Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Posts Tagged ‘Tanzania’

Drinking Water for the Maasai in the steppe of Tanzania

Posted by fidest press agency su sabato, 28 marzo 2020

Together with nine other European project partners, Phaesun is developing innovative desalination systems based on electrodialysis technology as part of the EU development and innovation project REvivED Water.
In February 2020, a pilot plant was installed at a saline well in the Tanzanian Maasai village of Ndedo and supplies the population with 2000 litres of drinking water per day.The plants are complete systems in which the water is cleaned of dirt particles, bacteria and viruses in a preliminary stage and treated with self-generated chlorine in a post-treatment stage for sterile storage in a water tank. The core of the system is based on the membrane process of electrodialysis. In contrast to conventional desalination technologies (thermal or reverse osmosis), electrodialysis is particularly low-maintenance and is well suited for solar power supply due to its low energy consumption. Thus, a completely self-sufficient system could be developed, which does not require any additional infrastructure or power supply.
Florian Martini, project engineer at Phaesun, carried out the installations in Tanzania. “It was wonderful to see how modern technology fits into the traditional way of life of the Maasai,” says Martini. “A great advantage is that, unlike other desalination technologies, no waste products are produced and no diesel is needed to operate the systems. The clean water is highly appreciated!” The contact to the Maasai village came about through the MissionEineWelt of the Evangelical Lutheran Church in Bavaria. Eberhard Westhauser from MissionEine Welt has maintained close contacts with the Maasai people in the steppes of Tanzania since many years and supports water supply projects in this region. He reports: “When it rains enough, large catchment basins ensure a sufficient water supply for the Maasai and their herds of cattle until the dry season. However, the groundwater is salty and due to prolonged dry periods in recent years, the Maasai have had to resort more and more often to salty groundwater.”
The plant in Ndedo is the seventh system installed within the REvivED Water project. The previous pilot plants supply schools, temples and private households in East Africa and India with drinking water. With the plant in Ndedo, a water kiosk model is implemented for the first time. The village inhabitants pay for the water a small fee, so that a local watchman can be paid to operate the plant. Through this model, the plant is maintained on site in an exemplary manner and operation is ensured in the long term. Phaesun tracks the performance of the plant by modem via a remote monitoring and control system and can change settings on the system, for example if the salinity of the groundwater fluctuates.The REvivED Water project runs until May 2020, then Phaesun will offer the desalination system in its product portfolio.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sea Shepherd lancia Operazione Jodari con la Tanzania, con i primi tre arresti

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 febbraio 2018

OpJodari-TanzaniaDopo 20 giorni di pattugliamenti che hanno portato all’arresto di tre navi per reati di pesca, la nave di Sea Shepherd, la M/Y Ocean Warrior, è arrivata a Dar es Salaam per lanciare ufficialmente l’Operazione Jodari, una campagna in collaborazione con il governo della Repubblica Unita di Tanzania, per combattere la pesca illegale,non riportata e non regolamentata (INN), nella zona occidentale dell’Oceano Indiano.Nelle scorse tre settimane, forze dell’ordine della Deep Sea Fishing Authority, della Marina della Tanzania e della Multi-Agency Task Team (MATT), sono stati accolti segretamente a bordo della nave di Sea Shepherd, la M/Y Ocean Warrior, lavorando OpJodari-Tanzania1al fianco del Capitano Adam Meyerson e dell’equipaggio di Sea Shepherd per pattugliare le acque territoriali della Tanzania. Le forze dell’ordine hanno l’autorità di abbordare, ispezionare e arrestare le imbarcazioni che violano le leggi della Tanzania. La MATT è guidata dalla Polizia della Tanzania e include il Servizio Forestale della Tanzania, la Divisione Fauna Selvatica, la Divisione Pesca, il Servizio di Intelligence e Sicurezza della Tanzania. E’ stata istituita per individuare persone o organizzazioni che controllano i crimini ambientali e il commercio illegale di fauna selvatica nel territorio.
Operazione Jodari si prefigge di controllare le attività delle imbarcazioni nelle acque della Tanzania, abbordare quelle sospettate di pesca INN, così come di formare gli ufficiali della Tanzania al monitoraggio, controllo e sorveglianza (MCS) delle attività di pesca nelle acque della Tanzania, incluse le ispezioni alle navi da pesca e le procedure di abbordaggio. (foto: OpJodari-Tanzania)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Agriculture and Fisheries Council discusses fishing opportunities for 2016

Posted by fidest press agency su sabato, 27 giugno 2015

Agriculture and Fisheries CouncilThe Agriculture and Fisheries Council (Luxembourg, 16 June 2015) discussed fishing opportunities for 2016 in EU waters. Ministers of EU Member States reaffirmed their strong commitment to make EU fisheries more sustainable.Other topics included expenditure under the European Fisheries Fund 2007-13, the Russian ban on fisheries products imports from Latvia and Estonia and negotiations for a sustainable fisheries partnership agreement with Tanzania.
Fishing opportunities for 2016. The Commission briefed ministers on a communication on EU fishing opportunities for 2016, which it had tabled earlier this month. The document reports that in the last few years the EU has generally managed its fisheries more sustainably and thus achieved a better state for a large number of its fish stocks. Overfishing is still predominant in the Mediterranean however, where improvements have been slower.
Several Member States acknowledged the overall improvement in the state of fish resources; however some delegations stressed that improvements in other stocks, such as Blue Fin tuna, could have been better recognised. They also recalled the importance of setting up multiannual plans with a multispecies approach for fish stocks. The Council needs to agree on the fishing opportunities for 2016 by the end of this year. The agreement will take into account the impact of fishing fleets on stocks (fishing mortality). Several countries noted that this means moving to levels needed to permit stocks to rebuild to biomass levels that can produce maximum sustainable yield (MSY), while taking into account socio-economic factors.
Ministers also discussed a request by Greece to extend the eligibility period of expenditure for the Operational Programme Fisheries 2007-2013. The period is set to expire on 31st July 2015. The Commission explained that it could not extend the period of eligibility and that funds available should be used under existing rules.
Russia has imposed a ban on Latvian and Estonian fish and fish product imports for sanitary reasons, as of 4th June 2015. The Commission presented a set of measures and instruments that could be mobilised to support the member states and industry affected by this decision. They include more storage aid, better support in identifying alternative markets and greater flexibility for transfers of fishing quotas for the most affected stocks.
EU and Tanzania – negotiations for a Fisheries Partnership Agreement Ministers have authorised the Commission to open negotiations on behalf of the EU for the conclusion of a sustainable fisheries partnership agreement (FPA) and protocol with the United Republic of Tanzania.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

UNICEF / OMS: un nuovo piano per affrontare polmonite e diarrea che potrebbe salvare 2 milioni di bambini ogni anno

Posted by fidest press agency su sabato, 13 aprile 2013

Un nuovo Piano d’Azione mondiale lanciato oggi dall’UNICEF e dall’OMS può salvare ogni anno 2 milioni di bambini da morti per polmonite e diarrea, due delle malattie killer per i bambini sotto i cinque anni di età. Nel 90% dei casi, queste morti avvengono nell’Africa subsahariana e nell’Asia meridionale.Il Piano d’Azione Mondiale Integrato per la Prevenzione e il Controllo della Polmonite e della Diarrea richiede una maggiore integrazione degli sforzi per prevenire e curare queste due malattie, stabilire obiettivi ambiziosi per ridurre il tasso di mortalità ed aumentare i livelli di accesso ad interventi salva vita dei bambini.
«Troppo spesso, le strategie per contrastare la polmonite e la diarrea sono condotte in parallelo, senza sinergie”, ha dichiarato Elizabeth Mason, Direttore per il Programma della Salute Materna, neonatale, infantile e giovanile dell’OMS. Ma come dimostrano paesi come Bangladesh, Cambogia, Etiopia, Malawi, Pakistan e Tanzania, integrare sempre più strettamente queste strategie ha senso sia dal punto di vista sanitario che economico».Molti fattori contribuiscono ad entrambe le malattie, per cui nessun intervento singolo può efficacemente prevenire, curare o controllare la polmonite o lo diarrea. Tuttavia, come i paesi più ricchi hanno dimostrato, ci sono degli elementi chiave per ridurre il numero di infezioni e morti causati da entrambe le malattie. Per esempio, una buona nutrizione e un ambiente pulito aiutano a proteggere i bambini da polmonite e diarrea. Si stanno testando nuovi vaccini per proteggere i bambini da entrambe le malattie. Un buon accesso ai servizi sanitari e i farmaci giusti possono garantire che i bambini ricevano le cure necessarie. Ma molti degli sforzi che si realizzano nei Paesi a basso e medio reddito per contrastare la polmonite e la diarrea devono ancora fare tesoro di questi elementi comuni.«È un problema di equità. I bambini poveri nei paesi a basso reddito sono più esposti al rischio di morire a causa di polmonite o diarrea, ma sono anche quelli che hanno meno possibilità di accedere agli interventi di cui necessitano”, ha detto Mickey Chopra, Responsabile per i programmi sanitari dell’UNICEF.
“Sappiamo cosa occorre fare. Se, nei 75 Paesi con il più alto tasso di mortalità applicassimo all’intera popolazione la stessa copertura di interventi di base dei quali godono il 20% delle famiglie più ricche, potremmo prevenire la morte di 2 milioni di bambini già dal 2015, la data finale degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio”, ha detto Chopra.
Il nuovo Piano d’Azione UNICEF/OMS stabilisce obiettivi globali chiari da raggiungere entro il 2025: riduzione del 75% dell’incidenza di polmonite acuta e diarrea rispetto ai livelli del 2010 tra i bambini sotto i 5 anni di età, e l’eliminazione virtuale delle morti causate da entrambe le malattie nella stessa fascia di età. Il piano punta anche a una riduzione del 40% nel numero di bambini sotto i 5 anni che soffrono di malnutrizione cronica. Gli obiettivi del Piano di Azione sono significativamente più elevati rispetto agli attuali livelli di cura. Ad esempio, esso richiede che il 90% della popolazione infantile mondiale abbia accesso ad antibiotici contro la polmonite e ai sali per la reidratazione orale contro la diarrea, rispetto ai livelli attuali (rispettivamente del 31 e del 35%). Come obiettivo intermedio, almeno metà di tutti i neonati sotto i 6 mesi dovrebbero essere allattati esclusivamente al seno, rispetto al livello attuale del 39% (dato 2012). Tutti i bambini dovrebbero avere accesso a servizi igienici adeguati e ad acqua potabile sicura, che oggi sono garantiti rispettivamente al 63% e all’89% della popolazione infantile globale.Inoltre, il Piano prevede che si continui a lavorare sui progressi già realizzati in quei Paesi che hanno introdotto nuovi vaccini contro il pneumococco e il rotavirus, in modo da raggiungere il 90% della copertura vaccinale contro questi patogeni entro la data fissata.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Caregivers”: nel mondo ci sono 52 milioni di colf e badanti

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 gennaio 2013

Sono 52,6 milioni i lavoratori domestici, come colf e badanti, stimati in tutto il mondo, per l’83% donne. Lo dice uno studio dell’Organizzazione internazionale del lavoro in un rapporto pubblicato oggi a Ginevra. Oltre la metà non è protetto da alcun limite alla durata dell’orario di lavoro settimanale secondo la legislazione nazionale e circa il 45% non ha diritto a periodi di riposo settimanale. Inoltre, poco più della metà dei lavoratori domestici ha diritto a uno stipendio minimo equivalente a quello degli altri lavoratori. E tra le donne, oltre un terzo non ha protezione della maternità. Tra il 1995 e il 2010 i lavoratori domestici nel mondo sono aumentati di 19 milioni. Il lavoro domestico rappresenta il 7,5% dell’occupazione femminile dipendente nel mondo.
Le ore lavorate superano la media di 66 ore a settimana in Malaysia e si situano tra 60 e 65 ore in Qatar, Namibia, Tanzania e Arabia Saudita. Gli orari dei lavoratori domestici sono tra i più lunghi ed i più imprevedibili di tutte le categorie di lavoratori”, viene sottolineato.
Sulla base delle statistiche ufficiali di 117 paesi e territori, il rapporto dell’Ilo giunge alla nuova stima di 52,6 milioni di lavoratori domestici in tutto il mondo nel 2010. Il dato è in aumento appunto di 19 milioni di persone dal 1995, quando erano 33,2 milioni, afferma l’Ilo sottolineando che si tratta di “stime prudenti che probabilmente sottostimano la reale portata del lavoro domestico”. Dai dati sono inoltre esclusi i lavoratori domestici sotto i 15 anni (circa 7,4 milioni secondo una stima del 2008).
Il rapporto indica, quindi, che solo il 10% dei lavoratori domestici (5,3 milioni) è disciplinato dalla normativa generale del lavoro al pari di altri lavoratori mentre più di un quarto (29,9% o circa 15,7 milioni) è completamente escluso dal campo di applicazione delle leggi nazionali del lavoro. Tra questi due estremi, esistono regimi intermedi.
Diversi Paesi dell’America latina e dei Caraibi, dell’Africa e del mondo industrializzato hanno esteso ai lavoratori domestici le protezioni minime previste per altri lavoratori, ma molto resta da fare, soprattutto in Medio Oriente e in Asia.
In Italia su un totale un totale di 651.911, 133.431 sono italiani (uomini e donne, le donne costituiscono però la stragrande maggioranza). L’Inps attesta che dal 2008 ad oggi colf e badanti di nazionalità italiana sono aumentate del 20%. Nel 2° trimestre 2012, secondo l’Istat, le occupate italiane nel Sud sono cresciute di 61 mila unità, di cui 50 mila con marito rimasto senza lavoro. Molte sono disposte anche a recarsi a svolgere questi lavori all’estero, dove c’è mercato. Senza contare il sommerso che, secondo Eures, la rete europea dei servizi per l’impiego, in questo settore, rappresenterebbe 6 lavoratori su 10.
Per Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti”, sono questi i dati sorprendenti che la crisi economica fa emergere: delle vere e proprie inversioni di tendenza nel mercato del lavoro. Il mercato dei “caregivers”, i servizi alla persona, non conosce crisi e sempre più esponenti del gentil sesso, ma anche uomini, ne approfittano, disposti anche a cambiare città e, perfino, Nazione. Con la crisi molti gli italiani pronti a fare le valigie e a vivere in famiglia anche all’estero pur di lavorare anche perchè oltreconfine il personale domestico qualificato proveniente dal nostro Paese è sempre più richiesto.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

WWF’s Tanzanian Travails: Time For Answers?

Posted by fidest press agency su sabato, 19 Maggio 2012

Tanzania 41

Tanzania 41 (Photo credit: al_green)

We usually read the UK’s Daily Telegraph for the excellent prose of James Delingpole, but we thoroughly enjoyed the piece that Christopher Booker has produced on WWF. Booker correctly points out that WWF has become a “strange body,” morphing away from its original roots concerned with animal protection to become something akin to a multi-national corporation: “the richest and most influential environmental lobbying organisation in the world.” We’d certainly agree that WWF clearly no longer has animal welfare at the top of its agenda. All the evidence shows that WWF is now acting as some kind of benign version of Greenpeace bent on reducing tr ade opportunities for the world’s poor through a conservation at all costs agenda.But we were also heartened to see Booker go to the core of WWF’s credibility, picking up the organization’s recent debacle in Tanzania, an issue the Consumers Alliance’s Andrew Langer recently wrote about in the Washington Times. As Booker correctly points out, not only did WWF fail to prevent widespread fraud and malfeasance in Tanzania, but the entire project it had been paid to undertake was nothing short of a catastrophe. And yet WWF still appears to have learned no lessons. Rather than ordering a speedy investigation, WWF claims that its findings from the Tanzania scandal will be released “in due course,” often an expression used by a tainted politician to kick an issue into the weeds. This is all very concerning. Given the amount of money that WWF receives from taxpayers, it’s nothing short of a scandal that the organization has failed to provide a comprehensive explanation into its Tanzanian travails.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lega Nord, Il libro dei giornalisti Bonasera e Romano aveva già anticipato tutto

Posted by fidest press agency su sabato, 14 aprile 2012

Palermo. Il denaro pubblico ottenuto dalla Lega Nord utilizzato per speculazioni finanziarie in Tanzania e Cipro, per la ristrutturazione della casa di Umberto Bossi (a sua insaputa, naturalmente), per finanziare la scuola privata della moglie, per comprare i titoli di studio del Trota o della “badante” del Capo, Rosy Mauro, vicepresidente del Senato. Tutti sintomi della corruzione dilagante in seno al Carroccio, sulla quale indagano ben sei Procure, che hanno spinto il Senatùr a cedere il timone e il figlio Renzo a dimettersi dal Consiglio regionale della Lombardia. Una corruzione diffusa a tutti i livelli più alti del partito che era già stata anticipata in tempi non sospetti dal libro “Inganno Padano. La vera storia della Lega Nord” dei giornalisti siciliani Fabio Bonasera e Davide Romano e che le Edizioni La Zisa rimandano, in terza ristampa, in questi giorni in libreria. Una denuncia che aveva causato agli autori gli attacchi diretti da parte dei dirigenti della Lega, a partire dal “moralizzatore” Roberto Maroni

Posted in Recensioni/Reviews, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

The WHO Patient Safety Programme

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2011

UBC Hospital

Image via Wikipedia

African Partnerships for Patient Safety (APPS) has launched the second wave of Europe-to-Africa hospital partnerships to improve patient safety in five countries. APPS proposes a unique partnership model translating policy into action to improve patient safety in hospitals in the African region. Hospitals in Africa are teamed up with counterparts in Europe to allow the sharing of tools, processes and learning based on three core objectives: partnership strength, hospital patient safety improvements, and patient safety spread. Building on the success of the “first wave” of partnerships established by APPS in 2009, new partnerships between hospitals in Africa and the UK are being launched in a “second wave”. Representatives of the five partnerships between UK and African hospitals (in Ghana, Mozambique, Rwanda, Tanzania, and Zambia) met at WHO Headquarters this week to kick off their new partnerships and to establish work plans to improve patient safety in their respective hospitals and further afield. http://www.facebook.com/WorldHealthOrganization?v=wall

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | 4 Comments »