato in Cina. Dalle imprese di  Costantini alle svolte attuali”
Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha ricevuto al Quirinale una  delegazione guidata dal Prof. Mons. Bruno Fabio Pighin, e composta dal Sindaco di  Pordenone, Sergio Bolzonello, dal Presidente del Comitato organizzatore degli eventi in  onore del Cardinale Celso Costantini, Alberto Marchiori, e dal Segretario della  Fondazione “Celso Costantini”, Tommaso Boer, che gli ha presentato il volume “Chiesa e  Stato in Cina. Dalle imprese di Costantini alle svolte attuali”. Era presente l’Ambasciatore d’Italia presso la Santa Sede, Antonio Zanardi Landi. (incontro)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le svolte politiche del Novecento italiano

Posted by fidest press agency su domenica, 11 luglio 2010

Torino 14 luglio 2010, alle ore 19,30 presso l’Unione Industriale, Ristorante “il Circolo” Torino (prenotazione obbligatoria) si tiene una conferenza in occasione dell’uscita del libro Tre giorni nella storia d’Italia (il Mulino), finalista Premio “Acqui Storia”. Modera la serata, Vittorio G. Cardinali, Presidente dell’Associazione Immagine per il Piemonte. Introduce, il conte Alessandro Cremonte Pastorello, Presidente del Premio di Cultura L’Arcangelo.
Tre giorni, tre punti di svolta in cui simbolicamente si compendia la vicenda politica italiana del Novecento: il 28 ottobre 1922 con la marcia su Roma; il 18 aprile 1948 con la vittoria della Democrazia Cristiana sul Fronte delle sinistre; il 27 marzo 1994 con la sorprendente affermazione elettorale di Silvio Berlusconi e della sua inedita alleanza col Msi e la Lega. Con l’intelligenza tagliente che gli è propria, Galli della Loggia rilegge questi tre momenti cruciali della nostra storia dimostrando quanto tormentato e difficile sia stato l’apprendistato dell’Italia alla democrazia liberale.
Ernesto Galli della Loggia vive a Roma, insegna storia contemporanea all’Istituto Italiano di Scienze Umane (SUM) di Firenze, ed è editorialista del “Corriere della Sera”. Con il Mulino ha pubblicato Il mondo moderno (1982) e L’identità italiana (1998) nella collana omonima da lui diretta.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sicurezza: competenze sindaco Roma

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 marzo 2010

“Cosa farà il Ministro dell’Interno per ristabilire la corretta competenza sulle attività e il coordinamento dell’unità di crisi definita ‘Sala Sistema Roma’ della Capitale? Quali sono le attività programmate e svolte dall’Ufficio Extradipartimentale Coordinamento delle Politiche per la Sicurezza del Comune di Roma? Quali e quanti fondi vengono utilizzati per il mantenimento dello stesso Ufficio?” Sono le domande che il senatore del Pd Raffaele Ranucci rivolge al ministro dell’Interno Roberto Maroni con un’interrogazione depositata oggi a Palazzo Madama. Nell’interrogazione Ranucci ricorda che “durante la campagna elettorale del 2008 per il Comune di Roma, il candidato a Sindaco della destra, Gianni Alemanno, ha improntato la propria campagna elettorale sul tema della sicurezza. Nello stesso anno il Sindaco, appena eletto, istituisce in seno al corpo amministrativo del Comune un nuovo ufficio denominandolo ‘Ufficio Extradipartimentale Coordinamento delle Politiche per la Sicurezza’, affidando la supervisione ad un Prefetto in pensione, Mario Mori, impegnandosi a sostenere con 10 milioni di euro gli interventi previsti dal Patto per Roma Sicura. Nel luglio del 2008 – si legge ancora nell’interrogazione – il Sindaco vincola la stesura definitiva del Patto, con una clausola subdola: far confluire tutti i dati delle telecamere posizionate in città in una ‘Sala Sistema Roma’, gestita dal Comune e collegata alle Centrali operative delle forze dell’Ordine, estromettendo di fatto il ruolo del Prefetto”.  “La Sala Sistema Roma – spiega Ranucci – è a tutti gli effetti una unità di crisi per la sicurezza e dovrebbe far capo al Prefetto e non rispondere direttamente al sindaco. Chiediamo quindi al ministro Maroni cosa intende fare per ristabilire la corretta competenza”. Ranucci infine ricorda come “Alemanno usa il tema della sicurezza strumentalmente e faziosamente a vantaggio della propria parte politica che evoca il tema sicurezza ciclicamente e a ogni campagna elettorale. Non a caso la Sala Sistema Roma è stata frettolosamente inaugurata ieri, a dieci giorni dalle elezioni, anche se incompleta e parzialmente funzionante. “

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le pietre miliari della storia

Posted by fidest press agency su domenica, 23 agosto 2009

Non è infrequente che si è portati a definire i processi storici per date precostituite partendo dall’idea che il tempo anagrafico della fine di un secolo sia automaticamente collegabile ad una svolta storica ben definita. Non è così, ovviamente. Siamo, ad esempio, entrati nel XX secolo solo nel 1918 con i problemi nuovi e vecchi che sono andati al pettine come altrettanti nodi ed ancora siamo entrati in un’era diversa dalla precedente per due ordini di motivi: la divisione bipolare nata a Yalta e le due bombe atomiche deflagrate ad Hiroshima e Nagasaki. Ed ancora nel 1989 abbiamo recitato il de profundis alle ideologie crollate contemporaneamente al muro di Berlino. Svolte ed ancora svolte che si sono maturate, ma altre che sono state accettate con ritardo o parzialmente, e alla fine hanno influito in modo diverso nella storia dell’umanità. Pensiamo al nostro modo nuovo d’intendere il ruolo dei partiti ed ancor più quello della politica intesa prima come ascolto, dialogo, meditazione ed ora in dosi sempre più massicce di efficientismo, di decisionismo e di esaltazione della figura del capo. Significati per lo più affini alla cultura d’impresa in senso capitalistico. Su questa lunghezza d’onda ci dobbiamo chiedere, guardando i partiti di casa nostra, cosa è mutato da ieri ad oggi e se l’adeguamento ai tempi nuovi degli uni e la stazionarietà degli altri non abbia finito con l’influire sui risultati elettorali che si sono susseguiti dagli anni novanta ad oggi. Ed ancora dovremmo chiederci se questa ricerca di equlibri politici più avanzati non fosse già in pectore nel 1974 allorché l’allora segretario del partito Socialista De Martino sull’Avanti aveva annunciato la scelta strategica del suo partito. In altri termini il partito socialista condizionava la sua partecipazione a governi di coalizione all’obiettivo politico di essere al tempo stesso garanti delle istituzioni di democrazia liberale ma di non voler governare senza il coinvolgimento del  Partito comunista, ovvero a quella conventio ad escludendum  che aveva caratterizzato tutta la storia politica dell’Italia repubblicana sino ad allora e nel “buon governo” della Dc e dei suoi alleati.  E’, a nostro avviso, il nesso che lega la crisi politico-istituzionale, nata dopo la decisione socialista, con le vicende politico-giudiziarie di “mani pulite”, la caduta del muro di Berlino e tutti gli effetti domino che sono derivati nelle più svariate parti del mondo.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »