Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘teatri’

All’asta ospedali, teatri e castelli

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 febbraio 2021

Nella rilevazione del secondo semestre del 2020 sono stati pignorati e messi all’asta 4 Castelli, 15 Ospedali e 8 Teatri, ma il record delle categorie speciali degli immobili pignorati però va alla carità; ci sono ben 17 Conventi messi all’asta. È quanto emerge dal rapporto semestrale sulle aste immobiliari del Centro Studi Sogeea, presentato in Senato.“Al fatto che una famiglia in difficoltà possa essere impossibilitata a pagare il mutuo e possa vedere venduta all’asta la propria casa, ormai ci siamo quasi abituati – spiega il Prof. Sandro Simoncini, presidente di Sogeea e direttore del Centro studi – come siamo abituati a vedere imprenditori che, credendo nella propria azienda, garantiscano gli investimenti con la propria casa; difficilmente pensiamo che nella situazione di difficoltà possa trovarsi un ente benefico, socialmente utile o una famiglia nobile. I dati riguardanti le categorie evidenziano come il drastico quadro nazionale sia indirizzato verso quelle difficili condizioni da cui, in questo momento, nessuno può fuggire” – conclude Simoncini.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Schiusi: I teatri sono vivi

Posted by fidest press agency su venerdì, 12 febbraio 2021

Chioggia 12 febbraio Nuova tappa di “Schiusi”, il progetto regionale di Arteven che questa volta ha come protagonista la danza: dal 12 febbraio ore 18 visibile in streaming il video Graces_site specific di e con Silvia Gribaudi realizzato a Chioggia. In una giornata di nebbia, in cui l’incessante sciacquio della laguna è interrotto soltanto dal verso dei gabbiani, il progetto del Circuito Teatrale Regionale Arteven “SCHIUSI I teatri sono vivi” sbarca a Chioggia, dove Silvia Gribaudi ha ideato la versione site specific del suo celebre Graces. Con Andrea Rampazzo, Giacomo Citton e Matteo Marchesi, la danzatrice e coreografa ci guida nell’affascinate atmosfera invernale della cittadina lagunare. Protagonisti assoluti i corpi che, nella loro naturalezza, con gesti e movimenti creano un raffinato gioco artistico. Con giocosità ed ironia i danzatori abitano la spiaggia, il centro storico e gli angoli nascosti di Chioggia, passando per il Museo Civico, il Ponte di Vigo e Palazzo Grassi. Un’esplorazione a passo di danza che si conclude all’Auditorium San Nicolò che da anni, prima dell’emergenza sanitaria, propone al pubblico cittadino un programma di grandi appuntamenti di danza. L’appuntamento settimanale in streaming è fissato il venerdì alle ore 18, quando un nuovo video di SCHIUSI i teatri sono vivi verrà pubblicato sui canali Youtube e Vimeo di Arteven nonché su myarteven.it. Dopo Giuliana De Sio a Portogruaro, Alessio Boni a San Donà di Piave, Silvia Gribaudi a Chioggia – preceduti temporalmente dalle anteprime di Alessandro Haber e RBR Dance Company al Toniolo di Mestre – nelle prossime settimane il pubblico incontrerà la compagnia Naturalis Labor al Teatro Tullio Serafin di Cavarzere, Laura Morante al Teatro Comunale di Thiene, Maria Amelia Monti al Teatro Sociale di Cittadella e al Teatro Comunale Ballarin di Lendinara, Chiara Frigo al Teatro Filarmonico di Piove di Sacco e Paolo Calabresi al Teatro Sociale di Rovigo.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Teatri: Appello di ANFOLS al Governo nazionale

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 ottobre 2020

La decisione del Governo di non prevedere ulteriori misure restrittive rispetto alle capienze dei teatri, confermando la possibilità per le Regioni di concedere deroghe rispetto al limite dei 200 posti al chiuso, è stata accolta con soddisfazione dall’Associazione Nazionale Fondazioni lirico-sinfoniche convocata ieri pomeriggio in urgenza per discutere la situazione generale del comparto.“Tutte le Fondazioni lirico-sinfoniche italiane sono impegnate dalla fine del lockdown in una ripartenza nel segno della responsabilità nei confronti del pubblico, dei dipendenti e degli artisti scritturati” – afferma Francesco Giambrone, presidente dell’ANFOLS. “I teatri d’opera sono aperti – prosegue – “vogliono continuare a restare aperti e sono luoghi sicuri in cui, grazie alla rigorosa applicazione di tutti i protocolli, si stanno garantendo in tutta Italia le misure di sicurezza previste per prevenire il contagio anche nelle situazioni in cui si sono registrati dei casi. In questi mesi post lockdown sia il pubblico sia i lavoratori hanno mostrato alto senso di responsabilità nel rispettare tutte le norme e le attività si sono svolte in totale sicurezza. Resta tuttavia un problema gravissimo di sostenibilità delle nostre attività. Tutte le Fondazioni si stanno confrontando con una riduzione delle capienze assai significativa che supera il 50 per cento dei posti e questo comporta un drammatico crollo dei ricavi da botteghino, parte fondamentale degli equilibri di bilancio”. Anche nel caso in cui le deroghe regionali dovessero aumentare la capienza dei teatri da 200 a 500 o più posti, l’introito da biglietteria resterebbe così ridotto da non permettere ad essi la sostenibilità e soprattutto una programmazione certa. Da una prima valutazione di Anfols, relativa alle 12 Fondazioni liriche aderenti, i mancati ricavi, considerando solo il botteghino, ammonteranno nel 2021 a oltre 60 milioni di euro. A questo si aggiunge il fatto che anche nel 2020 la situazione è difficile in considerazione delle minori risorse complessive che il comparto ha ricevuto dallo Stato.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Ministro Franceschini ignora i Teatri con meno di 300 posti e i giovani

Posted by fidest press agency su lunedì, 3 agosto 2020

UTR. Il decreto del Ministro Franceschini datato 10 luglio e riferito all’esercizio teatrale, escludendo i Teatri con meno di 300 posti, ha inventato due nuovi insiemi per la categoria: quello delle sale teatrali sotto i 300 posti e quello sopra.La distinzione non ha basi scientifiche né pragmatiche e aumenta la discriminazione tra gli stessi Teatri, già provati dal lungo periodo di chiusura.Soprattutto quelli privati sono in condizioni che possiamo definire drammatiche.
L’UTR – Unione Teatri di Roma – che riunisce 47 teatri, ovvero la maggioranza dei Teatri privati della Capitale, ritiene scandalosa questa esclusione che evidentemente nasce dal budget, di soli 10 milioni, stanziato per i Teatri privati in tutta Italia. Da qui, la decisione di escludere tutti gli appartenenti all’insieme sfortunato dei teatri sotto i 300 posti.Pertanto chiediamo di prendere atto di questa ingiustizia e modificare il decreto inserendo al beneficio proporzionale tutti i Teatri.Richiediamo altresì di aumentare il budget attualmente previsto di almeno 5 milioni onde evitare la parcellizzazione eccessiva del contributo.
Non si pensi che il precedente contributo a pioggia di 10 mila euro, che peraltro non tutti hanno avuto, possa essere considerato sufficiente per i Teatri sotto i 300 posti. Superfluo sottolineare il ruolo artistico fondamentale sostenuto dalle realtà inferiori ai 300 posti, perché sarebbe un’offesa all’intelligenza e una negazione della storia del Teatro.Dunque è doveroso rimediare a questa iniquità.
Nel decreto si parla, inoltre, di almeno 1000 giornate lavorative per ciascuna sala con capienza compresa tra 300 e 600 posti e di almeno 1.300 giornate lavorative per ciascuna sala con capienza superiore ai 600 posti. Questi parametri escludono anche diversi Teatri di grande capienza. Per i Teatri privati raggiungere la soglia imposta è difficile in quanto molte attività vengono svolte in “outsourcing” e le figure professionali a cui i Teatri si affidano, come commercialisti, uffici stampa, mascherine, consulenti del lavoro, tecnici, ecc.., sono liberi professionisti, pertanto il loro compenso non rientra nelle giornate contributive come richieste dal decreto, sebbene siano rispettati tutti i termini contributivi di legge. In aggiunta ogni struttura genera un enorme indotto, facilmente misurabile, che non è quantificabile nella modalità indicata.Appare evidente che gli unici elementi che possono davvero stabilire l’effettiva valenza di uno spazio sono il fatturato e il numero di spettacoli, elementi oggettivi e indiscutibili.Apprezziamo lo spirito del provvedimento che però deve essere migliorato nel rispetto di tutte le sale teatrali e del Teatro italiano che in quelle sale vive. Ministro Franceschini La invitiamo a tenere alto l’impegno fino ad oggi profuso, che tuttavia necessita di una maggiore consapevolezza del mondo teatrale, e riconsiderare il decreto secondo criteri più equi.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Eliseo, Mollicone (FdI): “Subito tavolo di crisi teatri”

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 febbraio 2020

“A giorni partiranno le lettere di licenziamento dei lavoratori dell’Eliseo, che rischia la chiusura. Riteniamo necessaria e urgente l’istituzione di un tavolo sui teatri in crisi presso il Mibac, al fine di salvare questi presidi di cultura e identità, a partire dall’Eliseo, senza sperequazioni.Il mancato aumento rischia di minare la stabilità produttiva di molti dei Teatri di interesse culturale e dei Teatri nazionali, tra cui il Teatro Eliseo – su cui fu posto un vincolo proprio da Franceschini per la garanzia delle finalità artistiche della struttura per il bene della comunità culturale nazionale e romana – con possibili rischi per la situazione dei lavoratori, a cui va la nostra solidarietà. Chiediamo che Franceschini rispetti l’indicazione del parlamento nelle osservazioni al Milleproroghe per garantire più fondi per i teatri italiani, volute proprio da Fratelli d’Italia. “Così il capogruppo FDI in commissione Cultura e responsabile Cultura del partito, deputato Federico Mollicone.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Appello a Franceschini per aumento fondi ai Teatri

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 dicembre 2019

“Lanciamo un appello al ministro Franceschini affinché nella lettura alla Camera della legge di bilancio venga introdotto un aumento dei fondi destinati ai Teatri di rilevante interesse culturale (TRIC) di almeno 20 milioni di euro, su cui FDI già ha presentato emendamenti al passaggio al Senato, garantendo equità e trasparenza nell’attribuzione. Il mancato aumento rischia di minare la stabilità produttiva di molti dei TRIC, tra cui il Teatro Eliseo – su cui fu posto un vincolo proprio da Franceschini per la garanzia delle finalità artistiche della struttura per il bene della comunità culturale nazionale e romana – con possibili rischi per la situazione dei lavoratori, a cui va la nostra solidarietà. Presenteremo emendamenti e ordini del giorno affinché i TRIC, presidi di arte e cultura, ricevano i giusti finanziamenti. Il sistema dei teatri pubblici e privati in Italia è nettamente sottofinanziato rispetto la media europea: l’Italia, per fare un esempio, non supera lo 0,2% del PIL mentre la Francia supera l’1% per cento.” È quanto dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia in commissione Cultura e responsabile Cultura del partito, deputato Federico Mollicone.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Festival dei Teatri d’ Arte Mediterranei

Posted by fidest press agency su domenica, 11 agosto 2019

Formia – Minturno Dal 19 al 25 agosto torna il Festival dei Teatri d’ Arte Mediterranei. Le voci, le storie, i racconti, la musica, la drammatica attualità, i suoni popolari del Mediterraneo rivivono per una settimana in riva al mare, nel bacino del golfo di Gaeta (Lt).
Per la XV edizione, sette i giorni del festival con un ricco programma che coinvolgerà due città, Formia e Minturno. Una settimana di letture all’alba, in barca a vela, in luoghi speciali, concerti, spettacoli, mostre, lezioni di storia, incontri di approfondimento, letteratura tra musiche, danze, storia e fenomeni culturali, tra attualità, denuncia, tradizione popolare e il fascino dei luoghi. Un denso programma che toccherà diversi luoghi delle due città per provare a raccontare questo affascinante e tragico mare, palcoscenico di tradizioni, suoni e sapori ma anche drammi e scontri sotto gli occhi di tutti.
Grazie al progetto dei Fari culturali del Mediterraneo che ha già fatto tappa a Tunisi, Patrasso e Cosenza arrivano nella tappa pontina ospiti internazionali da Grecia, Spagna e Tunisia: Samih Mahjoubi Group che porteranno a Formia le melodie del Maghreb (22 agosto ore 21:00 Corte Comunale di Formia), Sonia Carmona, mimo e clown spagnolo e Christos Kalpouzanis, artista greco che porta avanti il tradizionale teatro delle ombre, per una serata eccezionale dedicata al teatro di figura e al teatro ragazzi (23 agosto Arena Mallozzi, Scauri).
Sono parte del programma letture speciali in luoghi speciali. Beni confiscati alla criminalità come l’ex albergo Marina di Castellone e l’ex Seven Up che saranno palcoscenico di reading a tema e di un flash mob per riaccendere i riflettori sul riutilizzo dell’hotel sequestrato alla famiglia Chianese ormai allo stato di abbandono. Senza dimenticare l’ex clinica Cusumano dove soggiornò Gramsci e l’ex lavatoio di Maranola dove ancora l’acqua continua a scorrere. Sarà proprio il lavatoio ad accogliere la scrittrice e giornalista Elena Stancanelli. Ogni mattina alle 7:00 le letture all’alba dedicate ad Andrea Camilleri a strapiombo sul mare vicino ai ruderi di un’antica cisterna romana.
, afferma il direttore artistico Maurizio Stammati.www.teatrobertoltbrecht.it

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Festival dei Teatri d’Arte Mediterranei

Posted by fidest press agency su sabato, 5 agosto 2017

samihporticcioloFormia (Lt) dal 18 al 20 Agosto Il festival è dedicato ad Ilaria Alpi, la giornalista assassinata nel 1994.Un evento ricorrente promosso dal Teatro Bertolt Brecht all’interno del progetto delle Officine Culturali della Regione Lazio, del riconoscimento del Ministero per i beni e le attività culturali con il patrocinio del Comune di Formia e del Parco Riviera di Ulisse. Tre giorni di visite guidate, concerti, spettacoli, incontri ad ingresso gratuito con presenze nazionali ed internazionali tra Marocco, Spagna e Tunisia sulla scia del progetto de “I Fari Culturali del Mediterraneo” che il collettivo formiano sta portando avanti. Artisti, docenti, istituzioni dei Paesi del Mediterraneo chiamati a raccontare le donne tra musiche, danze, storia e fenomeni culturali.Atmosfere e suggestioni mediterranee hanno fortemente influenzato le scelte artistiche anche di questa edizione che si svolgerà prevalentemente al contatto con il mare, i profumi, i paesaggi e gli scorci del Mediterraneo nel meraviglioso scenario dell’Area protetta di Gianola tra i secolari resti archeologici romani e l’incanto del paesaggio.
OsservazioneAstronomicaAlla ore 7:00 del 18 ed del 20 Agosto nello scenario a strapiombo sul mare dei ruderi della Villa di Mamurra, nella cisterna maggiore ed il 19 Agosto alla Tomba di Cicerone tornano le letture reinterpretate e drammatizzate dei classici greci e latini, quest’anno dedicate agli epici personaggi femminili. A seguire ogni giorno le visite guidate nell’area protetta a cura del Presidente del Parco Riviera di Ulisse Davide Marchese (su prenotazione). Suggestiva novità della XIII Edizione saranno le letture in barca a vela con partenza alle ore 9:00 e alle ore 11:00 dal porticciolo Caposele (su prenotazione). Si continuerà alle 18:00 con i reading nei luoghi simbolo della città (ex lavatoio di Maranola, ex clinica Cusumano e ex Seven Up), alle ore 19:30 con gli incontri di approfondimento sul rapporto tra donne, poesia, letteratura, lavoro e religione nel Mediterraneo e alle ore 21:30 sulla spiaggia del porticciolo romano con spettacoli e concerti tra musiche e danza tunisine, il Fado portoghese e i ritmi delle terre del sud. Tre giorni per lasciarsi trasportare dall ’incanto che solo i poeti, gli artisti e i sapori del Mediterraneo sanno donare in una terra dall’incredibile fascino e piena di contraddizioni, tra storia e precarietà, eppure “di tutte le cose sicure la più certa è il dubbio” (B.Brecht).www.teatrobertoltbrecht.it (foto: samih, porticciolo, osservazione astronomica)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Festival dei Teatri d’arte mediterranei”

Posted by fidest press agency su martedì, 9 agosto 2016

lettureFormia (LT) dal 19 al 21 Agosto. Un evento promosso dal Teatro Bertolt Brecht all’interno del progetto delle Officine culturali della Regione Lazio, del riconoscimento del Ministero per i beni e le attività culturali in collaborazione con il Comune di Formia ed il patrocinio dell’Ente Parco Riviera di Ulisse.Tre giorni di eventi, visite guidate, laboratori, concerti, spettacoli, incontri ad ingresso gratuito con presenze nazionali ed internazionali.Una XII Edizione, dedicata quest’anno a Giulio Regeni e Mario Piccolino, ancor più all’insegna dell’ inter cultura e dello scambio sulla scia del progetto de “I Fari Culturali del Mediterraneo” che ha già portato il Teatro Bertolt Brecht in Tunisia ed in Spagna. Atmosfere e suggestioni mediterranee hanno fortemente influenzato le scelte artistiche di questa edizione che si svolgerà prevalentemente al contatto con il mare, i profumi, i paesaggi e gli scorci del Mediterraneo nel meraviglioso scenario del Parco di Gianola tra i secolari resti archeologici romani e l’incanto del paesaggio. Una sintesi perfetta della cultura e dell’identità mediterranea.Si inizia alla ore 7:00 nello scenario a strapiombo sul mare milon meladei ruderi della Villa di Mamurra con le letture reinterpretate e drammatizzate dei classici, a seguire visite guidate nel parco. Numerosi gli ospiti internazionali chiamati a raccontare il Mediterraneo tra migrazioni, letteratura e dialogo inter religioso: Dhaker Akremi, Commissaire régional à la culture de Ben Arous; Mourad Amara, Commissaire Régionale à la culture du gouvernorat de Bizérte in Tunisia; Andrés Pociña e Aurora Lopéz, ordinari dell’Università di Granada.Non mancheranno i consueti reading nei luoghi simbolo della città, laboratori per giovani attori, stands delle associazioni, degustazioni e osservazioni astronomiche. Nelle tre serate un tuffo nel Mediterraneo sulla spiaggia del porticciolo romano con spettacoli teatrali e melodie d’oltre mare con l’artista tunisino Samih Mahjoub, la fisarmonica e il tzouras delle musiciste greche Maria Arabagì e Alexia Tanouri. “Quest’anno abbiamo fortemente voluto dedicare il festival a Giulio Regeni e Mario Piccolino. Un Mediterraneo di pace non può prescindere dalla verità e dalla giustizia, senza se e senza ma. Due vicende certamente diverse ma con in comune la folle scelta della violenza e della sopraffazione ingiustificata, legate da una scarsa volontà di ricerca della verità”, afferma il direttore artistico Maurizio Stammati. (foto: letture, milon mela)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »