Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Posts Tagged ‘telecom’

Demonstration of China’s First Fuel Cell System in a 5G Telecom Application

Posted by fidest press agency su giovedì, 31 ottobre 2019

Element 1 Corp (“e1”), a leading developer of hydrogen generation technology, today announced that CO-WIN Hydrogen Power Company Limited (COWIN) has incorporated e1’s methanol-based hydrogen generation technology into a fuel cell system providing backup power to a 5G China Mobile 10kW telecom demonstration system in China. It is believed that this is the first fuel cell system incorporated into a 5G telecom application in China and possibly anywhere in the world. China Mobile, an active partner in the demonstration project, is the world’s largest mobile network operator with over 900 million subscribers. The demonstration system incorporates China Mobile 5G equipment and is located at the Tianhe Science Park in Guangzhou, China. This project is intended to support future commercial-scale utilization of hydrogen-based fuel cell power in 5G telecom systems throughout China and beyond.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

47th Annual Cowen Technology, Media & Telecom Conference

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 Mag 2019

Alpha and Omega Semiconductor Limited (“AOS”) (Nasdaq: AOSL), a designer, developer and global supplier of a broad range of power semiconductors and power ICs, today announced that the Company will participate at the 47th Annual Cowen Technology, Media & Telecom Conference to be held at the Lotte Palace Hotel in New York, NY. Mr. Yifan Liang, chief financial officer, is scheduled to present at 2:10 p.m. Eastern Time on Thursday, May 30, 2019 and will be available to meet with investors throughout the day. Portfolio managers and analysts can request a meeting with management by contacting their Cowen representative. A live and archived webcast of the presentation may be accessed at the Company’s website: http://investor.aosmd.com.
Alpha and Omega Semiconductor Limited, or AOS, is a designer, developer and global supplier of a broad range of power semiconductors, including a wide portfolio of Power MOSFET, IGBT, IPM and Power IC products. AOS has developed extensive intellectual property and technical knowledge that encompasses the latest advancements in the power semiconductor industry, which enables us to introduce innovative products to address the increasingly complex power requirements of advanced electronics. AOS differentiates itself by integrating its Discrete and IC semiconductor process technology, product design, and advanced packaging know-how to develop high performance power management solutions. AOS’s portfolio of products targets high-volume applications, including portable computers, flat panel TVs, LED lighting, smart phones, battery packs, consumer and industrial motor controls and power supplies for TVs, computers, servers and telecommunications equipment. By http://www.aosmd.com.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Elliott Statement on Telecom Italia

Posted by fidest press agency su sabato, 16 marzo 2019

Elliott Advisors (UK) Limited, which advises funds (together “Elliott”) that have a substantial holding in the shares of Telecom Italia (“the Company”, or “TIM”), welcomes today’s recommendation by ISS to vote against Vivendi’s proposals at TIM’s upcoming Annual General Meeting on March 29. ISS rightly concludes that Vivendi has failed to make a compelling case that change to the Company’s Board of Directors is warranted, nor presented any substantive argument related to performance. Elliott notes ISS’s observation that for a campaign focused on governance-based arguments, the corporate governance track record of Vivendi’s controlling shareholder, Bolloré, is far from ideal, with governance and disclosure practices far below French market standards and a history of related-party transactions and conflicts of interest. ISS concludes that “Vivendi’s arguments are mostly based on governance, though Vivendi’s own past actions undermine its moral authority in this case and may actually justify the steps taken by the Elliott-[nominated] directors.”Elliott reiterates its view that Vivendi’s nominees are unsupportable, lack true independence and would simply return control to a group with demonstrable and unacceptable conflicts of interest. Elliott calls upon Vivendi to end the fighting and to give TIM and its independent Board the stability and space required to implement its strategy, and to deliver sustainable shareholder value.In order to share its perspectives with its fellow shareholders, Elliott has today launched a new website, http://www.Time-For-TIM.com, where both the presentation and related materials are available to view and download. Interested parties are encouraged to visit the website to receive additional information and to sign up for future updates.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Anonymous Employee Survey Delivers Extremely High Marks for DHI Telecom

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 marzo 2019

When businesses take the pulse of their company with a survey, the cloak of anonymity provides employees with the chance to share what they strongly believe without fear of reprisals. Yet, anonymous employee satisfaction surveys can be a throw of the dice. In DHI Telecom’s case, the gamble paid off; their first employee survey delivered high scores. In fact, 90 percent named DHI as a great workplace, earning the company a spot on the Great Place to Work list for 2019. A near-perfect 97% of respondents said they have the resources and equipment to do their job; 93% believe management is competent at running the business, and 93% say people quickly adapt to changes needed for the company’s success.“We are proud of the ‘can-do’ team spirit of our people and the values we share that shape our culture. The Great Place to Work certification makes it official,” said Wallace Davis, CEO of DHI Telecom. “To keep pace with our expanding markets, DHI has assembled the best and the brightest IT and business professionals, nearly doubling the workforce in the past 18 months. With this intensity, I’m amazed to see the enthusiasm our team has meeting the challenges.”DHI Telecom, the world’s largest internet and Wi-Fi provider in military deployment zones, has been serving U.S. Armed Forces, and contractors since 2007. DHI has expanded its market the past year attracting global travelers for cloud-based mobile Wi-Fi devices under the brand names of Sapphire and Tep Wireless.Great Place to Work® is the leading consultancy on high-trust, high-performance workplace cultures. Through assessments, advisory services, and certification programs, including Best Workplaces lists, Great Place to Work provides the benchmarks, framework, and expertise needed to create, sustain, and recognize outstanding workplace cultures. In the U.S., Great Place to Work produces the annual FORTUNE Magazine “100 Best Companies to Work For” edition and a series of Best Workplaces for Millennials, Women, Diversity, Small and Medium Companies.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Worldwide spending on Telecom Services and Pay TV Services will increase by 0.6% in 2018

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 novembre 2018

A notable decrease in the growth rate compared to the rate recorded in 2017 (1.2%) is mostly the consequence of new accounting rules introduced since the start of this year: mobile operators are now obliged to completely exclude their handset sales revenues from service revenues, which has had a negative impact on service revenues although the overall effect is neutral as handset sales would have gone up. “This is, of course, just a momentary effect,” said Kresimir Alic, senior program manager, IDC Worldwide Telecom Services Database. “We believe that the growth rate will recover as soon as next year.” Over of the 2017-2022 forecast period, the market is expected to remain in a positive mood, growing at a compound annual growth rate (CAGR) of 0.8%. Despite this negative effect, mobile will remain the largest market segment and its share is expected to reach 52% of the total market in 2018. The mobile market is set to grow at five-year CAGR of 1.2%, driven by increased mobile data usage and expanding M2M applications, which is offsetting declines in spending on mobile voice and messaging services. The fixed data services segment is another positive contributor: it is expected to represent 22% of total spending in 2018 and is set to grow at a 4% CAGR through 2022, largely driven by the need for higher bandwidth services. Spending on fixed voice services will decline at a -5% CAGR over the forecast period and will represent less than 9% of the total market by 2022.
From a geographic perspective, IDC expects the Americas to remain the largest services market with revenues of $624 billion in 2018. Asia/Pacific will follow in second place and EMEA in third with revenues of $541 billion and $483 billion respectively. However, the latter two regions will grow much faster than the Americas, mainly driven by the emerging country markets of South Asia and Africa.A graphic illustrating IDC’s forecast for worldwide telcoms services revenue by region over the 2017-2022 forecast period is available by viewing this press release on IDC.com.While there is still growth in some emerging markets the overall market for telecom services worldwide is now relatively mature as the latest forecasts show. “Developed and mature markets will only show marginal gains now, driven by technology migration and bandwidth needs,” said Eric Owen, group vice president, EMEA Telecommunications & Networking. “Most operators are now looking to invest in 5G and are struggling with the return on investment given the mature nature of the markets. Success will demand innovative and agile thinking from the operators coupled with some help from regulators in highly competitive markets such as Europe.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Samsung Selected To Supply 5G NR Solution by SK Telecom

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 settembre 2018

Samsung Electronics Co., Ltd. announced today that it has been selected by SK Telecom to supply the company with 5G solutions, including core and RAN, compliant to 5G New Radio (NR) standard based on 3GPP Release 15. Samsung and SK Telecom will begin 5G commercial deployments in October 2018 using Non-Standalone (NSA) architecture. NSA uses legacy 4G LTE network for mobility control, and transmits gigabit speed data traffic through both 4G and 5G networks. “Samsung has been at the forefront of commercializing each iteration of mobile network technology, from 2G through to 5G with our advanced technology leadership,” said Youngky Kim, President and Head of the Networks Business at Samsung Electronics. “We are excited to partner with SK Telecom and to be part of its innovative journey to accelerate the real-world 5G commercial service.” “SK Telecom and Samsung have been working closely to provide the highest quality user experience for consumers,” said JongRyeol Kang, EVP, ICT Infra Center, at SK Telecom. “Today, 5G is already a reality for SK Telecom as we move forward to create the best mobile 5G network and offer brand new experiences to our customers.”Since 2014, Samsung and SK Telecom have been jointly exploring and studying the potential of 5G to create ideal commercial scenarios using both 3.5GHz and 28GHz. In June 2017, the companies achieved a world-first by successfully interworking 4G LTE and 5G NR utilizing 3.5GHz and 28GHz spectrum. Samsung continued its progress in 5G technology in July of this year by unveiling its 5G NR radio equipment supporting 3.5GHz spectrum, to be used for Korean operators’ commercial deployment from 2018.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Bond Portugal Telecom – Oi Brasil: disponibile il ‘Form of Acceptance Notice’

Posted by fidest press agency su domenica, 12 agosto 2018

Il “Form of Acceptance Notice” si deve presentare entro il 31 agosto. Venerdì 27 luglio è avvenuto il concambio dei titoli nell’ambito del “Recuperacao Judicial” del Gruppo Oi Brasil – Portugal Telecom.I creditori che hanno individualizzato il proprio credito entro l’8 marzo scorso, e soltanto loro, trovano il documento denominato “Form of Acceptance Notice” all’interno della propria area personale nel sito internet https://www.dfkingltdevents.com, precisamente nella sezione “My Entitlements”.
Il “Form of Acceptance Notice” è il documento che attesta il credito ammesso al passivo del concordato e il valore del nuovo credito che per i “Non Qualified”, vale a dire la maggioranza degli obbligazionisti, consiste in Loans denominati in Dollari USA ed emessi per il 50% del credito ammesso al passivo.
Alcuni istituti richiedono il documento in originale, ma trattandosi di un file da scaricare nel sito internet non esiste un originale, così come non esiste ulteriore documentazione da compilare, altra cosa che viene a volte richiesta.Ricordiamo anche l’ulteriore passo da compiere da parte degli aderenti alla “Non Qualified recovery” di cui ci occuperemo a breve, ossia accedere al sito internet dell’agent del titolo posseduto per compilare la “Individual onboarding form” oppure la “Corporate onboarding form”, a seconda se persone fisiche oppure giuridiche. (Anna D’Antuono, consulente legale Aduc)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Antitrust: sanzione da 4.8 milioni a Telecom Italia

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 marzo 2018

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha sanzionato per pratica commerciale scorretta Telecom Italia S.p.A per un ammontare complessivo di 4,8 milioni di euro.”Ottima notizia! Finalmente si condanna questa pratica odiosa, sulla quale è dovuto intervenire anche il legislatore con il recente Dl Fisco, prevedendo che è sempre pratica commerciale scorretta ogni comunicazione al pubblico che non assicuri il collegamento in fibra fino all’unità immobiliare del cliente” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.
“Una vera e propria presa in giro del consumatore che veniva ingannato sulle reali possibilità di poter aver la fibra a casa sua” conclude Dona.L’associazione di consumatori ricorda che nel Dl Fisco (decreto legge n. 148/2017, convertito dalla L. 4 dicembre 2017, n. 172), si è previsto che costituisce pratica commerciale scorretta ogni comunicazione al pubblico dell’offerta di servizi di comunicazione elettronica che non rispetti le caratteristiche tecniche definite dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, tra le quali il collegamento in fibra fino all’unita’ immobiliare del cliente.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Australia Telecom Market Analysis

Posted by fidest press agency su mercoledì, 7 febbraio 2018

melbourneMelbourne. The “2018 Australia Telecom Market Analysis and Outlook Report” report has been added to ResearchAndMarkets.com’s offering. The research work strategically analyzes Australia telecommunications market, examining the recent trends, drivers and challenges across diverse dimensions such as growth, demand, pricing, competition, consumer behaviour, infrastructure, policies and others.The study also provides in-depth analysis of segment wise telecommunications including mobile, fixed line and fixed broadband services. The number of subscribers and penetration rates are forecast for each of the sub-segment including mobile, fixed landline and broadband segments from 2005 to 2025.
Australia telecommunication revenues, investment and infrastructure details are also covered in the report. Further, emerging business environment in Australia together with comparison to five competitive benchmark countries are included, to assess the country’s prominence on regional front.
On the competitive analysis front, leading companies along with their market shares are identified. Further, key business strategies of market leaders, their tariffs and SWOT profiles are included. In addition, the research work forecasts the demographic and economic drivers of Australia that enable strategy planners to formulate their pricing and branding strategies.The report also includes latest telecommunication market developments, mergers, acquisitions and launches, spectrum availability, tenders and other aspects are analyzed.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Concentrazioni: la Commissione approva l’acquisizione condizionata di Telecom Italia da parte di Vivendi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 31 Mag 2017

bruxelles-1Bruxelles. La Commissione europea ha approvato l’acquisizione del controllo de facto di Telecom Italia da parte di Vivendi. La decisione è subordinata alla cessione delle quote detenute da Telecom Italia in Persidera.
Telecom Italia è un’impresa italiana, fornitrice di servizi voce e dati attraverso tecnologie mobili e fisse, servizi di contenuti digitali e servizi IT alle aziende. Attraverso la sua controllata Persidera (una joint venture con il Gruppo Editoriale L’Espresso) è attiva anche sul mercato dell’accesso all’ingrosso alle reti digitali terrestri per la trasmissione di canali televisivi.
Vivendi è un’impresa francese che controlla un gruppo di imprese attive nei settori della musica, della televisione, del cinema, della condivisione di video e dei giochi. La sua associata Havas è attiva nel settore pubblicitario in Italia. Vivendi detiene significative quote di minoranza in Mediaset, anch’essa attiva sul mercato dell’accesso all’ingrosso alle reti digitali terrestri per la trasmissione di canali televisivi.
La Commissione ha rilevato che, successivamente alla transazione, Vivendi avrebbe avuto un incentivo ad aumentare i prezzi applicati ai canali televisivi sul mercato dell’accesso all’ingrosso delle reti televisive del digitale terrestre, in cui Persidera e Mediaset detengono ciascuna una quota significativa. I benefici di una tale strategia sarebbero stati ottenuti direttamente attraverso Persidera o indirettamente attraverso la partecipazione azionaria di minoranza in Mediaset, poiché gli altri attori attivi sul mercato non rappresentano un’alternativa sostenibile per i canali televisivi. Di conseguenza i canali televisivi avrebbero dovuto sostenere costi maggiori per raggiungere il loro pubblico in Italia.La Commissione ha altresì esaminato l’eventualità che la relazione fra le attività di Vivendi in Italia (pubblicità, musica, televisione e giochi mobili) e le attività di Telecom Italia nel settore delle telecomunicazioni fisse e mobili possa sollevare problemi di concorrenza. A tal proposito la Commissione ha concluso che Vivendi non avrebbe la capacità o l’incentivo per escludere altri concorrenti dai mercati di rilievo.Al fine di risolvere le questioni di concorrenza identificate dalla Commissione, Vivendi si è impegnata a cedere le quote detenute da Telecom Italia in Persidera. Alla luce dei rimedi proposti la Commissione ha concluso che la transazione proposta, nella sua veste modificata, non ridurrebbe la concorrenza nel SEE o in una sua parte sostanziale, Italia compresa.La decisione della Commissione è subordinata al pieno rispetto degli impegni.La Commissione ha la giurisdizione esclusiva per valutare l’impatto della transazione proposta sulla concorrenza sui diversi mercati interessati nel SEE. Il regolamento dell’UE sulle concentrazioni riconosce tuttavia che gli Stati membri possono adottare misure idonee, compreso il divieto delle transazioni proposte, al fine di tutelare altri interessi legittimi, quali la pluralità dei mezzi di comunicazione. Una valutazione di tale pluralità di norma esamina le questioni di più ampio respiro relativamente a una sufficiente diversità del numero, della gamma e della varietà degli individui aventi il controllo delle imprese di comunicazione. In una decisione del 18 aprile 2017, la competente autorità nazionale (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, “AGCOM”) osserva che la posizione di Vivendi sui mercati italiani dei media e dei contenuti non è conforme al decreto legislativo sulla pluralità della radiotelevisione. Considerato che l’indagine e i risultati della Commissione riguardano unicamente gli aspetti relativi alla concorrenza nella transazione in questione, l’odierna decisione di autorizzazione condizionata non pregiudica il processo di revisione della pluralità dei media a livello nazionale.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Azioni pilota contro Telecom e Wind

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 agosto 2016

In relazione alla recenti multe comminate dall’Antitrust a Telecom e Wind, rispettivamente di 410.000 e 455.000 euro, per aver adottato pratiche commerciali scorrette in occasione della riduzione da 30 a 28 giorni del periodo di rinnovo delle offerte di telefonia mobile, l’Unione Nazionale Consumatori ha deciso di chiedere il risarcimento per i consumatori coinvolti.
“Per quei clienti che, non accettando le modifiche unilaterali del contratto, avevano avuto un aggravio economico, o con l’addebito in unica soluzione delle rate residue o con il pagamento di un corrispettivo per il recupero degli sconti, presenteremo istanze presso le competenti sede territoriali del Corecom per chiedere la restituzione di quanto indebitamente percepito dalle due compagnie telefoniche, oltre ad un indennizzo per il disagio subito” afferma Dino Cimaglia, responsabile Area legale dell’Unione Nazionale Consumatori.
“Abbiamo molto apprezzato la sentenza dell’Antitrust, ma vogliamo anche che i consumatori siano finalmente risarciti per il danno subito. Per questo abbiamo deciso di intraprendere queste azioni pilota” prosegue Cimaglia.
“Questa sentenza dell’Antitrust, infine, dimostra che il ddl concorrenza, appena approvato in Commissione industria al Senato, richiede profonde modifiche in materia di telefonia e portabilità. Ecco perché chiediamo che in Aula sia rivisto totalmente il capitolo sulle comunicazioni” conclude Cimaglia.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Energy@home University Day”

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 aprile 2015

Turin, ItalyE’ il titolo del convegno organizzato dalla Associazione Energy@home Martedì 14 Aprile a Torino, presso l’auditorium di Telecom Italia (Via Olivetti n. 6) con inizio alle ore 10.00. In un contesto globale di crescente attenzione al tema dell’Efficienza Energetica, questo Convegno vuole aprire una finestra sui progetti di ricerca italiani che studiano le architetture, le tecnologie e i modelli di business per nuovi servizi che, sfruttando la comunicazione fra la Smart Home e la Smart Grid, sono in grado di adattare i consumi elettrici in armonia con le esigenze della rete e con il comfort e gli stili di vita di chi vive la casa «Sarà un momento di riflessione che non vuole solo mettere a confronto tecnologie e progetti diversi – spiega Fabio Bellifemine, Direttore della Associazione Energy@home – È indispensabile che industria e mondo della ricerca trovino punti di contatto e sinergie operative; soltanto così si potrà realizzare quell’innovazione continua che è la chiave del successo nel campo delle tecnologie smart».Per l’apertura dei lavori, Energy@home ha invitato Silvia Vianello, Consulente Strategico di Marketing e Marketing Professor presso la SDA Bocconi nonché co-autrice del libro GreenWebEconomics, che presenterà una panoramica internazionale sulle strategie di marketing e sulle iniziative di business nel contesto della Smart Home. Per introdurre le tematiche della comunicazione fra la Smart Home e la Smart Grid e dei servizi a valore aggiunto post-contatore, la Associazione ha inoltre invitato Luca Lo Schiavo, responsabile della Unità Regolazioni Caratteristiche e Innovative della Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico (AEEGSI), che presenterà il punto di vista della regolazione e lo stato delle attività di consultazione in corso. Il Convegno proseguirà poi con 3 sessioni tecniche dove saranno presentati 10 progetti universitari. «Abbiamo invitato le università italiane e gli Istituti di Ricerca a proporre i loro progetti – racconta Sergio Brambilla, Consigliere della Associazione Energy@home – abbiamo ricevuto 25 proposte e selezionato i 10 progetti più significativi che presenteranno la visione per il futuro e i risultati fin qui raggiunti». Nel Foyer dell’Auditorium sarà allestita un’area dimostrativa per dare l’opportunità di approfondire i risultati presentati e di stabilire contatti per future collaborazioni.La partecipazione al Convegno è gratuita previa registrazione inviando una e-mail a secretariat@energy-home.it Le registrazioni saranno accettate fino a raggiungimento dei posti. Energy@home è un’associazione senza fini di lucro fondata a luglio 2012 da 4 grandi imprese italiane e che oggi comprende 25 associati; essa è un caso emblematico di positiva collaborazione tra aziende – sia concorrenti su medesimi mercati, sia appartenenti a settori differenti – che studiano assieme le tecnologie e le modalità per creare nuove opportunità di mercato e per costituire un “ecosistema” in ambito residenziale che miri all’efficienza energetica. Utilizzando un protocollo di comunicazione non proprietario e standardizzato, la comunicazione tra i dispositivi in casa diviene lo strumento per fornire ai consumatori le funzionalità necessarie al monitoraggio e al controllo della propria smart home nonché dei propri consumi elettrici. Nel breve termine Energy@home si focalizza sullo sviluppo di un mercato di servizi a valore aggiunto post-contatore per il consumatore domestico e per la smart home. Nel medio termine, essa punta a stimolare la creazione di un nuovo mercato per i servizi di flessibilità della domanda grazie ai quali i consumatori potranno rendere disponibile al sistema elettrico, a fronte di una specifica remunerazione, una quota di flessibilità della potenza impegnata.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Telecom Italia agli spagnoli

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 settembre 2013

Dichiarazione dell’onorevole Renato Brunetta, presidente dei deputati del Pdl:“Sulla vendita di azioni Telco alla società spagnola Telefonica e sul conseguente nuovo assetto di controllo di una delle imprese chiave per lo sviluppo del nostro Paese, Telecom Italia, serve un quadro dettagliato per esprimere qualsiasi giudizio ma è evidente che è proprio la mancanza di dettagli e di chiarezza che alimenta le preoccupazioni.
Per questo chiedo al presidente del Consiglio, Enrico Letta, di venire in Aula alla Camera dei deputati a illustrare la valutazione e le considerazioni del governo su un’operazione che rientra nelle logiche di mercato, e come tale non è stata preannunciata, ma coinvolge da molto vicino tutti gli sforzi e gli investimenti che le imprese e le pubbliche amministrazioni stanno mettendo in campo per affrontare la sfida dell’economia digitale.In particolare eravamo rimasti fermi alle frammentarie e contraddittorie informazioni sullo scorporo della rete fissa, all’ipotesi d’ingresso della Cassa Depositi e Prestiti, alla trasformazione di Telecom Italia da azienda nazionale di telecomunicazioni ad attore protagonista della sfida mondiale dei servizi via internet, alla necessità di ingenti investimenti in infrastrutture per le reti di nuova generazione, alle preoccupazioni sull’indebitamento e sulle tariffe.Cosa cambierà con i due terzi del capitale Telco in mano agli spagnoli? Ci saranno ancora le risorse per gli investimenti e per lo sviluppo dei servizi? A che punto è il progetto di scorporo della rete fissa e quali sono le prospettive del settore in Italia? Sono solo alcune delle domande alle quali il presidente del Consiglio dovrà rispondere, e mi auguro lo faccia nel più breve tempo possibile e senza perdere di vista il fatto che in questi giorni il nostro Paese continua a cedere pezzi pregiati a imprese straniere e fatica a investire su stesso. Se continuiamo così ci resteranno solo le scorie di quello che era ed è ancora un grande sistema industriale”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Telecom e servizio universale

Posted by fidest press agency su giovedì, 13 gennaio 2011

Un centinaio di famiglie senza telefono fisso, non in cima agli Appennini, ma a Sesto Fiorentino, comune attaccato a Firenze. A poca distanza da una sede dell’Università fiorentina, il Polo scientifico e tecnologico, dal mese di settembre singoli utenti e interi condomini richiedono a Telecom Italia gli allacci, ma vengono rimbalzati con vari e contraddittorie scuse. L’insediamento è nuovo e a regime potrebbe ospitare circa due mila persone. Si tratta di sei unità abitative per un totale di circa 250 alloggi costruiti da 5 cooperative edilizie. Circa cento gli appartamenti già occupati, che al momento non possono fruire della linea telefonica (tanto meno di un collegamento veloce ad Internet). In conseguenza dell’inadempimento di Telecom Italia in alcuni complessi non è possibile attivare gli ascensori che necessitano di linea telefonica per il servizio assistenza. Un paio hanno rimediato attivando numeri di telefonia mobile (a costi ovviamente più alti).
Telecom Italia essendo il gestore a cui è affidato il servizio universale (fornitura di linea base) è tenuto ad attivare le utenze entro 10 giorni anche sul cucuzzolo di una montagna. In caso di problemi tecnici l’obbligo del gestore è di comunicare senza indugi una data certa per l’attivazione del servizio. E invece, come in altri casi (in tutta Italia), la società invia sms per fissare appuntamenti, salvo non rispettarli. In altri casi i tecnici arrivano ma scoprono che la società non ha predisposto le centraline a cui collegarsi. In alcune comunicazioni scritte, poi, vengono fissati tempi di attivazione, salvo poi essere prorogati. (fonte aduc)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Telecom Italia: Annuncio licenziamenti strumentali

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 luglio 2010

In apparenza, quella di Telecom Italia (ha annunciato 3.700 esuberi) è una delle tante crisi aziendali aperte, su cui il Governo interviene per tutelare posti di lavoro . Nei fatti, è facile intuire che dietro l’annuncio di Telecom Italia ci sia altro.  Sfruttare i lavoratori per acquisire vantaggi nell’estenuante trattativa tra Governo, Agcom e altri gestori sulla rete di nuova generazione (quella in fibra ottica), di fatto bloccata da Telecom Italia, che perderebbe potere di mercato se ai cavi in rame (di sua esclusiva proprietà) subentrasse la fibra. In ballo c’è questo. Purtroppo l’ignavia delle autorità pubbliche (oltre al Governo, l’Agcom), determinata anche alla difesa di interessi tutt’altro che ‘popolari’, facilita l’ostruzionismo di Telecom Italia. E a rimetterci è il futuro dell’Italia che, come tutte le statistiche confermano, è in ritardo nella diffusione della banda larga. Per mantenere il monopolio della rete, Telecom è disposta a tutto, anche a ‘giocare’ con i diritti elementari, degli utenti e dei lavoratori, ma per ‘tagliare la testa al toro’ basterebbe inserire nell’alveo del servizio universale la banda larga (avviene gia’ in Svizzere a Finlandia). A fronte di un simile obbligo, Telecom Italia avrebbe due scelte: investire in modo concreto ed immediato sulla nuova rete oppure mettere a disposizione di una nuova società la sua attuale rete (il famoso scorporo). (Domenico Murrone, responsabile Telecomunicazioni)

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Licenziamenti Telecom

Posted by fidest press agency su martedì, 13 luglio 2010

“Quando leggo dei licenziamenti alla Telecom resto sbalordita per come vengano decontestualizzati da tutto il trascorso dell’azienda. Come se fossero, solo, l’effetto della crisi, una sciagura piovuta dall’alto all’improvviso, ma non è così”. Questo il primo amaro commento della viceresponsabile per il Lavoro e l’Occupazione dell’Italia dei Diritti, Antonella Sassone, alla terribile prospettiva che la Telecom potrebbe licenziare circa 6822 persone entro il 2012 se non si troverà una soluzione in accordo con i sindacati, risoluzione auspicata comunque da Telecom e che avvierà l’apertura di un tavolo di trattativa. Duro l’affondo dell’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro circa le responsabilità dell’azienda sull’attuale condizione in cui versa: “Chi si informa sulla rete sa bene che alla base di questa situazione ci sono le nefandezze degli amministratori Telecom che si sono succeduti negli anni. Non si può non citare la battaglia di Beppe Grillo, ignorato dai più ma che costituisce drammaticamente l’unico tentativo di denuncia dell’ennesimo scempio nazionale poiché un intervento come il suo me lo sarei aspettato da lor signori politici che hanno avuto anche il coraggio di criticarlo. Telecom non è solo un’azienda che è andata in frantumi ma un laboratorio di interessi politici e finanziari pagati sulla testa degli azionisti e dei lavoratori. In principio – spiega la Sassone – Telecom era una società in ottima salute, dove ad un certo punto i suoi amministratori, leggi Tronchetti Provera, hanno deciso di allargare il loro campo d’azione alle intercettazioni illegali ai danni di due ministeri e migliaia di italiani. Si trattava di intercettazioni non autorizzate da nessun organo giudiziario perciò illegali ma lì nessuno gridò allo scandalo. E dopo che Telecom ha dovuto risarcire 7 milioni di euro, Tronchetti Provera è stato promosso – indovinate da chi? – a presidente di Mediobanca con Marina Berlusconi al Consiglio di Amministrazione. Dopo il Tronchetti nazionale adeguatamente premiato per aver distrutto un’azienda florida ecco Franco Bernabè che come primo atto della sua nuova gestione cede, o meglio regala, Telecom alla spagnola Telefonica, l’alternativa sarebbe stato il fallimento dell’azienda che negli ultimi otto anni ha accumulato debiti per 35 milioni di euro. Ora – conclude  indignata la Sassone – chiedere alle forze politiche che hanno avallato queste condotte, di cui molte all’attenzione dei giudici di Milano, di porre un freno ai licenziamenti con il giochetto della cassa integrazione e delle liste di mobilità è una cosa ridicola. Ma dove dovrebbero essere ricollocati i lavoratori messi in mobilità se sono previsti altri tagli in tutti i settori produttivi? Forse a Mediobanca o a Palazzo Grazioli se si tratta di avvenenti signorine?”.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Telco e le nuove reti

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 luglio 2010

Il viceministro alle Comunicazioni Romani annuncia per questa settimana la convocazione delle Telco “per la messa a punto della strategia condivisa per la realizzazione delle nuove reti”.”Questa settimana convocheremo il tavolo tecnico che dovrà sciogliere i nodi per la messa a punto di una strategia condivisa per la realizzazione delle reti di nuova generazione in Italia”, lo ha detto in un’intervista che sarà pubblicata sul prossimo numero del Corriere delle Comunicazioni il viceministro per le Comunicazioni Paolo Romani. Ai lavori del tavolo potranno partecipare anche gli operatori medi di telecomunicazione che avevano lamentato di non essere stati invitati al primo incontro che ha visto riuniti con Romani al ministero delle Comunicazioni i top leader del settore in Italia: Franco Bernabè di Telecom Italia, Stefano Parisi di Fastweb, Paolo Bertoluzzo di Vodafone, Corrado Sciolla di BT, Renato Soru di Tiscali. “Non c’è nessuna preclusione nei confronti di nessuno – spiega Romani – Le prossime due settimane, saranno quelle decisive. Sarò molto determinato perché i tecnici lavorino sollecitamente e i primi risultati siano visibili già nel nuovo incontro con i responsabili delle aziende che terremo entro metà luglio”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Telecom resti nelle mani dello Stato

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 febbraio 2010

Per l’ennesima volta – dichiara Paolo Landi, Segretario generale Adiconsum – tra voci e smentite, sembra che l’Italia venda i “gioielli di famiglia” e nel caso di Telecom, vende ciò che resta del patrimonio aziendale, dopo una prima privatizzazione che ha impoverito il patrimonio del primo gestore della telefonia mobile e fissa. Dopo una privatizzazione operata qualche anno fa – continua Pietro Giordano Segretario Nazionale Adiconsum – è ormai palpabile il forte rischio di consegnare in mani straniere un settore “sensibile” e delicatissimo, come quello delle telecomunicazioni. Sulla rete telefonica corre il futuro o l’arretramento di un Paese. Una rete, quella italiana, che da anni è stata abbandonata a se stessa, perché fortemente gravosa economicamente per i costi di manutenzione e ammodernamento. Il rischio è, ad avviso di Adiconsum, che tale rete cada in mani che non garantirebbero la necessaria sicurezza, privacy e sviluppo economico e democratico del Paese. Lo Stato, secondo Adiconsum, non può non essere proprietario di un “bene importantissimo ed inalienabile” come la rete telefonica. Lo Stato, altresì, sempre ad avviso di Adiconsum, non può consentire che i costi di manutenzione e ammodernamento ricadano sulla collettività. Per questo, Adiconsum chiede che la proprietà della rete telefonica resti saldamente in mano allo Stato e che i costi fissi e di sviluppo della stessa vengano ripartiti fra i vari operatori, in misura proporzionale alla quota di mercato posseduta da ciascuno di loro, sulla base del fatturato, unico dato certo e univoco del bilancio. Solo così – conclude Giordano – sarà possibile investire in tecnologia, in manutenzione ed ammodernamento, portando finalmente il collegamento internet agli 8.000.000 di italiani che ancora non vi possono accedere e sviluppare una strategia che punti alla diffusione delle fibre ottiche.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Telecom Italia in mani spagnole?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 gennaio 2010

La difesa dell’italianità di alcune aziende (Telecom, Alitalia, ecc..) e’ una boiata pazzesca. Lo confermano le indiscrezioni sul passaggio di Telecom Italia sotto il controllo esclusivo degli spagnoli di Telefonica. Un’ipotesi che al di la’ delle smentite e’ tra quelle al vaglio dei protagonisti  Una confusione prevedibile vista l’impostazione posticcia dell’azionariato attuale di Telecom Italia. Partorito proprio per garantire soci italiani a controllo del gestore, con l’ennesima cassaforte a garantire il comando a pochi e qualificati soci (Telco), e senza un credibile piano industriale condivisibile da Telefonica e soci italiani (Mediobanca, Generali e Intesa Sanpaolo e, fino a poco fa, la famiglia Benetton). La missione era impossibile, visto che il gestore spagnolo ha interessi concorrenti a quelli di Telecom Italia. Presto analogo destino toccherà ad Alitalia che inevitabilmente sara’ abbracciata da Air France. Ora si aprono due scenari.1 – Telecom Italia si fonde strategicamente con Telefonica e segue il suo destino (d’altronde Enel non ha comprato Endesa, il principale gestore elettrico spagnolo?) e la politica lascia fare il suo corso al mercato, badando esclusivamente a tutelare il servizio indispensabile agli utenti italiani e non più i soci e le loro (dis)avventure finanziarie. Se così fosse, occorrerà che le autorità competenti tutelino gli interessi degli azionisti di minoranza di Telecom Italia. 2 – Oppure scatterà di nuovo il riflesso incondizionato della politica italiana che si mobilitera’ per tutelare l’italianita’ di Telecom Italia. E da qui si potrebbero aprire nuovi scenari che, tra l’altro, non escludono una fusione tra il gestore telefonico e Mediaset, il coinvolgimento di Poste Italiane … e la valanga di polemiche conseguenti. Eppure la soluzione, a disposizione dei vari governi c’è. Telecom Italia da anni viene meno ai suoi impegni in fatto di garanzia del servizio universale (fornitura linea base), avendo trascurato la manutenzione e lo sviluppo della rete dell’ultimo miglio. Questo fatto legittima lo scorporo della rete da Telecom Italia, per affidarla ad altro soggetto giuridico con le risorse finanziarie adeguate e una strategia industriale coerente. Si eliminerebbe il problema dell’italianità che tanto accalora e darebbe maggiori garanzie agli utenti che sono interessati al tipo di prestazioni di una rete telefonica e non alla nazionalità dell’azionista.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pacchetto Telecom: nuove norme europee

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 novembre 2009

Il Parlamento europeo ha approvato una revisione globale delle norme UE in materia di telecomunicazioni, che mira a rafforzare i diritti degli utenti telefonici e di Internet e incoraggiare la concorrenza fra le compagnie telefoniche. Le nuove regole, da applicarsi entro i prossimi 18 mesi, garantiranno maggiori diritti ai consumatori, la salvaguardia della libertà di Internet, la protezione dei dati personali, una maggiore concorrenza e un più moderno utilizzo delle frequenze radio.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »